Contratto di sviluppo aree sisma. Patassini: "I fondi siano assegnati in base al danno"

Mercoledì, 23 Giugno 2021 12:57 | Letto 219 volte   Clicca per ascolare il testo Contratto di sviluppo aree sisma. Patassini: "I fondi siano assegnati in base al danno" I Fondi del contratto di sviluppo per le aree del sisma del 2016, risorse determinanti per la rinascita dei territori colpiti dal terremoto. L’Onorevole Tullio Patassini, deputato maceratese della Lega, chiede al ministro per il Sud e per la coesione Mara Carfagna che tali risorse siano ripartite sulla base del danneggiamento subito dai singoli territori. “I contratti istituzionali di sviluppo sono una grande opportunità per tutto il territorio del Centro Italia e soprattutto per le Marche che hanno subìto la maggioranza dei danni conseguenti al terribile terremoto del 2016”, riferisce Patassini –. Trattandosi di una gestione dei fondi pubblici in base a determinati criteri, abbiamo inviato un’interrogazione al ministro Carfagna affinchè questi fondi vengano redistribuiti non in base equitativa, come abbiamo letto da alcuni articoli di stampa che ci hanno preoccupato. Noi chiediamo che queste somme, nel rispetto delle regole e di tutti i territori, vengano assegnati e distribuiti in base al danno che ogni territorio ha avuto, questo per far sì che tutti i territori possano crescere e ripartire dal punto di vista socio-economico in maniera eguale”. In dettaglio, le risorse ammontano a 160 milioni di euro a cui potrebbero aggiungersi altri 50 milioni grazie ai risparmi ottenuti dalla Camera dei Deputati.A fronte di un danneggiamento che oscilla tra gli 85 comuni delle Marche ai 13 del Lazio, passando per i 15 o 16 di Umbria e Abruzzo- conclude Patassini - è evidente che criteri diversi dall’impatto percentuale impedirebbero al CIS di perseguire le sue stesse finalità”.Marco Morosini
I Fondi del contratto di sviluppo per le aree del sisma del 2016, risorse determinanti per la rinascita dei territori colpiti dal terremoto. L’Onorevole Tullio Patassini, deputato maceratese della Lega, chiede al ministro per il Sud e per la coesione Mara Carfagna che tali risorse siano ripartite sulla base del danneggiamento subito dai singoli territori.

“I contratti istituzionali di sviluppo sono una grande opportunità per tutto il territorio del Centro Italia e soprattutto per le Marche che hanno subìto la maggioranza dei danni conseguenti al terribile terremoto del 2016”, riferisce Patassini –. Trattandosi di una gestione dei fondi pubblici in base a determinati criteri, abbiamo inviato un’interrogazione al ministro Carfagna affinchè questi fondi vengano redistribuiti non in base equitativa, come abbiamo letto da alcuni articoli di stampa che ci hanno preoccupato. Noi chiediamo che queste somme, nel rispetto delle regole e di tutti i territori, vengano assegnati e distribuiti in base al danno che ogni territorio ha avuto, questo per far sì che tutti i territori possano crescere e ripartire dal punto di vista socio-economico in maniera eguale”.

In dettaglio, le risorse ammontano a 160 milioni di euro a cui potrebbero aggiungersi altri 50 milioni grazie ai risparmi ottenuti dalla Camera dei Deputati.

"A fronte di un danneggiamento che oscilla tra gli 85 comuni delle Marche ai 13 del Lazio, passando per i 15 o 16 di Umbria e Abruzzo- conclude Patassini - è evidente che criteri diversi dall’impatto percentuale impedirebbero al CIS di perseguire le sue stesse finalità”.



Marco Morosini

Letto 219 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo