Dopo San Venanzio Camerino potrà riavere un'altra chiesa, quella di Santa Maria delle Grazie a Le Mosse.
Ad annunciare la fine dei lavori è il referente dell'arcidiocesi per la ricostruzione, Carlo Morosi: "Abbiamo appena terminato i lavori fatti con l'ordinanza 32 - dice - che prevedeva interventi fino a 300mila euro. I lavori sono stati conclusi oggi e non hanno superato l'importo stimato di circa 300mila euro; siamo infatti riusciti a contenere la spesa sulla stessa cifra, come da progetto".

Un segnale importante per la comunità e per i giovani, come spiega il parroco della città, don Marco Gentilucci: "Si tratta di un grande momento per tutta la comunità di Camerino - dice - anche perchè questa piccola chiesa rappresenterà un luogo d'incontro con uno sguardo importante verso l'Università perchè si trova in una posizione strategica e potrà diventare un luogo dove la pastorale universitaria potrà svolgere le proprie attività e ritrovarsi. Nelle prossime settimane ultimeremo i piccoli lavori - annuncia - riporteremo i banchi e il confessionale, così come le opere d'arte; bisognerà predisporre un sistema d'allarme adeguato e poi riapriremo la chiesa e sarà un momento di festa per tutta la comunità".

GS
MS


6d7f7844 1da6 4dcd bc90 4fe5d2310b3c

e06a103e 0199 41c0 9578 fc8cef105c67

989c9823 d8c3 4581 b403 e8b625bfbfd3
L'incontro di ieri mattina tra il Commissario straordinario Givanni Legnini e il sindaco di Sarnano Luca Piergentili non è stata solo l'occasione per discutere del futuro della frazione di Piobbico, ma anche per fare il punto della situazione sulla ricostruzione.

"La ricostruzione della frazione di Piobbico - dice Piergentili - è stata analizzata nei dettagli valutando le diverse problematiche seguenti alla perizia geologica che ne attesta la sismoinducibilità con conseguente delocalizzazione.

Il Comune ha sostenuto la necessità di ulteriori accertamenti che è stata sostanzialmente accolta dalla struttura commissariale che ha formulato due possibili strade da percorrere, da una parte un supplemento di studi geologici sull’area di frana e dall’altra un progetto completo di valutazione della situazione della frazione con il supporto tecnico operativo della struttura commissariale e di un ateneo universitario  del territorio che costituirebbe una esperienza pilota per la ricostruzione degli agglomerati storici devastati dal sisma".

Soddisfazione, quella espressa dal primo cittadino, per i dati che riguardano le pratiche consegnate e i cantieri aperti: "Mi fa molto piacere dire che il Commissario ha lodato il comportamento della città sulla ricostruzione - prosegue il sindaco - e gli atti posti in essere fino ad oggi. Su circa 1200 pratiche ipotizzate dalle schede Aedes ne sono state consegnate il 25% e abbiamo in corso 53 cantieri, mentre più di 80 sono quelli terminati, per un totale di oltre 19 milioni di euro di finanziamenti. Legnini ha detto che siamo ad un livello superiore rispetto agli altri Comuni del cratere e questo ci riempie di orgoglio".


Un approfondimento sarà pubblicato nell'uscita del settimnale L'Appennino Camerte della prossima settimana

GS
Più di 50 milioni di euro. Ha già superato questa cifra la quota di finanziamenti concessi dallo Stato per la ricostruzione privata nel Comune di San Severino Marche. Sono esattamente 50 milioni 106 mila 950 euro i contributi pubblici elargiti per le 243 pratiche già finanziate a fronte delle 485 presentate e inserite nel portale Domus Sisma 2016.

“Complessivamente sono 242 ancora in attesa di finanziamento ma l’Usr sta procedendo alle verifiche necessarie - sottolinea il primo cittadino settempedano, Rosa Piermattei, che annuncia - Proprio in queste ore è arrivata la conferma di un finanziamento di 3,5 milioni di euro per la ricostruzione di un condominio di via Padre Giuseppe Zampa. Andiamo avanti facendo il possibile per velocizzare le cose. Finalmente stiamo anche accogliendo le prime richieste di contributo che fanno riferimento all’Ordinanza 100, introdotta dal Commissario straordinario alla ricostruzione Giovanni Legnini, e destinata a dare un cambio di marcia alla burocrazia che fino ad oggi è stato il primo vero nemico del ritorno alla normalità”.

Tra le pratiche finanziate, 215 fanno riferimento alla ricostruzione leggera B – C, 26 alla ricostruzione pesante E, 2 alla Ordinanza n. 100.

Sono invece 226 le pratiche già chiuse nel Comune di San Severino Marche. Di queste 183 fanno riferimento alla ricostruzione sisma dei privati,  altre 3 alla ricostruzione di pubblici edifici mentre 40 al cosiddetto Sisma Bonus.
Un doppio inizio quello che ha interessato gli studenti di Sefro.
Con la gioia nel cuore, infatti, l'assessore ai servizi scolastici Stefania Penna stila il bilancio della prima settimana di sucola che non ha significato solo il ritorno sui banchi dopo la pandemia, ma anche e soprattutto il ritorno nella nuova struttura sistemata dopo il sisma.

assessore penna
Stefania Penna

“Abbiamo portato a casa un risultato storico – commenta Stefania Penna -  La scuola Astolfi, che fa parte del comprensivo Strampelli di Castelraimondo, aveva ricevuto un importante finanziamento ministeriale per una pesante ristrutturazione, soprattutto in ottica di sicurezza sismica, ma la sospensione dei lavori a seguito del lockdown ha fatto temere il peggio. Invece, grazie al lavoro di tutti i dipendenti comunali e delle ditte incaricate, siamo riusciti a portare a casa il risultato dell’apertura. Siamo molto soddisfatti, anche perché abbiamo lavorato fianco a fianco con il collega dei lavori pubblici Corrado Carminelli e con i vertici del comprensivo Strampelli, dalla dirigente Spurio alla fiduciaria Belli. Il tutto per offrire ai bambini una scuola nuova, sicura e anche bella.”

Corrado Carminelli, delegato ai lavori pubblici, sottoline come la continuità della amministrazione sia stata fondamentale per raggiungere questo risultato. Il progetto è partito, infatti, con la precedente consiliatura e l’attuale compagine amministrativa lo ha portato a compimento. “E’ il caso classico della continuità delle cose buone - ha detto - . Di solito chi arriva tende sempre a stravolgere ciò che è stato fatto dal predecessore. Invece il nostro impegno, fin dalla campagna elettorale, è sempre stato quello di far crescere e di sviluppare le iniziative che fanno bene al territorio, indipendentemente dal colore politico. Un buon seme necessita sempre di cura e noi abbiamo fatto crescere una pianta rigogliosa. Io stesso, come padre, sono molto soddisfatto dell’opera e del risultato ottenuto che in periodo di lockdown sembrava davvero un miraggio. Non abbiamo fatto alcuna inaugurazione, anche per evitare inutili assembramenti, ma seppur in silenzio abbiamo veramente festeggiato per un risultato storico per tutta la nostra comunità”.

GS
Secondo tavolo di confronto sulla ricostruzione.
Dopo il primo appuntamento di luglio, ieri a Caldarola si è svolto il secondo tavolo di approfondimento voluto dall’amministrazione comunale a cui hanno partecipato il sindaco Luca Maria Giuseppetti, il vice Giorgio Di Tomassi, l’assessore Teresa Minnucci ed il consigliere Giovanni Ciarlantini; per la minoranza presenti i consiglieri Davide De Angelis, Aronne Biondi e Simone Cataldi; e per l'Ufficio Tecnico Comunale il responsabile Spinaci e l'architetto Re.

Al dibattito ha partecipato l'Università Politecnica delle Marche, con l'architetto Marinelli e l'ingegnere Domenella, per discutere ed approfondire lo stato e le prospettive della ricostruzione, anche alla luce delle nuove ordinanze recentemente emanate dal Commissario Straordinario. 

"Sono state evidenziate - come si legge n una nota del Comune - la volontà e la necessità di predisporre quanto prima il Programma Straordinario di Ricostruzione (Psr) per Caldarola, per poi portarlo alla approvazione in Consiglio Comunale".

Consiglio a cui potrebbe partecipare il Commissario Straordinario Legnini che, durante la sua visita a Caldarola, aveva evidenziato la validità del piano programmato dal paese, annunciando di voler essere presente durante l'approvazione in Consiglio, così da poter essere un esempio per gli altri centri terremotati.

"Il PSR - prosegue la nota - prevederà un impianto programmatico generale e la divisione in comparti specifici da approvare successivamente per stralci, in modo tale da velocizzare l'avvio delle attività di ricostruzione, ad iniziare dalla zona del centro storico e dalla “bretella” di collegamento viario, che costituirà un'infrastruttura primaria per il rilancio del paese e permetterà nel contempo di effettuare la cantierizzazione degli interventi in modo più agevole".

GS

Si sono valutate diverse possibilità di sviluppo del tracciato della strada in discorso, mirando ad individuare il percorso migliore sia sotto il profilo ambientale sia sotto quello di minore invasività, ottimizzando i costi relativi.

Nel prossimo mese, inoltre, saranno avviati incontri con tutti i proprietari di immobili siti nei nuclei frazionali, che saranno aperti non solo a coloro che sono interessati dalle perimetrazioni ma anche a quelli esterni al perimetro individuato e già approvato, al fine di concertare anche in questi borghi la migliore strategia possibile per addivenire ad una ricostruzione condivisa e di qualità.
Caldarola si prepara al nuovo anno scolastico e lo fa guardando al futuro, avviando il cantiere nella parte retrostante la struttura ricostruita dopo il sisma.
Già nel giorno del taglio del nastro il sindaco Luca Maria Giuseppetti aveva spiegato cosa sarebbe sorto nella zona esterna, ma i tempi che si sono allungati hanno portato i lavori a cominciare solo nei giorni scorsi.

"Nel progetto iniziale - spiega Giuseppetti - era prevista l'urbanizzazione della zona retrostante la scuola. Poi riflettendoci abbiamo cambiato alcune cose per renderla più idonea ai nostri ragazzi.
Purtroppo i tempi si sono allungati a causa del''affidamento degli incarichi del progetto e delle ditte.
Abbiamo attesto che il lavoro ci venisse accordato e che si potesse rendicontare, e purtroppo a queste lungaggini si è aggiunto il Covid che ci ha portato a cominciare proprio ora. Capisco che avviare un cantiere vicino alla scuola proprio nel momento in cui ricominciano le lezioni non è la scelta migliore, ma purtroppo era l'unica soluzione e bisogna andare avanti perchè si tratta comunque di una parte importante per le nostre scuole.
La zona esterna - spiega - ospiterà quindi un parco giochi per le bambini dell'Infanzia, un orto botanico, un auditorium esterno e un porticato che potrà riparare gli studenti all'ingresso e all'uscita da scuola prima di salire e scendere dai pulmini.
Credo che verrà un bel lavoro - conclude - e che anche i nostri studenti apprezzeranno dal momento che permetterà loro di vivere momenti di condivisione all'aria aperta". 

GS

510a8321 db7f 44f5 abef 38767056cf91

77755cb0 da51 4cb7 8bff 7004c2013ce6
Quella del 24 agosto è una data che ricorderà per sempre momenti che hanno cambato la vita di molte persone. A quattro anni dalla prima delle terribili scosse di terremoto che hanno segnato il Centro Italia è la presidente del Comitato 30 ottobre, Flavia Giombetti, a pensare alle vittime che ci sono state e ai sopravvissuti: "Purtroppo è una data che ci ha segnato - dice - e ha cambiato la vita di molte persone. Noi il 24 di agosto quella scossa l'abbiamo sentita 'di riflesso' perchè l'epicentro e la distruzione sono state ad Amatrice, Arquata e Pescara del Tronto, dove sappiamo che molti hanno perso la vita. Ho avuto modo di parlare con tanti sopravvissuti: madri che hanno perso figli, persone che hanno perso i propri cari e devo dire che davvero non ci sono le parole per descrivere quello che ho provato, io personalmente, parlando con loro. E' una ferita che ogni anno si riapre anche perchè stiamo assistendo al nulla. Sono ferite che restano aperte".

C'è delusione tra i terremotati nell'attendere la ricostruzione tanto annunciata: "Il nuovo Commissario chiede la speranza - prosegue Flavia Giombetti - , chiede ai terremotati di sperare ancora che qualcosa possa avvenire. Da parte nostra posso dire che la speranza, dopo quattro anni, si affievolisce. Sentiamo sempre parlare di burocrazia, ma dietro a questa scusa c'è la vita di tante persone che negli ultimi anni hanno vissuto nelle SAE o, ancora peggio, nei container come a Tolentino". 

Un tema, quello della ricostruzione, che rischia ancora una volta di diventare strumento di campagna elettorale anche per la Regione Marche: "Il rischio lo vediamo - ammette - . Io non vorrei fare polemica su questo, ma il mio pensiero è che di squali ce ne sono tanti. Il sisma è stato ed è anche oggi strumento di campagne elettoriali. Mi dispiace sentire o leggere di persone che solo oggi si spendono per il terremoto come se nulla fosse accauto prima, non si fa la campagna elettorale sulla pelle delle persone, sui paesi che non ci sono più e sugli annunci di chi promette che ricostruirà. I terremotati sono stati utilizzati sempre, in ogni propaganda, questa battaglia non si vince così".

GS
Ussita si prepara per tornare alle urne e scegliere il sindaco che guiderà il paese nei prossimi anni, anche in vista della ricostruzione.
Dopo le dimissioni di Rinaldi prima e di Marini Marini dopo, ora è Guido Rossi l'unico candidato, per il momento, alla carica di sindaco.
"Stiamo valutando le varie possibilità - ha detto ai microfoni di Radio C1...inBlu - . C'è una gran voglia di mettere in moto una macchina ferma da 4 anni, c'è tutto, manca il pilota. Noi abbiamo uno staff pronto a mettersi in moto già dopo le elezioni per tutta la vallata e per la ricostruzione. Tra gli obiettivi anche l'indotto del turismo e i lavori di manutenzione che riguarda gli operai del luogo. Vogliamo preparare il futuro dei nostri giovani attraverso i progetti europei. Anche i giovani hanno voglia di mettersi in gioco e dare il proprio contributo e noi siamo pronti ad accettare questa sfida. Abbiamo anche la fortuna di avere un commissario alla ricostruzione finalmente pratico e volenteroso. E' un binomo di volontà che ci vede comuni".

Rossi ha avuto esperienza nel campo amministrativo alla guida del Comune di Cerveteri: "Ho anche una grossa esperienza militare - ha detto - per il rispetto delle norme e dei regolamenti, ma soprattutto per il rispetto delle leggi che sarà la base fondamentale della ripartenza".

Gli fa eco Giovanni Marronaro, capogruppo della stessa lista, già candidato alle ultime elezioni amministrative: "Il nostro ineteresse è quello di far ripartire la ricostruzione - dice - , pensavamo che ci sarebbe stata più collaborazione con la maggioranza che poi si è dimessa. Oggi ci presentiamo con una lista più forte di quella precedente e credo che abbiamo le carte in regola per fare bene. Nelle aree terremotate ci vogliono coraggio e competenza".

Non conferma, invece, le indiscrezioni che lo vedevano come un possibile candidato, l'assessore regionale Angelo Sciapichetti: "La candidatura deve nascere dal basso e dai territori - ha detto - , non può venire dalla stampa. Le sfide sono sempre accetabili, ma ad oggi non c'è alcuna candidatura, poi non sappiamo cosa ci riserverà il futuro".

Carla Campetella
Giulia Sancricca

*Nella foto a sx Angelo Sciapichetti, a dx, con i libri in mano, Guido Rossi
Doveva servire a ripopolare un centro storico ferito dalle crepe tangibili del sisma e da quelle che ancora esistono nel cuore dei suoi abitanti.
Il Restart Festival, organizzato dalla Pro Loco di Caldarola e che ormai da due fine settimana sta ottenendo un successo inaspettato nella partecipazione, ha raggiunto i suoi obiettivi e prosegue sull'onda del successo con i prossimi appuntamenti che andranno avanti fino al 30 agosto.

Dopo l'inaugurazione della mostra "Caldarola a porte aperte" che, attraverso le foto installate nelle vie del centro storico permette di rivivere le bellezze del paese prima del sisma, per due sabati sera piazza Cavallotti è stata colmata dalla curiosità e dalla partecipazione di un pubblico attento ed orgoglioso di trovarsi nella magia di quei luoghi senza tempo, la cui bellezza riesce comunque a colmarne i graffi del sisma.

La soddisfazione è soprattutto degli organizzatori: il team della Pro Loco, guidato da Daniele Piani, esprime l'entusiasmo attraverso le parole del suo presidente: "Siamo sempre stati cauti - dice - perchè sapevamo che, organizzare questo festival in un momento storico difficile come quello del Covid, dove la maggior parte degli eventi vengono annullati, non sarebbe stato facile. Abbiamo sempre avuto la consapevolezza che il calendario prevede una serie di eventi diversi da quelli che solitamente hanno animato Caldarola e non sapevamo che risposta ci sarebbe stata da parte del paese ma anche da parte del pubblico proveniente da fuori, invece possiamo dire di essere soddisfatti su entrambi i fronti. Sabato 4 luglio gli spettatori sono arrivati da Jesi, Osimo, Numana, Ancona per assistere al concerto del 'Violino delle Marche' che ha davvero portato letizia tra il pubblico.

107101064 1472000446324818 2984880832016090274 o

Sabato scorso - prosegue Piani - altro grande successo con i Sambene che hanno cantato De Andrè. Ascoltare i brani del cantautore genovese dalla voce di due donne, in acustico, è stato davvero emozionante ed il pubblico lo ha percepito. Siamo davvero contenti".

Non solo buona la prima, dunque, per un festival in cui gli organizzatori hanno scommesso nella voglia di fare e nell'amore per il proprio paese e sono stati ripagati.
Ora si prosegue sabato prossimo, solita location, alle 21.15, con una serata dedicata al folklore che avrà tra gli ospiti 'Li matti de Montecò'.

Di fronte ad un altro momento difficile che Caldarola si trova ad affrontare, hanno ancora una volta vinto la voglia di fare, di accogliere e di credere che le bellezze di questo paese vadano valorizzate, per permettere che siano proprio esse stesse a dar vita alla rinascita.

Giulia Sancricca

107698198 1482065971984932 7676276980745346136 o

107700649 1482064341985095 457662799770062012 o


Venne ricostruito dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale, nel 1944, e il sisma del 2016 lo mise di nuovo a dura prova, ma il Torrione di San Catervo è di nuovo pronto a mostrarsi alla sua Tolentino in tutto il suo splendore, tornando ad essere uno dei simboli della città.
Tutto pronto, infatti, per l’inaugurazione e la consegna ufficiale del ponte di via Nazionale, del Torrione di San Catervo e del nuovo impianto di illuminazione dei due monumenti.

Sabato prossimo, alle 21.30, sarà tagliato il nastro, sarà accesa la nuova illuminazione e dopo la benedizione e saranno illustrati gli interventi di restauro che hanno interessato sia il ponte che lo storico Torrione.

Nel 1880 venne costruito il ponte denominato di San Catervo, che attraverso via Nazionale consente di entrare nel centro città, mutando la viabilità cittadina in quanto un tempo l’accesso avveniva attraverso Porta Marina. Fu bombardato e ricostruito alla fine della seconda guerra mondiale dalle truppe tedesche in fuga.

ponte san catervo bombardato 1944 foto giancarlo leggi
Il ponte bombardato (Foto Giancarlo Leggi)

ponte san catervo bombardato 1944 2 foto giancarlo leggi
Il ponte bombardato (Foto Giancarlo Leggi)

Il Torrione d’angolo chiamato di San Catervo faceva parte delle antiche mura castellane, oggi in quel tratto abbattute. Si erge sulla sommità di un poggio a difesa di un vasto terreno circostante. Come spiega Giorgio Semmoloni "la scarpa è in cotto e arenaria in fasce alterne, circondata da un cordone pure in cotto, dal quale si leva il corpo della costruzione sormontata da merlature. Il Torrione fu scelto dal Barone Federico Bianchi, nel corso della Battaglia di Tolentino del maggio 1815 quale sede del comando austriaco".
Il Ponte di via Nazionale è stato interessato da lavori di ristrutturazione e rifacimento delle passarelle pedonali: il progetto è stato curato da Ado Gabrielli ed i lavori sono costati circa 400 mila euro. Il Torrione di San Catervo, invece, è stato ristrutturato a seguito dei danni causati dal sisma del 2016 che aveva anche fatto cadere alcuni merli oltre a provocare problemi strutturali: il progetto è di Roberto Felicetti per circa 200 mila euro di lavori.

"La riqualificazione dell’illuminazione architettonica - si legge in una nota del Comune - è stata resa possibile, per la progettazione e la realizzazione, grazie al contributo di Fabrizio Mancini e Marco Pascucci. Sponsor tecnico per la fornitura dei materiali IGuzzini Illuminazione".

GS

torrione san catervo danneggiato sisma
Il Torrione danneggiato dal sisma

torrione s catervo
Il Torrione oggi

Pagina 1 di 16

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo