Notizie religiose nelle Marche

E’ legato a Camerino don Giampiero Palmieri, nominato da papa Francesco vescovo ausiliare di Roma (si occuperà del settore Est succedendo a monsignor Giuseppe Marciante, ora vescovo di Cefalù) proprio nel giorno in cui la città ducale festeggia il patrono san Venanzio. Don Giampiero, 52 anni compiuti lo scorso 22 marzo, è infatti il cugino di Carlo Croia, noto a Camerino per il suo impegno fattivo nelle associazioni cittadine. Il padre del nuovo vescovo, purtroppo scomparso, è il fratello della mamma di Carlo, Marisa Palmieri, che dal giorno del terremoto vive anch’ella la condizione di “sfollata” a Jesi. Grande l’emozione provata dai familiari, in particolare da Carlo, alla notizia della nomina di suo cugino, con il quale è legato da ottimi rapporti, a vescovo ausiliare nella città eterna.

 

palmieri nomina 18mag2018 750x430

 

Tarantino di origine, don Giampiero Palmieri è parroco di San Gregorio Magno alla Magliana dal settembre 2016. Il nuovo presule ha frequentato il Pontificio Seminario Romano Minore e si è formato poi nell’Almo Collegio Capranica. Ordinato sacerdote il 19 settembre 1992 a Roma, ha conseguito la Licenza in teologia Dogmatica alla Pontificia Università Gregoriana. Subito dopo l’ordinazione ha ricoperto gli incarichi di vicerettore del Pontificio Seminario Romano Minore (fino al 1997) e assistente diocesano dell’Azione cattolica ragazzi (fino al 1999). È stato vicario parrocchiale prima ai Santi Simone e Giuda Taddeo a Torre Angela dal 1997 al 1999, e poi a San Frumenzio ai Prati Fiscali fino al 2004, anno in cui è stato nominato parroco. È stato prefetto della IX prefettura dal 2007 al 2011. Nel 2016, come detto, l’arrivo alla Magliana e da oggi vescovo ausiliare di Roma.

Pubblicato in Diocesi

E’ carica di significati profondi e, nello scenario che il terremoto ha lasciato, forse ancora più sentita di sempre la festa dedicata al patrono di Camerino San Venanzio Martire. E’ un sostegno ancora più forte quello che ogni camerinese chiede al giovane protettore che tiene in mano la città

“ Certamente , come già avvenuto per l’anno passato- dichiara il parroco don Marco Gentilucci- l'affidamento al santo è sentito ancora in modo più grande, soprattutto perché l'immagine di questo giovinetto che regge le sorti della città, diventa occasione di affidamento per tutti noi e di richiesta. Un sentimento più forte e, in particolare, in questi giorni di festa  nei quali ci viene chiesto di poter avere delle occasioni di preghiera, di incontro, di conoscenza dellla figura di San Venanzio. Tante persone hanno chiesto anche la possibilità di poter avere un piccolo momento di preghiera davanti alla statua del Santo, per una ricorrenza e una devozione forte che  non riguarda la sola nostra città, ma tutto il circondario”.

don Marco San Venanzio

Il parroco ha avuto modo di parlare del coraggio della fede del giovane Venanzio ai bambini: “L’occasione di un'attività organizzata dal terziere di sossanta- ricorda il parroco- ha aperto la possibilità di raccontare la storia di San Venanzio a questi piccoli che conoscevano alcune cose ma non tutto di lui; ho voluto  soprattutto mostrare come questo giovane abbia avuto anche il coraggio di rimanere fedele a questa grande amicizia che ha sperimentato con il Signore;  in fondo, è quello che cerchiamo tutti nella vita:  aggrapparsi a qualcosa di buono che ci spinga ad andare avanti, a cercare un bene che è più grande di noi. Tra l'altro- ha aggiunto don Marco-  vivere questo momento sulla scalinata appena riconsegnata a tutta la città e proprio davanti al portale della chiesa, è stato ancora più simbolico, perché quel luogo ci ricorda anche la morte,  il martirio di S. Venanzio e, parlare di lui dove la memoria è ancora più forte,  ha permesso anche ai bambini di avere un’immagine ancora più viva di una chiesa che va ricostruita, come del resto lo è sempre stato nella storia della nostra città . Uno fra i più piccoli, con l’innocenza che contraddistingue i bambini , mi ha detto : “ ma allora questa chiesa bisogna ricostruirla ancora più grande” . Gli ho risposto "cerchiamo di riaverla come era ma soprattutto di viverla con il cuore proiettato verso il Signore, come era quello di San Venanzio.

La pioggia della vigilia aveva fatto temere per  l'esposizione della statua argentea del patrono che invece,  dato il migliorameto delle condizioni  don Marco per san Venanzio

è stato possibile predisporre.  Accanto al tendone  che ha accolto tutte le cerimonie  religiose del giorno di festa, l'imponente statua è già stata mèta di visita e di raccolgimento.  La statua - ha detto don Marco-  sarà visibile; per tutto il giorno. Per  tutti sarà possibile avere un momento di preghiera davanti a questa carissima statua del santo protettore della città ”. 

IMG 20180518 125456955

Sotto, le foto della vigilia di festa. "Offerta dei ceri" e accensione del falò di nuovo in piazza. Omaggio al patrono e desiderio di rinascita 

san Venanzio

falo e atleti

falo

 IMG 20180518 103025

La Statua del santo esposta a Le Mosse

Pubblicato in Diocesi

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo