Un pieno di musica per festeggiare l'inizio dell'estate

22 Giu 2018
346 volte

Tutti i colori del suono hanno vibrato nella giornata camerte del solstizio d'estate, per onorare l'appuntamento europeo dedicato al linguaggio universale della musica. Dal verde dei giardini dell'Orto Botanico e di Montagnano, alle nuove piazze del Vallicenter e del City Park, fino agli spazi all'aperto del Campus universitario, l'Inno alla gioia ha potuto librarsi nelle più diverse forme, trasformandosi in una piacevole occasione per vivere diversamente alcuni dei luoghi della città e coniugando significati che vanno ben oltre la musica. Con il coordinamento dell'Università di Camerino e la collaborazione del Comune unita a quella di tante associazioni cittadine, il pubblico di ogni età ha potuto immergersi nel ricco programma che è stato messo insieme per onorare al meglio la "Festa della musica".

IMG 20180622 025030

IMG 20180621 192118786

IMG 20180621 184703030

E' cosiì che, dal tramonto fino all'ora tarda della notte più lunga dell'anno, ha preso vita un percorso itinerante di note che, in un  programma coinvolgente,  ha visto protagonisti il chitarrista Cesare Sampaolesi, la Cappella musicale del Duomo- Coro universitario seguito dal Coro delle voci bianche, gli studenti universitari da solisti e in varie formazioni, il Coro dei Licei , l'associazione Adesso Musica e l'istituto musicale Nelio Biondi, la Banda Città di Camerino e i Filarmonici camerti. Un pieno di musica per festeggiare l'inizio dell'estate e accendere di suoni tutta la città. Molto apprezzate e seguite tutte le esibizioni, finite con l'intrecciarsii contestualemente  con i laboratori e le performance degli artisti residenti e degli ospiti speciali del Festival 10 Heartz progettato da Arci Macerata e Arci Ancona. Dai primi battiti suggeriti dalla camminata di ascolto con le installazioni sonore del workshop di soundscape di Stefano Sasso, la serata è in tal caso  proseguita con le anteprime delle suggestive composizioni realizzate da Alessio Ballerini, Godblesscomputers e Rokeya che hanno elaborato in suono, impressioni ed emozioni vissute durante i giorni trascorsi in residenza nelle zone colpite dal sisma, visitandone le 'zone rosse' e ascoltando i racconti della popolazione. Sotto la luna d'estate, altre vibrazioni e belle sensazioni, le hanno suggerite le performance di Yakamoto Kotzuga e Mana ( Vaghe Stelle), che hanno introdotto il coinvolgente finale del Dj set di Nello.

Spirito gioioso per una manifestazione corale che è perfettamente riuscita a trasmettere il messaggio di cultura, partecipazione, armonia, universalità che solo la musica riesce a dare.

C.C.

FB IMG 1529650280389

IMG 20180621 194144474 1

IMG 20180621 225901624

IMG 20180621 224922758

IMG 20180621 220906

 IMG 20180621 222827

 FB IMG 1529650021428

Nuovo polo a San Ginesio. Ciabocco a Roma per incontrare la De Micheli

21 Giu 2018
167 volte

Il sindaco di San Ginesio, Giuliano Ciabocco, ha incontrato a Roma il Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione, Paola De Micheli.

Obiettivo dell'incontro, ottenre chiarimenti sulla vicenda della costruzione del nuovo polo scolastico.

"A seguito del parere contrario al progetto di realizzazione del nuovo polo scolastico, espresso della Soprintendenza - MIBACT di Roma espresso l’11 giugno 2018 su  richiesta della Conferenza permanente del 3 maggio 2018, che di fatto sancisce, almeno per ora, l’impossibilità di continuare i lavori di costruzione della nuova scuola - si legge in una nota del Comune - , il sindaco ha ritenuto opportuno incontrare quanto prima il Commissario per sollecitare una rapida ed efficace soluzione del problema".

All’incontro hanno partecipato anche alcuni rappresentanti della nuova amministrazione, il responsabile dell’Ufficio Tecnico del comune di San Ginesio e i vertici dello staff tecnico della Struttura commissariale.

Avendo il sindaco ha espresso l’urgenza di fornire, agli studenti e a tutta la comunità ginesina, le strutture necessarie per le ordinarie attività scolastiche".

"Il Commissario - prosegue la nota - ha preso l’impegno di seguire con la massima sollecitudine la questione, con lo scopo di fornire, nel tempo di una settimana, le condizioni utili per la ripresa dei lavori. L’amministrazione comunale, da parte sua, confermando la disponibilità a collaborare sinergicamente con tutti gli enti preposti, vuole rendere noto che provvederà a seguire con  attenzione lo svolgersi della vicenda e che, nell’unico obiettivo di promuovere il bene comune della cittadinanza – specialmente dei giovani –, valuterà diligentemente l’adeguatezza delle soluzioni avanzate". 

La questione era stata sollevata nei giorni scorsi con un comunicato da Deborah Pantana di Forza Italia.

Giulia Sancricca

Chiusi due negozi per prodotti a base di Cannabis a Macerata

21 Giu 2018
48 volte

La polizia ha chiuso a Macerata due negozi specializzati nella vendita di prodotti a base di cannabis (droghe light). Contestualmente, gli agenti della squadra mobile della città hanno indagato in stato di libertà per attività di spaccio di sostanze stupefacenti il titolare degli esercizi commerciali, eseguendo perquisizioni nei confronti degli stessi e dei dipendenti addetti alla vendita dei prodotti, nonché sequestrato sostanza stupefacente in queste sedi. L'attività, una delle prime, nei confronti dei cosiddetti "Grow Shop", informa la polizia, "è stata avviata sulla base della particolare proliferazione dei suddetti negozi nel Maceratese. La Mobile ha avviato riscontri per verificare l'eventuale pericolosità delle sostanze pubblicizzate e vendute e in particolare della marijuana light". Ha sequestrato la sostanza facendola analizzare dalla Scientifica di Macerata: era "vera e propria sostanza stupefacente", cioè "marijuana con principio attivo del 0,60%, idoneo a procurare effetti droganti.

Fonte Ansa

20 anni de " La finestrella", festeggiati con un riconoscimento al titolare

21 Giu 2018
732 volte

Un riconoscimento per i 20 anni di attività dell'agriturismo La Finestrella di Camerino. Il sindaco, Gianluca Pasqui, ha voluto omaggiare la famiglia Consoli, consegnando al titolare Roberto la medaglia del Comune. “Un traguardo importante – ha affermato il primo cittadino – che testimonia ancora un volta la grande operosità della nostra gente, che esprime i valori dell'impegno, del lavoro, della famiglia e dello stare insieme nella comunità. Alla famiglia Consoli le congratulazioni per il ventesimo anno di attività da parte dell'amministrazione e della comunità e l'augurio di un futuro sempre positivo”. La famiglia Consoli gestisce infatti l'attività sin dal 29 maggio del 1998. “Ringraziamo il sindaco e con lui l'amministrazione comunale – ha affermato Roberto Consoli – per aver voluto condividere con noi questo momento importante per la nostra attività, festeggiato assieme a tutte le persone care e i clienti. Questo riconoscimento per noi è un motivo di orgoglio e conferma del lavoro svolto in tutti questi anni”.

L'Ata3 e il preliminare del piano rifiuti. Bisonni: "Hanno seguito la mia proposta"

21 Giu 2018
182 volte

“Quella dell’Ata, una decisione che va nella direzione da me proposta”. È soddisfatto il consigliere regionale Sandro Bisonni, dopo la notizia che l’Ambito territoriale 3 di Macerata ha approvato, ieri pomeriggio, un documento preliminare al piano d’ambito per la gestione dei rifiuti. Con questo, i sindaci dicono no alla produzione di Css (combustibile ricavato dal trattamento dei rifiuti indifferenziati) al Cosmari mentre approvano la realizzazione di un impianto per la produzione di biometano (derivante dal trattamento di rifiuti organici). 

“Apprendo con estrema soddisfazione – afferma – che ieri l’Ata di Macerata ha approvato un preliminare che va esattamente nella direzione da me proposta diversi mesi fa. Lo considero un importantissimo passo nella giusta direzione e per tale motivo ringrazio tutti coloro che hanno votato il documento”. 

Bisonni aveva anche presentato, a fine marzo, una proposta di legge al consiglio regionale volta a vietare la combustione dei rifiuti e di tutti i suoi sottoprodotti.  La discussione avverrà martedì prossimo e qualora venga approvata, tutti i Piani d’Ambito delle province marchigiane dovranno escludere la pratica della combustione dei rifiuti sotto qualsiasi forma, compreso il Css, con l'unica eccezione del biometano.

“D'altra parte – continua Bisonni – qualora la mia legge sia definitivamente approvata, i sindaci sarebbero comunque costretti a modificare il Piano d'Ambito nella direzione da me indicata, pertanto non mi meraviglia, e al contrario mi gratifica, il fatto che siano andati nella giusta direzione. Oramai esiste una nuova consapevolezza da parte di molti che la pratica della combustione dei rifiuti non solo comporta elevati rischi per l'ambiente e la salute ma che è anche assurda sotto molteplici punti vista, non ultimo quello economico”. Una partita fondamentale quella di martedì prossimo, dice il consigliere, per il futuro dei marchigiani: “Se la mia proposta sarà approvata - conclude - le Marche volteranno definitivamente pagina e si candideranno ad essere la terra delle armonie e della sostenibilità ambientale, dove vivere in modo più green e guardare al futuro con maggiore speranza e ottimismo”.

A Camerino torna "Sapori da ricordare" . Due serate a tutto gusto e musica

21 Giu 2018
750 volte

Torna a Camerino l’appuntamento con “ Sapori da ricordare”. Un evento organizzato dal Comune e dalla Associazione Turistica Pro Loco, per festeggiare insieme il marchio e la produzione de “ La Pasta di Camerino”, da degustare per due serate con accompagnamento musicale. Dalla piazza del City Park, nelle serate di venerdì 29 e sabato 30 giugno, un’occasione da condividere insieme, per ricostruire un senso di comunità. Nella gioia di ritrovarsi, un inno al prodotto d’eccellenza del territorio e alle tradizioni locali.

“ Molto apprezzata già la scorsa estate-dichiara Germano Eustacchi della Pro Camerino- anche quest’anno siamo riusciti ad organizzare la bellissima festa che vedrà soprattutto protagonista la Pasta di Camerino e i prodotti del territorio. I cuochi prepareranno per l’occasione dei buonissimi sughi di accompagnamento ai primi piatti. La pro Loco non vuole assolutamente fermarsi e, nello spirito positivo che la contraddistingue, ce la sta mettendo davvero tutta per offrire momenti di aggregazione a quanta più gente sarà possibile mettere insieme”.” Oltre al comune e alla Pro Camerino - gli fa eco Delfina Benedetti- il significato delle serate è racchiuso soprattutto nel connubio con “ Pasta di Camerino” e con il loro marchio “ Sapori da ricordare” e, in pentola metteremo tante buone cose. :A ricordo della tradizione camerinese e marchigiana, ogni serata avrà protagonisti due diversi primi piatti arricchiti dalle grigliate e, per questa edizione, abbiamo voluto aggiungere le “cotiche con i fagioli”, altro piatto tipico e apprezzato delle nostre zone. Per rendere ancora più allegro lo stare insieme, dalla prima serata dedicata alla musica rock anni ‘50-‘60, sabato si passerà al coinvolgente e folcloristico suono dei fisarmonicisti di Camerino. Dai buoni piatti alla musica due appuntamenti che conterranno dunque tutti gli ingredienti , per permettere di far festa e ricordare tanti “sapori della tradizione”.

C.C.

Nella foto la piazza del City park in occasione del'edizione 2017 di " Sapori da ricordare"

sapori 2

Tolentino, presentati gli studi di microzonazione

21 Giu 2018
585 volte

Presentati ieri sera a Tolentino i risultati della microzonazione sismica di terzo livello.

Passaggi necessari come spiega l'assessore all'Urbanistica, Alessandro Massi: “Fondamentale punto di partenza per la prospettiva futura a livello di pianificazione urbanistica - dice - . E' stato un incontro tecnico dove sono stati mostrati gli elaborati tecnici. Quanto abbiamo ritenuto importante mostrare, in questa prima fase dell'aspetto della pianificazione. Chiaramente, alcune informazioni fondamentali sono state date. Ci sono principalmente due aree che mostrano criticità a livello geologico. Una è in zona Vaglie e l'altra in contrada San Giovanni, sopra il viale Trento e Trieste. Questo però, come specificato dai geologi, non è stata la causa per cui abbiamo avuto in quel tratto danni maggiori dopo il sisma, ma si tratta di un'area più instabile rispetto alle altre.
In questo senso - spiega - , da un lato ci siamo riorganizzati dal punto di vista della pianificazione urbanistica, istituendo un tavolo di lavoro con dei professionisti; dall'altro lato ci siamo già mossi per gli incarichi per la revisione al piano regolatore anche dopo i risultati della microzonazione e dopo le esigenze nate a seguito del sisma".
 
L’argomento sarà approfondito nella prossima uscita de “L’Appennino Camerte”

Comitato 30 ottobre Tolentino: “Chiediamo con forza il campo Sae”

21 Giu 2018
255 volte

Il Comitato 30 Ottobre riaccende i riflettori sugli appartamenti per i terremotati di Tolentino.

”Esprimiamo profonda perplessità - scrivono in una nota -   sulle modalità di assegnazione dei miniappartamenti di quello che sarà il complesso de "La Rancia". A Tolentino, a due anni dal terremoto, con migliaia di sfollati ancora sparsi nella diaspora post sismica, solo una minimissima minoranza sa che da qui a un anno forse avrà un tetto di "emergenza" sulla propria testa. Questo appare grave - proseguono - anche in virtù dei 20 milioni di euro che la Protezione Civile ha assegnato al nostro comune. E come dimenticare le promesse fatte per i 23 appartamenti Erap? Che fine hanno fatto? Per non parlare delle 240 persone che vivono ancora nei container. Torniamo a chiedere con forza e determinazione la realizzazione di un campo Sae che soddisfi le reali esigenze dei cittadini, e si smetta di ripetere come un mantra che a Tolentino va tutto bene. Questo è un falso, come dimostrano l'impennata di decessi registrati negli ultimi mesi, sintomo di un disagio che le istituzioni rischiano di alimentare".

Rubano al centro commerciale, due donne finiscono in manette

21 Giu 2018
306 volte

I carabinieri del nucleo radiomobile di Macerata hanno arrestato due donne residenti in Ancona, rispettivamente di 27 e 30 anni, per furto aggravato in un negozio di abbigliamento nel centro commerciale “Corridomnia”.

Un dipendente del negozio, accortosi che le due si erano allontanate con abbigliamento non “transitando” per le casse, ha avvertito i carabinieri.

I militari, giunti sul posto, grazie alla puntuale segnalazione ed alla descrizione fornita, hanno rintracciato le donne nel piazzale del centro commerciale.

Le due, entrambe in stato interessante, dopo la perquisizione, sono state trovate in possesso di svariati capi di abbigliamento, tutti privi del sistema “antitaccheggio”, abilmente asportato, motivo per cui erano riuscite a guadagnarsi l’uscita senza fastidi.

La merce, per un valore di oltre 800 euro, è stata restituita al legittimo proprietario.

Le donne sono state arrestate con l’accusa di furto aggravato e poste ai domiciliari nelle loro abitazioni in attesa del processo.

f.u.

Piano rifiuti del maceratese: i sindaci dicono no al Css ma sí al biometano

21 Giu 2018
370 volte

Approvata all’unanimità la proposta del nuovo piano d’ambito per la gestione dei rifiuti: niente produzione di combustibile derivante da rifiuti indifferenziati (Css) e si alla realizzazione di un impianto per il biometano. 

Si tratta di un documento preliminare che ora dovrà essere sottoposto a valutazione ambientale e poi inviato alla Regione che dovrà esprimersi sulla congruità con il piano regionale per la gestione dei rifiuti. Poi si potrà procedere all’approvazione del piano definitivo.

Lo scorso gennaio la Oikos Progetti aveva presentato ai sindaci dell’Ata 3 la bozza del piano che aveva come obiettivi quelli di incentivare la riduzione della produzione di rifiuti e il conferimento in discarica. E poi proponeva la valorizzazione dell’indifferenziata (producendo al Cosmari il Css) e del cosiddetto “umido” (digestore anaerobico, ovvero un impianto per il biometano). L’argomento Css aveva provocato non poche polemiche e non era piaciuto a svariati sindaci e consiglieri regionali. Uno su tutti, Sandro Bisonni, che aveva presentato una proposta di legge per vietare la combustione dei rifiuti e di tutti i suoi sottoprodotti. 

provincia 2

Così ieri è stata presentata tutta una serie di modifiche della bozza iniziale: innanzitutto fra le priorità sarà il miglioramento delle condizioni ambientali nei pressi del Cosmari di Tolentino, con la conseguente riduzione dei disagi per chi abita in quel territorio. Si appresta a divenire una criticità la discarica di Cingoli, che è quasi piena. Le opzioni sono due: o si individua un altro sito da adibire a discarica nel maceratese, oppure si chiederà ad altri territori.

È stato confermato l’attuale impianto del Cosmari, esclusa la possibilità di produrre Css, e approvata l’ipotesi di realizzare un impianto per il biometano di dimensioni tali da trattare i rifiuti organici del maceratese e di altri contesti (ipotesi dell’ascolano e del fermano). Si anche ad un impianto per il trattamento dei rifiuti da spazzamento stradale al Cosmari “da destinare anche agli altri contesti territoriali; presso il polo sono oggi presenti strutture che potrebbero in un prossimo futuro ospitare nuove realizzazioni impiantistiche”.

“Dobbiamo essere consapevoli - ha detto il presidente della provincia Antonio Pettinari presentando la bozza - degli ottimi risultati ottenuti fin ora. Per questo documento è stato fatto un lavoro molto serio e approfondito”. 

Nonostante l’approvazione all’unanimità, qualche critica al documento non è mancata, ad esempio quella di Rosalba Ubaldi, vicesindaco di Porto Recanati: “Mi aspettavo un documento più coraggioso. Portare i rifiuti fuori dal territorio costa tanto e nell’epoca in cui viviamo oggi dobbiamo saper proporre soluzioni innovative, purché fatte, ovviamente in scienza e coscienza. Tanti territori hanno un loro termovalorizzatore - ha aggiunto - e non hanno problemi. Noi invece no, scartiamo questa ipotesi. Oltretutto, servirà una nuova discarica ma mi pare che nessuno la voglia in casa propria. Voterò a favore per rispetto dei colleghi che ci hanno lavorato, ma è una soluzione senza coraggio”.

provincia 4

Secondo il sindaco di Montecosaro, Reano Malaisi, mancherebbero delle soluzioni proiettate al futuro: “L’idea dei rifiuti zero non esiste più? Serve un percorso sulla riduzione dei rifiuti, abbiamo fatto tanti passi avanti nell’organizzazione e ne dobbiamo essere orgogliosi, ma produciamo ancora tanti rifiuti. C’è da dire ai cittadini che o si aprono discariche, o si fanno inceneritori oppure decidiamo di produrre meno rifiuti”.

Da sempre favorevole a stralciare il punto riguardante il Css, il sindaco di Belforte del Chienti, Roberto Paoloni che parla di un atto di coerenza rispetto alle decisioni prese in passato dall’ente: “Siamo ad un ottimo livello per cui è normale che facciamo difficoltà a migliorare ancora di più, e paradossalmente in questi casi si rischia di far peggio. Anni fa facemmo una scelta forte, di puntare sempre più in alto e oggi approviamo una bozza che è migliorativa, ad esempio grazie alla gestione anaerobica. Abbiamo dato seguito - ha sottolineato - alla decisione presa di non incenerire, anche se era la soluzione più semplice. Siamo stati coerenti”.

provincia 5

A vedere positivamente il documento anche Alberto Muccichini di Montelupone: “La gestione anaerobica è un punto molto interessante e da perseguire in maniera forte. Il trattamento dei soli rifiuti della nostra provincia non è vantaggioso quindi è giusto allargarci ad altri territori. La parte più debole è quella che riguarda i rifiuti indifferenziati e mi sembra che la Regione su questo non abbia le idee chiare. Non vedo ricerche nel settore”.  

provincia 3

Nel primo giorno di esami, Bussetti visita il Filelfo di Tolentino

20 Giu 2018
259 volte

Il nuovo Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti in visita a Tolentino.

Dopo aver incontrato i Rettori delle Università di Camerino e Macerata, il Ministro ha raggiunto la nuova sede dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Francesco Filelfo”, nella zona commerciale di Tolentino, dove i licei sono stati trasferiti dopo il sisma, per incontrare i circa 150 maturandi che avevano appena concluso la prima prova dell’esame di maturità, cimentandosi con uno dei diversi temi di italiano.

La rappresentante degli studenti Maria Elena Milantoni ha esposto al Ministro i problemi degli studenti che a causa del sisma si trovano a svolgere le attività scolastiche in situazioni che creano qualche difficoltà.

Il Ministro Bussetti ha ringraziato tutti gli studenti presenti e ha sottolineato l’importanza dell’esame che stanno affrontando, la prima vera prova della vita. Il Ministro ha anche sottolineato il coraggio, lo spirito e l’impegno che i ragazzi, così come gli insegnati e tutto il mondo scolastico, hanno messo per reagire alle problematiche provocate del sisma e ha rassicurato tutti annunciando la ripresa del processo di riorganizzazione di tutto il territorio.  

Subito dopo, il Ministro ha visitato i locali del Liceo Filelfo che sono stati ricavati negli ex uffici della società Quadrilatero e dopo aver incontrato i funzionari dell’Ufficio Scolastico si è intrattenuto con il Sindaco Pezzanesi, il Presidente Pettinari, la Dirigente scolastica Zenobi, gli Assessori Gabrielli e Massi per discutere del nuovo campus scolastico che dovrà ospitare tuttigli istituti superiori cittadini e dei vari problemi che stanno interessando le scuole dei Comuni terremotati, alle prese con riduzioni di classi, docenti e personale. In particolare è stato illustrato il progetto del campus e il Ministro ha condiviso l’importanza di realizzare una nuova struttura che sia completa e soprattutto rispondente alle esigenze formative degli alunni.  

Giulia Sancricca

Studenti toscani in alternanza scuola -lavoro, nelle zone del sisma dell'entroterra

20 Giu 2018
157 volte

Alternanza scuola lavoro come grande occasione di formazione per un gruppo di studenti toscani,  in trasferta nelle zone terremotate della Provincia di Macerata. Il gruppo è composto da 15 ragazzi e resteranno sul territorio fino a sabato 23 giugno; dormono in tenda in un camping di Fiastra con vista lago e Sibillini e pranzano nelle aziende dove sono destinati. Apprendono lavorando ma anche dando una mano alle aziende di un territorio che cerca di rialzarsi. Un'iniziativa organizzata dall'Istituto tecnico agrario di Firenze, in collaborazione con Coldiretti Macerata, che ha segnalato cinque aziende di Valfornace e Pieve Torina (dalle Sorelle Girolami, Maccario Aureli, all'agriturismo Roccamaia, all'azienda agricola Rivelli, all'allevamento di galline ovaiole bio di Alba Alessandri) ed elaborato insieme alla scuola i progetti di cooperative learning, guidati dai loro docenti Michele Cencini e Rosa Dimilta In questi giorni stanno affrontando dal vivo sia la gestione di mucche, pecore e galline ma anche l'aspetto della ristorazione nelle aziende che hanno ampliato la loro attività con l'agriturismo. Ieri, hanno incontrato i vertici provinciali di Coldiretti. Il presidente Francesco Fucili, la delegata dei Giovani Alba Alessandri e il direttore Giordano Nasini,  hanno parlato ai ragazzi di biologico, cucina, gestione dei pascoli ma soprattutto del modello agricolo maceratese messo a confronto con quello toscano, dei mercati di Campagna Amica e di tutte le battaglie di Coldiretti sull'etichettatura obbligatoria, sulla difesa della qualità del nostro Made in Italy. L'ha definita un'esperienza di crescita reciproca il presidente di Coldiretti Macerata, Francesco  Fucili: " L’ esperienza degli studenti toscani in provincia di Macerata – spiega- è già al secondo anno. Lo stesso Istituto,  vuoi per solidarietà vuoi per vicinanza alle nostre popolazioni colpite dal sisma, l'anno scorso aveva infatti mandato nelle nostre zone alcuni studenti per un primo progetto di alternanza scuola lavoro ancora un po’ embrionale. Visto l'andamento positivo dell'iniziativa-- continua Fucili-   grazie anche a fondi Por comunitari, hanno deciso di realizzare un nuovo progetto per avvicinare gli studenti dell'Istituto a quello che è il mondo rurale vero e proprio. Dalle stesse testimonianze dei ragazzi che abbiamo incontrato, si è infatti capito che, a differenza degli istituti agrari delle Marche, essendo la loro scuola incastonata nel centro storico di Firenze e non avendo un’azienda agraria vera e propria, dotata di serre, stalle, vigneti e terreni, il loro può essere solo un apprendimento terorico.   L' Essere arrivati  a fare pratica qui da noi nell'entroterra, in mezzo alle montagne più sperdute dove hanno trovato delle aziende agricole molto ben strutturate, li ha colpiti moltissimo e hanno intuito loro stessi che  a partire dai loro studi e applicandoli con serietà anche con delle attività agricole, si può dare un contributo alla crescita di un territorio come il nostro entroterra. Per i giovani toscani- conclude il presidente -  dunque due settimane intense durante le quali  hannopotuto  toccare con mano la vera agricoltura Maceratese; di sicuro torneranno entusiasti nella loro Firenze e,  insieme  ai docenti che li hanno accompagnati e sono stati i loro tutor non mancheranno di proporre nei prossimi anni per i ragazzi  del quarto anno dell'Istituto, il ripetersi di un’esperienza che è stata molto formativa per loro e, oltretutto,  abbiamo ricevuto dei 'feeddback' di riscontro positivo anche da parte dei nostri imprenditori , rimasti stupiti dalla serietà e dalla voglia di fare di questi giovani”.

C.C.

Il ministro Bussetti incontra i rettori delle quattro università marchigiane

20 Giu 2018
212 volte

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, ha incontrato presso il rettorato dell’Università di Macerata i quattro rettori delle Marche: Francesco  Adornato dell’Università di Macerata, Sauro  Longhi dell’Università Politecnica delle Marche, Claudio  Pettinari dell’Università di Camerino e Vilberto  Stocchi dell’Università di Urbino Carlo Bo.

Adornato, in qualità di coordinatore dei rettori delle Università delle Marche, ha porto il benvenuto al ministro esprimendo il ringraziamento per questa significativa scelta di essere venuto nelle Marche come primo impegno istituzionale.

L’incontro è stato positivo, perché sono state poste all’attenzione le problematiche delle Università marchigiane. Dal canto suo, il Ministro ha tracciato una linea di indirizzi che connoteranno il suo mandato di governo.

L’impegno reciproco è di tenersi in contatto e di costruire profili di connessione tra le università, il territorio e l’amministrazione centrale sui temi dell’istruzione e dell’università.

Il Rettore Unicam Claudio Pettinari, dopo aver illustrato al Ministro le problematiche inerenti il sisma, che hanno investito l’Università di Camerino e con le quali l’Ateneo si confronta quotidianamente, affrontando e risolvendo questioni e criticità legate alla ricostruzione dei luoghi e dei tessuti sociali che occorre sostenere, ha sottolineato come, da tempo, le quattro Università marchigiane siano fautrici di una sempre più stretta filiera che collega scuola, accademia e mondo del lavoro, ritenendo indispensabile e strategica questa sinergia.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo