PUBBLICIZZA AZIENDA VISIBILITA

Fugge di casa per la paura, bambino di 7 anni ritrovato dai vigili del fuoco

06 Nov 2016
1639 volte

Fugge di casa per a paura dovuta alle continue scosse di terremoto, viene ritrovato dopo circa un'ora. L'episodio è avvenuto a Camerino in via Madonna delle Carceri dove un bambino di 7 anni non era stato ritrovato in casa dai genitori al momento del loro risveglio. Immediato l'allarme della coppia che ha alertato carabinieri e vigili del fuoco. Dopo circa un'ora di ricerche il bimbo è stato ritrovato, spaventato e infreddolito, nei dintorni della propria abitazione dalla quale era scappato per la paura dopo la scossa di terremoto avvenuta nel cuore della notte.

Camerino. Si lavora per restringere la zona rossa. Bonificate situazioni a rischio

05 Nov 2016
4351 volte

Ricominciamo da 24. Ventiquattro è il numero dei nostri studenti che lunedì conseguiranno la laurea in Informatica. A questi ragazzi vanno i miei migliori auguri di Sindaco, i complimenti per il percorso che portano a termine e, soprattutto, il ringraziamento per ciò che rappresentano per noi e la nostra comunità. Per questo, per la prima volta da quando amministro Camerino, desidero formulare le congratulazioni ufficiali del Comune di Camerino ai nuovi laureati di Unicam. Gli studenti e la nostra Università saranno ora più che mai la nostra più concreta speranza di Futuro.
Non a caso, l’intera giornata di ieri è stata dedicata agli studenti più giovani, quelli, cioè, delle nostre scuole cittadine. Abbiamo recepito alcune delle valutazioni provvisorie relative alle agibilità degli edifici scolastici e abbiamo nel primo pomeriggio incontrato il Presidente della Provincia di Macerata e i Dirigenti per individuare il migliore percorso condiviso per la ripresa delle lezioni. Riusciremo ad evitare i doppi turni grazie alla collaborazione di tutti ma, in particolare per quanto riguarda il Polo Scolastico avremo bisogno di circa due settimane per il ripristino della piena funzionalità dei luoghi e per preparare i nuovi spazi. Sarà necessaria, infatti, una contrazione degli spazi in attesa dell'arrivo di un ulteriore prefabbricato. Tuttavia, tutte le valutazioni sono ancora in corso.
Sempre relativamente alle Scuole, Contram s.p.a. ha messo a disposizione autobus assistiti per il trasporto dei ragazzi anche dalle strutture ricettive della costa.
Intanto nel pomeriggio, insieme al presidente del Comitato Locale Gianfranco Broglia, ho incontrato anche il Presidente Nazionale della Croce Rossa Italia, Francesco Rocca, che è venuto in visita a Camerino, presso le strutture che la C.R.I. ha ormai da giorni installato a Camerino.
Un incontro, questo, che è avvenuto dopo la consueta riunione del Centro Operativo Comunale in cui si è stabilito che già dalla prossima settimana sarà possibile restringere il perimetro della zona rossa poiché sono state bonificate alcune situazioni a rischio o sono state individuate soluzioni di viabilità alternativa. Nei prossimi giorni inoltre si procederà alla demolizione di edifici pericolanti che mettono a rischio la sicurezza pubblica.

Gianluca Pasqui
Sindaco di Camerino

Recuperata la statua della Madonna della Cona nel comune di Castelsantangelo sul Nera

05 Nov 2016
1093 volte

 

Durante una perlustrazione nei pressi di Castelluccio di Norcia, per soccorrere alcuni allevatori, i Forestali del CTA di Visso

(MC) e del Comando Stazione di Montefortino (MC) hanno raggiunto Forca di Gualdo nel Comune di Castelsantangelo sul

Nera (MC) dove è presente la piccola chiesa di Madonna della Cona definitivamente danneggiata dall’ultimo terremoto

del 30 ottobre

La chiesetta, costruita nel XVII secolo, si trova a circa 1550 m. s.l.m. sul valico che unisce Castelsantangelo sul Nera a

Castelluccio di Norcia, strada un tempo percorsa dai numerosissimi turisti che dal versante adriatico si recavano a visitare

Castelluccio di Norcia con le sue famose fioriture, ora gravemente compromessa dal sisma.

La tradizione vuole che la costruzione della piccola chiesetta sia riferita alla vittoria di Visso nella battaglia contro Norcia

nel 1522 che segnò la conquista del piano, detto perduto, a ridosso di Castelluccio.

Ogni prima domenica di luglio vi si tiene una festa di ringraziamento molto sentita dalle popolazioni di Castelluccio e di

Castelsantangelo sul Nera che una volta segnava la fine della transumanza.

A seguito del terremoto è caduto il tetto della chiesa lasciando miracolosamente intatta la parte alta dell’altare con la

piccola statua della Madonna con il corpo del cristo crocifisso. 

Sentite le Autorità comunali e al fine di evitare ulteriori danni o sottrazioni illecite, gli uomini del Corpo Forestale dello

Stato hanno provveduto al recupero della statua, trasportandola con le dovute cautele a valle, dove è stata consegnata al

Comune di Castelsantangelo sul Nera.

Il luogo come tutta l’area di Castelluccio è raggiungibile, con difficoltà, solo con mezzi fuoristrada in quanto tutte le strade

principali di accesso sono interrotte a seguito di frane, caduta massi e smottamenti causati dalla scossa di terremoto del

30 ottobre scorso.

PUBBLICIZZA AZIENDA VISIBILITA

UNICAM Il Terremoto non ci ferma, il gruppo e-Lios c’è.

05 Nov 2016
1184 volte

 

I ragazzi dello spin-off UNICAM e-Lios, insieme alla società Cose e Cosi snc, il punto

vendita Pop Informatica e il Centro di Calcolo UNICAM restano a lavoro sul territorio, a

supporto tecnologico del Comune di Camerino e di tutti i cittadini.

Pronta già a partire dalla settimana prossima una piattaforma e-commerce da cui sarà

possibile acquistare tutti i prodotti dei commercianti di Camerino, i cui negozi sono stati

duramente colpiti dal sisma.

Per accelerare i tempi della messa in sicurezza e ricostruzione è stato inoltre progettato un

software per velocizzare le procedure di ordinanze comunali.

Tutti i cittadini delle zone terremotate avranno inoltre importanti aiuti per l’acquisto di

attrezzature informatiche e telefonia presso il negozio Pop Informatica.

Voglia di ripartire e di ricominciare dunque, senza abbandonare il territorio ma aiutandolo a

rialzarsi velocemente.

Riapre l’Università di Macerata Confermata per il 7 novembre la regolare ripresa

05 Nov 2016
985 volte

Riapre l’Università di Macerata Confermata per il 7 novembre la regolare ripresa delle attività:

lezioni, sedute di laurea e convegni.

Macerata riparte dall’Università. Come annunciato, riprendono lunedì 7 novembre le attività

didattiche dell’Ateneo e riaprono gli uffici. Le lezioni si svolgeranno regolarmente. Alcune, per

permettere la conclusione delle verifiche, saranno spostate temporaneamente in altre sedi

dell'Ateneo già controllate. In particolare, rimane chiusa parte del dipartimento di

Giurisprudenza, per consentire lo svolgimento dei lavori di messa in sicurezza della cupola del

San Paolo. Giovedì e venerdì si terranno anche le sedute di laurea di studi umanistici, che si

dovevano tenere nei giorni scorsi, e di scienze politiche per circa 200 laureandi. Confermato

anche il convegno internazionale di fenomenologia che da mercoledì a venerdì porterà in città

decine di relatori da tutto il mondo. Sono solo due gli edifici risultati inagibili in seguito ai

recenti eventi sismici: palazzo Ciccolini e Villa Cola. Gli uffici amministrativi ospitati nel primo

saranno trasferiti nel vicino palazzo Costa. L'Istituto Confucio, invece, troverà sede a

palazzo Ugolini in corso Cavour, mentre gli uffici della Scuola di studi superiori Giacomo

Leopardi andranno a palazzo Compagnoni delle Lune.

Nel giro di pochissimi giorni l’Unimc è stata in grado di riorganizzarsi per poter assicurare la

ripresa della normale vita accademica in piena sicurezza - sottolinea il rettore Francesco

Adornato -. Questo è stato possibile grazie alla sinergia e alla solidarietà che caratterizza il

nostro ateneo in tutte le suo componenti: studenti, docenti e personale tecnico

amministrativo.

Ringrazio in particolare i colleghi del personale amministrativo, per la disponibilità instancabile

e ininterrotta dimostrata, e ci tengo a ringraziare tutti i nostri studenti che, pur in un momento

di così grande tensione e stress, ci sono stati vicini e ci hanno seguito con fiducia. Oltre a

garantire il loro diritto allo studio, con la ripresa delle attività, abbiamo voluto sostenerli

pensando a due servizi in particolare: uno diretto alla verifica delle abitazioni private e un

altro di sostegno psicologico".

Martedì 8 novembre in rettorato si terrà l'annuale riunione per la sicurezza, che assume

una particolare rilevanza in questo momento. In questa occasione verrà definito il

cronoprogramma delle simulazioni per le evacuazioni, in conformità con il piano per la

sicurezza, di cui l'ateneo è dotato da tempo. Nei prossimi giorni si svolgerà, invece, un evento

sulla formazione e sull'informazioni antisismica a cui parteciperanno anche architetti, urbanisti

e geologi.

Macerata . Sopralluoghi nelle scuole. Si prolunga la sospensione delle lezioni

05 Nov 2016
830 volte
A Macerata gli ingegneri del Comune e della Protezione civile, coordinati dal dirigente Tristano Luchetti, stanno ancora effettuando accurati sopralluoghi nelle 23 scuole comunali dopo gli eventi sismici degli ultimi giorni. Per fare il punto della situazione questa mattina il sindaco Romano Carancini, insieme alla giunta, ha prima incontrato i dirigenti scolastici e poi i giornalisti per informare con chiarezza la cittadinanza. RIPRESA DELLE LEZIONI: Per consentire controlli accurati di tutti gli immobili scolastici con il tempo necessario, l’Amministrazione comunale ha deciso di prorogare la sospensione delle attività didattiche nelle scuole d’infanzia, primarie e secondarie di primo grado fino al prossimo 12 novembre per riprendere lunedì 14. SITUAZIONI CRITICHE: “Al momento dopo le prime verifiche i tecnici del Comune e della Protezione civile hanno dichiarato inagibile la Dante Alighieri – ha detto il sindaco - e temporaneamente inagibile la IV Novembre, che necessita di interventi. Sono, invece, totalmente agibili le scuole controllate, “Villa Serra”, “Sandro Pertini”, “De Amicis”, “E.Fermi”. Le altre sono ancora da controllare. Fin da lunedì ci incontreremo con i dirigenti scolastici per trovare soluzioni alternative per una rapida ripresa delle attività scolastica dei 650 studenti della Alighieri, prevedendo l’ipotesi doppi turni in edifici consoni e richiedendo alla Protezione Civile i moduli abitativi prefabricati. Per quanto riguarda invece la IV Novembre nel corso della prossima settimana l’immobile che ospita la scuola sarà sottoposto a lavori per riportare la situazione alla normalità in tempo per la riapertura del 14 novembre. Restiamo in attesa degli altri sopralluoghi per valutare altre eventuali criticità che si dovessero presentare”, ha dichiarato il sindaco Romano Carancini. SCUOLE SUPERIORI: Per le scuole superiori nel corso di un colloquio informale con il sindaco Carancini, il presidente della Provincia Antonio Pettinari ha affermato che tutti gli istituti di sua competenza sono al momento agibili e si è in attesa degli atti ufficiali. Alla luce di tutto questo il primo cittadino di Macerata ha emesso un’ordinanza cui viene stabilito che le lezioni delle scuole superiori riprenderanno martedì 8 novembre. “Davanti a un terremoto così forte, di magnitudo 6.5 - ha detto Carancini - le strutture scolastiche hanno risposto bene, senza nessun crollo, quindi questo vuol dire che le valutazioni fatte dai nostri tecnici in occasione del sisma precedente erano giuste. Cercheremo di essere efficienti e veloci. Chiediamo naturalmente la collaborazione dei dirigenti scolastici e delle famiglie perché ci troviamo davanti ad una situazione molto particolare e importante che negli ultimi 50 anni non ha avuto eguali. Ci servirà per allungare in maniera concreta lo sguardo sul futuro del nostro sistema scolastico”.

Castelraimondo- Arrivano cucina da campo e tensostruttura

05 Nov 2016
1061 volte
A Castelraimondo, in vista della riapertura delle scuole, fissata per tutte quelle del territorio comunale per lunedì 7 novembre, gli Uffici Comunali e il Centro Operativo Comunale (che erano ospitati nella Scuole Elementare De Amicis) si sono spostati. La nuova sede provvisoria è ubicata sempre in Piazza Dante, sopra al Supermercato, al secondo piano. Intanto sono 770 le persone alloggiate momentaneamente nei diversi Centri di Accoglienza allestiti nel territorio comunale, ( Impianti Sportivi ,Palazzetto dello Sport, Bocciofila, Tennis, Campo Sportivo e Palestra delle Scuole). A tutti sono forniti i pasti. A Castelraimondo arriva anche la cucina da campo con una tensostruttura, che proseguirà il servizio di fornitura pasti (fino ad oggi curato dalla mensa che da lunedì riprenderà la normale attività scolastica) per chi ancora non ha trovato una sistemazione. Sarà posizionata davanti al Palazzetto dello Sport. Nel frattempo si sta procedendo con le ordinanze di inagibilità. Il Comune ricorda che al momento sono possibili due soluzioni per i cittadini affinché trovino una soluzione stabile: chi ha già avuto ordinanza di inagibilità può procedere con la richiesta del Contributo per l’Autonoma Sistemazione, oppure può trasferirsi momentaneamente in una delle strutture verso la costa in convenzione con la Regione Marche. Si ricorda inoltre che è sempre attivo il Conto Corrente aperto dal Comune di Castelraimondo per la Raccolta Fondi a sostegno dell'emergenza (separato dal conto di Tesoreria Comunale) IBAN IT20Z060 55 68 8400 0000 0007 144

Camerino. Aperto fascicolo d’indagine su crollo campanile Santa Maria in Via

05 Nov 2016
2348 volte

 

Il procuratore di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine contro ignoti relativo al crollo del campanile della chiesa di Santa Maria in Via di Camerino, restaurato dopo il terremoto del 1997. Il campanile, a seguito delle scosse del 26 ottobre scorso, precipitò su una palazzina di via San Giacomo abitata da alcune studentesse che fortunatamente non si trovavano in casa. Il reato ipotizzato sarebbe crollo colposo aggravato.

Sisma- San Severino. Da sindaco e protezione civile stop ai generi di prima necessità

04 Nov 2016
998 volte

 

Il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, invita i cittadini a sospendere le

raccolte di generi di prima necessità da destinare ai terremotati settempedani.

“In riscontro a un appello lanciato in queste ore - sottolinea il primo cittadino in una

nota – abbiamo avuto una risposta che sicuramente non potevamo aspettarci. La

mobilitazione della cittadinanza, cui l’appello era rivolto, ha superato i confini di San

Severino ed ha interessato l’Italia intera. Come Amministrazione vogliamo

ringraziare tutti, ma proprio tutti – aggiunge il sindaco Piermattei, che prosegue - Ci

sono persone, enti, aziende che ci hanno fatto sentire un’unica famiglia. Un gesto

bellissimo che ci ha riempito d’orgoglio. L’Italia è un Paese straordinario e anche in

questa situazione lo ha dimostrato. A nome di tutti i settempedani vorrei dire ancora

grazie”.

Sisma- Gruppo consiliare Castelraimondo che sarà:"Vogliamo solidarietà e certezze"

04 Nov 2016
886 volte
Tutto ciò che è stato danneggiato sarà ricostruito. Tutte le attività commerciali e produttive saranno rimborsate: “Cento per cento per i danni” ha affermato Errani a Castelraimondo e a Macerata; “Ricostruiremo tutto come prima” Mattarella a Camerino. Ad oggi l’unica certezza per il futuro che abbiamo è che tutto non potrà più essere come prima. Quindi per favore non illudeteci. Non lasciateci ad aspettare una promessa se non può essere mantenuta, altrimenti al danno seguirà un altro danno, forse più terribile del primo. Non ingannateci.
 
La consapevolezza è il primo passo per la ricostruzione, questo è vero per ogni fatto della vita come per la sciagura del terremoto. Non vogliamo compassione così come non vogliamo elemosina. Vogliamo solidarietà e certezze. Solo con le certezze possiamo riprogettare il nostro futuro misurato alle nuove sfide. 
 
Per realizzare un futuro di lavoro e relazioni è necessaria la condivisione di un progetto di ri-pianificazione, non semplicemente di ri-costruzione, con l'obiettivo di indirizzare, guidare, il rapido mutamento delle dinamiche sociali ed economiche a cui stiamo assistendo. Ceriscioli ed Errani hanno il dovere di avviare, appena le condizioni lo consentiranno, un percorso che sostenga la società civile attraverso l’organizzazione degli attori pubblici e privati, permettendo loro così di indicare le priorità di sviluppo del nostro territorio.
 
Non c'è la sicurezza di farcela, ciononostante dobbiamo provarci. Quello che è successo è una catastrofe ma probabilmente ci permetterà di rivedere, in una prospettiva futura, tutte le valenze economiche, sociali e culturali che hanno fatto del nostro territorio, sino a pochi anni fa, un territorio a misura d'uomo, ammirato e invidiato.
 
Castelraimondo, venerdì 4 novembre 2016
 
Firmato.
 
Daniele Antonozzi - Consigliere
Dario Farabollini - Consigliere
 
Gruppo consiliare “Castelraimondo che sarà”

Acquacanina, ordine di evacuazione. L'appello del sindaco Ricottini

04 Nov 2016
1533 volte

Il sindaco di Acquacanina, Giancarlo Ricottini, ha purtroppo dovuto firmare l’ordinanza che nessun primo cittadino vorrebbe mai firmare: l’ordine di evacuazione. In questo paesino di 126 abitanti, pesantemente martoriato dal sisma, sono però rimasti allevatori ed agricoltori che non possono lasciare il loro bestiame, per i quali il sindaco ha lanciato il seguente appello: “Il problema più urgente che ho è quello di reperire 3-4 moduli abitativi in legno anche piccoli. Ho degli allevatori che hanno sia casa che stalla inagibili e che non possono raggiungere famigliari ed amici negli alloggi che abbiamo reperito lungo la costa marchigiana, perchè ovviamente devono seguire il bestiame. Dormono in macchina da sei giorni e che a quanto mi pare di capire, prima di 20/30 giorni non arriveranno. Già ieri un comune del Varesotto ce ne ha donato uno e la cosa mi ha riempito di gioia. Basta piccolo per poter dare alloggio caldo e sicuro ad un paio di persone. Vi ringrazio anticipatamente per qualsiasi cosa possiate fare per noi." Chi ha possibilità, accolga quest’appello e dia una mano.

Alessio Botticelli

Camerino, in salvo l'icona della Vergine di Santa Maria in Via

04 Nov 2016
1456 volte

E' un'autentica task force quella impegnata a Camerino e in tutto il territorio devastato dal terremoto del 30 ottobre. Assicurato un tetto a gran parte della popolazione, continuano senza sosta i sopralluoghi da parte dei vigili del fuoco e del personale tecnico per la verifica dell'agibilità degli edifici. Nella città ducale è stato messo in sicurezza il campanile della chiesa della Madonna delle Carceri, gravemente danneggiato, e una squadra specializzata di pompieri provenienti da Trento ha provveduto, all'interno della zona rossa, al recupero della Grande Pala di San Filippo dipinta dal Tiepolo nell'omonima chiesa e le veneratissima icona della Madonna nella chiesa di Santa Maria in Via. Le due opere, dopo essere state imballate, sotto la vigilanza dei carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Artistico e Culturale sono state trasferite in luoghi sicuri nella disponibilità dell'arcidiocesi. 

madonna carceri

 

madonna carceri2

 

madonna carceri3

Sisma - L'esperienza dell'architetto giapponese Ban a favore di Camerino

04 Nov 2016
4442 volte

Sono iniziati a Camerino i sopralluoghi dei tecnici Aedes sulle strutture scolastiche presenti nel

territorio comunale. La situazione per il momento sembra rassicurante ma prima di qualsiasi

ufficialità il Centro Operativo Comunale intende concludere tutte le dovute verifiche, in

relazione ai luoghi e alle aree e valutare ogni possibile ipotesi per identificare le migliori

soluzioni e prospettive possibili.

Intanto  i Vigili del Fuoco assieme all'Ingegner Orioli dell'Ufficio Tecnico Comunale stanno

provvedendo con l'ausilio di tre autogru alla messa in sicurezza del'area di Madonna

delle Carceri attraverso un delicato intervento di rimozione del campanile gravemente

lesionato della Chiesa di Madonna delle Carceri.

 

 campanile Madonna 3 800x533

 

Ieri, invece, ha visitato la città ducale l'architetto giapponese di fama mondiale Shigeru Ban.

Ban è un architetto dell'emergenza: interviene nella fase critica delle emergenza dovute

soprattutto alle calamità naturali, costruendo con materiali poveri e per la prima necessità.

Tra i suoi lavori: campi profughi in Rwanda dopo la guerra, a Kobe (1995), dopo il terremoto

in Turchia (1999). Dopo il sisma del 2004 seguito dallo tsunami in Sri Lanka ha progettato

case per un villaggio di pescatori. Dopo il terremoto e tsunami in Giappone con semplici

soluzioni all'interno delle strutture di accoglienza ha realizzato divisori per separare i nuclei

familiari e garantire la privacy. Nel 2009 a seguito dell'evento sismico ha progettato una

sala da concerti per l'Aquila: la paper concert hall fatta di cartone e di legno, inaugurata nel

2011.

L'architetto Ban si è voluto rendere conto con i suoi occhi delle condizioni del territorio

terremotato e in particolare della città ducale e del suo ricco patrimonio storico-architettonico

ed ha messo a disposizione della città la sua importante e peculiare esperienza e attività di

ricerca come professionista nelle emergenze. “La presenza a Camerino dell'architetto

Shigeru Ban – ha detto il sindaco Gianluca Pasqui – ci fa comprendere che la situazione di

emergenza che stiamo vivendo non è stata assolutamente sottovalutata soprattutto da chi

vive e lavora costantemente in situazioni di pericolo e di emergenza in tutto il pianeta, ma in

particolare vuol dire che gli occhi del mondo dell'architettura e del design si sono posati sulla

nostra città pregiandoci della presenza e dell'attenzione di uno dei suoi più noti esponenti”.

 

 

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo