Il presidente Mattarella visita i terremotati a Camerino

02 Nov 2016
1463 volte

Sarà anche a Camerino il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nella sua visita alle popolazioni colpite dal devastante terremoto di domenica 30 ottobre. Il Capo dello Stato arriverà nel pomeriggio nella zona de Le Calvie, ora divenuto il cuore della città ducale, dove sarà accolto dal sindaco Gianluca Pasqui, dal rettore Flavio Corradini, dal vicario generale dell'arcidiocesi di Camerino - San Severino Marche e da mons. Mariano Blanchi, parroco di Santa Maria in Via, in rappresentanza dell'arcivescovo Francesco Giovanni Brugnaro che ha dovuto improvvisamente raggiungere Varese per un lutto famigliare.

In attesa dell'arrivo del presidente Mattarella continuano le riunionidel COC per fare il punto della situazione. Una volta sistemata la popolazione, ora la priorità diventano scuole e università. Ed è proprio dai giovani e dalla cultura che Camerino intende ripartire, cercando le soluzioni più idonee per poter lentamente tornare alla normalità.

Inoltre, si stanno continuando a recuperare e mettere in sicurezza le opere d'arte che non sono andate distrutte, anche per evitare che vengano trafugate dai malintenzionati che approfittano della situazione di emergenza. Al riguardo è stata segnalata anche nella notte la presenza di sciacalli intenti a rubare nelle abitazioni abbandonate dai proprietari a Tolentino, Camerino e Caldarola, tentativi tutti sventati dalla sorveglianza dei carabinieri che presidiano le zone. L'avviso per tutti è quello di rivolgersi immediatamente a carabinieri e polizia al minimo sospetto o alla vista di probabili malintenzionati.

Le foto della visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

 

MattarellaCamerino 04

 

MattarellaCamerino 05

 

MattarellaCamerino 01

 

MattarellaCamerino 03

Il Parco Nazionale dei Sibillini resta a Visso

02 Nov 2016
527 volte

Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini non dispone, al momento, della sua sede istituzionale. Gli uffici sono dislocati infatti all’interno della zona rossa di Visso e risultano inagibili. In questi giorni si sono susseguiti incontri tra autorità locali e dirigenti dell’Ente Parco, in primis il presidente Oliviero Olivieri ed il direttore Carlo Bifulco, per cercare una soluzione percorribile che consenta di riavviare una operatività del Parco in loco.

Anche ieri Olivieri e Bifulco hanno incontrato il Sindaco di Visso, Giuliano Pazzaglini, per individuare l’area dove si andranno a sistemare dei container attrezzati dove ospitare temporaneamente gli uffici. L’ipotesi che si sta valutando è quella dell’area della piscina dove potrebbe trovare spazio, in futuro, anche una sistemazione più strutturata dell’Ente.

“Il Parco è e resta a Visso” ha sottolineato Bifulco. “Anche senza sede stiamo lavorando su più fronti per ripristinare il lavoro degli uffici. Per questo, oltre ai container di cui disporremo a Visso, ci siamo attivati per dislocare le strutture informatiche ed altri uffici del Parco, presumibilmente fino almeno a giugno del prossimo anno, in sedi di altri enti pubblici del territorio che potranno ospitarci in questa difficile fase.” Le sedi individuate sono, oltre a Visso, l’Istituto Zooprofilattico dell’Umbria e delle Marche di Tolentino ed il Centro Regionale di Protezione Civile di Foligno.

Festa di Tutti i Santi, il terremoto "chiude" anche i cimiteri

01 Nov 2016
644 volte

1 Novembre festa di Ognissanti. Un periodo nel quale tutti si ritrovano, molti ritornando anche nei luoghi di origine, per rendere omaggio ai propri cari defunti. Una festività quest’anno segnata nel territorio del maceratese dalla grave crisi sismica iniziata dallo scorso mese di agosto. Così le comunità colpite, che hanno avuto anche tutti i cimiteri lesionati e di conseguenza chiusi, si sono ritrovate a celebrare la messa nelle tende adibite a chiese o, come a Camerino, sul prato de Le Calvie dove l’arcivescovo Francesco Giovanni ha celebrato insieme ai sacerdoti della città in quella che ora è divenuta la sua cattedrale a cielo aperto. Un messaggio di speranza, quello rivolto dal vescovo ai suoi fedeli che ha invitato alla solidarietà e a vivere in pieno, pur nella provvisorietà, il senso della comunità. Un pensiero anche a coloro che stanno operando in favore di quanti che sono in maggiore situazione di disagio che in questo modo, ha sottolineato, vivono la loro Eucaristia anche se non possono partecipare alla messa.

 

vescovo medita

Terremoto e frane, Montalto di Cessapalombo resta isolato

31 Ott 2016
9575 volte

"Non lasciateci soli" è il grido accorato che giunge da Cessapalombo dove gli abitanti, soprattutto quelli della frazione di Montalto, non hanno ancora visto nessuno nonostante anche in quel territorio il terremoto abbia picchiato duro e la macchina dei soccorsi risulti avviata ormai da diverse ore. "Nessuno si è ancora visto", fanno sapere. L'invito a trasferirsi nelle strutture alberghiere della costa non è stato, infatti, accolto dalla maggioranza degli abitanti, soprattutto i più anziani, che non vogliono lasciare le loro case, spesso gravemente lesionate, e gli animali da allevamento che, insieme all'agricoltura, ha caratterizzato l'economia del luogo. Tutti si sono attivati, con i pasti che vengono preparati da coloro che gestivano un ristorante e consumati all'interno dei tendoni utilizzati fino all'estate scorsa per le feste paesane. Il grido accorato che giunge, dunque, è quello di prestare aiuto a questa gente che, grazie all'amore per la propria terra, ha contribuito a che questi luoghi abbiano conservato intatto il proprio fascino. Almeno fino all'arrivo del terremoto.

 

(La chiesa di Tribbio)

chiesa tribbio

 

(La frana prodotta all'esterno della chiesa)

 

chisa esterno

 

(Una casa gravemente lesionata)

casa marchi

 

(Villa di Montalto)

villa mont

 

(I pasti consumati all'interno del tendone)

tendone

Pensioni, mutui, corrispondenza: servizi garantiti ai cittadini terremotati

31 Ott 2016
969 volte

A Visso, Castelsantangelo sul Nera, Ussita, Pievetorina, Pievebogliana, Muccia e Castelraimondo presenti uffici postali mobili. Camerino aperto l’ufficio postale di Camerino1

 

Per il recapito della posta ai cittadini temporaneamente trasferiti disponibili disponibile gratuitamente il servizio “Seguimi”

 

Sospesi i pagamenti di rate di mutui e finanziamenti per i residenti delle aree colpite

Bloccato anche il recupero crediti

 

upm visso

Per quanto riguarda la città di Camerino, è stato riaperto l’ufficio postale di Camerino1. L’ufficio postale è stato potenziato con uno sportello aggiuntivo l’ufficio postale. Aperto già da oggi (31 ottobre) con i seguenti orari: da lunedì a venerdì dalle 8.20 alle 13.35 e il sabato dalle 8.20 alle 12.35.

Poste Italiane d’intesa con Inps ha disposto la circolarità del pagamento delle pensioni erogate dall’Istituto e dal Ministero dell’Economia e Finanze. I pensionati residenti nelle zone colpite dal sisma potranno quindi riscuotere le somme in un qualsiasi Ufficio postale attivo sul territorio nazionale. L’agevolazione riguarda anche chi percepisce l’assegno di disoccupazione, che potrà perciò essere riscosso ovunque in Italia.

Poste Italiane ha stabilito per i residenti nelle aree colpite dal sisma – e in accordo con le banche partner – la sospensione immediata del pagamento delle rate dei mutui e dei prestiti in corso su esplicita richiesta degli interessati. Saranno inoltre bloccate tutte le attività di recupero crediti e di sollecito dei pagamenti indirizzate a persone che vivono nei centri terremotati. La sospensione è operativa per i pagamenti futuri, non ancora addebitati sul conto.

Tra le altre misure imminenti ci sarà anche l’eliminazione delle commissioni sui prelievi da sportelli automatici postali e bancari della zona e dell’azzeramento delle commissioni relative a prelievi eseguiti con carte riconducibili agli uffici postali presenti nell’area del sisma, a prescindere dal luogo in cui sia avvenuta l’operazione.

Poste ha poi predisposto l’attivazione del servizio “Seguimi” che prevede la consegna della corrispondenza al recapito delle persone temporaneamente trasferiti anche attraverso il Dipartimento della Protezione Civile o le strutture che si occupano delle gestione dell’emergenza.

I cittadini interessati potranno fornire il loro indirizzo provvisorio telefonando al numero verde gratuito di Poste Italiane 803160, che invierà tutte le informazioni alla Centrale operativa. I portalettere e le strutture operative di Poste Italiane daranno tutte le indicazioni sulla raccolta delle informazioni relative al nuovo domicilio dei cittadini.

Poste Italiane, attraverso l’operatore telefonico PosteMobile, d'intesa con il Dipartimento della Protezione Civile, ha riattivato la numerazione solidale 45500 per la raccolta fondi a favore della popolazioni di Umbria e Marche colpite dal terremoto.

Tutti i clienti PosteMobile possono donare 2 euro tramite l’invio di un SMS.

Camerino, divieto di entrare in zona rossa ancora per 12 ore

31 Ott 2016
1650 volte

Si comunica che per la distribuzione di farmaci sarà attivato un ulteriore punto presso il Palazzetto Polivalente delle Calvie, che si aggiunge a quello già attivo e operaTivo nei locali di Contram Spa, in via Le Mosse 19.
Si fa presente, inoltre, che a scopo cautelativo i Vigili del Fuoco hanno prolungato di altre 12 ore il divieto di accesso alla zona rossa per il recupero dei beni. I cittadini che hanno giá fatto richiesta nei giorni scorsi rimangono in lista, mentre è sospesa fino a nuovo ordine la registrazione di nuove richieste. Questo per consentire la messa in sicurezza di alcuni punti strategici per la viabilitá, così da poter ridurre nel minor tempo possibile il perimetro della zona rossa.
Si ricorda, infine, che per segnalare la necessitá di recuperare animali domestici bisognerà rivolgersi al 3666582674

 

NOTA SINDACO DI CAMERINO

In un momento nel quale tutto è una priorità, non posso non considerare l'Università LA PRIORITÀ per la ripartenza della nostra città. Ritengo pertanto di dover incontrare il prima possibile il Commissario Straordinario Vasco Errani ed il Presidente della Regione Luca Ceriscioli, congiuntamente al Magnifico Rettore Flavio Corradini, per riuscire a concretizzare l'impegno preso durante la visita a Camerino del Presidente del Consiglio Matteo Renzi: quello di riuscire a riprendere al più presto la vita universitaria del nostro Ateneo nella nostra Città. Non posso infatti in alcun modo immaginare che l'anno accademico, le attività amministrative e la vita accademica dell'Università di Camerino possano riprendere in un luogo diverso dalla città che porta il suo nome. Già ci siamo attivati richiedendo tecnici agibilitatori Aedes al fine di verificare le strutture universitarie così da avere i numeri certi sui quali discutere e ragionare, oltre ad identificare altre aree che serviranno ad ospitare strutture idonee ad accogliere i nostri studenti.

Gianluca Pasqui

Sindaco di Camerino

Dopo il terremoto la speranza è la ricostruzione

28 Ott 2016
749 volte

Dopo la visita del Presidente del Consiglio Matteo Renzi a Camerino e nelle zone epicentrali del sisma, continuano le attività di "ispezione" da parte del Commissario Straordinario alla Ricostruzione Vasco Errani in tutto il territorio dell'alto maceratese. Errani, infatti, si è recato a San Severino Marche per incontrare il sindaco Rosa Piermattei e l'arcivescovo Francesco Giovanni Brugnaro, facendo così il punto della situazione. La diocesi camerte-settempedana ha già messo a disposizione a Camerino la struttura dell'ex seminario dove è stato allestito un centro di raccolta Caritas per gli aiuti alla popolazione e dove sono già stati trasferiti gli uffici della Curia arcidiocesana (numero telefonico 0737630400 ove rivolgersi per tutte le esigenze). Dopo San Severino il Commissario si è recato a Caldarola, proseguendo poi verso San Ginesio. Una visita, quella di Errani, a lungo desiderata dal sindaco del paese dei cardinali Pallotta che ha avuto parole di fuoco. "Non siamo cittadini di serie B - le parole del primo cittadino - L'80% della popolazione caldarolese sta trascorrendo la notte in auto e anche da noi il sisma, dopo quello dello scorso 24 agosto, ha causato notevoli problemi. Il timore è quello che le nostre esigenze passino in secondo piano, pur comprendendo l'urgenza per chi sta messo peggio di noi. L'incontro con Errani è servito proprio a rendere noti i nostri bisogni".

Intanto le verifiche nel centro storico e nei quartieri di Camerino parlano di danni sempre più evidenti. Addirittura sembra che la stessa sede dei vigili del fuoco abbia subito importanti lesioni, con la struttura al limite dell'inagibilità. Una difficoltà in più per coloro che prestano la loro opera in favore dell'intera popolazione.

Un territorio in ginocchio. "Scossi sì, piegati no"...#ilfuturononcrolla

27 Ott 2016
1520 volte

Due mesi e qualche ora sono trascorsi dalla notte di quel maledetto 24 agosto e il "mostro" è tornato nuovamente a farsi sentire con tutta la sua potenza distruttrice. Un forte avvertimento alle 19.13 di mercoledì 26 ottobre, poi alle 21.20 la botta tremenda. Magnitudo vicino al 6, epicentro la zona tra Ussita, Visso, Castelsantangelo sul Nera, Norcia. L'intero entroterra maceratese, soprattutto la zona del camerinese, nuovamente messo in ginocchio. Città ducale ferita a morte, con crolli diffusi: parte del campanile di Santa Maria in Via, parte del palazzo del tribunale, la chiesa di San Giacomo, il carcere. Una città in ginocchio che alla luce del giorno conta le sue ferite. Sono ricominciati i sopralluoghi, il centro storico è diventato zona rossa, gravi danni al Palazzo Arcivescovile, la stessa nostra sede di Radio C1 inblu (dopo la lunga diretta della notte per dare voce al territorio colpito a morte) e de L'Appennino camerte dichiarata inagibile. Tirato un sospiro di sollievo per non aver pagato tributi in termini di morti o feriti il grido si alza unanime e prepotente dell'intero territorio: "Vogliamo assolutamente rialzarci". Duramente colpita anche la caserma dei carabinieri, con il capitano Vincenzo Orlando che insieme ai suoi uomini ha saputo gestire al meglio la situazione di emergenza vicino alla popolazione e che ha assicurato la piena vicinanza degli uomini dell'Arma con l'intento anche di sistemarsi quanto prima in una nuova sede. Gravissimi danni anche a Pioraco dove è crollato un capannone adibito a produzione della locale cartiera, attività che dà lavoro a 160 dipendenti. Nel pomeriggio a Camerino è giunto il presidente del consiglio Matteo Renzi, accompagnato dal ministro alle infrastrutture Ottaviano Del Rio e dal commissario straordinario alla ricostruzione Vasco Errani, per una visita alla città ducale e in particolare alle zone del centro storico maggiormente colpite. Il premier ha anche partecipato ad un tavolo di lavoro insieme al primo cittadino Gianluca Pasqui, al rettore Flavio Corradini e al governatore delle Marche Luca Ceriscioli. "Non è il momento di fare polemiche - le poche parole pronunciate dal presidente Renzi - 40 milioni di euro già sono stati stanziati per l'emergenza perchè Camerino, sede di università, è un centro importante, fulcro di un vasto territorio, che deve assolutamente rinascere. E a testimonianza di ciò l'iniziativa di Unicam con le magliette con la scritta "#ilfuturononcrolla".

 

L'arrivo di Renzi a Camerino

ressa giornalisti

 

renzi1

 

incontro contram

(L'arcivescovo Brugnaro, il rettore Corradini, il presidente del Contram Belardinelli)

 

rettore vescovo

 

#ilfuturononcrolla

 

rettore

 

gruppounicam

 

Le foto della "grande paura"

 

(La situazione di Visso dopo il terremoto)

 

sibilla

 

visso3

 

visso2

 

visso4

 

visso1

 

visso

 

(Ussita - veduta aerea)

 ussita aerea

 

(Il cimitero di Ussita gravemente danneggiato)

 

cimitero ussita

 

(Pievebovigliana - veduta aerea)

 

pievebovigliana aerea

 

(Camerino alle prime luci del giorno)

 

camerino

 

camerinocentro

 

camerino duomo

(Centri di accoglienza notturni)

 

centro accoglienza

 

(Caldarola - Danni nella chiesa di San Gregorio)

san gregorio

 

 (Caldarola - danni all'abside esterno della chiesa di San Martino)

 

san martino

 

(Camerino - crolli nel centro storico)

crollo tribunale

 

(Camerino - crolli nella zona dell'ex tribunale)

chiesa

 

(Camerino - Danni agli edifici di culto)

san giacomo

 

(Camerino - ala crollata del palazzo dell'ex tribunale)

tribunale

 

(Caldarola - crolli nella piazza e nella zona del castello)

 

s maria in via

 

cassero

Unicam: Al Prof Edoardo Boncinelli il SAS Award 2016

26 Ott 2016
799 volte

La School of Advanced Studies di Unicam conferirà venerdì 28 ottobre al prof. Edoardo Boncinelli, ricercatore, divulgatore scientifico di fama internazionale, fisico, biologo, poeta, il SAS AWARD 2016 per il suo enorme contributo all'avanzamento della scienza e della società.

L’incontro si aprirà con il saluto del Rettore Unicam Flavio Corradini e con l’intervento del Direttore della School of Advanced Studies Roberto Ciccocioppo. Il prof. Boncinelli dialogherà poi con i presenti sul rapporto fra umanesimo e scienza.

Nel corso dell’evento saranno consegnati anche i SAS Young Investigator AWARD 2016 a tre dottorandi dell'Ateneo.

Il Premio è un’iniziativa inclusa nell’Action Plan of the Human Resources Strategy for Researchers, che ha fatto ottenere ad UNICAM il riconoscimento “HR Excellence in research” da parte della Commissione Europea e rientra nelle azioni di implementazione dei principi della Carta Europea dei Ricercatori e Codice di Condotta per il loro Reclutamento e viene assegnato sulla base di valutazioni effettuate sia da una commissione interna che da parte di esperti esterni.

In questo modo l’Ateneo vuole premiare la ricerca di alta qualità, in modo da incentivare i dottorandi a condurre la loro attività di ricerca secondo standard elevati.

Il Commissario Vasco Errani a Camerino

25 Ott 2016
2446 volte

Visita a Camerino del Commissario straordinario per la ricostruzione post-terremoto Vasco Errani Accompagnato dal capo nazionale della Protezione civile Curcio il Commissario è stato accolto dal sindaco Gianluca Pasqui e dai componenti l'amministrazione comunale. Errani ha incontrato anche l'arcivescovo Francesco Giovanni Brugnaro. Al centro della discussione a Palazzo Comunale in particolare la problematica relativa all'inagibilità accertata degli immobili che si affacciano su Corso Vittorio Emanuele e su come poter gestire i lavori, a questo punto sembra inevitabili, senza arrecare danno alle attività commerciali presenti.

 

a Errani

 

"Sicuramente i danni del palazzo Macchiati sono danni reali e importanti come tutti sapevamo - dichiara il sindaco - Di certo si sta individuando una procedura per la messa in sicurezza. Circa la tempistica stiamo ancora ragionando, ma si tratta comunque di un tempo limitato per andare a fare una prima messa in sicurezza e poi, ovviamente, intervenire in maniera importante sull'intero stabile. La messa in sicurezza - precisa Pasqui - potrebbe garantire ai commercianti di rientrare nei locali in tempi brevi. Questo è quello che ci siamo detti con il commissario Errani e con il capo della protezione civile Curcio - ha concluso Pasqui - Vedremo poi sul piano pratico quello che riusciremo a realizzare". Dal canto suo, resosi conto di persona dell'entità delle lesioni riportate dagli edifici, lo stesso Errani ha dichiarato che il decreto post terremoto assicurerà la ricostruzione e il recupero dei danni.

 

Vescovo

Insieme all'arcivescovo Brugnaro e al responsabile diocesano dei beni culturali architetto Luca Cristini, il commissario ha quindi visionato anche la chiesa di Santa Maria in Via, inagibile come la quasi totalità degli edifici di culto della città.

“Quello di oggi – ha detto l’arcivescovo – è già il sesto incontro che abbiamo avuto con il commissario straordinario, che è venuto per vedere la chiesa di Santa Maria in Via e per rendersi conto con i suoi occhi della situazione di Camerino. Con lui abbiamo parlato la settimana scorsa e due settimane fa, quando il decreto doveva ancora essere approvato, per capire gli interventi da adottare e come fare, insieme a al vescovo di Ascoli Piceno e ad altri, in maniera tale che quello che veniva determinato corrispondesse anche alle esigenze della Chiesa. Penso che la sua visita a Camerino sarà quanto mai propizia e importante”.

Giornata mondiale della Psoriasi-"Open day" all'ospedale di San Severino

25 Ott 2016
927 volte

L’Ambulatorio di Dermatologia dell’Ospedale di San Severino Marche aderisce alla Giornata Mondiale della Psoriasi, organizzata dall’A.DI.PSO. (Associazione per la Difesa degli Psoriasici), sotto l’egida dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il giorno sabato 29 ottobre p.v. ci sarà un “Open Day” dalle ore 9 alle ore 15 in cui sarà possibile effettuare un consulto gratuito presentandosi presso l’ambulatorio di dermatologia, sito al primo piano dell’Ospedale Bartolomeo Eustachio . Non è necessaria la prenotazione né l’impegnativa del medico curante. Le visite saranno effettuate dalla Dott.ssa Bettacchi, responsabile del “Centro Psoriasi e Fototerapia” degli Ospedali di San Severino Marche e di Macerata.

Questa iniziativa ha lo scopo sia di far conoscere i centri ospedalieri che si dedicano alla cura delle persone affette da Psoriasi che di fornire una fotografia dell’esistente e dei bisogni dei pazienti.

La Psoriasi è una malattia infiammatoria a decorso cronico ,recidivante, che colpisce circa 2,5 milioni di italiani ed è probabilmente sottodiagnosticata. Fino a pochi anni fa era stata relegata tra le malattie minori , anche per le scarse possibilità di terapie disponibili, ma negli ultimi anni la ricerca ha portato nuove acquisizioni sulla patogenesi della malattia, non più considerata esclusivamente “della pelle”, ma patologia sistemica associata a significative comorbidità (artrite, sindrome metabolica, diabete mellito, malattie infiammatorie croniche intestinali,ecc.).

Grazie alla ricerca sono nati nuovi farmaci, i cosiddetti “farmaci biologici”, che consentono di migliorare radicalmente la qualità di vita dei pazienti. Dal mese corrente,inoltre, è disponibile un nuovo farmaco biologico, più selettivo di quelli precedenti e attendiamo tra pochi mesi l’autorizzazione alla prescrizione di un nuovo farmaco ancora piu’ innovativo, che rappresenta addirittura un superamento degli stessi farmaci biologici.

Queste informazioni ed altre indicazioni terapeutiche verranno fornite ai pazienti nel corso dell’”Open Day” ,invitandoli a farsi visitare e curare , con sempre maggiori prospettive di buoni risultati.

Progetto Matrend- Ad Unicam l'inaugurazione dell'impianto geotermico

25 Ott 2016
697 volte

Sarà inaugurato mercoledì 26 ottobre presso la sezione di Geologia dell’Università di Camerino l’impianto realizzato nell’ambito del progetto MATREND - MAterials and Technologies for improving the use of Renewable ENergy in the Districts of smart city, finanziato con il Fondo di Ateneo per la Ricerca 2014-15

La sezione di Geologia di Unicam è da tempo impegnata in progetti di ricerca sulla geotermia, coordinati dalla prof.ssa Chiara Invernizzi, sia in Italia che all’estero.

Proprio presso la sezione di Geologia, sarà dunque dato l’avvio ad un impianto ibrido realizzato nell’ambito del progetto MATREND, che prende le mosse da un nucleo geotermico, ma che è frutto della collaborazione sia nella progettazione che nell’istallazione di geologi, fisici ed informatici di Unicam insieme ad importanti aziende del settore.

L’evento, che si terrà a partire dalle ore 15 presso l’aula H del polo di Geologia, si aprirà con i saluti del Rettore Unicam Flavio Corradini; interverranno poi la prof.ssa Chiara Invernizzi, docente Unicam e Principal Investigator del progetto ed i rappresentanti delle aziende partner, Pensy s.r.l., Geotermia Marche s.n.c., Otto s.r.l., Fullservice Soc.Coop.

L’impianto si compone di una pompa geotermica ed una cella a combustibile ad ossidi solidi, avviati nei mesi scorsi, e di sistemi per l’accumulo termico ed elettrico. Cominciano ora ad affluire i dati del monitoraggio che saranno utili per comprendere al meglio i vantaggi di questo tipo di impianto.

“La geotermia – afferma la prof.ssa Invernizzi – rappresenta una importante risorsa energetica alternativa e a basso impatto ambientale. Tra gli obiettivi principali del progetto, oltre alla ricerca in settori quali lo studio delle caratteristiche del sottosuolo e del trasferimento di calore in profondità, vi sono quelli di testare l’utilizzo di impianti geotermici in combinazione con altri impianti come strategia per la riqualificazione energetica di edifici pubblici e privati, combinando nuove tecnologie relativamente mature, ma che necessitano di una fase di sviluppo migliore per una distribuzione più ampia sul mercato, e di studiare sistemi di accumulo energetico innovativi. Non ultimo l’obiettivo di ridurre drasticamente le emissioni di gas a effetto serra. Si tratta di un lavoro di equipe in cui il contributo dei colleghi prof. Roberto Gunnella di Fisica e prof. Rosario Culmone di Informatica è stato fondamentale”.

Grazie a questi progetti di ricerca è possibile sviluppare anche una buona sinergia con le aziende del territorio, verificare concretamente quali possibilità ci sono per l’utilizzazione della Geotermia come fonte energetica in Italia e nelle Marche, favorire lo sviluppo di brevetti e start up innovative che coinvolgono giovani ricercatori.

Incendio in un alimentari gestito da rumeni. L'ipotesi è quella del dolo

25 Ott 2016
1098 volte

Incendio nella notte a Civitanova Marche, gli inquirenti prendono in considerazione la pista dolosa. Ad andare in fiamme, poco prima della mezzanotte, l'ingresso della "Bottega dei sapori rumeni" in via Carducci, nei pressi del passaggio a livello. Immediato l'allarme, sul posto sono accorsi i vigili del fuoco che hanno provveduto allo spegnimento del rogo. Il fumo ha annerito l'interno dell'esercizio commerciale, ma fortunatamente i danni non sono ingenti. Le forze dell'ordine, che indagano sull'episodio, hanno riscontrato la presenza di liquido infiammabile sulla vetrina e pensano si tratti di un'azione dimostrativa o di un avvertimento.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo