Lezioni di Zafferano per rilanciare l'economia. Torna il corso di Coldiretti Macerata

scritto Venerdì, 22 Febbraio 2019

Lezioni" di zafferano, per dare opportunità di sviluppo economico alle aree interne terremotate e sostenere la crescita di una filiera locale. Una due giorni per imparare e  mettere in pratica tutti i segreti di una coltivazione che nelle Marche, particolarmente nella provincia di Macerata e nell’ascolano, ha fatto breccia presso molte aziende agricole. Il corso si terrà venerdì 5 e sabato 6 aprile nella sede di Coldiretti Macerata e, vista anche l’alta richiesta che arriva anche da fuori regione, le iscrizioni sono aperte fin da adesso. Una pianta ancora poco diffusa in Italia (si contano meno di 60 ettari in tutta la Penisola) la cui coltivazione è al centro di un interesse crescente, anche da parte delle aziende agricole che la vedano come una modalità per diversificare la produzione. Proprio in una di queste aziende si svolgerà la parte finale del corso con la visita allo zafferaneto e un confronto, dal vivo, con le tecnico di coltivazioneLa rusticità della pianta e la semplicità nelle tecniche di coltivazione ne fanno un prodotto adatto a diffondersi  non necessariamente solo nelle zone interne, ma anche nella media collina e con produzioni che raggiungono l'eccellenza. Nelle Marche sono una 50ina, tra aziende e hobbisti, a coltivare zafferano.

zafferano pistilli

“ Il nostro territorio – spiega il presidente di Coldiretti Macerata Francesco Fucili- storicamente è zona di produzione zafferano. Numerose ricerche dimostrano come nella Marca di Camerino e nella nostra provincia, così anche nell’ascolano, vi siano state già in passato delle importanti coltivazioni di zafferano poi destinate anche all'export e al mecenatismo.  Questa cultura è stata ripresa ai giorni nostri da qualche azienda e da molti hobbisti che – prosegue Fucili- da una parte, ne fanno anche una fonte di reddito in particolare le imprese agricole che riescono a produrre piccole superfici di zafferano. Ricordiamoci che per produrre lo zafferano non servono grandi estensioni di terreno, essendo sufficiente  per la coltivazione di questo tubero qualche fazzoletto di terra e tanta voglia di lavorare manualmente. Tutta la coltivazione infatti si svolge a mano dalla preparazione della semina al trapianto dei bulbi, fino all’estirpazione delle malerbe e alla raccolta manuale per poi lavorare questi fiori, estrarne i pistilli, essiccarli e destinarli dunque alla vendita e al consumo per prelibati piatti.  Proprio in ragione del crescente interesse, come Coldiretti da qualche anno stiamo organizzando dei corsi che si tengono sempre in primavera, con una parte teorica dove appunto agronomi e produttori spiegano le fasi di coltivazione, seguita da una parte pratica che è quella della visita allo zafferaneto, cioè un campo dove lo zafferano è già impiantato e sta crescendo. Il corso si ripropone con successo tutti gli anni e registra  sempre una richiesta crescente di adesioni. E curiosità finale, questo tipo di coltivazione riesce molto bene alle donne che, sempre più numerose non solo tra le imprenditrici agricole ma anche tra le ragazze che vi si dedicano part time, stanno ottenendo buoni risultati nella produzione della preziosa spezia".

Il corso avrà luogo nella sede della Coldiretti, in via dei Velini 14 a Macerata. 

C.C.

zafferano purissimo in fili

  Clicca per ascolare il testo Lezioni di Zafferano per rilanciare l'economia. Torna il corso di Coldiretti Macerata scritto Venerdì, 22 Febbraio 2019 “Lezioni di zafferano, per dare opportunità di sviluppo economico alle aree interne terremotate e sostenere la crescita di una filiera locale. Una due giorni per imparare e  mettere in pratica tutti i segreti di una coltivazione che nelle Marche, particolarmente nella provincia di Macerata e nell’ascolano, ha fatto breccia presso molte aziende agricole. Il corso si terrà venerdì 5 e sabato 6 aprile nella sede di Coldiretti Macerata e, vista anche l’alta richiesta che arriva anche da fuori regione, le iscrizioni sono aperte fin da adesso. Una pianta ancora poco diffusa in Italia (si contano meno di 60 ettari in tutta la Penisola) la cui coltivazione è al centro di un interesse crescente, anche da parte delle aziende agricole che la vedano come una modalità per diversificare la produzione. Proprio in una di queste aziende si svolgerà la parte finale del corso con la visita allo zafferaneto e un confronto, dal vivo, con le tecnico di coltivazione. La rusticità della pianta e la semplicità nelle tecniche di coltivazione ne fanno un prodotto adatto a diffondersi  non necessariamente solo nelle zone interne, ma anche nella media collina e con produzioni che raggiungono leccellenza. Nelle Marche sono una 50ina, tra aziende e hobbisti, a coltivare zafferano. “ Il nostro territorio – spiega il presidente di Coldiretti Macerata Francesco Fucili- storicamente è zona di produzione zafferano. Numerose ricerche dimostrano come nella Marca di Camerino e nella nostra provincia, così anche nell’ascolano, vi siano state già in passato delle importanti coltivazioni di zafferano poi destinate anche allexport e al mecenatismo.  Questa cultura è stata ripresa ai giorni nostri da qualche azienda e da molti hobbisti che – prosegue Fucili- da una parte, ne fanno anche una fonte di reddito in particolare le imprese agricole che riescono a produrre piccole superfici di zafferano. Ricordiamoci che per produrre lo zafferano non servono grandi estensioni di terreno, essendo sufficiente  per la coltivazione di questo tubero qualche fazzoletto di terra e tanta voglia di lavorare manualmente. Tutta la coltivazione infatti si svolge a mano dalla preparazione della semina al trapianto dei bulbi, fino all’estirpazione delle malerbe e alla raccolta manuale per poi lavorare questi fiori, estrarne i pistilli, essiccarli e destinarli dunque alla vendita e al consumo per prelibati piatti.  Proprio in ragione del crescente interesse, come Coldiretti da qualche anno stiamo organizzando dei corsi che si tengono sempre in primavera, con una parte teorica dove appunto agronomi e produttori spiegano le fasi di coltivazione, seguita da una parte pratica che è quella della visita allo zafferaneto, cioè un campo dove lo zafferano è già impiantato e sta crescendo. Il corso si ripropone con successo tutti gli anni e registra  sempre una richiesta crescente di adesioni. E curiosità finale, questo tipo di coltivazione riesce molto bene alle donne che, sempre più numerose non solo tra le imprenditrici agricole ma anche tra le ragazze che vi si dedicano part time, stanno ottenendo buoni risultati nella produzione della preziosa spezia. Il corso avrà luogo nella sede della Coldiretti, in via dei Velini 14 a Macerata.  C.C.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo