Stampa questa pagina

Il presidente Spacca riceve il cardinale Dziwisz

Venerdì, 09 Ottobre 2009 02:00 | Letto 914 volte   Clicca per ascolare il testo Il presidente Spacca riceve il cardinale Dziwisz Il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, ha ricevuto la visita del cardinale di Cracovia, Stanislaw Dziwisz. Il presule polacco era accompagnato da monsignor Edoardo Menichelli, arcivescovo di Ancona e Osimo. La sua presenza nelle Marche è legata alle celebrazioni per il decimo anniversario della visita di Giovanni Paolo II, in occasione del millenario della Cattedrale di San Ciriaco (Ancona) e al quindicesimo dellordinazione episcopale di monsignor Menichelli. Dziwisz è stato segretario particolare e amico di Giovanni Paolo II. Ha trascorso quarantanni accanto a Karol Wojtyla. La sua esperienza è stata raccontata nel libro autobiografico “Una vita con Karol”, che il cardinale ha donato al presidente Spacca. Il governatore ha ricambiato con un bassorilievo di Valeriano Trubbiani: unallegoria attraverso la quale lartista raffigura loperosità e vitalità marchigiana. Al cardinale è stato donato anche il libro, edito dalla Regione, “Marche, gente e terra”. Lincontro sì è svolto nella massima cordialità e in un clima di reciproca stima. (r.p.)

Il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, ha ricevuto la visita del cardinale di Cracovia, Stanislaw Dziwisz. Il presule polacco era accompagnato da monsignor Edoardo Menichelli, arcivescovo di Ancona e Osimo. La sua presenza nelle Marche è legata alle celebrazioni per il decimo anniversario della visita di Giovanni Paolo II, in occasione del millenario della Cattedrale di San Ciriaco (Ancona) e al quindicesimo dell'ordinazione episcopale di monsignor Menichelli. Dziwisz è stato segretario particolare e amico di Giovanni Paolo II. Ha trascorso quarant'anni accanto a Karol Wojtyla. La sua esperienza è stata raccontata nel libro autobiografico “Una vita con Karol”, che il cardinale ha donato al presidente Spacca. Il governatore ha ricambiato con un bassorilievo di Valeriano Trubbiani: un'allegoria attraverso la quale l'artista raffigura l'operosità e vitalità marchigiana. Al cardinale è stato donato anche il libro, edito dalla Regione, “Marche, gente e terra”. L'incontro sì è svolto nella massima cordialità e in un clima di reciproca stima. (r.p.)

Letto 914 volte

Clicca per ascolare il testo