Infrastrutture- interventi per il completamento Quadrilatero Marche-Umbria

06 Dic 2016
547 volte

A Macerata il presidente della Regione Luca Ceriscioli ha preso parte nella sede della Provincia alla presentazione dell’intervento del CIPE che ha definito la priorità degli interventi infrastrutturali per il completamento funzionale del sistema viario ‘Quadrilatero Marche-Umbria’. 

“Bel segnale – ha detto il presidente – sono circa 200 milioni di euro deliberati dal Cipe, segnano il completamento di quell’insieme di opere collegate alla Quadrilatero Marche Umbria. Già vediamo quanto è importante la superstrada, perché è evidente che quanto più ci si collega tanto più ne gode il territorio, e ne trae certamente beneficio fortissimo Macerata dove c’era già l’impegno della Regione che ovviamente manterremo. In generale, il potenziamento di infrastrutture aiuta nel quadro del rilancio del territorio e nello sviluppo dell’economia.

E’ una buona notizia, si tratta di fondi importanti anche se  qualche opera manca all’appello, ma andiamo avanti con tutte quelle che riusciamo a incamerare, significa ridurre le necessità e poterci concentrare quindi su quello che manca”. I tempi, ha concluso il presidente, sono quelli dell’ordinario percorso delle opere pubbliche che sono state già definite.

Camerino- La "voce" del palazzo di via Sant'Agostino. La testimonianza di Valeria Copponi

05 Dic 2016
4057 volte

Proseguono a Camerino le operazioni di demolizione del palazzo di via Sant’Agostino. L’edificio parzialmente crollato a seguito della scossa di domenica 30 ottobre  si trova di fronte al parcheggio meccanizzato. In base agli accordi con il COC, impegnati nei lavori utili a ripristinare la sicurezza dell’area e la viabilità cittadina, sono la ditta Edilasfalti S.R.L in collaborazione con i vigili del fuoco.  

ruspa 800x759

In azione un mezzo demolitore, un braccio meccanico da 20 metri e una pinza demolitrice che consente il recupero di qualche bene dagli appartamenti. Visibilmente provati e commossi numerosi condomini seguono da distanza tutte le operazioni.

 “Un emozione indicibile che oramai ho dal 26 ottobre- dichiara Valeria Copponi- La visione di questo spettro è una sensazione che mi porterò dietro a vita” Lei abitava proprio in quel palazzo diventato l’icona simbolo dello strappo che il terremoto ha lasciato in città.

“ Mi auguro che sia anche il simbolo di una ricostruzione fatta con tutte le dovute precauzioni. – osserva la signora-;ci affidiamo alla coscienza e all’etica delle istituzioni affinché non manchino etica e competenze tecniche. Questo è ciò che serve per ridare fiducia alla popolazione. Non ci aspettiamo speculazioni, né brogli o lentezza di burocrazie” Quello che resta del suo appartamento è quell’angolo arancione svelato dal crollo della domenica mattina e, i mezzi al lavoro per le operazioni di abbattimento, consentono ai condomini di poter recuperare quanto possibile, dalle parti rimaste ancora in piedi dell’edificio

demol pom 600x800

“ Ringrazio di cuore queste persone che, mettendo a repentaglio la propria vita, stanno facendo di tutto per ridarci il recuperabile, tra beni di necessità materiale e anche di valore affettivo. Ci hanno dato questa speranza. Da quell’angolo arancione che era la camera di mia madre- aggiunge- è visibile una piccola sedia savonarola;è l’unica cosa che in quella stanza si è salvata. Il resto dell’abitazione si sviluppa poi dalla parte opposta che credo non abbia subito danni e, con le precauzioni e la competenza tecnica degli operatori, abbiamo speranza di riuscire a recuperare qualcosa, sempre che non vi siano ulteriori crolli”

      sedia 777x800

All’arrivo della prima scossa del 26 ottobre   la signora Valeria e  la  sua famiglia, non erano in casa. Usciti dal lavoro si sono recati in piazza Cavour; erano al bar Centrale quando è arrivata la seconda scossa devastante delle 21 e 18. E’ la stessa signora a raccontare la concitazione di quei momenti: “ Sembrava il finimondo, è andata via la luce è caduto di tutto ed è stato un momento di forte difficoltà anche emotiva; mi sono ritrovata al centro della piazza del duomo erano caduti pezzi di cornicione, pietre. Pioveva a dirotto e la piazza era piena di gente, di studenti, ma il fatto che nessuno sia stato sfiorato o abbia riportato conseguenze, ha davvero del miracoloso. La paura ad un certo punto ha preso il sopravvento: ho visto scene dolorose: persone svenute, gente che gridava o che correva non si sa dove e in quale direzione. Uno scenario da bolgia dantesca. Siamo riusciti fortunatamente a scappare con l’auto che avevamo salvato e portato in piazza Cavour e i sospetti che il palazzo non fosse in buone condizioni li abbiamo già avuti passando al di sotto e notando anomalie alla struttura e ai muri portanti. La conferma l’abbiamo avuta tornando il giorno dopo; con la luce del giorno  ci siamo accorti che la struttura era completamente spostata nell’asse. Con la famiglia abbiamo raggiunto il Lazio ed io – racconta Valeria Copponi- ho sentito la terza scossa della domenica mattina a Genzano. Ero seduta sul letto nella camera dell’abitazione di mio zio. Il letto dondolava e lì per lì ho creduto in una mia suggestione, tanto ero rimasta sconvolta da quello che avevo vissuto a Camerino. Il movimento non si arrestava e guardando in alto ho visto il lampadario ondeggiare. Chiamando al telefono una mia amica di Camerino ho saputo che dalla parte del palazzo si vedeva un gran polverone segno che stava crollando. E’ stato terribile, ho avuto una fitta al cuore. Non ci sono parole- dichiara tra le lacrime Valeria- non c’è un vocabolario né un lessico per riuscire a spiegare le sensazioni e le emozioni di quei momenti”   

demolizione 420x517

 

 

  

Camerino- iniziata la demolizione del palazzo di via Sant'Agostino

02 Dic 2016
11030 volte

Pezzi di vita che se ne vanno. Iniziate a Camerino le operazioni di demolizione del palazzo di via Sant’Agostino, crollato a seguito delle scosse di terremoto del 26 e 30 ottobre 2016. Le ruspe e i mezzi dei Vigili del fuoco e delle ditte private, stanno procedendo all’abbattimento dell’edificio irreparabilmente danneggiato e pericolante. Il palazzo, insieme alla palazzina sulla quale si era abbattuto il campanile di Santa Maria in Via, sono subito diventati il simbolo della devastazione del sisma a Camerino. A guardare la scena da vicino, a fianco di chi abitava quegli appartamenti, sembra un po’ di violare la loro intimità. La benna scava impetuosa e impietosa tra macerie e mobilio, raccoglie vestiti dagli attaccapanni, strappa via ricordi. Da qui sotto si può solo immaginare, rivedere a ritroso il film di ore serene, pranzi di famiglia e bambini che scorrazzano lungo i corridoi. Pezzi di vita che se ne vanno. Oggi più che mai ognuno sente più forte la lacerazione prodotta in pochi secondi da questo evento drammatico. 

demolizione 3 600x800

La musica non crolla. Da Bergamo solidarietà per Camerino

01 Dic 2016
970 volte

Da un legame di amicizia  tra l’associazione culturale musicale “ Musica per passione “di Treviglio (BG) e l’Istituto musicale Nelio Biondi di Camerino, nasce una bella iniziativa di solidarietà.  L’associazione culturale musicale promossa da docenti e genitori della scuola media di Treviglioper sostenere l’indirizzo musicale dell’istituto, ha deciso infatti di devolvere a favore della Scuola di Musica camerte, danneggiata dal terremoto, i fondi che verranno raccolti in occasione del Concerto del S.Natale,. L’idea è partita dalla signora Cristiana Bernini, mamma di una ragazzina che di recente ha frequentato i corsi estivi dell’Istituto Nelio Biondi. La positiva esperienza di studio vissuta a Camerino ha suggerito dunque una dimostrazione d’affetto e vicinanza nei confronti della scuola musicale camerte diretta dal  m° Vincenzo Correnti.  Da parte sua  Nicoletta Sudati, dirigente dell’Istituto Comprensivo Grossi, in segno di solidarietà , ha deciso che la sua scuola di Treviglio tenderà una mano agli alunni delle scuole medie dell’Istituto Comprensivo Betti

Il  tradizionale concerto di Natale si terrà venerdì 16 dicembre alle ore 20 e 30 presso la Chiesa di San Pietro Apostolo a Treviglio. Per l’occasione sono stati invitati sia il maestro Correnti sia il dirigente Cavallaro, dichiaratisi onorati e commossi per questo ponte di solidarietà tra il nord e il cuore ferito del Paese.

Già in passato l'Istituto comprensivo Grossi aveva messo in campo iniziative di solidarietà nei confronti del comune terremotato di San Benedetto Po e in occasione del concerto organizzato per la raccolta fondi, erano stati raggiunti dai ringraziamenti in diretta del sindaco dellla cittadina danneggiata che aveva invitato i ragazzi a tenere un evento musicale nella città da lui amministrata. Cosa che puntualmente è accaduta alla fine dell'estate dell'anno successivo.

 

 

 

 

 

 

 

Camerino- Mercatini e pista sul ghiaccio la prima iniziativa del Natale 2016

01 Dic 2016
15614 volte

Un piccolo villaggio di casette di legno per ricreare un’atmosfera natalizia e ridare speranza e calore in vista delle prossime festività.

E’ quanto hanno pensato una trentina di commercianti di Camerino in collaborazione con l’amministrazione comunale. I titolari di negozi danneggiati dal terremoto e in zona rossa,  per tutto il periodo delle feste esporranno i loro articoli nel piazzale del parcheggio meccanizzato di viale Emilio Betti, dove verrà allestita anche una pista di pattinaggio sul ghiaccio per la gioia di adulti e  bambini.

“ Ci siamo accordati per ripartire insieme-dichiara l’ assessore alle attività produttive Erika Cervelli- Una collaborazione che vede uniti amministrazione comunale e attività commerciali per creare, in previsione del Natale, una bella atmosfera in grado di aggregare i cittadini ma anche con lo spirito di far tornare in città la gente. Camerino è già ripartita con le attività di Unicam, con le scuole di ogni ordine e grado e ora riparte anche con le attività commerciali- sottolinea l’assessore Cervelli- e, la riunione che si è tenuta è proprio servita ad individuare una zona dove poter posizionare le casette e altre strutture per favorire l’economia della città. La zona del parcheggio meccanizzato ci è sembrata la più adatta perché centrale, consente di rivedere il cuore della città e, nel contempo è facile da raggiungere in auto senza problemi di parcheggio.

. Abbiamo poi pensato di arricchire l’iniziativa commerciale con qualcosa che possa regalare un momento di svago e divertimento allo stare insieme. Posizioneremo luminarie e albero di Natale e, per la prima volta a Camerino,verrà allestita una pista di pattinaggio. Partiremo in questo fine settimana- conclude Erika Cervelli- prolungando l’iniziativa fino all’Epifania. C’è l’entusiasmo di tutti per questo progetto che vede concordi e uniti commercianti e comune di Camerino”.

Pista pattinaggio

Macerata-Renzi ai sindaci: Ricostruiremo per il futuro della regione

30 Nov 2016
1343 volte

 

Da Matteo Renzi, parole rassicuranti sulla gestione dell’emergenza e sulla ricostruzione Questo mercoledì 30 novembre il Premier ha incontrato a Macerata i sindaci e gli amministratori dei comuni colpiti dal terremoto. Un incontro a porte chiuse, tenutosi al teatro Don Bosco, alla presenza del Commissario Straordinario per la ricostruzione Vasco Errani e il Capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio. Il quadro della situazione lo ha fatto nel suo contributo d’ apertura il Governatore Luca Ceriscioli. Fare presto e accelerare le verifiche sull’agibilità degli edifici danneggiati la richiesta più urgente venuta dai sindaci

Consapevole delle grandi proporzioni dei danni che il terremoto ha provocato nella regione, il Presidente del Consiglio ha espresso ancora una volta la sua forte vicinanza alle amministrazioni e al territorio. Tra le numerose rappresentanze delle istituzioni locali presenti anche il rettore di Unicam Flavio Corradini- “Il presidente della Regione - ha riferito Corradini - ha sottolineato la necessità di sostenere l’Università di Camerino nella ripresa delle attività didattiche e della normalità; parole importanti nei confronti del nostro ateneo sono state espresse anche dallo stesso Presidente Renzi. Una vicinanza quella del Governo e del nostro Paese - ha commentato il rettore - che ci dà tanta forza; in certi momenti si ha davvero la necessità di sentirci insieme. E’ un momento di difficoltà per un terzo del nostro Paese- ha ribadito– però se stiamo insieme e continuiamo a lavorare con questa determinazione sono certo che riusciremo a garantire quel futuro che non crolla che è diventato ormai uno slogan in tutto il mondo”.

“ Non sarà solo una ricostruzione di mura e di case ma ricostruiremo per il futuro di questa regione “ ha rassicurato il Presidente del Consiglio davanti ai sindaci, ribadendo con forza la necessità di ricostruire quella identità che questa parte dell’Italia ha sempre avuto spiccata.

Sulla stessa linea il Commissario straordinario Errani secondo il quale “un’Italia senza il suo cuore, così bello e totalmente sostenibile come quello che abbiamo da sempre conosciuto, non sarebbe un’Italia”.

“ Fa davvero molto piacere sentirselo dire da rappresentanti importanti del nostro Paese- ha dichiarato il rettore Corradini aggiungendo che tra gli aspetti toccati, di particolare rilievo quelli riferiti al tentativo di accelerare i processi amministrativi riguardanti le schede AEDES che stanno preoccupando molti amministratori del centro Italia. “ Renzi ha garantito che presto ci saranno delle importanti novità, atte a sostenere procedure più veloci per testare tutte le abitazioni. - ha riferito il rettore-  Il presidente del Consiglio ha inteso rassicurare e ribadire la necessità di ricostituire il patrimonio culturale prerogativa del territorio marchigiano e maceratese e a disposizione dell’Italia e dell’ Europa. L’urgenza di studiare nuove modalità di costruzione e ricostruzione per tutte le aree sismiche del Paese, è stata altresì sottolineata dal Commissario Errani.

Intanto per l’Università di Camerino che aveva come obiettivo la ripresa delle attività didattiche per i Corsi di Laurea che insistono nella sede della città ducale (già partite nelle altre sedi ) sono giorni importanti. “ Siamo già ripartiti con i Corsi della Scuola di Giurisprudenza e tutto sta procedendo in maniera piuttosto fluida anche per gli altri Corsi “- ha detto Corradini-. “Da colleghi e studenti sto ricevendo messaggi che tutto è perfettibile, ma si sta procedendo abbastanza bene, Anche questa prova generale dunque sta avendo il suo successo. E di questo il rettore di questa meravigliosa università non può che essere molto soddisfatto e onorato- ha concluso Corradini- Ringrazio tutto il personale tecnico amministrativo, tutto il personale docente e ricercatore e tutte le studentesse e studenti che, nonostante tutto, stanno continuando a darci fiducia. E noi, non mancheremo di dare loro soddisfazioni professionali”   

Referendum- Dove si vota a Camerino

29 Nov 2016
1684 volte

A Camerino i seggi elettorali sono stati istituiti nel complesso della scuola materna “Ortolani” e della contigua struttura dell’Asilo nido “ La coccinella” in via Battista Varano.

L’accesso alla struttura, avviene da Madonna delle Carceri in salita, svoltando a sinistra in direzione dell’impianto di Teleriscaldamento e percorrendo la nuova viabilità alternativa realizzata di recente.

Presso l’edificio della scuola materna Ortolani sono state costituite le sezioni 1-2-3 - 4.

Nella contigua struttura dell’asilo nido “ La coccinella” saranno espletate le votazioni delle sezioni 5-6-7-8.

L’ufficio elettorale del comune di Camerino, che ha sede presso la parte interna del Contram in via Le Mosse, resta aperto per il rilascio delle schede elettorali e dei sostitutivi venerdi 2 dicembre fino alle ore 19, sabato 3 dicembre fino alle ore 18 e, domenica 4 dicembre, ininterrottamente dalle ore 7 fino alle ore 22 e 45.

Le risorse digitali di Springer Nature a disposizione di Unicam

29 Nov 2016
729 volte

Springer Nature renderà disponibili integralmente le proprie risorse digitali all’Università di

Camerino, colpita dai terremoti di agosto e ottobre.

Unicam potrà così potranno accedere, oltre alle riviste cui è già abbonata, a tutte le

testate Springer Nature fino alla fine di luglio 2017. Potranno inoltre beneficiare

dell’estensione dell’accesso tutti i ricercatori, il corpo docente e gli studenti dell’Ateneo.

“Non siamo minimamente in grado di immaginare – ha dichiarato Dagmar Laging, Vice

Presidente di Springer Nature – il livello di devastazione causato dai recenti terremoti, le

difficoltà che le comunità colpite stanno affrontando e i disagi che dovranno subire per

molto tempo. Desideriamo pertanto offrire il nostro supporto a queste istituzioni nella

difficile fase di ricostruzione, augurandoci di poter alleviare almeno in parte il disagio del

momento e facilitando l’accesso online da remoto al personale universitario e agli

studenti.”

Il team italiano di Springer Nature in Italia contatterà ‘università per ulteriori chiarimenti e

sta valutando la possibilità di coinvolgere nell’iniziativa anche altre istituzioni che lavorano

alla ricostruzione e che operano in quei territori.

Springer Nature offrirà lo stesso beneficio anche all’Università di Macerata.

Springer Nature è uno dei maggiori editori mondiali nel campo della ricerca, dell’istruzione

e dei settori professionali; comprende una serie di marchi rinomati e affidabili che offrono

contenuti di qualità attraverso un’ampia gamma di prodotti e servizi innovativi. Springer

Nature è il più grande editore di libri accademici a livello globale, pubblica le più influenti

riveste al mondo ed è all’avanguardia nel campo dell’open research. La società conta quasi

13.000 collaboratori in oltre 50 Paesi. Springer Nature è stata costituita nel 2015

attraverso la fusione del Gruppo Nature Publishing, Palgrave Macmillan, Macmillan

Education e Springer Science+Business Media.

Sisma- Poltrona Frau ospita figli dei dipendenti - Doposcuola e intrattenimento

29 Nov 2016
1414 volte

È partito da qualche giorno nello stabilimento di Tolentino, uno dei comuni del maceratese colpiti dal terremoto, il Centro di ospitalità per bambini in età scolare voluto da Poltrona Frau per agevolare i dipendenti che, a seguito del sisma e della rimodulazione degli orari delle scuole, hanno difficoltà logistiche e organizzative a gestire i figli. L'azienda ha messo a disposizione in via sperimentale fino al prossimo 7 dicembre un servizio di ospitalità che si svolge in due turni: uno al mattino dalle 8 alle 12:30 e uno nel pomeriggio dalle 14 alle 18 di ogni giorno feriale. Il servizio prevede attività di doposcuola e intrattenimento, che si tengono al Poltrona Frau Museum, sotto la supervisione di educatori e animatori. L'area libreria del Museo è stata allestita con un grande tavolo per fare i compiti, tappeti e tavolini bassi per facilitare le attività ludiche e ricreative. L'azienda sta valutando la possibilità di prolungare l'apertura del centro fino a prima dell'inizio delle vacanze natalizie.
   

Referendum- Dove si vota a San Severino.In 10 mila alle urne

29 Nov 2016
676 volte

REFERENDUM 4 DICEMBRE: DOVE SI VOTA, 10MILA I SETTEMPEDANI AI SEGGI

Sono 13 le sezioni dove il 4 dicembre prossimo si voterà per il Referendum costituzionale. Alle urne sono chiamati 10mila settempedani. Il dato complessivo, riferito agli elettori residenti in Italia e fornito dall’Ufficio elettorale del Comune di San Severino Marche, conta 5.172 donne e 4.829 uomini. A causa del terremoto è cambiata la mappa dei seggi. Gli elettori delle sezioni n. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10 e 11, che abitualmente si recavano presso l’Istituto Tecnico Tecnologico Statale “Eustachio Divini” di viale Massini e presso la Scuola primaria di piazzale Luzio, infatti, per poter esercitare il proprio diritto di voto dovranno recarsi presso palazzo dei Governatori, in via Cesare Battisti (sezioni n. 1 e 11), presso la Scuola dell’infanzia “Gentili” di via Gentili (sezioni n. 2, 3, 4 e 9) e presso la Scuola primaria della frazione di Cesolo (sezioni n. 5, 6, 7, 8, 9 e 10). L’ubicazione delle altre sedi dei seggi n. 12 e 13 resterà invariata e gli elettori continueranno a recarsi presso la Scuola dell’infanzia della frazione di Cesolo.

Renzi a Macerata per incontrare i sindaci dei comuni colpiti dal sisma

28 Nov 2016
948 volte

In occasione della visita istituzionale del presidente del consiglio Matteo Renzi nelle Marche, la Regione invita gli amministratori e i sindaci dei Comuni che hanno subito danni dal terremoto per un incontro con il premier. L'appuntamento è per mercoledì 30 novembre alle ore 15 a Macerata, al Teatro Don Bosco, . Saranno presenti il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, il commissario Vasco Errani, il  capo del Dipartimento della Protezione Civile Fabrizio Curcio e il presidente dell'Anci Maurizio Mangialardi. 

La Silicon Valley finanzia la Fisica di Unicam

28 Nov 2016
989 volte

Anche nella Silicon Valley riconoscono la qualità e l’eccellenza della ricerca Unicam.

E’ giunta in questi giorni in Ateneo la conferma dell’ottenimento di un importante finanziamento per un progetto di ricerca nell’ambito della Fisica coordinato dal Prof. Stefano Mancini, docente della sezione di Fisica di Unicam.

Il progetto di ricerca “Quantum Observers in a Relativistic World”, realizzato dal prof. Mancini in collaborazione con l’Università di Vienna e l’Università di York, ha ottenuto un finanziamento di 84 mila dollari (circa 80 mila euro) da parte del programma Physics of the Observer del Foundational Questions Institute (FQXi), che ha selezionato progetti da tutto il mondo ed assegnato i finanziamenti provenienti da un fondo messo a disposizione dalla Silicon Valley Community Foundation.

Obiettivo del Foundational Questions Institute è infatti quello di supportare e diffondere le ricerche relative alla fisica di base, con particolare attenzione a progetti innovativi fondamentali per una profonda comprensione della realtà, ma che difficilmente potrebbero accedere alle più comuni forme di finanziamento, perché risultano essere troppo visionari e senza immediate applicazioni concrete.

Il lavoro di ricerca guidato da Unicam affronterà questioni del tipo: Qual è, in linea di principio, la massima informazione che possiamo estrarre da eventi cosmologici? Possiamo arrivare a conoscere le origini dell’Universo o le leggi fisiche stesse ce lo impediscono?

Il prof. Mancini si occupa da tempo, con eccellenti risultati, di ricerca nel settore della fisica teorica quantistica ed è presente nella speciale classifica dei “Top Italian Scientists” (www.topitalianscientists.org) stilata dall’associazione Via-Academy, associazione che elenca i migliori ricercatori italiani nel mondo.

Camerino- Affollatissimo l’incontro convocato dal sindaco Pasqui alle Calvie

26 Nov 2016
5323 volte

 

“Dovremo attendere un tempo importante prima di vedere la città sicuramente ricostruita” . Così ha esordito il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui in occasione dell’affollatissima incontro con i cittadini, tenutosi nei locali del palazzetto Cus Orsini alle Calvie a 25 giorni dal terremoto. “La situazione della nostra città- ha proseguito - è estremamente complessa e completamente diversa da quella che si vide dopo il sisma del 1997 e, qualsias,i riferimento a situazioni del passato o vicine,non si addice a chi vuol lavorare per far ripartire questo territorio. Questo non è un territorio che ripartirà grazie ad un sindaco somaro o bravo – ha tenuto a precisare Pasqui- ma ripartirà, ne sono certo e non grazie ad una amministrazione o ad un primo cittadino o a dei singoli, ma grazie alla collaborazione di tutti, se realmente la nostra volontà è quella  di restituire ai nostri figli la città che era e che addirittura potremmo migliorare. Ritengo tuttavia che, nel momento attuale ogni paragone con altre realtà, con altre situazioni simili, come anche le polemiche siano fuori luogo. Le situazioni vanno valutate in base alla loro complessità e la nostra è situazione molto complessa.

Premetto – ha spiegato il sindaco- che, gli amministratori  e quanti ci stanno aiutando, come Massimiliano Polzetti della Protezione civile nazionale che ci sta accompagnando in questo percorso, stanno facendo tutto il possibile”

 

IMG 20161125 162100570 800x600

 Il sindaco ha inoltre ricordato che attualmente sono 1995 le persone alloggiate fuori di Camerino; 1729 sono ad oggi le domande per autonoma sistemazione e circa 5000 in tutto  sono le  persone in grande difficoltà da ricollocare e da sistemare,  per cui la situazione camerte  non può essere paragonata a quella di altri paesi o città. Le domande di sopralluogo sono 4027, di queste 734 ne sono state fatte con le schede FAST e 173 con le schede Aedes per un totale di circa 900. Dal 23 novembre inoltre sono stati fissati i criteri con i quali poter andare avanti nella maniera più spedita possibile con i sopralluoghi “per i quali- ha precisato Pasqui- si sta procedendo  con l’ausilio di 3 squadre ma c’è da capire  che questo terremoto ha messo in ginocchio non solo la nostra città  e, le risorse da impiegare, sono riferite a ben 4 regioni.. Al lavoro a Camerino sono dunque tre gruppi che possono fare una media di circa 15 sopralluoghi al giorno. Quanto ai CTS per tentare riaperture nella cd. zona ross,a le richieste sono 17 e ne sono stayi eseguiti 5; dello stesso numero le rivisitazioni eseguite della stessa zona rossa  per consentire,, dopo una prima fase speditiva, una riapertura sempre maggiore della zona interdetta della città”.. L’ultima novità annunciata nel corso dell’incontro è stata quella della riapertura di via Cesare Battisti e di Piazzale della Vittoria dove, se le schede dei sopralluoghi lo consentiranno, potranno riaprire la loro attività un negozio di  ferramenta e una  pasticceria . “Le operazioni che stiamo portando avanti- ha aggiunto Pasqui – sono dunque tese a riaprire man mano varie parti della città. La situazione è delicata perché  ne va della sicurezza pubblica;  coloro che fanno le schede di valutazione, lavorano infatti  nell’interesse della collettività; è appunto  prendendo atto di quel che riportano che io emetto delle ordinanze. Vi sono delle linee guida emanate dal governo italiano- ha precisato-  alle quali tutti si debbono attenere, come del resto anch’io, nell’interesse della città e dei suoi abitanti”

Quanto alla sistemazione delle persone Pasqui ha ricordato le varie possibilità riconosciute dallo Stato per i casi di calamita: l ’autonoma sistemazione o l’’alloggio negli alberghi convenzionati e, passaggio successivo, la possibilità delle casette di legno.

“ Dobbiamo far ripartire tuttoè ripartita l’Università, sono ripartite le scuole, debbono ripartire le attività commerciali per le quali abbiamo bisogno di individuare le aree; credo che tra tre o quattro giorni;- ha affermato- avremo una risposta della Regione sulle aree da noi già individuate. .Allora c’incontreremo per decidere insieme il da farsi. La città deve ripartire insieme con il commercio, con la sua Università per andare a creare quella città che dovrà essere per qualche anno. E’ dunque necessaria attenzione su quello che andremo a fare, perché è questa la situazione che ad oggi ci vede impegnati; una situazione complessa che però ci sta facendo capire la forza di una città che ha già reagito e che il suo motore l’ha già fatto ripartire. Che vi siano problematiche o che tante cose possano essere fatte meglio è normale, ma il percorso lo facciamo insieme e vi chiedo realmente una vicinanza, perchè questa è una fase molto difficile, perché la fatica e l’energia che ci vuole è davvero tanta”.  Dichiarandosi disponibile ad accogliere i consigli dei cittadini, il sindaco ha poi annunciato l’organizzazione di nuovi incontri per informare e aggiornare sulla situazione, ricordando anche la possibilità di registrarsi sul sito internet del comune di Camerino indicando il proprio numero di cellulare per poter ascoltare registrate alcune comunicazioni importanti dell’amministrazione. Infine Pasqui ha sottolineato che, per quanto riguarda la sistemazione delle persone, oltre alla sistemazione autonoma o ad usufruire degli alberghi, c’è anche la possibilità della fase dei containers. Verranno posizionati nelle aree già pronte di Vallicelle e San Paolo. La scelta è stata quella  di dividere i circa 1000 posti a disposizione, tra gli studenti universitari e le famiglie che hanno bambini e ragazzi in età scolare. “Questa è dunque la priorità- ha concluso - e per questo riavvicinamento delle famiglie con figli che vanno a scuola sono state stipulate anche delle convenzioni con degli alberghi più vicini alla città, per la metà invece la disponibilità prioritaria sarà per gli  studenti universitari che possiamo considerare nostri concittadini perché, come ho sempre detto, l’università sta a Camerino come Camerino sta alla sua università”.        

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo