Stampa questa pagina

A Braga per i campionati europei universitari di Calcio a 5: "Portiamo il nome di Camerino in giro per l'Europa"

Sabato, 13 Luglio 2019 10:15 | Letto 521 volte   Clicca per ascolare il testo A Braga per i campionati europei universitari di Calcio a 5: "Portiamo il nome di Camerino in giro per l'Europa" Sono pronti a partire e hanno lambizioso obiettivo di posizionarsi fra i primi posti del Campionato Europeo universitario di calcio a cinque. E la squadra del Cus di Camerino che lunedì prenderà il volo per Braga, in Portogallo. Ieri si sono presentati in una conferenza stampa a cui ha preso parte anche lassessore Giovanna Sartori.In Portogallo - ha detto Fabio Sargenti - rappresenteremo luniversità e la città di Camerino. È un privilegio e un onore portare il nome della città allestero. Per la squadra di calcetto è la prima esperienza ed è dovuta alla vittoria del Campionato Italiano del 2017-2018. Gli europei infatti si svolgono ogni due anni pertanto alla squadra camerte spettava di diritto la partecipazione sebbene questanno non sia riuscita a vincere il campionato 2018-2019. Siamo molto ambiziosi - è tornato a dire - siamo una buona squadra e ci troveremo ad affrontare un livello piuttosto alto, a Braga ci saranno le migliori squadre dEuropa. Pensiamo a rendere orgoglioso il Cus, la città è luniversità.Dal direttore generale del Cus, Roberto Cambriani, il caldo invito a fare del loro meglio e a portare a casa il miglior risultato possibile: Il Cus torna a rappresentare la nostra università in Portogallo, nazione che è sempre presente alle nostre manifestazioni. Forse la squadra di casa sarà la più difficile da affrontare ma i nostri atleti si faranno rispettare. Tornare a rappresentare Unicam ad un campionato europeo fa sempre piacere.A chiudere il giro di interventi, lassessore Sartori e il capitano della squadra Davide Baiocchi.Lo scudetto delluniversità - ha detto lassessore - rappresenta tanto per me, mio padre era un fervido sostenitore. Il cus porta in giro per lEuropa il nome della città, quindi ragazzi sporcate la maglia di sudore e di sogni; vada come vada noi vi aspetteremo per applaudirvi. Tutti questi campionati sono il segnale che nonostante le difficoltà la città c’è e risponde con luniversità e i ragazzi che sono rimasti qua, quindi non può essere che un segnale di partenza e di futuro.Entusiasmo e carica sono i tratti caratteristici dello stato danimo dei giovani atleti in partenza. Ad affermarlo il capitano: Siamo carichi, siamo un bel gruppo di amici e cercheremo di portare il nome della città il più in alto possibile. Cercheremo di farcela.g.g.
Sono pronti a partire e hanno l'ambizioso obiettivo di posizionarsi fra i primi posti del Campionato Europeo universitario di calcio a cinque. E' la squadra del Cus di Camerino che lunedì prenderà il volo per Braga, in Portogallo. Ieri si sono presentati in una conferenza stampa a cui ha preso parte anche l'assessore Giovanna Sartori.
"In Portogallo - ha detto Fabio Sargenti - rappresenteremo l'università e la città di Camerino. È un privilegio e un onore portare il nome della città all'estero. Per la squadra di calcetto è la prima esperienza ed è dovuta alla vittoria del Campionato Italiano del 2017-2018". Gli europei infatti si svolgono ogni due anni pertanto alla squadra camerte spettava di diritto la partecipazione sebbene quest'anno non sia riuscita a vincere il campionato 2018-2019. "Siamo molto ambiziosi - è tornato a dire - siamo una buona squadra e ci troveremo ad affrontare un livello piuttosto alto, a Braga ci saranno le migliori squadre d'Europa. Pensiamo a rendere orgoglioso il Cus, la città è l'università".
Dal direttore generale del Cus, Roberto Cambriani, il caldo invito a fare del loro meglio e a portare a casa il miglior risultato possibile: "Il Cus torna a rappresentare la nostra università in Portogallo, nazione che è sempre presente alle nostre manifestazioni.
Forse la squadra di casa sarà la più difficile da affrontare ma i nostri atleti si faranno rispettare. Tornare a rappresentare Unicam ad un campionato europeo fa sempre piacere".

IMG 4007

A chiudere il giro di interventi, l'assessore Sartori e il capitano della squadra Davide Baiocchi.
"Lo scudetto dell'università - ha detto l'assessore - rappresenta tanto per me, mio padre era un fervido sostenitore. Il cus porta in giro per l'Europa il nome della città, quindi ragazzi sporcate la maglia di sudore e di sogni; vada come vada noi vi aspetteremo per applaudirvi. Tutti questi campionati sono il segnale che nonostante le difficoltà la città c’è e risponde con l'università e i ragazzi che sono rimasti qua, quindi non può essere che un segnale di partenza e di futuro".
Entusiasmo e carica sono i tratti caratteristici dello stato d'animo dei giovani atleti in partenza. Ad affermarlo il capitano: "S
iamo carichi, siamo un bel gruppo di amici e cercheremo di portare il nome della città il più in alto possibile. Cercheremo di farcela".
g.g.

Letto 521 volte

Clicca per ascolare il testo