PIEDINO Appenn a casa 2021
Notizie sportive nelle Marche
Nella serata di giovedì i Carabinieri della compagnia di Camerino, in concerto con i Carabinieri del N.A.S. di Ancona e la Polizia Locale, hanno effettuato i controlli di routine per assicurare il rispetto delle norme per il contenimento del contagio da Coronavirus e quelle previste dal Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Controllate cinque attività commerciali, mentre sono state dodici le persone multate per aver violato le disposizioni sull’uso della mascherina e sugli assembramenti. I controlli sono stati effettuati nei luoghi più frequentati della movida di Camerino. A margine anche i controlli sulle strade, con due persone denunciate per guida in stato di ebbrezza.

Red.
Pubblicato in Cronaca
È in programma per la prossima settimana un incontro tra il sindaco di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi, l'Erap e la ditta che si occupa della realizzazione dei 48 appartamenti in contrada Rancia sostitutivi delle SAE, per fare il punto della situazione sulla consegna dei lavori.
Ad annunciarlo è il primo cittadino: "La ditta sta andado avanti spedita - dice - ci riuniremo la prossima settimana con la ditta e l'Erap per mettere un punto fermo sulla consegna degli appartamenti. Mi sono recato ieri nel cantiere e ho visto come stanno lavorando: molto qualitativamente, velocemente. A breve arriveranno anche i sanitari e in queste ore saranno montati i balconi".
Bisognerà quindi attendere la prossima settimana per conoscere la data di consegna degli appartamenti per i quali il sindaco continua a denunciare i ritardi dovuti alla burocrazia: "Continuo a ripetere che oltre alla burocrazia, che ormai riconoscono tutti come un problema enorme per il Paese, e che possiamo testimoniare con dati alla mano, abbiamo avuto anche il Covid che ha allungato i tempi, con uno stop che è andato da fine marzo ad inizio luglio, e questo ha comportato un ulteriore ritardo sulla tabella che avevamo previsto. Bisogna comprendere che non si può rischiare che i contagi arrivino in cantieri grandi come quello in questione".

Ma gli appartamenti in contrada Rancia non sono gli unici che devono essere consegnati; si aggiungono infatti ad altri immobili che sostituiranno le SAE, come quelli da realizzare in contrada Pace: "Da qui all'estate prossima - annuncia Pezzanesi - avremo una escalation di consegne e una soluzione definitiva del problema 'casa' per molte famiglie che, altrimenti, si sarebbero trovate nelle SAE.
Su questo tema - ribadisce - non voglio affatto tornare perchè credo che il Comune di Tolentino abbia fatto la giusta scelta per le 199 famiglie rimaste senza casa e anche per il futuro patrimonio immobiliare della città".

Infine un ritorno all'ultima tornata elettorale e la sua chiara posizione nei confronti del governo: "Sono rimasti in pochi a polemizzare - dice - e l'ultima tornata elettorale ne è l'esempio. C'è chi ha speculato in questi anni sulle scelte fatte dal nostro Comune, ma voglio dire a chi fà polemica in maniera spicciola, pur essendo forza di governo come il Movimento 5 Stelle, che avrebbe potuto fare molto per risolvere i problemi del sisma.
Potrebbe impegnarsi per togliere la burocrazia, per accelerare la ricostruzione e votare i provvedimenti che Legnini porta alla Camera e al Senato. La perdita di una parte consistente di consensi - aggiunge sempre in riferimento ai grillini - dice che la politica di contestazione a prescindere e senza riconoscere i meriti di chi sta facendo uno sforzo per dare case vere, non paga".

GS

Pubblicato in Politica
L'incontro di ieri mattina tra il Commissario straordinario Givanni Legnini e il sindaco di Sarnano Luca Piergentili non è stata solo l'occasione per discutere del futuro della frazione di Piobbico, ma anche per fare il punto della situazione sulla ricostruzione.

"La ricostruzione della frazione di Piobbico - dice Piergentili - è stata analizzata nei dettagli valutando le diverse problematiche seguenti alla perizia geologica che ne attesta la sismoinducibilità con conseguente delocalizzazione.

Il Comune ha sostenuto la necessità di ulteriori accertamenti che è stata sostanzialmente accolta dalla struttura commissariale che ha formulato due possibili strade da percorrere, da una parte un supplemento di studi geologici sull’area di frana e dall’altra un progetto completo di valutazione della situazione della frazione con il supporto tecnico operativo della struttura commissariale e di un ateneo universitario  del territorio che costituirebbe una esperienza pilota per la ricostruzione degli agglomerati storici devastati dal sisma".

Soddisfazione, quella espressa dal primo cittadino, per i dati che riguardano le pratiche consegnate e i cantieri aperti: "Mi fa molto piacere dire che il Commissario ha lodato il comportamento della città sulla ricostruzione - prosegue il sindaco - e gli atti posti in essere fino ad oggi. Su circa 1200 pratiche ipotizzate dalle schede Aedes ne sono state consegnate il 25% e abbiamo in corso 53 cantieri, mentre più di 80 sono quelli terminati, per un totale di oltre 19 milioni di euro di finanziamenti. Legnini ha detto che siamo ad un livello superiore rispetto agli altri Comuni del cratere e questo ci riempie di orgoglio".


Un approfondimento sarà pubblicato nell'uscita del settimnale L'Appennino Camerte della prossima settimana

GS
Pubblicato in Politica
Venerdì, 09 Ottobre 2020 11:26

Scuola: altri 400 posti tra insegnanti e ATA

L’Ufficio Scolastico Regionale ha istituito circa 400 nuovi posti a tempo determinato tra insegnanti e ATA, necessari a garantire l’avvio e la prosecuzione dell’anno scolastico nel rispetto delle norme per il contenimento del contagio da Coronavirus. Una quota di assunzioni ulteriore, determinata dall’analisi effettuata dall’Ufficio, dovuta all’aumento dei carichi di lavoro del personale scolastico.

In particolare i 78,31 posti di insegnanti rispondono all’incremento del numero di sezioni sdoppiate a causa di aule inadeguate, all'esigenza del lavoro in gruppo previsto per i primi due anni di scuola primaria per classi con più di 24 alunni e all’organizzazione di eventi sportivi studenteschi.

Più corposa la quota di assunzioni nel caso del personale ATA: i posti saranno 276,5 e risponderanno al bisogno di stringente sorveglianza per il rispetto delle norme di sicurezza; 2,5 saranno assunti nelle cinque strutture convittuali, 36,14 invece i posti di assistente amministrativo presso l’Ufficio in ragione dell’aumento dei volumi di lavoro delle segreterie.

Sono stati assunti a tempo determinato anche 28 assistenti tecnici, che supporteranno l’uso degli strumenti informatici previsti per la didattica a distanza.

Red.
Pubblicato in Politica
Ussita ha la sua nuova giunta nominata ieri dal sindaco, Silvia Bernardini.
Sarà presentata ufficialmente in occasione della seduta del primo Consiglio comunale, fissata per domani, ma il sindaco ha già illustrato le deleghe decise.
A Valentina Bravi è stata assegnata la carica di vicesindaco e assessore con deleghe alla Finanza, Contabilità e Tributi, Ambiente, Programmazione servizio raccolta e gestione rifiuti, Urbanistica, Strategia per il recupero del cimitero monumentale di Castelmurato e di San Placido, Politiche abitative emergenziali.
L’altra carica di assessore è stata assegnata a Roberto Napoleone, al quale sono state attribuite le deleghe per la Promozione turistica del territorio, Eventi culturali, turistici e sportivi, Attività culturali, turistiche ed agroalimentari, Innovazione e digitalizzazione e Polizia locale.
Il sindaco riserverà a se stessa le deleghe relative alla Ricostruzione post eventi sismici del 2016, ai Lavori pubblici, alla Protezione civile e sicurezza, ai Servizi sociali ed al Personale.
Guardando ai primi 100 giorni della nuova amministrazione dopo il periodo di commissariamento, Bernardini annuncia già le sue priorità: "Sicuramente la ricostruzione - dice - perchè dobbiamo inquadrare la situazione e permettere un avvio veloce. Non possiamo più aspettare e questa deve essere la parola d'ordine. Della gestione ordinaria, invece, abbiamo un'altra urgenza che è l'avvio degli impianti da sci di Frontignano perchè riteniamo che debba essere una priorità dell'amministrazione".

GS
Pubblicato in Politica
“Aria nuova? Non vedo il cambiamento”. Narciso Ricotta, vicesindaco uscente e candidato per il centro sinistra alle scorse comunali a Macerata, commenta piuttosto scettico la nuova giunta del capoluogo targata Parcaroli: “Questa è senz’altro la prima grande decisione della nuova amministrazione e secondo me è già il primo tradimento rispetto agli intenti sbandierati in campagna elettorale. Non vedo novità, né nelle pratiche, né nei nomi. Aumentare il numero degli assessori è una pratica tutt’altro che innovativa, anzi risale alla Prima Repubblica ed è tipicamente un modo di sistemare gli ‘amici’. Poi i nomi: Iommi, Sacchi, D’Alessandro, Renna, Marchiori, Caldarelli, tutte figure che fanno parte della scena politica maceratese da anni, alcuni addirittura con ruoli di rilevo nella precedente amministrazione di centro sinistra”.

Per il giudizio sui fatti è ovviamente ancora presto, ma Ricotta promette una seria opposizione qualora l’operato della giunta non sia soddisfacente: ”Tra poco la luna di miele elettorale finirà: con l’inverno, oltre alla ordinaria amministrazione, anche il Covid purtroppo darà il suo bel daffare alla giunta, con il suo carico di paure e problemi. Allora giudicheremo l’operato dell’amministrazione e se sarà all’altezza delle aspettative che sono state ingenerate. Giudicheremo obiettivamente le cose proposte: se saranno buone per Macerata le sosterremo, se non lo saranno faremo una ferma opposizione”.

Red.
Pubblicato in Politica
Giovedì, 08 Ottobre 2020 15:23

Incidente a Passo di Treia, auto contro moto

Incidente dopo le 14 a Passo di Treia, nella zona del campo sportivo.
Per cause in corso di accertamento da parte delle forze dell'ordine, in via del Potenza si sono scontrate un'auto e una moto.
Immediatamente sono stati avvertiti i soccorsi e sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno trasportato il motociclista in ambulanza all'ospedale di Macerata.
Nonostante l'impatto, comunque, le condizioni del ferito non dovrebbero essere gravi.


Pubblicato in Cronaca
C’è grande perplessità ad Ancona per quello che riguarda la tutela degli operatori del settore sanitario. La rinnovata crescita della curva dei contagi da Coronavirus ha riacceso la questione della tutela della salute dei professionisti del settore. La discussione ruota intorno alla mancanza da parte dell’Azienda Ospedaliero Universitaria negli screening sull’eventuale positività al Covid.

Lo scorso 24 aprile è stato stilato un protocollo Nazionale contenente le linee guida, fissate dai sindacati e dal Ministero della Salute, per la tutela del personale sanitario durante la pandemia, un protocollo poi tradotto in linee di azione dall’Azienda Ospedaliero Universitaria di Ancona lo scorso  5 giugno. In materia di screening il protocollo avrebbe previsto test sierologici per tutto il personale ospedaliero, la cui cadenza regolare sarebbe stata poi concertata e fissata dalla direzione ospedaliera, dall’igiene ospedaliera e dal medico competente. Dopo la prima tornata di test, a cavallo tra luglio e agosto, non sono più giunte comunicazioni al riguardo.

“È una situazione di intollerabile incertezza. – così Raffaele Miscio, di Cisl Fp Marche, ai microfoni di Radio C1 inBlu – È necessario che si sappia con quale cadenza vengano fatti i test, mentre dalla prima tornata non ci sono state più notizie da parte dell’Azienda. È un paradosso: i pazienti sono controllati, giustamente, in maniera maniacale. Poi vengono curati da personale che, non essendo controllato, potrebbe essere positivo al Covid. Non parliamo soltanto di tutela della salute del lavoratore, ma anche della tutela della salute pubblica: un operatore sanitario non può operare nelle stesse condizioni di potenziale positività di un cittadino”.

Un discorso che si allarga toccando un altro paradosso: “Non è possibile l’eventualità che un operatore sanitario, per la sua sicurezza e tranquillità di chi lo circonda, debba essere costretto a pagare i test di tasca propria, quando è un preciso dovere dell’Azienda tutelarlo, nel suo interesse e in quello dei pazienti. Abbiamo richiesto un incontro all’Azienda e le nostre richieste sono chiare: il ripristino della regolarità dei test è assolutamente necessario, visti i rischi. Se non dovessimo avere i riscontri cercati e le rassicurazioni del caso, Cisl Fp Marche metterà in atto ogni iniziativa necessaria alla tutela dei lavoratori”.



Pubblicato in Politica
Partirà il 15 ottobre la campagna antinfluenzale nelle Marche.
È la Regione a rendere nota la data che definisce "in anticipo di un mese rispetto al consueto avvio".

Un tema, quello dei vaccini, che ha acceso il dibattito pubblico nei giorni scorsi anche per via delle richieste fatte da Federfarma Marche e Nazionale sui dubbi delle quantità in arrivo e delle date di arrivo nelle farmacie. (Un approfondimento con l'intervista al segretario Federfarma Regionale ida Maria Kaczmarek è stato pubblicato nel settimanale L'Appennino Camerte in edicola da oggi).

"Come ogni anno - si legge nella nota regionale - il vaccino sarà offerto gratuitamente a tutti gli anziani che abbiano superato i 65 anni di età. Saranno inoltre vaccinati gratuitamente i soggetti di qualsiasi età affetti da malattie e condizioni che mettono a rischio di sviluppare severe complicanze. Altre categorie per le quali la vaccinazione antinfluenzale è raccomandata sono gli operatori sanitari, gli operatori dei servizi essenziali, le donne in gravidanza, i ricoverati in strutture di lungodegenza, i donatori di sangue. Infine, per la prima volta, potranno essere vaccinati gli adulti tra i 60 e i 64 anni e i bambini in età compresa tra 6 mesi e 6 anni.

L’ASUR Marche - prosegue la nota - , che organizza la vaccinazione anti-influenzale in collaborazione con gli altri Enti del SSR, ha ordinato un totale di 421mila dosi, con un incremento del 40% rispetto alle dosi previste per la stagione 2019-2020, ampliando la gara alla massima quota possibile.  Considerata l’opportunità di estendere la vaccinazione anti-influenzale ai bambini tra i 6 mesi e i 6 anni ed agli adulti tra 60 e 64 anni, come suggerito dal Ministero della Salute, l’Osservatorio Epidemiologico Regionale ha effettuato un’analisi che ha stimato in circa 530mila le dosi necessarie secondo i diversi scenari di copertura vaccinale. Tenuto conto delle dosi totali ordinate dall’Asur le dosi ritenute necessarie per coprire in maniera complessiva le esigenze stimate risultano pari ad almeno ulteriori 110mila unità. Questa valutazione è stata trasmessa il 2 ottobre scorso dal Servizio Sanità della Regione Marche al Ministero della Salute e una richiesta di compensazione è stata avanzata da molte altre Regioni. Nel frattempo le dosi ordinate stanno arrivando in tempi scaglionati e già in questi giorni è in corso la distribuzione capillare dei vaccini disponibili.

Per far fronte in maniera ordinata a tutte le esigenze di vaccinazione - concludono - , nel mese di ottobre Asur Marche darà  priorità ai soggetti  anziani, ai pazienti più fragili e agli operatori sanitari, grazie al consueto impegno dei Medici di Medicina Generale che, insieme ai Pediatri di Libera Scelta, hanno dato ampia disponibilità alla collaborazione, assieme ai Servizi vaccinali dei Dipartimenti di prevenzione".

GS
Pubblicato in Cronaca
Sono stati identificati gli autori delle minacce al sindaco di Potenza Picena e al Questore di Macerata.
È stata portata a termine la brillante operazione portata avanti dalla DIGOS di Macerata dopo che il 24 aprile scorso, in occasione dell'Anniversario della Liberazione, a Potenza Picena comparvero, affissi in vari punti della città,  numerosi volantini adesivi con la fotografia del sindaco Noemi Tartabini  raffigurata a testa in giù e la frase "CREDERE, OBBEDIRE, PENZOLARE" con chiaro riferimento alle note vicende di Piazzale Loreto.

Immediata la reazione della Questura di Macerata che, grazie al dispositivo di sicurezza disposto dal Questore Antonio Pignataro in occasione della festività del 25 aprile, ha consentito un intervento immediato a Potenza Picena da parte degli uomini della DIGOS diretta dal Vice Questore Maria Nicoletta Pascucci, che hanno potuto da subito raccogliere preziosi elementi probatori successivamente diventati decisivi  per le indagini e per la successiva individuazione dei responsabili del gesto.

La fotografia del sindaco Tartabini, peraltro risalente a quando era in gravidanza, suscitò subito le reazioni di tutte le forze politiche che condannarono in modo unanime l'ignobile gesto. La fotografia si diffuse velocemente in rete e la notizia ebbe da subito ampio risalto sia sulla stampa locale che nazionale.


Le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Macerata, in particolare in prima persona  dal Procuratore Giovanni Giorgio, condotte sia con metodi tradizionali che telematici attraverso la testimonianza di decine di persone, l'attenta visione dei video registrati dalle telecamere di sorveglianza, servizi di appostamento e pedinamento, l'approfondita analisi  dei dati raccolti e dei tabulati telefonici nonchè le perquisizioni locali effettuate in provincia, hanno consentito di chiudere il cerchio intorno a due soggetti, entrambi residenti in provincia che sono stati denunciati e indagati dalla Procura della Repubblica per il reato di minaccia aggravata. Sono tutt'ora in corso ulteriori indagini per verificare se nella vicenda siano coinvolte anche altre persone.

GS




Pubblicato in Cronaca

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo