Stampa questa pagina

Asur Marche, 10 indagati. Ceriscioli: "Fiducia nella Magistratura"

Giovedì, 18 Luglio 2019 12:36 | Letto 905 volte   Clicca per ascolare il testo Asur Marche, 10 indagati. Ceriscioli: "Fiducia nella Magistratura" Indagate dieci persone, tra cui il direttore generale dellAsur Marche, per il tentativo di favorire una specifica azienda nella gara pubblica, ancora in essere, per lappalto da 200 milioni per le pulizie nei locali Asur Marche e ospedalieri. Sono gli addebiti, contenuti nei decreti di perquisizione, in fase iniziale, che riguardano gli indagati, finiti nel mirino di uninchiesta della Guardia di Finanza di Ancona coordinata dal pm Andrea Laurino, dopo che il 16 luglio scorso i finanzieri hanno eseguito perquisizioni e sequestri di documentazione nellambito delle indagini avviate nei loro confronti. Sulla vicenda, il Governatore delle Marche, Luca Ceriscioli ha detto: “Abbiamo piena fiducia nell’operato della Magistratura e chiediamo che si faccia subito piena luce sull’intera vicenda. Contiamo che le persone coinvolte possano dimostrare la totale estraneità a quanto viene loro contestato e che il tutto si chiarisca in tempi molto brevi. L’attività sanitaria della Regione prosegue in tutte le proprie funzioni, garantendo come sempre ai cittadini la qualità dei servizi offerti”. GS
Indagate dieci persone, tra cui il direttore generale dell'Asur Marche, per il tentativo di favorire una specifica azienda nella gara pubblica, ancora in essere, per l'appalto da 200 milioni per le pulizie nei locali Asur Marche e ospedalieri.

Sono gli addebiti, contenuti nei decreti di perquisizione, in fase iniziale, che riguardano gli indagati, finiti nel mirino di un'inchiesta della Guardia di Finanza di Ancona coordinata dal pm Andrea Laurino, dopo che il 16 luglio scorso i finanzieri hanno eseguito perquisizioni e sequestri di documentazione nell'ambito delle indagini avviate nei loro confronti.

Sulla vicenda, il Governatore delle Marche, Luca Ceriscioli ha detto: “Abbiamo piena fiducia nell’operato della Magistratura e chiediamo che si faccia subito piena luce sull’intera vicenda. Contiamo che le persone coinvolte possano dimostrare la totale estraneità a quanto viene loro contestato e che il tutto si chiarisca in tempi molto brevi. L’attività sanitaria della Regione prosegue in tutte le proprie funzioni, garantendo come sempre ai cittadini la qualità dei servizi offerti”.

GS

Letto 905 volte

Articoli correlati (da tag)

Clicca per ascolare il testo