Riparte il Camerino Music Festival- Presentata la trentunesima edizione. Grandi nomi dal 4 al 14 agosto

29 Giu 2017
1909 volte

" Provo commozione nel presentare la nuova edizione di un evento di valenza internazionale quale il Camerino Music Festival; anche questo è da interpretare come forte segnale di una città che non si è mai fermata e sta continuando a mandare avanti manifestazioni che testimoniano la vitalità di Camerino e la sua capacità di non arrendersi mai". Così il sindaco Gianluca Pasqui intervenuto con il Maestro Piero Vincenti, direttore artistico della kermesse  alla conferenza stampa di presentazione del Festival Internazionale di Musica da Camera che si terrà dal 4 al 14 agosto. Da segnalare la solidarietà del mondo della musica che ha fatto sì che ognuno degli undici eventi del Festival, possa essere gustato gratuitamente. Location diverse per i concerti che potranno fregiarsi della presenza di prestigiosi musicisti.

Organizzato dall'Accademia Italiana del Clarinetto, con il contributo del comune di Camerino, il patrocinio della Regione Marche e Cidim, la collaborazione di Unicam e associazione Adesso Musica, il Festival sarà integrato dalla Terza edizione dell'Italian Clarient Summer University che, anche per il 2017, vedrà la partecipazione di clarinettisti provenienti da diversi paesi del mondo.

" L'amministrazione comunale- ha sottolineato il primo cittadino- si sta adoperando in maniera reale per sostenere quanto possa arrecare utilità ai cittadini. Tre anni fa il Festival ebbe un connubio significativo con il Palazzo della Musica appena inaugurato, un'edificio che il sisma purtroppo ci ha tolto. Quello che nonostante tutto siamo riusciti a mantenere- ha poroseguito Pasqui- è la capacità di andare avanti comunque e allora, non posso che esprimere soddisfazione e plaudire al Maestro Vincenti e ai suoi collaboratori, riusciti a spingere il motore più forte di prima".

Dal canto suo Piero Vincenti si è detto onorato di avere la direzione di un evento così prestigioso. " L 'Accademia del Clarinetto, lusingata di aver potuto gestire per due anni il Palazzo della  Musica, non poteva che essere presente con tutta la sua forza e, a maggior ragione,  in una situazione così complicata e difficile. Esprimo grande soddisfazione per l'edizione numero 31 di un Festival che mi vede coinvolto in prima persona per la terza volta- ha continuato Vincenti-  e la soddisfazione è ancora più grande, nel constatare che quest'anno il Camerino Music Festival è stato inserito dalla rivista 'Suonare News' tra i 40 Festival italiani più interessanti da seguire per l'estate".

A confermare l'alto livello della kermesse, la presentazione del programma:

concerto inaugurale il 4 agosto all'Auditorium  Benedetto XIII con Pietro De Maria  al pianoforte, musiche di Schumann e Liszt.

Stessa location per il secondo appuntamento del Festival " Il trombone e l'Orchestra di Fiati" , previsto il 5 agosto. Ad esibirsi sarà  Gianluca Scipioni, primo trombone del teatro Regio di Torino, supportato dall'Orchestra di Fiati " Città di Camerino" diretta dal Maestro Vincenzo Correnti. Prima esecuzione mondiale a Camerino per il pezzo che verrà presentato.

Grazie alla disponibilità dell'Istituto Tecnico e del dirigente Marcelli, ad ospitare i due concerti del 6 e 7 agosto sarà l'Aula Magna dell'Antinori.  La prima sera, ospite del Camerino Music Festival sarà il maestro portoghese Antonio Saiote che delizierà il pubblico con " I trii per clarinetto, violoncello e pianoforte"su musiche di Beethoven e Brahms.

Il 7 agosto sarà la volta di  " Vi racconto una song" , percorso su canzoni storiche americane con la voce di Laura Avanzolini e Michele Francesconi al pianoforte.

Cambio di location per le serate dell'8 e 9 agosto che si terranno nella suggestiva cornice del Cortile di Borgo Colle Ridente. L'8 agosto, sotto la direzione di Antonio Fraioli, sarà possibile ascoltare l'Ensemble di Fiati dell'Accademia Italiana del Clarinetto: giovani strumentisti di tutta Europa, ritrovatisi in città  per la settimana di laboratori musicali, offriranno il loro concerto finale.

" Capricci d'Opera... nei salotti europei " il titolo del concerto del 9 agosto con la star dell'arpa, Davide Burani.

A Torre del Parco il concerto del 10 agosto con Piero Vincenti solista e direttore dell'Italian Clarinet Consort e " Rapsodia Balcanica"  per un percorso dedicato alla musica popolare e klezmer.

Particolare la serata dell'11 agosto per la quale si è volutamente lasciato l'interrogativo della location. Per le sei ore di esibizioni non stop della Prima Maratona clarinettistica internazionale, la speranza  è infatti quella di poter utilizzare Piazza Cavour.  " Ci proveremo - ha detto il sindaco Pasqui- Sarebbe bello poter ripartire da dove ci eravamo lasciati un anno fa". 

" Scoppiettante e di assoluto interesse la chiusura del Camerino Music Festival- ha assicurato Vincenti- con tre serate di grossi nomi: i virtuosismi del violinista Davide Alogna e Monica Leone al pianoforte per " Classici fino alla fine dei tempi"  il concerto che si terrà il 12 agosto all'Aula magna dell'Antinori; La star internazionale della chitarra Giulio Tampalini e Salvatore Lombardi al flauto saranno il duo di spicco della serata "Suite italiana"  del 13 agosto  nel cortile di Borgo Colle Ridente. Conclusione d'effeto il 14 agosto con l'Orchestra di Sassofoni Italiana che avrà, come direttore e solista, il marchigiano  Federico Mondelci, capostipite italiano dello strumento".

Tutti i concerti gratuiti avranno inizio alle ore 21 e 15, ad eccezione  dell'appuntamento con il 1° International Clarinet Maratona,  prevista l'11 agosto, dalle ore 18.00 alle 24.

" In un anno così difficile- ha concluso Vincenti-, mai avrei pensato di poter presentare un programma di così alto livello. Sono orgoglioso e strafelice. Adesso quello che ci auguriamo è di avere tanto pubblico per ogni serata del Camerino Music Festival".

Carla Campetella

 

Terremoto- Stallo nelle pratiche. Pasqui: "Per favore fate in fretta"

28 Giu 2017
1179 volte

"Per le opere di messa in sicurezza degli edifici danneggiati dal sisma stiamo procedendo a due velocità: si va avanti a buon ritmo con i lavori che prevedono una spesa inferiore ai 40000 Euro, mentre procediamo molto più lentamente per quelli di importo superiore, che richiedono l’approvazione della Regione Marche". Lo scrive il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui chiedendo a gran voce maggiore celerità.
"Per quanto riguarda la Zona Rossa- continua la nota del primo cittadino-  il Comune di Camerino ha sottoposto alla Regione 44 interventi, mentre sono 14 i progetti che riguardano la periferia o le frazioni. Almeno 15 di queste pratiche sono ferme da 22 giorni, di alcune si sono letteralmente perse notizie, mentre, per le altre, la Regione ha inoltrato richiesta di integrazioni anche dopo un mese dalla trasmissione dei progetti. In linea di massima il tempo medio di attesa per le autorizzazioni da parte della Regione Marche è di 30 giorni, 27 in più di quelli indicati dalla Circolare del Dipartimento della Protezione Civile n. 72035 del 22/12/2016 che chiede alle regioni di esprimersi entro 3 giorni dalla trasmissione dei progetti.
Capisco e capiamo che tre giorni sono veramente pochi, ma trenta sono inaccettabili e si chiede, pertanto, che gli uffici di competenza provvedano al più presto a consentirci di ristabilire una andatura dignitosa. Due esempi sono Via Roma e Via Morrotto, nella prima erano previsti tre interventi sotto l’importo di 40000 Euro, realizzabili immediatamente, e tutti sono stati ultimati, mentre quelli sottoposti ad approvazione della Regione dal 21 Aprile hanno ricevuto richiesta integrazione il 29 Maggio. Situazione ancora più grave per via Morrotto, dove gli interventi sotto l’importo sono 24, di questi 6 sono stati appaltati, di cui 5 conclusi e 1 in corso di intervento. Gli interventi sopra alla soglia sono 3, trasmessi il 6 giugno e non ancora autorizzati.
Uno stallo ormai inaccettabile per il nostro Comune che, in data 22 giugno, ha sollecitato la Regione Marche con nota scritta a firma dell’Ufficio Tecnico, soprattutto alla luce del fatto che dei 143 interventi previsti per la Zona Rossa, 69 prevedono una spesa superiore ai 40000 Euro e dovrà essere quindi vagliato dalla Regione.
Abbiamo portato pazienza e cercato di capire la situazione- conclude Pasqui-  ma oggi stiamo realmente superando il limite: o la Regione Marche rispetta i tempi previsti dalla circolare del commissario, oppure ci convincano che ad Ancona tre giorni non sono fatti di sole 72 ore".



Sisma: Convenzione Regione- Inps per 1800 Borse lavoro

28 Giu 2017
570 volte

Pagamenti in arrivo sin da luglio per un totale di 4,2 milioni di euro destinati a 1000 borse lavoro over 30 nelle aree del sisma. A queste si aggiungono altre 800 borse lavoro per un totale di 3,1 milioni di euro che saranno assegnate alla luce delle attività istruttoria effettuata dai Servizi Territoriali.  La giunta regionale ha approvato oggi su proposta dell’assessore al Lavoro, alla formazione e all’istruzione Loretta Bravi una convenzione con l’Inps per  l’avvio, con carattere di urgenza,  delle procedure di collaborazione al fine di permettere l’erogazione delle indennità, anche per chi percepisce ammortizzatori sociali, dal mese di luglio 2017.

“Tramite la Convenzione – spiega l’assessore Bravi - viene stabilito il percorso di collaborazione istituzionale tra la Regione Marche e INPS per un’attività d’interesse comune, quale l’erogazione delle indennità di partecipazione alle borse lavoro a favore di una collettività di cittadini attualmente in situazioni svantaggiate. Con questo atto, insieme alla copertura finanziaria, si garantiscono i pagamenti fino ad ottobre. La Regione Marche intende procedere anche allo scorrimento delle graduatorie provinciali già approvate a favore dei 1000 soggetti over 30, e di assegnare le borse valutate positivamente raggiungendo circa 1800 destinatari  in totale”.

Sono infatti circa 800 le ulteriori borse che possono essere assegnate alla luce delle attività istruttoria effettuata dai Servizi Territoriali.

Firmata convenzione tra Regione Marche e Vigili del Fuoco- Sinergia interventi calamità

28 Giu 2017
585 volte

Mettere insieme le rispettive competenze per risolvere al meglio emergenze di protezione civile nelle Marche anche con la presenza di vigili del fuoco nella sala operativa unificata. E' l'obiettivo della Convenzione quadro siglata ad Ancona dalla Regione Marche e dai vigili del fuoco. Hanno firmato l'accordo l'assessore regionale alla Protezione civile Angelo Sciapichetti, il direttore regionale dei vigili del fuoco ing. Antonio La Malfa e il prefetto di Ancona Antonio D'Acunto.
    Si tratta, ha spiegato La Malfa, di un convenzione aperta che prelude ad altre convenzioni specifiche: tra una decina di giorni ne verrà firmata un'altra relativa agli incendi boschivi.
    Sciapichetti ha colto l'occasione per ringraziare i vigili del fuoco per "l'apporto incredibile" fornito nella gestione delle emergenze, tra cui quella del terremoto. "I sindaci - ha osservato - reclamano una presenza sempre maggiore di vigili del fuoco e il personale non deve essere diminuito". Nelle Marche sono circa 1.200 di cui 350 in servizio ad Ancona.

Alimentazione, la Coldiretti dichiara guerra alle multinazionali e alla CETA

28 Giu 2017
2119 volte

Un appello a tutti i sindaci da parte di Coldiretti Macerata, in armonia con Coldiretti Italia, per tutelare l'agro alimentare made in Italy da attacchi provenienti dalle multinazionali attraverso il recepimento da parte del Parlamento europeo del Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA), un accordo economico e commerciale globale tra l'Unione europea e il Canada, che prevede l'abolizione della maggior parte dei dazi doganali tra le Parti. Obiettivo del CETA procedere alla progressiva liberalizzazione degli scambi assicurando alle merci dell’altra Parte il trattamento disposto a livello nazionale. “Si tratta, però, di un vero e proprio cavallo di Troia – avvertono il direttore di Coldiretti Macerata Giordano Nasini e il segretario dell'ufficio di zona di San Ginesio Federico Francioni– attraverso il quale le multinazionali intendono imporre i propri prodotti attraverso la liberalizzazione di import – export.

Nessun controllo, dunque, sull'origine e la qualità dei prodotti che comporterebbe un salto all'indietro di molti anni sul controllo della genuinità dei prodotti”. Da qui la forte presa di posizione di Coldiretti, che invoca addirittura il rispetto della Carta Costituzionale in materia di sovranità dei singoli stati i cui parlamenti, espressione del popolo, hanno legiferato in ordine al rispetto della qualità dei prodotti agro alimentari attraverso apposita certificazione. “Accordi del genere - continuano i responsabili dell'Associazione degli agricoltori - producono anche ripercussioni sull'occupazione, particolarmente in questo periodo dedicato alla raccolta del grano il cui prezzo subirà un sensibile azzeramento, causando la perdita di migliaia di posti di lavoro”.

Per sensibilizzare le istituzioni, e di conseguenza i cittadini, sulla questione Coldiretti ha inviato una lettera a tutti i sindaci d'Italia invitandoli ad inserire nell’ordine del giorno del primo Consiglio/Giunta Comunale utile un punto relativo alla discussione ed alla condivisione dell’azione di Coldiretti per un commercio libero e giusto e per un’Europa libera dal CETA.

L'invito alle istituzioni comunali è così quello di impegnarsi per scongiurare l'immissione selvaggia sul mercato interno di prodotti sicuramente meno sicuri rispetto a quelli provenienti dalla nostra filiera.

Camerino- Manzi: Da Roma notizie positive per Giudice di Pace e costruzione carcere

28 Giu 2017
1413 volte

Notizie positive da Roma per il ripristino della sede del giudice di pace a Camerino. Proprio nelle ultime ore infatti la competente Conferenza di servizi ministeriale ha dato il proprio parere favorevole alla riattivazione dei servizi nello struttura messa a disposizione del Comune.
E' l'onorevole del Partito Democratico  Irene Manzi a riferire le ultime notizie provenienti dal Ministero della Giustizia che si uniscono all'ulteriore parere positivo espresso ieri dai Direttori Generali del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria in merito alla costruzione della nuova struttura carceraria di Camerino. "Penso che le notizie di queste ultime ore siano molto positive per la comunità camerte e per l'intero territorio provinciale - commenta l'on. Manzi-  Il Ministero della Giustizia e, in particolare, il sottosegretario Ferri che in questi mesi è stato un importante punto di riferimento su questi aspetti, ha dimostrato attenzione e consapevolezza dei problemi presenti. In particolare, riguardo alla nuova struttura carceraria, per la quale sarà fondamentale recuperare le risorse occorrenti per la sua costruzione, penso sia fondamentale favorire e mettere in atto un lavoro congiunto tra le istituzioni locali (Regione e Comune in particolare) e quelle nazionali al di là dell'appartenenza ai singoli schieramenti politici, coinvolgendo anche il Commissario Errani, per verificare le possibili fonti di finanziamento dell'opera. Si tratta di una scommessa che dobbiamo vincere tutti insieme per Camerino e per un pieno recupero dei servizi presenti".

Muccia, pronta l'area per le casette

28 Giu 2017
983 volte

Otto mesi dalle scosse di ottobre che, a Muccia, hanno provocato danni su oltre il 90 per cento degli edifici. Segnali positivi per le SAE con l’arrivo dei tecnici che hanno preso possesso delle aree per l’inizio lavori nelle zone di Varano, Costafiore e Massaprofoglio. Aggiudicata la ditta per l’area che ospiterà le casette al di sopra del Campo Sportivo, sulla strada delle Piane. 

“ L’ordinativo per Muccia è di oltre 160 casette -afferma il sindaco Mario Baroni -  il nostro auspicio è che tutte le operazioni d’ora in poi procedano speditamente, in modo tale che per fine settembre o inizio ottobre, si riescano a sistemare parecchie persone. La presenza dei container- dormitori  dell’impresa GLF che ha lavorato alla realizzazione della superstrada Civitanova Foligno, ha consentito a gran parte  dei cittadini con abitazioni inagibili di rimanere in paese. Attualmente contiamo solo pochi sfollati sulla costa, mentre altri hanno trovato autonoma sistemazione nei comuni limitrofi. Posizioneremo in totale 165 casette- aggiunge il primo cittadino- di queste, 91 ne verranno sistemate nell’area sopra il campo sportivo, 45 nella zona al di sopra del Centro commerciale, 7 in località Varano, altre 7 a Costafiore e 14 nella frazione di Massaprofoglio. Positivo il fatto che la gente sia rimasta in Paese, contribuendo a mantenere vivo il tessuto sociale della nostra realtà. Anche scambiare quattro parole e poter relazionarsi ha rappresentato un aiuto in pìù anche per noi dell’amministrazione. Adesso l’esigenza più forte è quella di tornare ai numeri di popolazione che c’erano prima del sisma, pertanto, sistemare per bene le soluzioni abitative provvisorie, e, quanto prima, riuscire a far rientrare le famiglie con bambini, per una ripresa delle attività scolastiche.

Quanto agli edifici scolastici- prosegue Baroni- dovremo procedere alla demolizione di uno stabile e valutare se ricostruire altre sedi o realizzare un polo scolastico insieme a Valfornace. Per quanto concerne la ricostruzione privata, contiamo di partire con gli edifici che hanno riportato un livello B di danni per poi procedere pian piano alla ricostruzione riferita ai danni più gravi. E’ una vera e propria corsa contro il tempo che è il nostro nemico principale- conclude il sindaco di Muccia- Prima potranno partire le attività, prima riprenderanno i paesi, altrimenti, il rischio sarà quello di perdere molti abitanti. Ma bisogna mantenere fiducia e speranza; un sindaco deve farlo anche per dare sostegno e coraggio ai suoi cittadini”

Edoardo Stella, un impegno per i terremotati

28 Giu 2017
905 volte

Le proprie competenze e capacità messe a servizio di un territorio, drammaticamente colpito dal terremoto, che sta soffrendo. E' il progetto di Edoardo Stella, giovane 26enne di Fiuminata, selezionato dalla Boston Consulting tra 12 mila giovani laureati di età compresa fra i 23 e i 26 anni, che è entrato nella ristretta cerchia dei 100 talenti italiani che hanno partecipato a Milano al progetto "The future markers". Laureato in Economia e legislazione d'impresa all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Edoardo Stella, dopo aver affrontato un lungo percorso di selezione, ha così partecipato, dal 19 al 22 giugno, all'evento di formazione promosso dalla famosissima società di consulenza strategica Boston Consulting allo scopo di selezionare ragazzi per formarli a divenire la futura classe dirigente. Un progetto ambizioso, quello di creare un network di giovani in grado di saper lavorare insieme su progetti importanti. Ecco, allora, che in Edoardo è scattata la molla di contribuire alla ricostruzione del prorpio territorio ferito.

"Ho voluto far conoscere – le parole di Edoardo – agli altri partecipanti, alla società e agli ospiti intervenuti, tra cui il commissario straordinario per l'attuazione dell'agenda digirale Diego Piacentini, l'amministratore delegato di Enel Francesco Starace, il direttore del museo Egizio di Torino Christian Greco, la mia testimonianza sul post terremoto. Per questo avevo già preso contatti con l'amministrazione comunale di Matelica e l'Università di Camerino per promuovere i loro progetti. Tra questi un polo integrato a Matelica che funga da museo e laboratorio didattico per il restauro delle opere danneggiate provenienti dai comuni del cratere e un'innovation lab, collegato all'Università di Camerino, che intercetti aziende. A tal proposito sono riuscito ad avere contatti con un'azienda farmaceutica, che sta attivando una campagna di ricerca, con la quale ci sarà un incontro. Spero di riuscire a creare un legame tra detta azienda e l'innovation lab di Unicam e per il futuro mi auguro di riuscire a coinvolgerla nel progetto del polo integrato museale didattico e di restauro che è stato proposto dal sindaco di Matelica".

Carambola in superstrada, due feriti gravi

27 Giu 2017
1547 volte

Incidente stradale lungo la superstrada 77 Valdichienti all'uscita della galleria "Serravalle", lungo la direttrice mare – monti in direzione Foligno. Per cause in corso di accertamento da parte della Polizia Stradale, intervenuta sul posto insieme ai vigili del fuoco del distaccamento di Camerino e al personale sanitario del 118, due auto, un'Alfa 147 e una Fiat Panda sono entrate in collisone. Entrambi i conducenti delle due vetture sono rimasti feriti e trasportati in eliambulanza all'ospedale regionale di Torrette ad Ancona. L'intervento dei vigili del fuoco è valso ad estrarre dall'abitacolo l'autista dell'Alfa.

 

incidente super

Caldarola, iniziati i lavori per l'area delle "casette"

27 Giu 2017
2077 volte

Una scelta oculata e mirata per il futuro. L'area in cui sorgeranno le "casette" per i terremotati è stata indicata dall'amministrazione comunale sulla base del piano regolatore già approvato dalla precedente amministrazione guidata dal sindaco Mauro Capenti, che prevedeva per quella zona una nuova urbanizzazione. Iniziati, così, a Caldarola, ad opera della ditta Cagnini di Fiastra che si è aggiudicata la gara di appalto, i lavori di allestimento e di realizzazione delle opere di urbanizzazione dell'area destinata ad ospitare le Sae, le cosiddette casette di legno, nelle quali saranno alloggiate le famiglie che hanno perduto la propria abitazione a causa del terremoto. "Nel nostro comune saranno installate 104 Sae, nelle quali andranno a vivere quasi 400 persone – fa sapere l'assessore ai lavori pubblici Gianni Fiastrelli - più altre 3 casette da collocare in un'area adiacente al monastero di Santa Caterina che ospiteranno le monache. L'opera prevede anche la realizzazione di due nuove strade, una che collegherà via Giacomo Matteotti con via Loreto e un'altra che attraverserà l'area di localizzazione delle casette. Previsti spazi comuni, verde pubblico, parcheggi e vi sarà anche una piazza". Resta da definire l'area in cui verrà posizionata la nuova chiesa, una scelta - chiarisce l'assessore – "che non spetta all'amministrazione, ma al consiglio pastorale parrocchiale. Come comune abbiamo individuato diverse aree possibili, ma al momento non ci è giunta ancora alcuna comunicazione al riguardo". Abbastanza definito anche il cronoprogramma dei lavori. "Le opere di urbanizzazione con la predisposizione delle fondazioni per le casette e quant'altro necessario – conclude Fiastrelli - devono essere terminate entro il prossimo 10 novembre. Da quel momento inizierà il montaggio delle casette, con la consegna che avverrà non in una sola volta, ma sarà scaglionata".  

 

(le opere di urbanizzazione)

urbanizzazione

 

(ruspe al lavoro)

ruspe al lavoro

 

(L'area in cui saranno istallate le casette)

area casette

 

camion cagnini

 

“Dov’era, come sarà” Alla Rocca ultimo incontro del Workshop Ricostruzione Camerino. A luglio la presentazione del documento

27 Giu 2017
3801 volte

Si è svolto alla Rocca dei Borgia il quarto incontro del team di studio dell’architetto Mario Cucinella, incaricato della preparazione delle linee guida del piano strategico per la ricostruzione della città. In un crescendo continuo di interesse, la fase di ascolto della comunità ha coinvolto un consistente numero di cittadini, chiamati a prospettare una visione futura della città grazie ai tavoli tematici del “ Workshop per la ricostruzione di Camerino”. Coinvolgere la comunità, valorizzare la memoria storica e affettiva del patrimonio locale, immaginando insieme agli abitanti lo sviluppo della città per avvicinare il futuro probabile a quello desiderabile, obiettivo degli incontri che si sono susseguiti nel tempo e che hanno consentito al gruppo di giovani architetti la raccolta di informazioni e idee. L’attenzione si è concentrata sugli aspetti della viabilità e mobilità, demolizioni e soluzioni alternative, risorse economiche, culturali e sociali, mura cittadine e accessibilità, Camerino da vivere, Camerino e il territorio. 

WSR 2

 

Sullo sfondo del suggestivo scenario dei giardini della Rocca, molto partecipato l’incontro finale di lunedì 26 giugno, nel corso del quale, all’introduzione e all’organizzazione dei gruppi, hanno fatto seguito tavoli tematici di lavoro. Partendo dal lavoro di analisi e ricerca dei professionisti, il laboratorio di progettazione partecipata si è sviluppato in più fasi,”Abbiamo iniziato a lavorare su Camerino lo scorso 7 aprile- ha spiegato Alberto Tomasino del team Cucinella- Molto prima in realtà ci eravamo dedicati ad una ricerca più vasta su tutta l’ area del cratere. I terremoti- ha sottolineato- sono causa di devastazione e distruzione con effetti sconvolgenti sulle comunità, ma, passata la fase complicata della ricostruzione, possono rappresentare un’occasione di sviluppo. Decrescita e invecchiamento della popolazione, assenza nel tempo di servizi, gestione delle risorse poco efficace, sono fenomeni che interessavano il territorio già prima del sisma. Positivo dunque pensare al piano strategico, non solo come ricostruzione, ma anche come occasione di sviluppo. Dalla prima fase di raccolta di dati e informazioni utile a capire aspetti positivi e negativi dell’area del cratere più in generale, si è passati ad impostare un lavoro focalizzato su Camerino e il suo territorio comunale”.  “Per capire gli aspetti da valorizzare e da migliorare - ha proseguito Martina Ruini- l’analisi ha riguardato lo stato della città prima del sisma con particolare riguardo alla mobilità e all’abitare, al rischio e alla sicurezza; spostandoci ad analizzare la situazione attuale di Camerino si è valutata la chiusura del centro storico diventata zona rossa, la localizzazione dell’abitare e degli esercizi commerciali in località San Paolo, la costruzione del nuovo Campus universitario, cui si aggiungono la prevista sistemazione di alloggi SAE nelle aree Le Cortine e Vallicelle, un assetto della città che ci ha spinto verso un’analisi critica, con le problematicità connesse alla mobilità, e alla frammentazione del territorio al di fuori delle mura.. Sicurezza, abitare, servizi e mobilità, risorse sono i 4 pilastri della strategiadel nostro progetto e che ci hanno aiutato a identificare obiettivi e azioni per concretizzarli. Nella fase di elaborazione degli obiettivi e delle azioni, proprio allo scopo di implementare i dati e le informazioni raccolte da noi tecnici con una risposta sul territorio, abbiamo  iniziato un processo di partecipazione con i cittadini, per riuscire a costruire insieme, indirizzando il contenuto delle azioni in modo più appropriato, e, secondo le priorità e le esigenze della città e del suo territorio”.  Martina Ruini ha anche preannunciato che il work in progress su Camerino, verrà illustrato a Treia nel corso delFestival della Soft Economy, il prossimo 6 luglio. “ Sarà un momento importante per mostrare ai portatori di interessi, tecnici istituzionali e amministratori locali, cosa sta vivendo la città di Camerino in base a quello che i suoi abitanti ci hanno raccontato, nonché la struttura del nostro progetto e gli obiettivi che elaboreremo insieme ai cittadini. A fine luglio arriveremo poi ad una resa progettuale con la presentazione del documento contenente la visione di Camerino e del territorio, per il futuro prossimo e a lungo termine”.

wsr 3

Prima di entrare nello specifico dei tavoli tematici, Alberto Tomasino ha spiegato l’impostazione e l’approccio al centro storico della città, “ La strategia è stata quella di dividere il cuore della città in Unità Urbane, individuando delle fasi. Fase per fase- ha precisato- l’obiettivo è quello di identificare opere che portino al pieno utilizzo degli edifici, sia pubblici che privati, aprire una nuova via d’accesso o via di fuga e un nuovo spazio pubblico. Siamo coscienti che la riapertura del centro non avverrà in tempi brevi – ha continuato- ma la nostra idea è che si possa comunque operare, lavorando parte per parte. Quello che stiamo cercando di realizzare è dunque una sorta di meccanismo a catena, agendo ad ogni fase per Unità Urbane, attaccando il centro storico da più punti e penetrandolo a poco a poco. Quello delle Unità Urbane è l’elemento in più che noi da tecnici aggiungiamo rispetto a quanto indicato dalle ordinanze, per condividerlo con i cittadini. L’ordinanza fornisce una serie di voci e definizioni; secondo il nostro modo di leggere una Unità Urbana è un insieme di Unità Minime di Intervento; a loro volta le Unità Minime di Intervento sono un insieme di Unità strutturali. Le unità strutturali sono riferite ai singoli edifici che, dal punto di vista del flusso dei carichi, hanno una continuità dalla terra al cielo. L’Unità Minima di Intervento  ( concetto simile ma diverso dall’aggregato edilizio che è un insieme di almeno 3 edifici non omogenei, ma in grado di dare una risposta congiunta in caso di evento sismico)  è l’insieme di almeno 3 edifici, dove l’intervento di ricostruzione viene fatto insieme, dal punto di vista della progettazione, dell’affidamento dei lavori e dell’impresa esecutrice. A qualificare l’Unità Minima di Intervento è dunque la possibilità di intervento congiunto dei proprietari sia in fase di progettazione che affidamento lavori e impresa esecutrice. Se poi i proprietari decideranno di operare separatamente l’aggregato edilizio non sarà una Unità Minima di Intervento. Il salto in più che stiamo cercando di fare è quello delle Unità Urbane, cioè un insieme di Unità Minime di Intervento, comprendenti al loro interno oltre agli edifici, anche strade, eventuali piazze e tutta l’infrastruttura pubblica delle reti delle utenze(idriche, fognarie, elettriche,ecc). Questo concetto- ha ribadito- si lega alla nostra strategia il cui obiettivo è di aprire fase per fase, non solo un edificio ma tutto lo spazio circostante, per riuscire a vivere fin da subito quella parte della città Lavorare per Unità Urbane ed Unità Minime di Intervento significa ottenere risultati maggiori sia in termini di tempistiche che economici e prestazionali, riducendo nel contempo la vulnerabilità del centro storico, lavorando insieme su più edifici e ottenendo una maggiore risposta di sicurezza in termini di danno sismico. Le Unità Minime di Intervento sono state perimetrate secondo le indicazioni dell’Ordinanza, per cui noi stiamo perimetrando le Unità Urbane, in base alla presenza di una strada, di un edificio di particolare interesse o di una piazza, la previsione della tipologia cantieri o difficoltà di cantierabilità, la presenza di caratteristiche omogenee di edifici o di attività commerciali. Il lavorare insieme sui perimetri è pertanto utile ad ottenere una definizione la più precisa possibile. Non è una procedura obbligatoria ma una sperimentazione e se questo processo si rivelerà efficace, le prossime normative e ordinanze potranno essere in grado di recepire quanto di buono si riuscirà a realizzare. A nostro avviso si tratta di un approccio legato al buon senso - ha concluso Tomasino-: che l’agire insieme sia un bene per tutti è un dato che non può essere né trascurato, né messo da parte”. Immaginando tre aree distinte del centro storico (l’una da piazza Santa Maria in via al Palazzo delle Esposte, l’altra da piazza San Filippo al Teatro Marchetti e l’ultima da piazza Cavour a piazza San Domenico), sono dunque iniziati i tavoli di lavoro volti  a ridefinire i perimetri delle singole Unità Urbane, con l’individuazione delle eventuali problematiche da risolvere e delle possibili persone da contattare per l’avvio di un processo di ricostruzione. 

Fiastra- Marjuana nella tenda. Nei guai un 28enne

26 Giu 2017
964 volte

Marijuana nella tenda da campeggio. Denunciato giovane perugino di 28 anni E’ quanto accaduto a Fiastra nell’ultimo fine settimana. I Carabinieri della locale Stazione già da qualche giorno avevano ricevuto segnalazioni circa la possibilità della presenza di un gruppo di ragazzi campeggiatori in grado di detenere stupefacenti ai fini di spaccio. Pertanto, a seguito di una specifica azione di monitoraggio dei soggetti accampati nei campeggi del luogo intrapresa nell’immediatezza della notizia e nell’ambito di una più ampia attività antidroga, disposta dal Comando Compagnia di Camerino agli ordini del Capitano Vincenzo ORLANDO, i militari hanno individuato una tenda nei pressi della quale era stato piazzato un cartello con scritta “Fiasterdam” (con chiaro riferimento alla città olandese) ed immediatamente sono risaliti al proprietario, tale D.M. 28enne di Perugia, il quale aveva nascosto alcune bottigliette di vetro avvolte in carta stagnola all’interno del terreno. La perquisizione dei Carabinieri permetteva di rinvenire i contenitori che risultavano contenere complessivamente 50 grammi di Marjiuana, già pronta per lo spaccio. Il giovane è stato quindi denunciato alla Procura della Repubblica di Macerata per detenzione ai fini di spaccio e segnalato alla Prefettura quale assuntore. Sono ancora in corso accertamenti per riscontrare il coinvolgimento di altri giovani campeggiatori in considerazione del fatto che il “Fiasterdam” è risultato anche pubblicizzato sui social.

Tapanelli " richiama " Pasqui: Il consigliere è come un parlamentare.

26 Giu 2017
1659 volte

Tenuto fuori dalla " disfida " tra il sindaco Pasqui e i consiglieri di minoranza sulle dimissioni anticipate e suggerite, il consigliere comunale Pietro Tapanelli, esprime la sua idea su tutto quello che è successo la scorsa settimana dopo l'incandescente consiglio comunale che ha portato il primo cittadino a " radunare " la stampa locale per comunicare le sue opinioni e chiarire gli attacchi che arrivavano dagli oppositori.

Di seguito pubblichiamo il comunicato integrale del consigliere Tapanelli.  

Augurandomi che la polemica tra i colleghi di minoranza e gli altri di maggioranza sia sopita, una cosa va detta a proposito delle dimissioni chieste dal sindaco nei confronti dei consiglieri Trojani, Fanelli e Caprodossi.

Indipendentemente dal merito dell’alterco, ormai analizzato nei dettagli da tutti i vari punti di vista e sul quale non intendo avventurarmi, è doveroso precisare che, politicamente ed istituzionalmente, la richiesta del primo cittadino fatta nei confronti di parte della minoranza è di una gravita inaudita e sbalorditiva, soprattutto alla luce della grande esperienza amministrativa che il sindaco Pasqui può vantare.

Stiamo parlando ovviamente di prassi politico-istituzionale, che forse interesserà a pochi, visto che fa più audience una dichiarazione ad effetto ed acchiappavoti, ma quando ci si muove in un determinato ambito occorre che tutti, soprattutto il sindaco, tengano a mente quali sono le regole di base.

Il consigliere comunale, così come il parlamentare, tanto per fare un paragone un pochettino più elevato, non può, e non deve, ricevere alcuna richiesta di dimissioni da parte dell’apparato esecutivo, in considerazione della diversa natura istituzionale che le due anime amministrative hanno. Il sindaco e la giunta rappresentano, nella separazione dei poteri riconducibile a Montesquieu, l’organo esecutivo, mentre i consiglieri comunali impersonano un piccolo parlamento, titolare del potere legislativo. Solo questo, assistito anche dallo strumento tecnico della mozione di sfiducia, può chiedere le dimissioni (sfiducia, appunto) del sindaco e della giunta. Mai viceversa.

Tanto che non esiste alcuno strumento tecnico, di prassi consiliare o parlamentare, che consenta all’organo di governo di sfiduciare il proprio controllore che è, come detto, il consiglio comunale (o il parlamento, se saliamo al massimo livello nazionale). A corroborare tale assunto va precisato che il sindaco non è un consigliere comunale e gli assessori, se nominati tra i consiglieri comunali, cessano proprio da quest’ultima carica, tranne nei piccoli comuni dove vige un’apposita deroga. Il perché è presto intuibile: l’esecutivo potrebbe scegliere a suo piacimento il proprio supervisore.

Per buona sorte viviamo ancora in uno stato di diritto che consente ad un consigliere comunale di chiedere la sfiducia nei confronti del sindaco e della giunta e che, fortunatamente e spero ancora per molto, mai consentirà il contrario. La sfiducia nei confronti del consigliere la può ottenere solo l’elettore. Come? Non votandolo più.

Pietro Tapanelli – consigliere comunale Art. 1 MDP

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo