Pare siano state le modalità del confronto pubblico la mela della discordia tra lista civica “Per il bene comune”, che sostiene la candidatura del sindaco uscente Luca Maria Giuseppetti e "Il futuro per Caldarola", di Davide De Angelis. Discordia che ha fatto saltare l'incontro tra i due candidati che si sarebbe tenuto il prossimo 16 maggio. Un confronto pubblico per dar modo ai due candidati di confrontarsi e rispondere alle domande dei cittadini. Ognuno dei due candidati esprime, attraverso una nota, la propria versione.
Davide De Angelis scrive: "Con grande rammarico, comunichiamo che l'incontro programmato per il 16 maggio, proposto a noi da Stefano Migliorelli, in qualità di portavoce della lista guidata da Luca Maria Giuseppetti, non avrà più luogo. Purtroppo non è stato possibile trovare delle regole comuni sulle quali impostare questo confronto. Le nostre richieste erano semplici e chiare, quasi banali: un mooderatore esterno per garantire l'imparzialità; 10 domande poste dal moderatore ai soli candidati sindaci; un confronto diretto solo fra i due candidati sindaci. Da parte nostra c'era non solo la disponibilità ma proprio il desiderio di confrontarci perché crediamo che ogni dibattito possa essere utile e ogni confronto possa essere costruttivo. Le condizioni per il dibattito,però, dovevano essere concordate e le nostre richieste erano in linea con quanto avviene comunemente in tutti i dibattiti, dove, a confrontarsi sono solo i candidati alla carica (in questo caso di sindaco) anche perché, vista la natura delle elezioni amministrative sono gli unici due attori certi del prossimo consiglio comunale unico punto su cui non si é trovato l'accordo. 
Luca Maria Giuseppetti in una nota commenta: "Avremmo avuto piacere di confrontarci pubblicamente e direttamente con l'altra lista che ha ufficializzato la sua presentazione per le prossime elezioni comunali. Per questo motivo avevamo invitato la lista “Futuro per Caldarola” a definire le modalità dell'auspicato dibattito. Nell'incontro tenutosi oggi tra i rispettivi rappresentanti, tuttavia, è emersa una visione differente che ha impedito il realizzarsi dell'evento già previsto per il prossimo 16 maggio. Pur preferendo un moderatore locale, che avesse chiara la situazione del paese, infatti, avevamo accettato la diversa richiesta di una figura esterna che conducesse l'incontro, ma ciò non è stato sufficiente. Tra le richieste che avevamo espresso vi era anche quella di coinvolgere i cittadini con domande che avrebbe filtrato preventivamente il moderatore, ma questo aspetto, purtroppo, non è stato condiviso dall'altra lista.
La nostra proposta, inoltre, si basa su di un progetto di gruppo e di squadra - aggiungono i candidati che sostengono Giuseppetti - , capitanato dal candidato sindaco  ed anche su questo, nostro malgrado, non è stato possibile convergere, in quanto la lista “Futuro per Caldarola” ha posto come condizione pregiudiziale il confronto tra i soli candidati sindaci, senza possibilità per gli altri candidati consiglieri di prendere parte attivamente alla discussione. 
In questo modo a nostro avviso quella che doveva essere un'occasione di arricchimento e di leale comparazione tra due diverse idee di amministrazione, sostenute da persone indubbiamente eterogenee tra loro, si sarebbe tramutata in un dibattito tra i soli candidati sindaci, che non avrebbe permesso di far emergere le diverse peculiarità, caratteristiche e competenze degli altri candidati.
Spiace - concludono - che in questo modo si sia perduta una grande opportunità di contraddittorio pubblico tra tutti i componenti delle liste candidate, restiamo in ogni caso aperti e disponibili al confronto sui programmi e sui contenuti delle rispettive proposte".
 
GS

A Visso saranno due le liste a contendersi il posto del senatore Giuliano Pazzaglini che, per impegni personali, ha scelto di non ricandidarsi. Alla guida di "Insieme per Visso" Gian Luigi Spiganti Maurizi, insieme ad Agostino Albani; Mirco Loretoni; Sara Rizzi; Giancarlo Carioli; Alice Liberti; Antonio Aureli; Alessia Rastelli; Gianfranco Pugnali; Filippo Sensi; Patrizia Serfaustini.

Sara Tomani è a capo dell'altro gruppo formato da Stefano Stefani; Pasqualino Falconetti; Vincenzo Sordi; Luca Testa; Mario Martini; Maurizio Ticani; Francesco Ferraro; Anna Cherubini; Barbara Cappa; Giulia Orsini

 Dopo aver uffcializzato la sua candidatura a sindaco di Fiastra, Giancarlo Ricottini presenta il logo e la squadra di giovani che componogono la sua lista "Un futuro per Fiastra.  "Con l'aiuto del dottor Carlo Vecchioli- afferma Giancarlo Ricottini-  per questa coraggiosa, appassionata e coinvolgente avventura,.siamo riusciti a mettere insieme una fantastica squadri di giovani ".
Di "Un futuro per Fiastra"  Giancarlo Ricottini sindaco, fanno parte :
1) Carlo Vecchioli, 64 anni, medico specialistico, neopensionato, appassionato di montagna e fotografia, sarà assessore e vicesindaco, seguirà eventi, turismo, sviluppo e servizi relativi.
2)Stefano Blanchi, 39 anni, laureato in lettere e filosofia, master di 1°livello in gestione e conservazione di archivi pubblici e privati. Si occuperà del sociale, della storia, dell'arte e della cultura del nostro comune.
3) Giacomo Epifani, 25 anni ragioniere, agricoltore e carabiniere, seguirà la montagna, i servizi e i fabbisogni delle aziende agricole - pastorali.
4) Michele Polverini, 29 anni, ragioniere e programmatore, si occuperà dall'aspetto social e marketing per la promozione e divulgazione di tutte le iniziative e di tutte le attrattive che riusciremo a produrre per attirare turismo sostenibile.
5) Sarah Jorgensen Fondi, 40 anni, imprenditrice, laureanda in veterinaria, si occuperà di fondi europei, fondi per la montagna, fondi per l'agricoltura, fondi per lo sviluppo rurale.
6) Andrea Leli, 31 anni, laureato in ingegneria edile, ingegnere strutturista, si occuperà del sisma, direttive, normative, decreti e ricostruzione.
7) Leonardo Fede, 25 anni, elettrotecnico, si occuperà di sport, necessità annesse allo sport ed agli impianti sportivi nelle frazioni principali, ristrutturazione degli stessi, gestione.
8) Annalisa Belli, 29 anni, laureata in scienze della formazione primaria, insegnante di ruolo, si occuperà di scuola e istruzione in tutte le sue sfaccettature.
9) Joele Petriaggi, elettrotecnico, 19 anni, sarà portavoce delle esigenze di giovani e giovanissimi.

La lunga notte delle amministrative. Urne chiuse alle ore 23 nei seggi dei comuni chiamati a rinnovare i consigli comunali e ad eleggere il sindaco. Nelle Marche si è votato in 29 comuni, due dei quali, San Benedetto del Tronto e Castelfidardo, con popolazione superiore ai 15mila abitanti e, quindi, a rischio ballottaggio. Di questi 4 sono in provincia di Ancona (Castelfidardo, Camerano, Cupramontana, Santa Maria Nuova), 5 in provincia di Ascoli Piceno (Sambenedetto del Tronto, Acquasanta Terme, Arquata del Tronto, Force, Montegallo), 4 nella provincia di Fermo (Monte San Pietrangeli, Ortezzano, Petritoli, Rapagnano), 7 in provincia di Macerata (Bolognola, Castelraimondo, Esanatoglia, Morrovalle, Muccia, Portorecanati, San Severino Marche). la parte del leone l'ha recitata la provincia di Pesaro Urbino con 9 città chiamate ad eleggere il sindaco.

Nei 7 comuni della provincia di Macerata chiamati alle urne l'affluenza è stata del 61.59%, più bassa rispetto alla media nazionale. Il più alto numero di votanti a Muccia con l'83.1% dei votanti, mentre a Portorecanati si è recato alle urne solo il 58.75% degli aventi diritto.

Bolognola – eletto sindaco Cristina Gentili, 44 anni, amministratore di condominio, unica candidata è riuscita a battere il pericolo dell'astensionismo. Nel piccolo comune dell'entroterra ha votato il 61,78% degli aventi diritto contro il 94,92% delle precedenti amministrative. Sui 140 cittadini chiamati alle urne sono stati 76 i votanti con Cristina Gentili che ha ottenuto 55 voti, mentre 10 sono state le schede bianche e 11 le schede nulle.

Castelraimondo - confermato sindaco il primo cittadino uscente Renzo Marinelli con 1396 voti, al secondo posto Renato De Leone con 644, terzo Daniele Antonozzi con 527 consensi. 

Esanatoglia - Luigi Nazzareno Bartocci è il nuovo sindaco. Succede a Giorgio Pizzi nella carica di primo cittadino. Bartocci, vice sindaco uscente alla guida della lista "Per Esanatoglia", si è imposto con 534 voti contro i 408 ottenuti dalla lista "Nuova Esa" guidata da Claudio Modesti. Più distanziati gli altri due candidati Luca Dolce, che ha ottenuto 198 preferenze e Massimiliano Tronchi, con 123 voti ottenuti.

Morrovalle - voto plebiscitario per il primo cittadino uscente Stefano Montemarani che viene confermato sindaco della città. Nettamente battuto lo sfidante Francesco Acquaroli. Montemarani ha ottenuto 3195 voti, pari al 61% dei consensi, contro i 2045 voti conquistati da Acquaroli (39%) dei consensi. Lo scarto, dunque, è di 1150 voti

MucciaMario Baroni è il nuovo sindaco. E' stato eletto con 373 voti contro i 221 ottenuti dal primo cittadino uscente Fabio Barboni

San Severino Marche - per la prima volta nella storia la città sarà guidta da una donna. Rosa Piermattei è il nuovo sindaco. I settempedani hanno, dunque scelto Rosa Piermattei con 2203 voti, Massimo Panicari si è classificato al secondo posto con 1771 consensi. In terza posizione Piettro Cruciani con 1190 voti, mentre al quarto posto Francesco Borioni con 1086 preferenze. 

Portorecanati - E' Roberto Mozzicafreddo il nuovo primo cittadino. Alla guida di una coalizione di centro destra Mozzicafreddo ha avuto la meglio sugli altri candidati, in particolare su Giovanni Giri e Loredana Zoppi. Particolarità: il consigliere regionale Elena Leonardi è stata la meno votata tra i sei candidati.

Santa Maria Nuova (AN) - il nuovo sindaco è Alfredo Cesarini che ha avuto la meglio sugli altri due candidati Fabio Iencenella e Angelo Santicchio

Cupramontana (AN) - eletto sindaco Luigi Cerioni con l'83% dei consensi ottenuti sul 54% dei votanti. la particolarità è che la lista guidata da Cerioni ha ottenuto lo stesso numero di voti conseguiti nella precedente tornata amministrativa quando si era recato alle urne il 75% degli aventi dirittto

 

 

COMUNALI: al voto il 5 giugno- Eventuale ballottaggio il 19

E' ufficiale: per le elezioni amministrative le date sono domenica domenica 5 giugno per il primo turno 19 giugno per l'eventuale ballottaggio. Le giornate sono state fissate dal ministro dell'Interno Angelino Alfano e comunicate dal Viminale.

Nelle Marche si vota per il rinnovo di29 amministrazioni comunali, 7 in provincia di Macerata: San Severino, Morrovalle, Porto Recanati, Castelraimondo, Muccia, Esanatoglia, Bolognola. Giugno mese decisivo anche per la provincia di Macerata; scade infatti il mandato di Pettinari e dei suoi assessori e consiglieri i quali, governeranno comunque ancora per tre mesi senza percepire indennità di carica. Quanto alle comunali le diverse forze politiche stanno mettendo insieme nomi e cercando possibili alleati. Parecchi comunque, quelli già usciti allo scoperto. Tre nomi per Castelraimondo, il sindaco uscente Renzo Marinelli che potrebbe ricandidarsi e venerdì prossimo incontrerà lla cittadinanza (se così fosse per lui sarebbe il quarto mandato); il Partito Democratico nei prossimi giorni deciderà anche se si fanno già i nomi del professor Renato De Leone docente dell'Università di Camerino e del dirigente scolastico Giancarlo Marcelli; la lista "Castelraimondo che sarà" propone invece l'insegnante Daniele Antonozzi, con il sostegno del consigliere comunale uscente Dario Farabollini e di Daniela Nizi.

A Muccia in cerca di conferma per il secondo mandato l'attuale sindaco Fabio Barboni mentre èincerta una seconda lista; a Bolognola, comune sul quale pende la ormai certa fusione con Sarnano, nell'attesa il 5 giugno si andrà a votare ma non si sono ancora ufficialmente espresse per un'ufficiale candidatura sia il sindaco uscente Simonetta Scaficchia che la possibile contendente Maria Gabriella Maggi, già sindaco del piccolo comune di 150 abitanti.

A San Severino Marche, unica certezza per ora è la lista civica di Rosa Piermattei e di Alessandra Aronne e Francesco Borioni. Il Movimento 5 Stelle sembra invece voler candidare Mauro Bompadre e altro nome in lista quello di Cadia Carloni. Quanto agli altri partiti, sia di centro-sinistra che di centro-destra nulla di ufficiale è ancora emerso e sono in corso i contatti per trovare consensi e possibili alleanze.

Per Porto Recanati già ufficiali sono Giovanni Giri, Alessandro Rovazzani e Sauro Pigini mentre, tra i probabili, c'è l' ex sindaco Sabrina Montali. A Esanatoglia potrebbe ricandidarsi il sindaco uscente Giorgio Pizzi che dovrà sfidarsi con il medico Claudio Modesti (già assessore comunale a Matelica nella giunta Gagliardi), alla guida della lista civica trasversale. Unasfida a due quella che si prospetta a Morrovalle, dove correrà per il secondo mandato il sindaco uscente Stefano Montemarani pronto a contendersi la poltrona con l'ex sindaco Francesco Acquaroli del Pd, all guida di una lista di centro-sinistra che potrebbe avere l'appoggio dell'Udc.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo