Notizie di politica nelle Marche
“Nel leggere il comunicato stampa “istituzionale” del Sindaco di Camerino, con il quale esprime i suoi rallegramenti al neo Consigliere Regionale Pasqui, pubblicato sulla homepage del sito istituzionale dell’Ente (che dopo poche ore è stato rimosso) restiamo al quanto disgustati, prima di tutto da cittadini e poi da Consiglieri Comunali”. Così Antonella Nalli, Roberto Lucarelli e Stefano Falcioni del Gruppo Radici al Futuro replicano alla nota del Sindaco Sandro Sborgia. Citando le parole di Oscar Wilde: “ A volte è meglio tacere e sembrare poco intelligenti, piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio”, in un comunicato a loro firma I consiglieri della minoranza scrivono al primo cittadino: “Che lei non sappia neanche cosa stia facendo ormai è chiarissimo a tutti, ma che diventi pericoloso per questa Città non glielo possiamo permettere né noi né siamo certi glielo possono permettere i nostri colleghi di maggioranza. Il nostro non è, e non vuole essere una difesa del nostro capogruppo Gianluca Pasqui, il quale nei suoi confronti non ne ha assolutamente bisogno, ma la nostra è una vera preoccupazione per chi in questa Città ci è nato, ci cresce e ci è cresciuto, ci vive e ci lavora- continua la nota- Comprendiamo che a Sborgia questo risultato straordinario e vanto di un intero territorio deve aver fatto molto male, tanto da indurlo a dichiarazioni tanto avventate quanto gravi. Con le sue affermazioni, il Sindaco, offende pesantemente una città intera e un popolo che dopo tantissimi anni torna ad essere rappresentato in Regione da un camerte DOC.

Sborgia, evidentemente è stato così scosso dal risultato ottenuto da Pasqui da dimenticare qual è il ruolo istituzionale che ricopre: anziché fare quello che qualsiasi altro sindaco avrebbe fatto, ovvero le congratulazioni per una elezione storica, si lancia in un attacco frontale gratuito, scomposto e immotivato. Qualsiasi altro sindaco, oggi per prima cosa cercherebbe di trovare subito una sinergia fondamentale per la città di Camerino invece di lanciare invettive e sproloqui. In realtà, poi, la rabbia del Sindaco è comprensibile: i cittadini hanno votato in massa Pasqui, nonostante dall’attuale amministrazione giungessero inviti più o meno espliciti a votare candidati di “colore politico” contrario ad essa, pur di non votare un cittadino e consigliere comunale di questa Città. Ora, il sindaco di Camerino può fare soltanto una cosa: chiedere scusa alla Città e al territorio montano- concludono Antonella Nalli, Roberto Lucarelli e Stefano Falcioni- Ci appelliamo, inoltre, al buon senso della maggioranza consiliare: si dissocino pubblicamente dalle vergognose dichiarazioni di Sborgia e contribuiscano a creare un clima di serenità e collaborazione che potrà solo essere utile alla crescita della nostra città. Limitino, inoltre, una persona che, anteponendo il suo ego personale ai doveri istituzionali, ha, anche questa volta, inequivocabilmente dimostrato la sua inadeguatezza per la Città che è stato chiamato ad amministrare. Noi come sempre, insieme al nostro concittadino Consigliere Regionale, siamo a disposizione per i camerinesi e per Camerino”.
c.c.
Pubblicato in Politica
Un fine settimana, sabato 26 e domenica 27, per tornare a parlare dei temi della Resistenza e della lotta partigiana. Organizzata dall'Anpi (Associazione Nazionale Partigiani d'Italia) si svolge, infatti, la "Giornata Nazionale del Tesseramento", che a Camerino prevede appuntamenti al Sottocorte Village e al Centro Sociale A.D.A. di Vallicelli dove, nel pomeriggio di sabato, si terrà anche un incontro - dibattito su "la memoria della Resistenza. Metodi e strumenti per conservarla". Filo conduttore delle due giornate lo slogan "Chi semina memoria raccoglie futuro".

"Sono convinto che la storia più che riscritta deve essere letta in un'ottica forse diversa da quanto fatto fino ad oggi - a parlare è Mario Mociatti, presidente della sezione Anpi di Camerino - Una volta accertato che certi eventi sono accaduti e raccontati sui libri si storia bisogna ora vedere se l'interpretazione da dare a quegli avvenimenti sia la stessa che si dava 50 anni fa o che si darà in futuro. Sono, infatti, convinto che per il fenomeno della Resistenza sia arrivato il momento non solo di verificare se esiste ancora spazio per eventuali accertamenti di fatti, ma anche per riflettere sul tipo di lettura da dare agli eventi accaduti. E' questo il senso dello slogan scelto per queste due giornate".

f.u.

Pubblicato in Politica
Un lungo applauso ha accompagnato questa mattina in sala Giunta la proclamazione ufficiale a sindaco di Sandro Parcaroli uscito vittorioso dalle elezioni del 20 e 21 settembre con il 52,78% dei consensi.

L’atto ufficiale di nomina a sindaco della città è stato letto dalla presidente della commissione elettorale centrale Silvia Mosconi al termine delle operazioni di controllo che hanno ratificato gli esiti delle elezioni comunali.  

Subito dopo, il segretario generale Paolo Cristiano ha consegnato a Parcaroli la fascia tricolore che il neo sindaco ha immediatamente indossato. Presenti anche il vice segretario Gianluca Puliti, i dirigenti Michele D’Alfonso, Tristano Luchetti e Simone Ciattaglia e il comandante della Polizia locale Danilo Doria.

Ora il nuovo sindaco è nel pieno possesso delle sue funzioni ed entro dieci giorni dovrà convocare la prima seduta del Consiglio comunale.

Dobbiamo tornare a sognare - ha affermato il neo primo cittadino -. Io non rimarrò chiuso nel mio ufficio ma starò in mezzo alle persone, sarò un sindaco che ascolterà gli altri e che viaggerà. Mi serve l’aiuto di tutti, perché solo insieme, con il lavoro di squadra potremo fare le cose che permetteranno a Macerata di crescere”. 
Pubblicato in Politica
Più di 50 milioni di euro. Ha già superato questa cifra la quota di finanziamenti concessi dallo Stato per la ricostruzione privata nel Comune di San Severino Marche. Sono esattamente 50 milioni 106 mila 950 euro i contributi pubblici elargiti per le 243 pratiche già finanziate a fronte delle 485 presentate e inserite nel portale Domus Sisma 2016.

“Complessivamente sono 242 ancora in attesa di finanziamento ma l’Usr sta procedendo alle verifiche necessarie - sottolinea il primo cittadino settempedano, Rosa Piermattei, che annuncia - Proprio in queste ore è arrivata la conferma di un finanziamento di 3,5 milioni di euro per la ricostruzione di un condominio di via Padre Giuseppe Zampa. Andiamo avanti facendo il possibile per velocizzare le cose. Finalmente stiamo anche accogliendo le prime richieste di contributo che fanno riferimento all’Ordinanza 100, introdotta dal Commissario straordinario alla ricostruzione Giovanni Legnini, e destinata a dare un cambio di marcia alla burocrazia che fino ad oggi è stato il primo vero nemico del ritorno alla normalità”.

Tra le pratiche finanziate, 215 fanno riferimento alla ricostruzione leggera B – C, 26 alla ricostruzione pesante E, 2 alla Ordinanza n. 100.

Sono invece 226 le pratiche già chiuse nel Comune di San Severino Marche. Di queste 183 fanno riferimento alla ricostruzione sisma dei privati,  altre 3 alla ricostruzione di pubblici edifici mentre 40 al cosiddetto Sisma Bonus.
Pubblicato in Politica
Dal primo cittadino di Camerino arrivano i rallegramenti del sindaco Sandro Sborgia per l'elezione di Ginaluca Pasqui in consiglio comunale.
Di seguito la nota integrale:

Il sindaco di Camerino Sandro Sborgia esprimei più vivi e sentiti rallegramenti per l’elezione al seggio di consigliere regionale del concittadino Gianluca Pasqui. Nel formulare gli auguri di buon lavoro per il bene di tutto il territorio regionale e della città di Camerino, lo invita ad assolvere alle alte funzioni pubbliche cui è stato chiamato liberandosi, finalmente, da quei sentimenti di rancore che, purtroppo, lascia trapelare in ogni sua dichiarazione pubblica a causa della sconfitta elettorale subita alle ultime elezioni amministrative. Rammenta che ogni tentativo di sottrarsi alle gravi responsabilità attribuendo sempre ad altri la causa delle proprie contingenti sventure, non solo pregiudica la propria credibilità, ma offende l’intelligenza stessa degli elettori il cui giudizio, contrariamente a quanto si possa pensare, è ogni volta inappellabile e insindacabile.

Nel rinnovare al consigliere regionale Gianluca Pasqui le felicitazioni per l’ottimo risultato conseguito nel territorio provinciale, rinnova la massima disponibilità alla collaborazione nel superiore interesse della cittadinanza locale e regionale per la risoluzione delle gravi problematiche, che nel delicato momento storico, affliggono la città di Camerino e l’intero territorio dell’entroterra marchigiano.

Pubblicato in Politica

Nonostante i 1477 voti personali, il consigliere regionale uscente di Italia Viva Fabio Urbinati non verrà rieletto in Consiglio regionale, lasciando per la prima volta la città di San Benedetto priva di rappresentanza in Regione: per Ivo Costamagna, membro della direzione nazionale del PSI in qualità di responsabile cultura, si tratterebbe di un evidente errore, avendo un’altra lista della coalizione, Rinasci Marche, raccolto il 2,77%, ossia meno voti della stessa Italia Viva, che ha raggiunto il 3,17%. “Posso affermare, sia come rappresentante del PSI sia da uomo delle istituzioni, che è la prima volta che mi capita di assistere ad un fatto simile - dichiara l’ex sindaco socialista di Civitanova - nulla contro la lista Rinasci Marche, ma non si possono alterare i risultati democratici adducendo come scusante l’algoritmo ed assegnando il seggio alla lista che ha preso 17 mila voti in luogo di quella che ne ha presi 20 mila, la matematica non è un’opinione! Mi auguro che gli uffici mettano mano all’errore senza bisogno di ricorrere alla Corte d’Appello, Fabio rappresenterebbe bene l’anima riformista della nostra lista, è stato un riferimento sia nella costruzione di questa lista che nell’elaborazione dei suoi contenuti, basti pensare alla battaglia contro gli ospedali unici: ma a prescindere da queste considerazioni politiche ed amicali, ad un errore si rimedia - conclude Costamagna - perché altrimenti si sfocia nel dolo”.


Alessio Botticelli 

Pubblicato in Politica
Una nuova sala polivalente si appresta ad essere inaugurata nel Comune di Castelsantangelo sul Nera. Dopo la struttura inaugurata un anno fa nella frazione di Gualdo e andata ad aggiungersi a quella già presente nell’Area Sae capoluogo “Amici del Trentino”, questa volta sarà l’Area Sae della frazione di Nocria ad essere destinataria di un ulteriore gesto di grande solidarietà, realizzato con il contributo dei Comuni e dei volontari di Protezione Civile dei 7 Comuni del distretto del Cormor  in provincia di Udine e con il concreto apporto della Regione Friuli Venezia Giulia.
L’inaugurazione del nuovo centro polivalente è prevista questo giovedì 24 settembre alle ore 11.00.
Si realizza pertanto quello che è sempre stato il desiderio del sindaco Mauro Falcucci e dell’intera amministrazione: mantenere vivo lo spirito di comunità in ogni villaggio Sae del comprensorio comunale.
“E’ proprio quello che auspicavamo- afferma Mauro Falcucci-. Abbiamo visto che l’aggregazione è importantissima. I cittadini sono contenti perché riescono ogni tanto a riunirsi, a vedere la televisione insieme, magari fare una partita a carte. Questi luoghi di comunità sono indispensabili, in quanto le dimensioni molto ridotte delle casette consentono solo a due o tre persone di stare insieme. Sono già arrivati i volontari dei sette Comuni e per il taglio del nastro sarà presente il vice presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, nonché assessore alla protezione civile.  Quella di Nocria sarà pertanto la terza e ultima sala polifunzionale dei tre villaggi che abbiamo qui a Castelsantangelo sul Nera. Le altre aree sono già dotate di questi centri dei quali abbiamo avuto modo di sperimentare quanto siano indispensabili per lenire le sofferenze di isolamento di chi purtroppo ha poco da fare. La solidarietà continua ancora a farsi sentire e a dare una mano a questi territori feriti- sottolinea il primo cittadino- Questo ulteriore gesto testimonia concretamente che la memoria degli italiani non dimentica e – conclude Falcucci – auspichiamo che questa tenacia di memoria e di solidarietà permanga anche in chi ci sta governando e speriamo che ci sia questo ulteriore passaggio e questo cambio di passo tanto auspicato. Noi andiamo avanti per la nostra strada per raggiungere l'obiettivo di pianificare e dopo cominciare a ricostruire secondo i tempi che si renderanno necessari”.
c.c.
Pubblicato in Politica
A Visso, su organizzazione del gruppo consiliare di minoranza,è prevista per questo giovedì 24 settembre un' assemblea pubblica aperta a tutta la cittadinanza. L'incontro si terrà alle ore 21.00 nella struttura container della Località Piano II.  
"Nostra intenzione - spiega Sara Tomani, capogruppo della minoranza-  è in primo luogo quella di ascoltare la popolazione, quali sono le esigenze e le problematiche della comunità a un anno dalle elezioni. Elezioni che ci hanno visto come perdenti e quindi siamo gruppo di minoranza - ricorda -ma essendo stati votati da oltre  il 48% degli abitanti di Visso, ci sentiamo responsabili sia per numeri che proprio per caratteristica in quanto pienamente coinvolti  in ciò che sta accadendo.  A un anno di distanza - prosegue Sara Tomani-, lo scopo principale è dunque quello di ascoltare le persone sulle problematiche che magari sono sopraggiunte e che eventualmente non conosciamo, oltre che recepire suggerimenti per quello che poi sarà il futuro.  Credo che ascoltare i bisogni e le necessità direttamente dalla gente, da parte nostra sia un dovere ed è chiaro che poi utilizzeremo quanto ascoltato per quelli che sono i nostri compiti. Nel corso dell'incontro - aggiunge- volevamo anche fare una sorta di resoconto del nostro operato dei 12-14 mesi trascorsi  e raccontare un po' quello che abbiamo fatto, che stiamo facendo e che faremo in seguito, coinvolgendo su questo non solo i nostri elettori che ci hanno votato ma tutta la popolazione della quale comunque noi ci sentiamo rappresentanti- prosegue -. Questa è la nostra priorità- conclude la capogruppo della minoranza- ; quello che ci preme è pertanto conoscere i sentimenti di chi ancora è rimasto sul territorio, di chi sta affrontando ogni giorno le problematiche legate a una ricostruzione che non è partita e le difficoltà di rimanere su questo territorio".
c.c.
Pubblicato in Politica
Nonostante la sconfitta del candidato governatore Maurizio Mangialardi il Partito Democratico si conferma primo partito delle Marche con il 25.11% dei consensi. Un dato che, però, preoccupa i dirigenti del Pd è quello della circoscrizione di Macerata, dove la percentuale dei voti scende al 18.28%, con il sorpasso di Lega e Fratelli d'Italia, e la non preventivata sconfitta al primo turno del candidato sindaco di Macerata Narciso Ricotta, nettamente battuto da Sandro Parcaroli.

Ad analizzare la situazione il segretario provinciale del Pd maceratese Francesco Vitali, che inizia dall'esito delle elezioni regionali.

"E' innegabile come il dato di Macerata sia il più basso delle 5 province - la sua analisi - Una delle motivazioni potrebbe essere quella che nella provincia di Macerata avevamo 4 candidati alla carica di Governatore, fatto che potrebbe aver inciso sull'esito del voto. Vero anche che ci sono stati alcuni comuni, come ad esempio Macerata, dove il dato del nostro partito è in linea con quello regionale".

A Macerata, però, il Pd incassa la pesante sconfitta nell'elezione del sindaco.

"La sconfitta al primo turno di Ricotta - continua il segretario - è stato un colpo duro e inaspettato. Anche questo risultato a mio avviso, come quello delle regionali, va inserito in un quadro di cambiamento che doveva avvenire a prescindere. A nulla è valso nè la scelta delle persone nè i programmi perchè forse gli elettori avevano deciso che bisognava cambiare a prescindere. Sicuramente a Macerata non era sbagliato il candidato, che era il più preparato di tutti, ma il confronto con chi ora è il sindaco è stato sempre impari, a testimonianza di quanto detto prima".

Per il partito si impone ora una profonda riflessione per poter ripartire.

"Probabilmente ci saranno anche dei cambiamenti - conclude Vitali - ma in questa prima fase dovremo fare delle riflessioni interne per poter dare nuovo slancio o perlomeno per cercared i ripartire con quell'entusiasmo che oggi inevitabilmente si è spento". 

Pubblicato in Politica
Dopo 10 anni Luca Marconi, capogruppo uscente di Popolari Marche - Unione di Centro - non siederà più sui seggi del consiglio regionale. L'esito delle elezioni amministrative, infatti, non ha fatto scattare il seggio per i Popolari e, di conseguenza, per Luca Marconi termina l'impegno amministrativo, ma non quello politico

E' lo stesso Marconi ad annunciare che continuerà la sua battaglia per i valori cristiano-popolari al centro del suo impegno politico, dopo aver ringraziato gli elettori che hanno voluto rinnovargli la fiducia.

"Grazie a tutti di cuore per il risultato dell'Udc e mio personale - scrive in una nota - Credo che questa nostra straordinaria battaglia abbia avuto dell'eroico, considerate le enormi difficoltà di partenza. Non saremmo riusciti in nulla se non avessimo avuto il sostegno di un amico sincero capace e generoso come il senatore Antonio Saccone. L'impegno politico continua nel solco dei moderati democratici liberali e cattolici, capaci solo di fare il bene del paese. Questo privilegio mi è stato concesso in 35 anni di vita in organi amministrativi e politici e di questo non posso non essere grato a tutti quelli che lo hanno permesso. Ora come responsabile del partito - conclude - continuerò la buona battaglia per i nostri valori sempre validi. Ci ho sempre creduto e sempre ci crederò".

f.u.
Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 6

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo