Ad Unicam, l'intitolazione di un'aula e una giornata di festa nel nome di Noemi Avicolli

14 Lug 2017
11395 volte

Un’aula e una giornata di festa dedicate a Noemi Avicolli, in memoria delle sue passioni, delle sue idee e del suo sorriso. Aperta da una toccante cerimonia con l’intitolazione di un’aula della Scuola di Bioscienze e Medicina Veterinaria in via Gentile III da Varano, la giornata è proseguita al Campus universitario, con il Footprints Festival, organizzato  dai ragazzi di ESN Aure Camerino, per ricordare la loro amica Noemi, rimasta vittima a soli diciannove anni di un terribile incidente sulla A1 nell’aretino.

Era il 26 novembre 2016 e, soltanto poche ore prime, insieme al padre e alla nonna. la giovane aveva festeggiato a Milano  il traguardo della laurea del fratello Matteo. Stavano tornando in auto, quando la felicità della famiglia è stata spezzata. Nell’incidente aveva perso la vita anche la nonna della ragazza. Originaria di Isernia, Noemi Avicolli era iscritta al primo anno di Bioscienze e Biotecnologie, all’università di Camerino.

Alla cerimonia di intitolazione, presieduta dal rettore Flavio Corradini e dal Direttore della Scuola di Bioscienze e Medicina Veterinaria prof Guido Favia, erano presenti il fratello Matteo e il papà della giovane, Giovanni Avicolli, giornalista e in forza al Consiglio europeo di Bruxelles. Nel nome di Noemi, preannunciato anche il progetto di una borsa di studio annuale da assegnare a due studenti della Scuola di Bioscienze e biotecnologie. L’iniziativa, abbracciata dall’ateneo, si deve ai genitori degli alunni della Scuola Europea di Bruxelles, dove nel 2015, Noemi Avicolli ha conseguito la maturità

IMG 20170713 154028 800x695

 

intitolazione Noemi 2 800x600

 

“Noemi oggi fisicamente non è qui, ma entrando in questa sala si percepisce e si continuerà a percepire la sua presenza- ha detto il rettore Corradini-, Ovunque palloncini colorati, tanti amici, ragazze e ragazzi insieme a giovani di associazioni di volontariato. Siamo qui a porre in risalto il ruolo di una persona all’interno di una comunità e della società; ciascuno di noi si mette a disposizione e ciascuno ha un passato un presente e un futruro, che è infinito,come anche oggi abbiamo voluto rappresentare, dedicando un’aula ad una giovane studentessa di Unicam. Noemi l’avremo sempre nel cuore e chiediamo a lei di continuare a pregare e benedire  le nostre studentesse e studenti. Io posso solo ad immaginare cosa si possa provare per la mancanza di una figlia e di una sorella. La presenza del papà e del fratello ci rende felici e ci onora; auspichiamo che la famiglia di Noemi e lei stessa continuino a stare con noi per il prossimo futuro”.

L’iniziativa della dedica, si deve innanzitutto al prof .Guido Favia, la cui idea, scaturita  poco dopo aver appresso del dramma, ha subito trovato condivisione negli amici e volontari dell’ associazione camerte  IoNonCrollo, della quale la stessa giovane era parte attiva. “ A quel punto- ha dichiarato Favia- ci siamo preoccupati di sapere se anche Giovanni Avicollii potesse essere d’accordo. La sera del 21 dicembre ci siamo sentiti al telefono; una telefonata molto intensa che ha lasciato il segno. Rimasto ferito nell'incidente, abbiamo solo atteso che migliorassero le sue condizioni di salute  e si è pensato che il 13 luglio fosse la giornata migliore, coincidendo la data con le Lauree di BioScienze e Biotecnologie, corso frequentato dalla stessa studentessa. L’aula che le abbiamo dedicato, credo che potrà legare Noemi in maniera indelebile all’università di Camerino e perpetuarne il ricordo.  In più – ha aggiunto Favia- è  accaduto che mentre io proponevo l’iniziativa dell’intitolazione, il suo papà ne proponesse un’altra.  E così si è arrivati a stringere anche un accordo  per due borse di studio  che vorremmo riuscire ad attivare dal prossimo anno accademico. Ringrazio i familiari di Noemi per tutti gli insegnamenti che mi hanno dato in questi pochi mesi e, insieme a loro, ringrazio anche i giovani studenti che hanno dato vita a questa giornata di ricordo”.

“ Sono grato all’università di Camerino e ai ragazzi che hanno pensato ad una festa da dedicare a mia figlia- ha detto Giovanni Avicolli- ; ringrazio in particolare il Magnifico rettore Flavio Corradini e il prof. Favia che ha avuto l’idea di intitolare l’aula. Quando il professore me ne ha parlato ho provato una grande gioia. In questi mesi ho potuto scoprire meglio la personalità della mia Noemi, una ragazza benvoluta da tutti. Ho appreso di cose che lei faceva che ignoravo, compresa la capacità di attrarre nuove amicizie; grazie anche  ai mezzi di comunicazione sociale, era riuscita a creare dei gruppi idealmente uniti tra Isernia, Camerino e Bruxelles. Prova ne sia che oggi sono qui ragazzi venuti da Bruxelles e da Isernia e che il contatto tra di loro persiste. La capacità di Noemi di amalgamare piuttosto che dividere, è qualcosa che ho scoperto di recente e che mi riempie di gioia. L’idea delle borse di studio, alla quale ho aderito subito, mi è stata comunicata  per iniziativa di alcuni genitori  della scuola europea che Noemi frequentava a Bruxelles. Genitori di amici e compagni di studi di Noemi, si sono uniti per raccogliere dei fondi. Hanno creato l'associazioneDomani per Noemi Avicolli” che servirà a finanziare le borse di studio per studenti dell’università di Camerino. L’amore per le materie scientifiche e il fatto che il Corso di laurea fosse in inglese avevano portato mia figlia ad iscriversi a Camerino. Noemi si era da subito innamorata di questa città , tanto  che si era decisa a rimanervi anche dopo il terribile terremoto del 26 ottobre. Da genitore le avevo chiesto cosa intendesse fare e lei , partecipando anche alle attività dell’associazione IoNonCrollo, non aveva esitato un attimo nel dirmi che sarebbe rimasta.

Noemi era fortemente integrata nel tessuto, non solo universitario ma anche della città, per questo ho subito accolto con grande emozione l’’idea di intitolarne un’aula. Chi l’ha conosciuta potrà pensare che in qualche modo Noemi sarà ancora presente. Auguro all'università di Camerino e alla sua città di ricostruire sulle macerie e di riprendere un cammino spedito verso il futuro".

“ Quello che si prova non è facile da esprimere- ha detto il fratello Matteo- Mi  fa piacere vedere qui riunite tante persone che prima non conoscevo ma che mi auguro di non perdere. Le ringrazio per la risposta inaspettata e la vicinanza che ci hanno trasmesse. E’ un abbraccio che mi terrò sempre stretto.”

Intense e toccanti anche le parole dei giovani studenti e amici di ESN Aure Camerino, la cui presidentessa Sofia Calamita, ha consegnato un omaggio ai familiari di Noemi.

consegna omaggio

“Per ricordare la nostra amica – ha affermato Camilla- abbiamo pensato ad una giornata  gioiosa, piena delle idee e delle passioni che non è riuscita a realizzare:  laboratori artistici, concerti e jam session una mostra fotografica dedicata alla città di Camerino e a Noemi. Un Festival chiamato Footprints che significa impronta: un qualcosa che rimane, come Noemi che resterà sempre con noi, come Camerino, città che ci ha accolto e che, nel chiamarci a reagire alle difficoltà, ci ha fatto capire quello che possiamo essere”

C.C.

papa Noemi

pubblico Noemi

Montecassiano solidale: ottomila euro per la ricostruzione di Pieve Torina. Dal Velo Club un aiuto concreto per la nuova scuola materna

13 Lug 2017
503 volte

Quasi ottomila euro per sostenere la ricostruzione di Pieve Torina. È questa la somma raccolta da Montecassiano per i terremotati del piccolo comune dell’entroterra, tra i più colpiti dal sisma. Grazie al grande cuore delle associazioni, insieme al contributo stanziato dal Comune, è stato possibile raccogliere 6.606,90 euro a cui si aggiungono altri 1.200 euro raccolti dal Velo club lo scorso 2 giugno in occasione del B.C.giro. Questa mattina sono stati consegnati proprio i milleduecento euro. Al momento della consegna della somma dal sindaco di Montecassiano Leonardo Catena al collega di Pieve Torina, Alessandro Gentilucci, erano presenti Graziano Pallotto e Sergio Latini del Velo club. Il contributo donato sarà utilizzato per la nuova scuola materna.

Nei mesi scorsi anche altri comuni (Bolognola e Tolentino) sono stati aiutati dalle associazioni e molti sono stati gli interventi della protezione civile comunale nei comuni del cratere. “Con Montecassiano solidale – ha commentato il primo cittadino Catena – vogliamo continuare a manifestare concretamente la nostra vicinanza, auspicando che questi territori duramente colpiti dal sisma tornino a vivere pienamente”.

Regione Marche: dietro front su pista ciclabile. Niente sms solidali per finanziarla ma risorse strutturali europee

13 Lug 2017
1126 volte

“Il gesto della donazione è una scelta preziosa e importante che la politica e le istituzioni hanno il dovere di preservare" Così il presidente della regione Marche nel dare notizia che la cabina di coordinamento, per evitare ogni polemica o dubbio sull'utilizzo dei fondi solidali ha deciso di finanziare la ciclovia con le risorse strutturali europee.

"I 5 milioni - ha affermato Ceriscioli -verranno utilizzati per le scuole e il recupero del municipio di Arquata del Tronto come simbolo del ricordo, della ricostruzione e della rinascita dal terremoto”.

Sisma- A Roma via libera a primo stralcio piano opere redatto da sindaci e Regione

13 Lug 2017
282 volte

Il primo stralcio del piano delle opere redatto dai sindaci delle aree colpite dal sisma e dalla regione Marche ha avuto il via libera della cabina di regia oggi a Roma. Si tratta di 88 interventi un totale di 93 milioni di euro per le tre province marchigiane colpite dal sisma.

Fino a questo momento dunque la regione Marche ha dato il via libera a quattro piani delle opere per un totale 298,650 milioni di opere:

Piano delle scuoleblocco A scuole ordinanza 14 di Errani che comprende 12 scuole per un totale di 48.730.000

Piano delle scuole – blocco B - approvato e finanziato in parte dallo stato in parte dalla regione per un totale di 139.920.000

Piano delle opere pubbliche della regione Marche, primo stralcio per un totale di 93 milioni di euro per 88 interventi.

Le opere dentro il cratere sono 68 per un totale di oltre 75,672 milioni di euro. Le opere fuori dal cratere sono 20 per un totale di 17,3 milioni.

Progetti da finanziare con donazione con SMS per un totale di 17 milioni.

Piano approvato nella serata di ieri anche dalla governance dei sindaci della provincia di Ascoli Piceno. Si tratta di 15 opere nel cratere (che si sommano ai primi due piani delle opere relativi al finanziamento delle scuole) per un totale di 13,390 milioni di euro. Per i comuni dentro il cratere si tratta di 15 opere per 13,051 milioni mentre per i comuni fuori dal cratere si tratta di 2 interventi per 340 mila euro.

Il piano delle opere e il piano relativo ai progetti da finanziare con la donazione attraverso gli sms sono stati approvati a larga maggioranza. Il primo con un solo astenuto il secondo con un voto contrario. 

In definitiva sono stati approvati da tutte e tre le governance provinciali sia il piano delle opere che i progetti da finanziare con la donazione attraverso gli sms.

“Il piano delle opere generale è stato redatto dai sindaci – spiega il presidente della regione Marche Luca Ceriscioli -  Voglio ringraziare tutti gli amministratori che hanno collaborato. I piani relativi alle scuole sono stati già approvati in via definitiva, mentre il piano delle opere appena approvato dai sindaci dovrà passare al vaglio della Corte dei Conti. Il piano invece relativo alle donazioni dovrà essere approvato dal comitato etico. Già a ottobre nuovo piano delle opere per le altre scuole. La regione Marche ha messo a disposizione una piattaforma informatica sulla quale gli enti pubblici hanno inserito le opere con le priorità. A questi piani ne seguiranno altri. In merito alle donazioni nella provincia di Ascoli verrà finanziata il recupero della grotta sudatoria di Acquasanta Terme, per un valore di tre milioni di euro, l’ammodernamento della Ex SS238 “Valdaso”, tratto Comunanza – Ponte Maglio (comuni beneficiari Montefalcone Appennino e il comune di Santa Vittoria in Matenano), per un valore di 5 milioni di euro, la realizzazione di quattro elisuperfici (nei comuni di Acquasanta Terme, Montegallo, Montemonaco, Comunanza) attrezzate per il volo notturno e dunque per le emergenze sanitarie, per un valore di 1,560,000 (compresi i comuni di Visso, Montegiorgio e Fiastra) e il progetto di adeguamento sismico e funzionale della scuola elementare e materna “Giuseppe Rizzi” di Montegallo che è un’integrazione economica di 250 mila euro alla donazione della provincia di Reggio. Dopo avere finanziato scuole e ricostruzione pubblica e privata è fondamentale per ripopolare le nostre aree interne dare opportunità di lavoro e sviluppo a quei territori che subiscono da anni lo spopolamento”.

"Dare priorità alla dignità delle persone". Il sindaco Pasqui interviene su pista ciclabile ed elisuperfici

13 Lug 2017
3115 volte

Contestata da più parti la scelta della Regione di destinare oltre cinque milioni di euro dei fondi degli sms solidali a favore delle zone terremotate per la realizzazione di sette elisuperfici e una pista ciclabile da Civitanova a Sarnano. che per essere approvata dovrà ricevere il parere positivo di una commissione di garanti. Il caso è approdato anche in Parlamento con linterrogazione che ha deciso di presentare il senatore di Forza Italia Remigio Ceroni secondo il quale la scelta della Regione lascia esterrefatti, soprattutto perché nulla ha a che vedere con laiuto ai cittadini terremotati; contesta la decisione anche la deputata di Possibile Beatrice Brignone che considera altre le priorità e cioè riportare a casa le famiglie e far rivivere le terre ferite. Il via libera ai 7 progetti finanziati è stato votato a maggioranza dai circa trenta sindaci presenti. Solo 3 i contrari e 5 gli astenuti. Sullargomento interviene anche Gianluca Pasqui, sindaco del comune di Camerino, assente alla votazione alla quale, astenendosi,.ha preso parte un rappresentante dellamministrazione 

 

"Tanto tempo fa,- dichiara il sindaco- un noto politico di vecchio corso disse una frase durante una riunione: “Per chiudere gli ospedali si costruiscano gli eliporti”. All’epoca ero molto giovane, del tutto estraneo alla politica e, francamente, non avevo capito il significato di quella affermazione così sibillina.

Oggi, unitamente alla decisione della Regione Marche di destinare buona parte del denaro donato con gli sms alla realizzazione di una pista ciclabile da Civitanova a Sarnano, - continua Pasqui- c'è anche che saranno realizzate sette elisuperfici. Quella frase ascoltata tanto tempo fa mi è tornata alla mente e se la notizia della ciclabile mi lascia profonda amarezza, quella delle elisuperfici mi terrorizza letteralmente. Per carità, non voglio fasciarmi la testa prima di rompermela, ma apprendere che le elisuperfici attrezzate per il volo notturno saranno costruite a Acquasanta, Montegallo, Montemonaco, Comunanza, Montegiorgio, Fiastra e Visso mi preoccupa e non poco. Lungi da me il voler ostacolare opere che servono il territorio e che mirano al miglioramento delle condizioni di vita di chi abita nelle zone interne, ma qualcuno ci garantisca sin da subito che le nuove strutture non forniranno mai la scusa per depotenziare ulteriormente la sanità delle aree interne e i presidi sanitari che servono la montagna marchigiana. I figli politici di quel politico di vecchio corso, che oggi ci governano, dicano adesso e a gran voce che la nostra sanità sarà potenziata. Quanto alla pista ciclabile, sottolinea il primo cittadino di Camerino- , non entro nel merito della bontà del progetto e, soprattutto, sono convinto che il rilancio di queste terre debba necessariamente passare per il turismo. Ecco perché il rappresentante dell’amministrazione comunale di Camerino si è limitato all’astensione nella riunione in cui si è deciso come destinare i fondi degli sms solidali (si votava un “pacchetto” che comprendeva anche opere importanti e prioritarie per alcuni comuni limitrofi e non ci è sembrato giusto esprimere piena contrarietà a tutto). Ma la realizzazione di una pista ciclabile che interessa un territorio ben diverso da quello più duramente colpito dal sisma non dovrebbe, oggi, stare in elenco, figuriamoci in cima all’elenco.

Credo che ci siano delle priorità da rispettare, se non altro per la dignità delle persone- conclude il sindaco-  Inoltre ritengo che il messaggio che sta passando, e cioè che i soldi donati vengono utilizzati per una opera non prioritaria e fuori dall’area più colpita, possa portare ad una deriva pericolosa. Se c’è stata una certezza, in questa emergenza, è stata proprio la generosità di un Paese che sa essere solidale, che sa offrire aiuto e che si compatta e si unisce per soccorrere chi ha bisogno. E’ la bellezza di questo popolo, ma evitiamo a chi è stato generoso di farsi passare la voglia di esserlo ancora.

Caccamo, inaugurato il "rinnovato" campo polivalente

13 Lug 2017
1980 volte

Il campo polivalente (calcio e pallavolo) di Caccamo – di proprietà della Curia e in precedenza gestito dalla Comunanza Agraria – torna ad essere fruibile dalla cittadinanza. La gestione dello stesso è stata affidata, infatti, alla Comunità Terapeutica per minori “Beata Corte” grazie ad un accordo tra Curia, Comunanza e Comunità.

Saranno dunque i ragazzi ospiti di Beata Corte ad occuparsi della manutenzione del campo e, supervisionati dagli operatori, effettueranno i tagli dell’erba, le irrigazioni ed ogni altro lavoro rivolto alla cura e al miglioramento degli impianti che, in pochi giorni, grazie al loro entusiasmo, sono tornati al loro antico splendore.

Per festeggiare l’avvenimento e contribuire ad arricchire i festeggiamenti in occasione della festa patronale di San Giacomo, i ragazzi hanno organizzato un quadrangolare di calcetto con incontri tra squadre rappresentative delle realtà commerciali ed imprenditoriali di Caccamo: oltre alla squadra di Beata Corte partecipano il ristorante da Lorè, la ferramenta Fer.Ver e Sira calzature.

Il sindaco di Serrapetrona Silvia Pinzi ha re-inaugurato il campo polivalente e dato il simbolico calcio d’inizio alla presenza di numerose autorità tra le quali Sandro Saltalamacchia (Presidente della Comunanza Agraria di Borgiano), il parroco don Aronne Gubinelli che ha benedetto il campo, Gianni Appolloni (Priore della Confraternita), Michele Borri (consigliere comunale); per Beata Corte erano presenti la dott.ssa Giada Orazi (psicologa coordinatrice) e il dott. Alessandro Savi (coordinatore dei servizi).

Nel suo intervento, il sindaco ha sottolineato l’eccellente integrazione di Beata Corte nel tessuto territoriale e l’importanza del “fare squadra” tra soggetti diversi in vista del raggiungimento di un obiettivo comune: nella fattispecie, infatti, il campo polivalente sarà finalmente curato e costantemente disponibile per chiunque voglia utilizzarlo e, nel contempo, i ragazzi di Beata Corte potranno disporre di un impianto sportivo vicinissimo alla comunità e, nel realizzare le opere di manutenzione, essi stessi si impegnano in una corresponsabilizzazione che può diventare un ottimo strumento di crescita nella costruzione comune di una realtà fruibile da loro stessi e dalla comunità.

 

Taglio nastro 2

Consegnato a Muccia il preliminare del progetto per la realizzazione del Centro Polifunzionale Giovanile

12 Lug 2017
2598 volte

E’ anche grazie a Croce Rossa Italiana che prende sempre più forma il processo di ricostruzione Dopo la firma, avvenuta lo scorso marzo, del protocollo d’intesa tra Croce rossa italiana e Associazione Nazionale Magistrati, per la nascita di un Centro Polifunzionale Giovanile nel Comune di Muccia, il presidente del comitato CRI di Camerino Gianfranco Broglia, ha consegnato al sindaco Mario Baroni il documento preliminare di progetto per la sua realizzazione.

La struttura che sorgerà nei pressi dei moduli abitativi SAE, sarà destinata ad attività parascolastiche, culturali, educative e ricreative, di formazione, sociali e di pubblica utilità per i bambini e i giovani di Muccia. Il territorio potrà così contare su un centro di aggregazione e di ripresa delle attività e della vita culturale e sociale, bruscamente interrotte dal sisma. La struttura, sarà attrezzata per essere utilizzata anche come luogo destinato ad attività di soccorso e di emergenza a favore dell'intera popolazione comunale. Le fasi di realizzazione dell’opera, dalla progettazione all’esecuzione, saranno curate dalla Croce Rossa Italiana, che si avvarrà in parte dei fondi che l’ANM ha raccolto tra i magistrati italiani in seguito al terremoto.

Baroni e consegna CRI

“ La Cri nazionale- ha dichiarato Gianfranco Broglia- è vicina al territorio del camerinese e a tutta l’area dell’entroterra colpita dal sisma, soprattutto tramite le splendide persone che fanno parte del “Progetto sisma per la ricostruzione”, impegnate pressoché quotidianamente in zona, per portare avanti progettualità significative che di sicuro lasceranno segni tangibili e concreti a favore delle comunità duramente colpite da un evento catastrofico. Uno degli esempi è proprio la nascita del Centro Polifunzionale Giovanile di Muccia per la cui realizzazione è stato consegnato al sindaco il preliminare del progetto. La nostra è dunque un’azione continua di vicinanza; vogliamo esprimerla anche con gesti concreti che possono significare il miglioramento della vita delle persone anziane e della popolazione tutta. E con questo spirito - ha aggiunto- , proprio nelle ultime ore, abbiamo incontrato ad Unicam il rettore Corradini e il rettore eletto Pettinari. CRI infatti ha intenzione di dare il suo contributo per la realizzazione di alloggi per gli studenti dell’ateneo. Sempre a Camerino ha avuto luogo un confronto con il presidente della Fondazione Casa Amica Vannucci e con il vicesindaco Lucarelli per portare avanti il progetto della costruzione del Centro di Vallicelle con la finalità di accogliere 35 persone non autosufficienti e strutture per la riabilitazione. Tante azioni vedono coinvolta in più parti la CRI e- ha concluso Broglia- mi sento di ringraziare in primis il presidente nazionale Rocca, il vice presidente e il Consiglio. Ringraziamenti di cuore anche al presidente regionale Cecconi e soprattutto ai ragazzi dell’ Unità Sisma della progettazione, che hanno il grande compito di portare avanti queste iniziative e seguirle fino all’ultimo”.

 

gruppo CRi e sindaco

cartello Muccia CRI

New Model Today, domenica a San Severino la finale regionale

12 Lug 2017
404 volte

“San Severino è ancora ferita dal terremoto ma la finale regionale del concorso New Model Today è segno di vitalità e grande fermento. Il nostro spirito è duro e forte”. Con queste parole il vice sindaco Giovanni Meschini ha accolto gli organizzatori del concorso che ha lanciato nel mondo dello spettacolo personaggi come Charlize Theron, Anna Falchi o Margareth Madè. Domenica sera, a partire dalle 21:30, la piazza di San Severino farà da sfondo e palcoscenico a 23 ragazze marchigiane che sfileranno in sei diversi abbigliamenti per contendersi il titolo regionale. Saranno cinque le vincitrici che potranno accedere alla finale nazionale con l’opportunità poi, di partecipare anche alla finale internazionale che quest’anno si terrà a Cinecittà World. La vincitrice prenderà parte al prossimo film del regista Paolo Sorrentino. La presentazione della serata, che sarà inframezzata da momenti canori e di ballo, è avvenuta alla presenza del vice sindaco Giovanni Meschini, del presidente della Proloco Andrea Migliozzi, degli organizzatori Albano Croceri e Cinzia Gavasci e del presentatore della serata Marco Moscatelli. “Questo – ha sottolineato il presidente Migliozzi – è sicuramente il ‘La’ per collaborazioni future, sicuramente da parte nostra c’è massima disponibilità a fornire supporto ad Albano Croceri. Per noi che siamo un gruppo giovane è una bella sfida e sono molto felice che ci sia stata collaborazione tra amministrazione, attività commerciali settempedane e un’organizzazione internazionale com’è quella di New Model Today. Questo evento, per le casse comunali, è a costo zero”. Saranno sei, ha anticipato Gavasci, le uscite durante le quali le ragazze indosseranno anche abiti forniti da alcuni negozi settempedani (Trea, La bottega dei giovani e Style by Mia) insieme al Maglificio Pamira. “Cercheremo di potenziare la bellezza delle giovani –ha aggiunto – e colgo l’occasione per ringraziare il Vivaio Manfrica che curerà la scenografia, il club delle 500 che porterà le modelle in giro per la città con le loro auto, e Andrea Canaletti e Giada Nardi che mi aiuteranno con trucco e parrucco”.

 

finale regionale

Opere d'arte recuperate dai Carabinieri. Due erano sui banchi di un antiquario maceratese

11 Lug 2017
359 volte

Dieci le opere d'arte recuperate dai Carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Ancona, guidati dal maggiore Carmelo Grasso, in un'operazione che si è svolta fra Marche, Piemonte, dove sono stati realizzati i furti di tutti i beni, Lazio ed Emilia Romagna. Le indagini hanno seguito due filoni, entrambi iniziati con dei controlli nel mercato dell'antiquariato "L'antico e le palme" di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) permettendo di ritrovare i reperti, datati fra il 1600 e il 1700, con un valore complessivo stimato di 100 mila euro. Quattro indagati per ricettazione. La prima operazione è partita da un controllo cc su due dipinti che erano sul banco di vendita di un antiquario della provincia di Macerata nel cui negozio sono stati poi trovati altri due pezzi, tutti risultati rubati in un'abitazione di Torino nel 2006. I quadri sono una marina di Pieter Mulier detto Cavalier Tempesta, secondo le expertise dei proprietari, due battaglie di Van Der Meulen, e un volto di donna di Forabosco

Piazza Cavour a San Paolo. Omaggio dei tecnici Unicam nel progetto della nuova area commerciale

11 Lug 2017
4663 volte

Sarà la piazza l’attrattore principale della nuova area commerciale di San Paolo.

Non una piazza qualunque ma la precisa forma geometrica di piazza Cavour. Un omaggio alla città che i tecnici Unicam hanno voluto imprimere al progetto, rispondendo anche all’esigenza di una spazialità pubblica

L’area di circa due ettari, situata di fronte al Campus universitario è concepita su tre livelli di gradoni, su ognuno dei quali sono posizionate altrettante gallerie commerciali tutte convergenti nello spazio della piazza.

Sul progetto, accolto dal pressoché unanime consenso dei presenti alla riunione dello scorso mercoledì 5 luglio i commercianti hanno avuto la possibilità di fare osservazioni, esprimendosi anche sul posizionamento preferito della propria attività.

Organizzata dall’ammnistrazione comunale, con la partecipazione del sindaco Pasqui, del vice sindaco Lucarelli e degli assessori Cervelli e Mancinelli,la riunione è servita a conoscere il progetto redatto dai tecnici Unicam.

Ad illustrarlo sono stati i professori Giuseppe Losco, direttore della scuola di Architettura e design e Luigi Coccia docente di Composizione Architettonica e Urbana. Il prof. Gilberto Pambianchi ha invece riferito dei sondaggi eseguiti sul terreno da parte dei geologi Unicam

  “ Dopo mesi, arriviamo ad un punto di soddisfazione perché andiamo a fare il massimo di quello che ci è consentito in base alle normative- ha detto Pasqui rivolgendosi ai numerosi commercianti presenti- - La volontà dell’amministrazione è stata sempre quella di seguire i vostri desideri e, con la collaborazione di tutte le istituzioni e con la squisita disponibilità della nostra università, si è giunti al traguardo di una progettualità bellissima che vi viene riconsegnata in bianco, affinché, considerate le diverse caratteristiche e necessità delle vostre attività, raggiungiate un accordo e una condivisione”. 

progetto

“ Economicità, velocità,semplicità le richieste della Regione Marche - ha detto il prof. Losco- Ragionando con l’amministrazione comunale abbiamo cercato di razionalizzare e ottimizzare gli spazi per un risultato finale vivibile.che prevede anche un luogo di aggregazione in grado di ospitare eventi di vario genere. Sull’area che sorge di fronte al Campus Unicam, in una sorta di gemellaggio e corrispondenza tra spazi che,nei prossimi anni e in attesa del ripristino della vita nel centro storico saranno il centro di Camerino, sentito il parere dei geologi siamo stati costretti a fare anche qualche piccolo cambiamento”.

“E’ emersa una situazione diversa rispetto a quello che ci aspettavamo -  ha spiegato il prof. Gilberto Pambianchi-; il substrato roccioso nella parte di via Ottaviani è stato infatti trovato a 7 metri di profondità, mentre,nella zona più bassa del versante della strada Muccese, il “duro” è stato individuato ad una profondità di 13 metri. per cui è in quest’ultima parte che, su pali, verrà fondata l’opera.

Nell’area- ha proseguito- sono state eseguite anche prove idrometriche e di caratterizzazione sismica,investigando, secondo le normative almeno i 20 metri di profondità ”.

Come riferito da Luigi Coccia, coordinatore del progetto redatto da competenze diverse della Scuola di Architettura e Design, il lavoro è stato fatto celermente cercando di risolvere con qualità, l’esigenza di un’attrezzatura temporanea per la categoria dei commercianti, in vista dei tempi lunghi della ricostruzione.

.“ La necessità di costruire uno spazio per risolvere e rispondere alle esigenze dei commercianti significava per noi associare questa richiesta anche a quella dell’esigenza di una spazialità pubblica; è per questo che abbiamo pensato al valore aggiunto di una piazza, che costituirà il centro attrattore dell’impianto

Lo spazio aperto della piazza– ha sottolineato Coccia- avrà un grande ruolo nella capacità di aggregare una comunità che oggi, ancora più di prima, ha bisogno di ritrovarsi. Come geometria di questo spazio,si è deciso di lavorare sulla sagoma topografica di piazza Cavour che, presa nella sua forma geometrica precisa, è stata trascinata all’interno e nella parte finale dell’area di progetto che in alto si affaccia su via Ottaviani e in basso su via Madonna delle Carceri”

altra foto progetto San Paolo

Il progetto prevede anche un attraversamento pedonale che collega via Ottaviani con via Madonna delle Carceri. Lungo l’asse che ha un dislivello di 16 metri, la soluzione è stata quella di creare un camminamento in pendenza molto lieve.

“ Il dislivello- ha spiegato Coccia- non ha condizionato le accessibilità alle varie attività economiche, ognuna delle quali è raggiungibile tramite un percorso pedonale in piano ed è servita dai mezzi carrabili per il carico-scarico merci. La percorribilità è dunque sia pedonale che potenzialmente carrabile. Il progetto si sviluppa nell’ordine di tre gallerie commerciali all’aperto protette da tettoie. L’impianto è costituito dalla corte che definisce la piazza, dalla pendice che scende verso via Madonna delle Carceri e accompagna il percorso pedonale e, da tre vie costruite su gradoni (con dei salti di tre metri), ognuno dei quali ha una doppia fila di negozi che si guardano l’uno contro l’altro”.  I progettisti non hanno trascurato la condizione di valore paesaggistico dell’area;  l’asse centrale che attraversa la piazza si proietta infatti verso il panorama con la previsione di un parco protetto, rispetto alle strade più trafficate. Sui tre corpi sono previsti servizi, magazzini, bagni comuni Spazi verdi sono ricavati in prossimità delle gradonature della zona commerciale, utili anche a schermare le aree parcheggio. Previsti 130 posti auto, con la possibilità di ulteriore ampliamento verso la strada statale. I tecnici Unicam si sono trovati a dover ragionare e progettare, basandosi su un costo base imposto dalla Regione che è di 500 euro a mq per le superfici delle attività di commercio  e di 300 euro a mq per l’urbanizzazione dei 3600 mq. Il progetto gode del finanziamento della Regione per la somma di 2 milioni e 900 mila euro. Ora i tecnici Unicam sono pronti a ritoccare o apportare miglioramenti, sulla base delle esigenze e delle osservazioni inoltrate dai 72  tra commercianti, artigiani e studi professionali che hanno deciso di delocalizzare le loro attività nella nuova area .

C.C.

Pieve Torina. Emozioni condivise per una rinascita a partire dalla scuola

10 Lug 2017
1365 volte

Inizia dalla scuola il percorso di rinascita di Pievetorina. Nella cittadina dell’entroterra duramente colpita dal sisma, una rete virtuosa di connessioni e interazioni ha intessuto il risultato concreto di una nuova struttura scolastica.  Lo si deve al progetto Succisa Virescit- Una scuola per i ragazzi di Pieve Torina che vede Tonino Dominici e Sandro Paradisi, rispettivamente presidenti delle aziende Boxmarche di Corinaldo e Paradisi di Jesi, primi promotori unitamente a Giuliano De Minicis della DMPconcept di Senigallia. Diffusione virale e donazioni di numerosi privati, enti, associazioni e amministrazioni comunali, hanno condotto ad  un primo consistente finanziamento per la realizzazione di un plesso scolastico definitivo, funzionale e sicuro. Pronti per l’inizio del nuovo anno scolastico, i 1280 mq del blocco didattico, accoglieranno i ragazzi della primaria e secondaria di primo grado. Un disegno ambizioso che, con la collaborazione tecnica del Settore Prevenzione e Protezione della Confederazione Nazionale Misericordie d’Italia, ha potuto concretizzarsi anche grazie alla partecipazione diFondazione Enel Cuore Onlus, Auser e Fondazione Bezos della famiglia proprietaria di Amazon. Già in corso i lavori di fondazione,sotto la direzione dello Studio Petrini Solustri and Partners, donatore del progetto.

La scia tracciata dal network solidale, ha fortemente motivato il sindaco Gentilucci nell’ospitare l’evento: “CONNETTERE INTERAGIRE COSTRUIRE ”. Denso di contenuti, l’incontro nel corso del quale sono stati presentati l’Integrated Reporting Paradisi 2016 e il Living Company Report Box Marche 2016.

Applausi per la lunga maratona che, a quasi un anno dal terremoto, ha riportato attenzione sulla comunità locale, restituendo sentimenti di speranza.  Aperti dal sindaco Gentilucci, si sono susseguiti sul palco gli interventi di Maurizio Mangialardi Presidente ANCI Marche, Antonio Mastrovincenzo Presidente Consiglio Regionale Marche, Piergiorgio Carrescia deputato PD, Nazzareno Petrini Progettista della nuova Scuola, Federica Micucci dell’Istituto Comprensivo ‘Mons. Paoletti’, Ilaria Gasparri Dottore Commercialista, Cesare Tomassetti Dottore Commercialista e Revisore Legale..

Gentilucci

“Fiorente cittadina di montagna, - ha detto Gentilucci.-  con il 93 per cento degli edifici inagibili, Pieve Torina  è  uno dei simboli della devastazione del  sisma. Comunità in ginocchio, tessuto connettivo azzerato con le uniche attività rimaste costrette nei container o strutture in legno. Appreso che il nostro istituto scolastico non era inserito tra le 21 scuole finanziate da ricostruire, abbiamo avuto la fortuna di incontrare dei giganti dell’altruismo. Grazie al progetto “Succisa Virescit”, cui collabora lo studio di progettazione Petrini e Solustri, è nata la volontà di provarci con un percorso che parte dal basso e da un’azione di crowdfunding tra la gente. Possiamo dire di avercela fatta; il 12 settembre, inaugureremo la nuova scuola, segno di rinascita di questa terra”.

di schiena

A seguire l' intervento di Maurizio Mangialardi, presidente Anci e sindaco di Senigallia, comune che insieme a Mondolfo e Maiolati Spontini, ha deciso di devolvere i fondi pro terremoto al progetto. “Nel legame di amicizia instauratosi con Gentilucci  - ha esordito Mangialard- ritrovo il senso del connettere, interagire, costruire. Qui c’è tanto di quello che saremo e della prospettiva dell’intera regione. Io vedo la regione come ‘una’ e quanto è accaduto anche a 150 chilometri di distanza, rappresenta un’occasione per dimostrare che, quelle ‘Marche al plurale’, sempre esaltate nelle peculiarità, possono diventare le ‘Marche uniche’ se parliamo di solidarietà, condivisione, connessione. Qui mi sento a casa; innanzitutto per il legame con Pieve Torina e con le persone di questa terra, molte delle quali ho avuto modo di conoscere negli alberghi di Senigallia.che le ospitano. Mi sento a casa anche per via della presenza di aziende che collaborano e provengono dalla mia parte di territorio”. Nel ringraziare Giuliano De Minicis, vero connettore del progetto, Mangialardi ha sottolineato che a motivare il prodigarsi delle aziende è stata la consapevolezza del valore della scuola per la collettività: “un valore che trascende la struttura in sé da realizzare. Non è il tema del volume, né quello della rapidità; è il progetto di salvaguardia di un territorio, senza il quale, questa regione non avrebbe né anima, nè cuore. Ritrovarci ad inaugurare una scuola, all’interno di un percorso ormai delineato in cui, Regione e Governo nazionale, mettono impegno nel capire come poter accelerare e riuscire a dare risposte, credo che per tutte le Marche, rappresenti un’occasione per dirci cosa è stato fatto, come stiamo superando il più grave disastro dopo la seconda guerra mondiale, quali sono le prospettive e soprattutto, capire che solidarietà, fratellanza amicizia e amore possono sempre rivelarsi vincenti. Con il cuore e con la disponibilità- ha concluso- l’abbraccio a Pieve Torina è l’abbraccio di tutte le Marche. E’ l’abbraccio dell’amore e della speranza”.

 “La capacità di fare squadra ci fa salutare un’iniziativa esemplare – ha detto Mastrovincenzo- Tre imprenditori accomunati da passione, capacità di innovarsi e trascinare i loro collaboratori, abili a guardare anche oltre la propria azienda. Grazie all’interconnessione e all’interazione con soggetti privati, associazioni ed enti locali, una comunità può ripartire dalla scuola e noi abbiamo l’obbligo di ricostruire la comunità. Impegnato nel fare squadra anche il Consiglio regionale; due le iniziative parallele, a favore del territorio: da un lato approvata la stipula di una risoluzione che prevede il patto per lo sviluppo; dall’altro, avviato un percorso di ricerca con gli atenei, finalizzato alla creazione di nuovi sentieri di sviluppo”.

Difficoltà e resilienza di ragazzi e famiglie, nel racconto di Federica Micucci, rappresentante degli insegnanti della Scuola. “Proveniamo da esperienze distanti- ha detto – ma l’obiettivo comune è di tracciare un bilancio. Per me che rappresento il mondo della scuola, l’operazione non è semplice. La scuola è caratterizzata dal capitale umano, che è più facile raccontare che contare. Un anno scolastico anomalo e complesso; dure prove da affrontare per tutte le parti interessate:docenti, famiglie, bambini, personale Ata e ammnistrativo, In tempi celerissimi, ad un mese di distanza dal sisma di ottobre, il sindaco ha permesso che la scuola potesse riprendere nel miglior modo possibile ma la didattica un po’ ne ha risentito. Il sisma ci ha provati, togliendoci sicurezze, punti di riferimento e stabilità. ma ci ha ridato tanto in termini di affetto e solidarietà. Da vicino e da lontano, abbiamo ricevuto il sostegno di tante persone”

 “ Se connettere da un lato significa stare in rete, dall’altro, significa capire- ha dichiarato il parlamentare Carrescia- Sono qui per capire cosa significa il dramma e cercare di capire le possibilità che il Parlamento potrà ancora mettere in campo per agevolare un percorso che, in prima linea, trova amministratori e cittadini. I veri eroi sono loro e la trilogia del connettere, interagire, costruire, è un programma che vale per tutti, non soltanto nel comprendere, ma nel mettersi in rete per ricostruire‘come sarà meglio e possibile’. E con la collaborazione di tutti, è necessario rimettere in piedi non solo edifici, ma una comunità. Il tessuto sociale di un territorio che ha fatto vivo il cuore d’Italia va assolutamente ricostitutito. Confermando il sostegno è questo l’obiettivo che, personalmente e come Parlamento, porteremo avanti”. 

“ Avevamo già realizzato in studio diverse esperienze di edilizia scolastica; - ha spiegato l’architetto Nazzareno Petrini-; collaborando da tempo con le aziende di Jesi e Corinaldo, ci siamo ritrovati convinti a fare la nostra parte per Pieve Torina, donando il progetto architettonico della scuola. Confrontatici con il sindaco per capire come poter agire, ci siamo successivamente incontrati con il Commissario Errani .Rispettando i parametri ministeriali richiesti,abbiamo dunque progettato la struttura atta ad ospitare le tre aule delle scuole medie e le cinque aule delle elementari, con relativi servizi. Un milione e trecentocinquantamila euro la somma finora raccolta per il plesso didattico, La parte non ancora finanziata ma già prevista dal progetto, è quella della palestra che fungerà anche da centro di aggregazione.. Essendo frutto di donazioni- ha precisato- il denaro da investire, non rientra nelle procedure dell’appalto pubblico ed è importante fare bene e in fretta.”

Soggetto attuatore del progetto è Misericordie d’Italia..“ Sono qui a rappresentare il ruolo molto complesso dell’organizzazione nazionale, nominata da Errani  committente ufficiale dell’operazione– ha riferito Nicola Fredducci, responsabile tecnico dell’associazione nazionale-.

fredducci

 

Misericordie è  incaricata di prendersi carico dei finanziamenti raccolti su un conto appositamente dedicato, e, attuare la ricostruzione della scuola. Oltre ai contributi di Misericordie e a quello di Succisa Virescit per circa 250 mila euro, finanziatori della scuola  sono Auser  con la somma di 150 mila euro, Enel cuore onlus per 550mila euro, la famiglia Bezos  con 280mila euro, la famiglia Piacentini per 50 mila euro. Il nostro ruolo- ha proseguito Fredducci- si estrinseca nella committenza dei lavori, tutela dei finanziatori, e nel fare in modo che il progetto architettonico, si concretizzi nell’esecutivo e venga realizzato. Un progetto complesso, probabilmente anche il primo definitivo della ricostruzione post-sisma; come soggetto privato attuatore, a tutela della bontà del prodotto finale nei confronti dei finanziatori e della comunità, siamo chiamati a farci carico delle responsabilità riferite all’ appalto dei lavori a ditta privata, scelta dei lavori e rispetto della normativa,Una volta portata a termine la verifica dei collaudi statici, sarà la Confederazione Misericordie a donare la nuova struttura alla collettività.”.

A dimostrazione del forte legame instauratosi con Pieve Torina, presenti i dipendenti, ha avuto luogo la presentazione integrata dei bilanci di Box Marche e Paradisi.

Seguito con interesse il piccolo talk show conclusivo che ha riunito i contributi di Marco Bentivogli, segretario Generale Fim Cisl, Massimiliano Colombi, sociologo del Centro di ricerca Wwell università Cattolica di Milano, Andrea Loreni, funambolo e filosofo teoretico, Giovanni Lanzone, giornalista e coordinatore Fondazione Italia Patria della Bellezza e Osvaldo Danzi, specialista selezione Risorse umane.,

talk show

immagini fuori

Unicam: ricerca e ricostruzione le priorità del rettore Pettinari

08 Lug 2017
422 volte

Il professor Claudio Pettinari è il nuovo rettore dell'università di Camerino per il periodo 2017 – 2023. Pettinari, 53 anni, docente di Chimica Generale e Inorganica ed attuale pro rettore vicario, è stato eletto lo scorso 14 giugno alla prima votazione con la maggioranza assoluta dei voti ed entrerà ufficialmente in carica il prossimo 1 novembre.

Un camerinese alla guida di Unicam. Cosa significa?

"Per me questa elezione ha un sapore particolare non tanto per il fatto di essere camerinese, ma soprattutto perchè sono stato eletto in un momento in cui il nostro territorio sta soffrendo e ha necessità di ripresa. Un'elezione che mi pone alla guida dell'ateneo nel quale mi sono laureato, che mi ha dato la possibilità di visitare il mondo, che mi ha proposto spesso in tanti luoghi come suo rappresentante. Grazie a questa università ho potuto svolgere attività e iniziative che in altri atenei, magari di più grandi dimensioni, forse non avrei potuto svolgere".

Il terremoto ha segnato profondamente la città e il territorio. Unicam ha dato e continua a dare risposte.

"Ho collaborato negli ultimi 6 anni con il rettore Corradini e ho apprezzato moltissimo il suo modo di lavorare, la sua incredibile attività, la sua capacità di risolvere i problemi. Dopo il sisma fin da subito si è cercato di dare risposte importanti. Siamo ripartiti con gli esami appena una settimana dopo il terremoto e con le lezioni dopo 20 giorni circa. Questi segnali hanno mostrato che Unicam era viva e stava lavorando per il futuro dei giovani. Si sono poi aggiunti altri segnali che hanno evidenziato la nostra capacità di produrre iniziative e attività per il territorio. Abbiamo continuato a organizzare eventi, cercando di ristabilire quella normalità che fino a quel momento ci aveva caratterizzato. Sono stati proposti concerti, ci sono state iniziative, presentazioni di libri , conferenze, corsi di aggiornamento, corsi di perfezionamento, master. Tutto si è svolto come se nulla fosse successo. Siamo stati presenti su tutti i principali tavoli di concertazione, sia regionali che nazionali, e siamo stati indicati spesso come esperti senza i quali la cura per questo territorio non potrà essere somministrata".

Si avvicina il momento delle iscrizioni. Lei è più fiducioso o preoccupato?

"Sono per natura ottimista. I ragazzi ci sono stati sempre vicini, hanno dato ragione alle nostre scelte, ci hanno sostenuto, aiutandoci a lavorare per il territorio. Ciò mi rende abbastanza fiducioso. Secondo la classifica emanata dal Censis per il 14° anno consecutivo ci siamo classificati al primo posto fra gli atenei fino a 16mila studenti. Abbiamo, quindi, confermato ancora una volta l'incredibile punteggio che la nostra università sta raccogliendo da anni e questo ci rende ottimisti. Siamo ancora un'università in grado di erogare servizi, didattica, borse di studio. E' chiaro, comunque, che dobbiamo prima completare quelle opere che potranno garantire la residenzialità agli studenti. Per questo, congiuntamente con il comune di Camerio, con il Commissario per la ricostruzione, con la Protezione civile, stiamo cercando di poter completare quanto primadi lo studentato che con i suoi 457 posti potrebbe dare ossigeno a quegli studenti che vogliono venire a studiare a Camerino. Inoltre cerchiamo di ottimizzare gli spazi a nostra disposizione, rendendo alcune camere fruibili da un maggior numero di studenti, manterremo i container che già abbiamo e addirittura ne avremo altri dalla Protezione civile, per altri 250 posti, prima della fine dell'estate. Oltre che per la residenzialità dovremo anche lavorare sulla costruzione di infrastrutture per la ricerca, perchè solo continuando a fare una didattica e una ricerca di eccellenza, solo potendo ricevere in questo territorio studiosi internazionali di grande fama potremmo continuare a essere attrattivi in un momento in cui la competizione e l'eccellenza devono essere il faro. L'università deve sempre di più essere inserita all'interno della comunità".

Quali sono le linee di indirizzo della sua governance e come Unicam può porsi rispetto a questo territorio ferito?

"La linea guida principale del mio programma è la ricerca. Voglio ripartire dalla ricerca e continuare a legarla alla nostra attività didattica perchè a mio avviso sarà la ricerca di eccellenza che porterà a scegliere Unicam. Faccio un paragone con il Verdicchio delle nostre zone. Ovunque si può bere vino, ma se vogliamo bere un vino come il Verdicchio, con il suo colore il suo aroma particolare, dobbiamo continuare a produrlo in questo territorio. Così la nostra università deve avere delle peculiarità che altri atenei non hanno. Altra linea guida è la ricostruzione. Dovremo ricostruire il nostro ateneo non solamente da un punto di vista strutturale, ma anche sociale e nelle persone, coagulando intorno all'università tutti coloro che vorranno dare il proprio contributo. Per fare questo dovremmo offrire strutture sicure e adeguate dove lavorare. Abbiamo perso tanti uffici, aule, laboratori, abbiamo perso il luogo dove avevamo la governance dell'ateneo. Noi dovremo ricostruire tutto ciò. Anche nel post sisma possiamo svolgere un ruolo importante. Abbiamo una scuola di architettura e, quindi, possiamo progettare non solo edifici nuovi, ma anche il recupero di vecchi edifici e di centro storici martoriati. Abbiamo geologi che rappresentano un'eccellenza a livello mondiale e che possono fornirci importanti informazioni sui luoghi in cui poter edificare. I nostri fisici, chimici, biologi possono farci costruire in maniera sostenibile e con materiali innovativi. Abbiamo giuristi che possono indicare la via nelle attività di cooperazione o di terzo settore. Abbiamo farmacisti e medici veterinari, che con le loro competenze potranno dare risposte alle domande degli allevatori e della nostra popolazione anziana. Tutti progetti che Unicam ha in animo di portare avanti e che permetteranno alla nostra università di svolgere un ruolo da protagonista nel progettare il futuro di questo territorio".

Voi: il nostro sguardo più bello. Gli studenti Unicam testimonial della campagna di comunicazione. Corradini: “ Ateneo e studenti guardano nella stessa direzione: il futuro”

07 Lug 2017
732 volte

 

“ Voi: il nostro sguardo più bello”. Si riassume in queste parole l’osmosi tra ateneo e componente studentesca: Unicam ha voluto evidenziarla nella sua nuova campagna di comunicazione in vista dell’apertura delle iscrizioni all’anno accademico 2017/2018.

A presentarla, negli spazi all’aperto del Campus universitario, sono stati il rettore Flavio Corradini ed il rettore eletto Claudio Pettinari, presenti anche il prorettore vicario Graziano Leoni, la presidente del Consiglio degli studenti Francesca Borghetti e numerosi universitari.

Un paio di occhiali a specchio, riflette l’immagine degli studenti iscritti all’ateneo; con i loro volti sorridenti, sono loro stessi a fare da testimonial di un’esperienza positiva di studio e di vita. Passione, entusiasmo, attaccamento al territorio di una università che guarda al futuro con occhi pieni di speranza, sono stati evidenziati dall’intervento del rettore: “ Università e studenti sono due sguardi che guardano nella stessa direzione del futuro- ha sottolineato Corradini -. Università è il capitale umano che c’è dentro e fuori e che viene garantito da circa 700 anni. Avremmo fatto lezione anche in mezzo alla neve e non ci saremmo fermati per nulla al mondo- ha detto ricordando giornate difficili- oggi siamo qui in questo spazio all’aperto, per ribadire il ruolo delle università e dell’ateneo di Camerino per lo sviluppo dei territori e per sottolineare l’illimitata forza racchiusa nella valorizzazione del capitale umano. Nei mesi- ha proseguito- si è visto con i tanti progetti promossi e, pochi giorni fa, lo si è visto con la classifica Censis di Repubblica che per il quattordicesimo anno consecutivo ci ha consegnato il primo posto all’interno della classe di atenei di pari dimensione; è dunque quel patrimonio e quella qualità che vengono realizzate dall’ateneo che vengono premiati e che vogliamo garantire per il futuro”.

conferenza

Ad esprimersi con soddisfazione per i risultati raggiunti, anche il rettore eletto Pettinari, il quale, nel ringraziare per il loro sostegno comune di Camerino, Regione, Provincia e tecnici Unicam,

ha tenuto a sottolineare il rispetto della tempistica riguardo ai lavori nel cantiere del nuovo Campus. Operai e ruspe impegnate a smuovere terra sulla collina a fianco, insieme a quanto già realizzato, erano ben visibili dalla location scelta per la conferenza stampa. Donati dalla provincia autonoma di Trento e Bolzano e Innsbruck, nell’area sorgeranno 20 edifici in grado di garantire alloggio a 457 studenti. “ Promessa mantenuta quanto al rispetto del crono programma insieme a vari progetti in fieri -ha detto Pettinari –ci fanno guardare al futuro con fiducia” .

Nella vicina zona di Madonna delle carceri, area di attuale forte sviluppo della città   il rettore eletto ha riferito di ulteriori ampliamenti, approvati di recente in sede di Consiglio e Senato accademico:

“ Avremo una ‘ città di studi’ che andrà ad integrarsi perfettamente con il tessuto sociale e commerciale circostante”.

Alla sua prima conferenza stampa dopo l’elezione a prorettore, ringraziando per la fiducia accordatagli, il prof Graziano Leoni ha definito il suo incarico “ una sfida con me stesso e un servizio; sono ingegnere- ha proseguito- e il mio sarà un supporto anche sul fronte degli interventi e delle azioni ambiziose dell’ateneo.

“ Le facce di noi studenti in questa campagna promozionale- ha detto Francesca Borghetti, presidente del Consiglio degli universitari Unicam- valgono a confermare che l’ateneo è costruito per noi e ci vuole da protagonisti. L’Università di Camerino è una realtà che tiene alla nostra istruzione, alla nostra serenità, alle nostre persone e al nostro futuro”.

ufficio comunicazione

selfie

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo