Il restauro della nuvola di S.Maria in Via, al centro dell'incontro al museo diocesano

Sabato, 21 Settembre 2019 19:43 | Letto 434 volte   Clicca per ascolare il testo Il restauro della nuvola di S.Maria in Via, al centro dell'incontro al museo diocesano Grande segno di civiltà è conoscere il passato per programmare un fruttuoso futuro. Così Mons. Cherubino Ferretti, direttore dellUfficio Beni culturali Ecclesiastici ed edilizia di culto della diocesi ha introdotto la serie di ospiti intervenuti allincontro dedicato al restauro della nuvola macchina processionaria di Santa Maria in Via, tenutosi nella chiesa del Seminario a Camerino. Quarto del ciclo Storie di opere ferite dal sisma organizzati dal museo diocesano nellambito della mostra Dalla polvere alla luce, levento ha visto la partecipazione di don Valerio Pennasso, direttore dellUfficio Nazionale dei Beni Culturali Ecclesiastici ed Edilizia di culto, di Marcello Bedeschi, direttore e segretario generale dellAnci Marche nonchè corresponsabile del procedimento operazione restauri. Parole di saluto e di ringraziamento sono state indirizzate a tuttigli intervenuti dallarcivescovo Francesco Massara.Nel sottolineare la forte sinergia tra vari enti che ha preso a cuore la realizzazione del restauro della nuvola  Mons. Ferretti, ha ceduto la parola alla direttrice del museo diocesano Barbara Mastrocola che ha quindi  introdotto il video-racconto del Progetto Arte Salvata che ha portato al recupero della macchina processionale. Un progetto promosso dal museo diocesano Mons. Aurelio Sorrentino di Reggio Calabria e reso concreto dalliniziativa dei  due restauratori di lunga esperienza e acclarata fama Sante Guido e Giuseppe Mantella, i quali  hanno offerto gratuitamente la propria professionalità per il restauro del manufatto di oreficeria sacra risalente al sei-settecento. E stato poi lo stesso restauratore Sante Guido ad illustrare nel dettaglio i particolari di tutta la complessa operazione. Orgoglioso della sua terra dorigine si è detto larcivescovo Massara, evidenziando la generosità della Calabria che con il suo gesto di unione e solidarietà  ha contribuito a portare una luce di speranza in un territorio martoriato dal sisma. Il restauro di questopera- ha detto Massara- è per me un doppio onore, da vescovo e da calabrese. Un dono per questa terra che soffre, un segno importante che ci permette di non perdere le nostre radici. ccServizio di approfondimento sul prossimo numero di Appennino Camerte 
"Grande segno di civiltà è conoscere il passato per programmare un fruttuoso futuro". Così Mons. Cherubino Ferretti, direttore dell'Ufficio Beni culturali Ecclesiastici ed edilizia di culto della diocesi ha introdotto la serie di ospiti intervenuti all'incontro dedicato al restauro della 'nuvola' macchina processionaria di Santa Maria in Via, tenutosi nella chiesa del Seminario a Camerino. Quarto del ciclo "Storie di opere ferite dal sisma" organizzati dal museo diocesano nell'ambito della mostra "Dalla polvere alla luce", l'evento ha visto la partecipazione di don Valerio Pennasso, direttore dell'Ufficio Nazionale dei Beni Culturali Ecclesiastici ed Edilizia di culto, di Marcello Bedeschi, direttore e segretario generale dell'Anci Marche nonchè corresponsabile del procedimento operazione restauri. Parole di saluto e di ringraziamento sono state indirizzate a tuttigli intervenuti dall'arcivescovo Francesco Massara.
IMG 20190921 174256

Nel sottolineare la forte sinergia tra vari enti che ha preso a cuore la realizzazione del restauro della 'nuvola'  Mons. Ferretti, ha ceduto la parola alla direttrice del museo diocesano Barbara Mastrocola che ha quindi  introdotto il video-racconto del Progetto Arte Salvata che ha portato al recupero della macchina processionale. Un progetto promosso dal museo diocesano Mons. Aurelio Sorrentino di Reggio Calabria e reso concreto dall'iniziativa dei  due restauratori di lunga esperienza e acclarata fama Sante Guido e Giuseppe Mantella, i quali  hanno offerto gratuitamente la propria professionalità per il restauro del manufatto di oreficeria sacra risalente al sei-settecento. E' stato poi lo stesso restauratore Sante Guido ad illustrare nel dettaglio i particolari di tutta la complessa operazione. Orgoglioso della sua terra d'origine si è detto l'arcivescovo Massara, evidenziando la generosità della Calabria che con il suo gesto di unione e solidarietà  ha contribuito a portare una luce di speranza in un territorio martoriato dal sisma. " Il restauro di quest'opera- ha detto Massara- è per me un doppio onore, da vescovo e da calabrese. Un dono per questa terra che soffre, un segno importante che ci permette di non perdere le nostre radici".
cc

Servizio di approfondimento sul prossimo numero di Appennino Camerte 






Letto 434 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo