Gagliole -Al volante ubriaco, lancia sassi su cinque auto in sosta. Scatta la denuncia

20 Mag 2018
857 volte
A Gagliole, i Carabinieri della Compagnia di Camerino, guidata dal Capitano Roberto Cara, nella tarda serata di ieri hanno denunciato un uomo di 53 anni, Alla guida sotto l'effetto dell'alcol, dalla propria auto l'uomo si è messo a lanciare sassi su altre vetture in sosta.  Qualcuno ha chiamato il 112 segnalando il fatto e attivando l'intervento dei militari. Ben cinque le autovetture danneggiate dall'uomo, subito individuato dai militari giunti sul posto. In preda aglii effetti dell'alcol il cinquantatreeene non ha risparmiato l'auto di servizio dei militari, anch'essa fatta oggeto del lancio di sassi. Fermatolo dopo un breve inseguimento, i Carabinieri hanno appurato il suo stato di alterazione alcolica. Per l'uomo è dunque scattata la denuncia per guida in stato di ebbrezza, getto  pericoloso di cose e danneggiamento aggravato   
 

"Una stalla per Visso". Alpini sempre in prima linea per il prossimo

19 Mag 2018
318 volte

Inaugurata a Villa Sant'Antonio di Visso la stalla realizzata da 4 sezioni dell’Associazione Nazionale Alpini- Ana. Ancora un forte segnale di speranza e di sostegno alle attività lavorative, duramente colpite dal sisma dell'ottobre 2016. L’unione tra le sezioni di Como, Lecco, Monza e Valtellinese, con l’aggiunta della Onlus “Novacaritas” di Appiano Gentile e il beneplacito della Sede Nazionale, ha raggiunto il risultato di uno dei numerosi piccoli miracoli, alimentati dal motto: “ Per gli alpini non esiste l’impossibile”. Si tratta della quinta opera realizzata dagli alpini a livello nazionale. Oltre alla stalla è stato donato anche un funzionale deposito per lo stoccaggio del fieno. ” Se lo vuoi puoi fare tutto” lo slogan alla base dell’azione solidale e della splendida giornata di festa con la quale a Visso si è salutata la rinascita dell’ allevatore Sabatini , la cui stalla era stata completamente distrutta dal terremoto. Numerose le delegazioni provenienti dalle regioni del nord e del centro Italia presenti alla toccante cerimonia, tenutasi a Villa Sant’Antonio. Accolti dal sindaco e senatore Giuliano Pazzaglini, dall’onorevole Tullio Patassini e dall’arcivescovo Francesco Brugnaro, sono intervenuti tra gli altri il presidente della sezione Alpini delle Marche Sergio Mercuri, il presidente Copagri Franco Verrascina e un folto gruppo di autorità militari e civili; di particolare suggestione la sfilata delle sezioni dalla statale fino alla struttura donata, accompagnate dalla fanfara degli alpini in congedo.

una stalla per visso 2

striscione 1

Grazie al contributo raccolto di 3 milioni di euro, la solidarietà ha potuto raggiungere l’allevatore e il sostegno pieno alla sua attività lavorativa. Durante la cerimonia il presidente della ditta di costruzioni Wolf System Haus che ha realizzato l’opera, ha donato un crocefisso in legno naturale scolpito all’arcivescovo Brugnaro il quale ha voluto a sua volta farne dono alla famiglia Sabatini. Nel ringraziare le sezioni degli alpini per il loro generoso e concreto gesto, Brugnaro ha voluto ricordarne la presenza costante in ogni calamità e il loro essere sempre in prima linea nel supporto alla popolazione e nell’aiuto ad ogni situazione di bisogno.

crocefisso

Stalla dentro

cerimonia 2

Stalla

stendardo

Glorioso: pronto ad accogliere il Girasole

19 Mag 2018
97 volte

Finalmente terminati i lavori al Santuario del Glorioso. Il sindaco Rosa Piermattei ha consegnato la struttura che ospiterà il centro diurno Il Girasole. 

Un nuovo tetto per il centro socio educativo riabilitativo che ospita ragazzi e ragazze in condizioni di disabilità. Ad accogliere gli ospiti della struttura, in tutto una ventina, saranno i locali dell’ex lazzaretto e del chiostro del santuario della Madonna del Glorioso che il Comune ha messo a disposizione gratuitamente.

Il sindaco di San Severino Piermattei ha ufficialmente consegnato lo stabile al coordinatore dell’Ambito Territoriale Sociale presso l’Unione Montana Valle del Potenza, Esino e Musone, Valerio Valeriani, e a chi si occuperà della gestione del Centro, gli educatori Paola Marsili e Alessio Antonelli.

Con i lavori, affidati al consorzio stabile Cosis di Spoleto, è stato realizzato un restauro conservativo della struttura, sono state posizionate alcune rampe necessarie a superare le barriere architettoniche. Tutti gli spazi sono stati inoltre adattati alla nuova destinazione d’uso. Si è provveduto poi a chiudere le arcate del chiostro con delle vetrate e sono state realizzati anche diversi spazi che ospiteranno laboratori e aule per lavori di gruppo, attività motoria e cineforum. Gli ospiti del Girasole potranno anche sfruttare appieno il giardino interno per momenti di socializzazione.

 

glorioso ok

 

“Dopo il terremoto riconsegniamo alla nostra comunità un’altra struttura molto importante - sottolinea il sindaco -. Il complesso, di proprietà comunale, è stato destinato ad ospitare i ragazzi del Centro diurno “Il Girasole” e questo per noi ha una valenza straordinaria che va ben oltre i lavori di riqualificazione del complesso del Glorioso. Come sindaco, e a nome di tutta l’Amministrazione comunale, mi sento di ringraziare quanti hanno lavorato per il ripristino della struttura, dai tecnici alle imprese, ma anche le tante associazioni, gli enti e le istituzioni che, anche con piccoli gesti di solidarietà, ci hanno inviato un aiuto per quella che ritengo essere veramente una bella impresa”.

 

glorioso 2 ok

glorioso 4 ok

glorioso 5 ok

Incidente in bicicletta. Interviene l'eliambulanza

19 Mag 2018
872 volte

Perde il controllo della bicicletta e cade. Uomo trasportato a Torrette di Ancona. E' accaduto stamane intorno alle 12:30, in contrada Le Grazie, a Tolentino. Un dermatologo, classe '54 di Tolentino, stava percorrendo via Madre Teresa di Calcutta in sella alla sua bicicletta da corsa in direzione Belforte del Chienti quando ha improvvisamente perso il controllo. La causa probabilmente sarebbe da ricondurre ad una buca sul manto stradale. L'uomo ha battuto la nuca e ha inizialmente perso conoscenza.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno richiesto l'eliambulanza per il trasporto del paziente all'ospedale Torrette di Ancona. La prognosi e a diagnosi sono ancora in corso di valutazione. Per i rilievi del caso, la radiomobile di Tolentino e la polizia locale.   

A Castelraimondo la data zero del Summer Tour di Arisa

18 Mag 2018
353 volte

“ Uno spettacolo per audiofili, per tutte le persone che amano le sfumature della musica e per gli appassionati del suono”. Così Arisa ha definito il suo Summer Tour 2018 la cui data zero è in programma questo sabato 19 maggio al Palazzetto dello Sport di Castelraimondo. Inizio alle ore 21,30 per il Live che la vedrà sui palcoscenici d’ Italia per tutta l’estate, prima di dedicarsi appieno al suo nuovo disco. Un live che si preannuncia come una sferzata di energia a partire dalle sonorità e da un parco luci di sicuro’effetto. Un’immersione tra la gente, per due ore di spensieratezza e svago, con la spontaneità e l’empatia che l' intensa vocalità di Arisa è capace di creare . “ Il mio vuole essere un dono – ha detto l’artista lucana all’incontro di presentazione con i giornalisti, tenutosi al Relais Borgo Lanciano. A portare il saluto della cittadinanza è stata l’assessore alla cultura Elisabetta Torregiani , ringraziando l’artista per una presenza che è dimostrazione di vicinanza nei confronti di una comunità che ha bisogno di riaggregarsi. “ Le persone mi danno tanto e io restituisco –ha detto la cantante- Penso che chi ha il dono della comunicazione ed è stato messo dalla vita nella condizione di poter comunicare agli altri, a modo suo, cerchi di restituire”. Cambiati più volte i look, i vestiti e le pettinature Arisa ha confidato di essere alla ricerca del suo vero essere, da un lato ancorata al passato, dall’altro fermamente rivolta ad una personale evoluzione e alla costruzione del suo grande sogno. “Ho cominciato a dirmi ripetutamente che debbo  riprendere delle cose dal passato e, pian piano, iniziando a piccoli sorsi mi sto riprendendo le cose che c'erano prima di “ Sincerità”. Prima di allora, sicuramente ero più libera, più me stessa e anche più colorata. Ho tante idee in testa che mi piacerebbe di realizzare e mi auguro che con il tempo e con la serenità possano concretizzarsi. Non sono una persona facile; sono molto puntigliosa e sempre alla ricerca, ma mi piacerebbe fare delle cose di cui poter essere veramente felice. Sono onorata e orgogliosa di essere qui”.

arisa 2 1

 

Ambiente e natura, uniti agli spazi aperti, sono i particolari che più le fanno apprezzare la nostra regione “ e il fatto che la mente si possa riposare nel guardare il tutto e il niente- ha aggiunto Arisa- mi pace soprattutto, la sincerità della gente e il fatto che non abbia sovrastrutture; da queste parti, si percepisce che c’è un grande sentimento di Fede e in questa gente, io mi riconosco perché è gente che  sa stare comunque dalla parte giusta”. Biglietti per lo spettacolo già in prevendita. Alle 18.00 di sabato 19 maggio, apertura del botteghino al Palazzetto dello Sport di Castelraimondo.    

 

Incidente alla Cemeco, paura per un camionista

18 Mag 2018
2794 volte

Paura oggi pomeriggio per un camionista. L’uomo, classe ‘67 di Pollenza, stava viaggiando verso Passo di Treia con il tir quando ha perso il controllo del mezzo di fronte all'azienda Cemeco, situata lungo la provinciale Settempedana, all’altezza della frazione di Pitino, San Severino. Sono ancora da chiarire i motivi per cui l’autista ha perso il controllo del mezzo, che si e scontrato con un muretto. La cabina si è poi capovolta insieme al primo rimorchio e la sabbia che l’autocarro trasportava si è riversata a terra. Immediatamente sono stati allertati i soccorsi. Ad estrarre l’uomo rimasto coscente dalla cabina, i vigili del fuoco che l’hanno poi affidato al 118. I sanitari lo hanno portato all’ospedale di Macerata, le sue condizioni non sarebbero gravi. Per i rilievi del caso anche i carabinieri della stazione di San Severino e la polizia municipale. 

 

Ha origini camerinesi il nuovo vescovo nominato da papa Francesco

18 Mag 2018
2314 volte

E’ legato a Camerino don Giampiero Palmieri, nominato da papa Francesco vescovo ausiliare di Roma (si occuperà del settore Est succedendo a monsignor Giuseppe Marciante, ora vescovo di Cefalù) proprio nel giorno in cui la città ducale festeggia il patrono san Venanzio. Don Giampiero, 52 anni compiuti lo scorso 22 marzo, è infatti il cugino di Carlo Croia, noto a Camerino per il suo impegno fattivo nelle associazioni cittadine. Il padre del nuovo vescovo, purtroppo scomparso, è il fratello della mamma di Carlo, Marisa Palmieri, che dal giorno del terremoto vive anch’ella la condizione di “sfollata” a Jesi. Grande l’emozione provata dai familiari, in particolare da Carlo, alla notizia della nomina di suo cugino, con il quale è legato da ottimi rapporti, a vescovo ausiliare nella città eterna.

 

palmieri nomina 18mag2018 750x430

 

Tarantino di origine, don Giampiero Palmieri è parroco di San Gregorio Magno alla Magliana dal settembre 2016. Il nuovo presule ha frequentato il Pontificio Seminario Romano Minore e si è formato poi nell’Almo Collegio Capranica. Ordinato sacerdote il 19 settembre 1992 a Roma, ha conseguito la Licenza in teologia Dogmatica alla Pontificia Università Gregoriana. Subito dopo l’ordinazione ha ricoperto gli incarichi di vicerettore del Pontificio Seminario Romano Minore (fino al 1997) e assistente diocesano dell’Azione cattolica ragazzi (fino al 1999). È stato vicario parrocchiale prima ai Santi Simone e Giuda Taddeo a Torre Angela dal 1997 al 1999, e poi a San Frumenzio ai Prati Fiscali fino al 2004, anno in cui è stato nominato parroco. È stato prefetto della IX prefettura dal 2007 al 2011. Nel 2016, come detto, l’arrivo alla Magliana e da oggi vescovo ausiliare di Roma.

Tragedia sfiorata. Spettacolare incidente a Caldarola

18 Mag 2018
753 volte

Poteva finire in tragedia l'incidente che si è verificato alle 12.30 lungo la superstrada Valdichienti, in direzione mare, poco dopo l'uscita di Caldarola.

Un camion di Umbertide, provincia di Perugia, è uscito di strada e si è accasciato sul lato destro, sopra il guardrail.

Ancora in fase di accertamento le cause che hanno portato il mezzo fuori strada. Stando alle prime ricostruzioni, il camion avrebbe iniziato a perdere il controllo già diversi metri prima, sopra il ponte della superstrada, come si vede dalle strisciate sul guardarail che, in un primo momento, è riuscito a trattenere il mezzo ed evitando che cadesse dal ponte.

Più avanti, invece, le ruote sono fuoriscite dalla sede stradale e l'autista, visibilmente scosso per l'accaduto ma illeso, non è riuscito più a riportare il camion in carreggiata.

Sul posto i carabinieri per regolare il traffico durante le operazioni di recupero del mezzo.

AUTISTA DEL E MEZZO

 20180518 131012

 

 

 

Il simbolo della fenice sul 37° Trofeo della 'Corsa alla spada'. Atleti pronti alla sfida

17 Mag 2018
1096 volte

Donato da Intesa Sanpaolo il Trofeo della 37esima edizione della Corsa alla Spada di Camerino. Svelato nel corso della conferenza stampa di presentazione degli atleti e delle atlete che correranno domenica sul percorso dello scorso anno. I trenta corridori si contenderanno la spada del peso di otto chili, forgiata a mano dal fabbro artigiano camerte Stefano Bellesi,. Alla confernza stampa ha partecipatom anche il direttore Area Retail di Banca Intesa Pier Bruno Emiliani, dettosi onorato e orgoglioso di aver donato il trofeo per una manifestazione così sentita. " E' un segnale forte che vgliamo dare a questi territori sofferenti. Lo facciamo come Banca e come persone".  Quale  auspicio di resurrezione dalle macerie del sisma, l'artigiano ha voluto imprimere sul trofeo la  fenice che rinasce dal fuoco. " Una manifestazione- ha detto la presidente dell'associazione Sandra Gentili- che è momento di intensità per tutti, per ricordarci la nostra storia e lo stare insieme, un modo per mantenere alti i valori dello sport e della socializzazione. Mi auguro che domenica 20 maggio, sia una giornata di 'sole' in tutti i sensi". 

Nel ringraziare tutti coloro che a vario titolo si sono dati da fare per realizzare la nuova edizione della rievocazione storica camerte, il vice sindaco Roberto Lucarelli ha voluto sottolineare l'intensità dei pochi minuti della corsa che richiedono la preparazione  atletica di un anno" So cosa vuol dire- ha affermato- conosco l'ansia degli ultimi minuti decisivi del percorso".

Due i trofei in gioco nella domenica clou della rievocazione; oltre alla spada il drappo del palio, a seguito del sisma rimasto per diversi mesi all'interno della cattedrale dove era custodito. Erano stati i vigili del fuoco a recuperarlo e ha ancora impressa la mano impolverata di chi è riuscito a portarlo fuori dalla chiesa inagibile; un'impronta volutamente lasciata, come segno di quello che è accaduto.

Al tavolo delle presentazioni si sono poi susseguiti i rappresentanti dei tre terzieri di Sossanta,  reduce dalla vittoria di entrambi i trofei, di Mezzo e di Muralto.

Samuele Grasselli per Sossanta ha parlato di squadra giovane e determinata e che, anche grazie alle nuove leve, sarà in grado di andare avanti con energia negli anni. Sono riusciti a rimanere forti e uniti gli atleti di Mezzo,terziere che occupa per la maggior parte la zona rossa della città  e che, -ha detto Giacomo Nalli- nonostante le difficoltà di essere sfollati, si giocheranno il palio fino alla fine". 

" Noi siamo mine vaganti- ha affermato il rappresentante di Muralto Federico Lucarini- fino all'ultimo non sappiamo quello che accadrà, ma ce la metteremo tutta: la nostra quest'anno è una squadra rivoluzionata rispetto alle ultime corse. Abbiamo diversi ragazzi in più, venuti a darci una mano, e tra questi c'è anche un giovane di Pieve Torina che ci ha cercati per unirsi a noi, come segno di solidarietà verso il suo paese distrutto".

Nel ricordare come la rievocazione di Camerino si differenzi da ogni altra manifestazione del Paese, essendo una corsa a piedi a caratterizzarla, Sandra Gentili ha introdotto quella che, da qualche anno a questa parte, è una bella novità al femminile; partita quasi per gioco, infatti la 'staffetta rosa' è diventata parimenti una vera competizione per l'impegno di 30 atlete, che domenica prossima correranno prima dei colleghi maschi . A parlare per loro è stata Agnese Marucci del terziere di Muralto" Mi auguro che la gara sia divertente, che tutti si possa essere partecipi e coinvolti  e che, lo spirito che ci unisce , non muoia mai". 

Presente in sala il rettore di Unicam Claudio Pettinari il quale, nelle passate edizioni, ha vestito i panni di Signore della città e di atleta. E' proprio da atleta della corsa che il rettore ha voluto evidenziare che correre per la rievocazione e desiderare di farlo dà qualcosa in più: " Per un anno di allenamento- ha detto- qualcuno lo ha fatto per 37 edizioni; si corre con uno spirito combattivo e fiero e, con lealtà. Durante l'anno tutti gli atleti si incontrano, vivono insieme in relazione, si trasmettono un qualcosa di forte e arrivati al fatidico giorno, non si guardano negli occhi. Ognuno corre per i colori del proprio terziero e darà tutto se stesso. E' una dura prova e l'invito alla cittadinanza è ad incitare i corridori, a sorreggerli fino alla fine, perchè è una vittoria per gli atleti e una vittoria per la città". 

Dall'artigiano che l'ha realizzata, la spiegazione del segno che ha voluto imprimere sulla spada dell'edizione numero 37. " Uno scudo con la fenice, uccello che rinasce, come simbolo da offrire a Camerino, affinchè anche la città possa rinascere dal dramma che l'ha colpita. Per me è un onore partecipare a questo evento con un oggetto realizzato con le mie mani . Spero che la vinca il migliore".  E domenica 20 maggio, sarà lo stesso Stefano Bellesi  a sfilare in corteo imbracciando  il trofeo, fino al piazzale della Libertà.  

bellesi

 Stefano Bellesi e la sua opera

San Venanzio La devozione per il giovane martire che tiene in mano la città

17 Mag 2018
1087 volte

E’ carica di significati profondi e, nello scenario che il terremoto ha lasciato, forse ancora più sentita di sempre la festa dedicata al patrono di Camerino San Venanzio Martire. E’ un sostegno ancora più forte quello che ogni camerinese chiede al giovane protettore che tiene in mano la città

“ Certamente , come già avvenuto per l’anno passato- dichiara il parroco don Marco Gentilucci- l'affidamento al santo è sentito ancora in modo più grande, soprattutto perché l'immagine di questo giovinetto che regge le sorti della città, diventa occasione di affidamento per tutti noi e di richiesta. Un sentimento più forte e, in particolare, in questi giorni di festa  nei quali ci viene chiesto di poter avere delle occasioni di preghiera, di incontro, di conoscenza dellla figura di San Venanzio. Tante persone hanno chiesto anche la possibilità di poter avere un piccolo momento di preghiera davanti alla statua del Santo, per una ricorrenza e una devozione forte che  non riguarda la sola nostra città, ma tutto il circondario”.

don Marco San Venanzio

Il parroco ha avuto modo di parlare del coraggio della fede del giovane Venanzio ai bambini: “L’occasione di un'attività organizzata dal terziere di sossanta- ricorda il parroco- ha aperto la possibilità di raccontare la storia di San Venanzio a questi piccoli che conoscevano alcune cose ma non tutto di lui; ho voluto  soprattutto mostrare come questo giovane abbia avuto anche il coraggio di rimanere fedele a questa grande amicizia che ha sperimentato con il Signore;  in fondo, è quello che cerchiamo tutti nella vita:  aggrapparsi a qualcosa di buono che ci spinga ad andare avanti, a cercare un bene che è più grande di noi. Tra l'altro- ha aggiunto don Marco-  vivere questo momento sulla scalinata appena riconsegnata a tutta la città e proprio davanti al portale della chiesa, è stato ancora più simbolico, perché quel luogo ci ricorda anche la morte,  il martirio di S. Venanzio e, parlare di lui dove la memoria è ancora più forte,  ha permesso anche ai bambini di avere un’immagine ancora più viva di una chiesa che va ricostruita, come del resto lo è sempre stato nella storia della nostra città . Uno fra i più piccoli, con l’innocenza che contraddistingue i bambini , mi ha detto : “ ma allora questa chiesa bisogna ricostruirla ancora più grande” . Gli ho risposto "cerchiamo di riaverla come era ma soprattutto di viverla con il cuore proiettato verso il Signore, come era quello di San Venanzio.

La pioggia della vigilia aveva fatto temere per  l'esposizione della statua argentea del patrono che invece,  dato il migliorameto delle condizioni  don Marco per san Venanzio

è stato possibile predisporre.  Accanto al tendone  che ha accolto tutte le cerimonie  religiose del giorno di festa, l'imponente statua è già stata mèta di visita e di raccolgimento.  La statua - ha detto don Marco-  sarà visibile; per tutto il giorno. Per  tutti sarà possibile avere un momento di preghiera davanti a questa carissima statua del santo protettore della città ”. 

IMG 20180518 125456955

Sotto, le foto della vigilia di festa. "Offerta dei ceri" e accensione del falò di nuovo in piazza. Omaggio al patrono e desiderio di rinascita 

san Venanzio

falo e atleti

falo

 IMG 20180518 103025

La Statua del santo esposta a Le Mosse

Furto sacrilego nella chiesa terremotata

17 Mag 2018
1258 volte

Furto nella chiesa di Madonna della Croce adiacente il cimitero di Pievefavera, frazione del comune di Caldarola, dove è stata trafugata la piccola campana nel campanile a vela ed è stato tranciato il lucchetto della porta della chiesina. All'interno dell'edificio, gravemente lesionato dal terremoto, non c'era niente da rubare. Gli ignoti autori, che hanno agito indisturbati dal momento che la zona è isolata, hanno anche forzato la porta del locale retrostante adibito ad ossario. Ad accorgergesene il parroco, don Vincenzo Finocchio, che ha provveduto ad avvertire i carabinieri per l'avvio delle relative indagini.

 

(La campana al suo posto prima del furto)

campana chiesa

 

 

(l'ingresso dell'ossario)

porta ossario

 

(il lucchetto forzato)

lucchetto forzato

Scontro tra auto a Macerata, urtate le tubature di metano della rete cittadina

17 Mag 2018
245 volte

Incidente stradale a Macerata in contrada Valle dove, per cause in corso di accertamento, due vetture si sono scontrate. Nell'impatto entrambi i conducenti delle auto sono rimasti feriti e sono stati trasportati al pronto soccorso del nosocomio maceratese fortunatamente non in gravi condizioni. Nell'impatto le due auto hanno urtato le tubazioni di metano della rete cittadina. Il pronto intervento dei vigili del fuoco, giunti sul posto insieme ai soccorritori del 118, è valso alla messa in sicurezza dell'intera zona.

 

incidente macerata1

 

incidente macerata 2

Da oltre un anno al fianco dei terremotati, ora realizzano anche due parchi

17 Mag 2018
4910 volte

Un amore e una solidarietà senza confini quelli di tanti privati che si sono mossi per stare accanto ai territori colpiti dal sisma. Tante le associazioni e i comitati nati per dare supporto, portare qualsiasi genere di bene e per aiutare le popolazioni a ripartire. 

È il caso anche dell’associazione che vede fra i promotori il medico pediatra Salvatore Stasolla, Filippo Fontana di Pistoia e Ornella Giaconi che a breve inaugureranno un bellissimo parco giochi a Pieve Torina, interamente frutto di donazioni. In questi giorni, inoltre, stanno partendo i lavori anche per un altro parco, nei pressi del villaggio Sae di Muccia.

Non solo, il 23 maggio hanno organizzato anche una giornata solidale a Marina di Montemarciano, al ristorante “da Nialtri”. Nel menù saranno previste delle lasagne di mare, e tutto il ricavato dalla vendita di questa pietanza sarà devoluto all’associazione. 

L’associazione, come ricorda il dottor Stasolla, è nata nel gennaio 2017, quando “un gruppo di amici si è unito per creare punti di aggregazione per le persone che avevano perso tutto. Poi si sono unite anche tante associazioni, rigorosamente apolitiche e apolemiche. Il gruppo oggi conta quasi 150 persone da ogni parte d'Italia”. Fra le iniziative promosse da questo gruppo non si può non ricordare la festa di Natale per i nonni terremotati, i panettoni e poi le 600 uova di Pasqua donate agli sfollati. Ma anche il materiale di cancelleria, libri, computer e addirittura un microscopio per le scuole, e tanti altri gesti di solidarietà come i giochi e i libri di favole per gli ambulatori pediatrici del dottor Stasolla (con il progetto “Invito alla lettura” nell’ambito del quale viene regalato un libro ad ogni bambino che va a visitarsi), e poi “con Francesca Forconi, di San Severino - dice Giaconi - andiamo molto nelle case e aiutiamo come possiamo”.

(La sala d'attesa dell'ambulatorio del dottor Stasolla)

ambulatorio stasolla

 

Sono stati raccolti anche molti vestitini che sono stati donati al Sermit di Tolentino. 

“Abbiamo pensato di salvaguardare i bambini - torna a dire Stasolla - e di fare il restyling di alcune aree belle di questi territori. È per questo che è nato il parco di Pieve Torina e che stanno partendo i lavori per quello di Muccia. Tutto quello che c’è, dai giochi, alle panchine fino addirittura alle piante, è frutto di donazioni. A Muccia ci saranno anche punti per fare grigliate, sono state donate delle piante secolari, e le fontane”.

Poi Stasolla e Giaconi accennano anche ad un importante progetto per Fiastra e l’intenzione di fare qualcosa anche per Visso.  

“Sono arrivato nelle Marche a 28 anni - racconta il pediatra - e mi hanno dato tantissimo. Dopo tanti anni mi è venuta dal cuore la volontà di fare qualcosa per queste persone con cui si è creato un rapporto quasi parentale”.  

“Io ho perso mio marito sei anni fa - dice invece Giaconi - e con lui anche la voglia di vivere. Mangiavo, dormivo, lavoravo e andavo al cimitero. Una volta a settimana vedevo mio nipote e basta. Poi è arrivato il terremoto e ho iniziato a frequentare queste zone, e mi è tornata la voglia di vivere e la grinta. Le persone mi ringraziano, ma sono io che devo ringraziare loro”.

(L'armadio coi giochi che vengono regalati ai piccoli pazienti)

ambulatorio stasolla 2

 

(Il pediatra Salvatore Stasolla e Ornella Giaconi)

stasolla Giaconi

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo