Falso allarme Covid al "Premio Ravera", scoperto e denunciato l'autore

Sabato, 29 Agosto 2020 14:26 | Letto 907 volte   Clicca per ascolare il testo Falso allarme Covid al "Premio Ravera", scoperto e denunciato l'autore Pupo positivo al Covid. Una fake circolata sui social lo scorso 24 agosto, con avviso recante tanto di logo dellAsur Marche che invitava spettatori e personale che avevano partecipato a Tolentino al 6° Premio Gianni Ravera a porsi in quarantena fiduciaria e chiedere di essere sottoposti a tampone. Dopo qualche giorno di indagine i carabinieri della stazione di Tolentino sono riusciti a scoprire lautore del finto volantino che è stato denunciato a piede libero per procurato allarme e diffamazione a mezzo stampa.Il falso volantino, infatti, aveva procurato paura e preoccupazione nelle oltre 900 persone, tra spettatori, artisti, ed organizzatori che avevano assistito allevento e partecipato, la sera successiva, alla cena che si era tenuta a conclusione della manifestazione. Molti cittadini si erano rivolti allAsur temendo per la propria salute al punto che una formale smentita in merito alla presunta pericolosità dellevento canoro era prontamente apparsa sul sito ufficiale del comune con il sindaco Giuseppe Pezzanesi che aveva immediatamente sporto denuncia contro ignoti.Come detto i carabinieri sono riusciti a scoprire lautore della fake che, messo alle strette, ha ammesso di aver pubblicato il messaggio senza tuttavia volerne spiegare il motivo.f.u.
"Pupo positivo al Covid". Una fake circolata sui social lo scorso 24 agosto, con avviso recante tanto di logo dell'Asur Marche che invitava spettatori e personale che avevano partecipato a Tolentino al "6° Premio Gianni Ravera" a porsi in quarantena fiduciaria e chiedere di essere sottoposti a tampone. Dopo qualche giorno di indagine i carabinieri della stazione di Tolentino sono riusciti a scoprire l'autore del finto volantino che è stato denunciato a piede libero per procurato allarme e diffamazione a mezzo stampa.

Il falso volantino, infatti, aveva procurato paura e preoccupazione nelle oltre 900 persone, tra spettatori, artisti, ed organizzatori che avevano assistito all'evento e partecipato, la sera successiva, alla cena che si era tenuta a conclusione della manifestazione. Molti cittadini si erano rivolti all'Asur temendo per la propria salute al punto che una formale smentita in merito alla presunta pericolosità dell'evento canoro era prontamente apparsa sul sito ufficiale del comune con il sindaco Giuseppe Pezzanesi che aveva immediatamente sporto denuncia contro ignoti.

Come detto i carabinieri sono riusciti a scoprire l'autore della fake che, messo alle strette, ha ammesso di aver pubblicato il messaggio senza tuttavia volerne spiegare il motivo.

f.u.


Letto 907 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo