chANCE banner Appennino 1022 200px

Trova una bottiglia di aceto sull'auto. Dalle superstizioni alla riflessione sulla società

Mercoledì, 30 Settembre 2020 11:14 | Letto 1459 volte   Clicca per ascolare il testo Trova una bottiglia di aceto sull'auto. Dalle superstizioni alla riflessione sulla società Uscire di casa e trovarsi nel baccano di chi si chiede come mai, da giorni, trovi una bottiglia di aceto sul davanti della propria auto.È lo strano racconto di una sarnanese che vive appunto in una delle zone SAE di Sarnano e che questa mattina ha assistito ad una scena insolita.Una sua concittadina, infatti, stava chiedendo aiuto ai vicini di casa perchè da giorni trova una bottiglia di aceto davanti lauto del marito, così come qualche mese fa, sempre nello stesso punto, ha trovato degli ombrelli rotti.Non è tanto questa la notizia che ci ha fatto riflettere - anche se il dispiacere per lanziana che continua a chiedersi il motivo di questo gesto resta - ma la mente è andata subito ad un modus operandi che ricorda i rimedi della nonna, i modi di dire, le superstizioni che vivono ancora oggi solo grazie a qualche custode della tradizione contadina.Quello che ci porta a scrivere di questo non è tanto il fatto in sé, ma la consapevolezza che alcune storie si possono ancora verificare solo in queste zone: piccoli centri dellentroterra dove cè ancora chi custodisce gli insegnamenti degli antenati.Cercando online, però, pare che laceto, secondo i superstiziosi, rappresenti uno degli elementi capaci di rendere amara la vita di qualcuno e inasprire la relazione tra due persone.Allora dalla riflessione sulle tradizioni contadine non possiamo non soffermarci sui fatti di cronaca avvenuti in questi giorni che vedono due giovani uccisi perchè troppo felici.Anche se è vero che sono due estremi opposti, è triste vedere come in entrambi i casi sia la felicità di qualcuno e quindi linvidia a muoverci verso un sentimento cattivo.Se, infatti, nella genuinità dei paesi dellentroterra, lanziana superstiziosa pensa di vendicare la sua invidia con laceto, nel diabolico meccanismo di un mondo che sembra andare al contrario, un giovane di oggi si arma e uccide.E allora, al di là dellimportanza di tramandare le tradizioni senza esserne vittime, comprendendo che la superstizione è solo dentro di noi, il messaggio più alto che è giusto far passare è proprio quello sulla felicità: rallegriamoci per quella degli altri, perchè La felicità - come dice Madre Teresa di Calcutta - è un percorso, non una destinazione.GS
Uscire di casa e trovarsi nel baccano di chi si chiede come mai, da giorni, trovi una bottiglia di aceto sul davanti della propria auto.
È lo strano racconto di una sarnanese che vive appunto in una delle zone SAE di Sarnano e che questa mattina ha assistito ad una scena insolita.
Una sua concittadina, infatti, stava chiedendo aiuto ai vicini di casa perchè da giorni trova una bottiglia di aceto davanti l'auto del marito, così come qualche mese fa, sempre nello stesso punto, ha trovato degli ombrelli rotti.
Non è tanto questa la notizia che ci ha fatto riflettere - anche se il dispiacere per l'anziana che continua a chiedersi il motivo di questo gesto resta - ma la mente è andata subito ad un modus operandi che ricorda i rimedi della nonna, i modi di dire, le superstizioni che vivono ancora oggi solo grazie a qualche custode della tradizione contadina.
Quello che ci porta a scrivere di questo non è tanto il fatto in sé, ma la consapevolezza che alcune storie si possono ancora verificare solo in queste zone: piccoli centri dell'entroterra dove c'è ancora chi custodisce gli insegnamenti degli antenati.

IMG 4942

Cercando online, però, pare che l'aceto, secondo i superstiziosi, rappresenti uno degli elementi capaci di rendere amara la vita di qualcuno e inasprire la relazione tra due persone.
Allora dalla riflessione sulle tradizioni contadine non possiamo non soffermarci sui fatti di cronaca avvenuti in questi giorni che vedono due giovani uccisi "perchè troppo felici".
Anche se è vero che sono due estremi opposti, è triste vedere come in entrambi i casi sia la felicità di qualcuno e quindi l'invidia a muoverci verso un sentimento cattivo.
Se, infatti, nella genuinità dei paesi dell'entroterra, l'anziana superstiziosa pensa di vendicare la sua invidia con l'aceto, nel diabolico meccanismo di un mondo che sembra andare al contrario, un giovane di oggi si arma e uccide.
E allora, al di là dell'importanza di tramandare le tradizioni senza esserne vittime, comprendendo che la superstizione è solo dentro di noi, il messaggio più alto che è giusto far passare è proprio quello sulla felicità: rallegriamoci per quella degli altri, perchè "La felicità - come dice Madre Teresa di Calcutta - è un percorso, non una destinazione".

GS


Letto 1459 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo