Notizie di economia nelle Marche

A Camerino, riapre i battenti da piazza San Domenico, la Cartoleria, rivendita giornali e merceria “Anna Maria”. Trascorsi circa due anni di attività nel piazzale del City Park, alle 7.30 di lunedì 1 ottobre, Anna Maria Monteneri rialzerà la serranda del suo storico negozio. Un ritorno alle origini, vissuto con tanta emozione e con lo stesso spirito grintoso che ha già caratterizzato lo spostamento di mobilio e articoli nella confortevole casetta di legno, da dove ogni giorno ha accolto col sorriso i suoi clienti. Ai tempi dell’emergenza e del dopo sisma, parole come provvisorio, temporaneo, definitivo, per commercianti e abitanti sono diventate concetti più che relativi. Si vive giorno per giorno, con la consapevolezza che le uniche parole che non debbono mai mancare all'appello sono forza, coraggio e resistenza. E’ con questo spirito guerriero e positivo, rinvigorito dalla bellissima esperienza vissuta con i suoi colleghi di lavoro al City Park, che Anna Maria riparte un’altra volta. Ultimati i piccoli lavori di sistemazione all’immobile che ospita i locali di piazza San Domenico, si è potuta rimettere in moto la catena del nuovo spostamento di banconi e merce in vendita, attrezzando gli spazi per la riapertura. “ Lo spirito è buono- dice Anna Maria Monteneri - Come sempre sono speranzosa e pronta a lavorare anche se, un po’ mi dispiace lasciare la piazzetta di via Madonna delle carceri e tutti quei colleghi commercianti con i quali si è instaurata una bellissima amicizia. E’ però arrivato il momento di decidere lo spostamento : la struttura in legno che abbiamo acquistata e impiantata subito dopo il sisma per poter continuare a svolgere il nostro lavoro, dovrà essere infatti smantellata dal piazzale e, tra poco, gli altri negozianti delocalizzeranno le attività nella nuova area commerciale. Dovendo pertanto decidere di fare comunque il trasferimento, anziché aspettare l’inverno, anche per la tipologia di articoli della mia attività, ho preferito organizzare il tutto con il favore di un clima più mite.  E' anche vero che tutto il mio arredamento era rimasto all’interno del negozio originario, per cui ho ritenuto opportuno far ritorno a quella situazione. Quello che mi conforta- conclude Anna Maria- è che in piazza San Domenico comincia a vedersi un bel movimento di persone. In zona ci sono già delle attività riaperte, studenti e famiglie tornati ad abitare nelle case, per cui non mi sento sola e ho la speranza che tutto potrà procedere per il meglio”.  Gli orari del negozio sono i consueti: aperto tutti i giorni dalle 7.30 alle 13.00 e il pomeriggio dalle 16.00 alle 20.00. Domenica apertura solo mattutina,  dalle 8.30 alle 13.00.

C.C.

Nella foto, la Cartoleria-rivendita giornali e merceria " Anna Maria" in piazza San Domenico. 

Negozio Anna Mari

 

Nella foto sotto, la 'casetta negozio" di Anna Maria nel piazzale del City Park

CASETTA aNNA mARIA

Pubblicato in Economia

Una banca che, oltre a perseguire la logica del profitto, propria di ogni istituto di credito, sostiene il sociale e agisce anche in favore del territorio. La Banca di Macerata apre due nuovi punti di consulenza nei comuni di Fiuminata e Serrapetrona, che senza alcun prevviso hanno incassato la decisione di Ubi Banca di chiudere le relative filiali. Mentre l’assessore regionale Angelo Sciapichetti, che insieme al consigliere Francesco Micucci si era interessato della questione, incontrava i vertici di Ubi Banca, dai quali riceveva il diniego al mantenimento delle piccole filiali in un’ottica di contenimento dei costi per l’isituto di credito, i vertici di Banca Macerata, nel corso dell’assemblea di approvazione del bilancio semestrale, annunciavano l’apertura dei suddetti punti consulenza. “Andiamo così a riportare i servizi bancari in quei comuni che sono stati abbandonati da altre banche – le parole del presidente di Banca Macerata Ferdinando Cavallini – Probabilmente avremo un ritorno economico relativo, ma noi siamo attenti anche all’aspetto sociale e vogliamo puntare a coniugare l’aspetto sociale con quello economico. E’ questa la nuova sfida che lanciamo”. Fiuminata e Serrapetrona, che dal prossimo 15 ottobre rimarrebbero senza servizi bancari con la chiusura degli unici sportelli esistenti, potranno, dunque, beneficiare del punto consulenza offerto dalla Banca di Macerata che, oltre al cosiddetto sportello bancomat evoluto che consente di effettuare qualsiasi tipo di operazione, vedrà anche la presenza fisica di un consulente. “Una Banca che copre l’intero territorio, in modo particolare quello dell’entroterra – fa eco il vice presidente Nando Ottavi – Con le nostre scelte cerchiamo di coprire quei vuoti che si stanno creando, a causa di decisoni di altri soggetti bancari, in territori che stanno soffrendo anche per le vicende legate al terremoto. Considerati i tempi necessari per l’apertura di una filiale, la scelta di punti consulenza ci consentirà l’immediata apertura di locali con l’assicurazione di tutti i servizi che può offrire una filiale”. 

Pubblicato in Economia

Una strategia comune per il rilancio del sistema economico di Marche e Umbria. Due regioni da sempre storicamente unite  e vicine, potrebbero esserlo ancora di più anche grazie al potenziamento di connessioni economiche e turistiche. E' la comune prospettiva progettuale anticipata dalla conferenza di presentazione del Glocal Economic Forum ESG89 che si terrà a Perugia i prossimi 11-12 e 13 ottobre. Confronti, approfondimenti, workshop sui temi della società, economia, forza e valore dei territori, saranno sviluppati nella tre giorni perugina.  All'incontro di presentazione, presieduto dal CEO di ESG89 Group Giovanni Giorgetti, erano presenti Paolo Bazzica, presidente della sezione territoriale di Foligno di Confindostria Umbria, Gianluca Pesarini presidente di Confindustria Macerata, Nando Mismetti sindaco di Foligno e presidente della provincia di Perugia. Una voce comune per crescere e sviluppare cultura nell'impresa, in un progetto il cui obiettivo, è unire anche nei valori del territorio. " In sinergia con Confindustria Umbria - spiega Gianluca Pesarini- Confindustria Macerata ci tiene molto a questo Forum, il cui obiettivo è creare  un'occasione di rilancio dell'economia della provincia maceratese e nel contempo di tutta la regione Marche. In connessione con l'Umbria, regione che ha le nostre stesse caratteristiche per cultura, capacità e territorio, l'idea è quella di riuscire a creare delle filiere economiche, in grado di poter dare  soddisfazione. Oggi è più che mai importante diffondere la cultura anche a livello di territorio - continua il presidente di Confindustria Macerata-; per gestire il territorio sono indispensabili le infrastrutture e, anche di fronte al governo  è necessario diffondere che, se ci sono infrastrutture importanti come lo è la Quadrilatero, le stesse debbano essere sviluppate e fatte crescere, in modo da veicolare un'economia a partire da quello che c'è e, nel contempo, portando avanti inziative nei settori agroalimentari, turistici, enogastronomici e quanto riesca ad arrecare benefici alla popolazione. La connessione più forte data dalla presenza della superstrada - prosegue Pesarini - porta inevitabilmente a percorrere  i territori dove il terremoto ha colpito duramente; crediamo che queste terre ferite debbano cogliere il momento difficile, non solo come opportunità di ricostruzione delle case lesionate, ma anche attraverso ulteritori opportunità di sviluppo, che potranno derivare da flussi finanziari che potranno mettersi in moto, incentivando e aiutando le zone, in una prospettiva futura". 

C.C.

Pubblicato in Economia

Anticipi bancari, per le imprese edili e i professionisti impegnati nella ricostruzione edilizia nel cratere del terremoto del 2016 e 2017. La concessione è  frutto dell'accordo siglato a Roma tra il Commissario per la Ricostruzione Paola De Micheli, e il direttore generale dell'Abi, Giovanni Sabatini.

L'intesa stabilisce  modalità e condizioni alle quali imprese edilizie e professionisti possono ottenere dalle banche l'anticipo del pagamento dei lavori di ricostruzione ad essi affidati. Il rimborso dei finanziamenti procederà secondo gli stati di avanzamento dei lavori, man mano che i soggetti riceveranno il relativo pagamento attraverso i contributi pubblici previsti per la ricostruzione.

 "Una misura importante che abbiamo definito ancora una volta grazie alla collaborazione del sistema bancario italiano- ha commentato il Commissario Paola De Micheli - L'accesso ai finanziamenti offrirà a imprese e professionisti un importante sostegno economico in grado di dare anche ulteriore impulso al processo di ricostruzione in Centro Italia. In questi mesi abbiamo adottato diversi provvedimenti con l'obiettivo di velocizzare l'avvio dei cantieri del terremoto, l'accordo con Abi è un ulteriore passo in questa direzione e un esempio virtuoso di collaborazione fra istituzioni pubbliche e private".

Per il direttore generale dell'Abi Sabatini " è la conferma dell'impegno delle banche per favorire la ricostruzione in tempi rapidi dei territori colpiti dal terremoto del 2016, così come in tutti gli eventi calamitosi in cui siamo intervenuti a favore di famiglie e imprese, in stretta collaborazione con le Istituzioni. L'accordo sottoscritto, rende più facile per le imprese e i professionisti ottenere dalle banche l'anticipazione dei contributi pubblici".

Pubblicato in Economia

"Un cuore unico al centro dell’Italia. Idee, progetti, risorse umane e finanziarie”. E’ il titolo dell’incontro formativo previsto nell’intera giornata di sabato 8 settembre, presso i locali del nuovo plesso scolastico di Pieve Torina. Promossa come progetto innovativo dal club Occidente col patrocinio del comune di Pieve Torina, l’iniziativa rappresenterà un momento di condivisione con le realtà economiche, le Istituzioni Universitarie e le amministrazioni locali e regionali. “ Dalle Terre dell’Italia di Mezzo, dalla loro storia, dal patrimonio ambientale e umano, dalla crisi di un modello che il terremoto ha contribuito ad acuire- si legge nella presentazione- , la sfida della ricostruzione rappresenta probabilmente l’ultima occasione per riprendere la via della crescita economica e sociale delle comunità che hanno dimostrato di essere ricche di creatività e intraprendenza, ma che non possono vincere questa sfida senza il contributo di tutti. Per questo- dicono i promotori- occorre immaginare la promozione di un’economia al servizio della ricostruzione, che sappia coniugare nostalgia e progetto, radicamento locale e tecnologia avanzata; borghi e mondo; privato e pubblico. Si tratta insomma di reinterpretare l’eredità di quello che si è stati e che si è avuto in passato, guardando a quel che si può ancora essere e avere in futuro

Si tratta della volontà di riuscire a mettere le nostre imprese nella capacità di riuscire a gestire la ricostruzione- spiega il sindaco Alessandro Gentilucci-. L’ incontro è essenzialmente finalizzato a cercare di far capire come attingere alle risorse finanziarie. Tra i tanti interventi, vi sarà quello del direttore generale della società regionale di garanzia Marche Luciano Goffi, il quale illustrerà alle nostre imprese la capacità di riuscire ad avere la garanzia per fare la ricostruzione. Il terremoto ha distrutto i nostri paesi e l'obiettivo è quello di far rimanere in questo territorio una parte di quella ricchezza che il sisma come 'opportunità' deve riuscire a garantire per lo sviluppo delle nostre zone Sulla scorta di questi pensieri, abbiamo deciso di istruire le nostre aziende e i nostri imprenditori, in modo tale che possano essere protagonisti della fase più importante che guarda al futuro. Di convegni – continua Gentilucci- ne sono fatti tanti, di parole ne sono state spese a fiumi, ad oggi tuttavia, è mancato quel ‘quid’ di concreto che possa consentire agli imprenditori di avere la chiave d'accesso alla ricostruzione. Proprio per questo, insieme al club Occidente, è nata la volontà di riuscire a porre in essere la Summer School, iniziativa in grado di porre al passo con i tempi le aziende produttive del territorio, le piccole nostre aziende per le quali è importante e necessario poter essere protagoniste in una fase fondamentale. Noi ci fidiamo delle aziende locali del territorio e non desideriamo che arrivino in ritardo o impreparate; anche grazie ad incontri formativi come quello di sabato prossimo, cerchiamo dunque di aiutarle”.

Nutrito il programma dell’intera giornata che si aprirà alle 10.30 con la presentazione e i saluti a cura di Giulio Argalia, presidente del club Occidente e di Alessandro Gentilucci, sindaco di Pieve Torina. La Summer school si articolerà poi in due sessioni. Al mattino, l’intervento di Massimo Mariani del Comitato Tecnico-Scientifico per il Sisma in Italia centrale per il Commissario Straordinario per la Ricostruzione, sarà seguito dalla Tavola rotonda “ Dalla Fase emergenziale alla rinascita; la gestione della transizione fondata sull’alleanza pubblico – privato”. Coordinato da Nadio Delai, Presidente Ermeneia, Studi & Strategie di Sistema, il forum avrà come relatori gli imprenditori Tonino Dominici e Sandro Paradisi; Luciano Goffi, Direttore Generale Società regionale di garanzia Marche (Srgm); imprenditori del comprensorio descriveranno le loro realtà dopo il sisma presentando i progetti futuri; Nadio Delai infine interverrà su “ La nuova strada dello sviluppo delle terre di mezzo”. La seconda sessione pomeridiana, svilupperà diversi temi: Agricoltura, cibo, turismo,modelli e progetti sostenibili nell’anno del cibo italiano. Cultura della qualità volano di sviluppo del territorio”, al centro della relazione di Gianni Sagratini della Scuola del Farmaco e Prodotti della salute dell’università di Camerino e , a seguire, le aziende agroalimentari Pasta di Camerino e Cantine Belisario, illustreranno le loro attività. A parlare di “Turismo; da settore a rete dello sviluppo delle terre appenniniche” e di “ Rete per il turismo- ruolo delle imprese familiari”, saranno rispettivamente Tonino Pencarelli e Annalisa Sentuti dell’università di Urbino. A cura del Presidente Consiglio Regionale delle Marche Antonio Mastrovincenzo le conclusioni dell'incontro, la cui relazione finale “Impegno concreto per la rinascita. Che Fare?” sarà tenuta da  Giulio Argalia .

Pubblicato in Economia

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

  appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo