Visita Papa4

Nuovo Progetto Matelica diserta il consiglio e chiede le dimissioni del sindaco

01 Feb 2016
851 volte

Le dichiarazioni rilasciate dal Consigliere Regionale Sandro Bisonni hanno finalmente fatto

luce sul dibattito in merito alla situazione sanitaria della nostra città: per ora la Regione

non ha deliberato alcun cambiamento sulla presenza dei mezzi di soccorso. Un’ulteriore

conferma è arrivata dalla Vice Presidente della IV Commissione Assembleare che si

occupa di Sanità, Elena Leonardi: la Giunta Regionale non ha assolutamente rivisto la sua

posizione. Nostro malgrado, a Matelica ancora oggi non ci sono state variazioni rispetto a

quanto previsto dalla DGR 1183/2015 del 22/12/2015: pertanto solo nelle 12 ore diurne

rimane attivo un mezzo di soccorso avanzato con medico a bordo(MSA), mentre per la

fascia notturna continua ad essere presente un mezzo di soccorso infermieristico (MSI).

Ringraziamo anche la consigliera regionale Marcozzi, che in un recente articolo apparso

sulla stampa, ha sottolineato quanto già da noi avanzato come gruppo consiliare

all'attenzione di tutti i gruppi consiliari di minoranza in Regione. Il Sindaco Alessandro

Delpriori, con dichiarazioni sulla stampa e sui social network, ha invece parlato di

drastiche modifiche, approvate in commissione sanità l'11 gennaio scorso, alla delibera in

questione. Tra le altre cose, ha, addirittura, affermato di essere riuscito ad aumentare a 24

ore la presenza del MSA. Di fronte alla falsità di queste esternazioni, ed alla gravità delle

stesse, il gruppo consiliare Nuovo Progetto Matelica non può restare in silenzio ed in

segno di protesta, noi consiglieri, ci troviamo costretti a non prendere parte al Consiglio

Comunale previsto per lunedì 01/02/2016. Ancora una volta sono state deluse le

aspettative dell’intera cittadinanza, che ha, giustamente, manifestato per vedersi

riconoscere uno tra i diritti fondamentali della persona, quello alla salute. Il dialogo

istituzionale proposto dall’amministrazione comunale evidentemente non ha assolto il suo

principale compito: dare un adeguato riscontro alle richieste della città. Chiediamo,

pertanto, le dimissioni immediate del Sindaco, primo cittadino e massima autorità sanitaria

di Matelica, e di tutta la sua amministrazione che in alcuni casi è rimasta in silenzio e in

altri, addirittura, ha avallato le sue affermazioni. Ci auguriamo inoltre che il Presidente Ceriscioli

prenda coscienza che è necessario un tavolo tecnico per riportare la discussione e il confronto su un

tema così importante. Per quanto riguarda i punti nascita di Osimo, Fabriano e San Severino

Marche, accogliamo con fiducia la sospensiva arrivata dal TAR nei giorni scorsi che ne ha, per ora,

scongiurato la chiusura. Siamo preoccupati, inoltre, per la salute di Roberto Pioli, giovane

settempedano, che sta rischiando  la propria vita per protesta, praticando lo sciopero della fame.

 

NUOVO PROGETTO MATELICA

Sgominata banda specializzata nel furto di superalcolici

01 Feb 2016
996 volte

E’ di quattro arresti il bilancio di una brillante operazione portata a termine dai Carabinieri delle Stazioni di Chiaravalle e Monte San Vito.

A cadere nella rete dei militari 4 persone, 3 donne ed un uomo di età compresa tra 19 e 48 anni (due italiani e due colombiani), tre delle quali con precedenti specifici per furti di superalcolici.

E’ accaduto a Chiaravalle, dove, una pattuglia in borghese ha segnalato alla centrale operativa la presenza sospetta dei 4 nei pressi del centro commerciale IPERSIMPLY.

Sul posto sono state fatte convergere le pattuglie di Monte San Vito, della stessa Chiaravalle e del Nucleo Radiomobile.

Sono bastati pochi accertamenti per capire che il gruppetto aveva da poco iniziato un raid di furti di superalcolici. Vistisi braccati, però, hanno abbandonato la refurtiva, poco dopo rinvenuta dai militari intervenuti.

I quattro sono così stati arrestati.

Vescovo Antonio: “Fate quello che vi dirà!”

30 Gen 2016
1552 volte

Sabato 30 gennaio 2016 ore 16,42 don Antonio Napolioni, appena ordinato, siede sulla cattedra vescovile di Cremona, prendendo ufficialmente possesso della sua sede e divenendo l’85° pastore della diocesi lombarda.

Si rende, così, visibile il “mistero” della successione apostolica, avvenuto qualche momento prima quando mons. Dante Lanfranconi, predecessore del vescovo Antonio, aveva imposto le mani sul capo del suo successore, dopo la preghiera consacratoria. Dopo di lui ad imporre le mani su mons. Napolioni gli arcivescovi Francesco Giovanni Brugnaro e Francesco Gioia, quindi i cardinali Salvatore De Giorgi, Raffaele Farina, Francesco Coccopalmerio, Edoardo Menichelli e, a seguire, gli altri 31 vescovi concelebranti.

Il lungo pomeriggio è iniziato con l’arrivo di mons. Antonio Napolioni, scortato da una staffetta della polizia municipale, nella piazza del Comune con il saluto del sindaco di Cremona Gianluca Galimberti, presenti le autorità civili e militari del territorio, il vice sindaco di Camerino Roberto Lucarelli e il sindaco di San Severino Marche Cesare Martini.

Quindi l’ingresso in cattedrale, il bacio del crocifisso, dello stipite del portale, l’aspersione dell’assemblea con l’acqua benedetta, la preghiera nella cappella del Sacramento e l’inizio della solenne liturgia eucaristica.

“Ama questa chiesa, diventa questa chiesa” ha detto l’arcivescovo Brugnaro presentando don Antonio alla Chiesa di Cremona. “Fate quello che vi dirà”, il filo conduttore del primo discorso rivolto da don Antonio alla sua Chiesa di Cremona.

20160130 164311

20160130 170535

20160130 164359

Consiglieri regionali in visita al carcere di Camerino

29 Gen 2016
1215 volte

Sopralluogo presso la Casa circondariale di Camerino da parte della delegazione formata dall’Ombudsman, Andrea Nobili, dalla Vicepresidente del Consiglio regionale, Marzia Malaigia, dall’assessore Angelo Sciapichetti e dai consiglieri Elena Leonardi e Sandro Bisonni. L’incontro rientra nell’ambito delle iniziative promosse dallo stesso Ombudsman e dalla Presidenza dell’Assemblea legislativa per avere una fotografia precisa della situazione carceraria marchigiana. “In tutte le visite effettuate fino ad oggi – sottolinea Andrea Nobili - è stata registrata una significativa attenzione da parte dei consiglieri regionali rivolta ad approfondire la conoscenza delle diverse realtà, prendere atto delle criticità, dove sono presenti, e porre in essere le misure più adeguate per risolverle. Prova ne sia la mozione recentemente approvata in Consiglio, presentata dal Presidente Mastrovincenzo e che, anche attraverso gli emendamenti proposti da altri consiglieri, affronta un ampio ventaglio di problemi da sottoporre all’attenzione del competente Ministero”. La Casa circondariale di Camerino si trova all’interno del complesso conventuale di San Francesco, con una parte già attiva agli inizi del ‘900. In base a dati aggiornati, nell’istituto ci sono attualmente 51 detenuti (di cui 6 donne) a fronte di una capienza regolamentare pari a 41 posti. Gli agenti di polizia penitenziaria attivi sono 32 (in pianta organica 46, assegnati 35) ed è previsto un solo educatore. Nel report dell’ottobre scorso, predisposto dall’Ombudsman, veniva evidenziata la presenza di barriere architettoniche e la mancanza di locali per le visite dei bambini e dell’ufficio per i colloqui domenicali. Il consigliere Elena Leonardi focalizza l’attenzione sulla situazione della polizia penitenziaria e degli operatori della sicurezza. “Il mio emendamento alla mozione Mastrovincenzo, sottoscritto da tutte le opposizioni – sottolinea - intende sostenere il miglioramento delle condizioni di vita e di servizio di queste importanti figure. I continui tagli alla spesa per i corpi di polizia, hanno creato diverse difficoltà, come la mancanza di alloggi per chi viene da fuori sede: lo Stato non sostiene più gli affitti per gli agenti di polizia penitenziaria”. Il capogruppo di Fdi fa presente, inoltre, che l’emendamento presentato e approvato“servirà a portare all'attenzione del Governo le criticità presenti nel sistema di vigilanza e sorveglianza, indicendo una Conferenza di Servizi per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro all'interno degli istituti penitenziari marchigiani. I tagli del Ministero hanno messo a rischio il turnover delle forze dell'ordine, Agenti di Polizia Penitenziaria compresi.Con una popolazione carceraria in crescita occorre supportare concretamente gli stessi agenti in servizio”. Da ultimo, la Leonardi ribadisce che provvedimenti come l’amnistia e l’indulto non possono essere considerati una soluzione ai problemi delle carceri italiane.

Droga, alcol, armi: i carabinieri della compagnia di Camerino denunciano 8 persone

29 Gen 2016
1003 volte
Nel corso di specifici controlli volti al contrasto dei furti ed allo spaccio di stupefacenti, i carabinieri della compagnia di Camerino hanno denunciato 5 giovani di età compresa tra i 18 ed i 22 anni scoperti, a Matelica, mentre stavano consumando hashish. Le ulteriori perquisizioni hanno permesso il rinvenimento di complessivi 20 grammi di droga (hashish e marijuana). Altre due persone, un 65enne di porto S.Elpidio e un 34enne di Matelica, sono stati sorpresi alla guida delle loro auto in stato di ebbrezza e, quindi, denunciati. Sempre a Matelica, un giovane di origini albanese di 32 anni è stato denunciato per porto abusivo di armi poiché trovato in possesso di un coltello a serramanico del genere proibito che aveva nascosto nel porta oggetti della propria auto.

Avevano in auto arnesi da scasso, due uomini denunciati a Chiaravalle

29 Gen 2016
999 volte
I carabinieri di Chiaravalle hanno denunciato due persone, già note alle forze dell’ordine, che si aggiravano con fare sospetto a bordo di una Audi di colore grigio lungo le strade periferiche. La pattuglia intervenuta ha proceduto al controllo dell’Audi, all'interno della quale sono stati rinvenuti numerosi arnesi da scasso, compresi due cacciaviti modificati, un piede di porco ed una piccola fiamma ossidrica. Tutto il materiale è stato sequestrato, mentre i due, un 47 enne di Falconara ed un 21 enne di Jesi, sono stati denunciati per possesso ingiustificato di grimaldelli e per porto abusivo d’armi.

L'ordinazione del vescovo Antonio

29 Gen 2016
1227 volte

Sabato 30 gennaio, nella chiesa cattedrale di Cremona, mediante l'imposizione delle mani dei vescovi Dante Lanfranconi, Francesco Giovanni Brugnaro, Francesco Gioia, don Antonio Napolioni sarà ordinato vescovo e prenderà possesso della cattedra vescovile cremonese, divenendo l'85° pastore della diocesi lombarda. Attesa gioiosa non solo a Cremona, ma anche nella nostra diocesi per l'elezione all'episcopato di un sacerdote della Chiesa camerte-settempedana.

Ma come ha vissuto don Antonello, come ancora una volta confidenzialmente vogliamo chiamarlo, i giorni immediatamente precedenti la sua ordinazione?

“Tranquillità, gratitudine, fiducia sono stati i sentimenti prevalenti – confida don Antonio – E' Dio stesso che si manifesta attraverso la volontà della Chiesa. Per anni ho insegnato ai seminaristi a vivere nella pace e nell'umiltà il sì alla volontà di Dio e cerco di custodire questi stessi atteggiamenti. Sono stati giorni trascorsi a preparare materialmente il “trasloco”, a salutare persone, a svolgere il normale servizio parrocchiale, ma anche a concentrami nell'attesa interiore e nella preparazione ai primi passi che dovrò compiere da sabato 30 in poi”.  

Sarà possibile seguire in diretta la cerimonia di ordinazione sul canale satellitare di Telepace, digitale terrestre VideoTolentino canale 2013 e collegamenti sulle frequenze di radio C1inblu.

 

L'intero serivizio sulle pagine del settimanale L'Appennino camerte

Sagramola, nuove speranze per il punto nascita di Fabriano

28 Gen 2016
941 volte

Il Tar delle Marche ha accolto la richiesta di sospensiva della chiusura del punto nascita, prevista il 31 gennaio, avanzata dal Comune di Fabriano. Il giudizio di merito si terrà il 19 febbraio. Secondo il presidente della Regione Ceriscioli, la decisione del tribunale amministrativo è "opportuna, perché ci dà più tempo per approfondire la procedura Afoi (Area Funzionale Omogenea, che prevede una equipe itinerante, ndr) in corso di valutazione da parte dei tecnici in questi giorni"

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Giancarlo Sagramola : ” perché sono state fatte valere in le nostre ragioni di precarietà delle comunicazioni, precarietà del nostro entroterra montano rispetto ai servizi e, oltretutto, è stato anche fatto valere che il nostro ospedale ha le condizioni di sicurezza per poter mantenere le partorienti.

“Noi- prosegue il primo cittadino di Fabriano- diciamo e sosteniamo (perché è così), che 500 parti sono una convenzione mentre le condizioni di sicurezza che noi abbiamo, sono standard ministeriali previsti dalla norma e non si possono confondere queste due cose. Noi avevamo intanto chiesto di valutare questo provvedimento, alla luce anche della viabilità precaria che abbiamo per raggiungere gli altri ospedali vicini. Il Tar ha accolto la sospensiva ; la politica purtroppo ha perso un'occasione, ma può recuperare perché, come ho sempre ribadito, anche in sede di incontri istituzionali, – aggiunge Sagramola-, come diceva don Milani “non si possono fare parti uguali tra diseguali “e noi siamo in una condizione di disuguaglianza rispetto ai territori della costa.

Noi vogliamo e anzi combattiamo perché il nostro entroterra abbia servizi che consentano salute e sicurezza dei cittadini.

Quanto alla valutazione dell'Afoi, "sarebbe stato più opportuno farla prima"- precisa il sindaco di Fabriano-“ avevo chiesto di valutare insieme il provvedimento ma i tempi stretti non lo hanno permesso. Ora abbiamo tempo fino al 19 febbraio e spero che avremo occasione di valutare il tutto con attenzione e senza pregiudiziali nei confronti di Fabriano. Questo nostro entroterra ha bisogno della Regione, ha bisogno che la Regione sia vicina così come lo è stata negli anni precedenti, come io credo lo sarà in futuro. E abbiamo bisogno anche di una forte sinergia con i comuni alla costa- conclude Sagramola- perché tutti insieme, come regione Marche, possiamo guardare con certezza al futuro

C. C.

Circondato dai carabinieri ladro fugge a piedi nelle campagne

28 Gen 2016
1136 volte

Tentativo di furto sventato dai carabinieri a Treia. I militari, avvertiti della presenza di un'auto sospetta nelle campagne circostanti, sono intervenuti trovando una macchina risultata rubata a Macerata lo scorso 11 gennaio. Mentre i militari circondavano l'area, improvvisamente un uomo è salito sulla vettura cercando di dileguarsi con una manovra azzardata, urtando il muretto di un'abitazione vicina. Sceso dall'auto l'uomo è poi fuggito a piedi, inseguito dai carabinieri, facendo perdere le proprie tracce.

Tentano di forzare la saracinesca di un bar. Fermati dai carabinieri

28 Gen 2016
1133 volte

I carabinieri di Corridonia, nel corso di controlli notturni, hanno notato nei pressi di un'area di servizio due uomini armeggiare vicino alla saracinesca del bar. Vistisi scoperti i due hanno tentato di scappare, ma sono stati subito bloccati. I malviventi, due stranieri di 35 e 24 anni, sono stati trovati in possesso di arnesi atti allo scasso. Inoltre uno dei due aveva in tasca cocaina e un tirapugni. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di scoprire in casa del 24enne anche 10 grammi di marijuana. I due sono stati arrestati con l'accusa di tentato furto aggravato e denunciati a piede libero per il possesso degli attrezzi atti allo scasso e detenzione di stupefacenti.

Minaccia la moglie con un'accetta, romeno finisce in manette

28 Gen 2016
1416 volte
Ancora un episodio di maltrattamenti in famiglia a Jesi. Questa volta a farne le spese una donna romena di 52 anni. Autore dei maltrattamenti il marito convivente, che da oltre 3 anni si accanisce contro di lei. E lo fa soprattutto dopo aver abusato con l’alcool. Nella serata di mercoledì l’ennesimo episodio di violenza dell’uomo, che non ha esitato a prenderla a pugni, non prima di averla minacciata di morte con un’accetta. I militari del Nucleo Radiomobile della Compagnia al loro arrivo hanno trovato la vittima in preda ad una crisi di pianto e con il labbro e guancia destra visibilmente gonfi in seguito alle percosse ricevute dal marito. L’uomo, in stato di manifesta ubriachezza, è stato quindi condotto in caserma per gli accertamenti del caso. La donna ha raccontato ai carabinieri una sequela di maltrattamenti sia verbali che fisici, che si protraggono oramai da diversi anni. Difatti, l’uomo già in passato è stato destinatario di un provvedimento di allontanamento dalla casa familiare, esauritosi esattamente un anno fa, per analoghi comportamenti tenuti nei confronti della propria moglie. L'uomo è stato così arrestato e l'accetta è stata sequestrata.

Unicam promossa dall'Agenzia Nazionale di Valutazione

27 Gen 2016
1047 volte

Eccellenti notizie per l’Università di Camerino dall’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR).

Dal rapporto sull’Accreditamento periodico delle sedi e dei corsi di studio il giudizio finale per Unicam è quello di accreditamento soddisfacente, seconda voce nella scala di valutazione dell’ANVUR.

La relazione evidenzia numerosi punti di forza, tra cui, la governance dell’Ateneo che basa la propria attività su linee strategiche esplicite e trasparenti e sostenute da un efficace sistema di assicurazione qualità, la presenza di un Comitato dei sostenitori e la collaborazione con gli stakeholder ed il mondo imprenditoriale, le azioni di monitoraggio svolte anche sulle attività dei docenti/ricercatori, la progettazione e gestione dei corsi di studio e della didattica, l’attività svolta dal Nucleo di Valutazione.

Si segnalano infatti, come premesse per una possibile prassi eccellente, lo stretto contatto con un territorio a vocazione internazionale, l’attuazione di un confronto con il tessuto imprenditoriale e con le amministrazioni locali, attraverso il Comitato dei Sostenitori e la Consulta permanente per lo Sviluppo, e il tavolo di consultazione con le organizzazioni sindacali.

Per quanto riguarda il sistema di assicurazione della qualità della ricerca, la commissione ANVUR segnala come prassi eccellenti la gestione informatica efficace delle informazioni contenute nei database di Ateneo che consente di avere una panoramica completa delle diverse tipologie di impegno dei docenti e ricercatori; la trasparenza e la condivisione; le politiche di incentivazione verso le donne e i giovani ricercatori, una politica di gestione delle risorse umane accreditata a livello europeo.

Nel corso della visita della Commissione di 15 esperti valutatori designati dall’ANVUR, nel mese di marzo 2015, si sono svolti numerosi incontri e momenti di approfondimento e verifica, che hanno coinvolto i anche responsabili della gestione dei Corsi di studio, molti studenti e una larga parte del personale dell’Ateneo.

Grande soddisfazione è stata espressa dal Rettore Unicam prof. Flavio Corradini.

Unicam ha da tempo scelto di puntare sulla crescita qualitativa e per questo è consapevole del fatto che ognuna delle nostre azioni va sistematicamente programmata, realizzata con attenzione, tenuta sotto controllo e infine valutata. Tutte le esperienze che abbiamo fatto in questo campo hanno portato UNICAM a ‘metabolizzare’ le logiche del confronto sistematico e della rinuncia all’autoreferenzialità, al punto di introdurre esplicitamente nel proprio Statuto un sistema di assicurazione della qualità, come strumento primario di gestione monitoraggio e valutazione delle proprie azioni, anticipando di molti anni alcune modifiche del sistema di gestione degli Atenei”.

Abbiamo fin da subito quindi – prosegue il Rettore Corradini – guardato con fiducia al percorso di accreditamento dei corsi e delle sedi. Siamo stati pronti ed abbiamo richiesto esplicitamente all’ANVUR il confronto con la Commissione e con il sistema universitario nazionale, convinti che questo rappresenti l’unico percorso possibile per garantire e far emergere le eccellenze del nostro Ateneo e favorirne il miglioramento e la crescita.

Siamo pertanto estremamente soddisfatti di questo riconoscimento e pronti a proseguire il percorso intrapreso sulla base dei suggerimenti e delle preziose analisi della Commissione ANVUR, per garantire sempre ai nostri studenti, il nostro futuro, una elevata qualità della didattica, dei servizi e della ricerca”.

Matelica, fanno saltare il bancomat ma restano a mani vuote

27 Gen 2016
1079 volte

Hanno fatto saltare il bancomat nel cuore della notte, ma non riescono a recuperare la refurtiva poiché la struttura della cassa interna dello sportello automatico ha resistito. E' accaduto a Matelica dove i malviventi hanno tentato il colpo al bancomat dell’Unicredit di Corso Vittorio Emanuele. Dopo aver saturato il vano con il gas, hanno fatto esplodere il bancomat, ma la struttura ha retto all'onda d'urto impedendo di arrivare al denaro. Nel disperato tentativo di entrare in possesso del contante, i banditi hanno anche forzato una porta laterale di vetro della banca ma sono poi stati costretti a fuggire nell’imminenza dell’arrivo dei carabinieri allertati da un cittadino che aveva trovato la strada sbarrata da un Fiorino bianco messo di traverso per ostacolare l’eventuale arrivo delle Forze dell’Ordine. Nonostante le immediate ricerche attivate, i ladri sono riusciti a far perdere le proprie tracce. Indagano i Carabinieri del Nucleo Operativo di Camerino e del Reparto Operativo di Macerata.  

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

  appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo