Notizie di cronaca nelle Marche
E' stato domato l'incendio che nel tardo pomeriggio di ieri era divampato in un bosco nella frazione di Cupi di Visso.
Sul posto era intervenuta la squadra boschiva dei vigili del fuoco di Macerata insieme all'elicottero che, in serata però, ha dovuto sospendere il proprio servizio.

Ora che le fiamme sono spente, i vigili del fuoco presidieranno la zona per tutto il giorno. Viste le temperature torride, infatti, potrebbe esserci il pericolo di ripresa di qualche focolaio.

Nessun problema invece per le abitazioni che sono molto lontane dalla zona.

GS
Pubblicato in Cronaca
Lunedì, 22 Luglio 2019 20:43

A fuoco un bosco a Cupi di Visso

In fiamme un bosco nella frazione Cupi di Visso. L'allarme è scattato nel tardo pomeriggio e subito sul posto sono arrivati i soccorsi.
I vigili del fuoco di Macerata sono intervenuti con una squadra boschiva e sono ancora sul posto per cercare di spegnere l'incendio ancora attivo.
Sul luogo dell'incendio anche l'elicottero dei pompieri.
"Si tratta di una parte molto sconnessa - dice il sindaco Spiganti - . E' didficile arrivarci, l'elicottero ha lasciato perchè sta facendo buio. Al momento il fuoco ancora arde, i vigili stanno cercando di spengnerlo ma non è facile perchè è un costone molto rigido e scomodo, ma per le case non c'è pericolo".

GS

WhatsApp Image 2019 07 22 at 21.12.59

WhatsApp Image 2019 07 22 at 21.12.59 1

freccia in giù VIDEO SOTTO freccia in giù





Pubblicato in Cronaca
Lunedì, 22 Luglio 2019 13:37

Auto contro moto. Interviene l'eliambulanza

Incidente questa mattina, intorno alle 11.45 in contrada Molino a Pollenza, per cause ancora in corso di accertamento un'auto si è scontrata con una moto.
Ad avere la peggio il motociclista 14enne che, in via precauzionale, è stato trasportato in eliambulanza all'ospedale di Torrette ad Ancona ma non sarebbe in pericolo di vita.
Alla guida dell'auto una donna di 84 anni.
Pubblicato in Cronaca
Lunedì, 22 Luglio 2019 13:35

Morrovalle, scooter investe un pedone

Investito un pedone a Morrovalle, intorno alle 12.15. E’ accaduto in via Nazionale. Il pedone avrebbe attraversato la strada quando uno scooter, per cause ancora in corso di accertamento, lo avrebbe centrato.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno trasportato il pedone al pronto soccorso di Macerata in codice giallo.

Lo scooterista, invece, sarebbe rimasto illeso.
Pubblicato in Cronaca
Sono 23 gli “angeli “che hanno ripopolato San Ginesio nelle giornate dal 10 al 20 luglio: gli Alpini del 2° raggruppamento della Protezione Civile Lombardia con volontari provenienti dalla Valtellina, Lecco, Luino, Como, Varese, Milano, Pavia, Brescia e Valcamonica. Dotati di scale, motoseghe, decespugliatori e tanto buona volontà, la loro missione è stata quella di far fronte all’ambizioso progetto di pulitura delle scarpate e delle zone verdi antistanti le antiche mura castellane.
Lo scopo dell’intervento, infatti, è stato quello di eliminare la vegetazione cresciuta in maniera incontrollata sulle scarpate al di sotto della mura al fine di poter avviare una campagna di rilievo tramite scanner con cui verificare la presenza di significative lesioni dovute al sisma. Grazie al loro duro e infaticabile operato, oggi San Ginesio - uno dei borghi più colpito dal sisma con le sue mura medievali meglio conservate delle Marche – ha potuto ritrovare la sua identità riscoprendo “letteralmente” le sua radici di città medievale a forte vocazione turistica.
Un significativo contributo di solidarietà per la salvaguardia della bellezza del Comune di San Ginesio che sta giocando tutte le sue carte migliori per garantire un rilancio autentico ed effettivo del paese.
Una delegazione ridotta del 2° Raggruppamento PC Lombardia è stata già presente a San Ginesio nelle giornate imminenti al sisma per dare assistenza alla popolazione sfollata presso l’Ostello comunale, accompagnarla nelle loro abitazioni per il recupero dei beni e prestare servizio di vigilanza notturna per il controllo del territorio. La delegazione degli alpini è stata guidata da Ettore Avietti, Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Il Sindaco e tutta l’amministrazione comunale hanno voluto ringraziarli organizzando una festa in loro onore.

foto gruppo

inizio intervento tiratori

alpini a lavoro 2

intervento strada tiratori
Pubblicato in Cronaca
Era finito agli arresti domiciliari dopo l’operazione denominata Shelter condotta dai carabinieri della compagnia di Macerata. Il giudice aveva disposto gli arresti domiciliari con l’obbligo di osservare alcune prescrizioni. Durante il periodo però l’uomo non ha ottemperato alle indicazioni, come ad esempio non parlare con persone al di fuori del nucleo familiare. Così i carabinieri di Cingoli, nel corso di controlli per verificare il rispetto delle regole, hanno constatato la violazione delle stesse e lo hanno riferito al giudice per le indagini preliminari che ha deciso che l’uomo proseguisse la misura cautelare in carcere e così è stato condotto ad Ancona. 







Pubblicato in Cronaca
Verrà posata mercoledì prossimo alle 15.30, a Sarnano, la prima pietra della scuola elementare resa inagibile dal terremoto che ha colpito il Centro Italia nel 2016. L'ANIA,  Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici, finanzierà la ricostruzione dell'edificio che ospiterà 150 bambini, con aule moderne e laboratori polivalenti e che rappresenterà un polo attrattivo per l’intera popolazione di Sarnano, con un’area per le attività extrascolastiche alle quali potranno accedere tutti i cittadini. 


IMG 20190721 WA0062

“Siamo a quattro - commenta il sindaco, Luca Piergentili - siamo arrivati alla fine e per Natale avremo tutte le scuole nuove. A tre anni dal sisma possiamo dire che a Sarnano abbiamo tutte le scuole migliori di prima.

ANIA è intervenuta già nel 2017, ha donato le somme al commissario che ha messo in moto tutto il procedimento di questa scuola”.







Alla  cerimonia parteciperanno la Presidente di ANIA, Maria Bianca Farina, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Vito Crimi, il Commissario Straordinario alla ricostruzione post sisma, Piero Farabollini, il sindaco di Sarnano, Luca Piergentili e altre autorità locali.




GS


Pubblicato in Cronaca


IMG 20190720 223618
Le luci del tramonto e gli applausi scroscianti del pubblico, hanno introdotto la sfilata delle squadre degli atenei di Sofia dalla Bulgaria, Zagreb dalla Croazia, Girne America dagli Stati Uniti d'America, Paris Dauphine, Artois, Lievin e Lorraine dalla Francia; Berlin, Munich, Goetting e Hamburg dalla Germania; Eindhovenof technology, Norvegian of Science and Technologydalla Norvegia;  Kozmininski, Rzeszow of technology, State School of Higher Education in Zamosc e Warsaw dalla Polonia; Porto dal Portogallo; Kazan, Mirea e Magnitogorosk dalla Russia; Neuchatel dalla Svizzera; Nisantasi dalla Turchia; Paltova dall'Ucraina; Nottingham Trent e University of Nottingham dal Regno Unito e Università di Camerino dall Italia. Dal palco i saluti del presidente del Cus Sfetano Belardinelli, del prorettore alla didattica di Unicam Luciano Barboni, del sindaco di Camerino Sandro Sborgia, del delegato Eusa Andrzei Hrehorowitz. Alla cerimonia sono intervenuti anche l'assessore regionale Angelo Sciapichetti, il prorettore di Unicam Andrea Spaterna, l'arcivescovo Francesco Massara, la vicesindaco di Camerino Lucia Jajani e, in rappresentanza della Polizia municipale e dell'Arma rispettivamente il maresciallo Cristiana Zampetti e il maresciallo capo Alberto Diamanti. Presente anche il sindaco di Fiastra Sauro Scaficchia a rappresentare l'Unione Montana Marca di Camerino.
Un lungo scambio di doni reciproco tra i vertici del Cus Camerino, il delegato Eusa, il sindaco di Camerino e le rappresentanze delle squadre, ha fatto da cornice agli interventi di Renato Di Napoli, presidente della federazione Italiana di tennis Tavolo, Francis Cirianni Consigliere Federale CUSI e membro del Comitato Esecutivo Eusa, Marcello Milani. Le note delll'inno europeo universitario Gaudeamus Igitur cantato dal coro universitario di Camerino hanno  siglato l'ammaina bandiera Eusa, sventolata insieme da Belardinelli e Hrehorowitz, introducendo alla consegna di diplomi e targhe. Quindi i riconoscimenti alle squadre terze classificate delle università Magnitogorosk della Russia, Zagreb della Croazia e Rzeszow e Zamosc della Polonia; medaglie d'argento alle compagini femminili di Nottingham dal Regno Unito e Magnitogorosk dalla Russia. Oro e trofeo per la squadra femmnile di Zamosc e maschile di Rzeszow dalla Polonia. Primo premio assoluto della 9 edizione dei Campionati Europei di Tennis, assegnato al team femminile dell'università russa di Kazan e, per il team maschile, alla Nisantasi University di Instabul Turchia.  
Due trofei, offerti da Massimo Paoloni di Banca Mediolanum Camerino, hanno raggiunto come premio speciale i migliori giocatori dell'evento  Ekaterina Okhotnichova e Ibrahim Gunduz. Nel doppio femminile, terze classificate Liu Haoyou- Yang Ruby della Nottingham Univerity e Basic Magdalena- Zajec Josipa dell'ateneo di Zagreb.
Medaglia d'argento invece all' accoppiata Carol Klara-Jazbec Ida della Zagreb University. Ad aggiudicarsi l'oro nel doppio femminile sono state le russe Ekaterina Gueseva ed Ekaterina Cherniavskaia della Magnitogorosk University. Podio nel doppio maschile conquistato al terzo posto da Ovchinnninov Egor- Tiutriumov Aleksandr dell'ateneo di Magnigotorosk e da Benneth Josh- Liu TianYuan dell'università di Nottingham. Argento ai secondi classificati Isakov Ilia-Shvets Kirill dell'università russa di Magnigotorosk. Oro infine alla coppia Chodorski  e Zavadskyj dell'università di Zamosc in Polonia.
Bronzo per gli individuali femmnili a Liu HaoYou dell'università di Nottingham e Liu Judith della Paris Dauphine; al secondo posto Shadrina Daria dell'ateneo di Kazan. Vincitrice dell'oro della gara individuale femminile Ekaterina Ocotnichova. La premiazione del torneo individuale maschile ha visto assegnare il bronzo a Slawomir Dosz della Gdansk University  e a Ihor Zavadski dell'ateneo di Zamosc. Argento al russo Tiutriumov Aleksandr dell'università Magnitogorosk e medaglia d'oro a Ibrahim Gunduz della Nisantasi University di Instanbul.
Riconoscimenti sono stati consegnati anche agli arbitri della Federazione  italiana di Tennis Tavolo Agagliati Renato, Bassani Roberto, Chezza Armando, Pastori Franco, Fracasso Sergio, Giuseppe Mongelli, Maurizio Pace, Lidio Palumbo, Maurizio Pencelli, Salvatore Tonelli, Daniele Vilona, Leonardo Vilona, Angelo Zampetti e Alberto Sabbatini. Applausi e ringraaziamenti anche per l'infaticabile team di volontari che, capitanato da Silvia Piscini, durante tutta la settimana ha accompagnato le varie attività dei 200 partecipanti al campionato europeo universitario di tennis tavolo.

A chiusura della serata, soddisfazione è stata espressa dal presidente del Cus Camerino Stefano Belardinelli: "E' stata una prova per tutti noi che veniamo da un duro momento segnato dagli eventi sismici - ha commentato- Nel 2004 avevamo organizzato i Campionati nazionali universitari, nel 2008 e 2015 i Campionati Europei di Volley e, in una fase delicata come l'attuale, non riuscivamo a comprendere bene come avrebbe potuto reagire tutta la macchina organizzativa. Abbiamo scelto uno sport che per il Cus Camerino rappresenta una tradizione storica che viene da don Mario Scuppa e dall'oratorio di San Venanzio, allorchè con il CSI fondammo la prima società sportiva; in realtà non ci mancava la sicurezza ma tutta l'organizzazione era comunque da riprovare.
Direi che l'apprezzamento e le congratulazioni dei vincitori che hanno confermato un'accoglienza di alto livello anche sul campo, complimentandosi per la bontà degli impianti sportivi, dei tavoli di gioco e dei campi- ha aggiunto- è la riprova che siamo in grado di mettere in piedi qualcosa di grande livello. Allo stesso tempo, il fatto che tutto sia andato bene, ci auguriamo sia indice di un buon accreditamento nei confronti della Federazione europea Eusa, in vista di future manifestazioni sportive internazionali da ospitarsi all'Università di Camerino, a cui noi teniamo molto.  Crediamo che abbiano un ritorno,che facciano conoscere il nostro ateneo e, consentano alla rete degli studenti universitari e degli Erasmus di stare insieme e condividere momenti di vita.Tutto questo, rappresenta il cuore centrale delle nostre azioni. Manifestazioni come questa rappresentano per noi un lavoro e un dovere; non li viviamo come delle pure feste anche se, lavorare per lo sport è anche una festa,perchèdiverte e ripaga di soddisfazioni. Per noi dirigenti è una passione, oltre che un dovere nei confronti dell'università;  nei compiti dell'università non rientrano solo ricerca e didattica ma anche servizi, competenze trasversali. Il rettore Claudio Pettinari ci ricorda sempre come la musica, la cultura e lo sport, siano parti fondamentali della crescita civica dei giovani e, per noi tutto questo rappresenta anche una "missione" prevista per statuto dal Cus Camerino e dallo stesso ateneo". 
C.C.
Pubblicato in Cronaca
Ha ceduto oltre 1.380 dosi di cocaina, pari a un chilo e mezzo, e ogni dose, da mezzo grammo in su, era venduta a 100 euro al grammo. Nei guai un 34enne di Morrovalle. 

Ora i Carabinieri del Reparto Operativo di Macerata, comandato dal tenente colonnello Walter Fava, lo hanno sottoposto all’obbligo di firma. L’indagato, dalle attività investigative svolte, aveva costituito una proficua e ampia rete di spaccio che comprendeva numerosi acquirenti dell’entroterra maceratese tra i 25 e i 40 anni, specializzandosi nel settore della cocaina. Lo stesso provvedeva personalmente alle cessioni, individuando sempre luoghi isolati, lontano da occhi indiscreti. I militari sono riusciti a ricostruire gran parte delle cessioni effettuate tra il gennaio 2012 e il settembre 2018, documentandone oltre 1.380, pari a oltre 1 kilo e mezzo di cocaina. Ogni dose partiva da mezzo grammo in su e veniva venduta al prezzo di 100 euro al grammo. Il morrovallese ha pertanto dimostrato una notevole capacità  di movimentare quantitativi di stupefacente rilevanti, tanto da portare la locale Procura della Repubblica ad avanzare una richiesta di custodia cautelare in carcere nei suoi confronti che però si è tradotta nella misura cautelare dell’obbligo di firma. Al riguardo, è da menzionare l’attività investigativa svolta dai Carabinieri di Soverato, ove l’indagato di Morrovalle è risultato essere uno dei terminali di spaccio di cocaina di una rete facente capo a soggetti contigui a un sodalizio calabrese. In particolare, il 24 giugno scorso, la Compagnia dei Carabinieri di Soverato ha arrestato 24 persone per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti aggravata dal metodo mafioso, in esecuzione di un’ordinanza emessa dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, a firma del Procuratore della Repubblica Nicola Gratteri, ove comunque l’indagato di Morrovalle non figurava tra i soggetti sottoposti al provvedimento restrittivo.
Pubblicato in Cronaca
Procedono a Camerino i lavori per la realizzazione del nuovo Centro di Ricerca CRU dell’università di Camerino il cui progetto si deve interamente ai docenti della Scuola di Architettura e design “ E. Vittoria” di Unicam.
Nella zona di  Madonna delle Carceri, alle complesse  opere di scavo e movimentazione terra avviate già da qualche tempo, in questi giorni si aggiunge l'arrivo delle betoniere per i lavori di gettata. Imponente tutta la macchina operativa di maestranze e mezzi, considerati i 6500 metri quadrati dell’area che verrà occupata dalla struttura.
IMG 20190719 120500
L'edificio, cofinanziato dalla Regione Marche tramite fondi della Protezione Civile,una volta realizzato ospiterà 44 laboratori di ricerca e altrettanti uffici, sale studio e un’aula per conferenze. All’interno del nuovo polo internazionale per la ricerca e l’innovazione, la cui struttura sarà isolata sismicamente per garantire un elevatissimo livello di protezione dei laboratori in considerazione delle delicate attività che vi si svolgeranno, la  collaborazione già avviata tra Unicam e CNR, ISPRA, INFN, renderà possibile la promozione di progetti di ricerca in ambito europeo.
“ Una struttura che abbiamo desiderato con tutto l’animo, già immediatamente dopo gli eventi sismici del 2016- dichiara il rettore Claudio Pettinari-. Permetterà a tanti nostri studiosi di continuare a fare quella ricerca d’eccellenza che oggi ci ha premiati con risultati di livello europeo e,ampiamente dimostrati nell’ultimo periodo”.

CRU 2 
Soluzioni nel campo dei nuovi materiali, dell’agroalimentare, della salute e benessere, dell’edilizia sostenibile, del recupero e della valorizzazione dei beni culturali, attenzione sulle evoluzioni dello scenario mondiale nell’ambito delle smart cities, i temi di riferimento delle ricerche avanzate.

C.C. 

Pubblicato in Cronaca

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo