POLITEAMA banner beethoven 1022x200
L'individuazione del sito della discarica provinciale tra le questioni oggetto d'interrogazione da parte della minoranza in Consiglio comunale a San Severino Marche
"Il chiarimento che chiediamo - spiega il consigliere Tarcisio Antognozzi- è sul motivo che ha indotto il sindaco di San Severino a firmare un documento che di fatto blocca un procedimento pienamente in atto già da tre anni e, completamente condiviso con gli altri colleghi primi cittadini con i quali si era arrivati ad una delibera del giugno scorso. Di fatto quella delibera andava a concludere un iter che, in tempi relativamente brevi, avrebbe condotto all'individuazione di un nuovo sito di discarica, visto che quello di Cingoli è ormai saturo.
Bloccare questo procedimento- continua Tarcisio Antognozzi- implica invece una dilatazione dei tempi e un aumento di costi per i cittadini, in quanto saremo costretti ad abbancare i nostri rifiuti fuori della nostra provincia. Vorremmo chiarezza- ribadisce il consigliere-, anche perché il sindaco ha firmato questo documento senza informare preventivamente la cittadinjanza sui motivi. Chiediamo dunque uno sforzo di trasparenza che riteniamo doveroso nei confronti di tutti i cittadini e dell'intera comunità".
C.C.
"Una brutta pagina nella storia politico-istituzionale di San Severino Marche". Così l'ex assessore al bilancio Tarcisio Antognozzi replica al sindaco Rosa Piermattei che, in sede di consiglio comunale, aveva fornito chiarimenti sulla vicenda dell'Assem rispondendo all'interrogazione presentata dai consiglieri Panicari e Lampa.

Una diversa visione sul futuro dell'azienda municipalizzata e della città era stata la motivazione alla base dell'uscita di Antognozzi dalla giunta comunale, con l'ex assessore che aveva proposto la stipula di un contratto di rete per la distribuzione dell'energia elettrica con un'azienda di Chieti, mentre secondo il primo cittadino non sussiste l'urgenza di decidere sull'Assem e la questione non deve essere cavallo di battaglia in vista delle prossime amministrative.

"Si maschera con la prudenza, pur necessaria, la mancanza di coraggio, non essendosi compresa a pieno la valenza del progetto, nell'assumere decisioni importanti per l'azienda e la città - il commento di Antognozzi - Così come risibile è la giustificazione della prossima scadenza elettorale. La verità è che Assem aveva avanzato la richiesta di stipulare un contratto di rete nell'estate scorsa, quando c'era ampio margine per fare il passaggio in consiglio comunale e dare il nulla osta. Evidentemente il timore di perdere consenso elettorale è venuto prima dell'interesse per il bene della città".

f.u.
"Ringrazio chi ha svolto il lavoro fino ad ora, ma non ne farei una questione politica in vista delle prossime elezioni amministrative".

Il sindaco di San Severino, Rosa Piermattei, fuga ogni dubbio sulla questione dell'azienda municipalizzata che ha tenuto banco anche nella seduta del consiglio comunale di ieri.

Il primo cittadino ha, infatti, spiegato la situazione a seguito di una mozione presentata dai consiglieri Panicari e Lampa sul tema che nell'ultimo periodo ha scatenato un vero e proprio terremoto in consiglio con le dimissioni dell'assessore al Bilancio Tarcisio Antognozzi e quelle del Cda dell'Assem.

Alla base del disaccordo, secondo Antognozzi, "una diversa visione del futuro dell'azienda", mentre secondo il sindaco "la volontà di alcuni di agire in maniera frettolosa".

"Alle richieste che venivano fatte dalla minoranza - dice il sindaco - , visto anche quanto era stato percepito dalla popolazione, abbiamo risposto nel dettaglio con le motivazioni che ci vedevano contrari a questa eventuale fusione (L'ex assessore aveva proposto di fare un contratto di rete per la distribuzione dell'energia elettrica con una azienda di Chieti).
Prima di tutto - spiega il sindaco - non c'è l'urgenza di decidere subito e per questo abbiamo esposto le parti buroratiche e le mancanze che potevano esserci in un contratto di rete stipulato.
Inoltre fra qualche mese ci saranno le elezioni e far partire un nuovo meccanismo di un ramo d'azienda senza poi poterlo seguire sarebbe sbagliato.

Non c'è nemmeno preoccupazione per le 36 famiglie che lavorano all'Assem - aggiunge Rosa Piermattei - di cui è stato detto che potessero perdere il posto di lavoro. Non è assolutamente vero: credo, anzi, che per lungimiranza si dovrà comunque fare un consorzio che ci permetterebbe di avere la nostra identità e rassicurare la popolazione.
L'Assem è sempre stata un gioiello per la città ed il territorio.

Volevamo solo spiegare che, quanto accaduto, poteva restare in amministrazione: chiedevamo di prendere una decisione dopo essere tutti sicuri che venisse garantito all'Assem un futuro. Facendo le cose d fretta avremmo potuto sbagliare e questo ha portato alla confusione che si è trasformata in una occasione politica e in un cavallo di battaglia in vista delle prossime elezioni. Spero che la popolazione abbia capito - conclude - . Fra qualche giorno andremo a parlare con tutti i dipendenti dell'Assem e siamo sicuri che per l'azienda siano state scelte le persone giuste e siano state fatte le scelte migliori".

GS
A 4 anni dall'elezione e a pochi mesi ormai dal rinnovo dell'amministrazione comunale perde pezzi la Giunta di San Severino Marche. Tarcisio Antognozzi, infatti, si dimette dalla carica di assessore rimettendo nelle mani del sindaco Rosa Piermattei tutte le deleghe ricevute relative a Bilancio, Programmazione economica e finanziaria, Società partecipate e rapporti con ASSEM spa e ASSEM Patrimonio srl, Trasporto pubblico locale, Attuazione del programma, Patrimonio.

Alla base della decisione, come scritto dallo stesso Antognozzi, una diversa visione rispetto ai consiglieri della maggioranza delle strategie per il futuro della città e della società partecipata Assem.

"Credo che occorra assumere decisioni importanti e tempestive, ancorchè impopolari, per la nostra comunità - scrive l'ormai ex assessore - Ringrazio di cuore il sindaco e i colleghi assessori, che ho avuto modo di apprezzare per passione, onestà e competenza, per l’opportunità offertami e per le formative esperienze che ho avuto la possibilità di vivere in questi anni così intensi e difficili. Continuerò a dare il mio contributo fattivo nel ruolo di consigliere comunale, rispettando l’impegno assunto con i cittadini elettori quattro anni fa. Auguro al sindaco e alla Giunta i più sinceri auguri di buon lavoro".

f.u.

Il 31 ottobre il voto per il rinnovo del consiglio provinciale. Candidato per rappresentare San Severino, l’assessore al bilancio Tarcisio Antognozzi. La sua lista è denominata “Per la nostra terra delle armonie”.

 

Assessore Antognozzi, lei è candidato per il secondo mandato al consiglio provinciale. Come mai questa decisione?

È stata una decisione concordata con tutta la maggioranza. Mi sembra opportuno dare continuità all’esperienza in Provincia maturata in questi due anni. È anomala perché la Provincia ha cambiato volto, è diventato un organismo diverso da quello che avevamo imparato a conoscere fino al 2016. È un consesso di amministratori che supportano il Presidente che è una persona competente, entusiasta e totalmente votata al servizio della comunità. Mette a disposizione la sua grande esperienza. In questi due anni ho potuto ammirare gli altri amministratori che si sono messi a disposizione senza divisioni politiche o partitiche ma con grande umiltà, serenità e spirito di servizio.

 

Ci sono tre liste. Che tipo di lista è quella di cui lei fa parte?

Appartengo a una lista che nasce da una esperienza moderata, di centro, e di appoggio al Presidente. Siamo persone che vengono da amministrazioni civiche o comunque liste orientate a una visione moderata, riformista dell’amministrazione. 

g.g.

La Regione, in collaborazione con il Comune di San Severino e con la partecipazione della Consulta regionale per la Famiglia, organizza la quarta Giornata regionale della Famiglia. L’iniziativa si terrà sabato prossimo, 13 ottobre, a partire dalle 10, al teatro Feronia e sarà introdotta dal convegno sul tema: “La famiglia prima risorsa: politiche regionali di welfare”. 

Dopo i saluti istituzionali da parte del presidente della Regione, Luca Ceriscioli, dell’assessore regionale alla Famiglia, alla Formazione, all’Istruzione e al Lavoro, Loretta Bravi, e del sindaco di San Severino, Rosa Piermattei, prenderanno la parola il dirigente del Servizio Politiche Sociali e Sport della Regione Marche, Giovanni Santarelli, e i rappresentanti delle amministrazioni e delle istituzioni provinciali e locali, delle associazioni di famiglie e delle categorie produttive. Coordinerà i lavori Tarcisio Antognozzi, assessore al Comune di San Severino.

Nel pomeriggio, a partire dalle 15, presso il chiostro del complesso monumentale di San Domenico apertura dell’agorà espositiva e dei laboratori di animazione e confronto a cura delle associazioni di famiglie regionali e locali Scuola in Movimento, la Storia Toccata con Mano, la Quercia Millenaria, il laboratorio inclusivo Anffas Sibillini, il ludobus di un Goal per Ripartire. Inoltre inaugurazione dell’area gastronomica a cura dell’Ipseoa “Varnelli” di Cingoli con laboratori per bambini (pasta di zucchero e sculture di frutta).

Alle 16:30, al teatro Feronia: “L’arte della famiglia: presenza storica e sociale” con l’intervento dell’esperta di storia dell’arte Maria Gloria Riva. Al termine alcune famiglie del territorio racconteranno le loro esperienza di accoglienza.

Alle 19:30, sempre nel chiostro di San Domenico, aperitivo solidale a base di prodotti tipici proposti dai giovani imprenditori agricoli locali. Il ricavato, ad offerta, sarà devoluto in favore del Centro sociale educativo e ricreativo “Il Girasole”.

g.g.

 

“Ricorda che indossare un fazzolettone non significa essere persone responsabili solo nel momento in cui si porta, significa essere una persona di grandi ideali di fraternità, amicizia e solidarietà. Una persona pronta a sacrificare talvolta la propria vita provata per una giusta e nobile causa. Essere  scout significa avere coerenza, essere capaci di sognare, di avere visione fantasiosa ma ricca di valori della realtà e capace col proprio impegno di realizzare i propri desideri”. Questo era solo uno dei tanti pensieri che Marta Bellomarì ha lasciato in uno dei suoi diari. Perché oltre ad essere stata una grande mamma (non solo per i propri figli, Andrea e Michele Stortini, ma anche per tanti giovani di San Severino) e nonna, prima ragioniera, poi insegnante e poi medico, nonché fondatrice del gruppo scout San Severino 1 insieme a suo marito Delio e a don Aldo Romagnoli, Marta scriveva. Scriveva tanto, pensieri, poesie, lettere (persino prima di ogni operazione, lasciava una lettera). Bellomarì se n’è andata pochi mesi fa, ma ha lasciato una grande eredità e un immenso vuoto incolmabile. 

(Marta Bellomarì nella ricorrenza del 40°anniversario del gruppo scout San Severino 1)

40esimo ok

 

Ieri sera il teatro Italia ha ospitato una serata in sua memoria, “L’azione del volontariato per una società giusta”, con il professore di Unimc Roberto Mancini, organizzata dal Comune in collaborazione con il gruppo scout, Coop Alleanza, Caritas e l’Avis. Presenti il sindaco Rosa Piermattei, gli assessori Tarcisio Antognozzi e Paolo Paoloni e il presidente del consiglio comunale Sandro Granata, ma anche alcuni consiglieri di minoranza, nonché la Croce Rossa e la Protezione Civile locale. 

Un incontro in cui Mancini ha parlato di come il volontariato possa essere azione politica e possa incoraggiare la democrazia per il bene comune. 

“Marta ha cresciuto generazioni di giovani - queste le parole di uno dei figli, Andrea - che per lei sono stati linfa e forza vitale. Mi dicono che devo essere orgoglioso, perché mia madre ha lasciato un segno indelebile, un solco che difficilmente si potrà colmare. Speriamo di poter continuare a mantenere viva la sua memoria”. A tal proposito, c’è l’idea, ben accolta anche dal primo cittadino, di istituire un premio annuale in memoria di Marta Bellomarì.

Poi la parola è passata a don Aldo Romagnoli: “Questo convegno è un omaggio pieno di gratitudine ma vuole anche essere stimolo per un volontariato consapevole. Mi vengono in mente due ricordi su tutti. Il primo - ha raccontato - mi riporta indietro di oltre 40 anni fa. Da pochi mesi ero qui e lei mi propose di portare lo scoutismo a San Severino perché il figlio aveva avuto una positiva esperienza, e voleva regalare ad altri la stessa possibilità. Né lei né io avevamo esperienza. Che fare? Ci siamo detti che avremmo imparato lungo il cammino, ci saremmo fatti aiutare, e così abbiamo fatto. Non bisogna aspettare di essere pronti per fare qualcosa - ha aggiunto - che ci sembra bello e giusto”. Il secondo ricordo di don Aldo è più recente: “Ricordo molto bene la sua gioia, poco tempo prima di andarsene, nel constatare come la comunità capi del gruppo scout portasse avanti bene le attività. Diceva gioiosamente che quei ragazzi sapevano fare meglio di noi”. Perché scopo del volontario, ha sottolineato il sacerdote, è suscitare forze nelle persone sicché nn ci sia più bisogno di lui. “Lei - ha concluso - viveva pensando a come poter essere d’aiuto, ponendo l’attenzione alla persona, alla sua totalità. Ecco lo stimolo, il volontario non fa il volontario, ma lo è dentro”.

(Il sindaco Rosa Piermattei, don Aldo Romagnoli e Roberto Mancini)

convegno Marta 3

 

Commosso anche il ricordo del sindaco Rosa Piermattei, che ha raccontato di non poter dimenticare il sorriso onnipresente di Marta: “Lei è stata una persona splendida, che ci ha insegnato tanto, anche a regalare un sorriso nei momenti di dolore. L’avevo conosciuta quando insegnava a mia nipote - ha raccontato - poi l’ho rivista durante il terremoto. Una volta la incontrai e mi sventolò un sacchetto di pesce da cucinare per pranzo. Io in quel momento mi feci una grossa risata, e lei mi disse ‘proprio questo volevo, farti sorridere, perché è da tempo che non ti vedo farlo’. Vi ha insegnato a dare, vi ha insegnato la felicità. Nn facciamo spegnere questa bellissima candela. Creeremo qualcosa per ricordarla ogni anno? Proponetelo voi che la conoscete meglio di tutti, e noi lo approveremo”. 

(Il sindaco Rosa Piermattei e il marito di Bellomarì, Delio Stortini)

Convegno Marta 2

 

Poi il brillante evento di Mancini su come il volontariato possa essere motore del bene comune, di democrazia e lavoro: “La logica del volontariato è la giustizia. Dobbiamo pensare che ciascuno di noi è partecipe di un tessuto in cui ti siamo legati. Istintivamente costruiamo la vita pensando di dover prendere, trattenere per noi le cose. La nostra civiltà è orientata dall’idea di dover accumulare. In realtà nella vita la concretezza è tutt’altro”. Si diventa adulti, ha sottolineato il professore, non quando si impara a prendere ma a ricevere. Quando si impara a perdere, anche, momento in cui ci si apre il mondo della relazione con gli altri. “La spia di quando il volontariato non è autentico - ha detto - è quando diventa un sacrificio, uno sforzo, e il fatto che si giudica chi si sta aiutando. Il volontariato è esperienza di accoglienza e dignità, è azione di giustizia. Questa economia di oggi ci distrugge, dobbiamo inventare forme nuove, e poi stiamo trasferendo la nostra soggettività ai mezzi tecnologici. La realtà ci viene rappresentata dall’informazione, la burocrazia è un sistema che passa sopra alle nostre teste”. Il risultato di ciò che la modernità sta creando sono comunità sempre più chiuse, sempre meno aperte al mondo. In Italia, in alcune zone più disagiate e difficili, “hanno capito che il volontariato è azione della comunità, non solo scelta personale. È il risveglio di una comunità che decide di prendersi cura del bene comune. Allora diventa un’azione politica, quella vera di politica, non quella che si contende un voto in più. La politica bella è quando si riesce a dare una risposta di bene in un posto di male. Volontariato è azione democratica delle comunità a cui si è risvegliata la coscienza, che attiva percorsi formativi, genera comunità democratiche, sente che il bene comune la riguarda, genera lavoro e smette di subire l’economia”.
g.g.

(La platea gremita)

Convegno Marta 4

 

Convegno Marta 5

 

(Il marito Delio Stortini)

convegno Marta

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo