Radioc1inBlu

Terzo appuntamento con l'originale Rosario itinerante ideato da don Marcello Squarcia. Questa settimana il rosario è girato nel verde di 2 aziende agricole sarnanesi: Il tesoro dei Sibillini di Tidei Marica e Mauro e l'allevamento bovino di Gentili Giovanni e Francesca.
Nel mirino dei Carabinieri un 22enne romeno. I militari gli hanno sequestrato 17 banconote false da 50 e 20 euro e un personal computer.  Questo è l’esito di un servizio di controllo dei Carabinieri della Compagnia di Camerino informati della presenza a Matelica, di un giovane che poco prima, aveva utilizzato una banconota falsa da 50 euro, di buona fattura, in un supermercato della zona. Il giovane è stato individuato immediatamente e, a seguito di perquisizione personale, è stato trovato in possesso di altre 15 banconote false da 50 euro. I militari hanno poi esteso la perquisizione anche in casa del 22enne dove sono state trovate e sequestrate altre banconote false da 20 euro ed un personal computer. Il giovane è stato denunciato a piede libero per il reato di spendita di monete falsificate.  Residente a Fabriano, S.M.P. le iniziali, è nato in Romania, è nullafacente e con precedenti penali.
g.g.
Pratiche edilizie digitali per eliminare i documenti cartacei ed evtitare errori.
È quanto deciso dall'assessore all’Urbanistica di Tolentino, Fausto Pezzanesi, che ha approvato un atto di indirizzo con il quale si stabilisce che, dal prossimo 11 giugno, la modalità per la presentazione delle pratiche edilizie digitali da parte dello Sportello Unico per l'Edilizia, prevede la sola presentazione digitale della pratica sul portale.
"Si tratta di una vera e propria svolta nella gestione dei procedimenti urbanistici - spiega Fauto Pezzanesi - con la sostituzione del cartaceo con la documentazione digitale che porterà ad una riduzione dei tempi per l’istruttoria delle pratiche, al recupero dei pareri da uffici interni e uffici esterni su piattaforma digitale.
Siamo consapevoli che, inizialmente, ci saranno tante domande e tanti quesiti a cui rispondere, in particolare da parte dei professionisti del settore, ma siamo pronti. Sempre ricordando - conclude l'assessore - che Tolentino è il Comune dove sono attese il maggior numero di pratiche di tutto il cratere per la ricostruzione post-sisma e purtroppo con un numero non adeguato di dipendenti ad istruirle".

GS
Da sabato 23 maggio un altro passo verso il ritorno alla normalità a San Severino Marche. Dopo la pausa forzata dettata dall’emergenza sanitaria da Covid-19, le bancarelle degli ambulanti torneranno in piazza Del Popolo per il tradizionale mercato settimanale del sabato. Resteranno in zona stazione, invece, gli ambulanti di generi alimentari e ortofrutticoli, i produttori agricoli assegnatari di posteggi in forma permanente e i partecipanti all’iniziativa “Campagna Amica” di Coldiretti. Per questi il mercato continuerà, infatti, nel parcheggio lato ovest della stazione ferroviaria e, in parte, su piazzale Don Minzoni. Il ritorno degli ambulanti in piazza Del Popolo sarà accompagnato sempre dall’osservanza di regole ben precise già disposte dal sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, d’intesa con la Polizia Locale. L’accesso al mercato sarà consentito solo a chi risulterà munito di mascherina protettiva che a San Severino Marche è obbligatoria per tutti nei luoghi pubblici, anche all’aperto, negli esercizi commerciali, negli uffici pubblici, negli uffici postali, nelle banche e in ogni altro luogo, anche al chiuso, nel quale sia previsto l’accesso generalizzato di persone. Tutti saranno invitati a rispettare, anche in occasione del mercato, le distanze interpersonali di almeno 1 metro e l’invito a evitare ogni tipo di assembramento. Per garantire il distanziamento sociale presteranno servizio tra le bancarelle gli agenti della Polizia Locale e i volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri.

Sembra esserci ancora timore da parte dei settempedani (e non solo) e anche poca chiarezza sulle regole e i comportamenti da tenere all’interno delle varie attività. Questo non è certo d’aiuto per la fase 2 ed è per tale motivo che alcuni negozianti e gestori di bar e ristoranti di San Severino si sono uniti per fornire alcune indicazioni utili e per lanciare un messaggio di speranza. 

“Sicuramente ci vorrà un po’ di tempo - riflette Leonardo Piccioni titolare di Pino’s Bar - perché la paura è stata tanta e anche per ripartire dovremo usare nuovi modi di vivere e avremo delle nuove situazioni. Notiamo però che le persone sono molto disorientate e quindi vogliamo dare informazioni giuste e positive. Ad esempio nel nostro bar i clienti possono sedersi all’esterno, tutti i tavoli e le sedie sono a una distanza di un metro o 1,5 metri dagli altri, si può prendere il caffè al balcone entrando con mascherina e il barista, dopo averlo preparato lo lascerà sul bancone e si allontanerà. L’unica cosa fondamentale è mantenere le distanze e igienizzare le mani e se si vorrà utilizzare la toilette, si dovrà igienizzarle di nuovo prima di accedervi ma questa è un’abitudine che dovremo prendere in ogni caso. Ogni volta che un cliente si alzerà sanificheremo con i prodotti adatti”. Ripartono anche gli aperitivi con maggiori accortezze in merito agli stuzzichini che saranno serviti insieme alle bevande: “Troviamo sia giusto attenerci alle regole, siamo consapevoli di ciò che dobbiamo fare e siamo pronti a ripartire meglio di prima e più forti perché siamo un popolo pronto ad affrontare le difficoltà. Non ci siamo arresi col terremoto e non lo faremo ora”. 

All’iniziativa hanno deciso di aderire anche i gemelli Luca e Luciano Bonifazi del bar Centrale: “All’esterno abbiamo distanziato i tavoli ad 1,5 metri di distanza e le sedie a un metro. I bagni saranno sanificati ogni mezz’ora e totale ogni volta che un cliente se andrà. Si potrà entrare con le mascherine e dopo aver igienizzato le mani nei punti che abbiamo allestito, e distanziamento di un metro anche tra clienti e personale del bancone. Cerchiamo di ripartire più forti di prima e con coraggio. Siamo convinti che piano piano ritorneremo alla normalità, l’importante è venirsi incontro in modo che sia noi che il cliente potremo giovarne. Da questa fase 2 - aggiungono poi - ci aspettiamo solo che le persone ricomincino ad uscire e soprattutto a pensare positivo. Il bar è anche un luogo di socialità, di relax e di svago e questo è proprio ciò che desideriamo. Che le persone si riapproprino di queste cose e a giugno partiremo con un progetto che abbiamo denominato Bar Centrale Love ma questa sarà una sorpresa”.

a6fd1f53 6b9e 4a6e bca0 5a890113f96d

Anche nei negozi di abbigliamento si può accedere con tranquillità purché nel rispetto delle consuete regole: ovvero uso della mascherina e igienizzazione delle mani. All’interno, anche il personale sarà munito di mascherina e provvederà a sanificare i camerini qualora il cliente voglia misurare degli indumenti: “Nei negozi i clienti sono i benvenuti - dice Elisabetta Mandorlo di Madame Chic - non c’è bisogno di alcun appuntamento, le norme da seguire sono il mantenimento della distanza di un metro, la mascherina, le mani igienizzate e l’uso dei guanti che metteremo noi a disposizione o di quelli personali. Sarà possibile provare la merce e sarà nostro compito sanificare i camerini prima e dopo l’ingresso del cliente”.
Riparte anche la ristorazione e le prenotazioni fioccano già. Simone Cavallini, del conosciutissimo ristorante Cavallini, ha diminuito il numero dei tavoli per aumentare le distanze da 18 a 12. "Qualche cliente ha già chiamato, ci sono già delle prenotazioni, qualcuno non vede l'ora di tornare. Proprio oggi con il tecnico stiamo igienizzando l'aria condizionata e poi abbiamo sfruttato il nostro generatore di ozono che avevamo già, per tutti gli ambienti. Riapriremo giovedì sera, avevamo delle idee - continua - speriamo che il tempo assista i pescatori. Siamo curiosi di vedere le reazioni ma ci aspettiamo di ripartire con calma". La direzione del ristorante ha deciso di restare aperti solo a cena a eccezione della domenica in cui Cavallini sarà aperto anche a pranzo. "In giro - torna a dire - vediamo ancora poco movimento ma il fine settimana sarà sicuramente diverso. Siamo anche molto contenti per come è andato il servizio di consegna a domicili, abbiamo avuto un'ottima risposta anche nei comuni limitrofi e abbiamo deciso che proseguiremo".

(In aggiornamento)



La pioggia tanto attesa è arrivata, insieme alla grandine, con potenza distruttiva. Campi bombardati e danni ingenti nella notte a causa dell’ondata di maltempo che ha investito anche la provincia di Macerata. Una perturbazione che, in alcuni casi, ha praticamente azzerato il lavoro di un anno. Danni ingenti tra Corridonia, Mogliano e Monte San Giusto dove alcuni campi di grano sono stati rasi al suolo.

grandine macerata 3


"Purtroppo le tanto attese piogge si sono in alucne zone della provincia trasformate in eventi estremi - segnala il presidente di Coldiretti Macerata Francesco Fucili - La grandine, caduta copiosamente, ha causato numerosi danni alle colture in atto, principalmente cereali, grano duro, orzo, foraggi, ma anche alle colture orticole. Un danno ancora da quantificare in una zona particolarmente estesa, ma purtroppo in alcuni casi è stato completamente vanificato il lavoro di un intero anno".  

f.u.

grandine macerata 1
Nessuna data certa in ordine allo svolgimento della Corsa alla Spada e Palio edizione 2020.  A precisarlo è l'Associazione Corsa alla Spada e Palio unitamente alla Commissione Corsa nel comunicare che, entro il 30 giugno, si riserveranno di decidere l'eventuale data di recupero o un eventuale annullamento della manifestazione.
Il tutto è evidentemente condizionato dalla predisposizione da parte degli organismi governativi, sanitari e sportivi competenti,di un regolamento e di linee guida per lo svolgimento in salute ed in sicurezza delle gare di corsa.
"Con la Commissione Corsa, che è composta da atleti e allenatori - ha dichiarato la presidente delll'Associazione Stefania Scuri- stiamo valutando l'eventualità che proprio nel rispetto delle norme sportive nazionali, vi siano i presupposti per uno svolgimento della Corsa. Altrimenti, come sempre abbiamo detto, si andrà al prossimo anno. Confidiamo nel Ministero della salute e nel Coni, affinchè delle linee guida si possano applicare per permettere la nostra Corsa".

Intanto domenica prossima 24 maggio, durante la Messa delle 11.30 nella Basilica di San Venanzio, una rappresentanza degli atleti offrirà una spada, realizzata dall'artista Augusto Caciorgna, che resterà a testimonianza dell’impossibilità di correre la gara secondo le modalità tradizionali.

La LUCE  il tema che sarebbe stato scelto per l'edizione numero 39 della Corsa alla Spada, rivelatoci dalla presidente Stefania Scuri proprio nell'occasione della ricorrenza della festività del patrono "L'avevamo tenuto nascosto e protetto ma, con l'immagine davanti agli occhi dei tre ceri accesi la sera della vigilia davanti all'altare e che sono rimasti attorno alla reliquia del Santo, la speranza è che questa 'luce' ci permetta di affrontare e superare anche questa seconda sfida e di trasmetterci il senso e la centralità di questa devozione nei confronti di San Venanzio. In questo momento così difficile e così essenziale, l'augurio è che possiamo sentirci davvero uniti, in pace e in comunità e che il prossimo anno, coincidente tra l'altro con il 40.mo della Corsa alla Spada, rappresenti per noi l'occasione di testimoniare un ritrovato spirito di comunità, di volontariato e di solidarietà fraterna"

C.C.

È il primo cittadino di Tolentino a mettere a tacere le polemiche scaturite dalla decisione di ripristinare le tariffe a pagamento dei parcheggi dopo la fine del locdown.
Una scelta, quella di Assm e amministrazione, che non è piaciuta a commercianti e cittadini (un articolo sul parere della minoranza sarà pubblicato nel settimanale L'Appennino Camerte in uscita domani) tanto che Giuseppe Pezzanesi è stato costretto ad intervenire.
"Comprendiamo le motivazioni dei commercianti del centro storico - dice il sindaco - ma della decisione di far pagare nuovamente i parcheggi mi assumo tutta la responsabilità.
Ci siamo resi conto che le piazze e le vie del nostro centro storico sono state, soprattutto in queste ultime settimane di ripresa parziale, occupate in maniera selvaggia o quanto meno inappropriata. Abbiamo vissuto scenari non avvicinabili a ciò che si dice godere degli spazi del centro storico e delle sue bellezze e attrattive.

La nostra intenzione primaria è quella di creare, soprattutto nel centro storico, situazioni dove è facile poter trovare un parcheggio proprio per recarsi nei negozi per effettuare un acquisto.

Più rotazione di auto significa avere più clienti che possono fermarsi per andare negli esercizi commerciali, nei bar o nei supermercati".
Quindi la precisazione sul piano parcheggi che più volte è stato motivo di scontro in consiglio comunale: "Stiamo elaborando un piano parcheggi che prevede l’istallazione dei nuovi parcometri che già contemplano una prima sosta gratuita.
Una decisione condivisa dagli stessi commercianti ma che, purtroppo, anche a causa del covid, è stata vittima di ritardi".
Infine la risposta sulla mancata condivisone con i commercianti del ripristino del pagamento dei parcheggi: "Il mancato confronto non è stato possibile proprio a causa del particolare momento che stiamo vivendo. Noi tutti siamo convinti che sia fondamentale prevedere sostegni concreti per i nostri esercenti commerciali e stiamo lavorando, in più direzioni proprio per mettere in piedi tutta una serie di iniziative, anche economiche, oltre a quelle già fatte che sono tangibili e considerevoli, sia a livello finanziario che di organizzazione di eventi, per dare sostegno ed esaltazione al centro storico e al settore commerciale".  

Delle iniziative messe in campo per risollevare il tessuto commerciale ed economico della città sarà pubblicato un approfondimento nel settimanale L'Appennino Camerte in uscita domani.

GS
Conta dei danni causati da una nottata di maltempo anche a Camerino dove i vigili del fuoco sono stati al lavoro tutta la notte.  I principali interventi hanno riguardato la pulizia delle strade sommerse dal fango arrivato dai campi, ma anche allagamenti in diversi locali.
Ancora questa mattina i vigili del fuoco sono impegnati nel liberare alcune cantine allagate.
A Polverina gravi danni nel centro abitato, con allagamenti anche dentro alle abitazioni. Smottamenti sulla strada Caselle-Ponte della Cerasa, che porta alla caserma dei vigili del fuoco, così come sulla strada comunale Pontelatrave. Smottamenti nei pressi delle Sae della frazione Arcofiato. Fango in strada anche in località Le Calvie. Grandine paragonabile a una nevicata alle Mosse.



WhatsApp Image 2020 05 20 at 09.28.05


WhatsApp Image 2020 05 20 at 09.34.18

Al termine della discesa della Madonna delle Carceri, un tombino non ha retto alla pressione dell'acqua ed è stato divelto.

WhatsApp Image 2020 05 20 at 09.46.51

Stesso problema anche davanti all'Archivio di Stato, in via Viviano Venanzi, dove è saltato un altro tombino e questa mattina gli operai del Comune sono al lavoro per delimitare l'area e fare il ripristino.

GS

WhatsApp Image 2020 05 20 at 09.23.49
Zona Sottocorte Village

WhatsApp Image 2020 05 20 at 09.23.47

99073829 2995594037169220 6796313862158155776 n
foto dal Comune di Camerino
100087201 2995594233835867 3897371685099143168 n
foto dal Comune di Camerino
99131828 2995594153835875 6464579100840296448 n
foto dal Comune di Camerino
98830036 2995594097169214 5051161245546184704 n
foto dal Comune di Camerino

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo