Arriva la seconda candidatura ufficiale a consigliere della regione Marche per Frateli D'Italia. Simone Livi ha infatti annunciato sul suo profilo Facebook l'impegno a sostegno del candidato governatore Francesco Acquaroli per la corsa al Palazzo Raffello.
"Ringrazio il partito che mi ha dato questa opportunità - ha detto ai microfoni di Radio C1...inBlu - . C'è un progetto serio per carcare di cambiare questa regione dopo 25 anni di governo di sinistra. Ci sono molti punti nel nostro programma e su vari settori, ma io ritengo che principalmente ci si debba concentrare su tre punti: la sanità, la ricostruzione e il sostegno al mondo del lavoro. Credo che questa sia la strada maestra da portare avanti".

Ancora una volta, dunque, torna il tema del sisma e della ricostruzione al centro della campagna elettorale: "Questo sarà un mio impegno personale - ha voluto precisare - aldilà del sostegno a Francesco Acquaroli perchè ritengo che sia vergognoso che dopo 4 anni dal sisma si stia ancora in alto mare. Bisognerebbe snellire tutta la prassi burocratica e velocizzare sulle cose più importanti. Ad oggi ci sono ancora molte macerie da smaltire ed in un Paese civile non può accadere una cosa del genere".

GS

Questa mattina la visita del consigliere regionale uscente di Fratelli d'Italia, nonchè candidata alle prossime elezioni regionali, Elena Leonardi, al Museo Diocesano di Camerino.
Una occasione per conoscere, grazie anche ai racconti della direttrice Barbara Mastrocola, il patrimonio artistico e culturale che attende di tornare nei luoghi che lo custodivano prima del terremoto.
"Le Marche - ha detto Elena Leonardi ai microfoni di Radio C1...inBlu - dimostrano di avere un grande patrimonio storico e culturale. Purtroppo il sisma ha messo in evidenza l'esigenza, non solo di conservare, ma anche di restaurare e poter rendere fruibili queste opere, nonchè di avere luoghi espositivi degni del patrimonio che abbiamo, in attesa delle ricostruzioni che devono avvenire il prima possibile. Abbiamo molto da dare: la cultura e la nostra storia sono temi su cui puntare per rilanciare il territorio e per far conoscere le bellezze che abbiamo".

WhatsApp Image 2020 07 29 at 12.32.11
Elena Leonardi firma il libro delle presenze al museo

In quanto ai temi da portare avanti in questa campagna elettorale, da consigliere uscente Elena Leonardi dimostra di avere le idee chiare sulle criticità che secondo lei vanno affrontate: "Parto dal terremoto - ha proseguito - perchè sono a Camerino che è certamente uno dei luoghi simbolo di questo disastro. La Regione dovrebbe avere un ruolo più forte nei confronti del Governo per far ripartire queste realtà. In questi cinque anni sono poi stata vice presidente della Commissione Sanità quindi credo che sia un altro tema cruciale per garantire alle Marche una sanità equa ed accessibile ai nostri territori. La perdita di servizi sta portando ad incentivare lo spopolamento dell'entroterra e qui aggiungo il tema delle infrastrutture che consentono  di garantire, non solo l'accesso alle realtà, ma anche favorire il commercio e lo sviulppo dei territori che si raggiungono difficilmente. Il tema del lavoro è cruciale - ha aggiunto - poi a Camerino c'è l'università, quindi come non citare il mondo dei giovani e la sconfortante realtà che vede i nostri ragazzi emigrare per poter trovare un futuro lavorativo all'estero. Infine il turismo che si snoda di pari passo a tutte queste caratteristiche". 

WhatsApp Image 2020 07 29 at 12.32.37
Elena Leonardi e Barbara Mastrocola

Elena Leonardi è, ad oggi, l'unica candidata certa per il partito di Giorgia Meloni; ancora da definire la squadra a cui si sta lavorando: "Si stanno componendo le liste - ha detto - che devono essere forti e rappresentative di tutti i territori. Vogliamo dare un supporto, anche attraverso la composizione delle liste, a Francesco Acquaroli. Credo che a breve saranno sciolti gli ultimi nodi, si sta cercando di fare un lavoro capillare per cercare di mettere, non solo a dispooszione le energie migliori, ma quelle che possano rappresentare il partito e i temi cardine su cui vogliamo fondare la restituzione della vitalità alla regione Marche".

GS
Una candidatura forte, autorevole, moderata. Con questi aggettivi il candidato alla Presidenza della Regione Marche per la coalizione di centrodestra, Francesco Acquaroli, ha presentato oggi a Fabriano, la candidata del territorio alla carica di consigliere regionale per Fratelli d’Italia, Mirella Battistoni. A fianco di Acquaroli, il componente dell’Assemblea nazionale di FdI Carlo Ciccioli, Lorenzo Rabini, portavoce provinciale del partito e il componente dell’Assemblea nazionale di Fratelli d’Italia sezione di Fabriano, Ennio Mezzopera.

«Con Mirella Battistoni siamo certi che questo territorio possa essere rappresentato al meglio, con professionalità e concretezza», le parole di Acquaroli che si è poi soffermato sulle problematiche più urgenti del fabrianese. «Dall’imprenditorialità di Fabriano abbiamo dato un’importante risposta occupazionale nel corso degli anni ed esportato un modello copiato da tanti. Noi vorremmo ripartire da queste realtà per dare un futuro perché c’è ancora tanto da esprimere per far tornare le Marche importanti. Crediamo fermamente che dall’entroterra possa partire il riscatto della nostra Regione». Francesco Acquaroli che ha evidenziato di non credere ai sondaggi, ma di giudicare un eventuale alleanza Pd-M5S una sorta di conferma degli stessi che vedono il centrodestra in vantaggio, ha anche toccato il tema della ricostruzione. «Di fatto non è mai partita, finché il Governo e il Parlamento non mettono in condizione gli Enti e i privati, con le norme adeguate di poter iniziare i cantieri di fatto siamo fermi e che rischia di procurare danni impressionanti a queste zone. Quindi, bisogna che il Governo, come detto dallo stesso commissario Legnini, si adoperi a far approvare dal Parlamento le giuste norme. La nostra Regione è a un bivio: se continuare con un modello solito o cambiare affidandosi a un progetto nuovo, il nostro, che intende mettere al centro del proprio agire le esigenze reali del territorio: famiglie, giovani, imprese che devono essere supportate e non soffocate. Serve una politica che sappia essere non ideologica, ma concreta e che colga le opportunità e ne sappia creare di nuovo. Il declino non è inesorabile, l’alternativa c’è e siamo noi. Noi vogliamo ridare dignità a tutti i nostri territori», ha concluso Acquaroli. 

Il taglio del nastro foto
Il taglio del nastro

«Francesco ed io crediamo fermamente che Mirella Battistoni possa contribuire a dare quel surplus di competenza e concretezza di cui non solo Fabriano e il suo comprensorio hanno bisogno, ma l’intera Regione. Occorre disegnare il nuovo sviluppo economico delle Marche, sapendo impiegare al meglio i finanziamenti Europei e Nazionali. Mirella ha dimostrato, con la sua lunga attività professionale, di essere la persona adatta», gli ha fatto eco, Carlo Ciccioli che è tornato a chiedere una forte accelerazione per il completamento della Quadrilatero per il tratto fabrianese. «Abbiamo un brivido di emozione perché sono convinto che questa volta governeremo, sono i marchigiani che vogliono farci vincere a furor di popolo, c’è una forte delusione nei confronti della sinistra che si tocca con mano. Noi, da parte nostra, abbiam progetto e obiettivi per poter governare al meglio», ha concluso.

«Ho accettato di candidarmi in quanto credo fermamente che il fabrianese abbia bisogno di un rappresentante, moderato e libero dalle logiche delle politiche, all’interno della coalizione che vincerà le elezioni di settembre. Questa terra ha dato tanto alle Marche ed è stata messa all’angolo negli ultimi anni, spogliandola di servizi essenziali quali il depotenziamento dell’ospedale Profili, non sapendo gestire i finanziamenti Europei e Statali che avrebbero potuto fermare la crisi in atto dal 2008 sia a Fabriano che in altre importanti zone delle Marche. Mai come in questo momento, invece, c’è bisogno di una Pubblica Amministrazione più vicina alle famiglie e alle imprese, per invertire il declino che i partiti di centrosinistra non hanno saputo arrestare», le parole della candidata, Mirella Battistoni, che ringrazia «il nostro candidato alla carica di Presidente della Regione, Francesco Acquaroli, il componente dell’Assemblea nazionale di FdI, Carlo Ciccioli, Lorenzo Rabini ed Ennio Mezzopera, insieme a tutti i presenti all’avvio della mia campagna elettorale». 

È un segno importante per Fabriano «perché testimonia il rinnovato interesse per le zone dell’entroterra marchigiano e anconetano. Tutti noi vogliamo dare respiro al fabrianese contribuendo a rilanciare il territorio da un punto di vista sociale ed economico, accelerando nella ricostruzione post-sisma, nel completamento delle infrastrutture materiali e immateriali, rimanendo al fianco dei nostri bravissimi imprenditori, artigiani e commercianti, aiutando chi si trova in difficoltà per questa lunga crisi economica acuita dalla pandemia da Covid-19. Anche per questi motivi, FdI di Fabriano ha deciso di inaugurare oggi la sua sede di via Gioberti 19, un punto di ascolto dove chiunque potrà venire per presentare le proprie idee, progetti e suggerimenti», ha concluso.

GS



Sul fatto che la politica sia l'arte del possibile e la scienza del relativo, come diceva Bismark, nulla da obiettare.
E la dimostrazione arriva in tempi di composizione di liste dove "partenze e ritorni" sono più numerosi che sul tabellone di una stazione ferroviaria.
Al centro della discussione, in questi giorni, la possibile candidatura del sindaco di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi, nella lista di Forza Italia a sostegno del candidato governatore regionale Francesco Acquaroli.
Ricordano tutti, infatti, la spaccatura tra il primo cittadino e il partito di Silvio Berlusconi dopo la scelta di estromettere dalla carica di assessore Alessia Pupo.
In un incontro a Tolentino, il coordinatore provinciale del partito, Riccardo Sacchi, in difesa della Pupo ricordò come "Forza Italia avesse dato un contributo decisivo all'elezione del sindaco con quasi mille voti e una percentuale del 10,74%. Un contributo disconosciuto, rimettendo in discussione tutta quell'alleanza elettorale premiata dai cittadini nel 2017 e che ne ha determinato l’elezione".

Toni forti quelli utilizzati dal coordinatore provinciale che ora, stando ad alcune indiscrezioni, potrebbe ritrovarsi con il sindaco del "rimpasto di giunta" nel gruppo.
Ma è lo stesso Pezzanesi a commentare l'indiscrezione: "Quando sono stato in Forza Italia con due candidature alle elezioni provinciali - dice - ho ottenuto percentuali come il 34%, con la vittoria dei due collegi in cui ero presente. Nelle mie performance elettorali - precisa - dovute al grande e profondo legame dovuto con i cittadini di Tolentino e dei paesi vicini, ho dimostrato che al di là del partito in cui si milita deve essere messo in campo il cuore".
Poi il commento sull'allontanamento dal partito: "Lasciai Forza Italia quando divenni sindaco di Tolentino - dice - . Successivamente l'allontanamento dell'assessore Pupo, insieme a quello di Massi,  si è prestato ad una serie di interpretazioni che hanno riempito colonne di giornali e polemiche. La verità è che io sono il sindaco di Tolentino e ho degli impegni nei confronti della cittadinanza, nel momento in cui qualcuno, che ha preso l'impegno insieme a me per un unico obiettivo, dovesse avere delle distrazioni, ci sono dei provvedimenti da prendere.
Tutte queste polemiche sono strumentali per sentirsi vivi - aggiunge - . Quando si pensa di più alla carriera piuttosto che alla collettività si rischia di scomparire dalla scena e di dire o scrivere cose non vere".
Infine un commento sulla sua possibile candidatura con Forza Italia: "Ho un grande rispetto nei confronti di tutti i partiti di questo Paese che hanno a cuore la collettività. Forza Italia, che pure oggi non annovera più quelle percentuali di consenso che lo avevano reso il primo partito del Paese con un Berlusconi scintillante, avrà avuto pure il tempo di pensare a quale errore possa aver fatto la sua classe dirigente per veder scendere la percentuale. Credo che questo valga per ogni partito che vede i propri consensi calare. Non avevo alcuna guerra allora, non ho alcun pentimento che mi porti ora a riavvicinarmi a Forza Italia.
Con questo partito ho affinità che riguardano la moderazione, il centro, l'aspetto dell'ascolto e della determinazione di raggiungere i risultati. Chiaro che oggi io sono orgogliosamente civico, ho collaborato con chi vuole cambiare la Regione a prescindere dall'orientamento politico. Una collaborazione con Forza Italia e tutto il centro destra l'ho sempre avuta, dimostrandolo anche con la composizione della mia giunta che vede insieme anche Lega e Fratelli D'Italia. Sono un moderato più di centro che di destra - conclude - senza disdegnare di collaborare per il bene della colletitvità".

Nulla di certo, quindi, per quanto riguarda una sua possibile presenza nel gruppo del partito di Berlusconi. Una indiscrezione che però, se fosse vera, escluderebbe Alessia Pupo dalla corsa per le regionali. Sale su una ferita aperta che ha segnato una delle pagine di storia politica di Tolentino.

GS


Il Covid 19 ha colpito duro sull’economia marchigiana. I dati forniti da Bankitalia parlano, infatti, di un calo del fatturato superiore alla media nazionale con oltre il 25% di perdita, addirittura il 43% in meno per quanto riguarda il numero degli addetti sospesi e un crollo senza precedenti del Pil. “Dati che evidenziano il disastro della sinistra al governo delle regione – dichiara il candidato alla presidenza del centro destra Francesco Acquaroli - Serviva liquidità immediata alle aziende per compensare cali di fatturato drammatici. Invece il governo regionale ha tardato colpevolmente ad attivarsi, impostando una manovra economica solo dopo molti mesi dall'inizio del virus, con bandi aperti solo in queste settimane. Poi si è imbarcato in procedure burocratiche e farraginose che ancora non producono effetti concreti. È necessaria una svolta, un cambiamento radicale delle politiche regionali, in termini di visione e concretezza operativa, per rilanciare un nuovo e reale progetto di difesa attiva e sviluppo dell'economia marchigiana. Le imprese sono il cuore pulsante dell'economia e della società regionale: non possono rimanere sole”.

f.u.
I leaders nazionali del centro destra nelle Marche per sostenere la candidatura di Francesco Acquaroli. Dopo Giorgia Meloni in regione arriva questo sabato Matteo Salvini per una breve visita al complesso residenziale dell'Hotel House di Portorecanati, sulle cui problematiche il leader leghista sembra particolarmente attento, e per un successivo incontro con la stampa. "La visita dell'onorevole Meloni - a parlare è il candidato governatore Francesco Acquaroli - ha messo il sigillo sulla mia candidatura. Ho notato tanto entusiasmo per questo progetto di rinnovamento delle Marche in tutte le forze politiche che compongono la nostra coalizione di centro destra e che si sono già messe al lavoro per la composizione delle liste cercando di dare la spinta dai territori che possa essere determinante per voltare finalmente pagina e dare un nuovo governo alla nostra regione". "Uniti intorno ad Acquaroli - così Giovanni Gabrielli, esponente della Lega che ha offerto la propria disponibilità per un'eventuale condidatura - Lavoriamo a testa bassa per un progetto che speriamo sia vincente per portare il nostro candidato a diventare governatore delle Marche. Compiti dei vertici del nostro partito quello di definire liste e candidature sulle quali c'è confronto aperto e costruttivo".

f.u.
Forza Italia al lavoro per il programma elettorale e la scelta dei nomi che rappresenteranno il partito di Silvio Berlusconi alle elezioni regionali.
A spiegare l'impegno organizzativo per il territorio della provincia di Macerata è il coordinatore provinciale Riccardo Sacchi: "Avremo domani un incontro con il coordinatore regionale Francesco Battistoni che sarà in provincia per incontrarmi, insieme ad una selezione del coordinamento provinciale, per poter cominciare a ragionare sulla formazione delle liste che sarà sicuramente molto qualificata. Terrà conto - spiega Sacchi - non solo del singolo peso dei candidati e delle candidate che saranno 6 con un'equa distribuzione uomo-donna, ma osserveremo attentamente il criterio dei rappresentanti di tutte le zone: dalla montagna alla costa senza tralasciare la media collina. Dovranno essere candidati con le giuste competenze e capacità per rappresentare le istanze che Forza Italia porterà nel Centro destra".
Un Centro destra rappresnetato da Francesco Acquaroli di cui Sacchi ribadisce le qualità: "È bene evidenziare come in tutta Italua i candidati del Centro destra siano scelti in maniera condivisa e compatta. Francesco Acquaroli è molto preparato ed è sempre passato per il vaglio degli elettori, credo sia un'ottima scelta per il nostro territorio, forse una delle migliori che si potevano fare".

Sacchi sottolinea quindi la forte presenza del partito nel futuro politico regionale, annunciando i punti salienti del programma di Forza Italia: "La ricostruzione al primo posto - ha detto - che, a causa dell'incapacità politica del centro sinistra che dal 2016 ad oggi ha governato sia la Regione che il Paese, si trova in condizioni disastrose. Le responsabilità non lasciano, quindi, spazio a dubbi. Dei circa 300 comuni colpiti dal sisma la provincia di Macerara è quella che in percentuale ha avuto più centro colpiti da questa sciagura. Non dimentico l'attenzione dell'allora Presidente del Parlamento Europeo Tajani con ingenti fondi per il sisma: credo che se anche il Governo e la Regione avessero avuto questa sensibilità forse oggi non avremmo avuto ancora 1/4 delle macerie da rimuovere. Quel che è certo - spiega - è che faremo del sisma e della ricostruzione uno dei punti principali. A questo seguirà la sanità, dal momento che il Covid ci ha mostrato come lo schema sanitario dell'Asur regionale vada ridiscusso, tenendo conto delle specificità territoriali e della conformazione del territorio. Poi la questione del riequilibrio tra costa ed entroterra, perchè determina l'armonia della nostra terra: per fare questo sono cenessari interventi sulla viabilità e sulle infrastrutture, a partire da un aeroporto che non è degno delle potenzialità turistiche della nostra regione, così come il trasporto su rotaie e su gomma".

Infine la critica alla scelta di andare al voto a settembre: "Credo sia un delitto politico - denuncia - , la scadenza per la formazione delle liste sarà in prossimità di ferragosto. Bisogna pensare cosa significa questo termine per una macchina organizzativa che ha già affrontato la pandemia".

GS






Mentre il leader del Carroccio, Matteo Salvini, ha dedicato la mattinata di ieri alle Marche, partendo da Osimo e toccando altri centri tra cui Montegranaro e Fermo, potrebbe essere Fratelli d'Italia ad aggiudicarsi il candidato del centrodestra per le possime elezioni regionali.
Una conferma che potrebbe arrivare nelle prossime ore a seguito di diverse riunioni tra i vertici dei principali partiti del centrodestra da cui dovrebbe emergere il nome del deputato Francesco Acquaroli, come rivendicato da Giorgia Meloni già a dicembre scorso.
Se così fosse decaderebbe quindi il nome di Fabrizio Ciarapica, sindaco di Civitanova, che era il favorito delle liste civiche e del leader della Lega.
Un nome, quello di Acquaroli, che sta prendendo piede sul tavolo nazionale di centrodestra che alla fine sembra possa essere disposto a cedere sul primo dei nomi fatti da tempo, nonostante la Lega abbia subito rifiutato le candidature della Meloni in tutte le regioni di riferimento. 
Una volta confermato il deputaro resta poi da capire quali saranno i nomi che sosterranno questa candidatura.

GS
"Il tavolo nazionale si è riunito e noi non abbiamo motivo di credere che i nostri alleati non siano leali con quello che è stato stabilito". Così Francesco Acquaroli di FdI,  raggiunto poco prima di Natale dall'accordo di coalizione per l'investitura ufficiale a candidato governatore del centrodestra, alle regionali Marche 2020.  Le ultime dichiarazioni dell'alleato della Lega Matteo Salvini hanno però ingenerato qualche dubbio; dopo un risultato non particolarmente felice in Emilia Romagna, pare infatti che Salvini abbia fatto capire che potrebbe essere orientato a rivedere le candidature alle regionali di Campania, Puglia e Marche, già decise con gli alleati di FdI e Forza Italia. Un summit tra lo stesso leader del Carroccio, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi, è in pogramma per la settimana prossima. Risuona ormai da alcuni giorni il nome del sindaco di Civitanova Fabrizio Ciarapica, sostenuto da una lista di amministratori del territorio e al quale Salvini ha mostrato di avvicinarsi. Di fronte a ventilate ipotesi, chiaro il concetto espresso da Francesco Acquaroli nel rivendicare un accordo raggiunto dagli alleati sul suo nome: " La mia candidatura è venuta da Giorgia Meloni che ha annunciato una scelta fatta sul tavolo nazionale e concertata con gli altri partiti- sottolinea il deputato di Fratelli d'Italia-. Questo è un momento in cui stiamo girando molto nei nostri terrirìtori- ha aggiunto-. Stiamo cercando di allargare la nostra coalizione e di approfondire le tematiche che riteniamo centrali e soprattutto, cerchiamo di guardare ad una proposta unitaria e compatta, come alternativa credibile a chi sta governando in questo momento la Regione Marche".  
C.C.

E' Francesco Acquaroli il candidato del centrodestra per le regionali Marche 2020. Ufficializzata la scelta di Giorgia Meloni per le Marche, una delle regioni che il tavolo nazionale del centrodestra ha assegnato a Fratelli d'Italia.  Il deputato, ex sindaco di Potenza Picena è riuscito dunque a spuntarla su Guido Castelli, ex sindaco di Ascoli Piceno tra i favoriti per la candidatura a governatore fino a qualche settimana fa. 
" Annunciamo le candidature del copresidente del gruppo dei conservatori europei Raffaele Fitto per la Puglia e del deputato Francesco Acquaroli per le Marche", recita la nota del partito  nella quale viene ribadito nel rispetto degli accordi assunti con gli alleati di centrodestra, il suo appoggio alle candidature della senatrice della Lega Lucia Borgonzoni a presidente della Regione Emilia-Romagna e alla candidatura della deputata di Forza Italia Jole Santelli alla presidenza della Regione Calabria. "Come sempre- conclude la nota- Fratelli d’Italia sarà coerente e leale rispetto agli impegni presi con gli alleati del centrodestra, e siamo certi che anche loro sapranno fare altrettanto. Lavoreremo insieme, con convinzione ed entusiasmo, per vincere in tutte le Regioni e garantire ai cittadini dei governi alternativi alla sinistra".
c.c
Pagina 1 di 2

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo