La solidarietà del Cadore si rimette in moto a favore dell'ospedale di Camerino. Allle numerose azioni di generosità che il Veneto ha portato sul territorio colpito dal sisma, si aggiunge in queste ore anche una raccolta fondi  destinata all'associazione "A Cuore Aperto" guidata dalla dottoressa Gabriella Winni Mazzoli. Se ne è fatto promotore di sua spontanea volontà Giacomo Maroldo che fa parte della Sezione Cadore di protezione civile.  La somma raccolta servirà ad assicurare l'acquisto di nuove attrezzature utili al nosocomio,dallo scorso 8 marzo trasformato in Covid Hospital. Il raccordo è avvenuto grazie all'intermediazione dell'insegnante camerte Paola Gerini, sin dall'immediato dopo sisma,molto attiva nel coordinamento di più azioni solidali che hanno raggiunto diverse destinazioni. E' stata lei stessa a segnalare la situazione di eccezionale sforzo che personale sanitario e  presidio ospedaliero si sono trovati a diver fronteggiare a causa dell'emergenza sanitaria del Covid-19 ricevendo subito disponibilità da parte di Giacomo Maroldo. Grazie alla raccolta fondi da lui attivata, la generosità del Veneto non ha esitato a mobilitarsi per sostenere nei fatti il territorio camerinese.
" Circa un mese e mezzo fa- racconta Paola Gerini- ho rappresentato delle  problematiche del nostro ospedale, primo della Regione Marche ad essere convertito in Covid Hospital per ospitare pazienti positivi al Coronavirus. Ho parlato con lui anche delle diverse iniziative che nel frattempo erano state intraprese per sostenerne le attività e Giacomo Maroldo del quale non possiamo dimenticare le tante azioni di sostegno alla popolazione già nell'immediato dopo sisma, ha deciso di rimettersi in moto nuovamente per darci una mano.  Nel raccogliere il mio invito, nonostante il problema del coronavirus colpisca fortemente e gravemente la loro regione, Giacomo non ha esitato a farsi in quattro per sollecitare una raccolta fondi per l'emergenza. Il risultato è stato che parte dei fondi raccolti è stata destinata alla sua terra e altra parte della raccolta Giacomo Maroldo ha deciso di convogliarla per le esigenze e le necessità dell'ospedale di Camerino.  A testimoniare l'amicizia e l'affetto che ormai lega il Cadore  e altri territori del Paese alle nostre zone, la somma di 1140 euro è stata pertanto devoluta all'associazione "A Cuore Aperto" di Camerino. Un paio di giorni fa Giacomo ha fatto questo bonifico dimostrando l'attaccamento e il bel rapporto d'amicizia instaurato col nostro territorio. Lo ringrazio di cuore per aver accolto questa richiesta d'aiuto che nel concretizzarsi in questo modo, ci dà il segno della vicinanza e della presenza costante degli amici veneti.  Non posso che testimoniare dell'affetto reciproco che ci lega, augurando anche alla loro terra, di riuscire a superare al più presto l'immane dramma che stanno vivendo". 
C.C.

Nella foto Paola Gerini e Giacomo Maroldo
IMG 20200411 WA0010
Se n'è andato all'età di 98 anni don Luigi Angeloni, il sacerdote più anziano dell'arcidiocesi di Camerino-San Severino. A strapparlo dall'affetto dei suoi cari è stato il Coronavirus. Era ricoverato al Covid Hospital di Civitanova. Già parroco di Parolito, è la terza vittima settempedana di questo dramma. Da tempo le sue condizioni di salute non erano buone ma fino a pochi giorni fa era rimasto in casa dove era accudito. Poi le sue condizioni si sono aggravate ed è stato necessario il trasferimento in ospedale. 

“Partecipiamo a questo grave lutto che è tornato a colpire la nostra comunità - sottolinea il sindaco di San Severino, Rosa Piermattei - Esprimo vicinanza alla famiglia e alla comunità religiosa cittadina”.
g.g.



Il mondo della cultura piange l'improvvisa e prematura scomparsa dello scrittore Massimo De Nardo. Aveva 68 anni e viveva a Tolentino dove era ,responsabile editoriale e fondatore di Rrose Sélavy casa editrice che si occupa di narrativa illustrata . La sua casa editrice nel 2014 si era aggiudicato il premio Andersen e ne l 2015 il premio Edito-Re. Tanti gli scritti e i romanzi dedicati all’infanzia usciti anche in edizioni e-book. Celebre la collana “ Il quaderno quadrone"; numerosissimi i racconti e gli articoli usciti dalla sua fantasiosa e creativa penna e pubblicati in riviste e web magazine, senza dimenticare la vasta risonanza di Maffin il suo primo romanzo per ragazzi. Lo scrittore tolentinate ha al suo attivo anche numerosi testi teatrali che gli hanno fruttato prestigiosi riconoscimenti nazionali come il premio Oreste Calabresi nel 2008 e il premio nazionale In scena nel 2009. Tante le collaborazioni sul territorio tra le quali quella con Visione Sibillina e in particolare nelle attività nel post- sisma dell’associazione, improntate ad accrescere le situazioni di aggregazione dei cittadini, nel desiderio di stimolare il riappropriarsi delle radici identitarie, vivere positivamente il presente e ricucire le relazioni di una comunità tolentinate disgregata dal terremoto. Toccante il messaggio rivolto dai membri dell’associazione al loro amico “ uomo colto e gentile, troppo discreto per il frastuono a cui si è abituati. Era stato con noi nell'ultima passeggiata di settembre, attento ascoltatore e persona curiosa come chi sa che la conoscenza non ha limiti- scrivono dall’associazione Visione Sibillina- Lo stanno salutando in molti nella rete, l'unico modo che abbiamo in questo tempo che toglie e che forse saprà dare. Ciao Massimo. Avremmo voluto ascoltarti di più”.

Nella foto Massimo De Nardo a Camerino nel corso dell'incontro organizzato dalla " Biblioteca itinerante"
IMG 20200413 WA0002
Numerosi  i legami che lo scrittore aveva instaurato anche con la città di Camerino. Tra i più recenti ricordiamo l’incontro ‘Scrivere ad alta voce” organizzato dalla “Biblioteca itinerante” il 31 maggio 2017.. Impreziosito dalla presenza dello scriittore ed editore, tutti ricordano la piacevolissima atmosfera familiare che si venne a creare in quel pomeriggio di sole nel corso del quale, in collaborazione con “Nati per Leggere,” fu possibile ascoltare le pagine scritte da Massimo De Nardo, protagonista in quella circostanza di un interessantissimo talk show. 
Tra novembre e dicembre  2017, sempre su organizzazione della Biblioteca itinerante, a Massimo De Nardo sarebbe stata affidata la guida di ‘4 lezioni di scrittura creativa’ che non fu possibile realizzare per il mancato raggiungimento del minimo numero di iscritti. Il 29 aprile dello scorso anno, De Nardo intervenne a Palazzo Sabbieti per ascoltare la scrittrice Nadia Terranova. Nel ricordarne lo spessore culturale e i tratti di una nobilissima figura, l’associazione camerte “ Biblioteca itinerante” si dice sconvolta e rattristata dalla sua improvvisa scomparsa; lo scrittore avrebbe infatti partecipato all’iniziativa organizzata per i 100 anni dalla nascita di Gianni Rodari. 
De Nardo sarebbe venuto a Camerino nel prossimo mese di maggio proprio per presentare un suo lavoro ispirato al più grande favolista del Novecento.

Commossa alla notizia della sua scomparsa anche l'insegnante Clara Maccari, che ne conserva memoria di una collaborazione con l'amministrazione comunale, ai tempi in cui lei stessa era assessore all'ambiente del Comune di Camerino. 
"Ne serbo il bellissimo ricordo di una persona molto affabile, tenera e dolcissima. Tra i suoi legami con la città di Camerino- dice Clara Maccari- ricordo che da assessore ebbi l'occasione di seguire un progetto collegato ai nostri bellissimi sentieri di campagna. Massimo De Nardo ne curò l'aspetto comunicativo e promozionale, quindi abbiamo avuto più volte occasione d'incontrarci. Da questo lavoro nacque un libretto capace di raccontare del nostro territorio e delle nostre bellezze un po' fuori mano, come  percorsi da farsi a piedi o in bicicletta. Un'immagine molto curata dei meravigliosi affacci delle nostre zone e dei punti di sosta più suggestivi, scritta alla stregua di appunti da viaggiatore. Ricordo che,una volta stampato l'opuscolo, l'avvio dell'esperienza fu inaugurato da un percorso a piedi che ebbe per tappa finale il convento di Renacavata, conclusasi con una piacevole merenda e un'amichevole illustrazione del contenuto del progetto. A testimoniare l'apprezzamento incontrato dalla pubblicazione, il fatto che negli anni successivi  questa "piccola guida" da lui realizzata, sia andata letteralmente a ruba".  
C.C.

Sotto, lo scrittore con l'artista camerte Laura Pennesi che in occasione dell'incontro a Camerino, realizzò una piccola mostra di sue creazioni
IMG 20200413 WA0002 3
A Camerino, continua la consegna delle mascherine alla cittadinanza, iniziata ieri pomeriggio. Già da questa mattina i ragazzi del Movimento Giovanile Panta Rei insieme ai consiglieri comunali Riccardo Pennesi e Maria Giulia Ortolani e alla Protezione civile stanno provvedendo alla distribuzione in tutte le zone del Comune al fine di garantire a ogni cittadino la sua mascherina. 
I presidi erano arrivati a inizio settimana dalla contea cinese di Taicang e l'Amministrazione col prezioso aiuto dei giovani del Movimento Giovanile Panta Rei ha provveduto a organizzare e  attivare subito la distribuzione.
Mascherine Panta Rei
" Già da ieri abbiamo inziato a raggruppare e suddividere tutte le mascherine in base alle abitazioni dei domiciliati nel comune di Camerino- afferma il presidente del Movimento giovanile Panta Rei Marco Belardinelli- . Abbiamo quindi già svolto le prime consegne nelle aree Sae della zona Le Cortine e nelle aree delle casette di tutte le frazioni. Finita questa parte stiamo continuando a distribuire i dispostivi di protezione nei quartieri periferici della città e, con tutta probabilità vista la cura con cui dobbiamo preparare tutte le buste contenenti le mascherine, continueremo anche lunedì di pasquetta per compiere un lavoro migliore e più preciso. Ci siamo riuniti al Centro Operativo Comunale di via Le Mosse- conclude Belardinelli e, con tutte le precauzioni del caso, abbiamo fortunatamente abbiamo avuto la pronta risposta di diversi ragazzi che si sono resi disponibili a fare questo lavoro come volontari. Siamo pronti  e nell'attesa che tutto riesca nel più breve tempo possibile a tornare alla normalità, vogliamo renderci utili".

c.c.
consegna mascherine 1

consegna mascherine 2

È un trentesimo compleanno molto particolare, quello della matelicese Ismaela Bonfrate: lei, infermiera, lo passerà infatti nel reparto di terapia intensiva del Covid Hospital di Camerino al fianco di coloro che stanno lottando contro il Coronavirus, e pertanto ha pensato che quest’anno sarebbe bello che il regalo lo ricevessero i suoi pazienti e non lei; a tal fine ha lanciato una raccolta fondi sul sito www.gofundme.com: “Per questo mio compleanno così importante, trent’anni, mi piacerebbe ricevere un regalo particolare - scrive sul sito - Per chi non lo sa, lavoro come infermiera presso la rianimazione del Covid Hospital di Camerino.

fb8de2de 6b45 4ef3 a1a0 336ec3a68cb4

I miei pazienti sono lontani da casa e non possono ricevere il supporto affettivo dei propri cari: con il mio gruppo di lavoro cerchiamo di garantirgli una videochiamata alla famiglia, non appena i ritmi lavorativi ce lo consentono. Con questa raccolta fondi vorrei riuscire ad acquistare umo Smartphone con auricolari che garantisca una buona visione e una buona acustica, visto che l'unico che abbiamo non si sente bene. Far vedere il proprio caro in ospedale ai familiari a casa e magari far ascoltare loro la sua voce dopo che è stato intubato è un emozione indescrivibile. Credo che questi ammalati abbiano il diritto di sentirsi garantito il supporto familiare attraverso questi unici mezzi consentiti. Spero riusciate a farmi questo regalo. Grazie a tutti”.

Alessio Botticelli
Continua la solidarietà dei belfortesi. Questa volta a scendere in campo è l'ex comitato della Sagra dell'Acquaticcio di Belforte del Chienti.
I componenti dell'ex direttivo, infatti, dopo aver lasciato l'incarico organizzativo della festa, avevano già deciso di custodire il fondo cassa accumulato negli anni per aiutare chi ne avesse avuto bisogno.
In un primo momento hanno contribuito alla retta della scuola di equitazione per una famiglia del paese con un ragazzo disabile. "Ora - spiegano - ci siamo resi conto che era necessario utilizzare quei risparmi per l'emergenza sanitaria. Abbiamo acquistato delle mascherine che, questa mattina, i volontari della protezione civile, insieme al sindaco, stanno consegnando alle famiglie di Belforte. Ne daranno due a famiglia".
Ma la loro solidarietà non si è fermata nel paese dove organizzavano la sagra: "Abbiamo preso contatti con l'Asur e con il direttore Alessandro Maccioni - proseguono - perchè vogliamo aiutare l'ospedale di Camerino trasformato in Covid Hospital. L'idea era quella di donare qualcosa che fosse servita anche dopo la fine dell'emergenza. Così, su consiglio dell'Asur, abbiamo ordinato due barelle per la terapia intensiva. Siamo in attesa che arrivi l'ordine per poterle consegnare all'ospedale".
Un altro gesto di solidarietà che sorprende dopo le forze di altri comitati belfortesi che, solo una settimana fa, si sono unite per la donazione di materiale sanitario.

GS

Nella foto il sindaco Vita e l'assessore Cipollari durante la consegna
d1513928 42b3 4168 ac5d 81770a95c86a
Lutto nel mondo del giornalismo. È venuto a mancare ieri sera, nella sua abitazione di Roma, il giornalista Alberto Sensini. Aveva 93 anni ed aveva cominciato l'attività di giornalista proprio con L'Appennino Camerte, viste le origini camerinesi dei suoi genitori.
Dopo la collaborazione anche con “Il Corriere d’informazione”, ha lasciato la città ducale per stabilirsi a Roma dove è stato assunto dal Corriere della Sera, di cui diventerà poi responsabile.
Per quella testata è staTo anche editorialista, fino al 1976, quando ha assunto per pochi mesi la direzione del Tg2.
È stato direttore responsabile de “La Nazione” di Firenze; editorialista per “Il Gazzettino” di Venezia e collaboratore al “Mondo” di Pannunzio, alla “Nuova Antologia”, al “Mulino”.
Presidente della Stampa Parlamentare e docente di Teoria e tecnica del linguaggio giornalistico all’Università di Macerata e alla L.U.I.S.S. di Roma, dove è stato anche responsabile del settore giornalismo nella Scuola postlaurea in comunicazioni di massa.
Lascia tre figli, Angelo, Michele e Mario. Quest’ultimo responsabile dell’ufficio stampa del Commissario straordinario per la ricostruzione post-terremoto, che ne ricorda gli inizi a L'Appennino camerte. "Mio padre - ricorda commosso - è sempre rimasto affezionato alle sue origini e al settimanale con il quale aveva iniziato a scrivere. Un affetto rimasto immutato anche per Camerino e l'intero territorio".
L'Appennino camerte ricorderà nel prossimo numero la figura del "suo" collaboratore Alberto Sensini.

GS
Primo consiglio comunale in seduta mediatica a Camerino. Alle comunicazioni del sindaco è seguita la presentazione e illustrazione dei punti all'ordine del giorno sottoposti ad approvazione uno dei quali è stato ritirato. In oggetto c'erano gli interventi unitari riguardante la seconda tranche di nuovi aggregati e consorzi relativi al centro storico e alla frazione di Mergnano San Pietro, l'atto di indirizzo riguardante l'approvazione del progetto della nuova scuola Betti e atti conseguenti, l'approvazione del regolamento comunale  concernente  criteri e modalità di determinazione delle sanzioni amministrative pecuniarie riferite ad opere edilizie dei privati. Infine il Documento Unico di programmazione  2020- 2022
Il gruppo di minoranza di Radici al futuro ha espresso  voto contrario solo su uno della ventina di aggregati di cui è stata proposta approvazione ieri sera oltre che sul DUP 2020 -2022, ultimo dei punti affrontati. Astensione invece in merito al regolamento comunale e, altro punto che ha registrato discussione da parte dei consiglieri d'opposizione, seppure in definitiva si sia approdati al licenziamento all’unanimità, quello relativo al nuovo plesso scolastico Ugo Betti il cui progetto esecutivo si avvia ad essere approvato in sede di Conferenza permanente dei servizi, su convocazione del Commissario alla ricostruzione Giovanni Legnini.
Il dibattito è sorto innanzitutto intorno ad uno degli aggregati del centro storico che insiste nell’area del Santuario di Santa Maria in via e, in particolare, nelle parte posteriore che finora ha costituito l’uscita verso i giardini della Rocca Borgesca. “ Su quell’aggregato che va a costeggiare la parte posteriore della chiesa – afferma il consigliere di minoranza Roberto Lucarelli- ci siamo espressi con voto contrario perché riteniamo che, al pari della strada d'ingresso nel centro storico che costeggia la destra della chiesa e oggetto di perimetrazione, a nostro parere si sarebbe dovuta perimetrare. Chiunque conosce Camerino - prosegue il consigliere- sa per certo che una parte di quell'area costituisce l'ingresso e l’altra parte è l'uscita dal centro; se dunque si mette in sicurezza e si pensa di fare una via di fuga per l'entrata, a nostro avviso è sicuramente importante mettere in sicurezza pure l'uscita. Riteniamo pertanto che valutare oggi la possibilità di allargare anche di poco quell’area, sarebbe stato lungimirante dal punto di vista della sicurezza per il futuro della città. Per quel che riguarda il nuovo plesso scolastico Betti- continua Lucarelli- noi più di tutti abbiamo voluto e sostenuto fin dall’inizio e con forza la sua realizzazione anche quando tutti dicevano che forse  si sarebbe dovuto ripensare a collocare la scuola in altra sede. Ai tempi della nostra ammnistrazione- prosegue- si diceva anche che avremmo dovuto magari rinunciare all'ordinanza 14 e attendere nuovi finanziamenti. Abbiamo invece insistito, convinti che se non prendevamo quel treno probabilmente la scuola non l'avremmo mai vista ricostruita in tempi brevi. In funzione dei nuovi assetti dell'area avuti negli ultimi mesi, il progetto ha poi avuto necessità di effettuare una variante urbanistica, variante urbanistica che per quel che riguarda la scuola ci ha visti sicuramente favorevoli. Il problema che abbiamo sollevato è di essere stati chiamati a votare il parere favorevole sul progetto, progetto che nella sostanza non è stato allegato agli atti di delibera e quindi c'è venuto il dubbio che questa procedura non del tutto lineare potesse mettere in discussione la legittimità dell'atto e conseguentemente, andare ad inficiare il proseguo della costruzione . Per poter esprimere un parere riteniamo che lo stesso progetto avrebbe dovuto essere allegato. Ma al di là di questo, ci siamo sentiti di esprimere comunque un voto favorevole perché continuiamo ad essere fortemente convinti che quella costruzione è un'opera strategica e - continua Lucarelli -  siamo andati avanti anche laddove ci potrebbero essere stati dei dubbi procedurali. Come gruppo di minoranza- conclude Lucarelli- abbiamo poi votato contrari sul Dup e sulle linee programmatiche ma soprattutto su quelle che sono le disposizioni di bilancio oggi presumibilmente suscettibili di modifica data l’ emergenza covid-19. Riteniamo infatti che il dire che c'è un bilancio deficitario quando sono presenti 3 mln di euro di assicurazione da poter spendere per interventi di natura strategica, denoti una poco chiara visione di programmazione futura dell'ammnistrazione.”.
IMG 20200409 142814
L'assessore ai lavori pubblici Marco Fanelli ha ripercorso l'iter del nuovo plesso Betti, ritardato da alcune integrazioni richieste e riguardanti le indagini archeologiche che sono state concluse con esito positivo senza rinvenire serie problematiche da parte della Sovrintendenza. Richiesti anche taluni documenti per una variante che appunto verrà approvata in sede di conferenza permanente contestualmente a quella del progetto esecutivo dell'edificio scolastico. In consiglio la votazione ha riguardato questi atti e, come detto, la minoranza ha avanzato il fatto che il progetto esecutivo non fosse allegato. L'assessore Fanelli ha opposto a questo rillievo che il progetto esecutivo era presente già agli atti in comune dal 13 gennaio scorso e che vi sarebbe stato tutto il tempo per poterne avere visione.
"Credo che in questo momento- dichiara Fanelli- non possiamo permetterci di cavillare e cercare invece di andare avanti. La burocrazia c'è a tutti i livelli ma non possiamo essere noi che rappresentiamo i cittadini i i burocrati della situazione. Anzi, dobbiamo cercare di andare avanti e abbattere gli ostacoli che eventualmente la burocrazia potrebbe metterci di fronte. Quello della scuola Betti è un passo importante e ora sarà il Commissario che ha già preso contatti col sindaco a convocare quanto prima la conferenza permanente".
Una volta che questo ulteriore passo raggiungerà esito positivo, avrà luogo la fase successiva dell'apertura del cantiere a Madonna delle Carceri.
"Di fatto sia il progetto esecutivo che l'esecuzione dei lavori hanno il placet e l'approvazione in conferenza permanente-darà dunque il via ai lavori.-assicura Fanelli-  La ditta è già stata individuata e ci attendiamo che da qui a breve e con tutte le cautele del caso, possano ripartire anche le attività edilizie che al momento vivono un blocco forzato. Chiaro che in questa fase di fermo- conclude Fanelli- il minimo che possiamo fare è sistemare le carte e andare avanti in videoconferenza anche per quel che riguarda i prossimi passaggi col Commisario alla ricostruzione.  Oggi ci siamo anche sentiti con la Provincia che, sulla base dei documenti inviati dal comune deve produrre l'esclusione a Vas, valutazione ambientale strategica del progetto e abbiamo ricevuto rassicurazioni che a breve arriverà  il decreto che sancisce l'esclusione a Vas della variante da approvare. Per cui, siamo pronti per la conferenza in via telematica col nuovo Commissario che abbiamo visto molto risoluto sotto molti aspetti ed argomenti e che gode assolutamente della nostra fiducia". 
La delibera ritirata era relativa all'approvazione di un'area camper per finalità turistica e di protezione civile in zona Le Calvie; l ritiro è stato giustificato dal fatto che si è venuti a conoscenza che una parte di quell'area è soggetta a vincolo di esproprio per il passaggio della Pedemontana. 
Illustrata dall'assesore Fanelli anche la proposta del regolamento contenente le modalità delle sanzioni ammnistrative da applicarsi in materia edilizia. il cui importo finora non era ben definito. " A seconda del tipo di abuso, si è andati a dare un valore numerico alla sanzione e si è anche previsa la possibilità di dilazionare il pagamento in più rate e senza interess,i per chi dimostri di avere delle difficoltà a saldare la sanzione irrogata ".
Perplessità e voto contrario della minoranza sulle linee di indirizzo del Dup per il triennio 2020-2022 illustrato dall’assessore Lucia Jajani. “ Il documento –ha spiegato- è stato  elaborato e approvato in Giunta prima dell’emergenza Covid e dunque il senso di quei numeri non è più attuale. Abbiamo provveduto comunque alla delibera del Consiglio così come prevede la legge perché è l'avvio del processo di programmazione economica finanziaria dell'ente ed è un atto necessario per poter consentire a tutta la gestione  tecnico amministrativa del comune di poter andare avanti con i propri lavori però sono dei numeri che alla luce dell'emergenza verranno rimessi in discussione; la prima variazione che abbiamo fatto è quella di prevedere un primo capitolo per far fronte alle spese di emergenza per un importo totale di 133mila euro ed è stato suddiviso per 100 mila euro come sussidi da elargire ad imprese e famiglie in difficoltà. Abbiamo perciò quasi triplicato il contributo di circa 36mila euro arrivato dallo Stato e quindi provvederemo ad utilizzare quesi soldi man mano che si manifesteranno le difficoltà. Per quanto riguarda invece i rimanenti 33 mila euro sono stati destinati per acquistare presidi sanitari e per le attività di sanificazione che man mano si renderanno necessarie; questa è una prima partenza- ha ribadito l'assessore Jajani-  difficile infatti fare delle previsioni su quelle che saranno le necessità di questa emergenza e verso la quale nessuno è in grado di stabilire come muoversi.  E' la prima volta che ci troviamo di fronte a una criticità  sanitaria così grande ma  abbiamo manifestato la ferma volontà di questa amministrazione di mettere al primo posto le esigenze della comunità, quindi  cittadini, famiglie e imprese e man mano aggiusteremo i dati di bilancio secondo le esigenze che si presenteranno"
In risalto nelle considerazioni del primo cittadino Sandro Sborgia in primo luogo il fatto che tutta la cittadinanza abbia seguito in diretta streaming la seduta del Consiglio comunale, protrattasi per circa tre ore.  “E’ chiaro che sarà necessario andare avanti così fino a che non sarà terminata la fase dell'emergenza sanitaria- afferma il sindaco- e colgo l'occasione per rivolgere il mio apprezzamento all’intera Giunta composta dai consiglieri di maggioranza e minoranza, per il rispetto e l’atteggiamento corretto che c’è stato per tutta la seduta. Importanti i punti all'ordine del giorno sui quali c'è stata discussione e, nella maggior parte dei casi, uno spirito di compattezza.  Venti i nuovi tra aggregati e consorzi portati ad approvazione insieme al punto riguardante la nuova scuola Betti. Elementi che si riferiscono entrambi al futuro della nostra comunità e frutto di un lavoro anche complicato del quale ringrazio in particolare gli uffici comunali preposti e soprattutto i consiglieri delegati Anna Ortenzi e Luca Marassi nonché l'assessore Marco Fanelli che hanno direttamente seguito tutte le questioni. Alla partita già approvata a fine gennaio di aggregati e consorzi abbiamo aggiunto  nuovi interventi che riguardano il centro storico e la frazione di Mergnano San Pietro. Molto importante il nuovo plesso scolastico Ugo Betti sul quale abbiamo profuso tutte le nostre forze, per avviarci alla Conferenza dei Servizi non appena il Commissario straordinario ne darà convocazione e che una volta chiusa - aggiunge Sborgia- ci consentirà di dare il via ai lavori: credo che trascorsi 3 anni  sia il minimo che possiamo fare. Era doveroso e siamo riusciti a sbloccare una situazione che sembrava davvero disperata. Ce l'abbiamo fatta e quindi andiamo avanti anche su questo fronte. Per quel che riguarda l'emergenza sanitaria del momento, voglio anche sottolineare l’avvio della misura dei buoni spesa. Consapevoli dei disagi che vive la popolazione, abbiamo anche provveduto a triplicare il Fondo proprio con l'intenzione di riuscire il più possibile a colmare tutte quelle situazioni di stato di bisogno dei cittadini. Voglio rassicurare anche coloro i quali sono titolari di attività economiche dicendo che non debbono temere di trovarsi in difficoltà, perché noi ci saremo e tutto quello che sarà necessario fare questa amministrazione lo farà. Vedremo quello che succederà nell'evoluzione della pandemia, ma- chiosa il sindaco-  non v'è dubbio che questa amministrazione abbia come punto fondamentale del suo mandato l'essere al servizio del cittadino, quindi, in ogni modo e con ogni mezzo, faremo quanto è in nostro potere, affinchè nessuno rimanga indietro. Su questo mi sento di poter rassicurare tutti".
C.C.
Arrivate a Camerino le 5000 mascherine donate dalla Contea cinese di Taicang. E' stato Dario Marcolini ,vicepresidente dell’agenzia ViaSoccer che si è occupata della donazione e dell’interscambio culturale tra la città e Taicang, a consegnarle in comune al sindaco di Camerino Sandro Sborgia e al consigliere Riccardo Pennesi che ha fatto da intermediario.
A nome di tutta la cittadinanza, parole di ringraziamento sono state espresse dal sindaco, il quale ha esteso i suoi sentimenti di gratitudine alla presidente dell'agenzia ViaSoccer Sue X. Su, attualmente in America.

" Grazie al loro aiuto e alla loro disponibilità - afferma il consigliere Riccardo Pennesi- ci sono state donate ben 5000 mascherine, arrivate direttamente dalla Cina e dalla Contea di Taicang. Il viaggio è stato abbastanza travagliato dato che, a causa della pandemia, i voli Cargo sono abbastanza limitati. Ma stamattina sono arrivate a destinazione - continua Pennesi- e non possiamo far altro che esprimere il più sincero ringraziamento per questa graditissima operazione. Ora, attraverso i volontari della  Protezione Civile e della Croce Rossa, potranno essere  distribuite a tutti i cittadini di Camerino, agli uffici comunali e anche alle forze di Polizia locale, per le quali questo tipo di dotazione è essenziale per lo svolgimento in sicurezza del loro servizio . Nel contempo- aggiunge il consigliere- torniamo a raccomandare alle persone l'importanza di continuare a rispettare tutte le regole del decreto. Sappiamo della difficoltà che molti ci hanno rappresentata di trovare questi dispositivi di protezione individuale e ci auguriamo di poterne ricevere altri in futuro mentre ci impegneremo anche per  individuare dei possibili canali d'acquisto. La donazione che è giunta quest'oggi, è servita anche a rifornire di mascherine la Casa di riposo di Camerino dato il disagio incontrato in questi giorni per illoro reperimento. Sappiamo bene qual è la situazione di fragilità delle residenze per anziani in tutta Italia per cui- conclude Pennesi- l'augurio è che anche questo piccolo aiuto possa servire ad evitare le possibilità di contagi all'interno della struttura. Intanto, continuiamo a lavorare e, nel giro di una decina di giorni, contiamo di riuscire a distribuire le mascherine anche all'intera popolazione camerte" 
C.C.
Carissimi fratelli e sorelle,
desidero raggiungerVi con questo mio messaggio pasquale in un momento nel quale la nostra vita ordinaria è stata invasa e stravolta dalla straordinarietà della quarantena imposta a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19. Vorrei riflettere con voi sulle parole che il giorno di Pasqua, attraverso i mezzi di comunicazione e insieme ai nostri familiari, avremo modo di ascoltare con la proclamazione del Vangelo di Matteo: «Ma l’angelo disse alle donne: “Non abbiate paura, voi! So che cercate Gesù il crocifisso. Non è qui. È risorto, come aveva detto; venite a vedere il luogo dove era deposto» (Mt. 28, 5-6). È come se anche le parole del Vangelo volessero associare le nostre paure alla paura quelle donne che, di buon mattino nel giorno dopo il sabato, vanno al sepolcro e si trovano sconvolte per quel che vedono: la tomba vuota! Non basta quanto hanno vissuto durante la passione del venerdì? Sembra che le loro angosce non siano cessate: non era già sufficiente uccidere Gesù sulla croce? Era necessario ora trafugare il suo corpo? Dal cuore di queste donne nasce e si sviluppa un susseguirsi di paure che, in qualche modo, stiamo vivendo e percependo anche noi in questi giorni.

Gli scienziati dicono che una delle reazioni più tipiche registrate in questi casi di pandemia è proprio quella di sperimentare la paura, un’emozione primaria e fondamentale per la nostra difesa e sopravvivenza: se non la provassimo non riusciremmo a metterci in salvo dai pericoli che incontriamo nella vita. Abbiamo paura del contagio, di ammalarci e di contagiare i nostri cari, paura di un ricovero forzato, paura di morire e di rimanere soli, paura di perdere affetti importanti e di non poterli salutare, paura di non avere da mangiare, di non poter uscire, di perdere il posto di lavoro, paura di non poter tornare alla vita di sempre, paura su paura. Tutte queste angosce si sono aggiunte a quelle che ci accompagnano ordinariamente: paura del disastro ambientale, dei terremoti, degli esperimenti genetici in laboratorio, paura del vicino, del diverso, paura dell’immigrato e del povero, paura del terrorismo e della guerra, paura su paura. Seppur scoraggiati da queste paure, Vi chiedo di ascoltare la risposta dell’angelo alle donne spaventate: «Non abbiate paura». L’angelo accanto al sepolcro vuoto sembra non parlare più soltanto alle mirofore, cioè alle donne che portano gli unguenti per la sepoltura, ma parla a me e a te. «Francesco, non avere paura!». Questo invito a non temere percorre tutta la storia biblica. Nella Scrittura, infatti, questa parola è rivolta da Dio a tantissimi testimoni: da Abramo nostro padre nella fede, a Mosè chiamato a guidare il popolo nel deserto; da Giuseppe sposo di Maria, alla stessa Maria, Madre di Gesù e nostra; fino a Pietro, timoroso e incerto sulle acque. Così, oggi, questo invito divino raggiunge, con la sua consolazione e speranza, anche me e te: «non avere paura, fratello, sorella: coraggio, non temere!». L’angelo invita i credenti a non lasciarsi traviare dai timori e dai dubbi di fronte alla tomba vuota, a superare i limiti della morte di Gesù.

Un invito a pensare a Lui in un modo diverso e completamente nuovo che richiede di reimpostare il rapporto con Lui. Un po’ come le nuove modalità di rapporto che abbiamo dovuto inventarci, con fantasia e intraprendenza, in questo tempo di forzato isolamento sociale. Il Papa, venerdì scorso 27 marzo, durante il discorso che precedeva la Benedizione Urbi et Orbi così ha pregato: «Signore tu ci chiedi di non avere paura. Ma la nostra fede è debole e siamo timorosi […]. È il tempo di reimpostare la rotta della vita verso di Te, Signore, e verso gli altri. E possiamo guardare a tanti compagni di viaggio esemplari che, nella paura, hanno reagito donando la propria vita». L’invito dell’angelo a vedere non indica soltanto un guardare che si interroga, che cerca una risposta ma è ancora immerso nel dubbio e nella titubanza; è un vedere trasfigurato, contemplativo, capace di trascendere i limiti della paura e dell’apparenza, in grado di cogliere ciò che sta al di là, oltre la paura, oltre la tomba vuota. Vedere è il verbo proprio della fede, infatti vedere oltre significa avere fede. Finalmente, l’angelo rivela il segreto, l’arcano mistero che dona gioia e stupore a questa Domenica di Risurrezione, l’Ottavo giorno senza tramonto. Allora, non bastano più le logiche umane, un toccare e un vedere limitati dalle paure, ma deve immettersi nel nostro oggi la novità che trasfigura il nostro dolore e la nostra angoscia poiché Gesù “è stato risuscitato”. L’evangelista Matteo usa volutamente un passivo teologico perché vuole lasciar intendere che la risurrezione è un’azione esclusiva di Dio, scaturita dalla Sua potenza e grazia. Se la tomba è vuota è opera di Dio.
Per vedere e comprendere tutto questo, dobbiamo passare dal ragionamento alla fede, dal calcolo all’abbandono totale nelle mani del Creatore. Vorrei concludere con l’invito che Papa Francesco ha rivolto a tutto il mondo: “Abbracciare il Signore per abbracciare la speranza: ecco la forza della fede, che libera dalla paura e dà speranza”. Questo è il messaggio pieno di fiducia che desidero parteciparVi in questa Pasqua invitandoVi a non avere paura e ad alimentare uno sguardo di fede capace di aprirsi alla speranza di una vita nuova che rinasce dalla croce. E questo, nell’attesa di poterci nuovamente abbracciare, di condividere il dolore delle molte perdite di vite umane e di tornare a rallegrarci in Lui con nuovi stili di vita e un rinnovato rispetto verso noi stessi, la natura, i rapporti sociali ed economici. A Voi tutti e alle Vostre famiglie, un augurio affettuoso di una santa Pasqua di speranza e di Risurrezione.

Il Vostro vescovo
+Francesco

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo