Il 'Don Giovanni' inaugura lo Sferisterio Opera

Mercoledì, 22 Luglio 2009 02:00 | Letto 815 volte   Clicca per ascolare il testo Il 'Don Giovanni' inaugura lo Sferisterio Opera Finalmente... Festival!!!! Inaugura domani a Macerata la quarta edizione dello Sferisterio Opera Festival, 45esima stagione lirica di tradizione, con l'attesa 'prima' del nuovo allestimento del Don Giovanni, dramma giocoso in due atti su libretto di Lorenzo Da Ponte, con cui Wolfgang Amadeus Mozart, poco più che trentenne, segna la storia del mito e della musica. Dal 29 ottobre del 1787 - anno della prima rappresentazione a Praga, nel teatro dove sedeva un Don Giovanni in carne e ossa, ovvero Casanova - il viaggio dell'irredento seduttore verso la sua perdizione non si è mai fermato. L'appuntamento con il nuovo allestimento curato nella regia, nei costumi e nelle scene da Pier Luigi Pizzi, e nella direzione da Riccardo Frizza sul podio della Fondazione Orchestra Regionale delle Marche, sarà al Teatro Lauro Rossi alle ore 21, un teatro gremito di pubblico e di illustri ospiti. Tutte esaurita la prima, ed esaurite anche le repliche del 28 e del 30: una risposta eccezionale per la prima delle quattro opere in cartellone, che nel nuovo allestimento maceratese vanta la presenza di alcuni tra i migliori cantanti che oggi interpretano gli appassionanti personaggi dell'opera. A partire dalla figura del libertino e seduttore protagonista, affidata allo stile e alla vocalità mozartiana di Ildebrando D'Arcangelo, che del capolavoro mozartiano ha interpretato nel corso degli anni i ruoli di Leporello, Masetto ed ora Don Giovanni, nei più grandi teatri del mondo da Salisburgo al Metropolitan di New York. Carmela Remigio, anche lei abruzzese dalla carriera internazionale, debutterà al Lauro Rossi il ruolo di Donna Elvira, la più battagliera e passionale delle amanti di Don Giovanni. Donna Anna è il soprano greco Myrtò Papatanasiu. Il basso marchigiano di Grottammare Andrea Concetti è Leporello, William Corrò è Masetto, Manuela Bisceglie è Zerlina, il tenore americano Marlin Miller è Don Ottavio, Enrico Iori è il Commendatore. Il Coro Lirico V. Bellini è diretto da David Crescenzi. I movimenti coreografici sono di Roberto Pizzuto, le luci sono di Sergio Rossi. Nel Coro dei contadini cantano Giuseppina Brindelli, Francesca Pacileo, Paulo Lopes Paolillo, Andrea Zaupa. Don Giovanni... e non solo. Perché nel nome dell'Inganno – il tema cardine dello Sferisterio Opera Festival 2009 – saranno a Macerata due illustri presenze. La prima è quella del musicologo e giornalista Lorenzo Arruga, firma di prestigio di testate quali “Panorama” e “Il Giornale”, che presenterà il capolavoro mozartiano nell'ambito dell'Aperitivo Culturale previsto agli Antichi Forni (Piaggia della Torre) di Macerata alle ore 12. Un incontro da non perdere, promosso dall'Associazione Arena Sferisterio in collaborazione con Associazione Sferisterio Cultura. Alle ore 18 appuntamento all'Auditorium San Paolo con il critico d'arte e antropologo (come ama definirsi) Philippe Daverio, che torna a Macerata per parlare di 'Inganno' nel corso della Conferenza Inaugurale ad ingresso gratuito. L'inganno – spiega il Professor Daverio - non è mai riuscito a diventare vizio capitale come la sua sorella maggiore, l'invidia. Perché l'invidia non e' vizio ma peccato, cioè non pulsione al crimine bensì vero crimine commesso. Vero? Forse no! In quanto esiste una declinazione leggera dell'inganno che ne fa lo strumento necessario alla convivenza fra gli uomini e alla ricchezza delle nazioni".  

Finalmente... Festival!!!! Inaugura domani a Macerata la quarta edizione dello Sferisterio Opera Festival, 45esima stagione lirica di tradizione, con l'attesa 'prima' del nuovo allestimento del Don Giovanni, dramma giocoso in due atti su libretto di Lorenzo Da Ponte, con cui Wolfgang Amadeus Mozart, poco più che trentenne, segna la storia del mito e della musica. Dal 29 ottobre del 1787 - anno della prima rappresentazione a Praga, nel teatro dove sedeva un Don Giovanni in carne e ossa, ovvero Casanova - il viaggio dell'irredento seduttore verso la sua perdizione non si è mai fermato. L'appuntamento con il nuovo allestimento curato nella regia, nei costumi e nelle scene da Pier Luigi Pizzi, e nella direzione da Riccardo Frizza sul podio della Fondazione Orchestra Regionale delle Marche, sarà al Teatro Lauro Rossi alle ore 21, un teatro gremito di pubblico e di illustri ospiti. Tutte esaurita la prima, ed esaurite anche le repliche del 28 e del 30: una risposta eccezionale per la prima delle quattro opere in cartellone, che nel nuovo allestimento maceratese vanta la presenza di alcuni tra i migliori cantanti che oggi interpretano gli appassionanti personaggi dell'opera. A partire dalla figura del libertino e seduttore protagonista, affidata allo stile e alla vocalità mozartiana di Ildebrando D'Arcangelo, che del capolavoro mozartiano ha interpretato nel corso degli anni i ruoli di Leporello, Masetto ed ora Don Giovanni, nei più grandi teatri del mondo da Salisburgo al Metropolitan di New York. Carmela Remigio, anche lei abruzzese dalla carriera internazionale, debutterà al Lauro Rossi il ruolo di Donna Elvira, la più battagliera e passionale delle amanti di Don Giovanni. Donna Anna è il soprano greco Myrtò Papatanasiu. Il basso marchigiano di Grottammare Andrea Concetti è Leporello, William Corrò è Masetto, Manuela Bisceglie è Zerlina, il tenore americano Marlin Miller è Don Ottavio, Enrico Iori è il Commendatore. Il Coro Lirico V. Bellini è diretto da David Crescenzi. I movimenti coreografici sono di Roberto Pizzuto, le luci sono di Sergio Rossi. Nel Coro dei contadini cantano Giuseppina Brindelli, Francesca Pacileo, Paulo Lopes Paolillo, Andrea Zaupa.

Don Giovanni... e non solo. Perché nel nome dell'Inganno – il tema cardine dello Sferisterio Opera Festival 2009 – saranno a Macerata due illustri presenze. La prima è quella del musicologo e giornalista Lorenzo Arruga, firma di prestigio di testate quali “Panorama” e “Il Giornale”, che presenterà il capolavoro mozartiano nell'ambito dell'Aperitivo Culturale previsto agli Antichi Forni (Piaggia della Torre) di Macerata alle ore 12. Un incontro da non perdere, promosso dall'Associazione Arena Sferisterio in collaborazione con Associazione Sferisterio Cultura.

Alle ore 18 appuntamento all'Auditorium San Paolo con il critico d'arte e antropologo (come ama definirsi) Philippe Daverio, che torna a Macerata per parlare di 'Inganno' nel corso della Conferenza Inaugurale ad ingresso gratuito. L'inganno – spiega il Professor Daverio - non è mai riuscito a diventare vizio capitale come la sua sorella maggiore, l'invidia. Perché l'invidia non e' vizio ma peccato, cioè non pulsione al crimine bensì vero crimine commesso. Vero? Forse no! In quanto esiste una declinazione leggera dell'inganno che ne fa lo strumento necessario alla convivenza fra gli uomini e alla ricchezza delle nazioni".


 

Letto 815 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo