Notizie sportive nelle Marche
Giovedì, 26 Luglio 2018 13:03

Trial indoor campionato italiano a Matelica

Oggi 26 luglio il Campionato Italiano di Trial Indoor fa tappa a Matelica, nelle Marche, in provincia di Macerata.
Teatro dell'evento sarà il vecchio Stadio Comunale, in via Borgo Nazario Sauro. 
Potrete assistere alle acrobazie degli atleti di trial, con un'esibizione speciale del pluricampione spagnolo Adam Raga.
Sarà un'esperienza unica, in cui potrete vedere i fuoriclasse di questo sport sfidarsi a superare gli ostacoli più impensabili ed impervi! 
L'adrenalina sarà il filo conduttore dell'evento! Non mancate, sarà uno spettacolo eccezionale!


Organizzatori: Motoclub Matelica
Main Sponsor: NEWTEC
Sponsor: CTF AUTOMAZIONI, FIDEA, HALLEY INFORMATICA, B&B COSTRUZIONI

Sostenitori:Edif, Autotrasporti Falzetti, Pasta fresca da Katty, Givat, 2R, T&P gomme, L’idea e la forma, Grafostil, Plasgomma, Parafarmacia "La Margherita", Estetica Marina, Stopponi Roberto, Parrucchiere Emanuele, Bar Roma, Pasta Fresca Lillo, Caresse, Donati Gioielleria, Ottica Acqualagna, Sportline, Showcase, Il Pane di Gagliole, Cose Casa, La Gustosa, Centro Ufficio Buffetti, Soverchia marmi, Simone Auto, Estetica "L'Aurora", Gatti & Mencucci, Elettrosat, Pizzeria Bar Sorriso, CM Impianti, Nutrix Più, Colonnelli Nicola Autotrasporti e Movimento Terra, Vivai Piante e Fiori "La rosa"

 

PROGRAMMA:

Ore 18:00 Inizio prove libere e riscaldamento dei piloti
Ore 18:45 Presentazione piloti
Ore 19:00 Inizio competizione: “Prima Manche”
Ore 20:30 Termine qualificazioni “Prima Manche”
Ore 21:00 Presentazione dei piloti per la “Seconda Manche”
Ore 21:10 Presentazione di Adam Raga con breve esibizione
Ore 21:30 Partenza della “Seconda Manche”
Ore 22:30 Esibizione di Adam Raga
Ore 23:15 Premiazione

Adam Raga sarà a disposizione del pubblico per gli autografi

Screenshot 78

Pubblicato in Sport

Dopo 44 anni, Camerino si prepara a rievocare la mitica gara di regolarità della Sei Giorni. L’appuntamento è per i prossimi 15 e 16 settembre. Quasi un sogno quello che, con autentica passione, è deciso a riportare alla memoria il Moto Club Camerino, con un ricordo speciale rivolto a Luigi Bogataj, mitico presidente dell’epoca. Un esempio di dedizione e impegno per tutti i soci e per lo stesso Stefano Ronconi, attuale presidente del sodalizio che, nell’arco di circa 70 ann,i ha organizzato ogni tipo di gara su due ruote.

Proprio a Camerino Giacomo Agostini, in sella ad una Moto Morini, vinse il suo primo titolo italiano nella 125 junior sul circuito cittadino, ribattezzato poi "il Tourist Trophy d'Italia". E quello di Camerino è fra i titoli che il pluricampione mondiale e italiano, ricorda con più affetto; in quell’occasione si dice che barattò con un meccanico camerte. una damigiana di vino per una coppia di gomme. Tanti i campioni che hanno corso la velocità sul famoso ‘anello‘, ultimo circuito cittadino a chiudere i battenti nel 1977.

Ma l’evento che è rimasto nel cuore di tutta la popolazione, è sicuramente la 49ma edizione della Sei Giorni, svoltasi nel settembre del 1974, per la vittoria schiacciante dei fortissimi piloti militari della Cecoslovacchia. Ovunque il nome della città ducale, resta alla mente per quella che, da tutti i suoi abitanti, viene ricordata come una sorta di “Woodstock delle due ruote”. A Camerino, solo parlarne e rinverdire quei giorni lontani, è il riaffiorare di emozioni forti, sportive e soprattutto umane. All’epoca i camerinesi aprirono le porte delle proprie case per ospitare le squadre straniere; i ragazzini di allora, appostati lungo le mulattiere del percorso, seguirono da mattino a sera le gesta dei 300 piloti partecipanti da 18 nazioni.

44 anni dopo, in uno scenario e in una realtà profondamente stravolti, quello che si vuol dare con la Rievocazione Storica della Sei Giorni, è un forte segnale di impulso e speranza.

E’ anche attraverso una manifestazione come questa che cerchiamo di far ripartire il territorio- spiega il presidente del Moto Club, Stefano Ronconi- Abbiamo ricevuto numerosissime richieste in tal senso, soprattutto da coloro che hanno partecipato negli anni passati. Date le difficoltà che vive la città, eravamo indecisi se organizzarla o meno; alla fine ci siamo lanciati nell’ iniziativa e stiamo cercando di allestire tutto per il meglio. Vogliamo dare il massimo alla gente che verrà, per ora da tutta Italia, ma confidiamo in arrivi anche da qualche parte dell'Europa. Noi ce la mettiamo davvero tutta e lo spirito di fondo è sempre quello dell’amicizia, dello sport che unisce.

testori a torre beregna prova accelerazione

La Rievocazione di quest’anno è alla sua ottava edizione- continua Ronconi- ; come presidente ho già fatte quelle del 2010 e del 2012; significativa l’edizione del quarantennale nel 2014; festosa e vivace anche la Rievocazione del giugno 2016. Nei mesi di agosto e ottobre di quell’anno, purtroppo è successo quello che tutti sappiamo, eppure non ci arrendiamo ed è proprio da quello che è accaduto che vogliamo lanciare un messaggio, affinché Camerino non si perda nel “dimenticatoio”. Vogliamo portare la nostra città al centro dell’attenzione, darle risalto e, anche tramite il motociclismo, far vedere la situazione reale che viviamo. La regolarità e l’enduro- sottolinea - sono sport davvero molto solidali; da parte dei ‘gentlemen drivers’ che arrivano con le loro moto da regolarità d'epoca, abbiamo avuto dimostrazioni di affetto molto forti, per cui è giusto rifare questa manifestazione nella sua cadenza biennale. E’ giusto per la città, per il territorio ed è molto importante, per ritrovare un'unità anche all'interno del nostro Moto Club”.

Il programma delle due giornate ricalcherà la formula di sempre: sabato 15 settembre nel pomeriggio verrà allestito il parco chiuso, seguito dal concorso di bellezza per le due ruote che premierà la moto più bella, la meglio conservata e la meglio restaurata. La sera vi sarà la cena di gala per gli iscritti alla manifestazione, e saranno premiati i vincitori del concorso; come è tradizione, verranno anche proiettati dei video commemorativi..

Domenica 16 settembre alle ore 9:00, partenza per un giro fuoristrada di circa 80 km tra le colline e le montagne dell’entroterra. Il giro è riservato alle sole moto d'epoca iscritte, con rientro previsto dalle ore 14 circa. 

Il tutto- tiene a ricordare Ronconi- avverrà nel massimo rispetto delle normative ambientali; dedicheremo particolare attenzione nel non essere impattanti e nel ripristinare i luoghi nel post- giro. La manifestazione è prettamente amatoriale; non è una gara per cui siamo certi che l’impatto sarà moderato. Credo che tutto questo, sia molto importante per la salvaguardia del nostro sport”.

C.C.

1974camerino parco chiuso 36irw2o3

Sottocorte: motoin mostra in occasione dei 40 anni della Sei Giorni

sei giorni 2014 2

 

 

Pubblicato in Sport

Torna, dopo l’edizione invernale, il Triangolare di calcio fra i tifosi iscritti ai fans club di Juventus, Milan e Inter di San Severino. Il torneo si svolge domenica 15 luglio, alle 20:30 allo stadio comunale “Soverchia” per iniziativa dell’associazione Help Sos Salute e famiglia, presieduta da Cristina Marcucci. Collaborano, oltre ai tre sodalizi sportivi, il Comune, la Polisportiva Serralta, la Settempeda, il Centro Sportivo Italiano (CSI), il Comitato del rione Di Contro e la Scuola per stranieri Edulingua.

Prima della sfida ufficiale, alle 19:30, bambini della scuola calcio della Settempeda giocheranno in una sfida a 3 squadre di calcio a 5.
L’incasso del triangolare (ingresso a offerta) sarà devoluto interamente all’associazioneHelp per la realizzazione del parco giochi per bambini nei pressi dei nuovi moduli scolastici, al Rione Di Contro. “Abbiamo un progetto in cantiere – spiega la presidente Cristina Marcucci – per attrezzare con giochi adatti ai più piccoli sia quest’area verde, sia quella da creare all’interno del villaggio delle Sae al rione San Michele. Avevamo risposto al bando del Comitato Sisma Centro Italia di febbraio, ma purtroppo l’intervento non è stato finanziato. Però noi non ci demoralizziamo, andiamo avanti per la nostra strada con tante iniziative di sostegno, come quella del Triangolare di calcio di domenica prossima. Vogliamo realizzare comunque il doppio progetto, cominciando dal giardinettoin cui si trovano i nuovi moduli scolastici. Abbiamo già una donazione di un’altraassociazione Onlus per un bel gioco che arriverà nei prossimi mesi e contiamo ora diraccogliere fondi per l’acquisto di altre strutture ludiche”.

Pubblicato in Sport

Da Sassoferrato – Fabriano alla Florida, destinazione NBA, via Inghilterra. E' la storia di Edoardo Del Cadia, 19 anni, giovane cestista, nato appunto a Sassoferrato da Danilo e Mara Tassi, approdato dalle Marche negli U.S.A. per coronare il sogno di entrare nel mondo professionistico della palla a spicchi. Un vero testimonial naturale dei giovani delle Marche nel mondo. Edoardo è nipote del noto giornalista – presentatore Rai Paolo Notari, pronto e disponibile a raccontarne la storia. "Edoardo è un ragazzo che ha saputo guardare avanti – così Paolo Notari – individuando un percorso che lo ha portato in Inghilterra, in un college dove vige un regime quasi militare e dove ha lavorato davvero molto duro. Non ha scelto, quindi, la strada più breve, quella di una squadra italiana di serie minori, per raggiungere l'obiettivo prefissato, ma un percorso più difficile che lo ha portato in Florida per far parte di una squadra giovanile per poi, eventualmente, essere scelto dalla NBA". Davvero un plauso a questo marchigiano "rampante" che può a ragione essere considerato come un vero e proprio testimonial della nostra regione. Spesso – continua Notari – noi giornalisti parliamo di giovani che hanno problemi, spesso dimenticando quei giovani che, invece, hanno percorsi molto positivi e di queste positività dovremo farci vanto e portarle ad esempio per molti loro coetanei. Personalmente credo che tra i giovani ci siano veri campioni di vita. Il problema è che spesso manchiamo noi adulti che non siamo capaci di essere allenatori e molto spesso non sappiamo istradarli. L'auspicio è quello di trovare buoni allenatori che sappiano dare ruoli e utilizzare bene questi giovani".

Pubblicato in Sport

Si è svolta domenica 1 luglio, nella splendida cornice dei cosiddetti Cinque Comuni, la gara di Triathlon che rientrava nella seconda edizione di Borghi & castelli sport fest.

Una gara inserita nel calendario nazionale della Federazione Italiana Triathlon a cui hanno partecipato circa 200 Atleti provenienti da tutta Italia.

Dopo la prima frazione con 750 metri di nuoto nel lago di Caccamo, gli atleti hanno percorso 20 chilometri in bici sulle colline dell'interno, attraversando il territorio di Serrapetrona, Belforte del Chienti, Camporotondo, Cessapalombo e Caldarola prima di tornare a Caccamo e completare la gara con 5 chilometri di corsa sulle sponde del Lago.

Ad iscrivere il proprio nome come vincitori sull'Albo d'Oro della manifestazione sono stati Devis Borghini (53'48") di Rimini e Marina Coccia (1h04'40") della Flipper Triathlon Ascoli.

AFF2DBC8 291E 409E 90F1 8E260122724D

 

 

 

Podio maschile completato da Tommaso Paci di Riccione e Andrea Palmieri di Camerino, mentre quello femminile da Luana Zampetti  di Jesi e Arianna Rocchetti di Belluno.

 

1411B2EE BB97 462B BE25 DCB926C10CB3

 

 

 

I favorevoli consensi riscontrati tra gli Atleti, lasciano immaginare che per la 3° edizione del 2018, il numero degli iscritti alla gara aumenterà notevolmente.

L’argomento sarà approfondito nell’edizione de “L’Appennino camerte” della prossima settimana.

Giulia Sancricca

Pubblicato in Sport

Si è conclusa con successo la tre giorni dedicata allo sport organizzata dall’Associazione calcistica “Giovanile Nicolò Ceselli” di Caldarola. L’Associazione, costituita circa un anno fa ed intitolata al giovane giocatore del Caldarola calcio prematuramente scomparso in seguito ad un incidente stradale, ha organizzato un fine settimana sociale per permettere a tutti, giovani e meno giovani, tesserati e non, di divertirsi sul campo di calcio e trascorrere in compagnia e in musica le serate di venerdì, sabato e domenica scorsi. Un importante momento per consolidare ancora di più i rapporti umani tra i giocatori, le famiglie e i dirigenti dell'Associazione.

Nella serata conclusiva presente anche il Sindaco del Comune di Mondaino (RN) Matteo Gnaccolini accompagnato dal suo omologo di Caldarola Luca Maria Giuseppetti.

Belle le parole spese dal primo cittadino romagnolo nei confronti della comunità locale: “siete un popolo forte, coraggioso e particolarmente tenace, è un onore per me potervi conoscere di persona e vedere con i miei occhi la volontà che mettete nel rialzarvi dopo la devastazione del sisma. I complimenti vanno anche a questa giovane società calcistica per il valore sociale che iniziative come questa hanno per i giovani”.

A fargli eco il Sindaco di Caldarola Giuseppetti il quale non ha mai fatto segreto di concentrare gran parte delle sue attenzioni nei confronti dei ragazzi prendendo pubblicamente l’impegno di sostenere in tutti i modi possibili società come queste che sono concentrate unicamente sulle giovani generazioni. Infatti la “Nicolò Ceselli” è nata con l’unico scopo di supportare quanto più possibile la pratica dello sport in giovane età in un ambiente sano, senza nessuna forma di discriminazione, riuscendo in poco tempo a raccogliere circa 100 ragazzi, bambini e bambine Under 16, provenienti anche dai comuni limitrofi.

 

Presenti anche i familiari di Nicolò, il nonno Carmelo Ceselli, consigliere comunale di Tolentino, il papà Fabrizio, Presidente Onorario dell’Associazione, e la mamma Maura.

Commosso e orgoglioso il Presidente Simone Castellani che nella serata conclusiva ha voluto ringraziare tutti, dai familiari ai ragazzi che hanno partecipato ai mini tornei pomeridiani, agli amici e simpatizzati che hanno permesso la riuscita delle tre serate, fine al direttivo dell’Associazione che ha lavorato incessantemente per la riuscita del piacevole evento, rimandando l’appuntamento alla fine di agosto quando ricominceranno le preparazione degli atleti e gli allenamenti aperti a tutti coloro che vorranno conoscere questa giovane e sana realtà calcistica.

 

ceselli

 

sindaci

 

ceselli gioco

Pubblicato in Sport

Presentata la prima edizione della manifestazione ciclistica femminile che prenderà il via il 12 settembre

 

Partirà con la presentazione delle squadre a Porto Recanati la prima edizione del Giro delle Marche, gara ciclistica per Categoria Donne Elite, il prossimo 11 settembre e che vedrà la partecipazione di atlete da 22 Paesi del mondo, oltre a quotatissime cicliste nazionali.  Tre frazioni: Amandola – Matelica , il 12 settembre; Offida il 13 settembre e la tappa finale il 14 settembre a Porto San Giorgio.  Il programma della manifestazione è stato illustrato questa mattina in Regione alla presenza dell’assessore regionale a Turismo - Cultura, Moreno Pieroni che ha assicurato il sostegno a questo tipo di  manifestazioni sportive “che oltre alla diffusione dei valori dello Sport, offrono preziose opportunità di promozione turistica dei territori. Le stesse date di svolgimento, inoltre, permettono di prolungare ulteriormente la stagjone turistica marchigiana in alcuni territori. Un ulteriore segnale di attenzione – ha aggiunto – anche verso le zone colpite dal sisma del 2016 che, grazie alle azioni promozionali messe in campo dalla Regione, stanno riprendendosi la giusta visibilità non più legata al dramma e ridiventando poli attrattivi, in un’ottica di sistema e di collegamento costa-entroterra.”  “La presenza costante del Giro d'Italia,  la Tirreno-Adriatico, gare nazionali e internazionali per giovani promesse, un'intensa attività di base, anche il Giro delle Marche femminile  - ha spiegato Francesco Fiordomo in veste di promotore e organizzatore e non di sindaco di Recanati - ha come finalità  quella di esaltare la tradizione ciclistica marchigiana fatta di storie di passione, di campioni, di sacrificio, di lacrime di gioia e lacrime di dolore. Nel ricordo più che mai vivo di Michele Scarponi.” Alla conferenza stampa era, infatti, presente anche il fratello di Michele Scarponi , Marco per illustrare l’attività della neonata associazione che porta il  nome dell’indimenticato campione marchigiano. A fare insieme da testimonial anche la campionessa Marina Romoli.  Sono intervenuti inoltre i sindaci dei comuni coinvolti dalla gara: Roberto Mozzicafeddo ( Porto Recanati) , Adolfo Marinangeli ( Amandola), Alessandro Delpriori ( Matelica  ) e Valerio Lucciarini ( Offida), il patron della Associazione che ha organizzato il tour ciclistico Born to win, Stefano Baldoni e Lino Secchi presidente della Federciclismo Marche.

Donne protagoniste, dunque, in questa corsa che si ripromette di diventare tradizione sportiva marchigiana. Una prima tappa, da Amandola a Matelica, di 119 km con passaggi nelle località dei Monti Azzurri. Sarnano, Camporotondo di Fiastrone, Belforte del Chienti, il lago di Caccamo dove è posto il Traguardo Volante e, Camerino per il Gran premio della Montagna. Si arriverà a Matelica per i giri finali che coinvolgeranno anche Esanatoglia, Collamato e Cerreto d'Esi. Offida si propone con il circuito iridato, impegnativo e tecnico che ha in Piazza del Popolo il punto di riferimento. 87 km complessivi articolati in 6 giri di lancio e 3 giri selettivi con il Gran Premio della Montagna. Infine Porto San Giorgio  in riva all'Adriatico,  una delle località più suggestive e accoglienti. Si rinnova anche il ciclismo rosa il gemellaggio con la vicina Capodarco di Fermo. Il Colle più pedalato, nel segno della solidarietà, sarà affrontato con il relativo muro nella parte finale dopo il circuito cittadino che ha Piazza Bambinopoli lo snodo cruciale.                       

 

-ad’e-

Pubblicato in Sport

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

  appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo