Radioc1inBlu

Conte é arrivato intorno alle 13.15 e più si recherà a Venezia dove situazione drammatica insieme altri comuni a causa maltempo. . Unicam al 684 mo genetliaco con lunghissima tradizione ha dimostrato grandissima capacità di onorare grandissima tradizione. Stufium Camerte primo della Regione già dal 1200 e  punto riferimento teología diritto matematica. Rivolto a studenti ha parlato della piaga dei sottoccupati precari. Contrasto con dettato costituxionale.
Sfide del presente non sono state all'altezza   Ha detto di aver.letto con attenzione le pagine toccanti scritte dal rettore Pettinari.rimanendo colpito dalla volontà di essere vivi  dimostrata e sempre tenendosi in contatto con la comunità dei ragazzi.  Colpito da racconto a invitare l'ingegnere ufficio tecnico a non spegnere le luci del campus anche a mezzanotte. Sforzi ammirevoli quelli fatti dall'università di Camerino a partire dalla discussione laurea dopo una settimana dalle scosse.

WhatsApp Image 2019 11 13 at 15.18.59 1

Conte ha detto che quella di Camerino è una. comunità che va ricordata a tutta Italia perché che ha stretto i denti per continuare ad esistere e mantenersi viva.`Avete un grande compito e una  grande sfida. La vostra é comunità resiliente  che vive in rapporto armonioso col territorio. Non si può fare solo fare affidamento su saggezza e resilienza. Noi ci stiamo impegnando e stiamo lavorando tutti insieme per trovare soluzioni. Obiettivo che va afferrato da tutti condiviso e rafforzato. Se tutti contribuiamo nella parte rispettiva possiamo arrivate a risultati. Quanto al decreto Conte ha detto di essersi reso conto che la ricostruzione non riesce a decollare ecco perché è nato il nuovo strumento normativo. Rischiamo di essere bravi a distanza di tempo di consegnare alle comunità un futuro che non esiste per cui ci auguriamo che lo strumento possa essere definitivo. Tutti partecipiamo intorno al tavolo e desidero che il decreto sia condiviso insieme a tutti. Si attende accelerazione per Ricostruzione privata anche con anticipo a tecnici e smaltimento macerie. Apprezzato la ricercanuovi sentieri di sviluppo sviluppata da regione Marche che risponde a morfologia antropica dei luoghi e cercheremo di rinvigorire più misure per lo sviluppo di questi luoghi
Impegno da parte di governo affinché il territorio sia mantenuto e possa tornare integro. Ai giovani ha augurato di realizzare i loro sogni e di spendere bene gli anni dello studio del dialogo ed esperienza. Il governo a voi affida la speranza di quello che domani vogliamo essere . In chiusura, di cerimonia il rettore ha consegnato al Premier il sigillo di ateneo. 

Paura ieri nel tardo pomeriggio per una tabaccaia di via Cecchetti, a Civitanova. Una malvivente con il volto coperto ha fatto irruzione all'interno dell'attività commerciale minacciando la titolare con una siringa per farsi dare l'incasso della giornata. Insieme alla donna però c'era suo padre, anziano, che però è riuscito a mettere in fuga la ladra che ha dovuto darsela a gambe a mani vuote. Al vaglio le immagini della videosorveglianza.
g.g.
E' tornato il maltempo a flagellare le Marche. Questa volta ad avere la peggio è stata la zona costiera, in particolare Porto Recanati. Sul lungomare nord di Scossicci ma anche sul lungomare sud si sono verificati mareggiate e allagamenti di chalet, marciapiedi e strade. A Scossicci l'acqua è arrivata fino al limite con il marciapiede che in vari punti è stato danneggiato ed è stato necessario chiudere la strada provinciale 100 fino a Marcelli per permettere la pulizia della carreggiata. Allagamenti anche in svariati garage privati e i danni sono ancora in corso di valutazione. Disagi, ma più contenuti grazie alla presenza delle scogliere, anche a Civitanova e a Porto Potenza. A lavoro i volontari della protezione civile, i Vigili del Fuoco l'amministrazione comunale e i dipendenti della provincia nonché i Carabinieri.
g.g


.maltempo

maltempo2

maltempo3




La dimostrazione d’affetto per la città che l’ha vista nascere e che, grazie al suo successo, è diventata la piccola Broadway d’Italia, viene dimostrato ancora oggi dalla Compagnia della Rancia.  La realtà teatrale fondata da Saverio Marconi ha, infatti, deciso di far partire il tour nazionale di Grease, lo spettacolo più noto della Compagnia, proprio dal teatro Vaccaj di Tolentino che lo ospiterà da venerdì fino a domenica.
"Questo non è un teatro - dice Marconi che accoglie i giornalisti sul palco proprio come in una grande famiglia - , è una casa, un momento. Abbiamo fatto tutti gli spettacoli qua fino all’incendio. 
È stato fermo dieci anni e in quegli anni noi abbiamo continuato a lavorare, ma questo palcoscenico ha un valore in più.
Peccato la capienza - commenta - con le tre repliche non copriamo nemmeno le spese vive dello spettacolo, ma non ci importa perché quando sei a casa metti il servizio buono e Grease è questo".
L'emozione del regista si percepisce a pelle, anche quando sottolinea, per la Compagnia, l'importanza della città dove è nata: "Sono felice di essere qui e di vedere i risultati che negli anni abbiamo portato con la scuola di recitazione, da cui sono usciti e continuano a farlo giovani di talento, e la Compagnia.
In questa casa di dobbiamo investire - dice, ribadendo l'importanza del teatro Vaccaj per la Compagnia -  non abbiamo un ritorno economico, ma nessuno abbandonerebbe la propria casa. Proprio per questo è bello vedere che noi siamo amati a Tolentino e questo lo sento”.

Una casa, Tolentino e il teatro, non solo per i veterani della compagnia, ma anche per i più giovani che, dalla gradinata della scena di Grease parlano dell'emozione nell'esibirsi sul palco del Vaccaj: "La sensazione che abbiamo avuto quando siamo arrivati a Tolentino - dice Eleonora Lombardo che da anni veste i panni di Rizzo - , quando il sound designer ha messo la musica ed è partito l’opening, è che il cuore si è riempito di magia. Grease ha il potere di far divertire noi e il pubblico. Qualsiasi pensiero svanisce e diventa una bolla magica, tutta rosa.  è per questo che i giovani diventano veterani, perché nessuno ha il coraggio di salutare Grease”.

WhatsApp Image 2019 11 13 at 13.44.56
Eleonora Lombardo

Le fa eco Giorgio Camandona, nei panni di Kenickie: “Io sento una grande responsabilità a tornare in Compagnia e a tornare a Tolentino. Ho un legame forte con questa città, mi sento a casa. Ci sono poche città in Italia dove io mi sento a casa e Tolentino è una di queste. La sensazione di famiglia, a Tolentino, la tocchi. Tornare in questo teatro dopo un percorso lavorativo è proprio bello”.

WhatsApp Image 2019 11 13 at 13.45.22
Giorgio Camandona

Tornando allo spettacolo bisogna però fare un salto indietro nel tempo: era aprile 2002 quando sul palco del teatro Vaccaj la Compagnia della Rancia festeggiava le 500 repliche di Grease. All’epoca sembrava già un traguardo importantissimo, ma in più di 20 anni sui palcoscenici di ogni Regione, Grease è diventato un fenomeno che si conferma ogni sera, con più di 1.800 repliche per oltre 1.870.000 spettatori a teatro.
Nella stagione che comincerà da Tolentino,  Grease, la cui regia è di Saverio Marconi associata con Mauro Simone, porta sul palcoscenico due nuovi protagonisti, giovani e talentuosi interpreti. Danny Zuko ha il volto di Simone Sassudelli, di ritorno dagli Stati Uniti dopo ben cinque spettacoli portati in scena a Los Angeles; al suo fianco, nel ruolo di Sandy, Francesca Ciavaglia che lo scorso anno aveva calcato il palco del Vaccaj con Big Fish.

WhatsApp Image 2019 11 13 at 13.46.15
Francesca Ciavaglia e Simone Sassudelli


“L’Italia è casa mia - commenta Sassudelli - . Grease è capitato per caso e la sensazione di tornare era quella di tornare a casa: lasciare gli Stati Uniti non è stato difficile perché sapevo di ritrovare una famiglia”. 
Stessa emozione per la giovane Francesca Ciavaglia: “Lo scorso anno abbiamo aperto la stagione del Vaccaj dopo gli anni di chiusura - dice - , quindi è stata una grande responsabilità e ora lo è ancora di più”. 
Ad annunciare un Grease “bello, fresco, di cui sono orgoglioso”, il vocal coach Gianluca Sticotti, ma anche Ilaria Suss che ha curato le coreografie.

WhatsApp Image 2019 11 13 at 13.45.46
Gianluca Sticotti

Sono passati 19 anni dalla celebrazione delle 500 repliche di Grease a Tolentino ed oggi, rivedere la celebre auto del musical più amato tornare su quel palco, ha riacceso l’emozione tra gli addetti ai lavori e gli spettatori, confermando che il teatro, il musical e la Compagnia della Rancia sono sicuramente tra le caratteristiche più amate della città. 

Lo conferma l’assessore Fausto Pezzanesi che, nel chiudere la conferenza di presentazione, dice: “Resta il sentimento di affetto verso tutto quello che avviene in questo teatro. Vedere continuità con Saverio Marconi che ci fa crescere di qualità, di livello, è davvero un orgoglio. Il teatro è storico ma chi fa la differenza è la bravura degli uomini e una persona come Marconi che ama questo posto e ha dato una crescita continua, è un valore che gli altri non hanno”. 

Giulia Sancricca
Saranno eseguiti,nel reparto ortopedia dell'ospedale di Camerino, gli interventi per l'inserimento delle protesi già programmati e i cui pazienti hanno già fatto la preparazione pre-operatoria.
Ad annunciarlo il sindaco Sandro Sborgia che ha ricevuto rassicurazioni in tal senso dopo il colloquio con l'assessore regionale Angelo Sciapichetti fattosi portavoce della volontà della direzione sanitaria regionale di autorizzare gli interventi.
"E' la riprova che gli sforzi, il dialogo e l'attenzione dell'ammnistrazione nei riguardi della sanità locale - ha detto il sindaco Sborgia -  sono sempre al primo posto per garantire il bene della comunità dell'intero terriitorio".
cc
All'Istituto Comprensivo Betti di Camerino, arriva il grande batterista Christian Meyer 
Nasce una collaborazione tra i comuni di Fabriano e Camerino grazie alla musica. Alla base c'è la sensibilità di un grande musicista  che per il suo progetto ha voluto scegliere i bambini della scuola della città ducale, unita all'iniziativa dell'ammnistrazione comunale di Fabriano che se ne è fatta promotrice contattando direttamente l'assessorato alla cultura camerte. Già da tempo il noto batterista di Elio e Le storie Tese sta portando nelle scuole delle lezioni di avvicinamento alla musica. Lo farà a Fabriano ma anche a Camerino, dove il giorno 28 novembre sarà  ospite della Scuola Salvo D'Acquisto dell'Istituto Betti.
"Una grande occasione che abbiamo accolto con estrema gioia e positività-  dichiara l'assessore alla cultura e turismo Giovanna Sartori -  L'iniziativa ci è stata proposta dall'amministrazione comunale di Fabriano e dall'assessore alla cultura Ilaria Venanzoni e dunque siamo pronti ad ospitare in città  Christian  Meyer, nome molto noto  nel panorama musicale italiano per essere batterista  della band di Elio e le Storie Tese ma che ha alle spalle anni e anni di musica e una fama di livello internazionale. Verrà a Camerino nell'ambito di questo progetto che il comune di Fabriano ha portato avanti e che consiste in una sorta di  laboratorio musicale nelle scuole che Meyer terrà all'Istituto Comprensivo Ugo Betti il giorno 28 di novembre con i nostri alunni. Lo stesso preside Maurizio Cavallaro - prosegue l'assessore Sartori-  ha  colto con grande favore edentusiasmo questo stimolante progetto, mettendosi subito a disposizione. Credo che sia un evento significativo dal punto di vista culturale pedagogico e che oltretutto va a sancire una bella collaborazione con il comune di Fabriano, città vicina  al territorio di Camerino. Ci auguriamo che questo sodalizio che abbiamo stretto con piacere con il sindaco di Fabriano e con l'assessore alla cultura possa rinsaldarsi sempre più. Non posso che esprimere gratitudine a Christian Meyer  per la sua infinita disponibilità e per la sua voglia di portare un  contributo  nei territori martoriati dal terremoto".
cc
Paura questo pomeriggio, a Tolentino, erano circa le 18 quando, in via Isonzo, è scattato l'allarme per un incendio.
Le fiamme sono divampate all'esterno di una abitazione da un quadro di contatori.
Sul posto sono subito intervenuti i vigili del fuoco per spegnere l'incendio che, stando ad una prima ricostruzione, sarebbe stato causato da un corto circuito.
Mentre tutti i condomini del palazzo hanno abbandonato il proprio appartamento, una anziana vedova, classe 1932, con problemi di deambulazione, è rimasta all'interno della propria abitazione, respirando il fumo dell'incendio. Per lei, che comunque non ha mai perso conoscenza, sono intervenuti i sanitari del 118 che l'hanno trasportata a scopo precazionale al pronto soccorso dell'ospedale di Macerata.
Sul posto anche i carabinieri di Tolentino.

GS
Dopo tre anni per Vincenzo e la sua famiglia si torna alla normalità.
È la storia dei primi caldarolesi che nel fine settimana scorso sono tornati a vivere nel centro storico, fino a qualche mese fa zona rossa. Si tratta di Vincenzo, della moglie Maria e del figlio che hanno potuto riabilitare la loro casa non danneggiata dal sisma ma comunque chiusa per tre anni in attesa della messa in sicurezza delle abitazioni vicine. 

20191110 095958

Vincenzo attendeva da tempo il rientro a casa dopo aver vissuto in appartamenti in affitto prima a Civitanova e poi a Tolentino e dopo essersi visto assegnare una SAE. 

"Resta l'amaro in bocca per il tempo perso e per i soldi pubblici spes - si legge in una nota del Comune - i. Tre anni durante i quali sono state fatte poche cose a causa delle lungaggini burocratiche, i muri pericolanti sono stati messi in sicurezza ma le pietre e calcinacci caduti quel terribile 30 ottobre 2016 sono ancora lì. Il comune di Caldarola sta atttendendo la risposta da parte della Protezione civile in merito all’apertura di un capitolo di spesa che riguarda personalmente il caso di Vincenzo perché a sue spese ha dovuto sostenere alcuni lavori interni per danni causati da infiltrazioni provenienti dell'abitazione a fianco".

Certo, la gioia di essere tornati a casa propria non ha prezzo, ma resta l’amarezza per la sensazione che si sarebbe potuto fare di più e la comprensibile insicurezza nell’essere circondati da case gravemente compromesse dal terremoto.

20191110 100058

In ogni modo soddisfatto il sindaco Luca Maria Guseppetti dice: “Sono dei primi, importantissimi, passi verso il centro storico, molti altri ancora da fare ma se si fossero scelte altre procedure con meno paletti e meno “carte” forse saremmo più avanti. Noi malgrado questo stiamo lavorando sodo per la zona perimetrata, piani attuativi e aggregati volontari”.

GS

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo