Recuperata la statua della Madonna della Cona nel comune di Castelsantangelo sul Nera

Sabato, 05 Novembre 2016 17:11 | Letto 1669 volte   Clicca per ascolare il testo Recuperata la statua della Madonna della Cona nel comune di Castelsantangelo sul Nera   Durante una perlustrazione nei pressi di Castelluccio di Norcia, per soccorrere alcuni allevatori, i Forestali del CTA di Visso (MC) e del Comando Stazione di Montefortino (MC) hanno raggiunto Forca di Gualdo nel Comune di Castelsantangelo sul Nera (MC) dove è presente la piccola chiesa di Madonna della Cona definitivamente danneggiata dall’ultimo terremoto del 30 ottobre La chiesetta, costruita nel XVII secolo, si trova a circa 1550 m. s.l.m. sul valico che unisce Castelsantangelo sul Nera a Castelluccio di Norcia, strada un tempo percorsa dai numerosissimi turisti che dal versante adriatico si recavano a visitare Castelluccio di Norcia con le sue famose fioriture, ora gravemente compromessa dal sisma. La tradizione vuole che la costruzione della piccola chiesetta sia riferita alla vittoria di Visso nella battaglia contro Norcia nel 1522 che segnò la conquista del piano, detto perduto, a ridosso di Castelluccio. Ogni prima domenica di luglio vi si tiene una festa di ringraziamento molto sentita dalle popolazioni di Castelluccio e di Castelsantangelo sul Nera che una volta segnava la fine della transumanza. A seguito del terremoto è caduto il tetto della chiesa lasciando miracolosamente intatta la parte alta dell’altare con la piccola statua della Madonna con il corpo del cristo crocifisso.  Sentite le Autorità comunali e al fine di evitare ulteriori danni o sottrazioni illecite, gli uomini del Corpo Forestale dello Stato hanno provveduto al recupero della statua, trasportandola con le dovute cautele a valle, dove è stata consegnata al Comune di Castelsantangelo sul Nera. Il luogo come tutta l’area di Castelluccio è raggiungibile, con difficoltà, solo con mezzi fuoristrada in quanto tutte le strade principali di accesso sono interrotte a seguito di frane, caduta massi e smottamenti causati dalla scossa di terremoto del 30 ottobre scorso.

 

Durante una perlustrazione nei pressi di Castelluccio di Norcia, per soccorrere alcuni allevatori, i Forestali del CTA di Visso

(MC) e del Comando Stazione di Montefortino (MC) hanno raggiunto Forca di Gualdo nel Comune di Castelsantangelo sul

Nera (MC) dove è presente la piccola chiesa di Madonna della Cona definitivamente danneggiata dall’ultimo terremoto

del 30 ottobre

La chiesetta, costruita nel XVII secolo, si trova a circa 1550 m. s.l.m. sul valico che unisce Castelsantangelo sul Nera a

Castelluccio di Norcia, strada un tempo percorsa dai numerosissimi turisti che dal versante adriatico si recavano a visitare

Castelluccio di Norcia con le sue famose fioriture, ora gravemente compromessa dal sisma.

La tradizione vuole che la costruzione della piccola chiesetta sia riferita alla vittoria di Visso nella battaglia contro Norcia

nel 1522 che segnò la conquista del piano, detto perduto, a ridosso di Castelluccio.

Ogni prima domenica di luglio vi si tiene una festa di ringraziamento molto sentita dalle popolazioni di Castelluccio e di

Castelsantangelo sul Nera che una volta segnava la fine della transumanza.

A seguito del terremoto è caduto il tetto della chiesa lasciando miracolosamente intatta la parte alta dell’altare con la

piccola statua della Madonna con il corpo del cristo crocifisso. 

Sentite le Autorità comunali e al fine di evitare ulteriori danni o sottrazioni illecite, gli uomini del Corpo Forestale dello

Stato hanno provveduto al recupero della statua, trasportandola con le dovute cautele a valle, dove è stata consegnata al

Comune di Castelsantangelo sul Nera.

Il luogo come tutta l’area di Castelluccio è raggiungibile, con difficoltà, solo con mezzi fuoristrada in quanto tutte le strade

principali di accesso sono interrotte a seguito di frane, caduta massi e smottamenti causati dalla scossa di terremoto del

30 ottobre scorso.

Letto 1669 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo