Notizie di cronaca nelle Marche
Mercoledì, 03 Luglio 2019 12:33

Uomo muore in spiaggia

Si è sentito male mentre si trovava in spiaggia. Stava facendo un bagno. Nonostante i tentativi di essere rianimato è deceduto. È successo questa mattina a Porto Potenza allo chalet l’Ancora. Subito è stato soccorso da Alcune persone in spiaggia che nel frattempo hanno chiamato il 118 e Capitaneria di Porto. Per oltre mezz’ora i sanitari hanno tentato in ogni modo di rianimarlo ma per lui non c’è stato nulla da fare.
Si tratta di un 89enne di Cingoli e residente a Macerata. A stroncargli la vita pare sia stato un arresto cardiaco.
Pubblicato in Cronaca

Il Commissario per la ricostruzione risponde alle critiche sulla lentezza dovuta a quantità e ripartizione del personale sisma.

“Esorto Ceriscioli e Pezzanesi a rimboccarsi le maniche come fanno Commissario e Governo anziché rilanciare continuamente a beneficio dei media. Grazie alla semplificazione normativa ora in campo non c’è più spazio peri bluff: serve mettere le carte in tavola guardando allo stato dell’arte della ricostruzione per correggere e spingere ove necessario”.

Piero Farabollini, Commissario per il sisma 2016, a 24 ore dalla proroga per la presentazione dei progetti di ricostruzione per danni lievi risponde ad un nuovo attacco e lo fa con una nota sul sito del Governo, nella sezione riservata alla ricostruzione che riportiamo di seguito. Il presidente della Regione e il sindaco di Tolentino lamentano carenza di personale e ritardi nella convocazione dei sindaci per la ripartizione delle 200 unità aggiuntive previste dal DL 32 Sblocca Cantieri.

“Guardiamo ai dati che ci sono stati forniti dagli USR: mostrano come il collo di bottiglia è in primis la mancata presentazione delle pratiche, non la loro quantità rispetto al personale disponibile – spiega Farabollini– Prendiamo l’esempio di Tolentino che ha in dotazione 12 persone oltre al personale tecnico del comune.Su 2.158 domande attese ne sono state presentate solo 339: è circa il 18%, come dire che ogni risorsa sisma ha dovuto gestire dal 2017 ad oggi circa l’1,5% del totale presentato. Stando ai dati aggiornati a maggio 2019 ed in corso di elaborazione da parte della struttura commissariale, il tasso di carico pro capite attuale del personale sisma a Tolentino è di 11 pratiche di cui circa l’80% relativo a danni lievi. Non credo ci sia bisogno di dire altro se non un sonoro basta con le polemiche sterili. Ho inviato tre giorni fa una lettera anticipandola e si parla già di ritardo nella convocazione. Sapevano tutti che non avrei partecipato al comitato istituzionale perché ero in Prefettura per il tavolo antimafia della ricostruzione e a Muccia per l’inaugurazione della scuola donata dalla Fondazione Bocelli eppure si parla della mia assenza come fossi latitante– chiosa amaro il Commissario –Ceriscioli inoltre sapeva di non poter ipotizzare alcuna ripartizione del personale perché delle modalità non solo abbiamo parlato ai tavoli tecnici, ma sono imposte dal DL 32 che all’art. 22 recita testualmente: ‘Il Commissario Straordinario può autorizzare con proprio provvedimento gli uffici speciali per la ricostruzione ed i comuni a stipulare nei limiti previsti … fino a 200 unità complessive di personale di tipo tecnico o amministrativo-contabile da impiegare esclusivamente nei servizi necessari alla ricostruzione’ demandando (art. 23) ad ordinanza commissariale‘le modalità e i criteri per la regolamentazione’ dell’assegnazione di personale a quei comuni che intendano gestire la ricostruzione degli edifici con esito B, C ed E livello operativo L4. Insomma Governo e Parlamento, che ci hanno dato gli strumenti per snellire, lo hanno detto chiaro: no all’ utilizzo del personale sisma per rimpinguare gli staff di segreteria e razionalizzazione delle risorse in base alle effettive necessità, non alla mera ripartizione percentuale”.

GS

Pubblicato in Politica
Grande successo per la serata dedicata alla storia del cantapiccolo.
Oltre duemila persone si sono emozionate con le immagini che hanno raccontato alcuni dei momenti più belli delle passate edizioni di questa manifestazione che dal 1970 fino ai primi anni del 1990 ha fatto cantare intere generazioni di bambine e bambini.
In apertura di serata la prima sorpresa. Tante ex mini cantanti e coriste, oggi mamme e professioniste affermate, hanno riproposto la “storica” sigla del Cantapiccolo “Come Vorrei”. A rendere ancora più emozionante la loro esibizione il lancio di tanti coriandoli colorati.
Sul palco, nella prima parte della serata, i video sono stati alternati con le canzoni interpretate dal nuovo coro composto da oltre 100 bambine e bambini provenienti da tutto il maceratese, diretti magistralmente dal Maestro Tiziana Muzi che, in tempi record, ha insegnato loro ben dieci canzoni del repertorio dello Zecchino d’Oro tra cui anche “L’anisello Nunù” interpretato dalla piccola Nicole Marzaroli. Entrambi i cori sono stati accompagnati dal vivo.
Ospite d’onore la delegazione arrivata da Isola d’Istria e che per tanti anni ha partecipato alla manifestazione sia con i solisti che con un coro, gemellata dagli anni ’80 con Tolentino, guidata dal sindaco Danilo Markocic, dal vicesindaco Agnese Babic e formata tra gli altri dalle giornaliste Rita Burzio, Claudia Raspolic e da Lorena Babic.
Sul palcoscenico, a presentare la serata, Patrizia Ginobili e Luca Romagnoli, mentre in platea per le interviste, Gabriella Accoramboni e Carla Passacantando.

Nella seconda parte tanti applausi coinvolgimento pieno del pubblico con l’esibizione di Cristina D’avena che ha fatto cantare intere generazioni, interpretando diverse sigle dei cartoni animati televisivi. 
Al termine della serata Edoardo Mattioli ha ricordato che da diversi anni si stava pensando, soprattutto su sollecitazione di tantissime persone, di organizzare una serata dedicata al Cantapiccolo, “una sorta di edizione zero – ha detto - che facesse ripartire la complessa macchina organizzativa, cominciando a pensare a un coro e successivamente al concorso di canzoni inedite per bambini. Intanto – ha dichiarato soddisfatto – abbiamo proposto questa serata per celebrare più di ventiquattro anni di storia con la partecipazione di Cristina D’avena. Una serata particolarmente gradita dal pubblico delle grandi occasioni che si è molto divertito e che ha accomunato intere famiglie nel nome del Cantapiccolo”. 

GS
Pubblicato in Cultura e Spettacolo
Il maresciallo maggiore Decio Bianchi è stato riconfermato alla guida dell’Associazione Nazionale Carabinieri di San Severino Marche. A dieci anni dall’apertura della sezione Anc, i 120 soci hanno rinnovato la fiducia al presidente uscente. Fanno ingresso nell’associazioni anche volti nuovi, tra cui l’ultimo comandante della Stazione Carabinieri di San Severino Marche, il luogotenente Francesco Losurdo
Quest’anno il comandante della Polizia Municipale, commissario Sinobaldo Capaldi, e l’assessore comunale alla Sicurezza, Jacopo Orlandani, hanno rinnovato per un altro decennio la convenzione di collaborazione con l’Anc settempedana. Trenta soci volontari continueranno a vigilare all’uscita delle scuole ma anche in occasione di numerosi servizi da sempre svolti nel territorio comunale. Riconferma per chi guida questo gruppo, il carabiniere ausiliario Francesco Cicconi.

I carabinieri in congedo continueranno dunque ad essere presenti sia nelle manifestazioni di rappresentanza che nei servizi di viabilità e sorveglianza affiancando l’Arma in servizio del comandante Massimiliano Lucarelli e proseguiranno nel supporto fino ad oggi fornito anche alle altre forze dell’ordine.
Il presidente dell’Anc settempedana ha premiato di recente, in occasione della Festa dell’Arma, il comandante dei Carabinieri Forestali, Maurizio Simoncini, andato in pensione, e il comandante della Polizia Locale, Sinobaldo Capaldi, ormai prossimo al termine del servizio effettivo.
Pubblicato in Politica
Nonostante le difficoltà più volte dichiarate dal sindaco di Pieve Torina, Alessandro Gentilucci, in merito alla ricostruzione dei paesi colpiti dal sisma, e forse proprio per dare un segnale controcorrente e far toccare con mano l’ostinazione sua e dei sindaci perché il territorio dell’entroterra marchigiano non si trasformi in un deserto, hanno preso il via a Pieve Torina i primi lavori di ricostruzione post terremoto su edifici residenziali di pubblica proprietà, che porteranno diverse famiglie a riappropriarsi di una casa vera e propria abbandonando le SAE entro il prossimo mese di ottobre. “Sono circa 600 i concittadini che, oggi, vivono nelle cosiddette casette - sottolinea Gentilucci - situazione frutto dei disastrosi eventi che hanno devastato il nostro comune nel 2016 rendendo inagibile il 93% degli edifici privati e la totalità di quelli pubblici. Situazioni che vorremmo fossero davvero provvisorie ma che invece rischiano di trascinarsi per anni. Ecco perché, con determinazione e grande forza di volontà, ci siamo adoperati affinché si potessero attivare, in tempi relativamente brevi, tutte le procedure per il recupero strutturale mediante miglioramento sismico di una palazzina sita in via Marconi, a ridosso della SP 209, ed altre due dislocate nelle frazioni. Un primo passo sulla via della ricostruzione, per noi importante e fortemente significativo, proprio per dare un segno della nostra volontà di rimanere qui, di non abbandonare i luoghi in cui siamo nati e vissuti”. L’intervento, che riguarda un edificio di proprietà comunale di circa 340 mq di superficie complessiva distribuiti su due piani, è realizzato ai sensi dell’ordinanza del Commissario straordinario n° 27 del 9 giugno 2017, e prevede un importo dei lavori di 255 mila euro finanziato grazie ai contributi resi disponibili dallo Stato.

pieve torina 04
lavori al nido

“Non ci fermiamo qui” continua Gentilucci. “In questi giorni abbiamo dato il via ai lavori per la costruzione dell’asilo nido in via Betti, in un’area attigua alla scuola materna, con una struttura all’avanguardia che ingloberà nei suoi spazi anche alcuni alberi di un parco giochi. Si tratta di un progetto totalmente antisismico, a bassissimo consumo energetico e con soluzioni ecologiche, naturali e sostenibili. Per realizzare l’edificio, che dovrà avere anche una valenza di spazio civico aperto alla cittadinanza, abbiamo scelto una filosofia costruttiva positiva, che non prevede appunto l’abbattimento di alberi ma che anzi ne valorizza la funzione perché, come diceva Herman Hesse, «gli alberi sono santuari, e chi sa parlarci, chi riesce ad ascoltarli, conosce la verità».”
Intanto si è partiti con la messa in sicurezza delle alberature presenti e lo smontaggio e rimozione delle infrastrutture ed arredi. Il cantiere poi proseguirà con una tempistica che prevede la conclusione dell’intervento, finanziato totalmente con fondi privati, entro un paio di anni.
“Il nostro impegno, come amministrazione, è quello di creare le condizioni perché Pieve Torina possa resistere al disastro che le è piombato addosso. Di certo è difficile coltivare la speranza in un contesto cittadino che è ancora contorniato di rovine e dove, a parte qualche rara eccezione, non è praticamente partito nulla in termini di ricostruzione a più di due anni e mezzo dal sisma. Se il sistema pubblico nel suo complesso non si attiverà finalmente con un processo virtuoso, arriveremo al paradosso di avere edifici scolastici nuovi e all’avanguardia ma vuoti, perché non si raggiungerà il numero minimo di studenti per garantirne la sopravvivenza. Lotterò con tutte le mie forze per scongiurare questo pericolo”.

pieve torina 01
lavori in Via Marconi

Pubblicato in Politica
Praticamente illeso per miracolo l'ex sindaco di Matelica, Alessandro Delpriori, che nella notte ha avuto un incidente in autostrada. Lui stesso lo ha raccontato sul suo profilo facebook per rassicurare sulle sue condizioni di salute. Prima il tamponamento con una macchina per un colpo di sonno, poi la sosta per effettuare le pratiche e un camion ha colpito l'altra auto che ha preso a sua volta quella di Delpriori.  "Ho avuto un incidente spaventoso - ha scritto su Facebook -. Mi sono addormentato in autostrada (cioè, penso, nel senso che non mi sono accorto di niente) e ho tamponato una macchina (il conducente non si è fatto nulla). Mentre eravamo sul lato della strada, fuori dalle macchine è passato un camion che ha preso in pieno l’altra auto sbattendola contro la mia. Sto bene, non mi sono fatto nulla se non un livido per la cinta. Mi sono spaventato tantissimo, ma sto bene. Grazie a tutti quelli che mi hanno chiesto e che mi chiedono. Fa piacere".
Pubblicato in Cronaca
Un malore venerdì mattino mentre si stava prepara per andare a lavorare. Subito erano intervenuti i soccorsi che l’avevano portata all’ospedale di Camerino, nel reparto di rianimazione ma non si è più ripresa. Se n’è andata ieri nel tardo pomeriggio, Simonetta Barbini, nello sconforto della città, ma prima i suoi familiari hanno acconsentito all’espianto degli organi, così come lei stessa avrebbe voluto. Barbini era molto conosciuta non solo a San Severino ma nel territorio provinciale per essere un membro molto attivo del comitato per la difesa dell’ospedale Bartolomeo Eustachio e per tutte le battaglie che negli anni aveva portato avanti. Anche negli ultimi mesi era impegnata nell’organizzazione di una manifestazione insieme ad altri comitati della provincia.
Simonetta aveva 55 anni e lascia un figlio, due nipotine, il papà, un fratello e una sorella. 
I funerali si svolgeranno domani alle 15:00 nella chiesa di San Domenico a San Severino.
Pubblicato in Cronaca
È stato provvedenziale l’intervento di un infermiere civitanovese. Dopo un quarto d’ora di manovre per rianimarlo è riuscito a salvare un bimbo di 4 anni. È successo nel pomeriggio di ieri nella piscina di Trodica di Morrovalle. Il bimbo si è tuffato in acqua ma non è riuscito a riemergere ed è andato in arresto respiratorio. Un infermiere che era lì, insieme ad un’altra
donna, subito Hanno iniziato a praticare le manovre per fargli riprendere il regolare respiro in attesa dell’arrivo del 118. Poi il bimbo è stato trasferito al Salesi di Ancona in ambulanza. Sul posto anche i carabinieri.
Pubblicato in Cronaca
Lunedì, 01 Luglio 2019 09:57

Eliambulanza per un pilota di motocross

Stava gareggiando al crossodromo di Esanatoglia quando ha perso il controllo della sua moto ed è caduto. È successo ieri ad un pilota di moto da cross sulla 50ina che è stato subito soccorso dai sanitari del 118. Per precauzione è stato chiesto l’intervento dell’eliambulanza per trasferire l’uomo a Torrette di Ancona m le sue condizioni non destano preoccupazione. Pare abbia riportato qualche escoriazione e dei lievi traumi. 
Pubblicato in Cronaca

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo