A Pieve Torina iniziati i lavori della pista ciclabile. In bici da La Rocca al Mulino di Fiume

16 Lug 2018
773 volte

Tempo d’estate e di buone nuove per il comune di Pieve Torina che sta affrontando con forza il cammino iniziato da subito dopo la devastazione del sisma del 2016. Quasi due anni dalle scosse e, da allora, molte cose sono cambiate. Demolizioni; nuovi scenari dell’abitare; un anno trascorso dai bambini in una bellissima struttura scolastica antisismica al posto del vecchio edificio irrimediabilmente danneggiato; un pittoresco centro commerciale e tanto altro di nuovo è sorto nel frattempo, frutto della determinazione della gente e del lavoro attento dell’amministrazione comunale. Tanti i progetti pronti a partire per una comunità che non ha mai allentato il passo. Al via proprio oggi i lavori per la realizzazione della pista ciclabile, per la soddisfazione del giovane sindaco Alessandro Gentilucci.

“ Pieve Torina Torina dimostra il suo dinamismo- afferma-. Stiamo cercando di dare un futuro a questo territorio; oggi, dalla zona vecchia di Pieve Torina l’inizio dei lavori della pista ciclabile che stiamo realizzando lungo la Vallata del Sant'Angelo. Partirà dalla zona La Rocca per arrivare fino al Mulino di Fiume; un altro momento significativo per noi, perché si parla non solo di ricostruzione ma soprattutto di impulso turistico per quelle che possono essere le poche opportunità rimaste in un territorio totalmente devastato. Il via alla pista ciclabile ci riempie di soddisfazione- continua Gentilucci- perché il territorio maceratese vive anche e soprattutto di beni paesaggistici e quindi vive dell'opportunità che riusciamo a creare intorno a questo ecomuseo del territorio. Il tutto si corrobora anche con la possibilità di fruire di luoghi importanti a livello culturale come il Ponte romano, l’Eremo dei Santi e le terre di acqua e il Mulino di Fiume che è perfettamente funzionante. D’altro canto- conclude il sindaco di Pieve Torina- grazie alla sinergia che siamo riusciti a trovare con l’Associazione italiana Calciatori e con la Regione Marche , con la partecipazione del Comune, abbiamo anche la possibilità di costruire il nuovo asilo nido. Ormai è cosa certa; tra poco avremo quella che per Pieve Torina rappresenta una assoluta novità”.

C.C.

 

100 anni di Luigina Marcomeni Rosati. La festa raddoppia

16 Lug 2018
576 volte

Cent’anni e non sentirli. Nuove emozioni dai festeggiamenti ufficiali che, al Relais Villa Fornari, hanno siglato alla grande il traguardo del secolo di vita di Luigina Marcomeni Rosati. Una splendida ricorrenza e duplice occasione di festa per la signora Luigina, donna forte di tempra e di pasta antica, che, reduce dai suoi 54 anni ai vertici della Società Operaia di Mutuo Soccorso, è stata nuovamente attorniata da famigliari e parenti, giunti da tutta Italia. Una giornata di gioia condivisa, alla quale non sono voluti mancare il sindaco Pasqui e l’attuale presidente della SOMS Capannini. Dopo la foto di rito con torta, in segno di affetto e di stima, il primo cittadino ha consegnato alla centenaria il medaglione simbolo della città.“ Per me è un grande onore essere qui a portare i saluti e gli auguri miei personali, dell’amministrazione comunale , della comunità e di un intero territorio- ha detto Pasqui- La nostra terra, oggi più che mai ha bisogno di stringere le certezze dei valori che ci avete insegnato; se nonostante tutto noi oggi ancora ci siamo, è proprio grazie a quello che i nostri padri, i nostri nonni e genitori sono riusciti a dare a  questa terra. Siamo orgogliosi di persone come voi e voi dovete esserlo altrettanto perché siete riusciti a trasmetterci la forza grandissima dei valori. Per l’impegno che ha sempre portato avanti con determinazione e convinzione e con grande spirito di volontariato, lei signora Luigina, è il reale esempio di tutto questo”.

IMG 20180716 WA0007

 IMG 20180716 171445

Agli auguri sentiti del primo cittadino, si sono poi unite le parole di elogio di Mauro Capannini che ha letto a Luigina la lettera inviata per l’occasione dal Presidente nazionale della Società Operaia di Mutuo Soccorso Sergio Capitoli “ La ricordiamo con affetto in tante iniziative- ha scritto il presidente- e, in particolare, alle celebrazioni del novembre 2017, per il 150esimo della società maschile e femminile. La sua fedeltà agli ideali mutualistici e l’impegno costante che si è assunta sono di esempio per ciascuno di noi, perché nel nostro quotidiano ricordiamo gli ideali dei nostri fondatori e guardiamo alle esigenze della società contemporanea “.

IMG 20180716 WA0012

Nel 2017, per i suoi 54 anni di direzione con piglio da ‘garibaldina” del sodalizio, condotto con saggezza impegno e sacrificio. a Luigina Marcomeni Rosati era stata donata una targa ricordo. A suggellare il centenario “unico e irripetibile, anche uno speciale biglietto di auguri inviato dai soci della SOMS e una commovente poesia che il fratello ha voluto dedicarle.

Carla Campetella

IMG 20180716 WA0003

IMG 20180716 WA0002

Testi scolastici per alunni con disabilità sensoriale

16 Lug 2018
81 volte

Per agevolare l’apprendimento  degli alunni con disabilità sensoriale la Giunta regionale ha approvato questa mattina lo schema di deliberazione per l’adattamento dei testi scolastici per l’anno scolastico 2018/2019. 80 mila euro le risorse destinate alla misura che è stata trasmessa alla Commissione assembleare competente e al Consiglio delle autonomie locali per il parere.

L’adattamento dei testi scolastici come la traduzione in braille, l’ingrandimento o la sintesi vocale, è indispensabile per agevolare l’acquisizione di concetti da parte di studenti videolesi in particolare degli alunni che frequentano la scuola dell’infanzia (3-6 anni), la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado sia pubblica che paritaria, che hanno ottenuto il riconoscimento della condizione di cecità.

La gestione dell’intervento viene affidata all’ente capofila dell’ambito territoriale sociale che ha il compito di raccogliere le istanze delle famiglie, accertarne il fabbisogno e concedere il contributo in relazione alla scuola frequentata dall’alunno.  

La Nazionale terremotati in campo per i bambini del sisma

16 Lug 2018
426 volte

Lo sport unisce, aiuta e, in questo caso, ricostruisce.

È un’altra delle iniziative del comitato nazionale dei terremotati, presieduto da Francesco Pastorella, quella che ha visto scendere in campo il Frosinone contro la Nazionale terremotati.
“Momenti importanti trascorsi con ragazzi eccezionali - commenta Pastorella in un posto su Facebook - , riaccendendo i riflettori sulla situazione delle popolazioni terremotate e realizzando progetti per i bambini colpiti dal sisma“.

102DA547 D0CF 4E25 8DB8 D14742D1D835

 

 

Dal giorno in cui il terremoto ha colpito al cuore l’Italia, Pastorella ha riunito tutti i comitati nati tra le popolazioni, dando vita ad iniziative come quella che si è svolta nei giorni scorsi.

”La gente come noi non molla mai - ha concluso - “. Immancabile l’hastagh #insiemejelafamo

Giulia Sancricca

Due incidenti in superstrada, 5 bambini coinvolti

15 Lug 2018
2610 volte

Una domenica funestata da incidenti stradali sulle strade del maceratese. Il più grave sulla superstrada 77 Valdichienti nel territorio di Serrapetrona, in direzione monti – mare, dove per cause in corso di accertamento una Opel Astra, sulla quale viaggiava una famiglia di origini magrebine, padre, madre e tre figli, residente ad Hannover, si è ribaltata. Sul posto i sanitari del 118 che hanno richiesto l’intervento dell’eliambulanza per il trasporto di due dei tre ragazzi, un ragazzo di 11 anni e la sorellina di pochi mesi, agli ospedali di Torrette e Salesi di Ancona. L’altra sorella, di 9 anni, è invece ricoverata all’ospedale di Camerino.

astra1

 

foto4

In mattinata altro incidente a Spindoli di Fiuminata dove due auto e due moto, anche qui per cause da accertare, si sono scontrate. Fortunatamente non si sono registrati feriti e l’intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Camerino è valso alla rimozione dei mezzi coinvolti e alla messa in sicurezza della carreggiata.

incidente spindoli

 

incidente spindoli1

Un altro incidente senza particolari conseguenze, ma curioso nella sua dinamica si è verificato nella serata di sabato sempre lungo la superstrada Valdichienti nel territorio di Belforte del Chienti, dove una donna. Che percorreva l’arteria in direzione Caccamo, ha improvvisamente perso il controllo della propria auto, a causa di un insetto penetrato all’interno dell’abitacolo, che ha terminato la sua corsa contro il guard rail. Tanto spavento, ma fortunatamente nessuna conseguenza per la donna e i due figli che viaggiavano con lei.

galleria belforte

Dalle idee dei bambini, un parco per " La rinascita dei sogni". Taglio del nastro a Fiastra

14 Lug 2018
1941 volte

" Un piccolo progetto dal grande valore simbolico: ridare uno spazio nel quale i bambini possono tornare a giocare in libertà, anche quando intorno è tutto da ricostruire, significa investire nel futuro di un paese".  Così il sindaco di Fiastra Claudio Castelletti all'inaugurazione del nuovo Parco giochi comunale " La rinascita dei sogni", realizzato riqualificando la suggestiva area a verde dei vecchi giardini della Rimembranza. 

" Sono davvero contento e felice -ha aggiunto il sindaco- ; oggi diventa ancora più concreta una storia partita un anno fa grazie al fondamentale supporto delle Associazioni Psicologi per i popoli e Psicologi dal mondo che, tramite i loro volontari hanno seguito la comunità nei mesi successivi al sisma". Alla giornata di festa, alla quale ha preso parte una numerosa rappresentanza della comunità locale, sono intervenuti i volontari psicologi, rappresentanti dell'amministrazione comunale e il presidente del Parco dei Sibillini Olivieri . " Felice di poter riconsegnare ai bambini di Fiastra un luogo pubblico dove poter continuare a giocare - ha continuato il sindaco-, considerato che l'altra area a verde è stata utilizzata per far ripartire le attvità commerciali. La soddisfazione è grande, anche perchè siamo riusciti a riqualificare un'area che fa parte della storia del paese, i cui alberi per volere di Fulvio Conti, sono stati impiantati pe ricordare i caduti della guerra e in questa occasione voglio ricordare l'amico e compaesano Dario Conti che si è sempre speso per Fiastra, lasciandoci una testimonianza indelebile".   Castelletti ha ringraziato pubblicamente, operai e tecnici comunali,   la Fondazione Carima e l'Anci per il loro contributo, insieme a quanti hanno collaborato in ogni modo per arrivare al concretizzarsi dell'opera.  Il grazie affettuso più grande lo ha rivolto ai bambini, che hanno speso tutte le loro energie nel suggerire quello che desideravano. I loro nomi resteranno incisi per sempre nelle foglie colorate della sagoma di un albero posizionata proprio all'ingresso del Parco. " Con il trascorrere degli anni, magari i bambini di oggi torneranno qui con i loro figli e, oltre a ritrovare il loro nome tra chi ha ricostruito il giardino, potranno ricordare anche quello che questi mesi difficili hanno rappresentato per tutti". 

A portare il saluto del sindaco e dell'amministrazione del comune di Lugo di Romagna che ha contribuito alla realizzazione dell'area giochi del giardino, gli assessori all'Urbanistica e Protezione Civile  Valentina Ancarani e ai servizi cittadini Fabrizio Lolli. " Già gli antichi greci ci hanno insegnato che la piazza è il principale luogo di aggregazione della collettività; un parco è la piazza dei bambini che sono la comunità del futuro. Da qui il luogo ideale per loro per iniziare a fare comunità, per avere un po' di svago e ricordarsi come si è riusciti a superare un momento brutto, ritrovando socialità in un luogo bello come lo è questo parco giochi. Il momento dell'emergenza è sicuramente difficile e per superarlo occorre creare comunità resilienti che sono quelle che si danno da fare, si rimboccano le maniche, non subiscono l'evento ma ne approfittano per 'prendere di petto' la situazione, cercando tutti insieme di reagire. I bambini reagiscono molto bene e, in un luogo sereno come questo, reagiscono ancora meglio". 

Parco gruppo

" Il Parco dei Sibillini crede molto nei bambini che rappresentano il  futuro dei territori e crede fortemente  in questa idea di un'area protetta- ha detto il presidente Oliviero Olivieri., ringraziando anche i rappresentanti delle guide del CEA, Centro di Educazione Ambientale Valle del Fiastrone che hanno contribuito a coordinare le tante idee progettuali e a stimolarne la realizzazione. 

Parole di soddisfazione, anche da parte dei volontari psicologi che nei lunghi mesi del post sisma, hanno seguito adulti e  bambini . " Un contributo molto attivo quello offerto dai bambini, anche quando si sono trovati divisi tra la montagna e il mare- ha sottolineato uno dei rappresentanti -  . Ricordo che in un'occasione mezza tavola di un disegno è stata realizzata dai bambini a Fiastra e l'altra mezza dai bambini ospitati nelle strutture ricettive marine; le due tavole messe insieme hanno formato un disegno armonioso che già dava una prefigurazione del giardino. Non siamo riusciti a realizzare tutto quello che avrebbero desiderato i bambini (come le statue d'oro di sei metri- ha detto sorridendo-   sicuramente  però, molti dettagli. si ritrovano in questo spazio, esattamente come loro li volevano". Il parroco Don Oreste Campagna ha quindi benedetto l'area giochi. " Sono qui anche per esprimere la gioia di Dio che è Padre di tutti noi. Lui ci ama e quando noi ci aiutiamo e facciamo il possibile, è sempre dalla parte nostra,  incoraggiandoci ad andare avanti e a rialzarci. Nell'albero che contiene i nomi dei bambini che hanno messo idee per questo luogo di giochi, io ci metterei idealmente un cuore contenente tutti i nostri nomi e quelli di tutti i bambini del mondo, dei poveretti che sono in mare e non riescono a sbarcare, di tutte le persone che soffrono a causa dei disastri dei terremoti, delle alluvioni e di ogni calamità".  La gioiosa cerimonia si è conclusa con una simpatica caccia al tesoro. Durante l'inverno infatti le guide del CEA, lavorando con i ragazzi e i bambini delle scuole di Fiastra , sono riusciti a realizzare 27 sagome degli animali del Parco dei Sibillini a grandezza naturale, che sono state inserite  mimetizzandole in tutto il percorso dell'area. Alla vivace ricerca degli animali, insieme ad adulti e bambini, ha partecipato anche il presidente Olivieri. 

IMG 20180714 173837250

IMG 20180714 174326647 

 

 

Centro sociale Vallicelle, Fanelli attacca Pasqui e Lucarelli

14 Lug 2018
1087 volte

Sul centro sociale in località Vallicelle a Camerino, inaugurato nel luglio dello scorso anno e mai utilizzato, continua la polemica a distanza tra il consigliere comunale Marco fanelli, che aveva sollevato la questione, e la governance cittadina.

Di seguito l'ultima nota, in ordine di tempo, di Marco Fanelli:

I toni intimidatori nei miei confronti dell’accoppiata Pasqui e Lucarelli, utilizzati nel comunicato stampa riguardo la donazione di ADA, sono gravissimi e inaccettabili. Che mi denuncino pure “per procurato allarme”, facciano tutte le denunce che vogliono, sarò ben lieto di spiegare nelle aule di tribunale tutto quello che so.

L’importante è che non paghino gli avvocati con le casse del Comune.

Mi fa piacere che il Presidente dell’ADA abbia trasmesso una nota con la quale ha subito smentito la notizia che quello diramato da Pasqui sia nella sua interezza un comunicato congiunto. Il presidente ha infatti precisato che, per tutto ciò che concerne la politica locale, non intende entrare minimamente nel dibattito.

Nel mio ruolo di consigliere ho sempre parlato di argomenti che interessano i cittadini, con interventi circostanziati e non ho mai pensato a denunce ed esposti, magari sbagliando, nonostante mi sia trovato di fronte a operazioni scarsamente o per nulla trasparenti.

Il tentativo di cercare di azzerare il dibattito ed esasperare sempre i toni è la cosa peggiore per una città che deve rinascere. La rinascita passa attraverso il dibattito, anche aspro, ma non attraverso il silenzio. Ma questo non interessa a chi pensa che la cosa più importante sia la poltrona.

A questi signori comunque dico in modo fermo e deciso che non mi fanno paura, che non riusciranno a tapparmi la bocca con questi atteggiamenti, soprattutto quando di mezzo c’è la salute dei camerinesi e di molti miei amici. Certo, sarebbe stato più comodo per loro che nessuno avesse parlato del fatto che il centro sociale di Vallicelle donato dall’ADA è stato inaugurato nel luglio del 2017 e che ad oggi risulta ancora risulta chiuso.

Sicuramente un argomento scomodo da giustificare dopo tutti i festeggiamenti che sono stati fatti: per questo, probabilmente, pretendevano che nessuno ne parlasse.

In spirito di totale collaborazione avevo già posto il problema delle linee elettriche dell’alta tensione nel consiglio comunale di settembre 2017, occasione nella quale il vice sindaco Lucarelli dichiarava con assoluta certezza: «La costruzione è posizionata al di fuori del campo dell’elettrodotto».

Peccato però che il parere reso da Terna Rete Italia, ente gestore degli elettrodotti, datato 25 ottobre 2017 (cioè dopo il consiglio: come faceva Lucarelli ad affermare ancor prima del parere che fosse tutto a posto?), afferma che le opere non risultano compatibili con la vigente normativa in materia di distanza, tra edifici, opere di urbanizzazione e conduttori elettrici.

Mi chiedo quindi: sulla base di quali elementi Lucarelli ha fatto quelle dichiarazioni, sulla base di cosa ha rassicurato la popolazione? Per di più in una sede ufficiale qual è quella del consiglio comunale?

Mi chiedo anche perché nel parere di Terna si parla di opere in progettazione e non di opere già realizzate

(abbiamo fatto i furbetti?)?

Perché il nuovo studio, affidato a una ditta privata, è stato effettuato solo successivamente al mio articolo del maggio 2018 e non prima? Perché non prima di realizzare le opere? O, meglio, perché non prima dell’inaugurazione, avvenuta ripeto a luglio 2017?

Le dichiarazioni di Lucarelli sul fatto che tali analisi si sono rese necessarie a seguito della diffusione della notizia sulla presunta inutilizzabilità insultano l’intelligenza di tutti. Primo perché il centro era già chiuso da dieci mesi e secondo perché non me le sono inventate io ma la non compatibilità è stata sollevata dal Gestore della rete elettrica nazionale.

Ora infatti l’amministrazione ci dice che è tutto a posto sulla base di una relazione fatta da una società privata che conta in totale due addetti.

Ci dica il Sindaco, sulla base di cosa io ed i cittadini di Camerino dovremmo fidarci ciecamente di quello che dice questa ditta e non dovremmo tenere in considerazione quello che ha scritto Terna Rete Italia che è il gestore della rete elettrica nazionale e che gestisce i flussi di energia su oltre 72.000 km di linee di alta tensione?

Spero di essere smentito, perché di luoghi ricreativi ne abbiamo bisogno tutti, ma ad oggi mi sembra solo un tentativo di giustificare il pasticcio che è stato fatto.

In ultimo chiedo al Sindaco di pubblicare sul sito istituzionale del Comune di Camerino la relazione di cui parla ed il parere di Terna Rete Italia, sperando che quest’ultimo non sia stato “smarrito” come già accaduto con i documenti relativi ai sopralluoghi effettuati sulla Chiesa di Santa Maria in Via prima del crollo del Campanile.

Gli ricordo che i cittadini hanno il diritto di conoscere questi documenti e lui ha il dovere di renderli pubblici.

Tullia Biondi, l'amore per il suo paese

14 Lug 2018
9231 volte

Ha portato il gelo, nel primo torrido sabato di luglio, nella comunità di Caldarola la notizia della prematura scomparsa di Tullia Biondi, strappata alla vita ad appena 52 anni da un male incurabile. Pur avendo lasciato da giovane Caldarola per unirsi in matrimonio a Giorgio Nicoziani, unione dalla quale sono nati Matilde, che ha mostrato talento nel canto incidendo anche dischi, e Raniero, Tullia, pur vivendo a Montegranaro, è sempre rimasta legata al suo paese di origine nel quale spesso tornava per passare alcune ore con la mamma Nella e i fratelli Fulvio e Aronne, che ora la piangono insieme ai numerosi amici e conoscenti. Colpita circa un anno fa dal male del secolo, le sue condizioni si sono improvvisamente aggravate tanto da condurla in breve tempo alla morte. In segno di lutto a Caldarola sono state sospese molte manifestazioni ricreative e sportive. I funerali saranno celebrati domenica 15 luglio, alle ore 17,30, a Caldarola, nel tendone che funge da chiesa provvisoria, nel giorno in cui ricorre anche l'anniversario della scomparsa di Cinzia Vinchi, cognata del fratello di Tullia, Fulvio, altra giovane mamma troppo presto strappata alla vita. Dopo le esequie Tullia riposerà per sempre nel cimitero cittadino accanto al padre Michele.

 

(La festa dei 50 anni con tutti gli amici e compagni di classe del 1966 che la ricordano con immutato affetto)

ricordo tullia

Messe in sicurezza- Il comitato del Centro Storico di Camerino denuncia immobilismo e incertezza

13 Lug 2018
1015 volte

In un comunicato stampa, il Comitato per la salvaguardia e la ricostruzione del centro storico di Camerino (Concentrico),  denuncia l’assoluto immobilismo e il clima di inquietante incertezza che caratterizzano il piano delle messe in sicurezza del centro storico.

Nel corso di un primo incontro con il Comitato il 23 maggio scorso,- si legge nel comunicato-  l’Amministrazione comunale, in base alle richieste da noi avanzate, aveva assunto un impegno a rendere pubblico il dettaglio degli interventi completati, di quelli in corso e degli altri ancora da avviare, anche mediante la pubblicazione di una planimetria, nonché a fornire alla cittadinanza aggiornamenti mensili sullo stato di avanzamento dei lavori. Nonostante un’ulteriore richiesta ufficiale in merito, inoltrata dal Comitato in data 22 giugno 2018, al momento non sono pervenuti, né al Comitato né alla cittadinanza, nessuna risposta e nessun aggiornamento da parte dell’Amministrazione, se non un’indicazione sfuggente e sommaria nell’ambito di un comunicato inviato al consigliere comunale Pietro Tapanelli. In quest’ultimo documento di fatto si ribadiscono, a un mese di distanza e senza alcun ulteriore dettaglio, gli stessi numeri enunciati nell’incontro di maggio, a testimonianza dei risibili progressi ottenuti.

Si osserva inoltre come, nonostante ripetuti solleciti al riguardo, l’Amministrazione comunale non intenda rendere pubblico alcun cronoprogramma degli interventi delle messe in sicurezza e come il sito internet sul punto (invero non solo su quello) sia vuoto di utili informazioni e per nulla aggiornato. Evidentemente è importante che le notizie (se esistono: talora viene da dubitarne) circolino all’interno degli “addetti ai lavori”, con buona pace dei cittadini e della trasparenza amministrativa che è anche un obbligo di legge.

Infine-continua il comunicato -  non si può non porre l’accento sull’estrema esasperante lentezza con cui procedono gli interventi di messe in sicurezza, che nell’attuale zona rossa del centro storico constano di poche unità nonostante i fondi per l’intero piano siano stati stanziati da cinque mesi (febbraio 2018). 

Questo stato di incertezza e questa lentezza ogni ragionevole misura, a fronte peraltro degli evidenti peggioramenti statici di alcuni edifici, pongono seri dubbi sulle possibilità e sulle capacità, da parte delle amministrazioni preposte, ed in particolare di quella comunale, di uscire dalla fase di emergenza per affrontare i temi ancora più complessi e spinosi legati alla fase della ricostruzione. A tal proposito, il Comitato Concentrico,segnala per l’ennesima volta la mancanza di aggiornamenti sui temi delle perimetrazioni e dei piani attuativi, tanto da far dubitare che il recupero del centro storico sia tra le priorità di questa Amministrazione. Tali ritardi, esclusivamente a questa imputabili,-conclude la nota-  ricadono ancora una volta su cittadini sempre più stanchi ed esasperati.

" Chi RICERCA si TROVA". Studenti Unicam "testimonial" dell'ateneo

13 Lug 2018
346 volte

Presentata dal rettore Claudio Pettinari e dagli studenti la nuova campagna di comunicazione dell'Università di Camerino, in vista dell'apertura delle iscrizioni all'anno accademico 2018-2019. " Chi  Ricerca si Trova" lo slogan che l'ateneo ha scelto quest'anno e che, ancora una volta, vede protagonisti gli iscritti ad Unicam che si fanno " testimonial" della loro positiva esperienza di studio e di vita, studenti peraltro presenti numerosi alla conferenza stampa, insieme al Presidente del Consiglio Riccardo Cellocco. Non casuale il luogo scelto per l'inaugurazione del pay off, avvenuta in uno dei laboratori di ricerca del Corso di lurea in Chimica dell'ateneo. " Nell'ultimo periodo l'università di Camerino ha proprio definito il proprio ruolo come soggetto che è capace contemporaneamente di erogare didattica e ricerca e di tenerle fortemente legate tra loro- ha detto il rettore Pettinari-. Non si può fare una didattica di qualità, se all'interno di un'ateneo non c'è una ricerca di qualità. e per questo stiamo valutando tutti i corsi di laurea che al di là degli ottimi risultati della classifica, proprio per offrire una sempre maggiore qualità. Se didattica e ricerca sono di qualità- ha aggiunto- ne trae beneficio tutto il territorio.E la campagna è proprio frutto di quello che hanno indicato gli studenti che ci hanno detto che bisognava partire da questo". 

Ricerca la parola che meglio caratterizza l'università di Camerino secondo gli studenti. Ricerca che è anche incontro e condivisione di un percorso  con gli altri studenti, per raggiungere obiettivi Non solo ricerca scientifica dunque ma anche ricerca della loro strada. Condensato nel manifesto, una sorta di gioco di parole che fanno dunque pensare sul cercare e trovare, sul ricercare e trovarsi. "Non può esserci un futuro senza un continuare a crescere che può avvenire attraverso il trovarsi- ha sottolineato Pettinari- Non può esserci un futuro senza il continuare a cercare;  trovo che ricerca sia la parola più adatta a tenere unite tutte le componenti di una Università che è fatta in primis dagli studenti. Unicam con tutte le sue componenti, dal personale tecnico, a quello amministrativo e docente, lavora proprio per cercare di offrire agli studenti dei servizi di qualità ed erogare una formazione che tutti auspichiamo possa far loro trovare un lavoro adeguato per quello che hanno studiato e un'occupazione che li soddisfi in toto. Dentro alle parole del nuovo pay off pertanto c'è davvero tutto: formazione, ricerca, lavoro".  Una volta svelato il manifesto della campagna di comunicazione 2018-2019, sono poi intervenuti gli universitari: " Fin da piccolo ho sempre visto l'università come la mia casa- ha detto Riccardo Cellocco, presidente del Consiglio studenti, definendo bellissima la sua esperienza di studio ad Unicam. Un percorso di formazione vissuto come un'avventura, nelle parole di un'altra studentessa: " Per me questa università è stata una bellissima sorpresa; qui ho avuto l'opportunità di stare a contatto con persone provenienti da tutto il mondo e, grazie alle conoscenze instaurate  ho potuto viaggiare e scoprire il Brasile. ". Martina Lorenzotti In  contatto continuo con gli studenti, in qualità di tutor per le nuove immatricolazioni, Martina Lorenzotti ha ricordato che al loro arrivo in ateneo, la prima cosa che i ragazzi chiedono è riferita a cosa troveranno. "La mia risposta è: troverete quello che siete, perchè l'università è un mondo in cui vige l'autonomia; ognuno apparentemente è chiamato a percorrere la propria strada senza alcun supporto e sostegno, poi, nella realtà pratica, ci sono tante figure che sostengono e stanno vicino allo studente. L'università di Camerino infatti non ti lascia mai da solo". 

 

 

Nuova vita per il lago di Caccamo

13 Lug 2018
2243 volte

Al via la riqualificazione del lago di Caccamo.

Si tratta di lavori che inizieranno nei prossimi giorni per non permettere più l’abbandono della zona.

Dal primo luglio scorso, infatti,  la Società Progetto Zero Srl ha ottenuto in comodato d’uso, la gestione dell’area a sud del bacino di proprietà dell’Enel dopo aver partecipato ad un bando pubblico edito dall’Unione Montana dei Monti Azzurri in qualità di capofila dei Cinque Comuni ex Conturisport, finalizzato al recupero e rilancio della zona, compresa l’area archeologica la cui valorizzazione avverrà in stretta collaborazione con gli enti e le istituzioni preposte. 

La riqualificazione avrà  finalità ricreative e sportive a servizio di tutti, residenti della zona e turisti che sceglieranno le spettacolari colline maceratesi per trascorrere delle piacevoli vacanze rilassanti.La finalità studiata in stretta collaborazione con l’Unione Montana dei Monti Azzurri ed i 5 Comuni del comprensorio che si affacciano sul lago, prevede nell’immediato la recinzione del terreno, la bonifica da piante e rovi che negli anni hanno reso l’area inaccessibile e la fornitura di attrezzature ludiche e ricreative. 

L’argomento sarà approfondito nella prossima edizione de “L’Appennino camerte”

Gentilucci nominato vice presidente del Parco dei Monti Sibillini." Sento tutta la responsabilità di un ruolo importante"

13 Lug 2018
1230 volte

Il sindaco di Pieve Torina Alessandro Gentilucci è il nuovo vice presidente del Parco dei Monti Sibillini. Già nel Consiglio direttivo dell’ente, Gentilucci, la cui nomina è avvenuta all’unanimità, prende il posto del dimissionario sindaco di Ussita Marco Rinaldi che, avendo rinunciato al suo incarico di primo cittadino, è automaticamente decaduto dalla carica. Un ruolo fondamentale quello dei sindaci nel parco, come sottolineato dal presidente Olivieri nel congratularsi con Gentilucci per la nomina: “ essi rappresentano il legame diretto con i territori e con le persone che vi abitano” .

Orgoglioso e consapevole della complessità del ruolo, Alessandro Gentilucci si è detto onorato per la fiducia che il Consiglio direttivo ha voluto unanimemente riporre nella sua persona. Per il sindaco di Pieve Torina, una carica che va ad aggiungersi a quella di Presidente dell'Unione Montana Marca di Camerino. " Una nomina che è perme motivo d'orgoglio- ha detto- non solo per il grande piacere mio personale di esserew stato scelto e individuato dai sindaci, ma anche perchè un maceratese dei territori più colpiti dal sisma, andrà a ricoprire un incarico che sarà ad interim in quanto il prossimo 24 agosto decade la presidenza del Parco e sarà di fatto il vicepresidente a portare avanti l'incarico fino a nuova nomina del presidente. Sento quindi tutta la responsabilità di un ruolo molto importante anche e soprattutto in funzione di tutti quei territori che fanno parte del Parco e che vedono nel paesaggio, un momento essenziale per lo sviluppo economico"

Nel corso della stessa seduta, il Consiglio direttivo del Parco ha proceduto all’approvazione di vari progetti tesi a rafforzare i circuiti turistici e alla riqualificazione di percorsi e strutture; proprio in vista delle nuove progettualità turistiche, il Parco dei Sibillini ha anche provveduto a potenziare lo staff, assumendo tramite concorso due nuovi collaboratori.

"La rinascita dei sogni". A Fiastra l'inaugurazione del nuovo parco giochi

13 Lug 2018
1587 volte

Verrà inaugurato domani, sabato 14 luglio alle 17.00, il nuovo parco giochi del Comune di Fiastra realizzato nello spazio dei vecchi giardini della Rimembranza.  Per la nuova area verde è stato scelto il nome emblematico di “Parco la rinascita dei sogni ed è frutto di un lavoro che ha coinvolto tutta la comunità di Fiastra, in particolare bambini e ragazzi, sin dai giorni successivi alle scosse del 2016. 

Il progetto è stato ideato con il supporto fondamentale delle Associazioni Psicologi per i popoli e Psicologi dal mondo, un gruppo di psicologi volontari che hanno seguito la comunità di Fiastra nei mesi che hanno seguito il sisma. Il loro impegno e la loro professionalità, che abbiamo avuto modo di sottolineare più volte, hanno permesso il coinvolgimento attivo di tutti i bambini di Fiastra nella progettazione di questo spazio a loro dedicato.

L’Amministrazione Comunale - orgogliosa di questo progetto che ha sopperito in tempi brevi allo smantellamento dei vecchi giardini per fare spazio all’attuale area commerciale - ha tenuto le fila di tutti i soggetti coinvolti che in questa occasione intende ringraziare: il Centro di Educazione Ambientale Valle del Fiastrone, fondamentale nel coordinamento delle tante idee progettuali e nello stimolo alla realizzazione del Parco, le due Associazioni di psicologi che hanno fatto tantissimo per la nostra comunità, l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani e la Fondazione Carima per il contributo economico. Un ringraziamento speciale andrà poi ai bambini e ai ragazzi di Fiastra che simbolicamente hanno iniziato a prendere in mano il futuro della nostra vallata. 

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo