Valfornace, ruspe in azione sull'edificio delle case popolari

Giovedì, 18 Febbraio 2021 10:59 | Letto 775 volte   Clicca per ascolare il testo Valfornace, ruspe in azione sull'edificio delle case popolari In atto a Valfornace la parziale demolizione delledificio delle ex case popolari Erap di via Roma. Limmobile che un tempo ha anche ospitato la sede comunale, con tutta probabilità è  composto da due edifici che originariamente staccati, nel corso degli anni sono stati uniti insieme. Secondo le condizioni dettate dalla Soprintendenza, verranno lasciati integri gli antichi portali dingresso originali che risalgono allultima modifica intercorsa nel tempo. Da queste mura che stanno venendo giù proprio in queste ore, dunque la possibilità di un volto diverso per quellarea del borgo.Anche se è brutto dirlo - afferma il vicesindaco Simone Marchetti- si può dire che da questa demolizione potranno aprirsi nuove possibilità per il nostro territorio e per il nostro comune.  Il palazzo in questione- spiega Marchetti- ha ospitato nel passato la sede comunale e, fino alla data del sisma, diversi appartamenti di residenza Popolare. La demolizione avrebbe dovuto farsi qualche mese fa e purtroppo, diverse vicissitudini e prima tra tutte il covid-19, non lo hanno permesso. Ripeto, è brutto dirlo, ma è una ripartenza anche la demolizione, perché si danno appunto delle prospettive. Proprio domani, lamministrazione si incontrerà con il Commissario straordinario Giovanni Legnini per delineare il Piano di ricostruzione del nostro comune. E da lì che cercheremo di avviare un progetto che avevamo in mente da tempo e, confidiamo vivamente che ci venga data la possibilità di attuarlo. Di certo, bisogna considerare che i nostri comuni e i nostri territori sono belli perchè nel corso del tempo hanno mantenuto la forma che avevano. e- continua il vice sindaco di Valfornace- bisogna fare attenzione a modificare troppo, perchè potrebbe significare perdere lidentità di un territorio. Tutto  quello che viene fatto, avviene dunque secondo delle regole precise e nellapplicazione di tutti i permessi che ci vengono rilasciati. Nello specifico, la parziale demolizione dello stabile situato in via Roma, darà la possibilità di allargare la strada e di dare più visibilità ad alcune case che gli erano vicine.  Ecco- conclude Marchetti-  diciamo che è un piccolo passo verso una nuova normalità. c.c.
In atto a Valfornace la parziale demolizione dell'edificio delle ex case popolari Erap di via Roma. L'immobile che un tempo ha anche ospitato la sede comunale, con tutta probabilità è  composto da due edifici che originariamente staccati, nel corso degli anni sono stati uniti insieme. Secondo le condizioni dettate dalla Soprintendenza, verranno lasciati integri gli antichi portali d'ingresso originali che risalgono all'ultima modifica intercorsa nel tempo. Da queste mura che stanno venendo giù proprio in queste ore, dunque la possibilità di un volto diverso per quell'area del borgo.

"Anche se è brutto dirlo - afferma il vicesindaco Simone Marchetti- si può dire che da questa demolizione potranno aprirsi nuove possibilità per il nostro territorio e per il nostro comune.  Il palazzo in questione- spiega Marchetti- ha ospitato nel passato la sede comunale e, fino alla data del sisma, diversi appartamenti di residenza Popolare. La demolizione avrebbe dovuto farsi qualche mese fa e purtroppo, diverse vicissitudini e prima tra tutte il covid-19, non lo hanno permesso. Ripeto, è brutto dirlo, ma è una ripartenza anche la demolizione, perché si danno appunto delle prospettive.
Proprio domani, l'amministrazione si incontrerà con il Commissario straordinario Giovanni Legnini per delineare il Piano di ricostruzione del nostro comune. E' da lì che cercheremo di avviare un progetto che avevamo in mente da tempo e, confidiamo vivamente che ci venga data la possibilità di attuarlo. Di certo, bisogna considerare che i nostri comuni e i nostri territori sono belli perchè nel corso del tempo hanno mantenuto la forma che avevano. e- continua il vice sindaco di Valfornace- bisogna fare attenzione a modificare troppo, perchè potrebbe significare perdere l'identità di un territorio. Tutto  quello che viene fatto, avviene dunque secondo delle regole precise e nell'applicazione di tutti i permessi che ci vengono rilasciati. Nello specifico, la parziale demolizione dello stabile situato in via Roma, darà la possibilità di allargare la strada e di dare più visibilità ad alcune case che gli erano vicine.  Ecco- conclude Marchetti-  diciamo che è un piccolo passo verso una nuova normalità". 

c.c.

Letto 775 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo