Anselmi elezionI M. s. martino

 

Notizie sportive nelle Marche

Al via questa sera la prima edizione dell'evento "Lo sport unisce" organizzato dalla Palombese al lago di Caccamo di Serrapetrona.

Un desiderio che da anni portava avanti il presidente dell società, Ermanno Micucci, è che quest'anno, grazie al sostegno del presidente dell'Unione Montana dei Monti Azzurri, Giampiero Feliciotti, che ha preso le redini del Conturi Sport, è diventato realtà.
A dimostrare che lo sport unisce la collaborazione dei Cinque Com20180830 210020uni e la presenza dei rispettivi sindaci all'evento iniziale che ha visto la partecipazione di Fabrizio Castori.
L'allenatore di fama nazionale ha conosciuto la Rosa della Palombese e ha augurato ai ragazzi un buon campionato, con il battesimo di una festa che esalta i valori dell'amicizia e dello sport.

20180830 205934

 

Giulia Sancricca

 

Pubblicato in Sport

Alberto Cambio è argento al DecaIronman e batte il record italiano di categoria. Doppia soddisfazione per l’atleta settempedano delle imprese titaniche, in Svizzera per una delle sfide più dure nel mondo dello sport: fare un Ironman al giorno (la distanza standard del triathlon cioè 3,86 km di nuoto, 180,260 km di bicicletta, 42,195 km di corsa), per dieci giorni. Cambio ha percorso ben 38 chilometri a nuoto, 1800 in bicicletta e 422 di corsa. E lo ha fatto in 143 ore e 43 minuti, aggiudicandosi quattro primi posti parziali e battendo il nuovo record assoluto italiano di categoria. 

“Per uno come me che ha fatto sempre sport - dice - primeggiare in queste gare di livello mondiale e così dure, perché è forse la più dura delle competizioni, è il massimo della soddisfazione. È vero che puntavo al podio ma mai avrei pensato di arrivare a questi livelli. Tocco il cielo, non sto nella pelle dall’emozione”.

Ma oltre alla difficoltà delle prove, anche le condizioni atmosferiche hanno giocato la loro parte importante. Il DecaIronman si è svolto in Svizzera, a Buchs, lungo il Reno dove le temperature non erano certamente d’aiuto: “Il posto è bellissimo ma non si può dire lo stesso delle condizioni atmosferiche, terribili. I primi giorni è sempre stato molto caldo - racconta - con condizioni atroci. Erano sempre 34 o 35 gradi ma se ne percepivano anche 40. Tirava anche un vento caldissimo e questo non aiutava, specie in bicicletta. Il terzo giorno ha fatto dapprima molto caldo con un vento fortissimo e poi un temporale. Abbiamo fatto tutta la maratona sotto la pioggia e questo ci ha ucciso fisicamente. E il quarto giorno lo abbiamo passato interamente sotto la pioggia. È stato un diluvio”.

Cambio8

La sveglia, per Cambio e gli altri atleti partecipanti, era ogni giorno alle 5:40 per essere pronti a partire intorno alle 7 meno dieci. Mai avrebbe immaginato, dice, di poter lottare addirittura per il primo posto eppure si è trovato proprio a far questo in una sfida diretta con il russo Vladimir Voloshin. “Nei primi tre giorni - racconta ancora - il russo ha preso tanto vantaggio su di me, quasi 4 ore. Poi il quarto e quinto giorno per me c’è stata la rimonta. Ho iniziato a vincere recuperando ma non tanto da superarlo. Ha mantenuto tre ore di vantaggio nonostante io abbia vinto per quattro giorni. Sono stato bravo a tener botta - spiega - alla sera finivo ad orari che mi hanno permesso di cenare, fare massaggi e dormire molto. Ogni giorno sei sempre più stremato. Il russo era molto molto forte e più imponente di me. Potevo lottare per il primo posto ma non mi importa in fondo - ammette -. L’ultimo giorno è stato bellissimo perché sono arrivato primo e quindi ho dimostrato più resistenza”.

Ora è il tempo di riposare per Cambio e sto fra qualche tempo si penserà alle prossime sfide: “Quali saranno ancora non lo so. Devo fare mente locale, sono sfinito, per recuperare ci vorranno mesi. Vedrò come va il recupero - conclude - e poi cercherò di pianificare la prossima stagione”.

Cambio

Cambio1

Cambio4

Cambio5

Cambio7

 

Pubblicato in Sport
Martedì, 14 Agosto 2018 12:27

Aurora Treia: si torna a sgobbare

Ritorno in campo per i ragazzi di mister Passarini che a poco meno di un mese dall’inizio dell’attività ufficiale, si rimettono in moto iniziando la cosiddetta preparazione. Ad attendere i ragazzi in campo, oltre al mister, lo staff dirigenziale del Presidente Compagnoni per i saluti di rito e per la giusta accoglienza ai neo-arrivati, con la gradita presenza anche dell’Assessore allo Sport Davide Buschittari, che ha voluto far sentire la vicinanza dell’Amministrazione Comunale alla società. Oltre alla Prima Squadra, la società sta dando grande attenzione al Settore Giovanile, con la Scuola Calcio che ha definito l’organico tecnico e organizzativo. Diverse le novità con l’introduzione di figure fondamentali, come la fisioterapista/osteopata Lara Damiani e la nutrizionista Maria Letizia Diletti, nonché il nuovo coordinatore dell’area tecnica Francesco Giorgi.   A Saimon Carnevali è stato dato l’incarico di maestro di tecnica, mentre a Graziano Platano quello di coordinatore dell’attività del settore di base.  Per la prima volta quest’anno si avranno due squadre Allievi e due squadre Giovanissimi e la scelta degli allenatori a cui affidare le giovani promesse dell’Aurora è stata fatta cercando persone di spessore e con i giusti valori umani e tecnici.  

Le due squadre Allievi saranno guidate una dal riconfermatissimo Fabrizio Re e l’altra da Antonello Romagnoli, che arriva a Treia per portare la sua grande esperienza calcistica e la sua preparazione tecnica. I due si avvarranno della collaborazione di Riccardo Bevilacqua e Saimon Carnevali.  

Per le due squadre Giovanissimi riconfermati mister Francesco Giorgi e Marco Marini, che saranno coadiuvati da Leonardo Medei e Matteo Pulita.

A mister Graziano Platano, oltre al coordinamento dell’attività di base, toccherà la guida della squadra degli Esordienti, ai quali metterà a disposizione il suo bagaglio tecnico maturato nelle varie categorie allenate, sia di settore giovanile che di adulti.

I Pulcini saranno seguiti dalla coppia Sauro Cellocco - Saimon Carnevali, mentre i Primi Calci verranno affidati a Edoardo Teloni e Andrea Capponi. Mister Cellocco è un istruttore di comprovata esperienza, mentre Andrea ed Edoardo sono giovani che già da qualche anno si impegnano nell’attività di insegnamento.

Le piccole promesse dei Piccoli Amici, invece, verranno affidate alla quota rosa degli allenatori, ossia alla passione, alla grinta sportiva e alla voglia di fare bene di Maria Panata.

La preparazione dei ragazzi che si andranno a posizionare tra i pali sarà curata dalle sapienti ed esperte mani di Michele Clementini e Fabio Cartechini.

Anche la parte burocratico/amministrativa da quest’anno avrà una figura dedicata. Ci sarà, infatti, Giordano Domizi ad occuparsi delle attività di segreteria che resterà aperta, anche per il periodo estivo, nei giorni di lunedi, mercoledì e venerdi dalle 18.30 alle 20.00. 

IMG 20180813 WA0024

 

Pubblicato in Sport
Lunedì, 13 Agosto 2018 09:43

Sarnano-Sassotetto per auto storiche

Non solo bolidi da 200 all’ora ma anche tanta tanta storia che si muove su quattro ruote alla recente Sarnano-Sassotetto, valida quale settima tappa delCampionato Italiano Velocità Salita Autostoriche 2018(CIVSA).

Ai nastri di partenza, sui sessanta presentatisi al via, anche due sarnanesi doc: Federico Marconi – ex sindaco della cittadina - (con una Fiat 128 Sport Coupè 1300) e Massimiliano Vitali (Golf GTI 2000).

Per Marconi, nonostante giocasse in casa, la gara ha avuto un approccio più difficile del previsto.

La pioggia incessante che alla vigilia ha interessato tutta la zona, ha di fatto ostacolato la perfetta messa a punto del mezzo evitandogli di testare al meglio le condizioni della macchina e del tracciato rivelatosi particolarmente insidioso sotto le inattese condizioni atmosferiche. Un evento questo che ha avuto ripercussioni anche il giorno della gara quando una pessima carburazione gli ha impedito di ottenere un risultato migliore mettendolo, fin dal via, nelle condizioni di rincorrere.

Ciò nonostante i responsi alla fine hanno baciato la sua caparbietà premiandolo con un terzo posto di categoria e consentendogli, per l’ennesima volta, di salire sul podio ed acquisire punti preziosi per la classifica tricolore.

E con lui l’altro pilota di casa Massimiliano Vitali (pseudonimo Re Norcino) che sul podio è salito sul gradino più alto riportando il massimo di soddisfazione da una manifestazione in cui l’emozione di esprimersi al meglio sui tornanti che meglio conosce, poteva giocargli un ruolo predominante.

Al termine quindi soddisfazione per entrambi e per quanti hanno seguito le loro evoluzioni. La premiazione avvenuta presso la sala congressi di Sarnano è stata effettuata dal presidente dell’ACI Macerata Enrico Ruffini.

Federico Marconi alla Sarnano Sassotetto 2018

Federico Marconi con la sua auto

VITALI MASSIMILIANO alla Sarnano Sassotetto

Massimiliano Vitali e la sua auto

Pubblicato in Sport
Domenica, 12 Agosto 2018 15:06

Riaperto il centro canoa al lago di Caccamo

 

 

Riapre dopo 3 anni il centro canoa nel bacino idrico del lago di Caccamo. “Davvero una giornata importante – il commento del presidente dell’Unione Montana dei Monti Azzurri Giampiero Feliciotti – Dopo la firma della convenzione con l’Enel i 5 comuni di Belforte del Chienti, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo, Serrapetrona, con l’Unione Montana come capofila, possono ridare vita a quello che era, fino a qualche anno fa, lo sport principe in questo lago. Il centro riparte grazie alla concessione affidata, tramite bando pubblico, ad una società di canoa affiliata al Coni, ed il via è stato dato con una bellissima iniziativa che ha visto protagonisti i ragazzi disabili del centro Crisalide proprio per dare il segnale che il lago è di tutti e ognuno può usufruirne per praticare i diversi sport e hobby secondo un preciso regolamento”. Non solo canoa, dunque, ma anche pesca, moto d’acqua, escursioni e passeggiate per un bacino che insiste su un territorio nel quale sono presenti diverse bellezze, alcune delle quali, però, lesionate dal terremoto del 2016. Soddisfazione per la riapertura del centro canoa è stata espressa dal sindaco di Caldarola Luca Giuseppetti. “Questo lago, purtroppo, è rimasto abbandonato per troppo tempo e adesso è necessario ripartire, soprattutto dopo il terremoto, con tutte le attività che ivi possono essere svolte. Un bacino che costituisce un patrimonio per l’intero territorio e che può essere davvero il volano per uno sviluppo turistico delle nostre zone”. “Finalmente vediamo realizzati gli sforzi che come 5 comuni, insieme all’Unione Montana, abbiamo da tempo intrapreso – il commento di Michele Borri, assessore alla cultura del comune di Serrapetrona – Era importante dare questo segnale dopo diversi anni di silenzio, soprattutto in un momento in cui siamo chiamati a rimboccarci le maniche per una ripresa post terremoto”. L’importanza di far rinascere il territorio anche attraverso lo sport è stata sottolineata da Gilberto Gironacci del Kajak Piceno, presente insieme ai ragazzi dell’associazione Crisalide. “Tenere aperto il centro – le sue parole – oltre a permettere ai ragazzi disabili di praticare sport attraverso corsi specifici consentirà a tutti gli amanti del lago, e in particolare della canoa, di praticare la sua passione in quanto il centro da oggi è aperto tutti i giorni con possibilità anche di corsi specifici”.

 

canoa1

 

canoa

canoa sindaci

Pubblicato in Sport

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

  appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo