Morto Mons.Angelo Fagiani, arcivescovo emerito di Camerino- San Severino

Sabato, 04 Luglio 2020 11:13 | Letto 1274 volte   Clicca per ascolare il testo Morto Mons.Angelo Fagiani, arcivescovo emerito di Camerino- San Severino All’età di 77 anni ci ha lasciati l’arcivescovo emerito Mons. Angelo Fagiani. Il decesso è avvenuto all’alba di oggi nella casa del clero del seminario arcivescovile di Fermo. Fatale una crisi respiratoria intervenuta a minare le sue già cagionevoli condizioni di salute. Nato a Monterubbiano il 18 aprile 1943 e ordinato presbitero il 13 marzo del 1967, Mons. Fagiani era stato eletto alla sede arcivescovile di Camerino- San Severino Marche il 14 aprile 1997. Il 31 maggio 1997 nel corso di una  solenne concelebrazione, la sua ordinazione vescovile nella cattedrale di Camerino, dalle mani di Mons. Cleto Bellucci dell’arcidiocesi di Fermo. Scolpiti negli occhi e nei cuori di tutti sono i suoi gesti semplici che restituiscono l’immagine di un animo umile e buono. Sin dai primissimi passi come parroco, don Angelo è stato un pastore che ha camminato tra la gente e tra i giovani, vicino ai più bisognosi con un sorriso e con la potenza delle sue autentiche azioni. Indimenticabile l’apporto e l’aiuto materiale dato da don Angelo, come preferiva essere chiamato, proprio nell’anno della sua ordinazione. Nella notte tra il 26 e 27 settembre 1997, Camerino e il territorio furono infatti colpiti da un forte evento sismico che causò anche delle vittime. Nonostante le ferite del terremoto che anche allora apportarono consistenti danni al patrimonio ecclesiale camerte settempedano, Mons. Fagiani portò a temine ugualmente il Congresso Eucaristico Diocesano, conclusosi nel settembre 1998. Proprio all’inizio di quell’anno, l’arcivescovo Angelo aveva ricevuto la visita a Cesi del Santo Padre Giovanni Paolo II, visita  che lui stesso aveva sollecitato con forza e che tutti ricordano con particolare emozione. All’inizio dell’aprile 2003 fu colpito da un ictus cerebrale in seguito al quale fu ricoverato al Policlinico Gemelli di Roma;, nonostante un lungo ed impegnativo percorso di riabilitazione, le sue condizioni migliorarono purtroppo solo leggermente, conducendo in breve alle dimissioni. Negli ultimi anni Mons. Fagiani ha vissuto nella casa del clero di Fermo, adeguatamente assistito da personale messo a disposizione da quella diocesi. L’Arcivescovo Francesco Massara, che lunedì alle ore 10.00 parteciperà ai funerali nella Cattedrale di Fermo, ha fatto affiggere un manifesto attraverso il quale si esprime la vicinanza e il dolore  dell’intera Arcidiocesi di Camerino-  San Severino Marche.   Carla Campetella
All’età di 77 anni ci ha lasciati l’arcivescovo emerito Mons. Angelo Fagiani. Il decesso è avvenuto all’alba di oggi nella casa del clero del seminario arcivescovile di Fermo. Fatale una crisi respiratoria intervenuta a minare le sue già cagionevoli condizioni di salute. Nato a Monterubbiano il 18 aprile 1943 e ordinato presbitero il 13 marzo del 1967, Mons. Fagiani era stato eletto alla sede arcivescovile di Camerino- San Severino Marche il 14 aprile 1997. Il 31 maggio 1997 nel corso di una  solenne concelebrazione, la sua ordinazione vescovile nella cattedrale di Camerino, dalle mani di Mons. Cleto Bellucci dell’arcidiocesi di Fermo.
IMG 20200704 WA0004
Scolpiti negli occhi e nei cuori di tutti sono i suoi gesti semplici che restituiscono l’immagine di un animo umile e buono. Sin dai primissimi passi come parroco, don Angelo è stato un pastore che ha camminato tra la gente e tra i giovani, vicino ai più bisognosi con un sorriso e con la potenza delle sue autentiche azioni. Indimenticabile l’apporto e l’aiuto materiale dato da don Angelo, come preferiva essere chiamato, proprio nell’anno della sua ordinazione. Nella notte tra il 26 e 27 settembre 1997, Camerino e il territorio furono infatti colpiti da un forte evento sismico che causò anche delle vittime. Nonostante le ferite del terremoto che anche allora apportarono consistenti danni al patrimonio ecclesiale camerte settempedano, Mons. Fagiani portò a temine ugualmente il Congresso Eucaristico Diocesano, conclusosi nel settembre 1998. Proprio all’inizio di quell’anno, l’arcivescovo Angelo aveva ricevuto la visita a Cesi del Santo Padre Giovanni Paolo II, visita  che lui stesso aveva sollecitato con forza e che tutti ricordano con particolare emozione.
IMG 20200704 WA0005
All’inizio dell’aprile 2003 fu colpito da un ictus cerebrale in seguito al quale fu ricoverato al Policlinico Gemelli di Roma;, nonostante un lungo ed impegnativo percorso di riabilitazione, le sue condizioni migliorarono purtroppo solo leggermente, conducendo in breve alle dimissioni. Negli ultimi anni Mons. Fagiani ha vissuto nella casa del clero di Fermo, adeguatamente assistito da personale messo a disposizione da quella diocesi. L’Arcivescovo Francesco Massara, che lunedì alle ore 10.00 parteciperà ai funerali nella Cattedrale di Fermo, ha fatto affiggere un manifesto attraverso il quale si esprime la vicinanza e il dolore  dell’intera Arcidiocesi di Camerino-  San Severino Marche.  

Carla Campetella
IMG 20200704 WA0003

IMG 20200704 WA0006

Letto 1274 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo