Polivalente e San Nicola, proseguono le polemiche

12 Dic 2018
115 volte

Proseguono le polemiche sulla riapertura della basilica di San Nicola e, accanto a queste, arrivano quelle per l’inaugurazione del nuovo campo polivalente per il villaggio container.

Come scrive Città in Comune: “Siamo in tempi di inaugurazioni, fasce tricolori, autorità in divisa o non, popolo plaudente. La navata della basilica di San Nicola e ora il nuovo parco gochi polivalente con verdissima erba sintetica, una casetta con due scivoli per i bambini sotto i 4 anni, un dondolo (alla faccia della polivalenza), al Villaggio Container di Tolentino.

Ameno villaggio di container - denuncia l’associazione— ossia contenitori, di esseri umani, che tutta la città invidia per i confort che garantisce: ampio parcheggio, aria condizionata d'estate e riscaldamento in inverno, mensa comune e anche gabinetti e docce in comune con acqua calda corrente - proseguono provocatoriamente - . Centri commerciali nelle vicinanze. Sala comune per attività ricreative. 
E ora anche il parco giochi. I cittadini di Tolentino e dintorni sono invitati a visitare tutto questo“.

Un messaggio sarcastico quello dell’associazione nata dopo le passate elezioni amministrative e che lo scorso mese di ottobre ha presentato un dossier sulla situazione della città dopo il terremoto, denunciando, tra le altre, anche la situazione dei containee a Tolentino.

GS

"Storia del presepe da Greccio a Carlo di Borbone". Al via, incontriamoci in Archivio di Stato

11 Dic 2018
72 volte

Avvicinandosi le festività natalizie, nelle case torna protagonista il presepe Ogni famiglia ha il suo modo di realizzarlo; vicino al camino, in una nicchia del muro o nelle disposizioni più composite e articolate . Puntuale ogni anno, a scaldare gli ambienti natalizi arriva la riproduzione della Natività. Una storia tutta italiana quella che nel tempo ha reso l’arte del presepe un vero e proprio rito che si ricollega ad una tradizione antica di quasi 800 anni fa. Sarà interessante scoprirne le origini, partecipando a “Storia del presepe da Greccio a Carlo di Borbone”, iniziativa che apre la serie di appuntamenti a cadenza mensile “Digiovedì- incontriamoci in Archivio”. Da dicembre alla prossima primavera inoltrata, ideati dalla sezione dell’Archivio di Stato per far conoscere i suoi tesori documentari, gli incontri verranno ospitati nella sede di via Venanzi. Incentrati di volta in volta su vari argomenti illustrati da diversi relatori, avranno inizio alle ore 16.30. Il via questo giovedì 13 dicembre con l’ appuntamento che vede coinvolta la sezione Archeoclub di Camerino, in collaborazione con altre associazioni cittadine.“Come tutti gli appuntamenti mensili –spiega la presidente Fiorella Paino- anche in questa prima chiacchierata del 13 dicembre, partiremo da un documento d’archivio che verrà presentato da Daniela Casadidio. Personaggio per così dire storico dell’Archivio, sarà lei ad illustrarci di volta in volta il materiale documentario. Con il ciclo di incontri si è voluti partire nel mese di dicembre e - continua Fiorella Paino-, quale argomento migliore se non quello dei presepi; tanti gli accenni a questa tradizione contenuti nei documenti che, strada facendo nelle sue ricerche, Daniela Casadidio ha trovato. Credo che si tratti di un’iniziativa interessante, per una significativa istituzione culturale della città che tra l’altro, ha aperto i propri battenti qualche mese fa”.

C.C.

 

San Severino: furto di un furgone. Ritrovata l’auto rubata domenica

11 Dic 2018
318 volte

Rubato un furgone a San Severino. Era di un idraulico 60enne che stava caricando gli attrezzi. Si trovava in viale Europa, nel tardo pomeriggio di oggi, al termine di una giornata di lavoro. L’uomo stava mettendo nel mezzo, un Citroen Berlingo azzurro metallizzato, gli attrezzi del lavoro ma qualcuno ai è introdotto nell’abitacolo ed è partito. 

La famiglia ha anche segnalato l’accaduto su facebook qualora qualcuno notasse il furgoncino, e denunciato l’accaduto alla locale stazione dei Carabinieri. Il danno è quantificato in circa 10mila euro.

Evento simile era successo domenica quando un uomo ha parcheggiato di fronte al bar di viale della Resistenza ed è sceso lasciando le chiavi inserite sul cruscotto. Quando è uscito però l’auto, un vecchio modello della Citroën C3 del valore di circa mille euro, non era più lì. Anche in quel caso è stata sporta denunciata nella caserma di San Severino e l’auto è stata ritrovata oggi nello stesso posto in cui il proprietario l’aveva parcheggiata, ma senza chiave inserita.

g.g.

Emanuele Tondi: perdere il finanziamento o compiere atto illegittimo??

11 Dic 2018
238 volte
Progetto QIP Comitato Sisma Centro Italia. Problematiche sulle procedure richieste per il finanziamento
La scelta è difficile, perdere il finanziamento per la propria comunità oppure compiere un atto illegittimo sotto il profilo giuridico e contabile. Questo è quanto si trovano a decidere i Sindaci che hanno partecipato al bando QIP del Comitato Sisma Centro Italia e che hanno visto finanziato il proprio progetto. Per aiutare le popolazioni dei territori delle regioni Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo, colpite dagli eventi sismici iniziati il 24 agosto 2016, Confindustria e le Segreterie Generali di CGIL, CISL, UIL hanno istituito un Comitato (https://www.comitatosismacentroitalia.org/) che ha raccolto donazioni liberamente effettuate dai Lavoratori e dalle Imprese. Il fondo raccolto, di circa 7 milioni di euro, è stato investito in progetti QIP e IMP rivolti ai Comuni e alle imprese del Cratere. Dopo la prima tranche di progetti ammessi al finanziamento, arriva la seconda con una variazione alla procedura che di fatto rende impossibile ai Comuni di accedere al contributo erogato.
Dopo la notifica dell’avvenuta assegnazione, infatti, il Comitato comunicava i documenti da produrre, tra i quali una polizza fideiussoria a garanzia dell’anticipazione dell’80% del contributo economico concesso, da stipulare esclusivamente con Banca Popolare Etica di Ancona la quale subordina, tale fidejussione, all’apertura di un conto dedicato presso il loro Istituto con costi rimborsabili al Comune a valere sul contributo concesso.
Il Comune, sotto il profilo contabile, è soggetto agli obblighi della tesoreria unica e, per legge, può aprire conti diversi, solo per le seguenti casistiche: anticipazione di tesoreria e cassa economale, ne consegue che, se l’Ente dà seguito alla richiesta del Comitato Sisma, pone in essere un atto illegittimo sotto il profilo giuridico e contabile.
Di qui la richiesta formulata dal Comune di Camporotondo di Fiastrone al Comitato di procedere, come tra l’altro già consentito ai progetti finanziati nella prima tranche del medesimo Bando, alla sottoscrizione della relativa convenzione tra le parti per l’attuazione del progetto ammesso a finanziamento, senza obbligo di stipula della fideiussione, che può essere superata, anticipando i costi di realizzazione con fondi di bilancio del Comune ed accettando di ricevere il contributo solo a rendicontazione finale del progetto.
La risposta data del Comitato Sisma, imperativa ed inderogabile, assolutamente chiusa a riconoscere la posizione del Comune impossibilitato ad agire secondo gli indirizzi forniti in quanto illegittimi, è stata: ”Non è prevista deroga alla prassi indicata”.
Si chiede quindi un intervento affinché i Comuni siano posti nelle condizioni di ottenere il contributo operando correttamente.
 
Emanuele Tondi
Sindaco di Camporotondo di Fiastrone

Pieve Torina. "Un sogno che si realizza"

11 Dic 2018
288 volte

"Abbiamo realizzato un sogno. La Fondazione Rava ha ridato dignità alla mia comunità". Con queste parole il sindaco di Pieve Torina Alessandro Gentilucci ha salutato e ringraziato la Fondazione che ha permesso la realizzazione, grazie ai suoi partner, della nuova scuola per l'infanzia inaugurata stamattina.

infanzia pieve torina 3

A sostenere il progetto tantissimi benefattori fra cui Aci Marche, Diagc, Cgil, Cisl, Uil, Legacoop, Consorzio mozzarella di bufala campana, Q8 Italia, Moncler, Fondazione Milan, Piaget, Unicredit, Kartell, Premio Feltrinelli Accademia dei Lincei e l’associazione avvocati.

Madrina dell’evento è stata Miss Italia, Carlotta Maggiorana, Franco Baresi, ambassador della Fondazione Milan e il vincitore di X Factor 2017 Francesco Licitra. 

Non è potuta mancare Paola De Micheli, ex commissario straordinario per la ricostruzione, e con lei, anche il nuovo commissario, Piero Farabollini, il vicepresidente della camera Rosato e il presidente della Regione Luca Ceriscioli. A benedire la struttura, il vescovo emerito monsignor Francesco Giovanni Brugnaro.

(Paola De Micheli)

infanzia pieve torina 8

(Piero Farabollini)

infanzia pieve torina 9

“Sono contento - ha affermato il sindaco - perché abbiamo realizzato un sogno. Questa scuola è nata sopra alle macerie. La mia comunità è resiliente, so che ce la possiamo fare e questo dono per i più piccoli, che sono il nostro futuro è splendido per il Natale che sta arrivando, rappresenta l’investimento di una comunità. La ricostruzione - ha aggiunto - stenta a ripartire, qui la comunità è stata azzerata e gli va data una risposta. Qui - ha concluso rivolgendosi alla Fondazione Rava - voi avete ridato dignità alla mia comunità. Le cose definitive come questa sono il punto di partenza”.

Il progetto per la scuola, estremamente innovativa e all’avanguardia anche dal punto di vista energetico e ambientale, è stato realizzato da Unicam. 

g.g.

Infanzia pieve torina

infanzia pieve torina 4

infanzia pieve torina 6

infanzia pieve torina 7

(Le rappresentanti della Fondazione Rava)

infanzia pieve torina 2

Super Sciame Dance - Pievebovigliana, in onda su Radio C1in blu

11 Dic 2018
125 volte
Studiovuoto brinda con gli abitanti e le api di Pievebovigliana e vi invita alla festa dell'alveare Super Sciame Dance!
Venerdì prossimo alle 19.50 e poi sabato 15 e domenica 16 alla stessa ora andrà in onda Super Sciame Dance - Pievebovigliana 2018, l'audio documentario da ballare che è nato dall'incontro con gli abitanti di Pievebovigliana e dalla collaborazione con le associazioni La città bambina (Firenze), Les Friches (Macerata) e la rete S.L.U.R.P  - Spazi Ludici Urbani a Responsabilità Partecipata,  per il progetto s.c.i.a.m.e. (spazio costruito insieme aperto a molteplici esperienze).
Super Sciame Dance - Pievebovigliana 2018 può essere ascoltato sulle frequenze di Radio C1 inBlu (a Pievebovigliana 103.0 fm) oppure via streaming tramite la pagina del sito dell'Appennino Camerte www.appenninocamerte.info
 
sc

Lo sciame sa quando è il tempo. lo sciame si prepara. lo sciame lascia, cerca, decide, sceglie. trova un nuovo spazio. lo sciame fa spazio. lo sciame ricomincia. lo sciame è la base. un gruppo di persone è più della somma dei suoi singoli elementi.

sciamare. vivere. insieme. fare il miele. rifondare sé stessi insieme agli altri. rifondarsi comunità.

E’ il 2016. Il terremoto è tornato dopo vent’anni ed ha sconvolto le vite degli abitanti delle zone colpite. A Pievebovigliana gli abitanti hanno lasciato il loro paese e le loro case per lungo tempo, da poco molti di loro sono tornati, a ricominciare una vita nel luogo in cui hanno sempre vissuto. Come le api hanno sciamato, come le api si sono aiutati, come le api di questo tempo difficile per la Terra hanno avuto problemi che sovrastano le possibilità di ognuno. Piano piano ritrovano il ritmo dell’abitare, lo sguardo, l’azione, e la visione, perché la comunità insieme possa sentire la sua forza ed il miele prezioso di cui da sempre è capace. Ispirati dalle api il 6 di ottobre del 2018 come loro hanno danzato insieme in una bella festa, accogliendo la proposta di artisti e associazioni che negli ultimi due anni hanno fatto con loro un pezzo di strada. Super Sciame Dance - Pievebovigliana 2018 è la playlist della festa di questo nuovo alveare in costruzione, un audio documentario da ballare che esplora il farsi del nuovo dialogo tra spazio, comunità, e territorio a Pievebovigliana.

*

Nella prima settimana di ottobre del 2018 si conclude collettivamente il progetto s.c.i.a.m.e. (spazio costruito insieme aperto a molteplici esperienze), percorso partecipativo per la trasformazione in autocostruzione del cortile della nuova scuola elementare prefabbricata portato avanti dalle associazioniLa città bambina (Firenze) e Les Friches (Macerata) cui hanno preso parte gli abitanti di Pievebovigliana, i bambini e le maestre della scuola elementare del paese, e nell’ultima fase i gruppi della rete S.L.U.R.P. (Spazi Ludici Urbani a Responsabilità Partecipata): Cantieri Comuni (Roma), Lemur (Bcn), Todo (Sicilia), i nomadi Senza Studio e Studiovuoto,  e il Giardino del Guasto (Bologna).

Super Sciame Dance- Pievebovigliana 2018 è un audio documentario da ballare di Valeria Muledda / Studiovuoto che nasce con la festa danza collettiva proposta da Studiovuoto per la conclusione del progetto. Si tratta di un’indagine documentaria dell’abitare che si fa azione collettiva, danza come arte pubblica che diventa festa liberatoria dell’urbano e della storia che scriviamo negli spazi in cui viviamo.

Le api ispirano l’azione danzante di Super Sciame Dance per le loro modalità comunitarie, il loro linguaggio, le loro danze legate al nutrimento collettivo, la loro “intelligenza di sciame”, la loro realtà sonora. Danzare è abitare, danzare insieme è abitare insieme. Super Sciame Dance è la danza delle api umane che celebrano e gioiscono la propria comunità in creazione. E’ ronzare forte l’alveare per sentire il gusto di un’altra vita urbana.

Super Sciame Dance è parte di SCIAME (2017, in progress, Studiovuoto)processo nomade di partecipazione e creazione condivisa con al centro le api, la comunità alveare e la comunità umana, il territorio; è un percorso in cui il modo di vivere delle api ispira il processo stesso, le sue pratiche condivise, le relazioni, lo spazio che ne emerge. SCIAME inizia il suo viaggio nel 2017 in Catalogna, a Barcellona, prosegue nel delta del fiume Ebro e a El Perelló, il villaggio del miele, e a Pievebovigliana, in Italia, nel 2018.

SCIAME

 

Ricostruzione scuola Betti. "Stallo inaccettabile". Pasqui pretende chiarezza.

11 Dic 2018
277 volte

Dopo l'abbattimento della ex sede dei Licei Linguistico e Pedagogico a San Paolo, effettuata  per fare posto alla nuova scuola destinata ad ospitare le elementari e le medie del plesso Betti, il sindaco di Camerino punta il dito su una situazione di stallo diventata intollerabile, chiedendo chiarezza,  rispetto istituzionale e una risposta concreta sulla reale volontà di ricostruzione. Lo aveva fatto anche in occasione dell'inaugurazione del Sottocorte Village, con un intervento dai toni accesi. Oggi ci ritorna, rendendo pubblico il testo della lettera appena inviata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Commissario Speciale per la Ricostruzione e al Responsabile del Progetto Scuole della Struttura Commissariale "per avere chiarezza su una situazione che sta diventando inaccettabile per una comunità che tutti i giorni lotta e lavora per garantirsi un futuro. In quell’occasione - afferma in una nota il sindaco- ho detto anche che non avremmo fatto più sconti, ammesso che fino ad ora ne siano stati fatti attraverso un atteggiamento di rispetto istituzionale e piena volontà di collaborazione. Non ci siamo mai fermati e continuamente abbiamo chiesto chiarezza e concretezza. Spesso nel massimo rispetto della riservatezza istituzionale. Ma a quanto pare non basta.  Mi riferisco, nello specifico, alla ricostruzione della Scuola Betti che, ad oggi, è solo un piazzale vuoto, per altro privato di una struttura che sarebbe anche potuta tornare utile, ma che abbiamo dovuto abbattere proprio per poter garantire la costruzione di una nuova scuola, così come previsto dall’Ordinanza 14". 

Il testo della lettera inviata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Commissario Speciale per la Ricostruzione e al Responsabile del Progetto Scuole della Struttura Commissariale

“Si fa seguito ai numerosi solleciti in merito allo stato di attuazione del nuovo polo scolastico ‘U. Betti’ per ribadire che è vergognoso ed imbarazzante, per tutte  le istituzioni coinvolte, poter giustificare una situazione che vede ,a distanza di quasi due anni dall’ emanazione dell’ ordinanza commissariale n. 14 , un ritardo ingiustificabile ed inaccettabile  nella procedura di realizzazione dell’opera in oggetto. Da più di un anno, su indicazione di codesta struttura commissariale, questa Amministrazione ha provveduto all’abbattimento dell’ ex scuola ‘S. D’ acquisto’ e messo a disposizione l’ area necessaria per  la costruzione della nuova scuola ‘Betti’. Sembrava che l’ iter per l’ inizio dei lavori fosse ormai prossimo. Ad oggi non vi sono risposte certe in merito all’ appalto dei lavori e al relativo cronoprogramma . Tale situazione, divenuta ormai insostenibile, deve trovare un immediata risposta che si traduca in fatti concreti.

Con la presente  sono a chiedere un urgente riscontro  in merito all’ inizio dei lavori e alla tempistica per la realizzazione della nuova scuola ‘Betti’”.

Il sindaco di Camerino

Gianluca Pasqui

Parco giochi al villaggio container. Domani l’inaugurazione

11 Dic 2018
44 volte

Sarà inaugurato domani, alle 17.30, il nuovo parco giochi polivalente realizzato all’interno del Villaggio Container, in via Colombo, a Tolentino.

L’amministrazione comunale, grazie alla Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia che hanno donato la struttura, con il contributo di Truck Team Tolentino, RotaractTolentino, Vab Marche e Metal Detector Marche, Umbria ed Abruzzo, Milan Club, Chiesa Battista e Ditta Del Bello Fernando che ha eseguito i lavori, ha potuto realizzare un’area verde attrezzata con un campo da gioco in erba sintetica e giochi per i più piccoli.

Il parco giochi polivalente sarà a servizio di tutti i bambini che si trovano a vivere, a causa del sisma, nell’area container e che, dai prossimi giorni, potranno contare su una zona, completamente recintata che garantirà loro di giocare in tutta sicurezza.

Un progetto fortemente voluto dal sindaco Pezzanesi per favorire momenti di svago e attività sportiva, che offre ulteriori servizi alle famiglie del Villaggio Container e che è stato realizzato grazie all’impegno e alla solidarietà delle Chiese Evangeliche italiane oltre a tanti importanti e sensibili sponsor.

GS

Un male incurabile, muore mamma di 46 anni

11 Dic 2018
938 volte

Il male contro cui combatteva da tempo non ha lasciato scampo alla mamma di 46 anni di Tolentino scomparsa questa mattina all’hospice si San Severino dove era ricoverata.

Elisabetta Campilia viveva a Tolentino, in contrada Cisterna, insieme a suo marito Giorgio Maccari, titolare di una impresa edile, e ai suoi tre figli, Riccardo, Lorenzo ed Elena.

In lutto non solo Tolentino dove la donna era impegnata nella parrocchia di San Catervo, ma anche Pollenza dove era nata.

La camera ardente è stata allestita nella sua abitazione, mentre i funerali sono in programma domani, alle 15, nella chiesa dello Spirito Santo a Tolentino.

GS

A Tolentino si sono accese le fiaccole per #Dirittiatestaalta

10 Dic 2018
76 volte

E' stata Tolentino la terza piazza marchigiana, in tutta Italia ne sono state circa 80, ad accendere le fiaccole per la manifestazione #Dirittiatestaalta

Anche Macerata, infatti ha aderito all’iniziativa promossa oggi da ActionAid ItaliaAmnesty International - ItaliaCaritas ItalianaEMERGENCY e Oxfam Italia per celebrare insieme il 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e ricordare il suo valore.

Dalle 18.30 in piazza della Libertà a Tolentino e in oltre 80 città italiane per ribadire i contenuti e i valori della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Tra le associazioni che hanno organizzato la manifestazione erano presenti anche molti gruppi e comitati del posto come l'Anpi, l'associazione Basket Tolentino e il Comitato 30 ottobre.

E' stata l'occasione per leggere i trenta diritti e alle 19, come nelle altre piazze d'Italia, sono state accese le fiaccole e tutti i partecipanti, all'unisono, hanno recitato il primo diritto.


GS

A Bruxelles la presentazione del progetto "Justice" con Unicam capofila.

10 Dic 2018
272 volte

Tutto pronto per la presentazione del progetto incentrato sulle nuove regole europee in materia di rapporti patrimoniali tra coniugi e nelle unioni registrate. Il progetto, coordinato dalla Prof.ssa Lucia Ruggeri, direttore della Scuola di Specializzazione in Diritto civile di Unicam, è stato finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Justice.

L’Università di Camerino è capofila di un partenariato internazionale che vede coinvolte le Università di Rijeka (Croazia), Almeria (Spagna) e Lubiana (Slovenia) e la Fondazione Scuola di Alta Formazione Giuridica, presieduta dal prof. Pietro Perlingieri.

 

La presentazione avverrà a Bruxelles il prossimo 14 dicembre con un meeting aperto alla stampa durante il quale verrà presentato il portale e saranno descritte le principali tappe del progetto (l’evento sarà fruibile in diretta via Facebook alla pagina PSEFSproject e su WEBEX UNICAM). In due anni sono previsti incontri con giudici, avvocati e notai negli Stati coinvolti nel partenariato e l’elaborazione di materiale informativo diretto alle coppie interessate dalla nuova regolamentazione che entrerà in vigore il prossimo 29 gennaio.

Si tratta di due regolamenti europei che introducono possibilità di scelta della legge applicabile ai rapporti patrimoniali quando i coniugi o i conviventi appartengano a nazioni diverse.

 

La crescente transnazionalità delle famiglie europee ha reso necessario questa nuova regolamentazione e i team del progetto lavoreranno con campioni di famiglie per sviluppare modulistica e schede informative multilingue, in un linguaggio semplice che possa essere compreso da tutti. Durante la giornata di lancio si svolgerà una conferenza che vedrà la partecipazione di giudici della Corte di Giustizia, esponenti di associazioni di avvocati che si occupano di diritto di famiglia, professionisti, esperti e studiosi provenienti da diversi Paesi europei. I lavori saranno aperti da Michael Wilderspin, Membro del Servizio Legale della Commissione europea, cui seguiranno gli interventi dei giudici Marko Ilešič e Vesna Tomljenović. Per la Croazia sarà presente il segretario di Stato del Ministero della Giustizia Kristian Turkalj, mentre per l’Italia parlerà Paolo Bruno, della Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’Unione Europea. Alla conferenza seguirà un dibattito che vedrà coinvolti oltre cinquanta partecipanti provenienti da diversi paesi europei i quali supporteranno i lavori del progetto come esperti esterni.

Coppia settempedana nei guai. Avevano 200 grammi di marjiuana in casa

10 Dic 2018
1304 volte

Una influencer e un operaio nei guai. Denunciati dai Carabinieri di San Severino per detenzione ai fini di spaccio. È accaduto nel finesettimana, protagonisti un operaio 26enne, L.B., e la sua compagna M.D., influencer in Instagram.

L’operazione che ha portato al recupero di circa 200 grammi di marijuana è scaturita a seguito di mirati servizi di osservazione e pedinamento effettuati nel corso delle settimane precedenti nei confronti dell’uomo, operaio di origini bolognesi, i cui movimenti e spostamenti, ricostruiti dai militari, hanno destato fondati sospetti in relazione ad una fiorente attività di spaccio al dettaglio svolta in concorso con la compagna convivente.

La raccolta degli elementi a supporto dell’ipotesi investigativa veniva accolta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Macerata, che emetteva decreto di perquisizione domiciliare a carico della coppia, eseguito dai Carabinieri in concomitanza delle festività, eventi in cui la maggior richiesta dei consumatori richiede una disponibilità superiore da parte dei “fornitori”.

All’interno dell’abitazione, occultati all’interno di un armadio nella camera da letto, venivano rinvenuti diversi involucri e contenitori con all’interno la sostanza stupefacente, per un peso complessivo di circa 200 grammi, pronta per essere suddivisa in dosi ed immessa nel mercato, per un valore complessivo di circa 2mila Euro.

La giovane coppia, fino ad oggi incensurata e che si è riservata di nominare un avvocato di fiducia, dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

g.g.

San Severino: si accendono le luci sulla Città delle Meraviglie. "Ma accendetele anche nella vostra vita"

09 Dic 2018
369 volte

Accensione delle luci natalizie ma nel rispetto delle vite spezzate a Corinaldo. 

San Severino ha celebrato così, sabato pomeriggio, la giornata dell’Immacolata, con l’accensione dei 50mila led che adornano la piazza e le principali vie del centro. 

Avrebbe dovuto esserci musica dal vivo sia sabato che domenica, e la partecipazione di Miss Italia Carlotta Maggiorana ma l’amministrazione, d’accordo con Brp Eventi che ha organizzato tutto il calendario delle festività, ha preferito annullare gli appuntamenti. 

Presenti, al fianco del sindaco Rosa Piermattei, il cardinale Edoardo Menichelli, Roberto Buratti di Brp, il vicesindaco Vanna Bianconi, gli assessori Paolo Paoloni e Jacopo Orlandani, il presidente del consiglio comunale Sandro Granata e Giusy Minnozzi di Multiradio, partner dell’intero programma.

Tanti i settempedani presenti che poi hanno affollato il piccolo villaggio allestito al centro della Piazza del Popolo.

"Una cerimonia delicata, per i bambini - ha detto Piermattei - perché è giusto che loro ricordino sempre il Natale come una grande festa. Noi le dedicheremo a tutti quei ragazzi che purtroppo non ci sono più. Ci siamo sentiti in dovere di fare le cose sottotono per essere vicini e rispettosi alle famiglie. Avremo sicuramente un bellissimo Natale e vi auguro una grande pace e serenità, vi chiedo di dare valore alla vita".

Anche il cardinale ha voluto dedicare un pensiero alle vittime della tragedia di Corinaldo: "Torno ad una parola, la luce. E io voglio affidare un pensiero molto semplice, soprattutto ai ragazzi. Bisogna che noi accendiamo un po' di luce per la vita, perché in molti casi sono spente. Noi festeggiamo il Natale - ha ricordato - perché è nato Gesù e considerando i fatti avvenuti questa notte vorrei ricoradre a tutti di essere capaci di far sì che la vostra vita sia piena di luce. L'esagerazione non porta mai a niente di positivo".

g.g.

 

 

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo