Anselmi elezionI M. s. martino

 

Don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e di Libera, sacerdote da tempo in prima linea nella lotta contro le mafie, sarà a Camerino giovedì 16 maggio per incontrare i sacerdoti della diocesi ai quali parlerà di legalità e trasparenza. Quindi nel pomeriggio, all’auditorium Benedetto XIII, incontrerà gli studenti degli istituti superiori con cui discuterà sui temi della legalità e costituzione.

don ciotti locandina

Giornata di festa per la Sezione di Informatica dell’Università di Camerino. Inaugurato in via Madonna delle Carceri n. 7 il nuovo edificio che ospita aule e laboratori dei Corsi di Informatica Unicam. Nell’occasione è stato anche celebrato il decennale dell'avvio del corso di Laurea magistrale in Computer Science che consente di ottenere il doppio titolo di studio, riconosciuto sia in Italia che in Svizzera, grazie agli accordi stretti tra Unicam e l'ateneo di Olten.  

IMG 20190509 105119

Al taglio del nastro e al successivo momento di saluto, sono intervenuti il presidente della Regione Luca Ceriscioli, il rettore di Unicam Claudio Pettinari,il prorettore vicario Graziano Leoni,  il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui, il Dirigente del Servizio Protezione Civile Marche David Piccinini, il docente di Informatica e promotore del Double Degree Flavio Corradini,il responsabile della Sezione di Informatica Andrea Polini, il direttore dell Scuola di Scienze e tecnologie David Vitali, e gli studenti Gioele Giaché, Gemma di Federico e Tony Freeman. La nuova struttura è stata realizzata grazie ai fondi messi a disposizione dalla Protezione Civile nazionale . Il costo complessivo dell’opera si aggira intorno a 1 milione 600 mila euro, dei quali 920 mila sono stati messi a disposizione dalla protezione civile e gli altri 700 mila provengono in parte dall’accordo di programma finanziato dal MIUR e per la restante parte da risorse proprie dell’ateneo. L'edificio si compone di quattro aule, tra cui la sala grande da circa 200 posti, uno spazio ulteriore per 80 postazioni nonché laboratori e stanze studio per docenti, dottorandi e ricercatori. All'esterno, completano gli spazi un bel camminamento, un’area a verde , il tutto ben integrato con l’efficiente e funzionale vicina struttura realizzata dieci anni fa. Cresce intanto sempre di più l’interesse degli studenti per il Corso in Informatica che ha aumentato gli iscritti del 3 per cento sugli iscritti totali con le immatricolazioni 2018-2019 salite ad oltre 200, per una comunità informatica che conta in totale 800 studenti.

“ Numeri importanti di persone che domani troveranno lavoro e - ha detto il rettore Claudio Pettinari – che saranno i nostri ambasciatori e i nostri contatti nelle imprese. A farmi sentire particolarmente orgoglioso-ha aggiunto-è il fatto che questa sezione sta anche sviluppando attività di formazione post-laurea, non solo dedicata ai nostri laureati in Informatica ma anche a laureati in altre discipline scientifiche per integrare con le grandi competenze di questo settore una grande preparazione, al fine di renderla multidisciplinare”. Nel corso del suo intervento il rettore non ha mancato di sottolineare il tema delle sue richieste al Ministro Bussetti, nell’occasione della sua visita ad Ascoli alla Scuola di Architettura di Unicam. “ Noi siamo stati ciò che ha tenuto in vita questo territorio all’indomani del sisma. Ne siamo stati il cuore e il polmone e allora–ha detto-, rispetto a quello che è un dato reale e dimostrabile di crescita, quello che chiediamo è un po’ di linfa: risorse in termini di personale per lavorare al meglio, poter crescere ancora e ringiovanire questo territorio”. Del traguardo raggiunto dei dieci anni del Double Degree, il responsabile della Sezione di Informatica Andrea Polini ha evidenziato il forte legame che si è creato con l’università svizzera e i cui eccellenti risultati, hanno riguardato didattica e ricerca. “ “Festeggiare un decennale, avendo avuto circa 70 studenti protagonisti del movimento e scambio tra i due atenei, con l’apertura per loro di opportunità di altissimo rilievo, rappresenta indubbiamente un qualcosa che è andato oltre le nostre aspettative”.

IMG 20190509 105052

Commozione e grande soddisfazione nelle parole del docente ed ex rettore Flavio Corradini, per una struttura che sta crescendo in maniera più che significativa: “ L’emozione è forte perché questa inaugurazione; me ne ricorda altre due che personalmente ho vissuto in pochissimi anni. Dieci anni fa il taglio del nastro del vicino Polo di Informatica che già allora rappresentò per noi un momento di crescita. In due anni quella stessa struttura non era più sufficiente decidemmo di spostarci nel centro della città per equilibrare la comunità studentesca che era fuori, con quella dentro le mura cittadine. Il bello è che anche quella distribuzione, in poco tempo aveva condotto a risultati di crescita; poi sono arrivati i momenti di grandissimo imbarazzo che tutti conosciamo e questa nuova situazione, significa per noi tornare a garantire ai nostri studenti la qualità e il livello di servizi che meritano, spazi per le attività di ricerca e innovazione, sempre accanto ai nostri territori”. 

Sequenza 01

Nel corso della cerimonia , a nome di tutta la governance di Unicam, il rettore Pettinari ha conferito due attestati di benemerenza per l'impegno, l'abnegazione e il costante lavoro svolto durante il periodo degli eventi sismici mostrando un encomiabile senso di appartenenza alla comunità universitaria. Il primo è stato attribuito a tutta la squadra dell'area edilizia, manutenzione e sicurezza di Unicam, rappresentata dall'ingegnere Gianluca Marucci. L'altro attestato, consegnato nelle mani del dott. Maurizio Mauri, è andato al gruppo delll'area infrastrutture informatiche e sistemi digitali di Unicam. 

C.C.

 

Inaugurata la prima farmacia didattica dell’Università di Camerino, realizzata grazie al generoso contributo della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (FOFI).

IMG 20190503 125638

Il taglio del nastro presso il Polo di Chimica di via S.Agostino, è stato preceduto dal convegno “Nuove frontiere della professione farmacista” la cui lectio magistralis è stata tenuta dall’On. Andrea Mandelli, Presidente della Federazione Ordini farmacisti Italiani (Fofi).

Nella foto: lo scoprimento della targa all'interno della Farmacia Didattica, con il rettore Pettinari e l'on. Mandelli

IMG 20190503 125542

“Una giornata significativa nel segno del futuro e, soprattutto, guardando alla formazione di quelle che saranno le nuove professionalità che andremo a preparare nei prossimi anni - ha commentato il rettore Claudio Pettinari- Potremo farlo grazie a nuovi strumenti formativi come la Farmacia didattica e anche con delle nuove strumentazioni di grande pregio e valore che sono state acquistate con il contributo fondamentale di Fofi. Strumentazioni che si avvalgono di programmi e software gestionali offerti dai nostri partner, col contributo degli Ordini dei farmacisti delle Marche. Con tutti questi soggetti- ha aggiunto il rettore- stiamo dialogando per il progetto di un farmacista che non sia semplicemente dispensatore di una semplice scatola di prodotti farmaceutici ma possa essere dispensatore di servizi di alta qualità. Bellissima la farmacia didattica, bellissime le strumentazioni e di particolare rilievo l’intervento dell’On Mandelli che con la sua lectio magistralis ci ha dimostrato tutta la sua esperienza e profonda conoscenza della materia”.

IMG 20190503 124606

Tra i presenti al convegno il governatore delle Marche Luca Ceriscioli , l’arcivescovo Francesco Massara, il prorettore vicario Graziano Leoni e il DG Vincenzo Tedesco. Interessanti i contributi del Dr. Luciano Diomedi, presidente dell’Ordine dei farmacisti della Provincia di Macerata, del dr. Marco Orsuni e ing. Ernesto Ciccarelli della CFS Sistemi di Anagni, dei professori Giovanni Filippo Palmieri e Gianni Sagratini della Scuola di Scienze del Farmaco e Prodotti Salute Unicam. L’intervento conclusivo è stato a cura del direttore prof. Francesco Amenta.

Soddisfazione per la nuova struttura è stata espressa dal presidente della Regione Ceriscioli, evidenziando come nonostante le difficoltà del sisma la Scuola del farmaco sia riuscita a mantenere capacità di ricerca, didattica e forte legame con gli studenti e le imprese del territorio: Poter avere all’interno dell’Università un luogo che permetta di sperimentare le competenze acquisite dagli studenti per poi poterle inserire nel mondo lavorativo- ha detto Ceriscioli- è una grande occasione per un primo avvicinamento al mondo reale, sperimentando le conoscenze sin dalla fase universitaria”.

C.C.

IMG 20190503 130541

IMG 20190503 125414

Taglio del nastro per la Farmacia Didattica dell’Università di Camerino. L'inaugurazione è prevista domani mattina al termine del convegno “Nuove frontiere della professione farmacista”. La Farmacia didattica Unicam è stata realizzata grazie al generoso contributo della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (FOFI) che, all'indomani del sisma del 2016,  ha promosso una raccolta di fondi finalizzata ad iniziative di rilancio di attività di UNICAM nel settore del farmaco. La Farmacia Didattica è stata resa più funzionale grazie ai contributi di CSF Sistemi di Anagni, della Farmacia Monte Milone di Pollenza Scalo e della Fondazione Centro Internazionale Radio Medico (C.I.R.M.) di Roma.

Abbastanza comuni in diversi paesi del Nord Europa, come  in Canada e negli USA, le Farmacie Didattiche  sono per lo più assenti nel nostro panorama nazionale e possonosvolgere un ruolo importante nella preparazione di professionisti che, una volta concluso il proprio curriculum di formazione universitaria, saranno pronti ad entrare nel mondo del lavoro. 

" Un'opportunità quasi unica in Italia per la qualità della formazione dei nostri studenti- ha dichiarato con orgoglio il Rettore Unicam Claudio Pettinari Ringrazio vivamente la Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani per aver scelto di sostenere il nostro Ateneo, così come tutti i docenti della Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute, prodigatisi per realizzare il progetto, che ci consente di offrire ai nostri studenti e a quanti sceglieranno Unicam per la loro formazione, un servizio altamente e professionalmente innovativo”.

“Con l’inaugurazione della propria Farmacia Didattica - ha sottolineato il Direttore della Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute Unicam prof. Francesco Amenta – l’Università di Camerino si pone all’avanguardia nel panorama della formazione dei giovani farmacisti. La Farmacia Didattica ha infatti annesso un presidio per piccole preparazioni galeniche, apparecchiature di ricerca all’avanguardia per soluzioni avanzate, angolo per prestazioni di telesalute e tutti i servizi che possono trovarsi in una moderna farmacia". 

All'interno della Farmacia Didattica,  gli studenti potranno seguire tutte le fasi del processo di dispensazione del farmaco, ma anche apprendere le basi per offrire ai pazienti consulenze per la fornitura di farmaci da banco, consigli sull’aderenza ai piani terapeutici e tutto quanto un farmacista realizza nella propria pratica professionale al contatto con i pazienti. La pratica della Farmacia didattica, oltre che per gli studenti italiani  i quali durante l’ultimo anno del corso degli studi, debbono svolgere un tirocinio semestrale in una farmacia aperta al pubblico, potrà essere utile specie per i sempre più numerosi studenti stranieri che frequentano i corsi di laurea magistrale in Farmacia di Unicam. Questi ultimi,  potranno dunque acquisire una notevole esperienza in farmacia, da spendere con successo una volta tornati nei loro  paesi di origine.

Convegno e successiva inaugurazione si terranno a partire dalla ore 10.00 presso  il Polo di Chimica. Interverranno le autorità, docenti Unicam e rappresentanti degli Ordini dei Farmacisti. Sarà presente anche l’On.le Andrea Mandelli, Presidente di FOFI.

La Farmacia Didattica di Unicam è stata realizzata dai docenti che operano nella Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute, coordinati dalla prof.ssa Gabriella Marucci, Direttore Vicario della Scuola. 

Corydalis densiflora subsp. apennina, endemica dell'Appennino. Così i ricercatori Fabio Conti e Fabrizio Bartolucci del Centro Ricerche Floristiche dell’Appennino, in collaborazione con Luca Bracchetti di UNICAM e Dimitar Uzunov, botanico dell’Università di Cosenza, hanno descritto la nuova specie di pianta scoperta grazie allo studio iniziato dalla popolazione del Parco del Gran Sasso che costituisce il locus classicus, nel quale è stato raccolto il campione d'erbario di riferimento (o typus). La costituzione del Centro Ricerche Floristiche dell’Appennino, sulle pendici meridionali del Gran Sasso si è rivelata dunque strategica per gli studi della flora spontanea.

Il CRFA è gestito grazie all’accordo tra l’Università di Camerino ed il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e la nuova pianta individuata, va ad aggiungersi al già nutrito gruppo di specie descritte dai botanici dell'Università di Camerino, che arricchisce l’originalità e la preziosità della flora appenninica. 

Nei giorni scorsi, è stato inoltreavviato un progetto triennale, finanziato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nell’ambito dei progetti Prin, che permetterà di conoscere e catalogare le oltre 1400 piante endemiche della Penisola, un dato che rende l'Italia terzo Paese più ricco di diversità vegetale dell'area mediterranea. Promosso dall’Università di Pisa, il progetto vede coinvolti anche i ricercatori Unicam Conti e Bartolucci.

 Corydalis densiflora subsp. apennina 1

" Un evento straordinario e bellissimo. Un grande dono, significativo  per l'intera diocesi e per tutta la comunità universitaria". Così il rettore dell'Università di Camerino Claudio Pettinari si esprime sulla notizia dell'arrivo del Santo Padre a Camerino il prossimo 16 giugno.

" La visita di Papa Francesco- aggiunge - è un segno di grandissimo valore che ci dà grande speranza e prospettiva per il futuro. Ci dice che il mondo intero è stretto e vicino alla nostra comunità. Avremo la possibilità di raccontare al pontefice la nostra situazione che potrà toccare con mano egli stesso nel corso della visita in città. Personalmente- conclude il rettore Pettinari- sento di esprimere gratitudine nei confronti dell'arcivescovo Francesco Massara che ha lavorato per far sì che il Santo Padre venisse tra noi, riuscendo ad offrirci una grandissima possibilità e opportunità. E' l'ennesima  testimonianza di quanto il nostro vescovo abbia a cuore le esigenze e le aspettative dell'intero nostro territorio, che si esprime in un sensibile impegno ispirato da grande determinazione".  

Il Comitato Sisma Centro Italia, finanzia un laboratorio di eccellenza in “Scienze dei materiali innovativi ” a favore dell’Università di Camerino.

Lo ha annunciato il rettore prof Claudio Pettinari, presente oggi a L' Aquila all'incontro "Territori aperti: territori, lavoro e conoscenza”. A seguito del sisma del 2016 , CGIL, CISL, UIL e CONFINDUSTRIA hanno congiuntamente avviato un'iniziativa di solidarietà per dare un sostegno agli abitanti dei territori del centro Italia colpiti, costituendo a tal fine il Comitato Sisma Centro Italia e attivando un Fondo nel quale sono stati raccolti i contributi volontari di lavoratori e imprese per circa sette milioni di euro . Uno dei i progetti nati grazie al “ Fondo territori lavoro e conoscenza” promosso dalle tre organizzazioni sindacali e approvato nel 2018 è appunto “Territori aperti” per la “concessione di contributi a iniziative proposte da enti territoriali, associazioni e imprese per il miglioramento dei servizi destinati alla popolazione residente, il rilancio dell’attività economica e il consolidamento dell’occupazione nei territori devastati del centro Italia

A 10 anni dal sisma dell’Aquila ,il progetto è stato presentato all’auditorium del parco del capoluogo abruzzese, in occasione dell’iniziativa Territori aperti: territori, lavoro e conoscenza” alla quale, unitamente ai segretari generali delle tre sigle sindacali, ha preso parte anche il rettore dell’università di Camerino prof. Claudio Pettinari.

platea a LAquila

L’ateneo ha in particolare ottenuto un finanziamento per l’area più coinvolgente le imprese. E’ dunque da una rete sinergica e di filiera che si dirama in più settori,  che potranno nascere rapporti di proficua collaborazione tra le stesse università di Camerino e l’Aquila.

 

Nella foto l'intervento del Rettore Pettinari a L'Aquilaintervento delrettore Unicam alAquila

“ E’ stata una giornata davvero ricca di emozioni – ha commentato il rettore  Claudio Pettinari- Sono arrivato a L’Aquila, più che per portare delle testimonianze, con lo spirito di imparare e apprendere. A distanza di 10 anni il capoluogo abruzzese infatti sta svelando che cosa è stato fatto, come sono state approcciate alcune situazioni, quali le prospettive e quali le soluzioni che sono state messe in campo sia come enti locali che come università. L’invito  a partecipare mi è giunto da parte del Comitato Sisma Centro Italia che ha stanziato risorse per un bel progetto, significativo per lo sviluppo del territorio aquilano e, contestualmente, ha anche finanziato un progetto di grande rilevanza per un laboratorio in materiali innovativi che riguarda la sede del nostro ateneo di Camerino - Al di là della grande soddisfazione per questo bel risultato- ha concluso Pettinari- di profondo contenuto educativo è stato il confronto con le forze sindacali, che hanno parlato di diritti del lavoro, di dignità e di garanzie allo sviluppo della persona" .

C.C.

80 aziende presenti, oltre 850 studenti e giovani laureati partecipanti, 17 workshop e seminari, nonché stand e presentazioni aziendali: sono questi i numeri del Career Day 2019 che l’Università di Camerino e Confindustria Macerata hanno organizzato con grande successo nella giornata di oggi giovedì 4 aprile presso il Relais Borgo Lanciano ed il Lanciano Forum.

esposizione aziende career day 1 9 1

Il Career Day rappresenta la principale occasione di incontro tra studenti ed aziende. Per laureandi, laureati e dottorandi, l’opportunità di incontrare le imprese, conoscere i responsabili delle Risorse Umane ed i recruiter, sostenere colloqui conoscitivi, lasciare il proprio curriculum vitae e scoprire nuove opportunità di lavoro.

Per le aziende partecipanti la possibilità di presentarsi, far conoscere la propria realtà e le opportunità offerte ai giovani laureati, raccogliere candidature per le posizioni di lavoro aperte.

L’evento si è aperto con i saluti del Rettore UNICAM Claudio Pettinari, del Presidente Comitato Piccola Industria di Confindustria Macerata Domenico Ceci, del Sindaco di Castelraimondo Renzo Marinelli. La giornata è stata introdotta dalla Delegata del Rettore ai Rapporti con le imprese Elisabetta Torregiani e dal Delegato del Rettore allo Stage e Placement Francesco Nobili.

Hanno poi preso il via i numerosi seminari e workshop, mentre le porte del Lanciano Forum si sono aperte per dar modo agli studenti partecipanti di incontrare le aziende presenti, tra cui Tod’s, Clementoni, Fileni, iGuzzini Illuminazione, Ikea, Merck, solo per citarne alcune.

rettore career day 19 1 2

Nei workshop, tutti al completo per numero di partecipanti, sono state trattate tematiche quali competenze vincenti per il futuro, internet of everything, arte e scienze, mondo farmaceutico, risorse umane, soft skills, Careers sans frontieres, valore e valori del lavoro.

Come lo scorso anno, poi, una parte del programma è stata dedicata all’imprenditorialità femminile, nel rispetto dell’equilibrio di genere che l’Ateneo persegue in ogni sua azione, come evidenziato anche nel Piano Strategico 2018-2023; spunti interessanti sono giunti dal seminario coordinato e moderato dalla giornalista del TGR Marche Francesca Alfonsi, al quale hanno partecipato Valeria Mancinelli, Sindaco di Ancona, e Francesca Petrini dell’Oleificio Petrini.

Molto seguiti  anche i seminari sulle numerose opportunità per la mobilità internazionale tenuti dagli operatori della rete Eures della Regione Marche.

Il prossimo lunedì 8 aprile presso la sala convegni del rettorato con inizio alle ore 14.30, la presentazione del libroSovereign Excess, Legitimacy and Resistance” di cui è autore il prof. Francescomaria Tedesco, docente della Scuola di Giurisprudenza di Unicam.

Il libro è la traduzione inglese, edita da Routledge, uno degli editori più quotati al mondo, del libro del prof. Tedesco uscito nel 2012 in italiano con il titolo Eccedenza sovrana (ed. Mimesis). L’edizione inglese è stata ampiamente rivista e modificata.

L’incontro sarà aperto dai saluti del Rettore Unicam prof. Claudio Pettinari e del Direttore della Scuola di Giurisprudenza prof. Rocco Favale e introdotto dal prof. Luca Baccelli della Scuola di Giurisprudenza Unicam. Oltre all’autore, interverranno poi i professori Carlo Galli dell’Università di Bologna e Dimitri D’Andrea dell’Università di Firenze.

Il libro è un percorso teorico nella sovranità moderna, con l'orecchio teso a quei segnali critici che nella storia hanno segnalato la debolezza del potere, la sua fragilità, il suo bisogno di riconoscimento da parte dei sudditi prima e dei cittadini poi.

“Ho chiamato questo meccanismo – sottolinea l’autore – 'teurgia politica', perché proprio come per la dottrina cabbalistica, ma anche gnostica e neoplatonica, della teurgia (insufflare attraverso pratiche la divinità in un essere inanimato), lo Stato esiste solo nella misura in cui i cittadini gli tributano gloria, lo glorificano. Se Dio è pieno di gloria, perché glorificarlo? Se lo Stato è il potere sovrano superiorem non recognoscens, perché esso necessita di consenso perfino da parte delle vittime che mette a morte con la pena capitale? Queste alcune delle questioni trattate, servendomi di un personaggio di Shakespeare, l'ubriacone e assassino Barnardine di “Misura per misura”, il quale, messo a morte, si rifiuta di morire, e non morirà”.

Questo lampo sinistro nella storia del potere descrive icasticamente la resistenza al potere, la negazione di quella relazione di riconoscimento che, come la glorificazione, fa del potere ciò che esso è: il potere sovrano. E consente a Barnardine di farsi sovrano a sua volta. Sullo sfondo, la concezione della politica come inganno, artificio, truffa. Nozione che gli Inglesi, anche attraverso il teatro elisabettiano, presero da Machiavelli, le cui tesi arrivarono loro attraverso gli ugonotti francesi.

“A poco più di cinquecento anni dal Principe, - conclude il prof. Tedesco – una discussione non tanto su ciò che Machiavelli ha 'detto davvero', quanto su come egli ha incarnato il modello 'italiano' di potere cinico e truffaldino. Fili conduttori Bataille, Derrida, Schmitt, Agamben, Ginzburg, e tanti altri”.

Ai nastri di partenza il Carreer Day 2019. Giovedì 4 aprile presso il Relais Borgo Lanciano ed il Lanciano Forum, 70 aziende presenti, 850 studenti e giovani laureati già iscritti, 17 workshop e seminari, nonché stand e presentazioni aziendali: questi i primi numeri, che potrebbero ancora crescere per l’evento che Università di Camerino e Confindustria Macerata organizzano per l’intera giornata.

Il Career Day rappresenta la principale occasione di incontro tra studenti ed aziende. Laureandi, laureati e dottorandi avranno l’opportunità di incontrare le imprese, conoscere i responsabili delle Risorse Umane ed i recruiter, sostenere colloqui conoscitivi, lasciare il proprio curriculum vitae e scoprire nuove opportunità di lavoro. Le aziende partecipanti avranno la possibilità di presentarsi, far conoscere la propria realtà e le opportunità offerte ai giovani laureati, raccogliere candidature per le posizioni di lavoro aperte.

“Il Career Day – ha dichiarato il Rettore UNICAM prof. Claudio Pettinari – rappresenta senza dubbio uno dei momenti più importanti della vita universitaria dei nostri studenti e laureati. Ringrazio ancora Confindustria Macerata per aver voluto proseguire questa importante sinergia, che attribuisce un sicuro valore aggiunto all’evento e offre maggiori opportunità di confronto e crescita a tutti i partecipanti, così come ringrazio tutte le aziende che hanno confermato non solo la loro presenza, ma anche la soddisfazione e fiducia nei nostri confronti. L’Ateneo è da tempo impegnato in iniziative di placement che permettano la maggiore visibilità possibile dei curricula dei nostri laureati, nonché nell’offrire tutte quelle opportunità che permettano a studenti e laureati di avere elementi utili per una ricerca attiva delle opportunità di lavoro in una dimensione sia territoriale che europea. Quest’anno vorrei estendere l’invito a partecipare non solo ai nostri studenti, ma anche agli studenti degli altri Atenei affinché sia un importante momento di contaminazione utile anche al nostro Paese”.

“Un appuntamento basilare per il mondo industriale – ha affermato il Presidente Piccola Industria di Confindustria Macerata Domenico Ceci – un’occasione importante per avvicinare sempre di più i giovani all’impresa e dare loro la possibilità di iniziare un percorso professionale facendosi conoscere tramite i propri curriculum ed i colloqui di orientamento. Ringrazio a titolo personale e della Piccola Industria l’Unicam per la collaborazione che da anni caratterizza questo ed altri eventi che organizziamo sul territorio”.

I lavori si apriranno alle ore 10 con i saluti del Rettore UNICAM Claudio Pettinari, del Presidente Comitato Piccola Industria di Confindustria Macerata Domenico Ceci, del Sindaco di Castelraimondo Renzo Marinelli, del Sindaco di Camerino Gianluca Pasqui. La giornata sarà introdotta dalla Delegata del Rettore ai Rapporti con le imprese Elisabetta Torregiani e dal Delegato del Rettore allo Stage e Placement Francesco Nobili. Come lo scorso anno, una parte del programma è dedicata all’imprenditorialità femminile, nel rispetto dell’equilibrio di genere che l’Ateneo persegue in ogni sua azione, come evidenziato anche nel Piano Strategico 2018-2023; in particolare, è previsto un seminario coordinato e moderato dalla giornalista del TGR Marche Francesca Alfonsi, al quale parteciperanno Valeria Mancinelli, Sindaco di Ancona, e Francesca Petrini dell’Oleificio Petrini.

Pagina 1 di 13

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

  appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo