Stampa questa pagina

Camerino, torna dopo 8 anni il premio Ugo Betti

Giovedì, 21 Aprile 2016 11:25 | Letto 1173 volte   Clicca per ascolare il testo Camerino, torna dopo 8 anni il premio Ugo Betti “L’autore teatrale: dalla tradizione dialettale alla scena 2.0” è il titolo del convegno organizzato dal Comune di Camerino, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata, in occasione dell’edizione 2016 del Premio Ugo Betti per la drammaturgia e in programma venerdì 29 aprile alle ore 17.30 nella Sala consiliare del Palazzo comunale Bongiovanni. Si tratta dell’appuntamento che farà da apripista alla cerimonia di consegna del premio. “Un premio – ha affermato il sindaco Pasqui – che abbiamo voluto fortemente riproporre dopo la decisione presa nel 2008 di sospenderlo. Il pensiero di riprovarci e della lacuna che lasciava non ci ha mai abbandonati e così, grazie allaiuto dei collaboratori comunali e della illustre giuria siamo riusciti a formulare una nuova proposta. Il budget ha dovuto fare i conti con i tempi che corrono ed è stato nettamente ridotto, ma l’elevato numero di partecipanti è la dimostrazione di quanto fosse importante tornare ad organizzare questo premio. È un regalo che insieme vogliamo fare alla cultura e alla città”. Venerdì 29, dopo i saluti del sindaco, Fabio Macedoni, autore, tratterà il tema “Dal teatro dialettale al dialetto che si fa teatro”, Francesca Chiusaroli, docente dell’Università degli studi di Macerata, relazionerà su “La brevità nella lingua in diacronia”, mentre Maria Laura Pierucci, docente dell’Università degli studi di Macerata, parlerà di “Teatro nel web fra lingua standard e dialetto. Un approfondimento su #teatroinduebattute”. Moderatore del convegno sarà Pierfrancesco Giannangeli, direttore del Premio Ugo Betti. A seguire la giuria della XVI edizione, composta da Marco De Marinis (presidente), Gilberto Santini, Massimo Marino e dallo stesso Giannangeli, proclamerà il vincitore del Premio Ugo Betti per la drammaturgia. In conclusione  proiezione di un lavoro curato delle classi terze A/B della scuola primaria - plesso Ugo Betti di Camerino - dal titolo “Ugo Betti. La poesia racconta momenti di vita…  e descrive il nostro territorio”.

“L’autore teatrale: dalla tradizione dialettale alla scena 2.0” è il titolo del convegno organizzato dal Comune di Camerino, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata, in occasione dell’edizione 2016 del Premio Ugo Betti per la drammaturgia e in programma venerdì 29 aprile alle ore 17.30 nella Sala consiliare del Palazzo comunale Bongiovanni.

Si tratta dell’appuntamento che farà da apripista alla cerimonia di consegna del premio. “Un premio – ha affermato il sindaco Pasqui – che abbiamo voluto fortemente riproporre dopo la decisione presa nel 2008 di sospenderlo. Il pensiero di riprovarci e della lacuna che lasciava non ci ha mai abbandonati e così, grazie all'aiuto dei collaboratori comunali e della illustre giuria siamo riusciti a formulare una nuova proposta. Il budget ha dovuto fare i conti con i tempi che corrono ed è stato nettamente ridotto, ma l’elevato numero di partecipanti è la dimostrazione di quanto fosse importante tornare ad organizzare questo premio. È un regalo che insieme vogliamo fare alla cultura e alla città”.

Venerdì 29, dopo i saluti del sindaco, Fabio Macedoni, autore, tratterà il tema “Dal teatro dialettale al dialetto che si fa teatro”, Francesca Chiusaroli, docente dell’Università degli studi di Macerata, relazionerà su “La brevità nella lingua in diacronia”, mentre Maria Laura Pierucci, docente dell’Università degli studi di Macerata, parlerà di “Teatro nel web fra lingua standard e dialetto. Un approfondimento su #teatroinduebattute”. Moderatore del convegno sarà Pierfrancesco Giannangeli, direttore del Premio Ugo Betti.

A seguire la giuria della XVI edizione, composta da Marco De Marinis (presidente), Gilberto Santini, Massimo Marino e dallo stesso Giannangeli, proclamerà il vincitore del Premio Ugo Betti per la drammaturgia.

In conclusione  proiezione di un lavoro curato delle classi terze A/B della scuola primaria - plesso Ugo Betti di Camerino - dal titolo “Ugo Betti. La poesia racconta momenti di vita…  e descrive il nostro territorio”.

Letto 1173 volte

Clicca per ascolare il testo