"Art.21" a Sarnano: il festival del giornalismo con firme di fama nazionale

Venerdì, 16 Luglio 2021 12:13 | Letto 361 volte   Clicca per ascolare il testo "Art.21" a Sarnano: il festival del giornalismo con firme di fama nazionale Una tre giorni dedicata alla libertà di stampa e alla memoria di Leo Birzoli. Sarnano è pronta a ospitare il festival del giornalismo “Art.21” nel suo “anno zero”, come lo ha definito il direttore artistico e noto volto del Tg1 Attilio Romita. Riflessioni importanti, su diffamazione, informazione durante la pandemia, divulgazione scientifica e altri temi e sfide che la contemporaneità ha imposto al giornalismo, saranno oggetto di incontri e dibattiti insieme a giornalisti di fama nazionale. “Quando abbiamo pensato di mettere insieme questo festival – ha spiegato proprio Romita – non si era ancora parlato della riforma della legge sulla libertà di stampa, del ‘bavaglio’, del carcere per diffamazione da parte dei giornalisti. Questo ci ha dato la possibilità di trattare un tema di assoluta e scottante attualità. Lo faremo per tre giorni: credo che una riflessione approfondita sia un atto dovuto e necessario. La libertà di stampa va difesa con tutte le nostre forze, la censura respinta. Nel frattempo – prosegue Romita – la reputazione dei cittadini va difesa”. Poi gli altri temi che il festival tratterà, su tutti il giornalismo legato alla pandemia: “Avremo ospite, tra gli altri, Michele Mirabella che potrà offrire la prospettiva del divulgatore scientifico – spiega Romita – . Oltre a questo daremo spazio anche alle criticità e alle difficoltà che il giornalismo ha affrontato durante questi diciotto mesi: dagli aghi alle bare che abbiamo visto in tv, cercheremo di capire luci e ombre che la comunicazione giornalistica ha vissuto in questo periodo. In questi tre giorni – conclude Romita – Sarnano sarà il cuore pulsante del giornalismo italiano”. l.c
Una tre giorni dedicata alla libertà di stampa e alla memoria di Leo Birzoli. Sarnano è pronta a ospitare il festival del giornalismo “Art.21” nel suo “anno zero”, come lo ha definito il direttore artistico e noto volto del Tg1 Attilio Romita. Riflessioni importanti, su diffamazione, informazione durante la pandemia, divulgazione scientifica e altri temi e sfide che la contemporaneità ha imposto al giornalismo, saranno oggetto di incontri e dibattiti insieme a giornalisti di fama nazionale.

“Quando abbiamo pensato di mettere insieme questo festival – ha spiegato proprio Romita – non si era ancora parlato della riforma della legge sulla libertà di stampa, del ‘bavaglio’, del carcere per diffamazione da parte dei giornalisti. Questo ci ha dato la possibilità di trattare un tema di assoluta e scottante attualità. Lo faremo per tre giorni: credo che una riflessione approfondita sia un atto dovuto e necessario. La libertà di stampa va difesa con tutte le nostre forze, la censura respinta. Nel frattempo – prosegue Romita – la reputazione dei cittadini va difesa”.

Poi gli altri temi che il festival tratterà, su tutti il giornalismo legato alla pandemia: “Avremo ospite, tra gli altri, Michele Mirabella che potrà offrire la prospettiva del divulgatore scientifico – spiega Romita – . Oltre a questo daremo spazio anche alle criticità e alle difficoltà che il giornalismo ha affrontato durante questi diciotto mesi: dagli aghi alle bare che abbiamo visto in tv, cercheremo di capire luci e ombre che la comunicazione giornalistica ha vissuto in questo periodo. In questi tre giorni – conclude Romita – Sarnano sarà il cuore pulsante del giornalismo italiano”.

l.c

Letto 361 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo