Sarà presto realtà, a San Severino, il progetto di residenzialità per disabili gravi “Dopo di noi”.

Il denaro arriverà per la maggior parte dagli sms solidali che tanto avevano fatto discutere mesi fa. 

Si tratta di un’iniziativa a favore di soggetti diversamente abili o con disabilità grave non provocata dall’invecchiamento o da patologie ad esso collegate, privi del sostegno familiare una volta deceduti i genitori. 

Più nello specifico, così come indicato dalla legge 104 del 1992, il “Dopo di noi” riguarda interventi innovativi di residenzialità per la creazione di alloggi di tipo familiare o di co-housing o soluzioni abitative extrafamiliari per fronteggiare eventuali emergenze. Il progetto ovviamente non necessita solo di strutture adeguate ma anche di personale formato, presente 24 ore al giorno. 

L’importo stimato per la realizzazione del progetto è di 62.386 euro. 

L’ufficio speciale ricostruzione ha deciso di erogare 42mila euro per la realizzazione del progetto, e l’amministrazione ha dovuto trovare il restante denaro tra le svariate donazioni pervenute direttamente al Comune in seguito al sisma. I mancanti 20.386 euro verranno coperti con una parte della donazione del Comune di Pitigliano. A breve quindi, il centro per disabili “Il Girasole” non solo avrà una nuova sede per le attività diurne, ma anche una struttura residenziale per poter seguire quei soggetti che non hanno più una famiglia e non sono in grado di badare al loro sostentamento.

Deve ancora approdare in consiglio regionale per l'approvazione ma fa già discutere la proposta di legge 145 della giunta regionale. L'obiettivo sarebbe, fra le altre cose, quello di affidare alcune strutture ospedaliere o reparti chiusi ad operatori privati della sanità.

Per capirne di più ed aprire una discussione costruttiva in merito, il comitato per la difesa dell'ospedale Bartolomeo Eustachio ha organizzato, per questa sera alle 21 presso la sede della Tavolozza (in via Cesare Battisti, San Severino), un incontro pubblico che il vicepresidente del comitato Marco Massei ha definito "esplorativo". Parteciperanno i neoletti parlamentari Giuliano Pazzaglini, Tullio Patassini e Francesco Acquaroli, insieme ai consiglieri regionali Luigi Zura-Puntaroni, Sandro Bisonni e Elena Leonardi. La serata ha lo scopo di "avviare una discussione ed un confronto costruttivi per capire pro e contro della proposta di legge 145 - ha specificato il segretario del comitato Mario Chirielli - ed anche il punto di vista dei politici che ci rappresentano a Roma e in Ancona".  

(In foto, una vecchia riunione del comitato a cui prese parte anche il sindaco di San Severino Rosa Piermattei)
g.g.

“Medicina oltre...prevenzione, terapia, oncologia integrata”. Questo il titolo del convegno organizzato sabato mattina, a partire dalle 8:30 al centro medico Blu Gallery, in memoria della dottoressa Marta Bellomarì, deceduta lo scorso dicembre a causa di complicazioni dovute ad un male incurabile. Varrà anche come corso di aggiornamento per la professione di medico chirurgo, ostetrica, infermiere, biologo e dietista.

Fra gli argomenti che verranno trattati da illustri relatori figurano il meccanismo di formazione della cellula cancerosa e la diagnosi precoce di cancro, il ruolo della medicina complementare in oncologia, il ruolo dell’oncologo tra prevenzione e terapia, il contributo dell’agopuntura in medicina cinese in oncologia, il trattamento omeopatico degli effetti collaterali da radio e chemioterapia in donne con carcinoma mammario, il ruolo della nutriceutica e della fitonutrizione in oncologia, le cure dei pazienti oncologici. Responsabile scientifico del convegno sarà la dottoressa Benedetta Ferretti, relatori i dottori Armando Vecchietti, Rosaria Ferreri, Desiderio Franco, Sergio Giorgetti e Lucio Sotte. 

È proprio la sua esperienza diretta che aveva mosso Bellomarì ad organizzare un convegno di questo genere, lo scorso anno: aveva dovuto sottoporsi più di una volta a cure oncologiche e aveva trovato che integrandole con altre pratiche di medicina complementare la sua condizione era migliore. questo, dopo aver conosciuto il centro di Pitigliano, dove si pratica la medicina integrata.

“Sono venuta a conoscenza del centro di Pitigliano – raccontava – attraverso una rivista specialistica. Non volevo considerarmi malata, avevo dentro di me ancora tanta energia e con il dottor Lucio Sotte abbiamo lavorato perché non la perdessi. Medicina integrata è un termine alquanto nuovo e sconosciuto, che indica l’integrazione tra la medicina tradizionale e la medicina complementare, rappresentata da fitoterapia, agopuntura, omeopatia, idrocolonterapia e quant’altro serva a dare una qualità di vita migliore nonostante la malattia in atto. Con queste cure, mi sentivo meglio rispetto a come stavano altre persone nella mia condizione, la mia qualità della vita - sottolineava - era migliore e il mio organismo in buono stato. Parlarne mi è sembrata una questione di rilevanza sociale. Quello che si dirà in questo convegno - concludeva nel suo discorso di benvenuto ai presenti -  deve essere un valore e un modo alternativo di vedere la malattia e la medicina”.
g.g.

Ha appena concluso la sua esperienza al Cet, la rinomata scuola del maestro Mogol, il giovane settempedano Riccardo Brandi, 21 anni e studente alla facoltà di giurisprudenza e al conservatorio di Fermo, dove prende lezioni di clarinetto. “Un’esperienza fortissima - dice - quella del Cet”, una scuola che vanta molti docenti di fama e spessore. 

 

Riccardo Brandi, come è nata la possibilità di vivere l’esperienza alla scuola del maestro Mogol?

 

A gennaio scorso ho partecipato ad un bando di concorso dell’associazione di San Severino Help Sos Salute e Famiglia, in collaborazione con la Fondazione Claudi e il Centro culturale Tarkovsky. L’ho vinta e il 28 gennaio sono partito. 

 

riccardo brandi

 

Come si sono svolti i corsi?

 

Io ho frequentato il corso per interpreti di musica leggera, 15 lezioni suddivise in tre fasi. La prima, di conoscenza fra noi allievi e i docenti. Abbiamo cantato dei pezzi del nostro repertorio ed avuto un primo giudizio. Poi i docenti ci hanno affidato dei compiti da svolgere a casa e da preparare per la seconda fase. Questa è durata quattro giorni, abbiamo presentato i due brani che ci avevano assegnato, e poi siamo partiti con i laboratori, sopratutto riguardanti l’interpretazione. Dopo la seconda fase, ci sono stati assegnati altri due brani da studiare e, dopo i laboratori sull’interpretazione, ciascuna di noi allievi ha scelto quello da interpretare durante il saggio finale che c’è stato domenica scorsa. Abbiamo sostenuto anche una prova d’esame che consisteva nell’imparare un pezzo di Mogol in un giorno e registrarlo in studio in circa 40 minuti di tempo. Io avevo “L’Aquila”, di Mogol-Battisti.

  

Che sensazioni hai provato?

 

È stata sicuramente una fortissima esperienza. Fin dall’inizio le docenti ci hanno spronato a far nostro il motto di Mogol e della scuola “disarmati per disarmare”. Ho imparato a liberarmi di tutte le maschere e le costruzioni che solitamente impediscono ad un interprete di trasmettere emozioni. In questo senso, andando avanti, nel cantare sono arrivato anche alle lacrime. 

 

Quindi ti sei emozionato mentre cantavi? 

 

È successo sì. Dal punto di vista emotivo è stata un’esperienza importante, anche perché mi ha permesso di conoscere tante persone. Essere immersi per alcuni giorni nella musica, 24 ore su 24 è stato fantastico. Eravamo ospiti della struttura alberghiera di Mogol e quindi una volta terminate le lezioni (dalle 9 alle 19) ci ritrovavamo insieme per creare musica e cantare insieme intorno ad un pianoforte o una chitarra. È successo anche che il cantante Giovanni Caccamo ci abbia raggiunto e si sia esibito con i suoi brani più belli. 

 

E il ritorno a casa?

 

Traumatico. Si avverte un gran senso di vuoto. Già alla fine delle prime due fasi mi sentivo strano, ma al rientro dall’ultima fase è stato un misto di tanti stati d’animo. 

 

C’è nel tuo futuro il canto?

 

Io coltivo la passione del canto da quando avevo 10 anni. Studiavo musica nella scuola della banda di San Severino già da sei anni e mi fu regalato il famoso ‘Canta Tu’. Ho iniziato così ma non ho mai frequentato corsi di canto, adesso spero di iniziarne uno il prima possibile.
Gaia Gennaretti

Istituito il senso unico nella zona di Castello al Monte, a San Severino. Da sempre a doppio senso di marcia, da giovedì l’anello della città murata è a senso unico per via di alcuni danni causati dal terremoto ma anche per i recenti eventi atmosferici.

Nello specifico, a mettere a rischio l’incolumità pubblica sarebbe la porta di San Francesco, danneggiata dal sisma e le mura castellane nei pressi del monastero di Santa Chiara le cui condizioni erano già state compromesse col terremoto del ’97 prima e del 2016 poi, e aggravate dal maltempo.

La variazione alla circolazione interessa il tratto da porta San Francesco, passando per via San Francesco, piazzale degli Smeducci, via Castello al Monte fino a via Santa Barbara compresa. 
g.g.

Si era allontanato volontariamente da San Severino il 51enne Fabio Polimante. Lunedì mattina era stato visto salire sul treno in direzione Fabriano. A ritrovarlo, alla stazione di Fabriano mentre attendeva la coincidenza per tornare a San Severino, la Polizia ferroviaria che ha controllato i suoi dati incrociandoli poi con quelli dei database in uso alle forze dell’ordine. 

L’uomo soffre di problemi psicologici e sembrerebbe si sia allontanato perché preoccupato di essere controllato dall’Fbi. A questo motivo sarebbe riconducibile anche la ragione per cui non voglia disporre di un cellulare. 

 g.g.

È stato visto salire su un treno lunedì mattina. E poi non ha fatto ritorno. Si tratta del 51enne settempedano Fabio Polimante la cui scomparsa è stata denunciata dalla madre che lunedì sera non lo ha visto tornare a casa. L’uomo, conosciuto da tutti e solito passeggiare per le vie del centro urbano e della piazza, soffre di problemi di schizofrenia ed è disocupato. L’ipotesi sarebbe però che si tratti di un allontanamento volontari. A far pensare questo, il fatto che alcuni passanti l’avrebbero visto, lunedì mattina, alla stazione di San Severino mentre prendeva un treno. Al momento non si conoscono i motivi per cui Polimante si sarebbe allontanato dalla città.
g.g.

 

Gli operai dell’ufficio Manutenzioni del Comune di San Severino, insieme a quelli di un camion gru della ditta Piancatelli, hanno liberato le campate del ponte Sant’Antonio e tutta l’area adiacente la struttura posta all’ingresso della città dai tronchi rimasti incastrati che sono stati trascinati a valle dalla violenza delle acque del fiume Potenza. Le piogge, insieme allo scioglimento della neve, hanno fatto scattare lo stato di preallerta. Al momento si è comunque ancora sotto il livello di guardia. Il gruppo comunale di Protezione Civile sta monitorando costantemente la situazione. Oltre a recuperare i tronchi sono stati anche controllati i dissuasori in metallo che evitano l’accumulo di materiali di grosse dimensioni al centro del letto del fiume. 

Tutto il personale dell’ufficio Manutenzioni è impegnato in diversi interventi per chiudere le buche formatesi su diverse strade comunali dopo l’ondata di maltempo dei giorni scorsi. Resta altissima l’attenzione, diversi gli interventi effettuati in queste ore, per le frane e per la presenza di fango e pozze d’acqua su alcuni tratti d’asfalto. Nella mattinata la Polizia Locale ha effettuato diversi sopralluoghi nella zona della piana di Cesolo e nella zona artigianale e industriale di Taccoli, in particolare nelle vie di collegamento con la provinciale 361 “Septempedana”.
g.g.

Dopo il dissestamento della provinciale Settempedana in direzione di Castelraimondo, le abbondanti piogge e nevicate ha nno provocato lo smottamento di una strada che conduce alla frazione di Pitino. Tecnici e operai dell’Ufficio Manutenzioni di San Severino sono intervenuti per mettere in sicurezza la strada che sale dalla Provinciale 361 “Septempedana” fino alla frazione di Pitino per poi ridiscendere dal lato opposto del castello. Il tratto di asfalto è interessato da uno smottamento causato della neve dei giorni scorsi e delle piogge delle ultime ore. Il fronte franoso, che si estende per circa 30 metri, ha reso obbligatorio chiudere una delle due corsie di marcia.

Rientrata l’emergenza maltempo legata al passaggio di Burian adesso su tutto il territorio settempedano è in atto una nuova emergenza per il formarsi di buche. Una conta dei danni che appare infinita e che sta costringendo le squadre del pronto intervento ad intervenire con una manutenzione straordinaria d’emergenza per evitare pericoli a pedoni e automobilisti.
g.g.

 

Lezione speciale per gli alunni dell’Istituto Comprensivo “P. Tacchi Venturi” di San Severino che sono stati coinvolti, per iniziativa dell’assessorato alla Cultura del Comune, Vanna Bianconi, in un laboratorio di restauro della restauratrice Lucia di Palma. Il laboratorio è stato temporaneamente aperto presso la sede della pinacoteca civica e ha interessato “L’Annunciazione”, uno dei capolavori di Bernardino di Mariotto concesso in prestito per la mostra “Tutta l’Umbria una mostra”. Il restauro, finanziato dalla Galleria dell’Umbria, ha particolarmente interessato gli alunni che hanno così potuto seguire dal vivo alla delicatissima operazione. 

“Esso – spiega l’assessore Bianconi - ha permesso di sperimentare un nuovo modo di leggere e comprendere un’opera d’arte, coinvolgendo tante classi del nostro Istituto Comprensivo, scuola primaria e secondaria, che hanno voluto assistere con i loro insegnanti al lavoro operativo della restauratrice Lucia Di Palma.

In vari incontri, tenuti nei mesi di gennaio e febbraio, si sono realizzati in Pinacoteca momenti laboratoriali con i ragazzi che hanno fatto domande, dimostrandosiinteressati e partecipi.

A breve verrà realizzato anche il restauro di uno degli affreschi provenienti dalla demolita chiesa di San Francesco al Monte che sarà reso possibile dal contributo finanziario ottenuto grazie alla mostra “ Le Marche per le Marche” alla quale  lo scorso anno è stata  concessa  in prestito l’opera “Il  Matrimonio Mistico di Santa Caterina  di Lorenzo  Salimbeni, opera esposta e molto ammirata  in quella occasione  presso l’oratorio di San Giovanni ad Urbino.
g.g.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo