Allestisce un'area da ballo e i clienti non rispettano il distanziamento.
Dovrà chiudere l'attività per sette giorni un bar di Camerino che non ha rispettato le normative anticovid imposte dal governo.

Il titolare del locale è finito nel mirino degli agenti della Polizia locale il 28 agosto scorso, quando aveva organizzato una serata di ballo e divertimento, nonostante i divieti. I clienti si erano quindi intrattenuti senza rispettare il distanziamento e, privi di mascherina di protezione.
Al titolare dell’esercizio è stata elevata la sanzione prevista dall’ordinanza del Ministero della salute con la sanzione accessoria che questa mattina è stata imposta dalla Prefettura.

Continuano i controlli della Polizia locale alle attività commerciali per il rispetto delle misure emergenziali. 

"Dal 16 marzo - spiega il comandante Andrea Isidori - sono stati effettuati 1832 controlli su strada e sono 2691 gli accessi effettuati all’interno degli esercizi commerciali presenti sul territorio del comune di Camerino.  29 sono state le violazioni accertate ed una persona è stata denunciata ai sensi dell’articolo 650 del codice penale (in ottemperanza al DPCM 8 e 9 marzo 20).

GS

Dopo la riunione a Macerata della scorsa settimana, si è tenuto oggi all'ospedale di Camerino un nuovo incontro tra il sindaco Sandro Sborgia con la dottoressa Nadia Storti, direttrice generale Asur facente funzione Area Vasta3. La riunione era stata richiesta con urgenza dal primo cittadino della città ducale, per evidenziare le problematiche del nosocomio camerte, in particolare quelle riguardanti una preoccupante carenza di organico che non permette di garantire come dovrebbe i servizi sanitari alla cittadinanza.
Diverse le soluzioni prospettate in ordine alle problematiche evidenziate dal sindaco, sulle quali la dottoressa Storti ha preso dettagliate informazioni. "Ora attendiamo che siano messe in atto" - sottolinea Sborgia preannunciando le soluzioni.
"Ai due ortopedici che andranno via, seguirà il reintegro di altri due, così come si cercherà di impiegare medici di medicina interna. È stata anche rivalutata la necessità di una nuova organizzazione della sala operatoria, aumentando il suo utilizzo, il che determinerà una seduta in più. Lo stesso vale anche per il reparto di Chirurgia. Per quanto riguarda la Cardiologia, invece, si cercherà di sopperire alla mancanza di personale con l'assunzione, a tempo determinato, di specializzandi. Questo, però, a partire da novembre.
Sono state, dunque, prospettate nuove possibilità di intervento. Ciò che è assolutamente necessario – continua Sborgia – è anche che si ragioni in termini di lungo periodo, quindi le soluzioni che saranno attuate dovranno essere pensate nell’ottica di sviluppo e crescita dei servizi sanitari che l’ospedale di Camerino è in grado di offrire. Chiaramente, da parte mia e nostra, resta l’impegno nel continuare a monitorare la situazione e tenere alta l'attenzione costantemente vista l'importanza del servizio offerto dall'ospedale di Camerino non solo per la città, ma per un'intera area interna. Prendo atto – conclude il sindaco Sandro Sborgia – della rinnovata volontà d’intervenire da parte della dottoressa Storti per cercare e trovare una soluzione. Attendiamo che quanto oggi è stato detto, diventi un fatto e sia messo in pratica. Continueremo comunque a vigilare sulle cause che hanno portato a inaspettati e volontari licenziamenti per capire le ragioni e trovare soluzioni”.
c.c.

È l'assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Camerino, Marco Fanelli, a chiarire la situazione denunciata dagli abitanti della frazione di Statte in merito alla viabilità ed alla richiesta di interventi definitivi per le strade dissestate.
"Le frazioni Pozzuolo, Statte Le Tegge - dice - sono le tre più distanti dal centro della città e vivono da anni una condizione di disagio perchè la viabilità non vede interventi importanti da tanto tempo. La strada è talmente dissestata che dal manto stradale si scoprono scogli dal sottosuolo. Gli operai comunali - spiega - sono intervenuti più volte per cercare di rendere fruibile quel tratto, ma è chiaro che, nonostante il nostro impegno, il risultato non sia duraturo. Dopo un incontro con i cittadini delle tre frazioni, avvenuto a fine 2019, abbiamo valutato il percorso per il finanziamento ed è allo studio un intervento globale di riqualificazione per una cifra che si aggira intorno ai 200mila euro.
Si tratta quindi di un intervento importante - aggiunge Fanelli - che prevede anche interventi risolutivi sul manto stradale. Chiaro che le tempistiche per le opere pubbliche non sono mai ristrette - chiarisce - ma ci auguriamo che a breve possano partire i lavori, affinchè anche questi cittadini si sentano parte della comunità".

Ma l'attenzione dell'amministrazione, secondo l'assessore, non è stato dato solo per il progetto delle strade, bensì anche dal punto di vista turistico: "Il percorso di riqualificazione delle frazioni - dice - è già iniziato: abbiamo inserito questi luoghi nell'app Camerino Meraviglia con le cascate del Boschetto - nominate di Statte perchè stanno sotto quella frazione - e che hanno visto migliaia di visitatori. Era un luogo sconosciuto fino a quache mese fa, anche agli abitanti di Camerino. Credo che questo sia un primo passo per una valorizzazione vera di queste realtà".

GS


Buone notizie per il parcheggio meccanizzato di Camerino sono arrivate questa mattina dal sindaco Sandro Sborgia durante l'inaugurazione della rinnovata area camper di via Macario Muzio.
"È stato approvato il Cir - ha detto - la Congruità dell'Importo Richiesto, quindi si potrà procedere con l'iter per la ricostruzione".

A spiegare i prossimi step, al microfono di Radio C1...inBlu è stato l'assessore ai Lavori Pubblici, Marco Fanelli: "Si tratta di un importo di poco superiore ad un milione - ha detto - . Adesso si può avviare l'iter per la ricostruzione. È una specie di studio di prefattibilità che accerta che la somma indicata subito dopo il sisma è sommaria; ora viene valutata con più attenzione. Da qui si parte per la progettazione che, credo, possa essere affidata direttamente. Noi riteniamo che sia un'opera importante anche se la città è ancora chiusa, ma stiamo facendo un grande sforzo per riaprirla. A breve pensiamo che grossi tratti della zona rossa possano essere aperti, quindi questo parcheggio sarà fondamentale. Anche se la ricostruzione impiegherà molti più anni - ha proseguito - abbiamo visto molte persone scegliere di vedere comunque una città ferita e durante un percorso di ricostruzione. Credo che questo possa aiutare enormemente chi ha deciso di stringere i denti e continuare a lottare in questil luoghi".

Una grande soddisfazione anche per il rettore Unicam, Claudio Pettinari che ha detto, rivolgendosi al primo cittadino: "Ci ha dato una belissima notizia perchè di questo parcheggio ne sentiamo fortemente il bisogno. Tutti i nostri edifici sono a valle rispetto a questo posto e avere un parcheggio accessibile consentirà ai nostri ragazzi e ai dipendenti di avere un luogo certo e sicuro dove poter lasciare i propri mezzi. Ma anche un luogo che ci possa riportare nella nostra bellissima città". 

GS
È stato l'ultimo sole estivo ad aggiungere brio all'inaugurazione della rinnovata area camper di Camerino, in via Macario Muzio, ampliata grazie a una donazione della Fondazione Carima e dell'Anci Marche.
I lavori, iniziati a ottobre scorso e terminati a luglio, hanno portato l'area a un ampliamento da 8 a 25 posti camper, così come è stata sistemata la parte già esistente completandola di tutti i servizi. Una nuova e importante possibilità per la città ducale nel poter arricchire la propria offerta di ospitalità per chi desidera visitarla insieme al suo territorio.
"Questa area si inquadra in una serie di inizative fatte per valorizzare la città e il territorio. Un'area che consentirà, grazie ad un progetto avviato dalla vecchia amministrazione e proseguito dalla nostra, a tante persone che oggi percorrono le strade del nostro territorio di poter trascorrere in questa zona qualche giono di vacanza, cultura e spensieratezza. Sperando di far sì che il grosso problema della ricostruzione venga superato e questa area camper conceda a chi verrà a Camerino di conoscere ed apprezzare le bellezze del territorio".

IMG 4875

L'inaugurazione è stata l'inizio di due giorni che vedranno proprio Camerino al centro di una ricca offerta turistica col Camerino Meraviglia Days, tappa del Gran tour di Tipicità, con cui saranno messi in luce percorsi natura, arte, sport, creatività ed enogastronomia esperenziale.

"Grazie sindaco - ha detto il rettore Unicam Claudio Pettinari - per aver reso meglio fruibile ed utilizzabile questa area. Tra gli obiettivi che abbiamo individuato insieme ci sono il turismo, la fruizione dei beni culturali, del paesaggio, delle ricchezze enogastronomiche. Lavoreremo insieme per far sì che questa città torni ad essere quella che era, a disposizione di tutti coloro che voranno fare qualcosa in questo territorio".

A sottolineare come l'area rinnovata sia a servizio dell'intero teritorio il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli: "Le aree sosta camper ben servite come questa - ha detto - sono in funzione di un territorio più ampio perchè permettono, nella logica del camperista, di avere i servizi e muoversi nel territorio per visitarne le bellezze. Si tratta di un valore aggiunto perchè il turismo fatto col camper si adatta molto bene alla tipologia del nostro territorio. Ho avuto modo di avere a che fare con le associazioni camperistiche regionali che sono molto attive e sanno condividere molto bene i servizi marchigiani con i loro colleghi camperisti".

IMG 4866

Gli ha fatto eco il sindaco di San Severino, Rosa Piermattei, presente come rappresentante Anci che ha cofinanziato il progetto: "Abbiamo bisogno di turisti - ha detto - ma anche di una struttura come questa che, in emergenza, possa accogliere anche persone che per qualche giorno decidono di sostare nei camper. Questa idea portata avanti da Anci è una bellissima cosa, io come sindaco ho sempre il piacere di partecipare alle inagurazioni degli altri Comuni perchè in questo modo capisco l'importanza per la città in quel momento, grande o piccola che sia, questa opera è l'inizio del ritorno alla normalità".

Insieme ad Anci, a finanziare il progetto è stata la Fondazione Carima, rappresentata all'inaugurazione dal consigliere Donatella Pazzelli, doppiamente legata a questo progetto perchè camerinese: "Un progetto che mi è molto caro - ha ammesso - . La Fondazione negli hanni ha perso la sua funzione di 'bancomat' e con l'arrivo della presidente è diventata 2.0. Questo vuol dire che non si limita ad erogare, ma entra dentro ai progetti. Quando abbiamo visto questo progetto dell'Anci la Fondazione ha visto un modo per raddoppiare le risorse del territorio. Un progetto dedicato ai Comuni terremotati che prevedeva 150mila euro per le infrastrutture e poteva essere realizzato se la popolazione interveniva attraverso la piattaforma di raccolta fondi Eppela. tirando fuori la metà dell'importo. Noi abbiamo capito che in un momento come questo un Comune come Camerino non poteva trovare facilmente 75mila euro. Durante un incontro a Roma la presidente Rosaria Del Balzo Ruiti disse che noi avremmo garantito l'arrivo al 50% dalla base raccolta. Ero orgogliosa - ha proseguito - di questa sua scelta anche perchè sapevo che tra questi progetti c'era quello della mia città. Alla scadenza della raccolta fondi la Fondazione ha dato a 10 Comuni del Maceratese il 50% dell'importo per arrivare alla fine dei lavori. Un risultato, quello che vedo oggi, che mi riempie di orgoglio perchè questa area camper, grazie anche al geometra Gianfranco Carimini, è stata sempre un fiore all'occhiello della città". 

IMG 4878

Proprio Gianfranco Carimini, commosso nel suo intervento di chiusura prima del taglio del nastro: "Un traguardo molto importante - ha detto - perchè lo spirito di Anci è stato quello di finanziare un'opera condividendola con molta gente. Ci auguriamo che sia solo l'inizio del ritorno alla normalità".
È stato proprio lui a leggere il messaggio di una famiglia di camperisti del Friuli Venezia Giulia che ringraziava per l'ospitalità ricevuta a Camerino.

A tenere il nastro tricolore per il taglio la giovane Gabriella Lucarini, la camerinese che scrisse una toccante lettera alla sua città promettendo: "Se non ci sarai più ti ricostruirò con le mie mani".
Una presenza che il sindaco Sandro Sborgia ha ritenuto quindi di buon augurio perchè "dobbiamo impegnarci per loro" ha concluso.

Giulia Sancricca

IMG 4879


Incontro pubblico in piazza del duomo a Camerino per Flavio Corradini candidato consigliere regionale con Italia Viva nella coalizione a sostegno di Maurizio Mangialardi. “Il futuro delle Marche” è fatto di impegno, passione, lavoro, rinascita. Queste le quattro parole d’ordine dell’ex rettore di Unicam che sceglie per Hastag della sua campagna #conFlavio. “ Questo passaggio – ha detto Corradini- non lo faccio per me ma per i nostri territori e le nostre comunità ed è fondamentale essere squadra. Chi mi conosce sa che non è retorica, né retorica politica, ma è uno stile di vita che mi sono costruito perché ci credo e perché da soli onestamente non si può fare nulla, quando invece in squadra si possono ottenere risultati importanti. E allora, insieme con Flavio e qui in particolare, da Camerino in Piazza Duomo per una ripresa e un'accelerazione della Ricostruzione, una ripresa dei servizi su questi territori, servizi molti dei quali portati via già prima del sisma e questi sono errori politici che noi dobbiamo contrastare criticare e non fare più perché – sottolinea Corradini- se vogliamo velocemente riprendere posizione su una demografia, avere un segnale di aumento sulla densità di popolazione di questi nostri territori, bisogna ripartire certamente dalla ricostruzione degli edifici che deve ancora avviarsi, ma anche da una ripresa dei servizi. E’ un dovere di tutta la parte dell'asse politico il rispettare un diritto di chi viene a vivere in questi posti, perché siamo tutti cittadini italiani e cittadini del nostro territorio”.

Attualmente professore ordinario di Informatica ad UNICAM e Presidente del Consorzio Universitario Italiano per l'Argentinatesta e cuore ci mette Flavio Corradini in questa nuova sfida.

“Ci metto testa e cuore perché lo sento e penso di averlo dimostrato- dice-; con la mia famiglia ci sono tornato a vivere in queste zone perché penso che siano dei luoghi estremamente belli, ricchi di bellezza e non solo da un punto di vista artistico
. Anche solo a guardare questa piazza ce ne possiamo rendere conto: è’ qualcosa dove la storia è passata ed è una storia molto bella di un'architettura fantastica Io credo che non sia solo questo, che sia anche la bellezza delle persone, di noi delle nostre comunità Quindi salvaguardare questi luoghi è a vantaggio di tutta la regione Marche. Far riprendere Piazza Duomo come l'abbiamo conosciuta noi, significa far riprendere anche tutta l'economia, per chi vuole proprio necessariamente studiarla da un punto di vista speculativo economico-finanziario”.
Un velo di ricordi  e tante emozioni, tornare su quella piazza dove prima del sisma in tanti hanno festeggiato il coronamento dell’impegno universitario, dove poco distante c' era la sede del rettorato. “Non a caso per questo incontro con la comunità di Camerino ho chiesto la cortesia di avere questa Piazza meravigliosa una delle più belle piazze che ha un significato particolare per la città, perché è di fronte alla cattedrale, ma la simbologia è forte anche per me- afferma-. Inutile dire che essere qui è emozionante; sono emozioni che non si possono cancellare, oramai parte del mio dna. Sono emozioni che mi hanno forgiato e mi hanno costruito come uomo in grado di sostenere e di scalare certe montagne ed è da qui che in maniera simbolica, dico che insieme si può fare tanto.   
In quel meraviglioso Palazzo ducale ho trascorso uno dei periodi più belli e affascinanti della mia vita. Un periodo che ovviamente mi ha cambiato da un punto di vista professionale ma anche da un punto di vista personale; un palazzo dove ho fatto e fortunatamente vinto tantissime battaglie a vantaggio della nostra università e quindi anche della nostra città di Camerino. Quindi e. prima che altrove - conclude-, bisogna vedere questa piazza come luogo significativo per la storia di ognuno di noi ma anche come un futuro di rinascita.  Così voglio intendere questo momento: far rinascere questa Piazza significa sostenere e appoggiare tutto un territorio tutta una comunità e se questa Piazza rinasce come l'abbiamo vista noi tutti, la regione Marche e il nostro paese, avrà dei segnali e un impatto positivo”.
c.c.
È Camerino, nel cuore dell'entroterra, la città che ospita la sede del candidato in Consiglio regionale per Forza Italia, Gianluca Pasqui, a asostegno di Francesco Acquaroli.
È stata inaugurata questa mattina, in via Le Mosse, insieme al coordinatore provinciale del partito di Silvio Berlusconi, Riccardo Sacchi che ha sottolineato la crescita del partito nell'ultimo periodo.

"In questo anno e mezzo - ha detto  tanti bravi amministratori e vecchi militanti hanno guardato a Forza Italia con fiducia. Sembrava impossibile, qualche tempo fa, candidare una persona come Gianluca Pasqui alle elezioni regionale con questo tono perchè possiamo dire che Forza Italia sarà determinante sulla vittoria del centrodestra elle Marche".

IMG 4793

Poi il passaggio del microfono al candidato consigliere che rivolgendosi al collega ha detto: "Con questo microfono mi passi la storia di un territorio, la speranza, un momento che può diventare storico grazie alla città che mi ha fatto nascere, mi ha dato un percorso personale, umano e politico. 

Vi ringrazio - ha detto - per il fatto che rappresentate quella terra che ha sempre avuto troppo poco dalle politiche regionali e nazionali.
Sto girando i territori senza risparmiami, perchè è un regalo che voglio fare a un territorio che, realmente, dopo la presenza in Regione di Grifantini, non ha più avuto rappresentanti".

Pasqui ha ironicamente racchiuso la sua esperienza politica nei "due motivi per cui non bisogna votarmi".

L'esperienza e la serietà al centro delle sue ragioni che, secondo lui, sono in controtendenza con le figure politiche del momento: "Non dovete votarmi perchè come dice mia figlia sono antico: dal '94 sono stato sempre con Forza Italia, nonostante le delusioni e le soddisfazioni: sono sempre stato coerente e per questo oggi, momento in cui la coerenza non va più di moda, io sono antico. Non dovete votarmi, poi, perchè nella esperienza di amministratore, non ho mai affrontato un processo. E ricordo che sono stato assessore, vice sindaco, sindaco, consigliere provinciale e responsabile nazionale Anci per il sisma che ho lasciato - ha sottolineato - perché Mangialardi non mi ha fatto mai lavorare, nonostante ora venga a raccontare che lui sistemerà i paesi terremotati".

IMG 4799

Quindi le motivazioni che lo porteranno a rappresentare la provincia dall'entroterra alla costa: "I campanili sono la cosa più bella - ha detto - perchè rappresentano la comunità, ma non il campanilismo: dobbiamo lavorare insieme per la sanità, per la scuola, per la ricostruzione. Io voglio essere lo strumento dei territori, non la favola da raccontare: ho perso le elezioni comunali per dire alla mia gente che ci vogliono 20 anni per rientrare nel centro storico, ho perso perchè ho detto la verità".

Infine l'invito all'amministrazione Sborgia: "Credo che non potrà non sostenere l’unico candidato di questa terra che ci può rappresentare - ha detto - e che potrà segnare la storia di questa città. Sono sicuro che se anche oggi è assente a questa inaugurazione mi sosterrà anche se sono all'opposizione perché credo che l’interesse non sia mio, ma di tutti".

GS
"A Statte viabilità in stato di abbandono".
E' ciò che denunciano gli abitanti della frazione di Camerino attraverso una missiva inviata al sindaco della città ducale, all'assessore ai Lavori Pubblici e all'Ufficio Ambiente e Manutenzione.

"Gli abitanti della frazione di Statte - si legge nella lettera - , residenti e proprietari di case, vogliono denunciare lo stato di abbandono e il relativo disagio che stanno subendo a causa della situazione della viabilità. Le strade di accesso alla frazione sono in una situazione disastrosa: l’assenza, ormai da molto tempo di una efficiente manutenzione anche mediante adeguate canalette di scolo laterali, ha fatto sì che l’acqua piovana scavasse buche e solchi, scoprendo in alcuni tratti la roccia sottostante. Analogamente all’interno del paese, pur essendoci una fogna, non è mai stata curata la canalizzazione dell’acqua piovana che conseguentemente ha scavato solchi sul pedonale ed ha accumulato ghiaia e detriti a ridosso delle abitazioni tanto da essere pericoloso anche camminare. Si ricorda - aggiungono - che sono molti anni che non viene fatto un intervento serio e duraturo, solo palate di ghiaia sulle buche ma si capisce che questo non è esaustivo né duraturo".

I cittadini ricordano che “la valorizzazione delle frazioni - scrivono -  è stato un punto della campagna elettorale di questa amministrazione che in più occasioni ha manifestato la volontà di risolvere il problema, oltretutto si ricorda come la frazione di Statte è stata e sarà ancora sfruttata e martoriata dagli effetti devastanti delle cave estrattive. Attualmente è abitata stabilmente da giovani che ogni giorno percorrono le strade più volte, per lavoro, oltre che da due bambine che dovranno anche frequentare la scuola. Inoltre - aggiungono - è bene ricordare che il paesino di Statte attrae frequentemente visitatori grazie alla sua posizione, alla possibilità di percorrere sentieri naturalistici e, non ultimo, per la presenza del “castello di Statte”, che tanto incuriosisce i passanti, e alla cascatella di Statte, resa ancor più nota dall’app Camerino Meraviglia".

Per questi motivi i cittadini chiedono che "l'amministrazione risolva, in tempi brevi ed in modo definitivo, il problema della viabilità".

GS
Successo a Camerino per la Fiera d'Estate, un appuntamento che era diventato una piacevole tradizione e che, sospeso a causa del sisma, l'amministrazione comunale ha voluto ripristinare per dare la possibilità alla cittadinanza di parteciparvi. Dopo i lunghi mesi di stretta emergenza sanitaria, l'evento ha rappresentato anche per gli stessi commercianti una delle prime occasioni di ritorno alla 'normalità' nel loro lavoro, seppure con una modalità condizionata dalle normative tuttora vigenti. Sin dal primo mattino, indossata la mascherina obbligatoria, in tanti hanno approfittato della calda giornata agostana per farsi un giro tra le bancarelle, cogliendo l'occasione per qualche acquisto. Variegata e molto qualificata l'offerta merceologica proposta dagli ambulanti per un appuntamento che ha richiamato in città anche dai comuni limitrofi. Lunga la carellata di banchi posizionati lungo viale Giacomo Leopardi fino a raggiungere la piazza di San Venanzio. Impegnata nelle operazioni di vigilanza e controllo dell'osservanza delle misure di sicurezza la polizia locale. Contenti gli avventori di tutte le età per un evento che ha rappresentato un'occasione d'incontro in serenità. Un ritorno gradito e molto apprezzato dagli stessi ambulanti.
IMG 20200812 101125
"Ogni volta che siamo venuti a Camerino siamo sempre rimasti contenti- afferma Mario Armuzzi, presidente commercio su aree pubbliche della Confartigianato Ascoli Piceno- Fermo-.Camerino  è una cittadina che ci vuole e diciamo che questa testimonianza d'affetto è reciproca. Noi arriviamo e portiamo una bella varietà di merci e non possimao che apprezzare lo sforzo del comune nel venirci incontro. Sono tanti anni che veniamo qui e, sentire che gli abitanti ci vogliono bene, non può che rallegrarci. A farci contenti è anche la collaborazione che c'è con questa amministrazione e l'impegno che ci hanno messo tutti, in primo luogo la polizia locale che non si è davvero risparmiata". Soddisfatto e molto felice di essere tornato a Camerino anche Ivo Mazza, arrivato da Montegranaro con le sue calzature.
IMG 20200812 100823
"Siamo sempre venuti con piacere in questa città. Gli anni passati eravamo in centro poi cè stata un'interruzione dopo gli eventi del terremoto del 2016 ma debbo dire che questo viale è molto adatto ad ospitare le bancarelle Siamo davvero felici che il comune e la polizia locale si siano impegnati per riprendere questo appuntamento al quale partecipiamo con immenso piacere perchè i camerinesi lo meritano e ritrovare un po' di normalità è stato bello per tutti  E' anche da questi bei momenti che si trae maggiore forza e coragggio per andare avanti".
IMG 20200812 101747
Tra le bancarelle anche il sindaco Sandro Sborgia, la vice sindaco Lucia Jajani e il consigliere Riccardo Pennesi i quali  hanno voluto portare il loro saluto di benvenuto ai numerosi commercianti che hanno aderito alla Fiera d'Estate ringraziando tutte le forze impegnate per controllare il rispetto delle prescrizioni di sicurezza, dagli agenti della polizia locale, alla Protezione civile, ai giovani volontari in azione per tutta la giornata.
"Siamo molto soddisfatti per due ordini di motivi- dice il vice sindaco Lucia Jajani-. In primo luogo per aver dato una prospettiva positiva agli ambulanti che avevano bisogno di tornare a vivere la normalità del loro lavoro e che ci hanno fatto partecipi della loro gioia, ringraziandoci davvero con tanto affetto. D'altro canto siamo stati contenti di aver dato questa opportunità alle tante persone che dalla fiera hanno tratto un motivo per rivedersi. Abbiamo avuto anche il piacere di incontrare tanti camerinesi che si sono dovuti trasferire fuori città a causa del sisma e che proprio in questa occasione sono tornati a fare una passeggiata in viale Giacomo Leopardi, un viale che tra l'altro ben si presta per questo tipo di eventi. Una fiera che dunque ha fatto bene al commercio ma anche al cuore delle persone".  
c.c.


Grande successo a Camerino per la 32° edizione del Pallino d'Oro. Ben 78 le formazioni partecipanti che hanno gareggiato nei campi di bocce all'aperto della splendida Rocca borgesca, per l'occasione riportati a nuovo dagli organizzatori. Emozionante rivedere rotolare le bocce alla Rocca che è tornata a popolarsi di tanti spettatori, appassionati e non, proprio come nel corso delle estati più belle.

“Un ringraziamento particolare all'Associazione Bocciofila Rocca borgesca, che ha organizzato la manifestazione- ha affermato la vice sindaco e assessore allo sport Lucia Jajani, durante la premiazione –, al presidente Giorgio Braghetti e ai suoi preziosissimi collaboratori: Carlo Croia, presidente Bocciofila Castelraimondo, Aldo Marchionni, Marino Pascucci, Giordano Mariani, Paolo Miconi, Franco Policani e Cesare Micozzi. Nonostante le numerose difficoltà per l'emergenza sanitaria, non si sono fatti frenare e hanno donato alla città serate di spettacolo nel pieno rispetto dei protocolli Covid"
c.c.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo