POLITEAMA banner beethoven 1022x200
Notizie di spettacolo nelle Marche
Chiamato direttamente in causa dalla protesta organizzata contro le classi pollaio da alcuni genitori di Sarnano, che hanno organizzato un sit in con relativi striscioni davanti all'istituto che ospita le elementari, il sindaco Luca Piergentili non ci sta , visto che non può assolutamente parlarsi di classe pollaio".

"Non vedo alcun motivo per cui debba essere chiamata in causa l'amministrazione comunale - incalza il primo cittadino - che come suo compito istituzionale ha quello di fornire locali adeguati per la scuola. Pertanto alla richiesta del Provveditorato e della dirigente scolastica abbiamo fornito due soluzioni per ospitare una classe di 24 alunni. La prima ospitarli nell'aula in precedenza adibita a laboratorio di scienze nella nuova scuola, soluzione scelta dalla dirigente quale aula per la seconda classe, e l'altra possibilità quella di un'aula nel nuovo asilo donato dalla Protezione civile del Friuli".

Non ha dubbi il sindaco sul fatto che l'aula sia assolutamente idonea. "Non solo - prosegue - Poichè i genitori lamentano il fatto che l'aula in questione sia troppo grande abbiamo già acquistato materiale fono assorbente che in questa classe non era presente e non appena ci sarà consegnato provvederemo ad istallarlo".

Nuon vuole comunque sentir parlare di classe pollaio, come detto, il sindaco che precisa come "dal punto di vista formale mi ero già recato all'Ufficio Scolastico Regionale, ma la richiesta non è stata accolta dall'autorità competente. Concludo dicendo che ero stato invitato a partecipare soltanto con una telefonata nella mattinata di giovedì, mentre la richietsa del sit in era giunta lunedì mattino senza alcun invito, e come amministrazione comunale non abbiamo nulla da rimproverarci, anche perchè la richiesta di sdoppiamento della classe è già stata presentata all'Ufficio Scolastico competente".


aula
Pubblicato in Cronaca
Spiragli che si aprono a Camerino sul nuovo carcere. L’istituto penitenziario, come noto, è stato chiuso dopo il sisma del 2016, che ha pesantemente danneggiato l’edificio. Un canale è stato riaperto dall’amministrazione Sborgia con il Ministero della Giustizia per la delocalizzazione e la ricostruzione dell’edificio.

“Fin dal momento del nostro insediamento – precisa il sindaco – abbiamo ripreso un’interlocuzione con il Ministero della Giustizia per quanto riguarda la delocalizzazione e la ricostruzione del nostro carcere. Colloqui e incontri avuti con il sottosegretario Giorgis, che ha la delega per l’edilizia penitenziaria, con cui abbiamo ripreso un discorso che era stato interrotto. Inoltre abbiamo provveduto alla trasmissione della documentazione necessaria per la ripresa di un lavoro che avrà come punti di riferimento lo studio di fattibilità e, successivamente, l’approvazione della delocalizzazione del carcere. Della questione è stato investito anche il Commissario alla Ricostruzione Legnini, che si è dimostrato particolarmente sensibile alla questione. L’obiettivo è quello di far sì che il carcere di Camerino, che era tra i piccoli carceri che nei provvedimenti del Ministero sarebbe destinato alla chiusura, possa al contrario risorgere e, quindi, tornare ad esercitare un servizio importante per l’intera regione”.



f.u.
Pubblicato in Cronaca
Recuperare il ritardo accumulato con un piano di indirizzo con direttive e azioni per le strutture sanitarie in prima linea nella lotta al Covid-19. È l’obiettivo della delibera adottata dalla Giunta regionale che rafforza le misure strategiche previste dal Piano pandemico regionale per contrastare la diffusione del coronavirus.

“È un primo atto di indirizzo che racchiude sia una visione strategica sia gli interventi approntati dal nuovo esecutivo nelle prime due settimane di attività – afferma il presidente Francesco Acquaroli – Stiamo lavorando per potenziare l’assistenza territoriale e domiciliare e presto arriverà un secondo atto in questo senso. Il mio pensiero in questo momento non è solo rivolto al rischio della pandemia – aggiunge il presidente – ma anche a tutti coloro che se la situazione peggiorerà non potranno essere curati, a tutti coloro che hanno paura di non essere assistiti, ai più deboli, ai più fragili e alle categorie a rischio. Lo abbiamo detto, il problema non sono le scuole, non sono le attività sportive, non sono i ristoranti o le palestre. Il problema esiste nella fragilità del sistema sanitario, della medicina del territorio, della medicina della prevenzione e nel trasporto pubblico locale. E proprio perché consapevoli di queste fragilità, l’unico strumento che abbiamo è cercare di prevenire il più possibile, riducendo le occasioni di contagio e i comportamenti che possono favorirlo”.

Le misure previste dal Piano strategico, spiega l’assessore alla Sanità, Filippo Saltamartini, “sono di natura emergenziale e straordinaria. Si rendono necessarie e inderogabili a causa del rapido diffondersi dell’epidemia da Covid-19 sul territorio regionale. Hanno pertanto validità temporanea, fino alla risoluzione delle criticità, ma sono essenziali in questa fase di ripresa del contagio. Siamo al lavoro per implementare le reti sanitarie e territoriali, l’arrivo in ospedale deve avvenire solo quando necessario”. Dai dati riportati nel Piano pandemico, risulta che il rapporto positivi/testati è passato dal 9,7% (12-18 ottobre) al 14,35% (19-25 ottobre). L’incidenza media al giorno da 141 casi (12-18 ottobre) a 216 (19-25 ottobre). L’indice Rt per la valutazione del rischio da 1,45 (5-11 ottobre) a 1,55 (12-18 ottobre).

L’assessore sottolinea, inoltre, che “abbiamo constatato, alla data del 21 ottobre 2020, che i posti letto in terapia intensiva risultavano 120, ponendo le Marche in 17a posizione rispetto alle dotazioni delle altre Regioni. Si sono registrati ritardi nella copertura dei 105 posti di terapia intensiva già autorizzati dal Governo e si è dovuto quindi avviare l’utilizzazione di parte della struttura allestita presso la Fiera di Civitanova, constatata la carenza attuale di posti letto”.

Nel piano di indirizzo deliberato dalla Giunta, sono numerose le azioni programmate e messe in campo dalla Regione per il controllo della curva pandemia e la gestione delle necessità assistenziali che emergeranno in autunno-inverno. Prima di tutto quella di incrementare la dotazione giornaliera di tamponi (5000 molecolari, 1500 molecolari rapidi, 5500 antigenici rapidi), dotazione richiesta e confermata dal Commissario Arcuri. Il rafforzamento della campagna informativa e educazionale sui comportamenti corretti da assumere, l’implementazione del sistema informatizzato regionale di raccolta e aggregazione dei dati clinici ed epidemiologici, il tracciamento dei contatti e la sorveglianza sanitaria tramite i Dipartimenti di Prevenzione, che dovranno essere potenziati. Il potenziamento dell’attività vaccinale anti-influenzale per la quale, oltre alle già distribuite 294.300 dosi (rispetto alle 420.000 prenotate), sono state richieste al commissario ulteriori 310.000 dosi, l’implementazione dell’attività assistenziale sul territorio grazie anche alla dotazione di apparecchiature portatili per ecografie da effettuare sul territorio e anche a domicilio. La Regione sta lavorando per costituire delle centrali operative territoriali di coordinamento delle attività sanitarie e sociosanitarie ed anche per attivare un Numero Unico per le Emergenze. Si conferma inoltre la procedura agevolata per la prescrizione dematerializzata farmaceutica.

Non da ultimo, la Giunta è impegnata nel potenziamento della rete ospedaliera e dei posti di terapia intensiva, prima di tutto con la riattivazione del Covid Hospital di Civitanova, che rappresenta un elemento strategico per evitare quanto più possibile la promiscuità nei reparti ordinari, e poi per il reclutamento di ulteriore personale specializzato per cui si stanno mettendo in campo diverse iniziative.

Si procede inoltre alla riorganizzazione delle attività nelle strutture territoriali, anche per garantire nei Pronto Soccorso dei percorsi di separazione e percorsi di accesso dedicati per sospetti Covid-19. Nel piano approvato dalla Giunta anche la possibilità di rimodulare l’offerta ambulatoriale se sarà necessario, la revisione degli accordi con il privato accreditato, la necessità di prevedere scorte di Dispositivi di Protezione Individuale DPI, materiale sanitario e apparecchiature per almeno 5 mesi e altre iniziative come l’attivazione di strutture di tipo alberghiero finalizzare a rendere possibile le misure di isolamento sociale o di quarantena per chi ne avesse necessità ed anche le linee operative per gli istituti penitenziari.

Alla data del 30 ottobre 2020, rileva la deliberazione, in aggiunta ai 120 posti letto di terapia intensiva Covid, risultano attivi altri 44 posti letto, distribuiti tra il Covid Hospital di Civitanova (14), Torrette di Ancona (21), Marche Nord (6) e San Benedetto (3). L’eventuale urgenza di allargare la dotazione in terapia intensiva potrà essere garantita utilizzando la struttura Covid di Civitanova Marche (dotata di sei moduli dio 14 posti letto, per un totale di 84 p.l.).

Comunque, la Giunta Acquaroli ha avviato una riorganizzazione per incrementare la dotazione regionale di 105 posti letto per terapia intensiva e 107 di terapia sub intensiva. Sono stati inoltre previsti percorsi per pazienti Covid prioritariamente nelle strutture ospedaliere dove esiste un’Unità operativa di malattie infettive/terapia intensiva: ospedali di Pesaro, Ancona Torrette e Fermo. In queste strutture viene garantita la presa in carico completa del paziente, assicurando, contemporaneamente, le restanti attività assistenziali non procrastinabili. Il punto nascita dedicato Covid verrà gestito presso l’Azienda ospedaliera Marche Nord.

In caso di ulteriore peggioramento della pandemia sul territorio regionale è prevista la riorganizzazione dei percorsi dedicati presso le strutture ospedaliere di Senigallia/Jesi, Inrca di Ancona, Camerino/Civitanova e sezione distaccata di Macerata, San Benedetto del Tronto ed ex malattie infettive di Ascoli Piceno. In base all’ulteriore aumento delle necessità di ricovero è confermata la possibilità di attivare posti letto del privato accreditato a Villa dei Pini (Civitanova, per le acuzie), a Campofilone/Valdaso e Villa Fastiggi (Pesaro) per le post acuzie.

Ricoveri extra ospedalieri, per la durata dell’emergenza, saranno possibili presso le strutture di Fossombrone e Galantara (AV1), Chiaravalle (AV2) e Villa Maria di Fermo (AV4). Il Piano pandemico prevede, inoltre, il rafforzamento di alcuni servizi territoriali, come gli Usca e l’Assistenza domiciliare integrata, che necessitano di colmare la carenza degli equipaggi: sono state impartite direttive, attingendo nuove figure professionali (infermiere di comunità) e nuovi servizi (Centrale operativa regionale).
Pubblicato in Cronaca
Disturbava i vicini azionando una sirena in piena notte. Così un 54enne di Macerata, residente a Colleverde, è stato denunciato dalla polizia al termine di una perquisizione che ha permesso agli agenti di rinvenire nell’abitazione dell’indagato due sirene acustiche una delle quali di potenza pari a 110 decibel, collegata ad una centralina di allarme acquistata online, sirena che in origine era stata montata al di sotto  di un davanzale esterno della finestra della camera da letto.

Il sistema di allarme, collocato all’unico scopo di creare disturbo visto che era stato installato solo a protezione della camera da letto e non delle altre stanze, era anche dotato di due telecomandi per l’attivazione/disattivazione remota. Sul letto della camera dell’uomo sono stati anche rinvenuti e sequestrati anche due tappi per le orecchie che il predetto verosimilmente utilizzava per attenuare il forte suono della sirena che lui stesso attivava a suo piacimento con il telecomando.

Tutto il materiale rinvenuto è stato sequestro e posto a disposizione dell’A.G.

f.u.

Pubblicato in Cronaca

Un sit in di protesta davanti alla scuola elementare di Sarnano organizzato dalle famiglie per protestare contro le cosiddette classi pollaio.

“Eravamo un bel numero di genitori a manifestare davanti alla scuola con cartelli esplicativi sulla situazione che i nostri figli sono costretti a vivere in classe – spiega Fabbrizia Ramadori, rappresentante della classe 2à A – Si tratta, secondo noi, di una situazione insostenibile che speriamo venga presto risolta. Quello che ci attendiamo, però, è una risposta sia sulle classi pollaio sia sull’aspetto di questa classe, appunto la 2à A, tecnicamente inadeguata ad accogliere tutti i bambini”.

Una risposta al problema che tarda ad arrivare sia dall’amministrazione comunale sia dalle autorità scolastiche locali, provinciali e regionali.

5173D3D7 9EF9 4A20 9151 49A834AD1CD1


“Siamo tornati alla carica – continua la signora Ramadori – perché si tratta di una situazione ormai non più sostenibile che si protrae dall’ultimo anno della scuola dell’infanzia. Abbiamo inviato lettere al Ministero dell’Istruzione, all’Ufficio Scolastico provinciale e a quello regionale, ci siamo appellati alla nostra dirigente scolastica e al sindaco, ma finora non abbiamo ricevuto nessun sostegno e nessuna risposta al riguardo”.

Una protesta che sembra destinata a continuare considerato che, in assenza di risposte o soluzioni, gli stessi genitori minacciano il trasferimento dei propri figli in altre scuole di comuni limitrofi.

f.u.



PHOTO 2020 10 31 12 36 13
Pubblicato in Cronaca
Nel tardo pomeriggio di ieri i Carabinieri della compagnia di Camerino, insieme a quelli della compagnia di Bologna Borgo Panigale e della compagnia di Chieti eseguivano due provvedimenti cautelari emessi dal GIP del Tribunale di Macerata su richiesta della Procura locale.

Il provvedimento cautelare nasce dalle indagini coordinate dalla Procura di Macerata e condotte dai Carabinieri di Camerino che sono arrivati ad assumere concreti indizi di colpevolezza sul furto di un orologio Rolex commesso a Serravalle del Chienti nello scorso agosto ai danni di un settantenne del posto.

Il meccanismo era ben oliato: la coppia agiva con l’uomo in qualita’ di “palo” e “supporto”, mentre la donna, capace di scegliere con cura le proprie vittime, le abbracciava e scippava dopo averle avvicinate con banali scuse o simulando conoscenze.

Le indagini si sono concluse nel pomeriggio di ieri quando i destinatari delle due misure cautelari, una in carcere l’altra con obbligo di dimora, un uomo ed una donna di 27 e 29 anni, sono stati intercettati dopo un pedinamento effettuato dai Carabinieri di Camerino, in collaborazione con quelli di Bologna Borgo Panigale e Chieti. Nello specifico l’uomo è stato rintracciato a Chieti all’interno di un centro commerciale, la donna, ora in carcere, era invece in una struttura ricettiva di Bologna.

Red.
Pubblicato in Cronaca
Sabato, 31 Ottobre 2020 09:20

Vigili del Fuoco, interventi nella notte

Nella serata di ieri, i Vigili del fuoco sono intervenuti alle ore 20:30 circa a Corridonia per un incidente stradale: due le auto coinvolte.
Sul posto è intervenuta la squadra di Macerata, che ha messo le vetture coinvolte in sicurezza.
Presenti nel luogo dell'incidente anche i sanitari e i Carabinieri.

Più tardi, intorno alle 22, i Vigili del fuoco di Macerata sono nuovamente intervenuti a Montefiore di Recanati per l'incendio di un'auto lungo via Montefanese. La persona alla guida ha visto del fumo e ha accostato la vettura a lato strada.
La squadra sul posto ha spento l'incendio e messo l'auto in sicurezza. Nessuna persona coinvolta.

red.
Pubblicato in Cronaca
Giorni particolari per i fedeli il 1° e il 2 novembre, solennità di Ognissanti e commemorazione dei defunti. Giorni nei quali non soltanto si visitano tradizionalmente i cimiteri per una preghiera sulle tombe dei propri cari, ma anche momenti un cui la comunità cristiana si ritrova nelle chiese parrochiali per la celebrazione della messa.

Giorni che a Camerino coincidono anche con un momento altrettanto particolare, con diversi sacerdoti che, causa emergenza Covid, sono costretti a vivere ancora in isolamento fiduciario.

Nonostante ciò nella città ducale sono assicurate diverse celebrazioni, come ha predisposto il parroco don Marco Gentilucci insieme agli altri sacerdoti che servono la città.

Sabato 31 ottobre celebrazione di due messe, entrambe alle ore 18, nel centro di Comunità di Vallicelle e nella basilica di San Venanzio.

Domenica 1 novembre: ore 9.30 nel centro di Comunità San Paolo; ore 11.30 e 19 nella basilica di San Venanzio; ore 10.15 e 18 nel centro di Comunità di Vallicelle.

Lunedì 2 novembre: ore 9.30 centro di Comunità San Paolo; ore 11.30 basilica di San Venanzio; ore 17.00 - 17.30 - 18 nel centro di Comunità di Vallicelle.

Sono, invece, sospese le messe feriali nel centro di Comunità San Paolo e nella basilica di San Venanzio.


f.u.
Pubblicato in Cronaca
Nell’anniversario del 30 ottobre, a 4 anni di distanza dalla scossa di terremoto più distruttiva che ha sconvolto l’appennino umbro – marchigiano, in particolar modo il versante maceratese, il Commissario alla Ricostruzione Giovanni Legnini ha incontrato in video conferenza gli amministratori, le associazioni dei cittadini e la stampa per aggiornare sui dati della ricostruzione pubblica e privata, sulle recenti ordinanze emanate dalla struttura commissariale e per parlare di quanto c’è del pacchetto sisma nel Recovery Fund, con le richieste già presentate al premier Conte.

“I dati sono abbastanza incoraggianti, soprattutto dopo il cambiamento delle procedure avvenute con l’ordinanza 100, che ha richiesto anche un necessario tempo di adattamento”, ha esordito Legnini.

Numeri incoraggianti con 1871 pratiche per la riparazione o la ricostruzione degli edifici danneggiati dal sisma, che sono arrivati a ottenere il contributo e dunque in condizione di far partire i lavori. Nei soli quattro mesi tra fine giugno e il 26 ottobre sono terminate le opere in oltre mille cantieri, permettendo il rientro a casa di altrettante famiglie.

LEGNINI CONF 2


Presentate complessivamente nel corso dell’anno 2.578 richieste di contributo, delle quali 1.240 per i danni lievi e 1.338 per gli edifici con danni gravi. Le domande presentate, al 26 ottobre 2020, arrivano così a 14.641.  Per quanto riguarda la ricostruzione pubblica tra giugno ed ottobre sono stati avviati altri 106 interventi, sono stati affidati definitivamente 32 incarichi di progettazione e conclusi i lavori su altre 23 opere pubbliche, portando il totale a 109.

Il rischio di un blocco dell’attività, dovuto soprattutto alle limitazioni indotte dalle misure di contrasto alla pandemia non si è verificato. Si tratta di dati positivi – ha sottolineato il Commissario – tenuto conto del fatto che nel corso dell’anno sono cambiate radicalmente le procedure per la ricostruzione e sono state introdotte importanti novità normative, dalle tariffe professionali dell’equo compenso per i tecnici, al superbonus edilizio, che hanno avuto bisogno di tempo per essere assimilate dai professionisti ed entrare a regime”. Dati confortati anche dal flusso finanziario che si è prodotto con la Cassa Depositi e Prestiti che ha erogato 617 milioni di euro, giunti a professionisti ed imprese, dei quali 316 solo negli ultimi 10 mesi. “In questo periodo – conferma – siamo riusciti a raddoppiare l’erogazione dei fondi rispetto ai 3 anni precedenti. Un dato confortante per le positive attese future”.

L’acuirsi della pandemia non deve, però, rallentare l’impegno a proseguire sulla strada intrapresa. “Sarebbe in proposito auspicabile – ha affermato Legnini – che non rallentino le attività progettuali e quelle amministrative, che possono essere svolte anche in regime di smart working, e che i cantieri della ricostruzione possano comunque proseguire adottando le misure di sicurezza sanitaria necessarie”. Per agevolare queste attività sarà nuovamente riaperto il bando Inail per la concessione di contributi a fondo perduto alle imprese destinati alla sicurezza sanitaria nei cantieri, che ha ancora risorse non utilizzate.

Infine il capitolo macerie, sul quale il Commissario ha chiarito come “la competenza esclusiva per lo smaltimento è devoluta alla regione, senza che la struttura commissariale che inizierà ad occuparsi con la nuova ordinanza sulla ricostruzione pubblica attraverso l’istituzione di un fondo per la prosecuzione delle attività e assicurando supporto alle regioni per proseguire nell’opera di smaltimento. Inizia la grande partita dello smaltimento delle macerie private, che spetta ai proprietari, sia pure con la concessione di un contributo, anche se occorre garantire il monitoraggio del flusso delle macerie, della loro destinazione e dell’eventuale promozione di un’industria per il riuso di questi materiali. Un aspetto che, però, non riguarda le competenze della nostra struttura”.

f.u.
Pubblicato in Cronaca
Venerdì, 30 Ottobre 2020 14:10

Pasqui: "Le ferite ancora aperte del sisma"

Il 30 ottobre 2016 la scossa di terremoto più distruttiva che sconvolse l'intero entroterra montano maceratese, da Camerino a Visso, da Valdarola a Muccia, da Pieve Torina a Castelsantangelo sul Nera. A 4 anni di distanza Gianluca Pasqui, all'epoca sindaco di Camerino e oggi vice presidente del Consiglio Regionale, ricorda quel giorno, tracciando il punto di quanto fatto e di quanto ancora bisogna fare.

Quattro anni. Quattro anni da quando la vita di una comunità, di una città e di un intero territorio è cambiata per sempre.

Il ricordo di quel 30 ottobre è indelebile in ognuno di noi. Già profondamente provati dalle scosse del mercoledì precedente, quella domenica mattina siamo ripiombati nell'incubo.

In questi 4 anni sono tante le ferite ancora aperte: non si è riusciti a dare certezze a una popolazione martoriata e la situazione è stata aggravata da continue polemiche, rimpalli di responsabilità e inefficienze.

Ognuno di noi deve assumersi le proprie responsabilità e io per primo, quando ero sindaco di Camerino, me ne sono fatto carico. Di certo, possono essere stati commessi degli errori: il dono dell'infallibilità non è di questo mondo. Ma bisogna sempre fare attenzione quando si cerca di sfruttare una particolare situazione di difficoltà generale per farne un cavallo di battaglia per proprio tornaconto politico.

Proprio in queste ore, ad esempio, è tornata tristemente alla ribalta la questione dei furti nelle abitazioni inagibili del centro storico di Camerino. Ricordo come un cittadino che oggi siede fra i banchi della maggioranza consiliare, attaccò duramente l'amministrazione e il sindaco Pasqui per lo stesso identico motivo, attraverso un video che gli era stato inviato da un turista e che fece il giro dei social network.

Oggi, prendiamo amaramente atto del fatto che la situazione non solo non è cambiata ma è addirittura peggiorata, segno che le colpe non erano da addossare al sindaco Pasqui e alla sua amministrazione. Il sindaco Sborgia chiede un rafforzamento della presenza dell'esercito per arginare la recrudescenza dei fenomeni predatori: dopo un anno e mezzo di amministrazione, mi sembra il minimo e mi auguro che non si tratti soltanto di proclami tesi a tranquillizzare la popolazione.

La stessa, preoccupante situazione ho rilevato in merito all'ospedale di Camerino. Il giorno dopo il mio insediamento come vicepresidente del Consiglio regionale delle Marche ho incontrato medici e personale sanitario. Quando ero sindaco, ero cosciente del fatto che ci fossero delle grosse problematiche ma anche del fatto che la struttura fosse ancora operativa e “viva”. Dopo l'incontro del 20 ottobre mi sono invece reso conto che oggi l'ospedale di Camerino è una struttura devastata, dove mancano medici e infermieri, dove la professionalità di chi lì opera non viene adeguatamente valorizzata. Sarebbe facile oggi sparare a zero sull'attuale amministrazione e chiedere cosa è stato fatto in un anno e mezzo per tutelare l'ospedale e chi ci lavora.

Nello spirito costruttivo che ha da sempre caratterizzato il mio modo di essere e la mia visione della politica, mi metto ancora una volta a disposizione dei cittadini e offro la mia più piena collaborazione al sindaco e all'amministrazione comunale di Camerino per cercare di risolvere insieme le tante problematiche che ancora affliggono la città e il territorio e non far perdere la speranza di un futuro migliore alle nuove generazioni dell'entroterra.

f.u.
Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 12

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo