Notizie di cronaca nelle Marche
Mercoledì, 10 Luglio 2019 20:39

Vice sindaco Luconi si ribalta con l'auto

Brutto incidente questo pomeriggio per la vice sindaco di Tolentino, Silvia Luconi.
È accaduto in contrada Paterno, intorno alle ore 18.45, per cause in corso di accertamento, nella strada comunale Sant’Angelo, all’altezza della ex scuola rurale.

Silvia Luconi è uscita di strada scontrandosi con una quercia posta a bordo strada, ribaltandosi su un lato.

Lei stessa ha allertato sia i soccorsi che il primo cittadino, subito intervenuto sul posto.

Sono intervenuti i vigili del fuoco e i sanitari del 118.

La vice sindaco è stata trasportata con l’eliambulanza all’ospedale regionale di Torrette.


Sul posto per gli accertamenti del caso gli agenti della Polizia Locale.

GS
Pubblicato in Cronaca
Mercoledì, 10 Luglio 2019 20:27

Incidente a Sfercia. Due feriti

Incidente intorno alle 20 a Sfercia.
A scontrarsi sono state due auto lungo la superstrada Valdichienti, all'altezza del'uscita per Camerino, in direzione monti.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno trasportato i due feriti lievi al pronto soccorso.
Per i rilievi, invece, la polizia stradale.


Pubblicato in Cronaca
Incrementare le attività turistiche sulle sponde del lago di Fiastra nel rispetto delle misure di sicurezza è l’obiettivo del Protocollo d’intesa firmato oggi da Enel e dal sindaco Scaficchia che potrà usufruire di ulteriori spazi di proprietà di Enel per adibirle a spiagge e aree pic-nic per i prossimi 5 anni.
Nuova linfa per il rilancio del turismo sulle sponde e nei dintorni del Lago di Fiastra grazie al protocollo firmato oggi da Enel e dal comune di Fiastra che potrà fruire di nuovi terreni situati intorno al bacino da adibire a spiaggia e spazi destinati ad area pic-nic, secondo le misure di sicurezza nell’ambito della gestione della diga e i regolamenti previsti dalla Regione Marche.
L’accordo rappresenta una importante occasione per l’incremento delle presenze turistiche sul territorio e per lo sviluppo economico e sostenibile dell’entroterra marchigiano soprattutto dopo gli eventi sismici dell’agosto 2016 che hanno colpito diversi comuni della provincia di Macerata e, in particolare, la zona di Fiastra, per la quale il lago rappresenta una risorsa naturistica e paesaggistica di assoluto valore.
La convenzione, della durata di 5 anni, garantirà sia all’Amministrazione comunale che all’imprenditoria locale di portare avanti progetti e piani di attività turistiche nel lungo periodo.I punti dell’accordo sono stati illustrati da Sauro Scaficchia sindaco di Fiastra, e da Angelo Guastadisegni, responsabile Enel Green Power Area Centro Sud.
Per noi Enel rappresenta la vita di questo comune sin dagli anni 50 – ha dichiarato il Sindaco Scaficchia – il rinnovo di questa convenzione ci permette di migliorare l’offerta turistica per cui questo territorio è da sempre vocata”.
Il lago di Fiastra, dalla capacità di oltre 19 milioni di metri cubi, rappresenta una importante risorsa del territorio - ha dichiarato Angelo Guastadisegni – non solo per la ricchezza dell’ambiente naturale e dell’attrattività turistica, ma anche perché garantisce, assieme all’invaso di Polverina, il funzionamento dell’impianto idroelettrico di Valcimarra (a maggiore potenza installata per Enel nella regione Marche) che annualmente produce  66,5 GWh di energia, in grado di soddisfare il fabbisogno energetico annuo di oltre 20.0000 famiglie. Con la firma dell’accordo, della durata di 5 anni, vogliamo contribuire, in un’ottica di sostenibilità  e vicinanza al territorio, al rilancio economico dei comuni colpiti dal sisma, valorizzando questi territori dal punto di vista ambientale, culturale e turistico”.













Pubblicato in Cultura e Spettacolo
Mercoledì, 10 Luglio 2019 16:22

Maltempo, la conta dei danni a San Severino

In tutta la provincia è partita già da stamattina la conta dei danni dopo il forte vento e l’acquazzone di ieri. Il maltempo non ha risparmiato nemmeno San Severino dove ha causato la caduta di rami e alberi su diverse strade comunali a causa delle forti raffiche di vento. Gli operai e gli addetti dell’ufficio manutenzione sono stati chiamati ad un superlavoro così come gli agenti della Polizia Locale. Alcuni pioppi sono caduti sulla sede stradale lungo la provinciale Berta Rambona mentre rami e alberi di acacia sono finiti sullastrada comunale che collega alla frazione di Pitino e sul tratto Pieve – Colmartino. Operazioni di rimozione di rami, infine, anche nel quartiere di San Michele.Le piogge, inoltre, hanno portato fango e detriti su alcune strade ma la situazione non ha causato particolari allarmi alla circolazione.













Pubblicato in Cronaca
Alberi abbattuti, capannoni distrutti, serre scoperchiate, danni ingenti alla colture di mais e girasole, all'ortofrutta. L’uragano che ieri pomeriggio si è abbattuto all’improvviso sulle Marche ha attraversato la regione da nord a sud lasciando dietro di sé una scia di devastazione nelle campagne. Soprattutto sulla costa, ma danni ingenti sono stati registrati anche nelle aree collinari. Più contenuti i disagi nell’area montana.

cipolla.jfif

A lanciare l'allarme è la Coldiretti: "Dall’inizio dell’anno - scrive in una nota - , in Italia, sono stati registrati oltre 2 eventi meteorologici straordinari e distruttivi al giorno tra grandinate, trombe d’aria, nubifragi e tempeste di neve. Fenomeni in aumento del 12% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno secondo una rielaborazione di Coldiretti Marche su dati Eswd. L’evento di ieri arriva al termine di un giugno dal caldo record che ha registrato temperature di due gradi superiore rispetto alla media degli ultimi 20 anni, a sua volta anticipato dal maggio freddo e piovoso. Una situazione disastrosa soprattutto nelle province di Ancona e Macerata".

“Siamo in piena fase emergenziale – denuncia Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche - poiché nelle campagne della nostra regione lo scenario è apocalittico. I danni riscontrati sono ingenti e hanno colpito in maniera trasversale tutte le province e ogni tipologia di realtà produttiva, dai frutteti agli oliveti, dalle aziende zootecniche a quelle a seminativi, senza risparmiare le strutture di vivai ed agriturismi. La nostra agricoltura sta vivendo delle ore di indicibile difficoltà con la compromissione non solo del raccolto di stagione ma di tutte le attività future. È necessario che venga richiesto lo stato di calamità e che ogni organo di competenza si adoperi affinché nessuno degli imprenditori e dei cittadini colpiti rimanga solo”.

L’area più colpita è quella del Conero dove tra Osimo, Numana, Castelfidardo e Camerano si sono registrati danni ingenti alle colture da orto come meloni e pomodori (già in ritardo per via del freddo di maggio) ma anche alberi abbattuti. In zona Coppo, a Sirolo, sono rimasti a terra olivi secolari e querce. A Filottrano la furia del vento ha scoperchiato diverse serre. In Vallesina danni negli orti, ad albicocchi e peschi. A Monte San Vito la caduta di alberi ha danneggiate le coperture di serre. Nel Maceratese, tra Recanati e Porto Recanati, interi campi di mais e girasole sono rimasti allettati dopo il passaggio della burrasca che ha anche distrutto un capannone agricolo.

GS
Pubblicato in Cronaca
Sono 40 gli accessi nei cantieri dell’area del cratere svolti dal gruppo interforze, dal giorno della sua costituzione ad oggi.
A renderlo noto è la Prefettura di Macerata dopo una riunione allargata, su impulso del Direttore della Struttura di Missione Antimafia Sisma, alla quale hanno partecipato il Prefetto Carmine Valente, il Prefetto di Macerata Iolanda Rolli, i dirigenti della Struttura di Missione, i vertici delle locali Forze di Polizia e i componenti del gruppo interforze.

Sono state analizzate situazioni di comune interesse riferite a società operanti sul territorio della provincia di Macerata nella continua ricerca del controllo delle infiltrazioni mafiose negli appalti per la ricostruzione nelle zone colpite dal sisma del 2016.

Sono stati verificati, inoltre, gli esiti degli ultimi accessi effettuati dal gruppo interforze e sono state programmate ulteriori visite ai cantieri della ricostruzione.

GS
Pubblicato in Cronaca
“Siamo estremamente felici di accogliere ed ospitare la prima tappa di RisorgiMarche 2019 a Poggio San Romualdo, all’interno del nostro Parco”.
Queste le parole del direttore del Parco Naturale Regionale Gola della Rossa e di Frasassi, Massimiliano Scotti. 
“Come per altre tappe, l’evento è caratterizzato da un'attenzione elevata verso la minimizzazione degli impatti e la marcata sostenibilità. L’attenzione degli organizzatori rispetto all’ambiente è massima, ne abbiamo già avuto prova e lo abbiamo potuto constatare negli incontri organizzativi che si sono svolti e nella qualità della documentazione scientifica presentata a supporto dell'iniziativa. Anche il Comitato Tecnico Scientifico del Parco, chiamato ad esprimersi in situazioni simili, ha apprezzato gli sforzi dell’organizzazione,
segno di una consapevolezza sempre maggiore da parte di tutti nei confronti delle risorse naturali che sono beni preziosi, da utilizzare ma anche da restituire ai nostri figli e nipoti, perché possano goderne con attenzione, rispetto e sensibilità - sottolinea Il direttore del Parco - .
Siamo certi che i cittadini sapranno vivere la musica e la natura in modo consapevole, con gioia e rispetto. Proprio perché RisorgiMarche è un momento di entusiasmoemozione e senso di comunità. E’ nel camminare insieme nella natura, godendo di quello che abbiamo attorno a noi, e stando insieme con la musica ed artisti di fama internazionale, che si ritrova l’unione e la volontà di far rinascere la nostra terra, capita dal terremoto, con un’anima più forte, consapevole e viva".

GS
Pubblicato in Cronaca
Con l’inizio della stagione estiva e del divertimento dei giovani, sempre alla ricerca di feste e attività, soprattutto lungo la costa, torna l’attenzione al problema dell’alcool e delle droghe.

“Alza la testa...non il gomito”, il progetto attuato dalla Cooperativa Sociale PARS “Pio Carosi” Onlus, in collaborazione con il Dipartimento per le Dipendenze patologiche dell’Area Vasta 3 di Civitanova Marche, scende in campo anche quest’anno.

Una idea volta alla prevenzione del disagio giovanile, nei diversi contesti di svago. Si rivolge a tutti i giovani che frequentano discoteche, pub, feste, lungomare della riviera marchigiana per informarli e sensibilizzarli riguardo i vari rischi legati all'uso e abuso di alcool e droghe.

               L’équipe che realizza le diverse iniziative è composta da “operatori di strada” della PARS che si confrontano con i giovani negli eventi estivi della zona e fuori dalle discoteche per spiegare i rischi ed i danni dell’uso ed abuso di alcool e droghe, scegliendo strategie comunicative efficaci e mirate per diffondere una cultura della prevenzione e promozione della salute.

            Negli stand allestiti, gli operatori interagiscono con i giovani somministrando test, offrendo opuscoli informativi, gadgets accattivanti ed originali, allestendo una piccola area relax all'interno dello stand e, soprattutto, offrendo la possibilità di effettuare il test dell’etilometro per esaminare il tasso alcolemico ed eventualmente valutare gli effetti subiti, al fine di dissuadere ad una eventuale guida in condizioni di rischio .

            “La realizzazione del progetto – spiegano - è resa possibile grazie alla sinergia fra operatori pubblici, operatori della Cooperativa Sociale, Amministrazioni Comunali delle località coinvolte e gestori dei locali , che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa”.

GS
Pubblicato in Cronaca
Controlli straordinari per reprimere i reati contro il patrimonio. Nella mattinata di ieri il Comando Compagnia di Macerata è stato impegnato in un’operazione finalizzata proprio a prevenire e reprimere reati contro il patrimonio, in particolare furti e rapine, nonché assicurare regolari spostamenti dei vacanzieri soprattutto sulle principali strade. Sono stati impiegati militari delle stazioni di Montefano e Montecassiano, e della Stazione di Macerata e del Nucleo operativo e radiomobile per la città di Macerata ed immediata periferia. Alo scopo di assicurare maggior dinamismo, è stata impiegata una pattuglia in moto della sezione Radiomobile che ha percorso anche le vie del centro.
Ad assicurare anche un controllo dall’ ”alto”, è intervenuto l’elicottero del 5° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Pescara che ha sorvolato la città di Macerata, l’immediata periferia e la zona di Sambucheto di Montecassiano, in particolare la statale Regina.
Nel corso del servizio, è stato eseguito anche un controllo presso abitazioni per verificare l’effettiva residenza degli occupanti, in particolare di extracomunitari, e vigilare su eventuali situazioni di sovraffollamento di persone all’interno di immobili, di concerto con personale della Polizia Locale di Macerata con cui vi è una sinergica collaborazione.
Sono stati impiegati 10 uomini, controllati 50 utenti e 47 veicoli nonché elevate alcune contravvenzioni al C.d.S.

I controlli proseguiranno per l’intero arco estivo.
Pubblicato in Cronaca
“Mi commossi quando mi dissero che sarei diventato vescovo. In 25 anni la mia preoccupazione sono state le vocazioni e imparare ad essere padre”. Queste le parole del cardinale Edoardo Menichelli che ieri, nella chiesa della Madonna dei Lumi, ha celebrato la messa per i suoi 25 anni di episcopato. 

A nominare vescovo Sua Eminenza Menichelli è stato, 25 anni fa, san Giovanni Paolo II il 14 giugno 1994. La sua ordinazione avvenne nella basilica di Santa Maria Maggiore a Roma e il suo primo incarico fu quello di arcivescovo metropolita di Chieti-Vasto. L’8 gennaio del 2004 quello stesso pontefice lo trasferì alla diocesi di Ancona-Osimo e nel 2015, precisamente il 4 gennaio, papa Francesco lo ha nominato cardinale.

Presenti alla celebrazione il sindaco Rosa Piermattei e il vicesindaco Vanna Bianconi insieme all’assessore Tarcisio Antognozzi.

“In questo giorno - ha detto Menichelli nel corso della sua omelia - rivivo quanto successo il giorno della mia ordinazione, e medito anche su quanto successo in questi 25 anni. Prego perché il Signore dia a tanti altri, secondo la sua volontà, questa grazia particolare che è così piena di responsabilità. Mi commossi quando il cardinale Silvestrini mi disse che sarei diventato vescovo”. 

La crisi delle vocazioni, la cura spirituale delle persone, imparare ad essere un padre per i fedeli. Questi sono gli impegni e le preoccupazioni dell’episcopato di Menichelli. 

“Ciò che più impegna un Pastore - ha detto - è vivere in comunione con la Chiesa, sapere di dover parlare non di cose tue ma di cose di Gesù Cristo. Io non ho fatto miracoli per i malati e gli infermi ma c’è una guarigione spirituale per cui serve fede e pazienza di ascoltare chi ha dentro di sé delle ferite. Non ho mai comandato - ha aggiunto - ma sempre servito. Il vescovo deve imparare ad essere padre con l’aggravante che lui deve custodire tutto dentro di sé. Una delle preoccupazioni sono state le vocazioni. Perché una Chiesa che non è feconda non è una Chiesa”. Un ringraziamento anche e soprattutto alla famiglia che si è preso cura di lui in tutti questi anni: “Un vescovo ha bisogno di essere custodito e la salvaguardia più grande viene dalla mia famiglia. Se gli ho dato fastidio, se gli ho dato poco, gli chiedo perdono ma li ringrazio per avermi dato questa custodia”. 


Pubblicato in Cronaca

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo