Servizio idrico integrato, i sindacati chiedono di accelerare la decisione

Lunedì, 26 Febbraio 2024 13:10 | Letto 267 volte   Clicca per ascolare il testo Servizio idrico integrato, i sindacati chiedono di accelerare la decisione «Basta rinvii. Il tempo è quasi scaduto. I sindacati chiedono di accelerare la decisone in merito al gestore unico del servizio idrico integrato. «Ci auguriamo che il rinvio al 7 Marzo dell’assemblea dei Sindaci dell’AATO 3 precedentemente prevista per il 27 Febbraio ,sia dettato unicamente dalla volontà di sciogliere gli ultimi dubbi rimasti e che in tale sede si possa finalmente arrivare alla concretizzazione di un percorso reale di costruzione del soggetto unico che potrà garantire il mantenimento in house del Servizio Idrico Integrato del nostro territorio - si legge nella nota congiunta di Cgil, Cisl e Uil-. Come sosteniamo da mesi, infatti, si è già perso fin troppo tempo ed ogni giorno che passa ci avvicina alla scadenza delle attuali concessioni, aumentando la probabilità di privatizzazione del bene pubblico acqua con le più volte citate possibili ricadute negative per i lavoratori ma anche per i cittadini in generale».Sottoscritta da a Daniele Principi (Cgil), Rocco Gravina (Cisl), Sergio Crucianelli (Uil), Marco Bracalente (Filctem Cgil), Giuliano Caracini (Femca Cisl) e Manuel Broglia (Uiltec Uil) la nota prosegue ponendo in evidenza che «va dato atto all’attuale presidenza dell’AATO3 di aver impresso un’accelerazione importante rispetto ad una situazione che si stava trascinando infruttuosamente da anni. Proprio per questo motivo oggi è arrivato il momento di concludere la partita visti gli importanti sviluppi a cui si è faticosamente riusciti a giungere nelle ultime settimane che costituiscono finalmente un concreto piano di lavoro . Come organizzazioni sindacali  rappresentative dei lavoratori delle aziende attualmente operative e dei cittadini del nostro territorio, abbiamo da subito partecipato alla discussione sul futuro del Servizio Idrico Integrato sostenendo che, indipendentemente dal modello di società che si sarebbe costruito, la stessa avrebbe dovuto garantire la continuità occupazionale, la salvaguardia del carattere pubblico della gestione, l’abbassamento delle tariffe per l’utenza e la realizzazione degli investimenti necessari per l’ammodernamento della rete. Con questi semplici ma chiari obiettivi a guidare la nostra azione non permetteremo quindi che si perda ulteriore tempo e soprattutto che si utilizzi un settore di importanza fondamentale come l’acqua come terreno di scontro politico/partitico. In questi mesi abbiamo responsabilmente discusso ed ascoltato le posizioni di tutti gli attori in campo consapevoli della complessità della situazione ma oggi che il tempo sta per scadere ed in presenza di ulteriori ed immotivati rinvii ci vedremo costretti ad iniziare da subito un percorso di mobilitazione e di coinvolgimento attivo di lavoratori e cittadini - conclude il comunicato-.  Tutti i protagonisti di questa vicenda, ai vari livelli istituzionali, si sono sempre detti contrari alla privatizzazione del servizio idrico: è arrivato il momento di dimostrarlo con i fatti».
«Basta rinvii. Il tempo è quasi scaduto". I sindacati chiedono di accelerare la decisone in merito al gestore unico del servizio idrico integrato.
«Ci auguriamo che il rinvio al 7 Marzo dell’assemblea dei Sindaci dell’AATO 3 precedentemente prevista per il 27 Febbraio ,sia dettato unicamente dalla volontà di sciogliere gli ultimi dubbi rimasti e che in tale sede si possa finalmente arrivare alla concretizzazione di un percorso reale di costruzione del soggetto unico che potrà garantire il mantenimento in house del Servizio Idrico Integrato del nostro territorio - si legge nella nota congiunta di Cgil, Cisl e Uil-. Come sosteniamo da mesi, infatti, si è già perso fin troppo tempo ed ogni giorno che passa ci avvicina alla scadenza delle attuali concessioni, aumentando la probabilità di privatizzazione del bene pubblico acqua con le più volte citate possibili ricadute negative per i lavoratori ma anche per i cittadini in generale».
Sottoscritta da a Daniele Principi (Cgil), Rocco Gravina (Cisl), Sergio Crucianelli (Uil), Marco Bracalente (Filctem Cgil), Giuliano Caracini (Femca Cisl) e Manuel Broglia (Uiltec Uil) la nota prosegue ponendo in evidenza che «va dato atto 
all’attuale presidenza dell’AATO3 di aver impresso un’accelerazione importante rispetto ad una situazione che si stava trascinando infruttuosamente da anni. Proprio per questo motivo oggi è arrivato il momento di concludere la partita visti gli importanti sviluppi a cui si è faticosamente riusciti a giungere nelle ultime settimane che costituiscono finalmente un concreto piano di lavoro . Come organizzazioni sindacali  rappresentative dei lavoratori delle aziende attualmente operative e dei cittadini del nostro territorio, abbiamo da subito partecipato alla discussione sul futuro del Servizio Idrico Integrato sostenendo che, indipendentemente dal modello di società che si sarebbe costruito, la stessa avrebbe dovuto garantire la continuità occupazionale, la salvaguardia del carattere pubblico della gestione, l’abbassamento delle tariffe per l’utenza e la realizzazione degli investimenti necessari per l’ammodernamento della rete.

Con questi semplici ma chiari obiettivi a guidare la nostra azione non permetteremo quindi che si perda ulteriore tempo e soprattutto che si utilizzi un settore di importanza fondamentale come l’acqua come terreno di scontro politico/partitico. In questi mesi abbiamo responsabilmente discusso ed ascoltato le posizioni di tutti gli attori in campo consapevoli della complessità della situazione ma oggi che il tempo sta per scadere ed in presenza di ulteriori ed immotivati rinvii ci vedremo costretti ad iniziare da subito un percorso di mobilitazione e di coinvolgimento attivo di lavoratori e cittadini - conclude il comunicato-.  Tutti i protagonisti di questa vicenda, ai vari livelli istituzionali, si sono sempre detti contrari alla privatizzazione del servizio idrico: è arrivato il momento di dimostrarlo con i fatti».

Letto 267 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo