Notizie di cronaca nelle Marche
Diventa operativo l'incremento di posti da 10 a 15 nel centro Diurno Alzheimer di Camerino  ampliando  di fatto del 50% i posti convenzionati disponibili nella struttura sociosanitaria che fa capo all’Ambito Territoriale Sociale 18.
Soddisfatto del risultato raggiunto il presidente dell' ATS, Alessandro Gentilucci: "Abbiamo aggiunto un altro tassello importante per l’assistenza alle persone che soffrono di disturbi cognitivi ed alle loro famiglie. Un provvedimento atteso che ora trova la sua piena attuazione con l’ampliamento del 50% dei posti convenzionati nel Centro diurno Alzheimer e disturbi cognitivi di Camerino”. Il centro, che serve tutto il distretto camerte, oltre ad essere l'unico presente è anche unico nel suo genere avendo un'organizzazione fortemente orientata alla riabilitazione, in rete con l'Associazione nazionale Alzheimer e con le migliori esperienze europee. “Potremo rispondere in tal modo anche alle persone in lista di attesa – prosegue Gentilucci - ma, soprattutto, continuare nell’opera di assistenza e riabilitazione tenendo conto dell’incidenza che ha la popolazione anziana nel nostro territorio. È importante, dunque, garantire questo tipo di servizi che fanno il paio con le altre iniziative che, come Ambito Territoriale Sociale, stiamo portando avanti: penso, ad esempio, al progetto Probiosenior sull’alimentazione, realizzato in collaborazione con l’Università di Camerino, che coinvolge circa 150 anziani e la cui sperimentazione ha interessato anche qualche ospite del Centro diurno Alzheimer”.
cc. 




Pubblicato in Cronaca
Paura lungo la superstrada Valdichienti per l'autista di un furgone telonato che viaggiava in direzione monti.
Erano circa le 11 quando, per cause in corso di accertamento, l'autista ha perso il controllo del mezzo che è finito sulla scarpata, poco prima dello svincolo di Belforte del Chienti.
Illeso il conducente che, dopo essere sceso dal furgone, ha avvertito i vigili del fuoco e le forze dell'ordine.
Sul posto i vigili del fuoco per la messa in sicurezza del mezzo, i carabinieri di Tolentino per la gestione del traffico e i sanitari del 118 in via precauzionale per l'autista.
Rallentamenti lungo la corsia.

GS

48d9ac44 fa53 4186 a265 d6630b4b6a45

a3873559 d637 4bf5 a7a6 612dfd5c7e11

36b629a6 a415 49ee 8e4f d9ecf11bc463

1850e6d9 cc76 4893 959d 60e261fd0e75
Pubblicato in Cronaca
Sabato, 26 Settembre 2020 08:32

Maltempo abbatte una quercia allo stadio Luzi

Tra i danni causati dal maltempo che ieri sera si è abbattuto in provincia anche una quercia secolare abbattuta all'ingresso della biglietteria dello stadio universitario Livio Luzi di Camerino.
Le forti raffiche di vento unite alla pioggia hanno sradicato la pianta caduta sulla strada dove spesso si trovano parcheggiate le auto dei genitori che accompagnano i figli agli allenamenti.
Ma quello di Camerino non è di certo l'unico danno causato dal maltempo: nel tardo pomeriggio di ieri i vigili del fuoco hanno ricevuto decine di chiamate per interventi simili di rami e alberi caduti sulle strade, intervenendo da Macerata a Tolentino, San Severino, Civitanova e Corridonia.

GS

38c52896 07af 43d7 8c36 9afdfbc06ee6

812e6c1c d74a 439c 90bd a68b35954536
Pubblicato in Cronaca
Lutto nella Lega SPI del Sindacato Italiano Pensionati della CGIL di Matelica. Dopo un percorso di malattia concluso all''Hospice di San Sevrino Marche, all'età di 69 anni è deceduto il Segretario Lindo Morichetti. Lascia la madre ultranovantenne, che abitava con lui a Valfornace e due fratelli.
Cordoglio è stato espresso dal segretario Generale SPI-Cgil Macerata Stefano Tordini , secondo il quale la perdita di Lindo Morichetti " lascia un vuoto incolmabile nella CGIL del territorio montano, in piena zona del cratere, dove Lindo si è sempre prodigato con ogni mezzo ed azione per soccorrere prima e sostenere ed assistere poi, le famiglie terremotate: dalla consegna e
raccolta dei beni di prima necessità da distribuire alle famiglie costrette all’inagibilità dai
propri immobili raccolti dal sindacato fino all'assistenza e disbrigo quotidiano delle pratiche di Patronato (insieme con gli altri collaboratori della CGIL) girando e presidiando quelle zone con il camper dell’Ufficio Mobile".

Lindo B
Nel tracciare il suo ricordo, il Segretario Stefano Tordini sottolinea che Lindo Morichetti era "molto benvoluto proprio per questa sua disponibilità quotidiana, accompagnata dal sorriso e da parole di saggezza, ma con un carattere forte e determinato, era tornato da tempo nella sua terra d’origine dopo aver girato molto quale operatore della Saipem nelle piattaforme off-shore per la ricerca e l’estrazione del greggio e del metano. Già durante il lavoro era stato iscritto ed attivo all’interno dell’ attuale Filctem-CGIL, scelta poi conferma nel momento della messa in quiescenza, quando ha aderito allo SPI-CGIL.
All’interno del Sindacato Pensionati- continua Tordini-  si è messo subito in evidenza ed a disposizione, ricoprendo incarichi all’interno del Direttivo della Lega di Matelica, fino a divenirne il
Segretario dal 26/09/2018, incarico che ricopriva tuttora presidiando un’ampia zona montana come, Matelica, Esanatoglia, Gagliole, Castelraimondo, Camerino, Muccia e San Severino Marche. Un impegno straordinario l’ha coinvolto in maniera temeraria e continua, la costruzione fino all’inaugurazione della nuova sede della CGIL di Camerino avvenuta il 18 aprile 2019, una delle sua massima soddisfazioni.
I funerali verranno celebrati domani nella Chiesa del Comune di Valfornace, località Zona
Commerciale alle ore 15.00.
La Segreteria provinciale dello SPI di Macerata, i Segretari di Lega, lo SPI Regionale, la Segreteria della CGIL di Macerata, e la CGIL tutta, salutano con dolore questo prezioso dirigente nella certezza del suo ricordo".
c.c.
Pubblicato in Cronaca
Venerdì, 25 Settembre 2020 18:35

A Camerino, una domenica "A cavallo nella Marca"

Molto intensa e ricca si prospetta a Camerino l'intera giornata di domenica 27 settembre.  La novità assoluta è nell'iniziativa  “A cavallo nella Marca”, grazie alla quale il medioevo tornerà ad essere protagonista attraverso la quintana e, nel rigoroso rispetto delle prescrizioni anti-covid, alla partecipazione di circa 50 figuranti. Un progetto che è nato da una fattiva collaborazione che ha riunito insieme Associazione Corsa alla Spada e Palio, Giacche Verdi della Protezione civile a cavallo, Comune di Camerino e Pro Loco.
“ Come Corsa alla Spada – spiega la presidente dell’associazione Stefania Scuri- abbiamo pensato di agganciare un gruppo di giovani fantini che corrono in maniera semiprofessionistica per manifestazioni di quintane e giostre all’Anello a Foligno e Ascoli Piceno, così da far nascere anche a Camerino un progetto che trovi la sua massima espressione a maggio in occasione dei festeggiamenti legati al patrono- continua Stefania Scuri-. Vorremmo infatti creare un gruppo di ragazzi che si appassionino a questo progetto, così da poter dar vita a Camerino allo spettacolo della giostra all’anello, in modo da arricchire il cartellone delle dieci giornate di festa in onore di San Venanzio.
La centralità per la Corsa alla Spada- sottolinea- chiaramente è quella della Corsa e dunque del gesto atletico dei nostri 30 corridori, tuttavia, perché non creare anche qui da noi uno spettacolo che da altre parti muove tante presenze. Crediamo che potrebbe essere una bella occasione per far uscire ancora una volta il nome della Corsa alla Spada al di fuori del territorio comunale. Nata questa bella collaborazione alla quale si è aggiunta anche una positiva sinergia con la Pro Loco e il Comune, abbiamo dunque intrecciato una serie di inziative che avranno avvio la mattina di domenica con la partenza a cavallo da Pioraco lungo il percorso dell’Intagliata per arrivare a Camerino. Coloro che non vanno a cavallo, grazie alla sezione di Camerino della Marca dell’Archeoclub, avranno la possibilità di visitare Rocca Varano; inoltre, alle ore 10.30 l’amministrazione comunale inaugurerà la nuova area giochi di “Sotto le piante”. Nel pomeriggio un’altra bella attrattiva sarà la dimostrazione equestre di corsa all’anello che si terrà negli impianti sportivi in località Le Calvie. In sostanza, non sarà una vera e propria ‘quintana’ ma una rappresentazione della stessa, terminata la quale l'associazione Corsa alla spada premierà  i bambini che a maggio hanno partecipato al contest ” La corsa alla spada che vorrei”. Dai bambini sono uscite anche delle belle idee che speriamo di poter mettere in concreto nel calendario della nostra rievocazione storica. A seguire  ci sarà uno spettacolo equestre in chiave moderna, offerto dalle Giacche verdi della protezione civile a cavallo.
c.c.

Pubblicato in Cronaca
Continua a tenere banco a Matelica la questione relativa alla discarica, di recente sollevata anche dal gruppo di minoranza consiliare "Per Matelica", che per voce del suo capogruppo Alessandro Del Priori chiede l'organizzazione di un'assemblea pubblica per portare la cittadinanza a conoscenza delle scelte che al riguardo l'amministrazione comunale intende adottare.

"Si tratta - dichiara il capogruppo Del Priori - di una questione piuttosto complicata che deve essere spiegata ai cittadini ai quali bisogna anche far capire quali sono i passaggi amministrativi che servono per l'approvazione del piano provinciale delle discariche. Ecco il motivo principale per cui si rende necessario fare un'assemblea pubblica in cui la maggioranza spieghi quali sono le decisioni prese e i passaggi che occorre fare".

Sono anni, per la precisione dal 2015, che il piano provinciale dei rifiuti viene discusso, come ricorda lo stesso Del Priori. "Negli anni in cui ero sindaco della città - continua - avevo proposto una mozione che serviva per evitare la termovalorizzazione dei rifiuti e un nuovo inceneritore. Questo significava dover realizzare una nuova discarica per rifiuti, oltre a quella di Cingoli, ma non farla a Matelica. Un territorio come il nostro, vocato al turismo e alla valorizzazione del verdicchio, non si può permettere di ospitare una discarica. L'amministrazione comunale ha tutti gli strumenti per farlo e noi vogliamo che ciò sia al primo posto nel dibattito politico".

f.u.
Pubblicato in Cronaca
Un allevatore di Cingoli è finito nei guai per detenzione di specie protette. A seguito di un controllo avvenuto nei giorni scorsi nell'allevamento di avifauna dell'uomo, i Carabinieri Forestali dei Nuclei Carabinieri CITES di Fermo ed Ancona, hanno accertato la detenzione di 10 esemplari di fringillidi particolarmente protetti dalla normativa nazionale in quanto inclusi nella Convenzione di Berna.

Gli esemplari, detenuti all’interno delle voliere dell’allevamento, nello specifico 7 cardellini (Carduelis carduelis)e 3 lucherini (Spinus spinus), risultavano privi dell’anello inamovibile comprovante la nascita in cattività degli animali.

Accertata inoltre l’assenza di qualsivoglia documentazione attestante la regolare detenzione, i militari hanno provveduto a sequestrare gli animali che, come prevede la normativa vigente in materia, sono stati immediatamente rilasciati in natura.

L’allevatore è stato denunciato per i reati previsti dagli articoli 30 comma 1 lett b) ed h) della Legge 157/1992 che prevedono sanzioni contravvenzionali punibili con l’arresto fino a otto mesi e ammenda.

Rinvenuti, sequestrati e rilasciati in natura anche 4 esemplari di merlo (Turdus merula), specie appartenente alla fauna cacciabile, anch’essi sprovvisti di anello inamovibile.

Proseguono i controlli dei Nuclei CITES delle Marche, per il contrasto ai traffici di specie protette e contro il maltrattamento degli animali.
c.c.
Pubblicato in Cronaca
Dal 4 al 10 ottobre, in contemporanea con la settimana mondiale dello spazio World Space week a Camerino si terrà la terza edizione di Galassica, il Festival dell’Astronomia, promosso dall’associazione marchigiana Nemesis Planetarium e realizzato quest’anno in collaborazione con l’Università di Camerino.
Per tutta la settimana, oltre agli spazi, l’ateneo metterà a disposizione anche le competenze dei propri ricercatori. “Spazio all’umanità” il tema dell’edizione 2020 che si terrà sia in presenza che sul web e con la collaborazione delle Scuole di Bioscienze, Medicina Veterinaria e Scienze e Tecnologie, unite alla risorsa del Museo delle Scienze dell’Università di Camerino.. Obiettivi e dettagli sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa con gli interventi del Rettore dell’Università di Camerino Claudio Pettinari, della presidente di Nemesis Planetarium Molisella Lattanzi e del sindaco di Camerino Sandro Sborgia.
IMG 20200925 154013

Non potevamo non esserci perché questo ateneo è anche il posto di Galassica - ha detto il rettoreClaudio Pettinari -. Nel cortile del Museo di Unicam c’è già una postazione del Planetarium ed è nostra intenzione sviluppare e ampliare ulteriormente quel progetto. Parole come spazio, posti, umanità e universo, sono fortemente legate. E l’universo e l’università: per sapere dove andare, dobbiamo capire da dove veniamo, sapere bene cosa è successo, dove, come, quando e, fondamentale è capire cosa sta avvenendo e come l'universo si sta trasformando. Un festival come Galassica dunque ci aiuta a sognare. L’emergenza Covid non ci permette purtroppo di riempire tutti i giorni il planetario come vorremmo; faremo comunque delle attività in presenza e online. Anzi, questa possibilità di intervenire dalla piattaforma digitale credo che in alcuni casi potrà rappresentare una risorsa, in quanto avvicinerà persone che si trovano in luoghi molto distanti da qui.” Il rettore ha quindi posto in evidenza l’importanza di fare sistema per fa crescere le comunità. "Riuniti in questo evento saranno tanti attori con i quali abbiamo già in atto delle collaborazioni. E’ questa la bellezza dell’università: riuscire a fare sistema mettendo insieme tanti personaggi, accomunati dall’unico interesse di fare il bene comune. Ed è quello che fa Galassica, dallo spazio all’umanità, dallo spazio al tempo. Continuiamo a sognare, a guardare le stelle e ad immaginare un futuro migliore “ha concluso Pettinari.

La parola è quindi passata alla dott.ssa Molisella Lattanzi presidente dell’associazione di astronomi Nemesis Planetarium che ha sede a Civitanova Marche.
“Lavoriamo su tutto il territorio e siamo grati ad Unicam per la disponibilità a supportarci nel promuovere la diffusione della scienza. Questo è quello che fa l’associazione ed è per questo che tra le altre cose abbiamo creato anche Galassica, Festival itinerante che dopo le precedenti edizioni di Macerata e Recanati, quest’anno si terrà a Camerino. Obiettivo del Festival Galassica è avvicinare pubblico più o meno generico ad alcuni temi e ambiti di sviluppo sui quali in realtà stiamo già lavorando- ha spiegato-. Non si tratta infatti del futuro che verrà, ma del presente, per cui nostri partners tecnologici sono il Distretto aerospaziale della Puglia, L’Istituto Italiano per il futuro, l’Inaf, istituto nazionale di astrofisica, l’Onu e il distaccamento Onu di tutti i giovani laureati in diverse discipline che lavorano nello spazio. L’idea è quella di avvicinare il pubblico a quello che si sta facendo nello spazio. Ma lo spazio non è solo la Nasa né solo le agenzie spaziali: è invece un ambito lavorativo a cui i nostri giovani neo laureati o post-doc si stanno assolutamente già dedicando. Quindi, è il nostro terreno di oggi e non solo di domani. Altro aspetto che Galassia sviluppa, quello della divulgazione scientifica, ormai diventato un ambito ben strutturato dove ci sono figure professionali che acquisiscono esperienza di volta in volta; uno slot sarà dedicato ad una serie di ricercatrici internazionali indiane che porteranno la loro testimonianza al festival e sarà proprio attraverso il vantaggio del web che ci sarà permesso di raggiungere un numero e una qualità di relatori di un certo spessore che magari avrebbero avuto difficoltà a venire nelle Marche. All’interno del Festival – ha aggiunto la presidente - una parte importante che riproponiamo anche questa volta è quella dedicata ai bambini che avrà svolgimento in presenza ogni pomeriggio e per tutta la settimana nel cortile di San Domenico con l’aiuto del Museo di Unicam,, mentre ulteriori attività didattiche verranno fatte on line. Per queste attività avremo il supporto di gruppi di associazioni che si muovono in tutta Italia e che fanno divulgazione nei propri territori di provenienza. I momenti di approfondimento su temi più specifici saranno curati dai docenti Unicam e da enti di ricerca . Il festival si concluderà sabato 10 ottobre con l’attrattiva di Lercio e la lettura di una significativa poesia di Rebecca Elson, astrofisica canadese prematuramente scomparsa. Una poesia toccante attraverso la quale Galassica lancerà il suo messaggio. Crediamo nel tema “spazio all'umanità” e- ha concluso Molisella Lattanzi- il protagonista di questo festival è principalmente l’umanità, nella sua capacità e nella sua volontà di cogliere l’opportunità che la natura ci offre, in quella dimensione leggermente più alta e sopra alle nostre teste, che resta ed è comunque natura”.
Nel sottolineare il ruolo della scienza nel riuscire a farci toccare con mano anche quello che potrebbe sembrare irraggiungibile, il sindaco Sandro Sborgia ha citato una frase del filosofo Immanuel Kant “ Due cose destano in me perenne meraviglia: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me”. Per rappresentare spazio e umanità, io credo che non vi sia pensiero più significativo-ha detto-. Penso che oltre ad un momento di conoscenza e approfondimento su quello che ci circonda, un appuntamento come Galassica possa essere anche un’occasione di riflessione, un elemento di introspezione sul senso della vita,, sull’uomo e sulla meraviglia del creato che ci circonda ”.
c.c.
Pubblicato in Cronaca
Controlli a tappeto a Macerata da parte degli agenti della Polizia Locale e dei carabinieri nella “notte della movida” che anima ogni giovedì la città capoluogo di provincia.

Una serie di controlli a tutela del territorio, disposti dal prefetto Flavio Ferdani, che hanno condotto all’identificazione di circa 200 persone, di cui 26 sono state sanzionate per inosservanza delle misure disposte per il contenimento del Coronavirus.

Le forze dell’ordine hanno, inoltre, multato per eccesso di velocità due automobilisti che sfrecciavano a bordo delle rispettive auto lungo la circonvallazione cittadina.

f.u.
Pubblicato in Cronaca
Le ripercussione dell’emergenza sanitaria sul comparto moda - calzature e sull’economia del territorio e la necessità si investire nel digitale per sopravvivere alle crisi.
Questo il tema al centro dell'incontro che si è svolto questa mattina in Confindustria con i rappresentati dei settori.

Negli ultimi 6 mesi, senza precedenti è stata la contrazione dei valori produttivi e del fatturato stimato  a – 35%, con la decisa e  analoga flessione sul fronte dei consumi interni e dell’export

La spesa delle famiglie è scesa del -30%, nonostante l’impennata degli acquisti online (+42%) dovuta alla chiusura dei negozi durante il lockdown.

Nelle Marche si sono perse nell’ultimo semestre 63 aziende dell’area Calzature-pelletterie e nello stesso periodo si è registrato un incremento della Cassa integrazione pari a +412% (da notare che la  Toscana ha raggiunto + 3080%)

La ripartenza, dopo l’allentamento delle misure restrittive, procede con molta  fatica: gli acquisti degli Italiani restano in frenata (-29% in quantità a maggio e -7% a giugno) e l’export, dopo il crollo del bimestre marzo-aprile (-50%), ha fatto segnare un -27% in volume nei due mesi successivi.

Le aspettative per la seconda parte dell’anno – stante anche la risalita dei contagi in molti Paesi in cui sembrava che la diffusione del virus stesse progressivamente scemando, – non possono che essere improntate all’incertezza e alla cautela,  si teme che saranno ancora molto lunghi i tempi per il ritorno a livelli di attività “normali”.

Da un’indagine di Confindustria Moda si rileva che quasi tre aziende su quattro (73,5%) hanno dovuto rivedere, a causa della pandemia, il piano degli investimenti previsti. Alla domanda relativa alle previsioni circa l’andamento del fatturato nell’intero 2020 rispetto all’anno precedente – nell’ipotesi che la situazione sanitaria non subisca in autunno ulteriori peggioramenti – la metà dei calzaturieri interpellati     ha indicato un calo compreso tra il -20 e il -50%.

Il Micam concluso l’altro ieri a Milano con una presenza di espositori dimezzata a 500 unità con 84 aziende marchigiane di cui 30 maceratesi,  come molti temevano non ha purtroppo dato indicazioni significative per via della prevista carenza di visitatori ad eccezione degli italiani e di alcuni europei.

Non molto diverse sono state le sorti delle altre due manifestazione concomitanti MIPEL per la pelletteria e “Lineapelle” per fondi e accessori calzature che ha visto complessivamente la presenza di altre 30 marchi regionali di cui la metà provenienti dalla provincia.

"Si è  confermata - si legge nella nota di Confindustria - , anche con questa esperienza,  la necessità di sviluppare urgentemente  ed in modo strutturale anche altri strumenti  che consentano alle imprese di  facilitare i contatti con la clientela,  come gli Show Room digitali e le piattaforme B2B e B2C , come già proposto con  il Micam Digital Show.

Se vogliamo sopravvivere e sviluppare le nostre imprese e il nostro made in Italy  diventa oggi urgente ed imprescindibile ricorrere alle opportunità che l’economia digitale ci sta proponendo già da alcuni anni.

Altri comparti manifatturieri stanno facendo passi da gigante in questa direzione, il nostro settore, per ragioni anagrafiche,   culturali e strutturali purtroppo stenta.

Dobbiamo vincere pigrizia e pregiudizi consapevoli che le reti digitali e internet, possono rendere più performanti le nostre organizzazioni, i processi produttivi e in moltissimi casi possono garantire e migliorare, o  anche sostituire,  il tradizionale approccio fisico con il cliente".

Chiara quindi la richiesta alle istituzioni: "E’ necessario avviare insieme un piano strutturato e condiviso  di rilancio del comparto calzaturiero  marchigiano". 

Confindustria Macerata, su impulso del nostro Presidente Domenico Guzzini, ha avviato un progetto teso a spingere sulla digitalizzazione delle nostre imprese attraverso processi di  affiancamento aziendale e con la recente costituzione proprio a Macerata di un Hub Digitale destinato a sostenere PMI e start-up.


Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 15

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo