Notizie di politica nelle Marche
Oltre 26 milioni di euro ai piccoli comuni per opere immediatamente cantierabili.  Rimborso ai comuni dei mancati incassi della Tari e  chiusura di 22 progetti finanziati con gli sms solidali. Il Commissario Straordinario alla ricostruzione Giovanni Legnini ha firmato oggi i due decreti. Dopo lo sblocco delle anticipazioni ai professionisti e il pagamento dei lavori fatti dalle imprese nei cantieri sospesi a causa del Coronavirus, nuovi fondi  dunque in arrivo  per i comuni del Centro Italia colpiti dal sisma del 2016-2017.  Le risorse disponibili che ammontano a 26, 8 milioni di euro e che derivano dal decreto 123 dello scorso anno, sono destinate ai Comuni fino a 30 mila abitanti per un importo massimo di 200 mila euro ciascuno.
In una lettera inviata oggi ai Sindaci il commmissario ha scritto che potranno essere destinate “sia a nuove opere urgenti e facilmente cantierabili, che al completamento di interventi programmati o in corso di realizzazione, per la parte eventualmente non coperta da precedenti stanziamenti”.
Potranno essere ammessi, anche “investimenti materiali finalizzati al contrasto dell’emergenza sanitaria in corso”. L’accelerazione delle opere nei piccoli comuni fa parte del pacchetto di misure predisposto per far fronte all’emergenza Coronavirus. Nei giorni scorsi sono stati trasferiti i primi 50 milioni di euro agli Usr per il pagamento del 50% delle parcelle ai professionisti che hanno già presentato i progetti di ricostruzione;  avviato anche il pagamento dei lavori eseguiti dalle imprese nei cantieri fino alla sospensione delle attività. Quanto ai 22 progetti realizzati con Sms vi sono ricompresi tra gli altri l’adeguamento delle elisuperfici di soccorso a Belforte, Castelraimondo, Cingoli e Fiuminata, il centro polivalente a Caldarola, una palestra a Camerino.
Legnini che si è attivato a seguito delle preoccupazioni segnalate da sindaci e da cittadini, contattata la Protezione Civile ha ricevuto la rassicurazione che sarà modificata l’Ordinanza 614 del 2019 che stabilisce il nuovo regime del Cas, contributo di autonoma sistemazione che ad oggi riguarda  ancora circa 30 mila sfollati. La Protezione Civile ha preannunciato al Commissario appunto l’intenzione di modificare l’Ordinanza, prevedendo che il Cas continui ad essere erogato anche a chi avesse trasferito la residenza o il domicilio fuori Regione, purché nell’ambito delle quattro del cratere sismico.
C.C.
Pubblicato in Politica
Dopo i sindaci di Civitanova, Camerino, Tolentino e Belforte del Chienti, anche Massimo Baldini di Matelica si dice convinto della necessità di rivedere il piano sanitario regionale. Di recente la Regione ha comunicato che il Dipe ha dato il proprio via libera al progetto dell’ospedale unico e ha espresso soddisfazione affermando di voler portare a termine l’iter entro le prossime elezioni regionali.

Ma questo ha scatenato il dissenso di tanti sindaci, associazioni e comitati. Anche Baldini: “Stiamo vivendo un’emergenza sanitaria mondiale senza precedenti, la nostra vita sicuramente cambierà, le nostre abitudini, i nostri modi di fare. Cambieranno le nostre necessità e le esigenze non saranno più le stesse; avremo bisogno di più sicurezze e maggiori garanzie. Sto parlando del servizio sanitario nazionale che in Italia è già migliore rispetto a tante altre parti del mondo. Nonostante tutto, c’è necessità di rimodularlo alla luce di quanto sta accadendo”. Secondo il primo cittadino matelicese, serve un servizio sanitario di prossimità alla gente, in grado di fronteggiare le situazioni e di garantire ogni tipo di servizio. “Ciò che sta accadendo ce lo insegna, sarebbe illogico concentrare tutti i servizi sanitari in un unico ospedale provinciale ma sarebbe logico distribuire servizi in più plessi sanitari, come  già abbiamo. Basterebbe adeguarli le strutture già esistenti, alcune delle quali non sono costate nulla allo stato, ed adattarle a specifici servizi. Investire sulla sanità affinché possa essere presente e funzionale su tutti i territori, anche quelli con meno popolazione”. Insomma, secondo Baldini bisognerebbe riprendere il modello di un tempo che forniva servizi eccellenti ritenendo che l’attuale emergenza abbia messo in luce “quanto siano fondamentali le strutture periferiche. È necessario rivedere il piano sanitario regionale e costruirlo  in maniera organica pensando alle esigenze di tutto il territorio regionale”.
Pubblicato in Politica
Il sindaco di Belforte del Chienti, Alessio Vita, si unisce al coro unanime dei colleghi di Tolentino, Camerino e Civitanova sulla sanità marchigiana.
Il primo cittadino rispolvera quanto affermato il 15 dicembre scorso in occasione dell'inaugurazione dell'elisuperficie nel suo paese in cui ribadiva al governatore delle Marche, Luca Ceriscioli "a necessità di tenere vivi e valorizzare gli ospedali dell’entroterra, i quali rappresentato un punto di riferimento per una larga fetta della popolazione marchigiana. Contiamo - aveva detto - di rivedere presto l’ospedale di Tolentino in funzione, anch’esso punto nevralgico della sanità interna, con la speranza che i servizi che riuscirà ad erogare siano appropriati per il bacino di popolazione a cui fa capo, così come chiediamo fermamente il mantenimento e la valorizzazione di tutti gli altri presidi ospedalieri dell’entroterra".
Una richiesta che per i sindaci dell'entroterra è valida oggi come allora. "In quell'occasione - dice ora Vita - , mi sentii ribattere che il modello funziona bene così e che la centralizzazione (su modello Americano) porta ad un miglioramento dei servizi e ad un sensibile risparmio. 
Ritengo - aggiunge il sindaco di Belforte del Chienti - che questo sistema stia mostrando i suoi limiti e pertanto mi accodo all'appello dei colleghi Giuseppe Pezzanesi, Sandro Sborgia e Fabrizio Ciarapica, nel rinviare alla fine dell'emergenza qualsiasi decisione sulla sanità regionale, istituendo un tavolo di confronto che comprenda tutti i rappresentanti dei cittadini".

GS
Pubblicato in Politica
"Non interverremo ancora su questa polemica".
Così scrive il gruppo di minoranza caldarolese, dopo i botta e risposta sulla vicenda del vicesindaco dimissionario, annunciando che "presenteremo la mozione di sfiducia anche come consigliere, senza fare superflue polemiche, ma avendo seguito un ragionamento logico. Decisione che sarebbe stata presa sicuramente anche a parti inverse, perché chiunque abbia un minimo di conoscenza della vita amministrativa sa che era il minimo che si potesse fare. Non siamo stati noi ad accanirci: l'eco è stata sicuramente una conseguenza del video del sindaco. Come è stata la stessa maggioranza a non esitare ad accettare (o chiedere) in brevissimo tempo le dimissioni di Giovanni Ciarlantini".

Ma quello che non è piaciuto algruppo di Davide De Angelis è che la maggioranza abbia parlato di mancanza di collaborazione per il paese: "Vogliamo precisare - scrivono - quanto del nostro programma elettorale l’attuale maggioranza ha messo in campo, nei primi mesi di amministrazione, come la riduzione della zona rossa e l'approfondita valutazione degli edifici in centro storico che potrebbero essere immediatamente utilizzati; l'istituzione di un tavolo tecnico con i professionisti, per la ricostruzione organica del centro storico facilitando la creazione di aggregati volontari e obbligatori; il ripristino del doppio senso di circolazione in via Roma; l'abrogazione della troppa onerosa convenzione con Contram per i servizi di trasporti comunali e contestuale assunzione di lavoratori interni con mansioni multiple; riportare eventi e manifestazioni in centro storico e la partecipazione ai bandi regionali per il ripristino dei sentieri per il cosiddetto slow tourism".

Infine la vlontà della minoranza ad accogliere l'invito del sindaco: "Cogliamo - scrivono - , con forte spirito di partecipazione ed entusiasmo, l’invito del sindaco a dire ancora di più la nostra per contribuire alla vita politica di Caldarola, dando la disponibilità fin d' ora a partecipare a eventuali tavoli allargati su tematiche importanti. Solo poco fa, all'unico di questi incontri, abbiamo partecipato attivamente per organizzare una possibile emergenza riguardo il corona-virus. Teniamo comunque a precisare - concludono - che 'spirito costruttivo' può significare anche avere un  parere diverso da chi amministra, facendo arrivare input e critiche, dissociandoci però da populismi e da metodi comunicativi non istituzionali che in questi anni hanno contraddistinto l’informazione politica. Il nostro auspicio è che aumenti la condivisione di quanto è possibile fare per Caldarola, confidando che questa pagina, poco felice per il nostro territorio, possa essere presto voltata".
Pubblicato in Politica
Gestione dell'emergenza da Covid-19: la giunta regionale ha approvato nel pomeriggio l'attivazione dell’area sanitaria nei locali della Fiera di Civitanova Marche, sito  individuato per realizzarvi una struttura ospedaliera temporanea, capace di ospitare fino a 100 posti di terapia intensiva
Con la delibera, l'esecutivo regionale ha preso atto della relazione con la quale il Gruppo Operativo Regionale Emergenza Sanitaria (GORES) evidenzia,in relazione all’attuale scenario epidemiologico, la necessità, , di una struttura ospedaliera di almeno 90 posti letto di terapia intensiva e subintensiva  in area centrale nella Regione Marche, per far fronte alle esigenze straordinarie determinate dalla Pandemia causata dal Coronavirus, nonché della disponibilità, da parte del Comune di Civitanova, a concedere in comodato d’uso gratuito la struttura dove potrà essere realizzata l’opera.
“La localizzazione, dunque – afferma il presidente Luca Ceriscioli -  è avvenuta nel migliore edificio disponibile, in quanto di proprietà pubblica e già predisposto con tutti gli impianti funzionali agli allestimenti. Ora – prosegue il presidente – dobbiamo procedere con la massima velocità perché il nostro progetto è nato e deve servire per salvare le vite umane dei marchigiani malati”. 

Dal punto di vista procedurale, la Fondazione Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta utilizzerà i fondi ricavati dalle donazioni finalizzate alla realizzazione della struttura, che poi donerà alla Regione Marche.
ASUR Marche provvederà all'acquisizione in comodato d’uso gratuito da parte del Comune di Civitanova Marche e alla gestione dell’area sanitaria temporanea corredata delle apparecchiature necessarie, installate e donate dalla Fondazione. Al termine dell’emergenza, le apparecchiature  rimarranno acquisite in proprietà dell’ASUR, mentre la Protezione Civile della Regione Marche acquisirà i moduli di degenza.
Quanto agli aspetti tecnici, il layout del progetto prevede la realizzazione di circa 100 posti, utilizzabili sia per terapie intensive che subintensive.
La realizzazione modulare offre una estrema flessibilità nell'impiego e l'uso della tecnologia dei prefabbricati permetterà un facile riuso dell'opera.
C.C.
Pubblicato in Politica
Camerino sospende il pagamento dei tributi.
Una decisione che arriva dopo la riunione di giunta avvenuta ieri in cui è stata, appunto, deliberata la sospensione del pagamento dei tributi per il periodo dell'emergenza, fino al 30 luglio 2020.
"In particolare - spiega il sindaco Sandro Sborgia - è stata deliberata la sospensione del pagamento della Tari, della Tosap, dell'imposta sulla pubblicità, deo canoni di locazione degli immobili comunali, ma anche le rette del trasporto scolastico e dell'asilo nido. Qualora dovesse proseguire lo stato di emergenza - annuncia il primo cittadino - dilateremo la misura anche per il periodo successivo. Sono misure lievi - dice - ma sognificative per attraversare questo momento di difficoltà che tutti stiamo vivendo".
Poi l'annuncio della pubblicazione della modulistica necessaria per avanzare l'istanza di accesso alla misura di sostegno per le famiglie bisognose. "Si tratta di una modulistica di facile compilazione - ha detto Sborgia - , con tutti i passaggi e i requisiti necessari per accedervi. Sempre sul sito del Comune è stato pubblicato anche l'Iban per chi volesse fare donazioni in favore delle famiglie che hanno necessità in questo momento".


GS



Pubblicato in Politica
Sulla corsa in montagna dell'ormai ex vicesindaco di Caldarola, Giovanni Ciarlantini, interviene il gruppo di opposizione dopo la riconsegna delle deleghe da assessore e vicesindaco, avvenuta ieri sera a seguito di una riunione della maggioranza convocata d'urgenza dal primo cittadino.
"Crediamo - scrive il gruppo guidato da Davide De Angelis - che sia più opportuno che le dimissioni siano date da Ciarlantini anche per la carica di consigliere comunale, altrimenti risulterebbero di facciata e pensate solo per l’opinione pubblica.
Bisogna dare un segnale deciso ai propri concittadini - aggiungono nella nota - . Considerata l'operosità e la costante presenza di Ciarlantini negli uffici comunali, si rischia di non essere credibili nella gestione dell’amministrazione. Ciarlantini - si chiede l'opposizione - potrebbe continuare a svolgere delle mansioni anche senza deleghe ufficiali e soprattutto potrebbe continuare a fare il suo lavoro nonostante la sfiducia degli stessi membri della maggioranza?
Calcolando anche altre sfaccettature aggravanti della vicenda non trattate - proseguono - , la minoranza chiede un provvedimento chiaro da parte del sindaco. Considerando anche il video, piuttosto colorito, rivolto ad alcuni concittadini giudicati poco ligi al rispetto delle regole, pensiamo che siano più coerenti le dimissioni anche dalla carica di consigliere da parte dell’ex vicesindaco".
Una richiesta ben precisa quella del gruppo di De Angelis che, se non dovesse avvenire quanto richiesto, annuncia di procedere "con la presentazione di una mozione di sfiducia, nella quale tutti i membri del consiglio dovranno dimostrare di essere coerenti riguardo quanto già deciso e dichiarato".
Poi le raccomandazioni ai concittadini nel continuare a rispettare le restrizioni: "Chiediamo ai nostri concittadini - concludono - di non rilassarsi nel rispettare le regole, magari invogliati dalle notizie riguardanti il calo dei contagi e dalle belle giornate di primavera che ci accompagnano in questa quarantena. Adesso ci aspetta la prova più difficile per non vanificare quanto fatto finora, più siamo rispettosi e prima usciremo da questa fase così delicata per tutti".

GS
Pubblicato in Politica
Oltre alla multa salata, la corsetta in solitaria, fatta in montagna all'alba, a Giovanni Ciarlantini è costata anche le cariche di assessore e vice sindaco di Caldarola.
Al centro delle polemiche delle ultime ore, Ciarlantini ha rassegnato le proprie dimissioni, dopo il fatto che lo ha visto coinvolto in una corsa in montagna resa pubblica a tutti grazie ad una applicazione dedicata, nonostante le restrizioni non lo permettessero.
Nel Comune salito alla ribalta nazionale per via delle esternazioni fatte dal sindaco, Luca Maria Giuseppetti, che chiedeva con toni perentori, ai suoi concittadini, di restare a casa, la polemica sul comportamento del suo vice ha avuto un'eco più forte e, questa volta, l'errore ha avuto la meglio.
Non sono bastate, quindi, le scuse che Ciarlantini ha rivolto ai suoi concittadini, per responsabilità e rispetto nei confronti della cittadinanza e dell'amministrazione si è sentito in dovere di rassegnare le dimissioni. I suoi colleghi di maggioranza, al termine di una riunione convocata d'urgenza dal sindaco, hanno, evidentemente, chiesto trasparenza per i caldarolesi e il vice sindaco ha deciso di farsi da parte. La carica di assessore è stata affidata a Teresa Minnucci, mentre il ruolo di vice sindaco è passato all'assessore Giorgio Di Tomassi.
Nei mesi scorsi, sempre Ciarlantini, era stato al centro di una polemica che lo aveva visto autore di due spari avvenuti all'interno dei container che ospitavano gli uffici comunali. Nemmeno quell'episodio, però, che aveva fatto infuriare la minoranza, lo aveva spinto a tanto.
Così lo sport, che lui stesso ha definito "la sua vita" questa volta lo ha spinto a fare quel passo falso che molti caldarolesi non hanno digerito. Più che lo sport, forse, la tecnologia che, ancora una volta, ha mostrato di essere un'arma a doppio taglio se non utilizzata con cautela.

GS
Pubblicato in Politica
"E' compito di chi governa prendere le decisioni ma è anche il momento di ascoltare le proposte".
Così il gruppo di minoranza Belforte Insieme ricorda le proposte inviate all'amministrazione di Belforte del Chienti lo scorso 10 marzo su eventuali misure da intraprendere a sostegno della comunità, ma "a cui non è stata data alcuna risposta".
La nota arriva dopo che diversi Comuni, tra i quali Tolentino, hanno adottato delle misure a sostegno delle famiglie e dei commercianti nel periodo dell'emergenza.
"Abbiamo inviato una mail al Comune - spiega il consigliere di minoranza, Mario Antinori - , presentando delle proposte da valutare per questo periodo. Abbiamo chiesto che venga sospeso il pagamento relativo al costo del servizio dell'asilo nido chiuso dal decreto. Abbiamo proposto di istituire un fondo comunale per le famiglie, per aiutarle a sostenere le spese del servizio di babysitter durante il periodo di chiusura delle scuole, ovviamente con una documentata nota spesa per il servizio avuto. Ed infine la sospensione dei tributi comunali nei confronti degli esercizi pubblici. 
Abbiamo avuto contatti con l'amministrazione comunale - conclude - , ma di fatto non abbiamo avuto risposte alla mail. E' stata inviata una semplice mail in Comune - spiega Antinori - , non sottoforma di un atto ufficiale, perchè il nostro intento era quello di dare una mano, senza alcun tipo di critica alla gestione".
Intanto, l'amministrazione ha deciso di istituire un fondo per l'acquisto di alimenti e beni di prima necessità a favore delle persone bisognose, a cui chiunque può contribuire tramite bonifico bancario. Un fondo che si aggiunge, quindi, a quello del Consiglio dei Ministri del 28 marzo scorso.

GS





In questi momenti complicati e difficili per le nostre comunità, il dialogo tra i vari soggetti politici è fondamentale e sicuramente basilare per poter uscire insieme da questa crisi che ci sta distruggendo e che ci toglie lavoro e certezze e dove ancora peggio la parte più importante ovvero la salute e gli affetti.
Compito della politica anche a piccoli livelli locali è sicuramente ascoltarsi, mai più di ora.
Come gruppo d' opposizione ci siamo messi da subito a disposizione dell'Amministrazione Comunale per un unico scopo d'intenti ovvero: aiutare e tutelare il nostro territorio e i suoi cittadini.
Non abbiamo mai fatto polemiche durante l'emergenza e abbiamo partecipato all'unico incontro a cui siamo stati invitati, ascoltando e condividendo delle azioni da portare avanti, come la consegna della spesa e dei farmaci alle persone più in difficoltà.

In data 10 Marzo il Gruppo Consiliare "Belforte Insieme" ha inviato al Sindaco alcune semplici proposte, riportiamo il testo della mail.

Con la presente si propone:

• che venga immediatamente sospeso il pagamento relativo al costo del servizio di asilo nido, in veste del fatto che non può essere erogato vista la chiusura forzata.
• si propone di istituire un fondo comunale per le famiglie per aiutarle a sostenere le spese del servizio di babysitter durante il periodo di chiusura delle scuole, ovviamente con una documentata nota spesa per il servizio avuto.
• si ritiene opportuna la sospensione dei tributi comunali nei confronti degli esercizi pubblici.

Le proposte sono nell’ottica della collaborazione e condivisione di intenti comuni in un momento assai complesso per la nostra comunità.

Cordiali Saluti
Gruppo Consiliare Belforte Insieme

Prendiamo atto che non è stata data alcuna risposta alla nostra mail ma soprattutto si nota che altre realtà comunali, ad esempio Tolentino, stanno mettendo in atto dei provvedimenti che vanno nell'ottica di quelli presentati dal nostro gruppo, che ovviamente possono essere condivisi, ampliati e migliorati insieme.
Pur rimanendo nel nostro ruolo, siamo a disposizione per aiutare mettendo a disposizione le esperienze condividendo un unico risultato il bene per il nostro paese e i suoi cittadini.
Aspettiamo quindi dei provvedimenti concreti sempre nell'ottica della massima collaborazione ed onestà politica.

Pubblicato in Politica
Una nuova ordinanza, quella del Governo che prevede le passeggiate genitore-figlio, che ha diviso l'opinione pubblica. Se, infatti, da un lato c'è chi tira un sospiro di sollievo, confermando che anche quel momento è da considerare diritto alla salute psicofisica soprattutto per i più giovani, dall'altro c'è chi teme che i cittadini non sappiano porsi delle regole e, se il buon senso dovesse venire a mancare, potrebbero esserci delle ricadute.
Un dibattito nato anche sui social, dove già erano state portate all'esasperazione le passeggiate concesse con i cani e le diverse scuse per uscire più volte a fare la spesa. Quasi un modo per aggirare un ostacolo che il Governo non ha certamente imposto per indispettire i cittadini, bensì per proteggerli dai picchi del contagio.
Ora la possibilità di uscire con il figlio minore, con un disabile o un anziano. "Una misura che - ci tengono a precisare dal Governo - non può intendersi come un allentamento delle misure che anzi bisogna tenere così come sono, soprattutto con la piccola discesa nella curva dei contagi registrata nel nostro Paese".
Discesa che potrebbe, invece, tranquillizzare i più 'leggeri' sul tema e far ritornare il problema da capo a piedi.
Sulla scia dei contrari anche il primo cittadino di Caldarola, Luca Maria Giuseppetti, che nelle ultime settimane aveva dimostrato il suo disappunto, anche in maniera molto forte, nei confronti dei pochi concittadini che non rispettano ancora le regole: "Comprendo che non sia facile trascorrere settimane a casa e uscire solo per le emergenze - dice - . Si tratta di una situazione difficile, ma solo a livello psicologico perchè credo che, pensando a cosa hanno passato i nostri nonni durante la guerra, restare a casa non sia un grosso sacrificio. Posso dire che il 90% della popolazione ha ascoltato le direttive, ora questo allentamento non mi rende certo tranquillo. Significa che stiamo andando avanti e bene, ma non mi sembra il momento di aprire le porte e vanificare tutti i sacrifici fatti finora. Credo sia ancora presto - aggiunge - . Che poi si voglia dare un segnale di fiducia va bene, ma bisognava ancora resistere. A nessuno era comunque vietata una boccata d'aria, ma che ora si permetta di fare due passi con i figli o con un disabile credo sia eccessivo. Non è il momento di dire che siamo fuori dal problema. Ho paura anche per quando saranno riaperti i locali pubblici come ristoranti e bar, perchè prima o poi si dovrà fare. Almeno fino a Pasqua - conclude - dovevamo restare con le direttive iniziali".
Intanto comunque dal Viminale fanno sapere che "Le regole sugli spostamenti per contenere la diffusione del coronavirus non cambiano. Si può uscire dalla propria abitazione esclusivamente nelle ipotesi già previste dai decreti del presidente del Consiglio dei ministri: per lavoro, per motivi di assoluta urgenza o di necessità e per motivi di salute. Lo comunica il ministero dell'Interno. La circolare del ministero dell'Interno di eri si è limitata a chiarire alcuni aspetti interpretativi sulla base di richieste pervenute al Viminale". 

GS
Pubblicato in Politica
Pagina 5 di 5

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo