Stampa questa pagina

"Conoscere per star bene", il nuovo progetto di Anfass Sibillini

Lunedì, 13 Settembre 2021 17:28 | Letto 289 volte   Clicca per ascolare il testo "Conoscere per star bene", il nuovo progetto di Anfass Sibillini “Conoscere per star bene” è il progetto che Anffas Sibillini, associazione di familiari di persone con disabilità intellettiva e relazionale che ha sede a Pian di Pieca di San Ginesio, sta realizzando attraverso diverse iniziative. Un progetto, promosso dai sei Ambiti Territoriali Sociali delle province di Ascoli, Fermo e Macerata e dal Centro Servizi Volontariato Marche, con il contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le politiche della famiglia, che ha lobiettivo di cercare di favorire una contaminazione intergenerazionale, che valorizzi ciascuna persona, al di là dei limiti e delle difficoltà. Obiettivo che si sta realizzando attraverso diverse azioni, alcune già concluse, altre in corso di svolgimento. LANFFAS Sibillini ha organizzato un corso base di primo soccorso, favorendo la promozione della prevenzione dei rischi per la salute, noleggiando 2 defibrillatori semiautomatici per promuovere, nel prossimo fine settimana, un corso sulluso del defibrillatore. Inoltre, dal mese di agosto è stato lanciato un concorso sui ricordi legati alle ricette per nonni e nipoti: si tratta di navigare tra i ricordi e cercare unemozione legata al cibo. In questi giorni è iniziato anche un corso di sana alimentazione, dal titolo NutriAMOci: il corso tratta i temi della sana alimentazione, dei bisogni speciali per persone speciali, di come prendersi cura del cibo anche a casa. Tutti i corsi e le iniziative, che hanno visto fino ad oggi la partecipazione di persone di età compresa tra i 18 e i 90 anni, in prevalenza donne, alcune appartenenti a 4 diverse associazioni di volontariato, residenti in 8 Comuni differenti, vengono trasmessi anche on line per dare la possibilità di seguire anche a persone che non possono recarsi fisicamente a “La casa nel Cuore”, sede dellassociazione. Tra i partecipanti ci sono stati anche ragazze e ragazzi con disabilità, che, come tutti gli altri corsisti, hanno mostrato molto interesse e partecipazione, ponendo numerose domande alle relatrici, che sono rimaste piacevolmente stupite dal clima, dallattenzione e dalla partecipazione di tutta la classe, molto eterogenea. Il progetto proseguirà con altre future iniziative f.u.
“Conoscere per star bene” è il progetto che Anffas Sibillini, associazione di familiari di persone con disabilità intellettiva e relazionale che ha sede a Pian di Pieca di San Ginesio, sta realizzando attraverso diverse iniziative. Un progetto, promosso dai sei Ambiti Territoriali Sociali delle province di Ascoli, Fermo e Macerata e dal Centro Servizi Volontariato Marche, con il contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le politiche della famiglia, che ha l'obiettivo di cercare di favorire una contaminazione intergenerazionale, che valorizzi ciascuna persona, al di là dei limiti e delle difficoltà. Obiettivo che si sta realizzando attraverso diverse azioni, alcune già concluse, altre in corso di svolgimento.

anfass

L'ANFFAS Sibillini ha organizzato un corso base di primo soccorso, favorendo la promozione della prevenzione dei rischi per la salute, noleggiando 2 defibrillatori semiautomatici per promuovere, nel prossimo fine settimana, un corso sull'uso del defibrillatore.

Inoltre, dal mese di agosto è stato lanciato un concorso sui ricordi legati alle ricette per nonni e nipoti: si tratta di navigare tra i ricordi e cercare un'emozione legata al cibo.

In questi giorni è iniziato anche un corso di sana alimentazione, dal titolo NutriAMOci: il corso tratta i temi della sana alimentazione, dei bisogni speciali per persone speciali, di come prendersi cura del cibo anche a casa.

Tutti i corsi e le iniziative, che hanno visto fino ad oggi la partecipazione di persone di età compresa tra i 18 e i 90 anni, in prevalenza donne, alcune appartenenti a 4 diverse associazioni di volontariato, residenti in 8 Comuni differenti, vengono trasmessi anche on line per dare la possibilità di seguire anche a persone che non possono recarsi fisicamente a “La casa nel Cuore”, sede dell'associazione.


Tra i partecipanti ci sono stati anche ragazze e ragazzi con disabilità, che, come tutti gli altri corsisti, hanno mostrato molto interesse e partecipazione, ponendo numerose domande alle relatrici, che sono rimaste piacevolmente stupite dal clima, dall'attenzione e dalla partecipazione di tutta la classe, molto eterogenea.

Il progetto proseguirà con altre future iniziative

corsi anfass

f.u.

Letto 289 volte

Clicca per ascolare il testo