Piedino elezioni COMUNALI

 

Senegalese vittima di estorsione: 500 euro presi da ogni busta paga. I datori di lavoro lo minacciavano di licenziamento.

18 Apr 2019
160 volte

Lo minacciavano di licenziamento. Così ogni mese, dal 2015, riuscivano ad estorcergli 500 euro. A fermare questa condotta, la squadra mobile della Polizia, guidata da Maria Raffaella Abbate. Uno dei due estorsori è stato arrestato ieri,  M.L., italiano del '78, mentre l'altro, M.A, è stato denunciato in stato di libertà. Entrambi, soci al 50 per cento in una società edile, si sono resi responsabili di estorsione continuata a discapito di un loro dipendente, senegalese, a cui dalla retribuzione mensile di 1.400 euro netti, toglievano ogni mese 500 euro. Questo a partire dal 2015, anno in cui è stato assunto. 

 La richiesta estorsiva era supportata dalla minaccia diretta al lavoratore che se non avesse ottemperato, avrebbe perso il lavoro e quindi il permesso di soggiorno.

La vittima sopportava questa situazione da circa tre anni, dovendo affrontare grandi difficoltà economiche per sopravvivere dovute alle spese che era costretto a sostenere: inviare denaro alla sua famiglia in Senegal e pagare il canone di locazione dell’appartamento in cui viveva.

L’uomo riusciva a stento ad acquistare qualcosa da mangiare per la propria sussistenza. Disperato, a causa della difficile situazione in cui versava, l'uomo si è rivolto al sindacato CGIL di Macerata che gli ha consigliato di sporgere querela accompagnadolo in Questura.

Gli operatori della Squadra Mobile, previe intese con il Procuratore  Giovanni Giorgio ed il Sostituto Procuratore Enrico Riccioni, hanno predisposto un servizio specifico per accertare i fatti: personale in borghese ha seguito il datore di lavoro che - assieme al suo socio in affari - andava a prelevare il lavoratore per recarsi insieme in banca.

Nel frattempo ad attenderli nell’Istituto bancario vi erano altri uomini in borghese che assistevano alla consegna del denaro ad opera del personale della Banca fatta con banconote la cui matricola era già stata registrata dagli uomini della Squadra Mobile. Un’altra pattuglia all’uscita ne ha seguito gli spostamenti attendendo che il datore di lavoro e il dipendente si separassero per poter intervenire. In quel momento l'imprenditore è stato bloccato e perquisito. Addoso aveva 500 euro, somma estorta e prelevata dallo stipendio del giovane straniero. Le banconote corrispondevano a quelle dello stipendio in quanto erano state annotate le matricole identificative. Tutti gli elementi raccolti hanno consentito di arrestare in flagranza l’imprenditore che si era accompagnato per questa operazione criminosa al suo socio in affari, denunciato in stato di libertà.

Inaugurata dal segretario nazionale SPI la nuova Camera del Lavoro di Camerino

18 Apr 2019
241 volte

Inaugurata a Camerino, in via Bendetto XIII (San Paolo), la nuovissima sede antisismica del Sindacato Pensionati CGIL. A tagliare il nastro, è stato il segretario nazionale SPI Ivan Pedretti davanti ad un folto pubblico di cittadini e iscritti, arrivati da tanti paesi limitrofi. Nel traguardo raggiunto, un valore fortemente simbolico, che va aldilà del pur importante e saldo  mantenimento della presenza dell'organizzazione sul territorio.

" La nostra -ha detto Ivan Pedretti-  è una scelta controcorrente rispetto ad altre situazioni che invece stanno abbandonando il territorio, come la sanità,  gli uffici postali o diversi fondamentali servizi. Bisogna invece investire su questi territori complessi , cogliendone le particolarità e la specificità economica, anche di nicchia, aiutando i giovani a rimanere e ad essere soggetti d'innovazione". 

IMG 20190418 WA0002

 La nuova Camera del lavoro di Camerino è una struttura di 100 metri quadrati, realizzata con tutti i criteri antisismici dettati dalle normative; si compone di più spazi ampi e confortevoli che fungono da uffci e sala riunioni. Innovative le tecnologie con le quali è stato realizzato l'edificio per un risultato ad impatto zero, essendo previsto l' isolamento termico e la dotazione di un impianto capace di  autoalimentarlo e produrre energia che viene riutilizzata. Una scelta  dunque rispettosa del territorio anche sotto il profilo ambientale. 

IMG 20190418 104756

" E' il momento di arrivo di un  lungolavoro- ha commentato Massimo Girolami della Segreteria Spi Cgil Marche-- ; un percorso significativo e sofferto a favore di un territorio profondamente ferito.  Lo SPI Marche e nazionale colsero immediatamente l'opportunità di fare qualcosa e, grazie al lancio di un fondo di solidarietà  immediatamente attivato,  oggi ci troviamo di fronte ad un progetto reale e concreto. In quel periodo di grande turbamento personale di ognuno, abbiamo pensato che  le possibilità potessero essere due: abbandonare o resistere e, quando  CGIL decide di resistere, non lo fa mai in maniera sfumata, ma prende una decisione e lascia la sua impronta. Qui si è deciso di porre le condizioni affinché la società avesse  un punto di riferimento, che fosse anche un esempio per la rinascita e per la ricostruzione;  mentre alcuni pensavano a cosa fare del futuro, noi decidemmo che il futuro dovesse essere qui, con l'idea di reinsediarci  in maniera addirittura superiore alla situazione precedente, più visibile, più efficace ed efficiente, pronti a dare il sostegno e l'aiuto di cui crediamo abbia  bisogno questo territorio. E' stato un lavoro lungo che ha avuto qualche intoppo;  abbiamo avuto pochi aiuti e si sono dovute fare anche scelte economiche impegnative per le quali abbiamo ricevuto il supporto dello SPI nazionale e regionale  Qui davanti agli occhi di tutti, c'è la nuova realtà  della Camera del Lavoro di Camerino,che i cittadini  hanno già scoperto e stanno già frequentando,  dove si danno delle buone pratiche  e dove, effettivamente, viene a tradursi in atti concreti la volontà di rinascita. La posizione della sede tra l'altro è in una zona destinata a diventare  il centro della Ricostruzione di Camerino , in un polo significativo della città: dall'altra parte, ci sono i ragazzi e il futuro, e noi in questa realtà ci vogliamo stare"

Nei due anni che sono trascorsi, il sindacato dei pensionati ha sentito la necessità di non abbandonare comunque il territorio. Le  attività e i servizi, non hanno infatti mai subito interruzione, grazie alla sinergia e all'ospitalità messe a disposizione dalla sede del Centro Bucaneve Auser di Camerino. Lo SPI nazionale è venuto incontro contribuendo con mezzi per potersi spostare sul territorio; il primo ufficio mobile è stato garantito da Donato Allegretti, presente all'inaugurazione, con la sua testimonianza d'affetto e di condivisione.

IMG 20190418 WA0005

L'ha definita una tappa che immette in un percorso nuovo, il segretario SPI di Macerata Stefano Tordini: " E' l'inizio dello stare in mezzo alla comunità, insieme alle persone che rappresentiamo, a quelle che hanno bisogno di un supporto e dei servizi che offriamo. Ci auguriamo che strutture come queste siano sempre di più, per  fare in modo che, oltre alla ricostruzione degli edifici, vi sia anche una ricostruzione sociale e delle condizioni per poter restare in queste zone. E' questo l'auspicio che ci diamo con l'inaugurazione di questa sede nella quale sono racchiuse le chiare basi per dire: qui ci siamo, qui rimaniamo anche per il futuro".

Nel corso della cerimonia, una targa speciale di ringraziamento è stata consegnata a Giovanna Antonacci, presidente del "Centro Bucaneve Auser " di Camerino che ha ospitato nella sua sede gli operatori dell'organizzazione.  A portare il saluto è intervenuto anche il presidente provinciale dell'Auser di Macerata Antonio MarcucciL'associazione di volontariato e promozione sociale,attiva sul territorio nel portare aiuto a chi è in difficoltà, proprio nel 2019 festeggia  il suo trentesimo anniversario."Quando si inaugura una nuova struttura - ha detto- è sempre una gioia, perchè significa essere presenti e aiutare chi ha bisogno e, in questo caso il messaggio è più forte, in quanto rivolto ad  un comune gravemente colpito. E' un primo passo verso la ricostruzione, che vediamo ancora lontana  perché poco si è fatto e si sta facendo.  A tante promesse, purtroppo non sono seguiti tuttora dei fatti". Tordini ha anche auspicato la nascita  di un laboratorio nazionale della ricostruzione, capace di creare programmi e prospettive realizzabili, per estrarre da un avvenimento infausto come il sisma, un'opportunità per rilanciare i territori.

IMG 20190418 104707

Ringraziamenti allo SPI regionale e nazionale e alla CGIL, sono venuti anche dal segretario della Lega di Matelica Lindo Morichetti che interpreta la nuova sede di Camerino come esempio concreto di tenuta e non di abbandono e quale forte segno  di ricostruzione materiale e sociale :" Ora sta a noi come Lega e come SPI dare il nostro supporto con servizi nei confronti degli iscritti e dei cittadini che hanno scelto di rimanere in questi luoghi e di tutte le persone che vorranno tornare". Soddisfazione per la nuova sede è stata espressa anche da Daniela Barbaresi intervenuta in rappresentanza della CGILMarche : " CGIL vuole consegnare a questa comunità un segnale, ed è che, nonostante la tragedia e le difficoltà, le cose si possono fare presto e bene. L'inaugurazione di una struttura a due anni dalle scosse, è il segnale della concretezza che nasce dalla volontà. E' guardare avanti, mettere a disposizione di una comunità un luogo simbolico che è anche il luogo della concretezza, in cui le persone si incontrano, trovano le risposte ai loro bisogni e alla loro rappresentanza".

IMG 20190418 104730

Infine, le parole del segretario nazionale Ivan Pedretti che, prima di tagliare il nastro, ha posto in evidenza il valore di una scelta fatta tutti insieme, coinvolgendo SPI nazionale e strutture territoriali,  nel ridare ad un territorio martoriato un punto di riferimento. Il segretario nazionale ha voluto ricordare anche il suo profondo legame con le aree interne  e la montagna, consapevole delle sue difficoltà e del rischio di spopolamento, oltre che di una comunità sempre più anziana. "L'idea nostra è quella di provare ad andare controcorrente e dire che in un paese di montagna ci si può stare,  ci si deve stare e bisogna investirci. L'aver scelto di riaprire una sede e riconfermare la presenza di un sindacato, - ha aggiunto- significa fare innanzitutto un'azione democratica, affidare ai cittadini uno spazio dove poter andare e poter essere ascoltati e poi, se siamo bravi, riuscire a dare delle risposte. Spero che ci siano altre strutture, altre organizzazioni, ma che vi siano anche altri servizi, perchè in aree come queste,  bisogna investire, non arretrare. E bisogna anche dare lo spazio possibile perchè le nuove generazioni rimangano e garantire lavoro, seppure fosse unn lavoro di nicchia. In questo contesto importante in cui è presente un'università,  i giovani devono poter vedere un futuro che si apre  e capace di dare servizi anche a loro. Questo è il senso di quello che facciamo e che vogliamo dire con questa struttura - ha detto Pedretti- . E' bene stare tra la gente con fatti concreti, non solo a chiacchierare; è  necessario ascoltare, costruire delle risposte e, se c'è bisogno, costruire anche battaglie e lotte affinché il territorio si riprenda.  Sarà importante anche chiedere confronti con le associazioni industriali per fare in modo che le imprese arrivino qui o comunque, garantire investimenti per dare uno spazio possibile ai giovani  che vogliano realizzare imprese. Questa nuova realtà è  per noi uno spazio democratico, di raccordo con i cittadini e con i loro problemi; qui troveranno la disponibilità di decine di operatori sul campo che faranno bene il loro lavoro e daranno risposte. E poi l'attenzione agli anziani, punto delicato da non abbandonare  e,lo diciamo anche ai giovani:  non abbandonate le persone anziane, sono la storia, la memoria. Gli anziani guardano al futuro anche attraverso i loro figli e nipoti e danno una mano. Credo che  tutti noi continueremo a dare una mano dentro questa dimensione di solidarietà- ha concluso Pedretti-  E' questa la risposta concreta di cosa voglia dire solidarietà e stare insieme in una comunità". 

Al termine della cerimonia inaugurale, tutti gli intervenuti si sono spostati nella Geostruttura dell'area City park per il convegnoQuale rinascita del territorio”, al quale hanno preso parte anche la docente di Unicam Sara Spuntarelli, il segretario Cgil Macerata Daniel Taddei, il responsabile dell'ATS Valerio Valeriani, il segretario regionale SPI Cgil Elio Cerri.    

       

Capponi: "Sono sereno. Voglio lavorare per Treia come ho sempre fatto"

18 Apr 2019
668 volte

“Sono candidabile e eleggibile. Sono diverse le sentenze del Tar che mi danno ragione”. A dichiararlo è l’ex sindaco di Treia e primo candidato sindaco a rompere il ghiaccio per questa tornata elettorale. Mentre i suoi avversari indugiano ancora, Capponi ha già esposto i manifesti: “Treia 2030”, questo il nome della lista civica. 

Si dice tranquillo e sereno Capponi, condannato in primo grado per peculato nell’inchiesta sulle “spese pazze” in Regione. “Voglio lavorare per Treia come ho sempre fatto. Fra settembre e ottobre ci sarà la sentenza di secondo grado - dice - e tutti gli altri imputati sono stati assolti. A breve peraltro si andrà anche in prescrizione ma siccome non abbiamo rubato nulla, voglio proseguire il processo e sono molto sereno sull’esito”.

Quella di Capponi sarà una lista civica dove si augura potranno confluire tutte le forze politiche che non rientreranno nella lista che presenteranno gli avversari, probabilmente della Lega, dove dovrebbe figurare anche Edi Castellani, vicesindaco nell’ultima amministrazione Capponi. Con lei il rapporto si è rotto a ottobre quando la maggioranza si è dimessa mentre ricopriva il ruolo di sindaco facente funzioni facendo commissariare il Comune. 

“A me interessa essere sostenuto dalla società civile - afferma - e il nome del vicesindaco lo renderò noto prima delle elezioni”.

Per quanto riguarda il programma, ancora silenzio stampa, “non voglio dare idee ai miei avversari ma sicuramente sarà in continuità con quanto fatto fin ora. Treia è un fiore all’occhiello per la gestione post sisma e sono certo che se sarà approvato il decreto Sblocca Cantieri, con la ricostruzione degli edifici lievemente danneggiati che passerà in mano ai Comuni, riusciremo a far rientrare tutte e 300 le famiglie terremotate a casa propria entro i prossimi 5 anni. Ci impegneremo al massimo - conclude - abbiamo formato una lista fortissima e credo che non ci saranno problemi”.

G.G.

Blitz in un casolare, sequestrati quasi 3 chili di droga. Arrestata una persona

18 Apr 2019
64 volte

Operazione dei finanzieri a contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti. Arrestata una persona e denunciate altre due per detenzione di circa 2,9 chili di stupefacenti, tra hashish e marijuana, mentre un’altra persona è stata segnalata quale assuntrice.  

Prosegue l’attività della Guardia di Finanza finalizzata alla prevenzione e repressione del traffico e spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope, attraverso il controllo economico del territorio, che quotidianamente viene posto in essere dal Corpo mediante il dispiego di pattuglie operative. 

Proprio a seguito di tali servizi, i finanzieri della Compagnia di Civitanova hanno attivato una pregnante indagine fatta di appostamenti e pedinamenti, individuando un casolare nelle colline civitanovesi, risultato di proprietà di un soggetto già noto al Reparto e gravato da precedenti specifici.

L’attività investigativa posta in essere dai finanzieri portava quindi all’esecuzione di un blitz all’interno del fabbricato, dove, oltre al pregiudicato, veniva rilevata la presenza di altre due persone.

Attraverso le conseguenti perquisizioni, proseguite nel corso della passata nottata, sia locali che personali, eseguite con l’ausilio delle unità cinofile, i finanzieri rinvenivano e sottoponevano a sequestro circa 2,9 chilogrammi di sostanze stupefacenti, tra hashish e marijuana, ed oltre 900 semi di canapa indiana, unitamente ad altro materiale strumentale al reato di spaccio.

Il pregiudicato, un italiano di 59 anni, è stato tratto in arresto e posto a disposizione della Procura della Repubblica di Macerata, mentre gli altri due soggetti, anch’essi italiani, sono stati denunciati alla medesima Autorità Giudiziaria. Nel corso degli interventi, è stata altresì identificata e segnalata alla competente Prefettura, per l’adozione dei provvedimenti del caso, una quarta persona, in quanto assuntrice di sostanze stupefacenti.

L’operazione di servizio si inserisce nel più ampio dispositivo di contrasto al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, costante impegno della Guardia di Finanza che mira alla salvaguardia della vita umana.

 

Da Cingoli a Corridonia, ladri scatenati

18 Apr 2019
83 volte

Ladri scatenati in provincia. Quattro colpi a segno, i malviventi visitano anche l‘abitazione di alcuni sacerdoti. Alcuni giorni fa dei ladri hanno preso di mira la canonica di Cingoli, in piazzale Zucconi, dove vivono il parroco e altri due sacerdoti. In serata i tre non erano in casa e i malviventi sono entrati forzando la porta del garage. Hanno trafugato un computer insieme al denaro contante dei sacerdoti e alle offerte. A Corridonia ben tre i colpi messi segno martedì notte, in contrada Palombarette e in via Niccolai. Si tratta degli stessi soggetti poiché la tecnica per accedere all’interno delle case è stata la stessa: un foro col trapano per asportare la serratura e via. In questo caso i ladri hanno agito in piena notte e le famiglie non si sono accorte di nulla fino al risveglio. Gioielli e denaro il bottino trafugato.

Ineleggibile per la legge Severino ma Franco Capponi si ricandida a sindaco

18 Apr 2019
197 volte

Ci riprova, e chi se ne importa della legge Severino. Franco Capponi ha formato la sua lista “Treia 2030” e si ricandida a primo cittadino. Non sarebbe eleggibile a causa della condanna in primo grado per peculato nell’inchiesta sulle spese pazze in Regione, dunque qualora vincesse dovrebbe dimettersi subito e lasciare il suo posto al vicesindaco. 

Si tratta di una lista civica ma chi la sosterrà non è ancora chiaro, molto probabilmente sarà vicina all’ala renziana del partito democratico. 

G.G.

Celebrata dall'arcivescovo la Santa Messa Crismale. Mons. Blanchi, nuovo Vicario Generale

18 Apr 2019
879 volte

Celebrata dall'arcivescovo Francesco Massara la Santa Messa Crismale. Gremita la Chiesa della Sacra Famiglia di Cstelraimondo per la celebrazione eucaristica, alla quale ha partecipato il Card. Edoardo Menichelli, presenti i sacerdoti e i religiosi della diocesi. Un momento toccante quello che ha unito tutto il presbiterio e l’arcivescovo nel rinnovare le promesse sacerdotali e, partecipare con viva preghiera alla benedizione degli oli degli infermi, dei catecumeni e del crisma. La solenne liturgia, è stata animata nel canto dal Coro diretto dal maestro Lauro Corpacci. Per Francesco Massara è stata la prima Messa crismale celebrata da vescovo, oltretutto nella felice ricorrenza dei suoi 26 anni di sacerdozio

IMG 20190417 WA0002

"Sono molto contento di essere con voi per questo momento molto particolare- ha esordito l’arcivescovo nella sua omelia- Attraverso questa Santa liturgia noi ci introduciamo nel Triduo Santo, fonte e culmine della vita cristiana e rinnoviamo come sacerdoti il nostro sì al Signore come suoi ministri” Quindi è seguita una breve riflessione sul sacerdozio, partita dalla parole che vengono recitate .nella seconda preghiera eucaristica: 'celebrando il memoriale della morte e resurrezione del tuo Figlio, ti offriamo Padre il pane della vita e il calice della salvezza e ti rendiamo grazie per averci ammesso alla tua presenza a compiere il servizio sacerdotale'.  Oggi noi rendiamo grazie al Signore per averci ammesso alla sua presenza a compiere il servizio sacerdotale.

messa crismale sacerdoti religiosi

Stare alla presenza del Signore- ha detto Massara- significa riconoscere i suoi discepoli permanenti del Signore e non funzionali. Significa occuparsi di Dio, della sua persona e del nostro rapporto con lui e non semplicemente fare cose in Suo nome. Stare alla presenza del Signore, significa riconoscere che la vocazione presbiterale è una chiamata permanente da parte di Dio, esattamente come quella che Gesù ha rivolto agli apostoli. C’è il momento del primo grande sì, quello che induce a scegliere di seguire Gesù nella via del ministero ordinario, ma poi viene la necessità dei tanti sì quotidiani, a cui siamo chiamati per continuare il cammino. Il sì alla preghiera personale e alla liturgia delle ore; il sì ad una celebrazione della Santa Messa che sia curata e interiormente preparata, mai banalizzata o ridotta a mero rito. Il sì alla lettura della Parola di Dio, che è parola viva e sempre nuova; il sì al sacramento della riconciliazione da amministrare agli altri o da ricevere per sé. Ecco cari fratelli che il primo compito del sacerdote è rinnovare quotidianamente la sua fedeltà e il suo sì per vivere in unità con Lui, fissare il nostro sguardo su di Lui e, questo è un privilegio, non è un peso, né un’abitudine, per imparare da Lui che ha offerto la sua vita per noi.

Messa crismale 3

Siamo ammessi alla presenza del Signore per compiere il servizio sacerdotale: cari fratelli, il ministro dell’altare è un servo, non un padrone. Talvolta si è autoritari ma non autorevoli, perché non si è servi. Altre volte, si è protagonisti, non servi. Si è servi innanzitutto dell’altare; ciò che il sacerdote fa nel momento della celebrazione dell’Eucarestia, è servire, compiere un servizio a Dio e un servizio agli uomini. Il culto che Dio ha reso agli uomini è stato il donarsi fino alla fine per gli uomini e, in questo culto e in questo servizio, il sacerdote deve inserirsi; ciò significa che dobbiamo imparare a comprendere sempre di più la Sacra liturgia e tutta la sua essenza e sviluppare una viva familiarità con essa. Così diventi l’anima della nostra vita quotidiana, liturgia cristiana per sua natura e sempre anche annuncio. Abbiamo quindi l’obbligo di essere persone che con la Parola di Dio hanno familiarità, la amano e la vivono. Solo allora potremo spiegarla in modo adeguato. Il servizio sacerdotale, significa proprio imparare a conoscere il Signore nella sua Parola e a farlo conoscere a tutti coloro che Egli ci affida, perché servire la Parola di Dio, significa anche aver compreso che siamo chiamati, non ad annunciare noi stessi o le nostre opinioni personali, bensì il Mistero di Cristo e in Lui la misura del vero umanesimo; siamo incaricati non di dire molte parole, ma di farci eco e portatori di una sola parola che è il Verbo di Dio fatto carne per la nostra salvezza. Siamo poi servi tra di noi, parti di un unico presbiterio, siamo servi a partire dalla nostra consapevolezza di ciò che siamo nella nostra umanità.

messa crismale sac 1

Lo so che ognuno porta con sé il proprio fardello, l’età avanzata, le fatiche, le delusioni e, talvolta, anche le incomprensioni; dobbiamo fare poi i conti coi nostri limiti e difetti C’è chi è finisce per essere senza gioia; c’è chi si è seduto, c’è chi ha cercato vie nuove e c’è chi ha lasciato sfogo alla consuetudine e alla routine. C’è chi sente il sovraccarico pastorale e deve districarsi tra le mille richieste della gente, le riunioni, gli incontri al centro diocesi e gli incarichi oltre la parrocchia. Tutto questo cari fratelli, non ci deve far smettere di pensare che, nonostante tutto, possiamo essere un presbiterio, capace di annunciare in parole  l’animo di grazia del Signore. Carissimi presbiteri, impegniamoci a vivere come fratelli, membri di un unico corpo attento alle parti più deboli come ci tiene il Signore; Gesù si è chinato su di noi, ci ha chiamati ad essere suoi ministri; non accettiamo di vivere divisi, non cediamo alla tentazione di guardarci da lontano, giudicandoci senza misericordia. Accogliamoci e viviamo come fratelli e potremmo mostrare agli altri la gioia e la bellezza del servizio dell’altare. Infine servi di tutti, a partire dai poveri e dai bisognosi; non mi dilungo sul tempo difficile che viviamo ma vorrei solamente dirvi che soprattutto noi, abbiamo il compito di aiutare e dare speranza, ma come? Mi ha sempre colpito notare la differenza del testo del libro di Isaia che oggi abbiamo ascoltato e la citazione che di esso fa Gesù nella sinagoga di Nazareth; le parole sono quasi identiche, eppure esiste una differenza sostanziale che provoca nei presenti una reazione di meraviglia e stupore, che si trasforma presto in disaccordo e opposizione, mentre il profeta pone tra i suoi compiti la promulgazione dell’animo Grazia del Signore, le parole di Gesù si fermano alla Grazia e non parlano della vendetta. Per Gesù non esiste vendetta. Non esiste una giustizia retributiva che dà secondo quello che riceve; non esiste nessuna risposta violenta e ingiustificabile, anche se uno ha ragione; l’unica risposta giusta è Grazia, Benevolenza, Misericordia, Gratuità e Amore E’ questa la vera rivoluzione cristiana ed è questa la vera rivoluzione che ogni sacerdote deve vivere nella propria vita. E’ questo il nostro ruolo primario e fondamentale del nostro servizio sacerdotale agli altri e verso tutti; essere testimoni appassionati della Carità di Cristo, che ci ha amati fino alla fine, fino al dono di sé, pur di non sottrarsi all’unica legge che conta: quella dell’amore gratuito. Ed è questo l’augurio che faccio a tutti voi sacerdoti, che possiamo vivere la parola del Signore nella nostra vita, che la possiamo testimoniare, che possiamo essere al servizio della nostra gente, con i nostri limiti e difetti, ma con una grande certezza: che l’amore di Dio che abbiamo avuto nel grande dono della nostra donazione, possiamo veramente restituirlo al Signore attraverso il servizio alla nostra comunità, ai nostri poveri e ai nostri bisognosi”.

Prima della benedizione finale, un ricordo dei presbiteri defunti e di quelli che celebrano quest’anno un particolare anniversario. Il pensiero di gratitudine e di suffragio dell’Arcivescovo, dei sacerdoti e dei fedeli è andato a quei presbiteri che nell’anno trascorso sono tornati alla Casa del Padre e che nella loro vita e nel loro servizio alla Chiesa hanno donato tanto: don. Egidio De Luca, Mons. Nazzareno Moneta, don Alberto Crovetti, don Costantino Fefé, don Deo Galanti, don Giuseppe Giaché, don Luigi Cristoldi, don Umberto Silla.

L'arcivescovo è passato quindi a sottolineare con gioia le speciali date dei 50 anni di sacerdozio di Don Aldo Romagnoli, dei 60 di don Giuseppe Scuppa e infine il record dei 70 anni di sacerdozio di mons.Quinto Martella.

messa crismale nomina

In chiusura, nell'evidenziare come il 2019 sia foriero di tante belle notizie, a cominciare dall’arrivo del Papa in diocesi il prossimo 16 giugno, l’arcivescovo Massara ha voluto ringraziare don Nello Tranzocchi per i servigi finora resi nell’incarico di Vicario generale della Curia Arcivescovile. Lo scorso febbraio, il sacerdote ha infatti chiesto di essere sollevato dagli impegni esercitati all'interno della Curia, per dedicarsi alle tante parrocchie che gli sono state assegnate e che insistono nelle zone di maggiore sofferenza per i danni del sisma. Ringraziandolo per il suo prezioso apporto quale Vicario generale, per l’accoglienza e i consigli offerti, oltre che per i servizi donati alla Chiesa, Mons. Massara, ha infine comunicato ufficialmente il decreto di nomina del suo successore, investendo Mons. Mariano Ascenzo Blanchi nel ruolo di Vicario generale dell’arcidiocesi di Camerino San Severino Marche.  A motivare la nomina di Mons. Blanchi, la considerazione della stima di cui gode nel presbiterio, le pregresse esperienze del suo generoso servizio nei confronti dell’ arcidiocesi, la sua lunga attività pastorale svolta come parroco, la profonda conoscenza del clero e della comunità parrocchiale. Il presule ha augurato che questo servizio possa essere svolto con il cuore, con semplicità e bontà, così come finora ha fatto don Nello  “ La migliore testimonianza che possiamo fare è volerci bene tra sacerdoti" – ha concluso l’arcivescovo- Infine l’augurio a tutti presenti di trascorrere una Santa Pasqua, di pace e di serenità

 C.C.

messa crismale chiesa e vescovo

messa crismale vangelo

mesa crismale uscita

Tolentino, il Partito Democratico chiede le dimissioni di Pezzanesi

17 Apr 2019
452 volte
Il Consiglio Comunale di martedì 16 aprile ha sancito il commissariamento del Comune di Tolentino.
L’arringa iniziale del Sindaco, di durata quasi infinita, costituita perlopiù dalla lettura di articoli di stampa e improntata unicamente a scaricare le colpe dell’Amministrazione Comunale su altri soggetti, dimostra una volta di più, semmai ce ne fosse stato bisogno, la totale inadeguatezza dell’attuale maggioranza a gestire una situazione così delicata e l’assoluta assenza di senso di responsabilità.
Alle domande incalzanti dei consiglieri PD e degli altri consiglieri d’opposizione sul totale fallimento della gestione dell’emergenza a Tolentino, anche Angelo Borrelli, attuale capo del Dipartimento della Protezione Civile, ha dovuto ritirare i complimenti elargiti indebitamente e troppo frettolosamente al sindaco all’inizio della seduta, ed è stato costretto a “bacchettarlo” per non aver ancora presentato un cronoprogramma dettagliato dei lavori con tempistiche certe e reali, sancendo di fatto il commissariamento dell’attuale amministrazione comunale.
E non poteva essere altrimenti: troppe domande poste durante la seduta senza una risposta! Ad esempio non si conosce il motivo per cui l’Amministrazione comunale non ha voluto realizzare le 30/50 casette (SAE) previste e proposte dalla Protezione Civile al posto degli attuali containers (che sono a noleggio e che ad oggi sono costati alla collettività più di 7 milioni di euro, un abominio!). Oppure rimane del tutto incomprensibile il motivo per cui si è scelto di acquistare un capannone grezzo in C.da Rancia, ovvero in piena zona industriale e lontanissimo dalle aree residenziali del Comune, realizzato circa 15 anni fa, ad un prezzo di 1,6 milioni di euro, valore decisamente superiore ai valori di mercato per capannoni similari. Ed in ultimo, la decisione di spostare in periferia la scuola Don Bosco uccidendo di fatto ogni possibilità di rinascita del centro storico. 
Il clima sta cambiando, molte associazioni e comitati (ieri presenti al Consiglio con cartelloni molto critici nei confronti del Sindaco e dell’amministrazione di maggioranza), ma soprattutto i cittadini di Tolentino non tollerano più questa totale assenza di confronto con la collettività locale nel prendere decisioni vitali per la città. Basti pensare che a distanza di quasi 1.000 giorni dagli eventi sismici l’amministrazione ha convocato appena 2 volte la Commissione Sisma, in media una ogni 500 giorni!
Il fatto che nessuno tra consiglieri ed assessori di maggioranza abbia voluto prendere la parola sull’argomento e non abbia nemmeno tentato di difendere l’indifendibile, la dice davvero lunga sull’enorme imbarazzo provato da costoro. L’unico a provare ad intervenire è stato il neo Presidente del Consiglio Comunale Ceselli con l’unico intento di tentare a più riprese di limitare il tempo a disposizione per gli interventi da parte dei consiglieri di minoranza, denotando un poco condivisibile doppio-pesismo soprattutto alla luce dell’intervento fiume iniziale del Sindaco.
Alla luce del fallimento in essere, il Partito Democratico chiede al Sindaco ed all’attuale maggioranza di destra di prendere atto, con senso di responsabilità, dell’insostenibilità a proseguire e, per il bene del Comune di Tolentino, di fare un passo indietro. 
 

Terremoto, inaugurato il tunnel donato alla Scuola “Gentili” di San Severino

17 Apr 2019
152 volte

Dopo la donazione di una struttura antisismica a uso scolastico, inaugurata a maggio dello scorso anno, le Missioni Estere dei Cappuccini hanno completato la loro opera di solidarietà nei confronti dei piccoli alunni terremotati della scuola dell’Infanzia “Gentili” con l’installazione anche di un tunnel estensibile destinato a collegare il vecchio al nuovo plesso. Alla festa per la nuova donazione, svoltasi questa mattina, hanno preso parte il sindaco, Rosa Piermattei, il rappresentante delle Missioni Estere dei Cappuccini, padre Francesco Pettinelli, il Ministro provinciale dei Cappuccini, il settempedano fra Sergio Lorenzini, il custode delle Missioni dei Cappuccini marchigiani in Africa, padre Giulio Pierani, il guardiano del convento di Recanati, fra Giulio Criminese, il guardiano del convento settempedano, fra Aurelio Pela, insieme al dirigente scolastico, Sandro Luciani, ai docenti, al personale della scuola e agli alunni. Con il taglio del nastro del tunnel sono state anche inaugurare le strutture accessorie a protezione degli ingressi della scuola commissionate dal Comune di San Severino Marche all’impresa Piancatelli lavorazioni metalliche. Alla cerimonia erano presenti anche il cardinale Edoardo Menichelli, il presidente del Consiglio comunale, Sandro Granata, gli assessori Sara Bianchi e Paolo Paoloni, i volontari della Protezione Civile e della Croce Rossa Italiana. “Sarete sempre ricordati nelle nostre preghiere per quello che avete fatto per la nostra comunità ferita dal sisma - ha sottolineato il sindaco, Rosa Piermattei, nel suo intervento di saluti - Quella donata dalle Missioni Estere dei Cappuccini è stata la prima struttura scolastica inaugurata dopo l’emergenza terremoto. Anche oggi vedere i bambini gioiosi e festosi ci fa veramente piacere, abbiamo visto nei loro occhi la paura mentre la terra tremava e sappiamo cosa questo ha voluto dire anche per loro”. “Il tunnel era una struttura necessaria per collegare il vecchio al nuovo plesso ma anche per far passare i pasti durante il periodo invernale” - ha voluto aggiungere il dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo “P. Tacchi Venturi”, Sandro Luciani. Per la comunità settempedana l’inaugurazione è stata una festa nella festa visto che ha fornito anche l’occasione per salutare la prima uscita pubblica di fra Sergio Lorenzini, nominato in questi giorni ministro provinciale dei Frati Cappuccini delle Marche: “Il nostro è un segno concreto di vicinanza che i nostri frati hanno voluto dare. Provvidenzialmente torno nel luogo dove sono nato - ha aggiunto fra Sergio - per il primo momento pubblico dopo la mia nuova nomina. Mi piace vedere questi segni di vita come una speranza”. “Nostra missione è essere vicini a chi vive una situazione di bisogno, come nel caso della nostra terra terremotata, o di povertà, come nel caso dell’Africa” – ha tenuto a sottolineare, invece, padre Francesco Pettinelli, rappresentante delle Missioni Estere dei Cappuccini.

Tunnel1

Tunnel3

Tunnel2

 

I candidati marchigiani all'Europarlamento

17 Apr 2019
225 volte

Elezioni europee 2019: la guida al voto | Quando si vota e chi votare

 Elezioni europee. Anche la regione Marche si mobilita per tentare di conquistare un seggio all’Europarlamento. Le votazioni per il rinnovo dei deputati che rappresenteranno i paesi membri dell’Unione Europea a Bruxelles,come noto  si terranno domenica 26 maggio. Ai fini delle votazioni , l’Italia è divisa in cinque circoscrizioni elettorali. Usciti dunque i nomi della circoscrizione dell’Italia centrale che riunisce Umbria, Toscana, Lazio e Marche.

Tre i candidati marchigiani proposti dalla Lega: si tratta del veregrense e commissario provincia di Fermo del Carroccio Mauro Lucentini , dell’imprenditore sambenedettese Leo Bollettini e dell’ex senatrice e dirigente d’azienda Cinzia Bonfrisco.

Anna Maria Rozzi, figlia dello storico presidente dell’Ascoli Calcio, la candidata marchigiana di Forza Italia, mentre Fratelli d’Italia punta sul nome del deputato di Potenza Picena Francesco Acquaroli.

Il Partito Democratico ha scelto Bianca Verrillo, avvocatessa impegnata da anni nella lotta contro la violenza sulle donne e segretaria del PD di Matelica 

L’ex parlamentare e segretaria di ‘Possibile’ Beatrice Brignone, è candidata nella lista Europa Verde e, il giornalista anconetano Marco Benedettelli, esperto di diritti umani, migranti e sociale è proposto dal movimento “ La Sinistra”. L’attuale vicesindaco di Montelabbate Nicola Magi è infine il candidato della lista per le europee del M5S; il suo nome è stato scelto in seguito alle votazioni che, secondo le regole dei pentastellati , si sono svolte sulla Piattaforma Rousseau.

C.C.

Tolentino, anziana investita al piazzale Europa

17 Apr 2019
142 volte

Ancora un investimento nel piazzale Europa.

Questa mattina, intorno alle 10.50, per cause in corso di accertamento, una donna di 75 anni, S.U. le sue iniziali, residente a Tolentino è stata investita nei pressi del passaggio pedonale tra via della Pace e via Tambroni, proprio di fronte al bancomat di piazzale Europa, da una Daihatsu condotta da D.V. tolentinate di 81 anni. Sul posto la Polizia Locale per i rilievi di legge e i sanitari del 118 che hanno trasportato la donna all’Ospedale di Macerata. 
GS

Privo di vita in casa. A trovarlo i familiari

17 Apr 2019
550 volte

Non rispondeva da tempo al telefono e i familiari danno l’allarme. Trovato senza vita in casa un 65enne. È successo stamattina intorno alle 11 a Recanati in Contrada Ricciola. Alcuni familiari, non ricevendo risposte al telefono, hanno chiamato il 118 e i Vigili del fuoco insieme ai Carabinieri che si sono introdotti in casa trovandolo senza vita. Non essendoci segni di effrazione si suppone si tratti di una morte per cause naturali.

'

Confartigianato, valorizza " Le Marche dei Maestri".

17 Apr 2019
64 volte

Avviato il 15 aprile il progetto “Le Marche dei Maestri, realizzato da Confartigianato Imprese Macerata-Ascoli Piceno-Fermo e finanziato dalla Regione Marche. L’iniziativa, che andrà avanti fino al 15 ottobre, ha la finalità di promuovere l’artigianato artistico tipico e tradizionale e le produzioni enogastronomiche locali. Location di prestigio ed eccellenze dell’agroalimentare promuoveranno e valorizzeranno il “bello” e il “buono” del nostro territorio, attraverso le tradizioni manifatturiere ed artigianali, capaci di  trasmettere storia, cultura e creatività. Macerata, Cingoli e Civitanova Marche, i punti di attrattività delle quattro location, all’interno delle quali saranno dodici le aziende coinvolte nell’esposizione e vendita dei propri prodotti

Con "Le Marche dei Maestri", Confartigianato si propone di offrire loro la possibilità di intercettare nuovi mercati, mettendo in rete imprese artigiane, operatori commerciali e turisti che avranno la possibilità di vivere il territorio a trecentosessanta gradi.

“Un progetto che rappresenta una bellissima vetrina per le nostre imprese – dichiara il Presidente territoriale, Renzo Leonori- Lo abbiamo creato insieme, tra Confartigianato Macerata-Ascoli e Fermo e la Regione Marche ha deciso di finanziarlo. E' un’opportunità che, in previsione della stagione estiva, proviamo a creare per tutte le nostre imprese del territorio, siano esse agroalimentari, artistiche, di artigianato storico che, abbiamo chiamato “maestri” perché lo sono davvero in tutti i sensi, in Italia e soprattutto in Europa. Le location di partenza sono quattro e coinvolgono i comuni di Cingoli, Civitanova e Macerata,  non è detto tuttavia che nell’arco della stagione estiva e turistica, il progetto possa essere esteso al fermano o al sambenedettese. Riteniamo che l’attenzione sulle materie prime di produzione locale, sulla qualità delle stesse che testimoniano l’eccellenza artigianale del nostro territorio, possano rappresentare un’importante fonte di sviluppo per uscire dal periodo di grande difficoltà. Nei giorni scorsi – continua Renzo Leonori- mi sono incontrato con il settore edile, con geometri e architetti, presente anche il direttore dell’USR Cesare Spuri per le tematiche della ricostruzione e, quando si è di fronte a 86 comuni delle Marche danneggiati, si comprende bene come qualsiasi opportunità debba  essere ben urtilizzata per creare occasioni che possano rappresentare uno stimolo per l’economia, il commercio e il turismo, valorizzando imprese e territorio”.

C.C.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

  appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo