In occasione del secondo anniversario della scomparsa di Riccardo Milani, il papà Luciano, la mamma Liliana e la sorella Loredana, vogliono ricordarlo con una messa a suffragio. La celebrazione è prevista questa domenica 7 aprile alle ore 11.30, nella chiesetta in legno di Pieve Torina.

Il suo sorriso e il suo gran cuore restano vivi dentro l’intera comunità del paese; tutti lo conoscevano, tutti ne apprezzavano la grande energia e solarità che ha lasciato testimonianza nelle attvità di numerose associazioni. Un leader carismatico per lo stesso gruppo degli “Arcieri da Varano”, che Riccardo ha sempre considerato la sua seconda famiglia, che l’ ha portato a distinguersi nella Federazione dell’arco storico in tutta Italia; segni importanti della sua passione per lo sport, anche nella pallavolo e nel parapendio. A lui è intitolato il Club Volo Libero  di Esanatoglia. Esempio per tutti i suoi amici e compaesani, Riccardo Milani, si è distinto anche come volontario di protezione civile, non esitando ad impegnarsi in prima persona e in ogni modo, per alleviare le sofferenze della sua popolazione durante il lungo periodo dell'emergenza , tanto da diventare punto di riferimento per le associazioni di soccorso che da tutta Italia hanno raggiunto Pieve Torina.

Domenica 7 aprile, insieme ai suoi cari, un’occasione per ricordarne le doti di umanità, in un momento di preghiera condiviso.

C.C.

Riccardo Milani 222

Iniziata a Pieve Torina la serie di incontri organizzati dall’amministrazione comunale e rivolti ai cittadini per aiutarli a velocizzare il percorso della ricostruzione. Una campagna di aiuto e di ascolto che coinvolge da un lato i tecnici e dall’altro la comunità cittadina, per sciogliere i nodi soprattutto riferiti alle zone più critiche del paese e delle sue frazioni. Il primo appuntamento si è tenuto con grande partecipazione lo scorso giovedì. “ Lo scopo- spiega il sindaco Alessandro Gentilucci- è quello di accompagnare i cittadini in questo percorso, con le informazioni giuste e con tutto l’aiuto possibile al fine di velocizzare la ricostruzione all'interno del nostro territorio. Tutto l’appoggio possibile nel segno della Ricostruzione – continua il sindaco- prodighi nei confronti di chi deve animare le nostre zone. E’ questo il senso dell’iniziativa che ripeteremo periodicamente e che già nel suo primo passo si è rivelata, apprezzata e molto positiva nei riscontri”.

Nel tessuto devastato di uno dei centri più colpiti dell'entroterra il coraggio non è mai venuto meno, rafforzato anche da una solidarietà sensibile che ha permesso di realizzare nuove strutture che hanno rappresentato ottimi segnali di ripartenza. E intanto, Pieve Torina guarda già a quelle che saranno le nuove opere di cantiere, prima fra tutte la costruzione del nuovissimo asilo nido, del quale si attende la posa della prima pietra.

“Già venerdì-- dice il sindaco Alessandro Gentilucci- avremo un primo incontro dedicato al nuovo asilo per i più piccoli; credo che davvero a giorni sarà  possibile partire con questa grande opera che significherà ridare un'opportunità. Siamo anche in dirittura d'arrivo con la complessa e delicata procedura riferita al primo piano delle opere pubbliche- aggiunge- Un percorso davvero farraginoso e lungo che riguarda strutture significative per il nostro paese, includendo la nostra “casa di riposo” e la chiesa di Sant'Agostino. Anche per questa parte- conclude Gentilucci-., possiamo dire con soddisfazione di trovarci finalmente ai nastri di partenza”.

Comitato dei sindaci del cratere operativo. Nei prossimi giorni se ne deciderà il rappresentante. Intanto si lavora ad un documento che riassuma problematiche e possibili soluzioni da presentare al Primo Ministro Giuseppe Conte. Proprio a lui poi, i sindaci che hanno costituito il comitato, una 70ina circa, chiederanno un incontro allargato ai 138 sindaci del cratere. Qualora questo non venisse concesso o non fossero soddisfacenti le risposte del governo, i primi cittadini si dicono pronti a scendere in piazza insieme ai cittadini.  Tutto questo è stato stabilito stamattina al Crowne Plaza Rome Hotel.

“A distanza di 30 mesi - ha esordito Gianluca Pasqui, sindaco di Camerino - siamo ancora alle prese con procedure emergenziali come i puntellamenti sulla pubblica via. Siamo lontani anni luce dalle vere esigenze e proprio non capisco quei sindaci che oggi non sono qui. Ne sarebbe valsa la pena, anche solo per un unico cittadino in difficoltà perché il nostro obiettivo è questo, rappresentare chi ha bisogno di noi. L’intenzione non è di certo fare distinzioni tra terremotati - ha ribadito - fa ribrezzo anche solo pensarlo”. 

IMG 9337

Insieme a Pasqui, ad aprire l’incontro il sindaco di Amatrice Filippo Palombini: “Questo comitato doveva nascere e mettersi subito al lavoro, oggi siamo qui per questo. Noi diciamo tutti le stesse cose, perché tutti abbiamo bisogno delle stesse cose. Il Governo deve consentirci di sedere ad un tavolo per la stesura di nuove norme che possano permettere una ricostruzione rapida e certa". Presenti diversi sindaci da tutte le Regioni colpite, che insieme faranno fronte comune. Mauro Falcucci ha espresso l’urgenza di una posizione politica chiara sul destino della montagna: “Siamo come dei malati con tante patologie diverse. La cura non può essere sempre la stessa per tutti, servono terapie diverse”.

IMG 9332

"Guardo i miei cittadini - ha affermato il sindaco di Pieve Torina, Alessandro Gentilucci – e non so più cosa rispondere a gente che non sa cosa succederà, che vede che non è partito neanche un cantiere e che, probabilmente, non avrà, per età, il tempo di aspettare ancora. Il tempo dell'ascolto era finito, questo comitato deve avere il carattere dell'azione, era una necessità e ora dobbiamo subito metterci al lavoro".

G.G.

IMG 9330

IMG 9333

IMG 9334

Porta a casa un risultato soddisfacente il sindaco di Pieve Torina Alessandro Gentilucci, recatosi quest'oggi a Roma  per la chiusura dell'accordo riguardante il nuovo poliambulatorio. Una struttura il cui piano di massima era già stato stilato e che consentirà un altro passo significativo per la ripartenza del paese e, in particolare, per rispondere in maniera dignitosa alle necessità di assistenza sanitaria della comunità. " Per conto del capo dipartimento di Protezione Civile nazionale, abbiamo incontrato la dott.ssa Nicotra che ha subito preso a cuore questa necessità del nostro comune e del territorio, di garantire una risposta immediata a questi bisogni. - dichiara il sindaco Alessandro Gentilucci-  Da parte nostra abbiamo sintetizzato quelli che sono i vari passaggi necessari ad assicurare questo servizio alla comunità. Da sindaco, non posso che esprimere grande soddisfazione per questo percorso che tutto dà da pensare essere veramente breve anche nei tempi di realizzazione. Una struttura che garantirà un servizio migliore nell'assistenza ambulatoriale dei cittadini e che verrà posizionata vicina alle soluzioni abitative emergenziali, secondo l'approccio sociologico che ha contraddistinto l'insediamento abitativo di Pieve Torina".

Appreso del comunicato di Arcale con il quale il Consorzio dichiara di aver risolto il problema delle esalazioni di cattivi odori dai pozzetti delle aree Sae Le Piane e la Serra, il primo cittadino non si fa sfuggire l'occasione di togliersi qualche sassolino dalla scarpa, con particolare riferimento alla zona delle casette della località Le Piane. " E' sempre bene che i problemi vengano risolti - afferma - tuttavia, e non lo dico con tono polemico, queste dichiarazioni mi fanno un po' sorridere, essendo stati i nostri operai comunali ad occuparsi del problema delle esalazioni maleodoranti nell'area Sae Le Piane. Sono certo che sia andata come dico, anche perchè nell'area c'ero io e abbiamo dato disposizione ai nostri operai di effettuare i lavori.  Per riuscire a trovare le tubazioni provenienti dalle abitazioni, hanno scavato a mano, presenti alle opere gli stessi cittadini di Pieve Torina e gli abitanti delle casette. Aggiungo che abbiamo anche documentazioni di fatture rilasciate per le tubature che sono state acquistate per cui, che dire, l'importante è che si è riusciti a risolvere il problema. Certo- conclude Gentilucci-,  senza voler fare alcuna polemica, intestarsi anche una situazione del genere, mi sembra veramente ingrato soprattutto nei confronti degli operatori comunali che prontamente sono intervenuti con il loro lavoro, per garantire la soluzione di un impasse che durava ormai da sei mesi". 

C.C.

 

Il comune di Pieve Torina si avvia a segnare nuovi percorsi di ripartenza. Proprio domani, venerdì 15 febbraio, il sindaco Gentilucci,  raggiungerà Roma per incontrarsi con i funzionari ministeriali e il Capo Dipartimento della Protezione civile nazionale Angelo Borrelli per stabilire nei minimi dettagli la realizzazione del nuovo poliambulatorio a servizio del paese e del territorio circostante. “ Un altro passaggio significativo a sostegno di Pieve Torina e non solo– dichiara il sindaco Alessandro Gentilucci- Abbiamo ormai ultimata la progettualità del nuovo ambulatorio medico. Il nostro dottore in questo momento ha diversi pazienti che raggiungono il paese anche da fuori comune; a servizio della popolazione sono anche un pediatra e un altro medico, e c’è la volontà e l’esigenza di far ripartire immediatamente anche il servizio di assistenza domiciliare . Per cui – continua Gentilucci- domani andremo a Roma per presentare questa progettualità per la quale c’è già un’intesa di massima. Si tratta di rifinire alcuni dettagli ma sono fiducioso che nel più breve tempo possibile potremo raggiungere anche questo risultato di un  nuovo Poliambulatorio per Pieve Torina, in grado di garantire e apportare soddisfacimento a quelli che sono i bisogni sanitari essenziali della comunità, bisogni essenziali e necessari- aggiunge- che spesso sono stati trascurati anche dalle stesse istituzioni; ci si preoccupa di tanti progetti di rilancio del turismo, quando la nostra gente che ha perso tutto ha invece bisogno di concretezza. Ecco allora-conclude il sindaco di Pieve Torina- che abbiamo posto in essere tutta una serie di progettualità che abbiamo studiato e corroborato insieme al Capo dipartimento di Protezione Civile e adesso, andiamo a chiudere l'accordo. L’augurio è che , nel giro di qualche mese, il paese possa avere anche il nuovo poliambulatorio

C.C.

L’imprenditrice agricola Alba Alessandri di Pieve Torina entra a far parte dell’esecutivo nazionale di Coldiretti Giovani Impresa. La nomina è avvenuta nel corso dell’assemblea nazionale di Roma che ha eletto Veronica Barbati a nuova leader del movimento giovanile di Coldiretti.  L'incarico alla ventottenne Alba Alessandri, alla guida di Coldiretti Giovani Impresa della provincia di Macerata e titolare dell’omonima azienda  che alleva galline bio per la produzione di uova a Pieve Torina , è è stato attribuito dall'assemblea elettiva che ha riunito "colleghi d'impresa" provenienti dalle campagne di tutte le Province e Regioni italiane, in rappresentanza di oltre 70mila giovani. "Un onore e soprattutto un onere far parte della giunta nazionale- ha commentato Alba Alessandri- Nel rappresentare tutta l'agricoltura green italiana, ognuno di noi dell'esecutivo sente la responsabilità di doversi far portavoce di un numero consistente di giovani che come noi hanno deciso di scommetere in agricoltura , non solo come fonte lavorativa e di guadagno ma sopratutto come fonte di vita". Soddisfazione è stata espressa dal presidente di Coldiretti Macerata Francesco Fucili, fiducioso che questa nomina che giunge in un momento di particolare difficoltà, possa rappresentare un ulteriore impulso per tutte le Marche, regione che sta registrando nel settore un ritorno epocale come non avveniva dalla rivoluzione industriale.  Altri componenti della giunta sono Danilo Merlo (Piemonte), Carlo Maria Recchia ( Lombardia), Alex Vantini (Veneto) Francesca Lombardi (Toscana) Francesco Panella (Umbria), Benedetta Liberace ( Puglia) e Massimo Piacentino (Sicilia). 

 C.C.

Abbiamo appreso con sgomento e profondo dolore della scomparsa di Alessio Giovannini a soli 40 anni. Con lui abbiamo perso un amico sincero, un grande cittadino di Pieve Torina con il quale abbiamo condiviso un’appassionante e difficile sfida per la costruzione della nuova scuola del suo paese. Con il gruppo di 'Succisa Virescit’, insieme al Sindaco Alessandro Gentilucci, Alessio ha partecipato con generosa e appassionata umanità e professionalità al progetto, con lui abbiamo vissuto momenti difficili ma anche esaltanti fino all’apertura della scuola che ha rappresentato per noi tutti uno straordinario traguardo. Solo pochi giorni fa dal suo letto d’ospedale, parlavamo di cosa avremmo potuto e dovuto fare per dare alla scuola e ai suoi ragazzi di Pieve Torina, il completamento di quella struttura con la realizzazione di un centro civico/palestra a disposizione di tutti.

alessio

Ci eravamo ripromessi di vederci presto con Alessandro, il suo caro amico sindaco, per avviare tutta una serie di attività insieme anche agli amici del Teatro alla Scala di Milano che con noi oggi lo piangono attoniti. Ma la malattia ha sopraffatto anche il suo entusiasmo sorridente, positivo e la sua grande voglia di vivere e rivedere Pieve Torina tornare la comunità di prima del terremoto. Alessio è stato per noi un incontro bellissimo, una persona che ci ha toccato il cuore, che ci ha riconosciuti nella sincerità del nostro impegno, ci ha permesso di conoscere la sua grande umanità e attenzione per gli altri, un uomo che non possiamo dimenticare e che ci spinge a continuare il nostro umile impegno per la sua amata Pieve Torina. I funerali si terranno domani alle 11.30 sul sagrato di piazza Santa Maria Assunta a Pieve Torina.

Alla sua famiglia, ai suoi amici, alla sua gente, il cordoglio e la partecipazione del gruppo Succisa Virescit.

(nella foto in alto Alessio Giovannini con Giovanni Malagò e Valentina Vezzali a Pieve Torina in occasione di una maratona per la raccolta fondi da destinare alla costruzione della nuova scuola)

 

Ad un anno dall’inaugurazione della nuova scuola, domenica 16 dicembre viene presentato a Pieve Torina il progetto “ Un giorno di scuola”; per la regia di Mauro Santini, il film ha come protagonisti i ragazzini della scuola del paese. Il racconto visivo le cui musiche sono curate da Marco Fagotti, lancia uno sguardo anche sul territorio circostante e su alcune delle numerose frazioni di Pieve Torina. Il progetto viene presentato agli studenti della scuola e ai loro genitori nella fase di realizzazione. Ideato e curato da Offsetcamera, è finanziato dal gruppo di privati “Succisa Virescit , con il sostegno di Fondazione Marche Cultura e Marche Film Commission, grazie ad un bando specifico a favore di interventi culturali nell'area del cratere, cui la scuola ha partecipato “ E’ un film che racconta lo scorrere delle semplici giornate di lezione degli alunni della scuola primaria- spiega il sindaco Alessandro Gentilucci- testimoniando la ritrovata serenità del vivere quotidiano, nella sicurezza del nuovo edificio antisismico. Questo progetto nella sua fase di realizzazione – aggiunge- viene presentato domenica con un ringraziamento da parte dell’amministrazione al gruppo “Succisa Virescit” che aveva già contribuito in maniera sostanziale alla realizzazione della struttura scolastica e che ha poi deciso di farci anche questo ulteriore regalo”. Nell’occasione verrà proiettato ufficialmente il filmato “ Il suono dei sogni” sempre facente parte del progetto e realizzato con il coinvolgimento diretto nelle riprese dei ragazzi della scuola secondaria.“Un altro tassello che si aggiunge a tanti altri- continua Gentilucci -  a testimoniare che questi territori sono vitali e pronti a riuscire a cogliere ogni tipo di iniziative. Sempre domenica inaugureremo anche la pista di pattinaggio sul ghiaccio che è posizionata vicino al nuovo centro commerciale, pronta ad attrarre la popolazione e chiunque voglia venire a trovarci in queste zone martoriate. Nell’occasione inaugureremo anche la Casa di Babbo Natale; abbiamo approntato un nutrito programma per tutte le festività  e confidiamo nell’arrivo delle persone anche per favorire la microeconomia locale. Quelle che sono le tradizioni della nostra comunità non vogliamo perderle, anzi arricchirle, con proposte sempre più invitanti; mi pare che stiamo andando nel verso giusto ”.

Carla Campetella

"Abbiamo realizzato un sogno. La Fondazione Rava ha ridato dignità alla mia comunità". Con queste parole il sindaco di Pieve Torina Alessandro Gentilucci ha salutato e ringraziato la Fondazione che ha permesso la realizzazione, grazie ai suoi partner, della nuova scuola per l'infanzia inaugurata stamattina.

infanzia pieve torina 3

A sostenere il progetto tantissimi benefattori fra cui Aci Marche, Diagc, Cgil, Cisl, Uil, Legacoop, Consorzio mozzarella di bufala campana, Q8 Italia, Moncler, Fondazione Milan, Piaget, Unicredit, Kartell, Premio Feltrinelli Accademia dei Lincei e l’associazione avvocati.

Madrina dell’evento è stata Miss Italia, Carlotta Maggiorana, Franco Baresi, ambassador della Fondazione Milan e il vincitore di X Factor 2017 Francesco Licitra. 

Non è potuta mancare Paola De Micheli, ex commissario straordinario per la ricostruzione, e con lei, anche il nuovo commissario, Piero Farabollini, il vicepresidente della camera Rosato e il presidente della Regione Luca Ceriscioli. A benedire la struttura, il vescovo emerito monsignor Francesco Giovanni Brugnaro.

(Paola De Micheli)

infanzia pieve torina 8

(Piero Farabollini)

infanzia pieve torina 9

“Sono contento - ha affermato il sindaco - perché abbiamo realizzato un sogno. Questa scuola è nata sopra alle macerie. La mia comunità è resiliente, so che ce la possiamo fare e questo dono per i più piccoli, che sono il nostro futuro è splendido per il Natale che sta arrivando, rappresenta l’investimento di una comunità. La ricostruzione - ha aggiunto - stenta a ripartire, qui la comunità è stata azzerata e gli va data una risposta. Qui - ha concluso rivolgendosi alla Fondazione Rava - voi avete ridato dignità alla mia comunità. Le cose definitive come questa sono il punto di partenza”.

Il progetto per la scuola, estremamente innovativa e all’avanguardia anche dal punto di vista energetico e ambientale, è stato realizzato da Unicam. 

g.g.

Infanzia pieve torina

infanzia pieve torina 4

infanzia pieve torina 6

infanzia pieve torina 7

(Le rappresentanti della Fondazione Rava)

infanzia pieve torina 2

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo