Riprende dal prossimo giovedì 2 luglio il servizio del Centro del Riuso di Castelraimondo. Attivo dal marzo dello scorso anno in località Ele, consente ai cittadini di conferire materiali usati ma ancora funzionanti, per essere rimessi in riciclo anziché inviarli in discarica.
Il Centro del Riuso sarà aperto dal giovedì dalle ore 15.00 alle ore 18.00 e, non più il sabato bensì nella mattinata del martedì dalle 11,30 alle ore 14.,00. Dal giorno di riapertura e fino al 16 luglio sarà possibile solo conferire materiali , mentre per il servizio di prelievo, occorrerà attendere la data di martedì 21 luglio

“Riapriamo con questa limitazione del solo conferimento per una quindicina di giorni – spiega l’assessore all’ambiente Elisabetta Torregiani- dopodiché tornerà attiva anche la possibilità di prelievo”. Al Centro del Riuso di Castelraimondo potranno continuare a rivolgersi i cittadini residenti in tutti i Comuni dell’Unione Montana Potenza Esino Musone ed i  residenti nel Comune di Camerino. L’accesso ovviamente sarà consentito nel rispetto del proprio turno individuale e seguendo i provvedimenti attualmente vigenti, approvati dal Governo per il contenimento dell’emergenza Covid-19, ovvero utilizzando mascherine e assicurandosi di mantenere la distanza sociale di sicurezza.
Nel tracciare il bilancio di oltre un anno dalla sua apertura, l’assessore Torregiani parla di un servizio molto apprezzato dalla comunità del comprensorio. “ Numerosi gli utenti che avevano beni di cui si volevano disfare ma che essendo ancora utilizzabili, sarebbe stato uno spreco gettare via. Tanti i conferimenti che si sono registrati al pari dei prelievi di materiale da parte di chi non poteva permettersi l’acquisto di un oggetto nuovo e, volentieri ha usufruito del materiale scartato da altri.  Un vantaggio per l’intera popolazione del territorio e che tornerà possibile dal 21 luglio con l’obiettivo di dare una seconda vita a ciò che può arrecare utilità ad altre persone, riducendo gli sprechi e incentivando una cultura del riciclo basata su principi di tutela ambientale e di solidarietà sociale. Nel periodo del lockdown tanti i cittadini che hanno ripulito appartamenti, cantine o soffitte. Ci siamo presi del tempo per riorganizzare tutto il settore con la catalogazione completa dei materiali presenti - conclude l'assessore-  così da ripartire bene con tutta l’attività di conferimento”.
C.C.
Riprendono a  Castelraimondo le attività didattiche e ludico-ricreative del centro estivo comunale, rivolte ai bambini da 0 a 14 anni
Nel rispetto delle linee guida regionali e nazionali in materia e delle prescrizioni normative dettate per il contenimento del contagio da Covid 19, dal prossimo lunedì 29 giugno e fino al 31 luglio riapartono laboratori e giochi rivolti ai bambini dai 3 ai 14 anni, gestiti dalla copperativa Il Faro  negli spazi esterni e all’interno della scuola primaria De Amicis, sia le attivtà  dedicate alla fascia d’età che va da 0 a 3 anni previste negli spazi dell’asilo nido comunale.
“Moltissime le adesioni che abbiamo ricevute anche quest’anno- spiega la vicesindaco e assessore ai Servizi sociali Esperia Gregori-. Ognuno di noi ha voglia e necessità di ritornare alla “normalità”,,riprendere in mano la propria vita e ripartire in qualche modo. Il segnale in questo senso viene dalle numerose richieste che sono pervenute. Come amministrazione comunale abbiamo dunque deciso di riattivare questo servizio, utile per i genitori e indispensabile per i bambini che, soprattutto dopo un lungo periodo di distanza dai loro coetanei, hanno bisogno di rivedersi e ritrovare serenità. Per i bambini da 3 a 14 anni attività di gioco e laboratori si svolgeranno prevalentemente all’esterno della scuola primaria De Amicis, opportunamente allestita anche in alcuni spazi all’interno, per un utilizzo in caso di maltempo. Nei locali del nostro asilo nido comunale la riapertura estiva consentirà piccole attività e gioco anche alla fascia d’età da 0 a 3 anni gestite dalla cooperativa Ascop ; anche per i più piccini infatti c’è stata la richiesta da parte dei genitori di usufruire di un servizio che ha riscosso sempre successo  e che con l’amministrazione comunale si è deciso di proseguire. Certo non è stato facile perché quest’ anno sono state molte le normative e linee guida e i protocolli da rispettare ma più forte di tutto è stato dare un segnale di positività. Si è approntata dunque una riorganizzazione rispettosa  delle misure emanate sia su base regionale che ministeriale. I bambini - prosegue  Esperia gregori- sono divisi per piccoli gruppi in base all'età: da 3 a 5 anni c’è un educatore ogni cinque bambini; da 6 anni a 10 anni, sempre suddivisi per piccoli gruppi c’è un educatore ogni 7 bambini; per la fascia d’età 11-14 anni abbiamo invece  un educatore ogni ogni 10 bambini. Inoltre- continua la vicesindaco- l’ambito sociale dell’Unione Montana non potendo oganizzarsi per quest'estate la colonia estiva per  tutti quanti i comuni facenti parte del comprensorio, ha deciso di intervenire  con il servizio rivolto ai ragazzi diversamente abili  che come per gli anni passati  avranno la possibilità di integrarsi e di partecipare alle attività dei nostri centri estivi. Teniamo a precvisare che los tesso ente che gestirà il centro estivo ha dovuto presentarci un progetto che ha l'obbligo di rispettare normative e misure necessarie atte a contenere il contagio che dunque sono garantite.  I ragazzi saranno pertanto suddivisi per piccoli gruppi che non  potranno mescolarsi tra diu loro; l'educatore dovrà essere sempre lo stesso per lo stesso gruppo e quindi diciamo che seppure con delle restrizioni, il risultato è di ottenere  comunque lo svolgimento di attività e in sicurezza". 
C.C.
Tutto pronto a Castelraimondo per l’edizione speciale dell’Infiorata “Corpus domini” che si svolgerà in questo fine settimana. Sabato 13 e domenica 14 giugno, una due giorni dedicata ai fiori, alla tradizione e alla scoperta delle bellezze cittadine. L’Amministrazione comunale in stretta collaborazione con le associazioni, ha studiato la formula migliore per poter offrire ai visitatori un’esperienza rinnovata nelle modalità, ma che sarà in grado di mantenere il cuore di una delle più sentite tradizioni. Nel rispetto delle norme anticontagio e di distanziamento, l’Infiorata prenderà il via alle prime ore di questo sabato con la realizzazione dei quadri fioriti che saranno visitabili sino alla domenica sera.
" Già sabato mattina sarànno realizzati i quadri, ques'anno più piccoli nelle dimensioni e dislocati negli angoli più suggestivi di Castelraimondo- spiega l'assessore Elisabetta Torregiani-. Chi verrà a trovarci, già dal mattino potrà seguirne la realizzazione, oppure visionarli nel loro splendore nel pomeriggio o per tutta la domenica. Un'edizione corale che riunisce alle associazioni tutte le famiglie cittadine che realizzeranno dei quadri visibili nella pagina facebook dedicata all'Infiorata di Castelraimondo. Tutti uniti per ripartire alla grande in un week end che permetterà di ammirare le bellezze nascoste del nostro borgo". 
infiorata 2019 16
Inserita nel più ampio contesto del Grand Tour delle Marche organizzato da Tipicità, grazie alla mappa interattiva consultabile sui propri smartphone, l’infiorata 2020 si trasformerà in una vera e propria passeggiata da svolgersi in tutta sicurezza. La novità della mappa interattiva, permetterà infatti di costruirsi da soli il proprio esclusivo percorso di visita tra le venti realizzazioni di quadri floreali, disseminate nei luoghi più suggestivi del centro cittadino. Una sorta di “caccia al tesoro” che eviterà dunque assembramenti e stimolerà l’esplorazione del borgo alla ricerca dei quadri floreali. Scaricando il sito web www.infioratacastelraimondo.it, si potrà seguire il percorso illustrato, e cliccando sui quadri e i rispettivi numeri, si aprirà la traccia audio della descrizione dell’opera, con la voce di chi l’ha realizzata.
Domenica 14 giugno alle ore 18,30, l’ Arcivescovo Francesco Massara celebrerà la Santa Messa del Corpus Domini nella chiesa della Sacra Famiglia dove l’ingresso dei fedeli sarà contingentato per ragioni di sicurezza sanitaria. Al termine della funzione religiosa Monsignor Massara uscirà dalla chiesa e impartirà la benedizione alla comunità che, causa le restrizioni d'ingresso alla celebrazione, non abbia potuto parteciparvi. Per ovvi motivi non si potrà svolgere la tradizionale processione.
"Castelraimondo guarda avanti in maniera unita e compatta-  afferma il sindaco Renzo Marinelli-. Il mio grazie va ai cittadini tutti che, anche questa volta, si sono stretti nell'unione per rinnovare una manifestazione che consideriamo un simbolo forte. Vogliamo ripartire da qui, augurandoci di poter riuscire ad organizzare nuovi eventi, con lo spirito di accogliere un numero sempre maggiore di visitatori".  
C.C.
Due distinte iniziative, un univoco messaggio di speranza e di ripartenza. Prenderanno vita da Castelraimondo, nella ricorrenza della festività religiosa del Corpus Domini, da sempre legata agli spettacolari quadri fioriti sinonimo di maestria e abilità. "Un solo corpus" il titolo della straordinaria iniziativa che, domenica 14 giugno, vedrà i maestri infioratori locali unirsi ai numerosi soci della penisola iscritti a Infioritalia, nel dare vita dalle rispettive città e chiese ad un identico tappeto floreale legato dai simboli canonici della festività. Nella stessa giornata, Castelraimondo  vivrà la sua innovativa "Edizione speciale dell'Infiorata del Corpus Domini
Vicina anche nella distanza, con i collanti della passione e dell’amicizia, l’associazione dei Maestri Infioratori di Castelraimondo realizzerà il suo quadro nella Chiesa della Sacra Famiglia.
IMG 20200604 WA0003
Titolo simbolico è "Un solo corpus"; per rappresentare il particolare momento storico che l'Italia e il mondo intero stanno vivendo, a comporre le opere floreali saranno tanti tasselli riuniti in un solo puzzle per lanciare un unico messaggio di speranza, ripartenza, amore per le tradizioni.

 "Soci anche noi di Infioritalia, così come numerosi gruppi di altre città della penisola - spiega Erasmo Rovelli dei Maestri infioratori di Castelraimondo- condivideremo con gli altri questa presenza in forma virtuale che porterà alla realizzazione di uno stesso quadro. Sarà pronto per domenica 14 giugno nella chiesa della Sacra Famiglia di Castelraimondo e contemporaneamente, in tutte le altre città. Da questo tappeto floreale di 2 metri per 2 confezionato per la significativa ricorrenza, un modo per legare simbolicamente le chiese di tutta Italia. Il motto è che il distanziamento non ci ha allontanati - continua Rovelli-; nonostante l'impossibilità di una grande manifestazione, non ci fermiamo e ci leghiamo insieme attraverso questa sorta di flashmob”.

torregiani e fiori
A colorare vie e strade di Castelraimondo, sempre domenica 14 giugno, sarà invece un’ edizione del tutto "speciale" dell’Infiorata, organizzata da amministrazione comunale, Comitato “Corpus Domini” e associazione Pro Loco.
“Quest'anno non vedremo il tradizionale tappeto gigante di quadri che si rincorrono su Corso Italia- spiega l’assessore alla cultura e turismo Elisabetta Torregiani-. L'edizione è speciale perchè i quadri saranno più piccoli e nella fattispecie misureranno 2 metri per 2. Ciascuna delle associazioni cittadine li realizzerà vicino alla rispettiva sede e dunque in varie parti della nostra cittadina. Nel rispetto del divieto di assembramento, sarà dunque possibile fare una passeggiata e scoprire gli angoli più nascosti e sconosciuti di Castelraimondo, magari fermandosi a prendere un gelato, un trancio di pizza, o visitare i negozi che saranno aperti. Si è pensato di stampare anche una piccola mappa per facilitare questa passeggiata che svelerà gli incanti cittadini.  Altra particolarità è che già dalla settimana prossima, le stesse famiglie di Castelraimondo potranno condividere questo evento singolare, unendosi nella realizzazione di propri quadri più piccoli a tema libero e utilizzando i materiali che preferiscono. La novità è proprio questa manifestazione unitaria tra associazioni e famiglie. Le foto dei quadri floreali realizzati viaggeranno online grazie al circuito Gran Tour delle Marche che, anche quest’anno, ci aiuterà a veicolare la nostra cittadina e le sue bellezze- conclude Elisabetta Torregiani-. Sarà dunque un’edizione speciale dell’Infiorata del Corpus Domini e, dai bambini alle famiglie fino alle associazioni cittadine, capace di coinvolgere tutti in uno spirito unitario di grande squadra”.
C.C.

FB IMG 1590959990582

Riparte il Museo Nazionale del Costume Folcloristico di Castelraimondo. Prevista per questo sabato 30 maggio alle ore 18.00, la riapertura di questa sorta di “museo della contemporaneità” di ogni paese d’Italia, che da domani, torna visitabile negli spazi di via Della  Croce n. 6, di fianco al palazzo comunale.

“E' un segnale di grande positività per Castelraimondo e per tutto il territorio – dichiara l’assessore alla cultura e turismo Elisabetta Torregiani-. Finalmente riusciamo a riappropriarci di questo Museo unico a livello nazionale, che racchiude i vari costumi dei gruppi folckloristici, provenienti dall’intero territorio d’Italia. Un’esposizione dunque particolarissima che invito tutti a visitare, in quanto condensa la vitalità e la storia delle più varie formazioni folckloristiche, specchio delle caratteristiche di ogni territorio. Ulteriori innovazioni agli spazi - continua l’assessore-, verranno apportate nei prossimi mesi, in vista di un’implementazione del Museo anche dal punto di vista tecnologico. Nella veste ‘classica’ dunque ci apprestiamo a riaprire i battenti questo sabato, mentre per l’apertura della parte ‘innovativa’ ci sarà da attendere qualche giorno in più, Chiaro che, dato il periodo tuttora delicato sul fronte dell’emergenza sanitaria, l’ingresso nella struttura avverrà in maniera tale da non creare assembramenti: potrà entrare una persona alla volta e. accompagnata dai rappresentanti del gruppo Folckloristico di Castelraimondo, avrà la possibilità di visitare il Museo e ammirare i meravigliosi costumi che vi sono custoditi”.
C.C.      
Al via dalla prossima settimana a Castelraimondo  lo studio epidemiologico sull’andamento del contagio da Covid-19 attraverso la mappatura tra i cittadini. Nei giorni scorsi si è riunito il gruppo di lavoro dell’amministrazione comunale di Castelraimondo di cui fanno parte anche i capigruppo del consiglio.
All’incontro ha partecipato anche il professore di Unicam, Guido Favia, referente del progetto insieme all’esperto Andrea Crisanti. Lo studio partirà dai giorni successivi al 18 maggio, al fine di rispettare almeno le due settimane dall’allentamento delle misure restrittive disposto lo scorso 4 maggio e poter analizzare l’andamento del contagio con più puntualità.

"Partiamo con questo studio in un momento nel quale stiamo ricominciando a vivere e a circolare e quindi- afferma il sindaco Renzo Marinelli- c'è secondo noi anche la necessità di tenere sotto controllo e mappare la situazione per evitare il rischio di sorprese in negativo e di un riacutizzarsi dei contagi. In accordo dunque con tutti i gruppi consiliari e soprattutto con l'Università di Camerino che ci garantisce il suo supporto tecnico e scientifico. Insieme all'ateneo e con la collaborazione del dott. Andrea Crisanti stiamo portando avanti questa sperimentazione  che viene avviata dalla prossima settimana e che prevede l'esecuzione di tamponi su un campione di soggetti che sono stati scelti tra quelli più esposti e che nei mesi passati potrebbero essere stati più a contatto con persone poi risultate positive, come  medici, infermieri,operatori sanitari in genere, forze dell'ordine, protezione civile  e commercianti, in modo da verificare se c'è una ripresa o meno dell'epidemia. Noi ci auguriamo che il monitoraggio ci dia dei risultati che ci faccia ben sperare in un proseguo più sereno - aggiunge Marinelli- anche in vista della riapertura delle attvità. Abbiamo avuto ieri un confronto anche con i commercianti sulle problematiche che riguardano la categoria nel riavvio dei negozi; stiamo dunque monitorando la situazione anche sotto questo punto di vista e riteniamo che vada da sè che più riaprono le attività e più ci esponiamo ai possibili contagi, più secondo noi si avverte la necessità di tenere sotto controllo la situazione".
La mappatura avverrà sempre e comunque su base volontaria e sempre in collaborazione con i medici di base, che riceveranno poi gli esiti dei tamponi dei rispettivi pazienti.
Predisposto e finanziato con fondi propri dall’amministrazione comunale, lo studio ha potuto ampliarsi grazie alla donazione in memoria della studentessa di Unicam Noemi Avicolli. Si sono poi aggiunti i preziosi contributi di Contram, Assem, Unione Montana Potenza Esino Musone e Avis di Castelraimondo e alla quale tutti possono contribuire.
"Noi crediamo in questo progetto- conclude il sindaco-. Ci crediamo insieme all'Università di Camerino e lo stiamo condividendo con la Regione Marche; la speranza è che questi dati si rivelino utili non solo per il comune di Castelraimondo ma per tutto il territorio, per capire se quello che sta avvenendo è secondo i piani, oppure, vi sia necessità di intervenire".
Quanto alla situazione contagi il sindaco riferisce che è da diversi giorni che non si registrano nuove positività e che attualmente non vi sono cittadini in isolamento. Alltro dato confortante il fatto che molti dei casi in precedenza positivi al Covid-19, risultino ora negativi. 


Chi volesse contribuire ad incrementare i fondi da destinare allo studio epidemiologico, pò continuare a farlo destinando una somma con la causale “PROGETTO COVID-19” direttamente al servizio di Tesoreria del Comune di Castelraimondo.  La campagna è affidata alla UBI BANCA – Filiale di Castelraimondo, Via XX Settembre, 10: C/C N. 4535, Codice Iban: IT10A0311168841000000004535, Conto Corrente Postale n. 13548623 Intestato a Comune di Castelraimondo – Servizio Tesoreria Codice Iban: IT14N0760113400 000013548623.
c.c.



Torna agibile il palazzo in via Piancatelli di Castelraimondo: 40 persone sono tornate a casa dopo il terremoto. Non è il primo lavoro ultimato nel territorio comunale ma quello del palazzo di via Piancatelli (via Gran Sasso – via Salvo D’Acquisto) è sicuramente molto significativo. Con l’ultimazione dei lavori di sistemazione della struttura e la firma dell’ordinanza di revoca dell’inagibilità da parte del sindaco, Renzo Marinelli, infatti, sono tornati a casa dopo il terremoto 40 cittadini che avevano dovuto lasciare i propri appartamenti dopo le scosse dell’ottobre 2016. “Un rientro a casa molto numeroso quello del palazzo di Via Piancatelli – ha commentato il primo cittadino – che segue altre opere già ultimate che hanno permesso a tante persone di tornare a casa. Sono scesi infatti a 491 gli sfollati del nostro Comune, tra la consegna degli alloggi e l’ultimazione dei lavori di ricostruzione, rispetto alle iniziali 691 persone che avevano dovuto lasciare la propria abitazione. Un rientro, questo di via Piancatelli, che di nuovo ci fa sperare che questa ricostruzione possa avere un’accelerazione significativa a quasi tre anni dalle scosse e permettere progressivamente alla cittadinanza di potersi riappropriare delle proprie case”.
Fiori “tagliati” a Castelraimondo: via alla 27esima edizione dell'Infiorata Corpus Domini. Questione di poche ore  per l'inizio della suggestiva realizzazione del tappeto fiorito lungo Corso Italia a Castelraimondo. La manifestazione, divenuta ormai una tradizione e una tappa fissa per migliaia di visitatori, anche quest'anno adotta la formula della “due giorni”, anticipando alla notte del  venerdì 21 giugno  la realizzazione dei quadri di fiori. Intanto ieri sera, i numerosi volontari si sono ritrovati nel porticato di Piazza Dante per il tradizionale “taglio dei fiori” : un momento di condivisione e di preparazione all'inizio della manifestazione.
Infiorata taglio 18

Saranno quest'anno 23 i disegni che altrettanti gruppi e associazioni di cittadini realizzeranno, in uno spettacolo unico a cui tanti vogliono assistere.
Basterà infatti raggiungere Castelraimondo in serata per ammirare gli esperti infioratori nel complesso procedimento della composizione dei quadri. Contemporaneamente, alle 21 in piazza Dante si svolgerà il Festival internazionale del folkore.

Infiorata 5
Sabato sera, tornerà il Castelrock Festival, in piazza Dante, dalle 18 in poi, mentre alle 21 in piazza della Repubblica in programma il concerto della banda musicale Gazoldo degli Ippoliti. Domenica, Santa Messa  e Solenne Processione del Corpus Domini, con la partecipazione del Corpo bandistico “Ugo Bottacchiari”, in Piazza della Repubblica, alle 18.30. A seguire lo spettacolo finale con Angelo Carestia e i Revival, con la successiva estrazione della lotteria dell’Infiorata alle 23.30.
Nei giorni scorsi una delegazione di infioratori di Castelraimondo è andata “in trasferta”: sabato 15 giugno infatti gli esperti infioratori hanno realizzato i due tappeti ai lati del palco in Piazza Cavour dove il Santo Padre, in visita a Camerino, ha celebrato la Santa Messa, mentre domenica 16 giugno hanno partecipato al Brodetto Show di Porto Recanati, con un bel quadro rimasto a lungo allestito in Piazza Brancondi.
Nella ricorrenza della festività del Corpus Dominile strade principali di Castelraimondo  tornano a trasformarsi in un tripudio di fiori colorati. La suggestiva “Infiorata” giunta alla sua 27esima edizione, ricca di un nutrito programma e in tutta la sua straordinaria bellezza,  è pronta a sorprendere dal 21 al 23 giugno prossimi.
Cresciuta nel tempo, la manifestazione è diventata il vero fiore all'occhiello della cittadina. Lo ha ricordato durante la conferenza stampa di presentazione il sindaco Renzo Marinelli, evidenziandone quali note distintive il forte spirito di socialità e di unione. Coinvolti in un corale progetto, sono i volontari di tutte le associazioni cittadine che, dai bozzetti alla realizzazione finale, si preparano per mesi all’ evento.
Ad incrementare il successo  dell’Infiorata è anche il fatto di essere inserita dal 2015 nel circuito del Grand Tour delle Marche che, come ricordato dal responsabile organizzativo Alberto Monachesi, raccoglie e seleziona il meglio delle eccellenze regionali sia in campo culturale che enogastronomico, circuito nel quale un evento qualificante come l’Infiorata non poteva  che inserirsi a pieno titolo.
IMG 20190613 123156

Sin dal suo ingresso - ha detto Monachesi- Castelraimondo si èpotuta immettere in una serie di circuiti di collaborazione in grado di accrescere le occasioni di valorizzazione e promozione della città, anche in altri contesti. Già da maggio è in atto la promozione dell’Infiorata in tutte le province marchigiane e domenica 16 giugno sarà in trasferta a Porto Recanati con la realizzazione di un quadro fiorito, all’interno della manifestazione dedicata al brodetto.
 Forte anche il riscontro sulla stampa nazionale che consente di attirare visitatori sul territorio durante tutto l’anno. Nella difficile realtà del dopo sisma- ha aggiunto- il clima gioioso, positivo e propositivo di questa manifestazione, ci ha permesso di lanciare un messaggio luminoso e delle proposte turistiche, valide nono soltanto nel denso week end dell’Infioratama che, rimanendo ben visibili fino alla fine di novembre sulla piattaforma del Grand Tour delle Marche e sulla App di Tipicità, valorizzeranno per tutto l’anno le strutture ricettive del territorio”.
A portare altra attenzione sull’Infiorata, sarà inoltre un singolare “Cocktail dei fiori”, segno che una sentita tradizione piena di entusiasmo e fermento, è in grado di lanciarsi nel futuro con stimolo innovativo e, farsi sempre più appetibile anche al difuori dei confini territoriali. Prevista per sabato 22 giugno, la proposta enogastronomica di alto livello, avrà come ospite speciale la chef Serena D’alesio, patrone del relais Marchese del Grillo, la quale sfoggerà la sua arte partendo dal tema dei fiori edibili suggerito dall’Accademia di Tipicità. Supportata dal project partner Mediolanum, la serata vedrà la partecipazione di una cinquantina tra clienti e imprenditori del gruppo bancario. 
Nutrito il programma delle manifestazioni collaterali del week end fiorito di Castelraimondo, illustrato dall’assessore comunale Elisabetta Torregiani.
Si parte giovedì 20 giugno con il tradizionale taglio dei fiori e il ritrovo di tutte le 23 associazioni in piazza Dante.. Contemporaneamente presso il pub Ludwig Strass l’associazione Aido incontrerà i giovani per sensibilizzare alla donazione di organi. Dalle ore 21.00 di venerdì 21 giugno, ci si addentra nella realizzazione dei quadri fioriti lungo Corso Italia che, in contemporanea, sarà teatro delle esibizioni dei gruppi partecipanti in città al Festival internazionale del folcklore. Dal mattino di sabato, sarà possibile ammirare le 23 opere che, rincorrendosi lungo il corso di Castelraimondo su una superfice di oltre 1000 metri quadrati, formeranno un unico tappeto floreale; piazza della Repubblica ospiterà dalle ore 18 la seconda edizione del Castelrock Festival allietato da tanti giovani gruppi musicali del territorio.
Alle 21.00, sempre in piazza della Repubblica, è in programma il concerto della Banda Gazoldo degli Ippoliti, gemellata con il corpo bandistico locale. Gran finale a partire dalla mattinata di domenica 23 giugno, quando Castelraimondo sarà invasa da fotografi e turisti in ammirazione; alle ore 18.30, nella chiesa della Sacra Famiglia, Santa Messa presieduta dall’arcivescovo Francesco Massara alla quale seguirà la solenne processione . Concluderanno l’intensa tre giorni , gli spettacoli musicale e comico di l’estrazione della Lotteria Italia e i fuochi d’artificio, in piazza della Repubblica
C.C.
Tappa a Castelraimondo per FestAmbiente Ragazzi, il festival di Legambiente dedicato ai più piccoli e alle loro famiglie
Per l'ìoccasione, una grande festa ha concluso ieri pomeriggio l’anno scolastico delle scuole primarie di Castelraimondo. Le classi quarta A e  B con le  quinte A e B della scuola primaria di Castelraimondo, guidate dalle volontarie del centro di educazione ambientale “Il Pettirosso” di Tolentino di Legambiente e dai volontari di Legambiente Marche, hanno invaso la piazza antistante la scuola con laboratori predisposti dalla Ludoteca “Riù” di Tolentino. Tanti i giochi ludico-didattici come il famoso “Gioco dell’Oca” o “Pesca il rifiuto” e lavoretti di riciclo creativo, a simboleggiare il rispetto dell'ambiente e l’importanza del riuso. Lo spirito della famosa kermesse all’aria aperta, infatti, è quello di ricreare una dimensione a misura di bambino in cui i piccoli cittadini diventino i protagonisti assoluti, uno spazio in cui dare vita alla fantasia e acquisire nuove conoscenze sulle tematiche ambientali, di grande attualità. L’iniziativa è stata realizzata da Legambiente Marche e dal CEA Il Pettirosso con la preziosa collaborazione del Comune di Castelraimondo, dell’Istituto Comprensivo Strampelli e, finanziata con i fondi della Regione Marche per le per attività culturali nei territori interessati dagli eventi sismici verificatisi dal 24 agosto 2016.
Festambiente1

“Iniziative come questa, oltre che un momento di svago e divertimento, rappresentano uno strumento importante per ricreare sinergia, coesione e senso di appartenenza col territorio nella comunità marchigiana ferita dal sisma proprio a partire dal riappropriarsi degli spazi comuni– ha commentato Francesca Pulcini, Presidente di Legambiente Marche Per salvaguardare l’ambiente, inoltre, è necessario continuare a informare i cittadini e coinvolgere i più giovani e le loro famiglie proprio attraverso eventi di questo tipo. Ringraziamo il comune di Castelraimondo per averci ospitato in questa bellissima iniziativa e tutti i volontari del CEA di Tolentino e di Legambiente Marche per la preziosa collaborazione”.
 FestAmbiente2

“Siamo molto soddisfatti di questa manifestazione – ha affermato l'assessore a cultura, turismo e ambiente del Comune di Castelraimondo, Elisabetta Torregiani – primi fra tutti lo sono stati i nostri giovani studenti, che hanno riscoperto la magia di alcuni giochi e attività che forse adesso si stanno perdendo, e soprattutto hanno apprezzato il progetto realizzato con Legambiente. Sono convinta che il rispetto per l'ambiente, soprattutto in questo momento storico, rappresenti un fatto di cultura e di cittadinanza attiva, tematiche che riguardano non a caso le deleghe del mio assessorato, perché crediamo che non debbano essere scisse. Per questo in particolare auspico che la collaborazione tra il nostro Comune e Legambiente possa continuare nel migliore dei modi, così come avvenuto per questa iniziativa e per la riuscita della quale ringrazio tutti coloro che hanno collaborato a vario titolo”.

FestAmbiente ragazzi, è solo la prima delle iniziative che Legambiente sta organizzando assieme al Comune di Castelraimondo per vivacizzare l’estate e far conoscere più da vicino alla cittadinanza le tematiche ambientali, sociali e culturali che più interessano i nostri giorni. I prossimi appuntamenti saranno la ormai tradizionale e celebre infiorata durante il “Corpus Domini” a fine giugno e, la collaudata “Marche In Vetrina” ad agosto.
Pagina 1 di 2

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo