Assemblea pubblica sul Contratto di fiume: riqualificazione e rilancio della vallata del Potenza

26 Set 2018
792 volte

Incontro pubblico, domani 27 settembre alle 17:30, per presentare il Contratto di Fiume. L’assemblea, a cui la cittadinanza è invitata a partecipare, si svolgerà nella sala Aleandri del teatro Feronia.

“Il Contratto di fiume – spiega il presidente dell’Unione, Matteo Cicconi - intende dare vita alla rigenerazione ambientale del bacino idrografico che fa riferimento a un territorio di oltre 400 chilometri quadrati. L’alta valle del Potenza è qualificata dalla presenza di ben quattro siti Natura 2000 e di due zone speciali di conservazione. L’area in questione è stata anche scelta per lo sviluppo di un progetto di monitoraggio e reintroduzione della trota autoctona appenninica nell’ambito del programma europeo Life Natura”.

Tra i Comuni interessati quelli di Castelraimondo, Esanatoglia, Fiuminata, Gagliole, Muccia, Pioraco, San Severino Marche, Sefro e Treia ma anche enti come la Riserva naturale regionale del monte San Vicino e del monte Canfaito, il Consorzio di Bonifica, la Regione Marche, le Province di Macerata e Ancona, le associazioni ambientaliste. 

Il Contratto di Fiume costituirebbe uno strumento di programmazione strategica per la riqualificazione ecologica, la mitigazione del rischio idraulico, la coesione e lo sviluppo sostenibile. Avrebbe l’obiettivo di tutelare e valorizzare i territori fluviali contribuendo allo sviluppo delle aree interessate. 

A sostegno, sarebbero disponibili i fondi comunitari del ciclo di programmazione 2014-2020 e il progetto per lo sviluppo “Aree Interne”, in sinergia con Regione e altri enti locali.

Si metterebbe in campo un efficiente sistema di monitoraggio, il rilancio della manutenzione e della cura del territorio, favorendo lo sviluppo di economie agricole che contribuiscano alla riqualificazione paesaggistica, alla messa in sicurezza del territorio e a caratterizzare e migliorare la qualità delle coltivazioni. 

I firmatari del Contratto si impegnerebbero anche a rendere fruibile il fiume alla popolazione dal punto di vista naturalistico, ricreativo, sportivo e culturale. Inoltre, verrà promossa la mobilità cosiddetta sostenibile, ovvero a piedi, in bicicletta o a cavallo. 

g.g.

Caldarola, iniziati i lavori per il centro di comunità

26 Set 2018
998 volte

Sono iniziati questa mattina i lavori per la costruzione del centro di comunità a Caldarola. 

Anche se in molti la definiscono già chiesa, oltre ai momenti di culto la struttura sarà anche un punto di riferimento per l’aggregazione sociale gestita dalla parrocchia. E’ per questo che nell’aspetto non rispetterà i canoni architettonici di una chiesa: non ci sarà un campanile, né una facciata con tanto di portale.

L’area destinata alle soluzioni abitative di emergenza prevedeva la realizzazione del centro di comunità e, dopo che la Regione Marche nei mesi scorsi si era occupata della piattaforma per sostenere la struttura, ora è intervenuta la Caritas italiana, che devolverà una quota della colletta nazionale in favore dei terremotati caldarolesi per la costruzione del centro.

            La struttura in legno è realizzata dalla ditta Subissati, avrà una superficie di 171 mq, con servizi igienici e due piccole stanze. La sala grande avrà un’area a modo di presbiterio che all’occorrenza potrà essere aperta con un pannello scorrevole per le celebrazioni religiose.

GS

Omicidio volontario aggravato: la nuova accusa per il guru del macrobiotico Mario Pianesi

26 Set 2018
296 volte

Nuova accusa per Mario Pianesi, il guru e fondatore del “Punto Macrobiotico”. L’uomo, residente a San Severino, sarebbe ora indagato anche per omicidio volontario aggravato. Secondo la procura di Ancona infatti, sarebbe il responsabile della morte della sua prima moglie, Gabriella Monti, avvenuta nel 2001.

Quattro anni prima alla donna venne diagnostica una grave malattia cardiovascolare che richiedeva cure specifiche. Tuttavia, secondo il pm, la donna sarebbe stata costretta dal marito a sottoporsi agli strettissimi dettami della sua “filosofia” evitando visite e cure mediche e seguendo una dieta a base di cereali. Ovviamente le sue condizioni si sarebbero aggravate fino al decesso. Ora la magistratura andrà a scavare nella vita del santone e ascolterà quelle persone che sono potute entrare in contatto con la Monti negli anni della malattia.

Mario Pianesi, lo ricordiamo, al momento è accusato insieme ad altre tre persone, fra cui la sua attuale moglie, Loredana Volpi, di associazione a delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù, lesioni personali, maltrattamenti e esercizio abusivo della professione medica, nonché di evasione fiscale.

g.g.

Ruba capi di abbigliamento, giovane arrestato

26 Set 2018
417 volte

I carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Macerata hanno arrestato per furto aggravato un cittadino pakistano di 22 anni. L’uomo è entrato in un negozio di abbigliamento nel centro commerciale “Val di Chienti” di Piediripa. Dopo aver scelto la merce, un pantalone ed una felpa, per un valore di circa 150 euro, il giovane ha strappato i sistemi antitaccheggio e si avviato verso l’uscita non accorgendosi, però, della presenza negli indumenti di un altro sistema che ha fatto scattare un allarme. Così la commessa ha chiamato i carabinieri che, corsi sul posto, hanno sorpreso lo straniero con la merce che aveva nascosto sotto il giubbino che indossava. L’uomo aveva con sé anche un telefono cellulare risultato rubato ad una signora di Potenza Picena qualche giorno prima. Ora il giovane dovrà rispondere, oltre che di furto, anche di ricettazione.

Appartamenti in contrada Rancia. Tutto risolto

26 Set 2018
285 volte

Arriva il via libera dell'Anac al progetto dei 46 appartamenti in contrada Rancia a Tolentino.

Proprio come aveva replicato il sindaco della città, Giuseppe Pezzanesi, pare che nella documentazione mancassero i riferimenti alle tre ordinanze della protezione civile che prevedevano i criteri di emergenzialità per i lavori in sostituzione delle Sae.

L’Erap Marche ha però integrato la documentazione richiesta con gli approfondimenti sulle ordinanze e l’Anac, presieduta da Cantone, ha dato il via libera all’autorizzazione dei lavori che negli ultimi giorni avevano animato il dibattito sia tra i cittadini che tra le forze politiche.

GS

Aree interne: Accorato appello del sindaco Gentilucci, al Ministro Lezzi

25 Set 2018
5045 volte

Trasferta romana per il sindaco di Pieve Torina e presidente dell’Unione Montana Alessandro Gentilucci. Una rappresentanza dei sindaci impegnati nella Strategia nazionale per le aree interne: è stata ricevuta questa mattina dal Ministro Barbara Lezzi, a Palazzo Chigi.L’incontro ha rappresentato l’occasione per confrontarsi e fare il punto sull'avanzamento dei lavori sul territorio, tra traguardi e prospettive. “ Un importante momento di confronto che mi ha permesso di dire la mia e sollecitare tutte le esigenze e le necessità di un territorio nel quale, di fatto, la ricostruzione non riesce a decollare -afferma Gentilucci- Sono passati dei mesi dalle elezioni e per noi il tempo di aspettare è ormai terminato: chiediamo interventi urgenti, ad oggi divenuti cogenti. Al ministro Lezzi, ho rappresentato la condizione di devastazione in cui versa il nostro territorio, che ha bisogno di essere seguito e , in un momento storico di estrema fragilità, soprattutto tutelato. Credo che da noi ci sia un percorso d’Italia vera, fatta di uomini, di fatica, di tradizioni e di sapori che, a tutti i livelli, non ci si può permettere di disperdere. Questo l’accorato appello che mi sono sentito di produrre a Roma, augurandomi che non cada nel vuoto. Credo che sia opportuno che i rappresentanti del Governo vengano a rendersi conto di persona della situazione delle nostre terre- aggiunge Gentilucci- Mi sembra evidente la disparità di trattamento, tra Genova e la catastrofe con la quale ci troviamo a fare i conti da due anni: solo vedendo quelle nostre frazioni dove la distruzione è totale e dove non è mai arrivato nessuno, si può prendere coscienza e consapevolezza di che cosa sia stato per noi il terremoto. Penso che a prescindere da quelli che possono essere i vari spot, in questo momento noi dobbiamo avere il Governo vicino. Debbono rendersi conto- rincalza Gentilucci- debbono venire a constatare come stiamo messi e produrre norme in grado di farci uscire da questo impasse. L’abbiamo chiesto prima, l’abbiamo auspicato e oggi, noi amministratori di un popolo che ha una dignità, ce lo aspettiamo”.

Carla Campetella

Tolentino, ladri in casa mentre i proprietari dormono

25 Set 2018
1249 volte

Si svegliano e trovano la casa a soqquadro per i ladri.

E’ accaduto ad una famiglia di Tolentino, in una villetta di via Giovanni XXIII.

I malviventi sono entrati in casa mentre i proprietari stavano dormendo ed hanno frugato nelle varie stanze. Senza paura, sono entrati anche nella camera da letto della coppia che stava dormendo e hanno cercato qualcosa da portare via all’interno dei vestiti.

Non avendo trovato oggetti di maggior valore, hanno portato via un centinaio di euro in contanti.

L’amara scoperta per la coppia in mattinata, quando al loro risveglio i proprietari hanno capito che nella notte c’era stata la visita dei malviventi.

Il fatto è stato denunciato ai carabinieri.

G.S.

Sisma- Accordo tra ABI e Commissario per anticipi bancari a imprese e professionisti

25 Set 2018
626 volte

Siglato a Roma un protocollo d'intesa tra il Commissario Straordinario per la Ricostruzione  e l'Abi, associazione bancaria d'Italia. La firma sul documento è stata apposta per l'Abi dal direttore generale Giovanni Sabatini. L'obiettivo che viene perseguito dall'accordo, quello di stabilire modalità e condizioni in ottemperanza alle quali, le imprese edilizie e i professionisti possono ottenere dalle banche l'anticipo del pagamento dei lavori di ricostruzione ad essi affidati  L'anticipazione delle somme, procederà seguendo gli stati di avanzamento dei lavori, man mano che i soggetti interessati riceveranno il relativo pagamento attraverso i contributi pubblici previsti per la ricostruzione. Il commissario straordinario, anche in collaborazione con le Regioni interessate, renderà accessibile alle banche aderenti, l'utilizzo di una piattaforma informatica.

Mille e 118Miglia fa tappa a San Severino

25 Set 2018
163 volte

Per il secondo anno consecutivo la carovana on the road della “Mille e 118 Miglia del Soccorso”, manifestazione ideata dal medico bolognese Cristian Manuel Perez per diffondere la cultura del primo soccorso stradale e del volontariato in ambulanza, ha fatto tappa in piazza Del Popolo. L’evento, patrocinato dal Comune di San Severino, ha coinvolto anche le scolaresche cittadine oltre a tanti settempedani attratti dai mezzi solitamente utilizzati per salvare vite umane. Tra questi anche un bolide da 462 cavalli, una Porsche Panamera 4 E-Hybrid capace di raggiungere i 100 chilometri orari con partenza da ferma in meno di 5 secondi. In esposizione anche mezzi tecnici della società Anas, partner dell’iniziativa. 

019D86B0 0EA1 47E2 9042 999666FD79E6
Ad accogliere la carovana della “Mille e 118 Migli del Soccorso” il sindaco, Rosa Piermattei, il presidente del Consiglio comunale, Sandro Granata, insieme agli altri componenti dell’Amministrazione locale. L’appuntamento, promosso dall’associazione “La Sorgente” onlus con il sostegno e la collaborazione di C.M.P. Global Medical Division e di altri sponsor, ha proposto anche diverse dimostrazioni di primo soccorso nel corso delle quali ci si è avvalsi dell’ausilio di speciali manichini.  
 
 B8AF6F39 BDFE 4941 907F B49AE7FF675F

Potete al Popolo: “La politica fabbrica poltrone anziché snellire procedure”

25 Set 2018
338 volte

“Serve un testo unico per le emergenze”.

Così l'assemblea provinciale di Potere al Popolo interviene sullo stop dell’Anac

Al progetto dei 46 appartamenti per i terremotati di Tolentino.

Prima la critica ai modi di fare dell’amministrazione tolentinate: “L'ostinazione nel volersi muovere al buio – scrivono in una nota - , affidarsi solo ad intuizioni personali e ai "consigli per gli acquisti", hanno fatto sì che, oggi, a pagare le conseguenze, siano gli oltre 4000 sfollati che vedono sempre più lontano il ritorno a casa. A testimoniare tutto ciò rimangono il villaggio container e gli sfollati lungo la costa”. 

Poi l’accusa al Governo che “in continuità con il precedente, ha deciso di avvalersi ancora dello strumento dei decreti legge occasionali, piuttosto che lavorare ad una pianificazione organica della ricostruzione”.

E’ per questo che Potere al Popolo parla di un testo unico per le emergenze, che dia prioritaria importanza alle istanze dei territori e che stravolga totalmente la struttura piramidale fatta di decisioni universali imposte dall'alto, senza considerare l'eterogeneità del territorio e le priorità delle singole comunità. La politica, anche nell'emergenza, continua a "fabbricare poltrone" e a dividere gli incarichi, invece di snellire le procedure e velocizzare gli interventi”.

Giulia Sancricca

A San Severino ecco la colonnina per auto elettriche

25 Set 2018
380 volte
Inaugurata la prima colonnina pubblica per la ricarica di veicoli elettrici. Si trova nel parcheggio di via Gorgonero, la stazione è stata attivata da Estra in collaborazione con il Comune. Si tratta di un progetto fortemente voluto da Estra, azienda che sta muovendo i primi passi nel settore della mobilità elettrica, per rispondere alle attuali e future esigenze di un trasporto sempre più evoluto e a basso impatto ambientale.  
“Questo investimento - afferma il presidente di Estra, Francesco Macrì - conferma l’impegno del Gruppo a sostegno dei principi dell’efficienza energetica e dell’ecosostenibilità. La mobilità elettrica rappresenta un tema cruciale per il nostro futuro, su cui l’azienda, da sempre attenta all’ambiente, ha deciso di puntare. Per Estra si tratta della prima colonnina di ricarica per veicoli elettrici installata nelle Marche, a testimonianza della grande vicinanza a questo territorio”.  
“La nostra attenzione alle tematiche ambientali - sottolinea il sindaco Rosa Piermattei - è da sempre molto alta. Dopo aver sottoscritto, lo scorso anno, il Patto dei Sindaci per l’energia sostenibile e il clima, stiamo seguendo una serie progetti per lo sviluppo di una mobilità sempre più a basso impatto ambientale. L’inaugurazione della prima colonnina pubblica va in questa direzione, così come vanno in questa direzione la volontà di introdurre nuovi bus elettrici per il servizio urbano e il progetto di taxi sociale a propulsione elettrica”.  
La stazione di ricarica sarà attiva 24 ore su 24. Essa è dotata di 2 prese di tipo 2 a 22 Kw (ricarica accelerata). Ricaricare un veicolo è molto più semplice di come si possa pensare: per fare il “pieno” sono infatti sufficienti una carta di credito e un tocco sul display del proprio smartphone. Un sistema di ricarica veloce ed innovativo, reso possibile da Estra attraverso la app dedicata “e-ricaricati”, disponibile per Ios e Android. Per attivare e gestire ricarica e pagamento con il telefonino, è sufficiente collegarsi alla rete della colonnina, dotata di un hot spot wi-fi, scaricare la app “e-ricaricati” e registrarsi. Più d’una le funzioni della app, che permette anche di visualizzare tutte le stazioni su mappa interattiva. Per usufruire del servizio non è necessario essere clienti Estra.  
Quello di San Severino è il primo progetto realizzato da Estra nelle Marche. Attualmente le colonnine attive nelle regioni servite dalla multiutility sono 9 ed altre 6 saranno attivate entro la fine dell’anno. Fino al 31 dicembre il “pieno” sarà gratuito in tutte le stazioni di ricarica Estra.  

Addio a Lanfranco Ferroni. Sconcerto a Camerino per l'improvvisa morte del Magistrato

25 Set 2018
8101 volte

Sconcerto e commozione a Camerino nell'apprendere dell'improvvisa morte di Lanfranco Ferroni avvenuta a San Marino, A stroncarlo, all'età di 68 anni, è stato un malore fatale poco dopo essere arrivato al lavoro. Dallo scorso marzo Magistrato dirigente del Tribunale unico dela Repubblica di San Marino, Lanfranco Ferroni è stato trovato morto nel suo ufficio del tribunale, da un dipendente. Con tutta probabilità causa del decesso è stato un arresto cardiaco. Numerosi gli incarichi accademici ed istituzionali che ha ricoperto nella sua carriera. Nato ad Ascoli Piceno il 6 luglio 1950, Lanfranco Ferroni dopo aver conseguito la maturità classica e poi il diploma di laurea in Giurisprudenza è stato Professore Ordinario di Istituzioni di Diritto Privato presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”. In  precedenza aveva insegnato nelle Università di Salerno, Catanzaro ed Ancona, docente anche presso la Scuola di Specializzazione in Diritto Civile dell’Università di Camerino; Giudice delle Appellazioni Civili presso il Tribunale della Repubblica di San Marino, ove è stato a lungo anche Direttore dell’Istituto Giuridico Sammarinese e pro-rettore dell'ateneo.In passato ha anche ricoperto la carica di Direttore scientifico delle Scuole Forensi dell’Ordine degli Avvocati di Ancona e di quella dell’Ordine degli Avvocati di Pesaro e uditore Militare con il grado di Maggiore. Nato ad Ascoli Piceno aveva vissuto a Fiuminata e poi a Camerino; sposato con Lidia Mogetta, dalla loro unione erano nati tre figli Matteo, Francesca e Cecilia. Qualche anno fa un brutto male le aveva portato via per sempre l'amata moglie. Organista del coro Cappella Musicale del duomo e organista ufficiale della cattedrale di Camerino per oltre 30 anni, anche se il suo lavoro lo aveva portato lontano dalla città ducale, vi faceva spesso ritorno.

Lanfranco Ferroni allorgano

Tante le amicizie che la passione per la musica e l'ambiente accademico gli avevano fatto conservare. Persona solare e molto socievole, Lanfranco Ferroni ha sempre coltivato i suoi impegni di lavoro con grande professionalità e competenza.  Anche come musicista, tutti ne ricordano la preparazione e la grande sensibilità musicale ereditata dal suo maestro, quel don Costantino Fefè, recentemente scomparso, che aveva saputo trasmettergli anche l'attenzione alla correttezza della musica liturgica. Solo pochi giorni fa era tornato a Camerino per partecipare alla messa di suffragio per don Costantino, ritrovando i suoi carissimi amici coristi. 

Ferroni a Camerino

C.C 

 

Banca di Macerata, due nuovi sportelli a Fiuminata e Serrapetrona

25 Set 2018
692 volte

Una banca che, oltre a perseguire la logica del profitto, propria di ogni istituto di credito, sostiene il sociale e agisce anche in favore del territorio. La Banca di Macerata apre due nuovi punti di consulenza nei comuni di Fiuminata e Serrapetrona, che senza alcun prevviso hanno incassato la decisione di Ubi Banca di chiudere le relative filiali. Mentre l’assessore regionale Angelo Sciapichetti, che insieme al consigliere Francesco Micucci si era interessato della questione, incontrava i vertici di Ubi Banca, dai quali riceveva il diniego al mantenimento delle piccole filiali in un’ottica di contenimento dei costi per l’isituto di credito, i vertici di Banca Macerata, nel corso dell’assemblea di approvazione del bilancio semestrale, annunciavano l’apertura dei suddetti punti consulenza. “Andiamo così a riportare i servizi bancari in quei comuni che sono stati abbandonati da altre banche – le parole del presidente di Banca Macerata Ferdinando Cavallini – Probabilmente avremo un ritorno economico relativo, ma noi siamo attenti anche all’aspetto sociale e vogliamo puntare a coniugare l’aspetto sociale con quello economico. E’ questa la nuova sfida che lanciamo”. Fiuminata e Serrapetrona, che dal prossimo 15 ottobre rimarrebbero senza servizi bancari con la chiusura degli unici sportelli esistenti, potranno, dunque, beneficiare del punto consulenza offerto dalla Banca di Macerata che, oltre al cosiddetto sportello bancomat evoluto che consente di effettuare qualsiasi tipo di operazione, vedrà anche la presenza fisica di un consulente. “Una Banca che copre l’intero territorio, in modo particolare quello dell’entroterra – fa eco il vice presidente Nando Ottavi – Con le nostre scelte cerchiamo di coprire quei vuoti che si stanno creando, a causa di decisoni di altri soggetti bancari, in territori che stanno soffrendo anche per le vicende legate al terremoto. Considerati i tempi necessari per l’apertura di una filiale, la scelta di punti consulenza ci consentirà l’immediata apertura di locali con l’assicurazione di tutti i servizi che può offrire una filiale”. 

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo