Anselmi elezionI M. s. martino

 

Con il ponte di maggio, torna "In cammino per Camerino".

scritto Mercoledì, 24 Aprile 2019

Ai nastri di partenza, la terza edizione di “In Cammino per Camerino – marcia solidale nelle Terre del sisma”. Un movimento nato dal basso, per far conoscere al resto d’Italia la bellezza  del fragile entroterra marchigiano e mantenere alta l’attenzionee sulle ferite. Il percorso ad anello, che attraversa sentieri lungo i boschi, strade di campagna e gole, si arricchisce quest’anno della nuova tappa di Valfornace.  L’obiettivo è quello di riscoprire luoghi ricchi di suggestione, a contatto diretto con realtà  ambientali e naturalistiche di straordinario pregio, sostenendo al tempo stesso la micro economia locale.

Nella foto losimana Francesca Pucci ideatrice di In cammino per Camerino

Il cammino si svolge nel ponte del primo Maggio, in concomitanza con la manifestazione camerte “Cortili in fiore”. Il percorso ad anello è di 85 km totali; si parte da San Severino Marche, per toccare di seguito Serrapetrona, Belforte del Chienti, Camporotondo di Fiastrone, Caldarola, Pievefavera, Pievebovigliana e raggiungere Camerino nella mattinata di sabato 4 maggio . Da qui, nel primo pomeriggio, simbolico sarà l’ultimo tratto di strada che da piazza Cavour, i camminatori potranno compiere insieme ai camerti, fino al Sottocorte village,  dove ci si potrà immergere nei colori di “ Cortili in fiore”;  la manifestazione che quest’anno ha per tema le farfalle,  sarà l’occasione per presentare le guide dei tre cammini che toccano la città ducale. Ideatrice e anima dell’evento “In cammino per Camerino” fin dalla primissima edizione è l’osimana Francesca Pucci:“ Tutto ha avuto inizio nel 2017, a seguito degli eventi sismici che hanno colpito le quattro regioni. Dalla mia proposta fatta ad alcuni amici con i quali condivido esperienze di cammino - spiega -,  è nata l’idea di portare vicinanza alle popolazioni terremotate e nel contempo, far prendere coscienza ad altri di quello che era avvenuto. A motivarmi ancora di più era stato il messaggio di una mia amica camerte che diceva: “Il terremoto ci ha tolto tutto, ma non ha spezzato  i valori dell'amicizia e della socialità. In pochissimo tempo siamo riusciti a costruire un percorso ad anello che includesse la maggior parte dei paesi intorno a Camerino. Lo abbiamo chiamato “In Cammino per Camerino”, con l’intento di arrivare in città  in concomitanza con la manifestazione Cortili in Fiore che sappiamo essere molto sentita dalla comunità. Il primo anno- continua Francesca Pucci-, grazie al passaparola, solo in un mese e mezzo abbiamo raggiunto i 130 partecipanti arrivati da tutte le regioni d’Italia; l’anno scorso, in poco più di tre settimane avevamo raggiunto i 150  e, la stessa cosa è successa per questa edizione che vede la partecipazione anche di alcuni irlandesi e,per la quale abbiamo deciso il numero massimo di 130 di partecipanti,  per non stressare troppo i paesi che vengono attraversati . Un gruppo dunque più coeso e compatto in quanto, vorremmo che il messaggio del cammino fosse anche quello di un turismo sostenibile con l’auspicio che possa convertirsi in un percorso da fare durante tutto l'anno”.

C.C.

  Clicca per ascolare il testo Con il ponte di maggio, torna "In cammino per Camerino". scritto Mercoledì, 24 Aprile 2019 Ai nastri di partenza, la terza edizione di “In Cammino per Camerino – marcia solidale nelle Terre del sisma”. Un movimento nato dal basso, per far conoscere al resto d’Italia la bellezza  del fragile entroterra marchigiano e mantenere alta l’attenzionee sulle ferite. Il percorso ad anello, che attraversa sentieri lungo i boschi, strade di campagna e gole, si arricchisce quest’anno della nuova tappa di Valfornace.  L’obiettivo è quello di riscoprire luoghi ricchi di suggestione, a contatto diretto con realtà  ambientali e naturalistiche di straordinario pregio, sostenendo al tempo stesso la micro economia locale. Il cammino si svolge nel ponte del primo Maggio, in concomitanza con la manifestazione camerte “Cortili in fiore”. Il percorso ad anello è di 85 km totali; si parte da San Severino Marche, per toccare di seguito Serrapetrona, Belforte del Chienti, Camporotondo di Fiastrone, Caldarola, Pievefavera, Pievebovigliana e raggiungere Camerino nella mattinata di sabato 4 maggio . Da qui, nel primo pomeriggio, simbolico sarà l’ultimo tratto di strada che da piazza Cavour, i camminatori potranno compiere insieme ai camerti, fino al Sottocorte village,  dove ci si potrà immergere nei colori di “ Cortili in fiore”;  la manifestazione che quest’anno ha per tema le farfalle,  sarà l’occasione per presentare le guide dei tre cammini che toccano la città ducale. Ideatrice e anima dell’evento “In cammino per Camerino” fin dalla primissima edizione è l’osimana Francesca Pucci:“ Tutto ha avuto inizio nel 2017, a seguito degli eventi sismici che hanno colpito le quattro regioni. Dalla mia proposta fatta ad alcuni amici con i quali condivido esperienze di cammino - spiega -,  è nata l’idea di portare vicinanza alle popolazioni terremotate e nel contempo, far prendere coscienza ad altri di quello che era avvenuto. A motivarmi ancora di più era stato il messaggio di una mia amica camerte che diceva: “Il terremoto ci ha tolto tutto, ma non ha spezzato  i valori dellamicizia e della socialità. In pochissimo tempo siamo riusciti a costruire un percorso ad anello che includesse la maggior parte dei paesi intorno a Camerino. Lo abbiamo chiamato “In Cammino per Camerino”, con l’intento di arrivare in città  in concomitanza con la manifestazione Cortili in Fiore che sappiamo essere molto sentita dalla comunità. Il primo anno- continua Francesca Pucci-, grazie al passaparola, solo in un mese e mezzo abbiamo raggiunto i 130 partecipanti arrivati da tutte le regioni d’Italia; l’anno scorso, in poco più di tre settimane avevamo raggiunto i 150  e, la stessa cosa è successa per questa edizione che vede la partecipazione anche di alcuni irlandesi e,per la quale abbiamo deciso il numero massimo di 130 di partecipanti,  per non stressare troppo i paesi che vengono attraversati . Un gruppo dunque più coeso e compatto in quanto, vorremmo che il messaggio del cammino fosse anche quello di un turismo sostenibile con l’auspicio che possa convertirsi in un percorso da fare durante tutto lanno”. C.C.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

  appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo